Anche la WTA annuncia il calendario 2021

Flash

Anche la WTA annuncia il calendario 2021

Si parte il 5 gennaio ad Abu Dhabi. Le qualificazioni dell’Australian Open si terranno a Dubai (10-13 gennaio)

Pubblicato

il

Con il consueto piccolo ritardo rispetto all’ATP, anche la WTA ha rilasciato il calendario relativo alle prime sette settimane del 2021. L’inizio è previsto per il 5 gennaio, esattamente come per i colleghi maschi, con il WTA 500 di Abu Dhabi. Questo torneo è riservato alle tenniste non impegnate nelle qualificazioni dell’Australian Open, che si terranno a Dubai dal 10 al 13 di gennaio, andando dunque a coincidere con le fasi finali del primo torneo stagionale.

Le giocatrici voleranno poi in Australia dove dovranno sottoporsi alle due settimane di quarantena obbligatorie, per poi poter prendere parte a uno dei due WTA 500 programmati nella prima settima di febbraio a Melbourne Park, in concomitanza con due ATP 250. Sarà poi la volta del primo Slam dell’anno, che si disputerà dall’8 al 21 febbraio. Nella seconda settimana dell’Australian Open (15-21 febbraio), la WTA ha programmato un torneo 250 per permettere alle tenniste eliminate nei primi turni di giocare (e dunque guadagnare) per tre settimane consecutive.

Per quanto riguarda i tornei post Australia, la WTA non si è sbilanciata e ha affermato di star monitorando la situazione. Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare aggiornamenti almeno per quanto riguarda il Sunshine Double, sul quale aleggiano ancora forti dubbi.

 

Protocolli Australian Open 2021

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Rotterdam senza pubblico: i biglietti venduti per il 2021 saranno validi nell’edizione 2022

La situazione epidemica non permetterà ai tifosi di stare sugli spalti per la 48° edizione del torneo olandese. Wawrinka, Medvedev e Sinner dovrebbero partecipare

Pubblicato

il

Rotterdam (foto via Twitter, @abnamrowtt)

Sono mesi delicati quelli che il circuito ATP (ma anche quello WTA) dovrà affrontare da metà febbraio in poi. Fino ad allora i riflettori saranno puntati sull’Australia, dove i giocatori stanno già arrivando tramite i voli charter e presto si giocherà, sotto rigidissimi protocolli anti-Covid. La situazione pandemica è però in continua evoluzione in Europa e nonostante le speranze instillate dalla campagna vaccinale, la primavera sarà un periodo molto critico con possibili peggioramenti. In ambito tennistico sono tanti i tornei in programma in quelle settimane, in cui si giocherà anche sui campi indoor.

L’ATP 500 di Rotterdam fa parte di questa categoria. La città ospiterà la 48esima edizione dell’ABN AMRO World Tennis Tournament, in programma dall’1 al 7 marzo secondo il calendario pubblicato dall’ATP che dovrebbe assicurare lo svolgimento dei tornei elencati fino a Miami.

Al momento, il torneo ha fatto sapere tramite un comunicato che considerando lo stato attuale dell’epidemia è sempre meno plausibile che ci sia un pubblico sugli spalti nell’ATP 500 olandese. Perciò il torneo si è portato avanti e ha annunciato che tutti i biglietti già venduti per l’edizione 2021 saranno validi per l’anno prossimo. Nomi importanti saranno presenti a marzo in Olanda: Wawrinka, Medvedev Rublev, Nishikori, Goffin e anche il nostro Jannik Sinner. Poco probabile che Roger Federer scelga di partecipare in occasione del suo rientro nel Tour, nonostante abbia fatto sempre abbastanza bene a Rotterdam.

 

Il calendario ATP 2021

Continua a leggere

Flash

Nadal in Australia senza Moya (ma con Marc Lopez)

Rafa è arrivato ad Adelaide: il suo team per la trasferta è composto da Roig, Maymò, Costa, Barbadillo e dal padre Sebastià. Con lui anche l’antico compagno dell’oro a Rio

Pubblicato

il

Rafa Nadal, insieme ai colleghi in cima al ranking Novak Djokovic e Dominic Thiem, è dunque giunto ad Adelaide, con un volo da Barcellona-via-Doha noleggiato da Tennis Australia. Sarà la sua base per la fase 1 di avvicinamento al primo Major stagionale, accolto nella bolla extra-lusso progettata per i tennisti famosi, divisi dai colleghi comuni in seguito al rifiuto del Westin Hotel Melbourne di accogliere in loco l’intera comitiva.

Approfittando dei posti rimasti liberi sotto la famosa soglia dei Mille complessivi autorizzati a recarsi down under per l’evento, e sobbarcandosi il non insormontabile problema di pagare di tasca propria vitto e alloggio agli accompagnatori eccedenti i due garantiti dall’organizzazione, Rafa sarà accompagnato da una brigata non meno numerosa rispetto all’ordinario. Negli scorsi giorni il venti volte campione Slam ha dovuto accettare il “no” del coach in prima Carlos Moya, indisponibile a passare un mese in Australia lontano dagli affetti, considerato il periodo tanto complicato. “Dopo averne discusso con Rafa ho deciso di non seguire il team, e guarderò il torneo da casa – ha fatto sapere Moya -. A causa della pandemia il momento in Spagna è molto difficile, preferisco restare con mia moglie e i ragazzi“.

 

Nadal sarà comunque circondato dalla gran parte dei suoi collaboratori: Francisco Roig – allenatore unico per l’occasione -, il fisioterapista Rafael Maymó, l’agente Carlos Costa, il responsabile della comunicazione Benito Barbadillo e papà Sebastian fanno tutti parte della nutrita spedizione. Spedizione che, notizia delle ultime ore, comprende anche Marc Lopez, convocato per vestire i panni dello sparring partner. Lopez, che insieme a Nadal ha vinto cinque titoli di doppio tra i quali spicca l’oro alle Olimpiadi di Rio 2016, tornerà alle competizioni proprio all’Australian Open dopo un’annata trascorsa ad allenare Feliciano Lopez, in coppia con Pablo Carreno Busta e favorito dal ranking protetto.

La presenza del doppista catalano non esclude quella di Jannik Sinner, partner designato per il training in confinamento di Nadal, il cui arrivo ad Adelaide è stato confermato in mattinata da Riccardo Piatti in persona.

Continua a leggere

Flash

L’ITF Coaching and Sport Science Reviews parla italiano, con il Sigma Test di Buzzelli

Nel suo ultimo numero, la rivista “ITF Coaching and Sport Science Reviews” ha pubblicato l’articolo scientifico di Salvatore Buzzelli sul suo metodo di valutazione della resistenza organica specifica del tennista, che coinvolge anche l’aspetto attentivo

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Vincenzo Santopadre (via Twitter, @UTShowdown)

Non è solo in campo agonistico, grazie ai risultati di Berrettini, Fognini, Sinner e soci, che l’Italia si fa apprezzare a livello di tennis mondiale. Nel numero dello scorso dicembre, la “ITF Coaching & Sport Science Review”, la rivista della Federazione Internazionale che di occupa di tennis coaching e di scienza dello sport, ha pubblicato l’articolo accademico di Salvatore Buzzelli sul suo innovativo metodo di valutazione della resistenza organica specifica di un tennista, il “Sigma Test”. Edita dal 1993, la rivista pubblica trimestralmente dieci articoli scientifici relativi alle diverse discipline correlate alla teoria e alla metodologia dell’allenamento nel tennis, che devono rispettare le guidelines di pubblicazione ed essere approvate dal Comitato di redazione.

Nativo di Castel di Sangro ma ormai bolognese d’adozione, Salvatore Buzzelli, noto preparatore atletico – in campo tennistico ha lavorato con Camporese, Narducci e Garbin – ma soprattutto ricercatore e metodologo dell’allenamento e della preparazione atletica (lo scorso anno su Ubitennis abbiamo pubblicato le recensioni dei suoi due ultimi libri “Tennis – La nuova scienza della preparazione fisica” e “Manuale fondamentale di preparazione fisica per il tennis”), con il “Sigma Test”, ha voluto definire un metodo di valutazione della resistenza organica che fosse specifico per il tennista, tenendo in considerazione nell’esecuzione – replicando quanto avviene durante la prestazione agonistica-  sia l’aspetto metabolico sia l’aspetto attentivo, cosa che lo contraddistingue dagli altri test.

 Il “Sigma Test” si svolge effettuando spostamenti di corsa specifica, coinvolgendo anche la capacità di attenzione e di mantenimento della concentrazione. L’atleta, infatti, deve spostarsi ad un determinato ritmo, con corse “a navetta” (andata e ritorno), da un punto centrale verso uno dei cinque target posti a semicerchio alla distanza di 5,50 metri dallo stesso, associati a cinque diversi segnali (tre visivi e due sonori). Il test, che deve durare almeno tre minuti, termina quando l’atleta non riesce più a seguire il ritmo impostato. Una volta che l’atleta porta a termine la prova, l’allenatore (consultando le tabelle definite nel metodo) dispone di tutta una serie di dati sul suo atleta (come i metri percorsi, la velocità di fine test, il VO2max teorico), mediante i quali può impostare un allenamento personalizzato, in linea con le capacità motorie e metaboliche che vuole sviluppare nell’atleta.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement