Australian Open, l'ottimismo di Tiley: "A breve i dettagli"

Australian Open

Australian Open, l’ottimismo di Tiley: “A breve i dettagli”

Il CEO di Tennis Australia sta definendo con le autorità locali le modalità per far allenare i giocatori in quarantena. Il torneo potrebbe iniziare il primo febbraio, con le qualificazioni all’estero. E si parla addirittura di biglietti per il pubblico

Pubblicato

il

 

Ci siamo quasi, potremmo sintetizzare leggendo la nota di Craig Tiley. Il CEO di Tennis Australia parla di dettagli in via di definizione con lo Stato di Victoria per dare il via all’operazione Australian Open 2021. “Siamo anche in costante contatto con ATP, WTA, i giocatori e i loro team – si legge nella nota -, per valutare come si possa conciliare un programma di allenamento in sicurezza con le condizioni di quarantena proposte dal governo locale“. Nell’interazione che va avanti da tempo con le autorità australiane – il cui consenso formale rimane essenziale – Tennis Australia ha tenuto a precisare come un elevato standard di protezione dai contagi (per chi arriva, ma anche per la comunità di Melbourne) rimanga il punto di partenza imprescindibile. A breve, si legge in conclusione, verranno annunciate anche le eventuali modalità di apertura al pubblico e di vendita dei biglietti. Una prospettiva difficile da immaginare anche solo fino a pochi giorni fa.

SLITTAMENTO – La certezza rimane l’impossibilità di far partire il primo Slam dell’anno nella data prevista (18 gennaio), visto che l’Australia dovrebbe consentire gli arrivi dei giocatori – soggetti poi a quarantena di due settimane – solo a partire dai primi giorni del nuovo anno (si parla di venerdì 8 gennaio per i primi atterraggi). Scongiurata a questo punto l’ipotesi della cancellazione del torneo circolata all’inizio della scorsa settimana, prende sempre più piede la data del primo febbraio come riferimento sul quale orientarsi anche (di riflesso) per la definizione dei primi tre mesi del calendario ATP. Come riportato dai quotidiani australiani, sarebbe in dirittura d’arrivo l’accordo per consentire ai giocatori di allenarsi nei giorni che dovranno trascorrere in quarantena, senza mai bucare le bolle che verranno organizzate per garantire il loro isolamento (unico spostamento consentito quello tra i due o tre hotel e i campi di Melbourne Park).

NELLA BOLLA – Tra le sedi scelte dall’organizzazione dovrebbe esserci il Crown Promenade di Southbank, destinato a diventare un vero e proprio hub per la quarantena “attiva” dei tennisti (da capire se a uso esclusivo). Da quanto emerso dalle trattative tra Tennis Australia e le autorità sanitarie, non sarà ammessa la possibilità per i giocatori di prendere in affitto case private a loro spese. Opzione quest’ultima che è stata invece autorizzata allo US Open, dove Serena Williams e Novak Djokovic sono stati tra i pochi ad usufruirne (dovendo farsi carico anche dei costi per la sicurezza, non garantita al di fuori degli hotel ufficiali). La logistica a Melbourne si concentrerà quindi nelle sole sedi individuate dall’organizzazione e ogni spostamento dei giocatori e dei loro staff avverrà in assenza di contatti con soggetti esterni.

QUALI ALL’ESTERO – Tra i dubbi da sciogliere ci sono anche quelli riguardanti il percorso di avvicinamento all’Happy Slam, a partire dal ‘problema’ qualificazioni. Stando a quanto appreso da Marca, si starebbe ragionando in questi giorni di delocalizzarle in altri Paesi nella prima settimana di gennaio. L’obiettivo sarebbe far arrivare così in Australia solo i giocatori ammessi ai tabelloni principali, per ridurre il traffico in entrata e la presenza nelle bolle. Singapore, Dubai o Doha potrebbero essere le sedi prescelte, per poi far salire su un volo per Melbourne a partire dall’8 gennaio solo chi sarà riuscito a conquistare l’accesso al main draw. Una soluzione complicata, ma che consentirebbe di tenere in vita le qualificazioni a differenza di quanto accaduto in estate per un’altra bolla, la prima della storia, quella di Flushing Meadows.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash3 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria2 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza5 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Sorpresa Sonego, Sinner vince e convince, Musetti riprova a battere Djokovic”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement