Berrettini a Sky Sport 24: "Ogni tanto sento le palline di chi si allena in camera!"

Flash

Berrettini a Sky Sport 24: “Ogni tanto sento le palline di chi si allena in camera!”

Il numero 10 del mondo racconta come se la sta passando a Melbourne in quarantena. “Vincenzo è stato il primo a farsi richiamare”, ha scherzato Matteo

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Matteo Berrettini è stato ospite di Stefano Meloccaro nella trasmissione Sunday Morning che ogni domenica mattina va in onda su SkySport24 e un paio di settimane fa aveva ospitato Daniil Medvedev. La chiacchierata è stata invero piuttosto breve a causa di alcuni problemi nel collegamento con Melbourne e si è ridotta agli ultimi 4/5 minuti di trasmissione. “Quattro minuti intensi dai“, ha scherzato Berrettini, che ha poi raccontato la situazione generale dei tennisti a Melbourne.

Matteo è tra quelli che possono usufruire delle cinque ore d’aria per allenarsi e sta sfruttando al massimo questa possibilità. “Io sono fortunato perché mi sto allenando e anche bene. Ogni tanto però sento le palline di quelli che devono allenarsi in camera“.

Arriva poi anche la conferma della presenza di veri e propri picchetti ai vari piani dell’hotel per controllare che nessuno infranga la quarantena. “Ovviamente Vincenzo (Santopadre, coach di Matteo, ndr) è stato il primo a farsi richiamare. Gli ho detto di non affacciarsi nemmeno che sennò ci squalificano e ci tocca tornare in Italia”.

 

Inevitabile una domanda sulla recente nomina di Filippo Volandri come capitano di Coppa Davis. “Sono contento per lui, ma è ovvio che un po’ dispiace per Corrado, che è stato un grande capitano e con il quale ho fatto il mio esordio. Cercheremo di fare il meglio possibile con Filippo che è comunque abituato a stare su certi palcoscenici”.

Puntuale anche la domanda sul suo tifo per la Fiorentina, imbeccata anche dalla vittoria ottenuta sabato sera contro il Crotone: “Mio nonno paterno è di Firenze, ha trasferito la passione per la Viola a mio zio e mio padre che poi l’hanno passata a me. Tra l’altro quando ho iniziato a vedere le prime partite la Fiorentina era in C2, quindi siamo partiti da lontano”.

Matteo farà il suo esordio in ATP Cup, dove l’Italia è stata sorteggiata nel gruppo con Austria e Francia. Proprio in queste ore, Tennis Australia ha rinviato di un giorno l’inizio del torneo (dall’1 al 2 febbraio).

Continua a leggere
Commenti

Flash

Ivanisevic: “Il titolo all’Australian Open di Djokovic è il più dolce di tutti”

Secondo il croato “Nole è semplicemente il più forte di tutti e le persone faticano ad ammetterlo”. Difficile un rientro in campo a Miami: “Preferisco sia al 100% per la terra rossa”

Pubblicato

il

Marian Vajda, Novak Djokovic e Goran Ivanisevic a Wimbledon 2019 (foto Facebook)

Nel 18esimo titolo Slam di Nole Djokovic (nono in Australia) c’è lo zampino di Goran Ivanisevic. Da quando il croato ha iniziato a seguire Djokovic a Wimbledon 2019, il numero uno del mondo non solo ha messo in saccoccia tre titoli dello Slam, ma ha anche migliorato in maniera evidente il servizio. Senza una resa così solida della battuta, avrebbe avuto tante difficoltà in più a superare il terzo turno contro Fritz, il giorno in cui si infortunò al muscolo obliquo e la spuntò in cinque set. La chiave era servire bene e attaccare, come ha lui stesso dichiarato, dal momento che non riusciva a stare a lungo nel palleggio per via del dolore.

Per tanti motivi dunque la vittoria a Melbourne nell’edizione 2021 è la più dolce di tutte” secondo Ivanisevic, intervistato da Sasa Ozmo. “Probabilmente Novak non sarà d’accordo e direbbe quella al Roland Garros 2016 o il primo Wimbledon. Ma per me, dopo un anno in cui è stato distrutto dai media in tutti i modi possibili… è una bella sensazione. Dopo 42 giorni in Australia, la quarantena, l’infortunio, il pubblico che se ne va nel bel mezzo della partita, l’atmosfera triste in alcuni giorni, alla fine è arrivata la prestazione perfetta in finale”.

Come detto, Novak non ha mai servito bene come nell’ultimo Slam giocato e gran merito va dato a Ivanisevic, che però si limita a dire che ha solo “cercato di portare un atteggiamento positivo e tenerlo rilassato. Avevamo i nostri giochi da tavolo e Nole non doveva pensare all’infortunio”. Il calendario del serbo però subirà dei tagli d’ora in poi: da lunedì deterrà il record di settimane in cima al ranking ATP (311) e (a detta sua) si concentrerà solo sugli Slam e giocherà meno tornei, anche nell’immediato: “Negli ultimi anni in realtà non ha mai giocato un sacco di tornei. Non penso che ci si possa concentrare solo sugli Slam perché ci vuole una buona preparazione per entrare in un Major. Al momento non c’è alcuna fretta per rientrare. L’unico torneo che potrebbe giocare prima della stagione su terra è Miami. Preferirei vederlo al 100% sulla terra rossa per provare a vincere un altro titolo al Roland Garros“.

 

Tornando sul trionfo australiano, ormai celebrato in tutte le salse, secondo Ivanisevic Djokovic è semplicemente più forte di chiunque altro e le persone hanno difficoltà ad ammetterlo. Non ho mai incontrato qualcuno che sia una roccia come lui a livello mentale. Mentalmente è uno degli atleti più forti del mondo, non solo nel tennis”. Tuttavia ha avuto dei problemi a superare quanto era accaduto durante l’estate, soprattutto la squalifica dallo US Open. Difficoltà che sono tutte emerse nel finale di stagione e nella finale del Roland Garros, in cui è stato schiacciato da Nadal.

Non riusciva a togliersi di dosso ciò che era successo nei mesi precedentiha detto Goran. “Ciò che è successo a New York è stato uno shock. Non voglio nemmeno parlare della finale di Parigi, dove non è quasi sceso in campo, mentre Nadal è stato eccellente. In Australia aveva nuove energie. Difficilmente se incontrerà Nadal in finale a Parigi andrà come l’ultima volta. In quella finale non era mentalmente pronto a stare in campo anche per 15 ore pur di battere Nadal. Sbagliava le scelte e accorciava troppo i punti”.

Continua a leggere

Flash

Miami 2021, l’entry list femminile: la WTA al completo

Solo tre assenze tra le prime 78 tenniste del mondo. Giorgi deve sperare in tre ritiri se vuole evitare le qualificazioni

Pubblicato

il

Non sarà il primo torneo 1000 della stagione femminile (dato che due settimane prima ci sarà il Dubai Duty Free), ma sicuramente si tratta di una delle tappe più importanti sul cemento, soprattutto considerando l’assenza del torneo di Indian Wells, e per il momento tutte sembrano averla presa sul serio. È stata infatti rilasciata la lista delle partecipanti al WTA 1000 di Miami e saranno al via 75 delle prime 78 giocatrici del mondo. Mancheranno Yastremska, squalificata, Donna Vekic, che si è recentemente sottoposta ad un intervento chirurgico al ginocchio destro e Allison Van Uytvanck.

Nella lista spiccano i nomi di Ashleigh Barty (vincitrice dell’ultima edizione disputata nel 2019, e che ha da poco rinunciato al torneo di Dubai) Naomi Osaka e Simona Halep (entrambe vincitrici in California ma mai in Florida) e la giocatrice di casa Sofia Kenin, che forse davanti al proprio pubblico potrà trovare meno pressione rispetto a quella che l’ha schiacciata in Australia.

A differenza delle entry list maschile dove ci sono ben sei azzurri, non si registrano italiane presenti nel main draw, dato che la n. 1 Camila Giorgi è attualmente 81 del mondo, e dunque per vederla evitare le qualificazioni si dovrà sperare in tre ritiri di altrettante tenniste. La prima che entrerà direttamente nel caso di un’assenza tra i piani alti sarà invece la russa Vera Zvonareva, grazie al suo ranking protetto.

 

Il tabellone a 96 giocatori prenderà il via mercoledì 24 marzo e si concluderà domenica 4 aprile. Le giocatrici non saranno costrette alla quarantena obbligatoria, il montepremi complessivo passerà da 16,7 milioni di dollari a 6,68 milioni (40%) e gli organizzatori sperano di poter accogliere anche i tifosi (circa il 20% della capienza massima).

L’entry list aggiornata di Miami

Continua a leggere

Flash

Paganini: “Dopo il Covid, a Wawrinka serve il doppio del tempo per recuperare energie”

Il preparatore atletico degli svizzeri parla degli strascichi del Covid, evidenti per Stan: “Ci siamo chiesti se fosse opportuno giocare in Australia”

Pubblicato

il

Stan Wawrinka - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Tra i tanti giocatori che negli ultimi mesi hanno dovuto combattere con i sintomi del Covid-19, c’è Stan Wawrinka. Lo svizzero (infettato verso fine dicembre) non ha presentato sintomi gravi, ma nonostante l’età relativamente giovane (35 anni) e il fisico da atleta professionista, percepisce ancora gli strascichi della malattia e del lungo stop nell’allenamento. Stan prima di scendere in campo a Melbourne ha raccontato di essere stato molto male nei primi giorni per poi negativizzarsi dopo un paio di settimane, ma mentre affrontava la preparazione per la lunga trasferta australiana si sentiva ancora debilitato.

Ha approfondito questo aspetto lo storico preparatore atletico dello svizzero, Pierre Paganini, che nei giorni scorsi ha anche parlato del recupero di Roger Federer, prossimo al rientro nel Tour ATP a Doha. “Stan mi chiamò dicendomi che non stava tanto bene. Ha fatto un primo test rapido che è risultato negativo, ma con un tampone ha scoperto di essere positivo” ha detto al Tages Anzeiger. “Ha lottato contro il Covid per 14 giorni: durante questo periodo ha perso la sua forma fisica, motivo per cui ci siamo anche chiesti se fosse opportuno andare a Melbourne“. La trasferta in Oceania non ha dato soddisfazioni a Wawrinka, costretto al walkover nei quarti al Murray River Open (dove ha comunque vinto due match) per poi essere eliminato da Marton Fucsovics all’Australian Open nel secondo turno. Una sconfitta dolorosa, perché ha mancato tre match point consecutivi nel tie-break del quinto set.

Paganini ribadisce che Stan non può ancora dare il suo 100% in campo: L’intensità che mette in allenamento è la stessa di prima. C’è però la sensazione che il tempo di recupero invece sia il doppio più lungo rispetto al solito. Parliamo comunque di un giocatore instancabile che ha un grande cuore e vuole continuare a provare. Stan ha ancora molto da dire nel circuito. Penso che sia uno degli atleti più sottovalutati in Svizzera“.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement