Le profezie del Mago Ubaldo 'colpiscono' tutti: Federer, Djokovic, Nadal, Thiem, Sinner e Berrettini, Serena Williams, Trevisan

Editoriali del Direttore

Le profezie del Mago Ubaldo ‘colpiscono’ tutti: Federer, Djokovic, Nadal, Thiem, Sinner e Berrettini, Serena Williams, Trevisan

Le predizioni di un anno fa… buone per più di metà. Come andrà il 2021 anche per Medvedev, Tsitsipas, Zverev, Rublev, Murray, ATP Cup, Davis Cup, Osaka, Barty, Azarenka. Chi si ritirerà? Le finali ATP di Torino e l’italiano che le giocherà

Pubblicato

il

 

Cari amici di Ubitennis, questo 2020 che ci deve soltanto chiedere scusa, ma che finalmente se ne è andato, stava per darvi l’ultima brutta notizia! Quale peggiore dell’improvvisa e inattesa scomparsa del Mago Ubaldo, l’unico Mago che davvero capisca di tennis?

Ma, cercate di capire, lo stress procurato da questo orribile 2020 è stato duro, durissimo anche per lui. Si dirà “mal comune mezzo gaudio” perché nessun Mago  – ma proprio nessuno e neppure il leggendario Nostradamus –  aveva previsto la pandemia, nessun oroscopo lo aveva accennato, però per lo smisurato orgoglio del vanitoso Mago Ubaldo rendersi conto di aver fatto pronostici anche per i sei mesi in cui non si è giocato, è stato un colpo troppo duro per assorbirlo come se nulla fosse.

È anche vero, a sua parziale discolpa, che invece di leggere il futuro in una palla di vetro come fan tutti, il mago Ubaldo lo fa in una buffa improbabile insalatiera d’argento d’inizio secolo scorso chiamata, chissà perché, Davis. Chiunque può intuire quanto sia più difficile vederci attraverso, dopo che già un anno fa si era di colpo incredibilmente appannata per colpa di un signore spagnolo, quindi señor, abituato a muoversi con dei tacchetti sotto le scarpe e a lavorare con i piedi, mica con con braccia e mani come fan tutti i tennisti, tal Piquè, probabilmente – dato il passaporto e le prime dichiarazioni – più esperto di padel che di tennis.

 

Comunque alla fine, pur respirando a fatica, ossigenazione a 92, il Mago non è voluto mancare all’appuntamento. Molti colleghi del Mago Ubaldo sono diventati famosi

  • interpretando il passato sulla base di indizi colti con spregiudicata furbizia
  • sbilanciandosi il meno possibile e con la maggior vaghezza possibile (Nostradamus)
  • dando risposte sibilline (appunto come la Sibilla cumana) che consentono mille scappatoie nel caso che non si verifichi quanto predetto
  • sfuggendo a qualsiasi confronto con le proprie precedenti profezie onde non perdere di credibilità nei casi di predizioni clamorosamente sbagliate.

Ma il Mago Ubaldo è unico fra tutti i maghi perché è intellettualmente onesto e non si fa condizionare da quei comportamenti che i suoi colleghi truffaldini e senza scrupoli hanno invece sposato.

Cominciamo dal confronto con le 40 profezie di un anno fa.

Quelle azzeccate, interamente o quantomeno parzialmente se all’interno della stessa profezia c’erano più predizioni, sono state la n.1, 2, 5, 7, 8, 10, 11, 12, 13, 15, 16, 19, 20, 21, 25, 26, 27, 28, 30, 32, 33, 34, 37, 38, 40. Se non erro 25 su 40. Poiché Mago Ubaldo non è un Mago vigliacco che rifugge dai grandi rischi, aver azzeccato più previsioni della metà, e averne mancate alcune altre solo per colpa della pandemia che ha cancellato alcune gare – come le NextGen per le quali avevo previsto una wild card per Musetti sulla scia di Sinner – è un bilancio positivo, cioè negativo, cioè positivo, uffa negativo… insomma, che si deve dire per dire ‘buono’ in questa maledetta epoca Covid?!?

Certo le circostanze Covid mi hanno favorito nell’indovinare la prima, “Federer non perderà più partite con il matchpoint a favore!” – Ne ha giocate così poche… – o la quinta, “Nadal non risponderà più male a Scanagatta che starà molto più attento nel porre le sue domande in modo da non essere equivocato”. Ci siamo visti così poco e gli ho potuto fare domande solo via Zoom quando… mi concedevano di farle! O la settima, “Scanagatta si ingegnerà per fare rispondere a Djokovic un altro ‘not too bad’” perché il primo che si diverte a dirmi “Not too Bad!” è proprio Nole! Insomma, era troppo facile! Vabbè lasciatemene riprenderne altre, anche se rischio che non andiate a cliccare su quel link delle previsioni dello scorso anno e allora e il direttore di Ubitennis se la prenderebbe con me! Ma conto sulla vostra innata e malevola perfidia, sulla vostra maligna curiosità per andare a vedere le profezie sbagliate e pescare il Mago in flagranza di reato. Quindi secondo me quel clic lo farete ugualmente.

Però siate onesti. Se il Mago ha scritto che Sinner sarebbe salito a n.16 del mondo, proprio come accadde a Djokovic l’anno dopo il suo primo grande balzo, beh il Mago si arroga il diritto di vantarsi di averlo indovinato! Sinner sarebbe entrato effettivamente fra i primi 20 se l’ATP non avesse regalato i punti conquistati nel 2019 anche per il 2020 a un sacco di giocatori che nel 2020 hanno fatto poco o niente.

Poi ci sono quelle previsioni multiple tipo “I top 5 uomini saranno Djokovic, Tsitsipas, Medvedev, Nadal, Thiem” e “Le 5 top donne saranno: Andreescu, Osaka, Barty, Halep, Bencic”…che insomma, avendo predetto giusti quattro uomini su cinque (con Tsitsipas che è n.6 invece di n.5 che è rimasto Federer a dispetto del fatto che lo svizzero ha giocato soltanto fino a Dubai… e secondo me non vale!) e le prime tre donne su cinque va considerato una profezia andata a buon fine. Vabbè, si sa che io sono di parte. Le prime tre, Barty, Halep, Osaka c’erano tutte, e non invece Kenin e Svitolina.

Il mago non va forte su virus e infortuni: è stato tradito da Andreescu sempre rotta e da Bencic che anche lei quanto a infortuni non scherza mai. Il Mago resta orgoglioso e fiero di aver profetizzato a fine 2019 quanto segue: “Berrettini farà fatica a confermarsi n.8. Il calcolo delle probabilità, dopo che per 41 anni nessun italiano ce l’aveva fatta a qualificarsi per le finali ATP, è contro di lui. Però non si dovranno aspettare altri 41 anni. E poi è più importante che Matteo ci riesca nel 2021, l’anno di Torino quando Federer difficilmente sarà ancora in ballo, e chissà se lo sarà Nadal. Gli anni passano per tutti. Restare top-ten sarebbe già un bel successo. Al suo posto firmerei”. Beh, da umile cronista quale sono confesso la mia impreparazione: non ricordo se Matteo avesse firmato. Dico però che alla fine gli è andata bene. Ok, allo US open ha perso in ottavi invece che in semifinale come l’anno prima, ma mica è colpa sua se si è imbattuto così presto in un Rublev che è il tennista ad aver fatto i più grandi progressi rispetto al 2019.

Di queste altre profezie anche il Mago, sia pur sommessamente, mi ha rivelato d’essere piuttosto soddisfatto: “Lorenzo Sonego tornerà fra i top 50 anche se non potrà fare il bis di Antalya” e “Musetti e Zeppieri si avvicineranno ai top 100. Fra i 120 e i 150?”. Beh insomma, qui ci ha azzeccato solo a metà: Musetti è 128, e invece Zeppieri è solo 324. Non c’è tutta questa differenza di quasi 200 posti. Lo dicono anche i risultati dei confronti diretti. Però è vero che qui il Mago invece di limitarsi a leggere nell’insalatiera opaca, si è lasciato andare in giudizi tecnici che non gli competono. Troppo presuntuoso!

Sulla predizione seguente:  “Serena Williams non riuscirà a vincere uno Slam e eguagliare Margaret Court. Il Mago Ubaldo se l’è legata al dito per essere stato tradito da lei nel corso di due finali Slam dopo che l’aveva pronosticata vittoriosa in almeno una prova” beh, il Mago non ci ha fatto una bella figura a gufare contro la povera Serena, solo per vendicarsi del precedente pronostico sbagliato.

Vabbè, potrebbe bastare così nell’autocitarsi e lodarsi, però il narcisismo del Mago Ubaldo è tale che non riesce a contenersi e mi ha ricordato queste altre sue previsioni. “Il campionato di serie A maschile vedrà protagoniste le squadre genovesi, Park e TC, e il Selva Alta”; ammettetelo, questa è da Oscar! E questa: “Il TC Country Time Club, con il suo attivissimo direttore Oliviero Palma, farà una disperata corte a Maria Sharapova perché vada a giocare il Ladies Open di metà luglio, ma la Venere siberiana insisterà nel chiedere la luna e non se ne farà di nulla, anche se lei rispetto ad altre star non andrà comunque a Tokyo”. E quest’altra: ”Il giocatore che entrerà per la prima volta tra i top-ten sarà Denis Shapovalov”. Quindi “Le delusioni Serena Williams e/o Pliskova”, “La giocatrice top 20 che deluderà: Angie Kerber”, “Per il tennis maschile italiano sarà un altro anno d’oro. Potremmo chiuderlo con tre top 20”.

Ragazzi, applausi, il Mago Ubaldo aveva chiuso il 2019 in bellezza!

Ora (dopo 8233 caratteri già scritti!) arriva il difficile però, con le profezie per il 2021. Il Mago me le ha mandate scritte subito dopo Natale. Io mi limito a copiare e incollare, estrapolando soltanto la prima – perché si è già verificata! “Roger Federer non si sogna neppure di andare a chiudersi per due settimane in un hotel di Melbourne, senza Mirka, gemelli/gemelle, lo stuolo di baby sitter e il cuoco, rischiando di sentire la bua al ginocchio per trovarsi su un campo bruciato dal sole con 40 gradi all’ombra e l’indomani, nel caso più sfortunato, già sull’aereo di ritorno. A quasi 40 anni? Mica è matto!

Roger Federer in allenamento (foto via Twitter @rogerfederer)

Adesso sotto con le altre 44

  1. Novak Djokovic, se Medvedev non si troverà sulla sua strada, vincerà il suo nono Australian Open perché già soffre di malcelata invidia nel sopportare i 13 trionfi di Nadal nello stesso Slam, ma non sopravviverebbe all’eventuale circostanza di un Federer vincitore di Wimbledon per la nona volta. Soltanto vincendo a Melbourne Nole si metterebbe al riparo. Sarà più determinato che mai e super-attento a non lanciare pallate in alcuna direzione. Estroverso com’è soffrirà più nei primi turni che alla fine: all’inizio la reclusione in solitario in albergo gli peserà tantissimo.
  2. Rafa Nadal non vincerà il 14° Roland Garros. A fermarlo potrebbe essere Jannik Sinner… ma a vincere il torneo sarà Dominic Thiem.
  3. Dagli attuali top-10 usciranno Federer e Schwartzman
  4. Federer non raggiungerà i 109 titoli (fake peraltro…) attribuiti a Jimbo Connors.
  5. Tuttavia, Federer riuscirà a vincere almeno un torneo, forse due, anche se minori (Basilea?)
  6. Farà (nuovamente) irruzione tra i top-ten Shapovalov e un tennista italiano. Aliassime continuerà a balbettare.
  7. Thiem, almeno per un certo periodo, salirà a n.2
  8. Nei top-ten di fine anno ci saranno due italiani…
  9. …ma nelle finali ATP di Torino giocherà un solo italiano, un altro sarà riserva.
  10. Jannik Sinner centrerà almeno una semifinale di uno Slam.
  11. Medvedev starà sempre davanti a Tsitsipas.
  12. Rafa Nadal non vincerà nessun torneo al di fuori della terra battuta
  13. Sasha Zverev non riuscirà a sconfiggere il complesso della seconda palla di servizio
  14. Degli avversari di Sinner all’edizione Next Gen del 2019, chi farà più progressi sarà il francese Humbert
  15. Andy Murray rientrerà fra i primi 100 ma accorgendosi di non essere competitivo come una volta annuncerà il suo ritiro (almeno dal singolare)
  16. Due o tre di questi altri otto giocatori annunceranno il loro ritiro durante il 2021: Tsonga, Lopez, Federer, Karlovic, Verdasco, Simon, Gasquet, Monfils
  17. Seppi invece non ha nessuna voglia di appendere la racchetta al chiodo: all’open d’Australia giocherà il suo 62° Slam di fila dal Roland Garros 2005. Lopez con 74 è fuori tiro, Verdasco con 68 pure. Per uguagliare Federer, che vanta una striscia di 65, Andreas dovrebbe giocarli tutti quest’anno. Molto ma molto difficile.  
  18. Il Canada vincerà un’ATP CUP di discreto successo. Con 12 nazioni è meglio che con più squadre.
  19. Naomi Osaka diventerà n.1 del mondo detronizzando la Barty
  20. Sofia Kenin non farà il bis all’Australian Open
  21. Iga Swiatek entrerà tra le top-10, a ridosso delle top-5 se non dentro
  22. Dalle Top-10 usciranno Petra Kvitova e Kiki Bertens  
  23. Fra le top-ten rientrerà almeno una ex n.1: Vika Azarenka, Garbine Muguruza?
  24. Serena Williams non vincerà più un torneo e non rientrerà tra le top-10
  25. Martina Trevisan salirà ampiamente tra le prime 50 del mondo (ora è 85) e comunque scavalcherà Camila Giorgi (n.76) più intenzionata a esibirsi come modella Gio-Mila (influencer dell’intimo?) che come tennista
  26. Clara Tauson, danese diciottenne oggi n.152, farà un balzo in alto di 80-100 posti.
  27. Kamilla Rakhimova, russa diciannovenne oggi n.155, entrerà alla grande fra le prime 100
  28. Fiona Ferro, vittoriosa a Palermo nel 2020, entrerà fra le prime 25.
  29. Venus Williams darà l’addio al tennis nel corso del suo ultimo US Open
  30. Lorenzo Musetti entrerà a gonfie vele tra i primi 80, ma senza raggiungere il best ranking di Sinner nel 2020
  31. I tennisti italiani fra i primi 100 saranno ancora 8, con una media migliore all’attuale (10-17-33-37-74-76-80-100: il totale fa 427, la media è 53,375) ma non saranno gli stessi otto.
  32. Le tenniste italiane fra le prime 100 saranno tre e non quattro. Una è la Trevisan. In ballottaggio Giorgi 76, Paolini 96, Errani 131, Cocciaretto 132.
  33. Zeppieri guadagnerà intorno ai 200 posti.
  34. Lorenzo Sonego arriverà almeno tra i primi 20, spalla a spalla con Fabio Fognini, ma non supererà Matteo Berrettini.
  35. Jannik Sinner batterà il numero record degli sponsor per un tennista italiano
  36. Riccardo Piatti diventerà ricco come Creso, ma dovrà scegliere: o seguire Sinner o il Piatti Center.
  37. La seconda edizione della Coppa Davis a Madrid avrà più successo della prima e non costringerà più nessuno a far l’alba per capire chi si qualifichi.
  38. L’Italia farà miglior figura nella Davis Cup che nell’ATP Cup.
  39. Sonego e Berrettini giocheranno qualche torneo in coppia e faranno discretamente, ma non quanto Cecchinato e Caruso in singolare.
  40. Montecarlo e Roma non potranno concedersi più di 1.000 spettatori sulle tribune, Parigi 2.000
  41. Il tennis tornerà a Wimbledon… (perché l’assicurazione l’All England Club se l’è già giocata).
  42. I numeri di Ubitennis cresceranno ancora, nonostante il fatto per i primi 6 mesi del 2021 il virus non sarà stato ancora debellato. Il record del 2019 (5 milioni di utenti unici, 22 milioni di visite, 41 milioni di pagine visualizzate) verrà stra-battuto, gli sponsor ricompariranno ma non Barilla; il contratto con Master Pasta Federer è quasi… un caro estinto. Non Federer, eh, ma il contratto. Su Instagram dopo aver valicato il muro dei 10.000 follower si supererà quello dei 15.000 (venghino venghino signori, posti limitati!) e sulla newsletter (si iscrivano, si iscrivano, se non si arriva a 10.000 la chiudiamo eh! sbrigatevi) 
  43. Le finali ATP di Torino, primo torneo in Italia a spalti gremiti e a vaccino diffuso, saranno un grande successo. RAI cercherà di infilarsi fra SKY e Supertennis.
  44. Angelo Binaghi lo sfrutterà alla grande. Lo vedremo in tv quasi altrettanto spesso di Bruno Vespa, Lilli Gruber, Corrado Formigli, Massimo Gramellini, Aldo Cazzullo. Supertennis è stato fondato anche per garantire le opportune passerelle ai dirigenti e agli amici degli amici.

Auguri di Buon Anno a tutti, al tennis italiano in particolare, dal Mago Ubaldo, il tennis-veggente più affidabile del mondo.

P.S: In quanto direttore di Ubitennis, io sottoscritto Ubaldo Scanagatta, pur intrattenendo ottimi rapporti da un trentennio con il Mago Ubaldo, vi diffido dal prendere sul serio le profezie del suddetto. Lo stesso Mago, nel confidarmele in camera caritatis, sorrideva e mi faceva l’occhiolino, ingigantito a dismisura dai riflessi della Coppa Davis che sfregava mentre mi parlava

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement