Forfait di Nadal da Rotterdam: la schiena continua a dare problemi

Flash

Forfait di Nadal da Rotterdam: la schiena continua a dare problemi

“All’Australian Open abbiamo trovato una soluzione temporanea, ma ora devo fermarmi”. Medvedev diventerà N.2 ATP arrivando in finale in Olanda

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Rafael Nadal non sarà presente al 500 di Rotterdam, in programma la prossima settimana, a causa dei persistenti problemi alla schiena che già l’hanno condizionato in Australia, obbligandolo a saltare la ATP Cup e conseguentemente a giocare lo Slam (dove è stato rimontato da Tsitsipas nei quarti) senza match di preparazione alle spalle.

Il maiorchino era atteso sull’indoor olandese per la prima volta dal 2009 (quando perse in finale contro Murray), e nella sua dichiarazione al sito del torneo ha espresso rammarico per l’impossibilità di esserci: “È con grande tristezza che devo rinunciare a giocare a Rotterdam. Come sa la maggior parte degli appassionati, ho avuto dei problemi alla schiena in Australia che sono iniziati ad Adelaide e sono proseguiti a Melbourne. Abbiamo trovato una soluzione temporanea che mi ha consentito di giocare senza dolore durante la seconda settimana del torneo. Quando sono tornato in Spagna sono stato visitato dal mio medico e, di comune accordo con il mio team, abbiamo deciso di non giocare la prossima settimana. Non vedevo l’ora di tornare a Rotterdam e nei Paesi Bassi, visto che non gioco lì da un po’, e quest’anno si era presentata l’opportunità ideale in termini di programmazione. Spero di tornarci presto per giocare. Auguro il meglio al torneo, che è sempre un evento di prima classe”.

 

Il direttore del torneo, il campione di Wimbledon ’96 Richard Krajicek, ha commentato: “Non vedevamo l’ora di avere Nadal qui a Rotterdam, dove avrebbe giocato per la prima volta dal 2009. Sentiremo certamente la sua mancanza la prossima settimana. Per fortuna abbiamo comunque un gruppo di grande valore, con giocatori come Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas e Andrey Rublev”.

Proprio il recente finalista dell’Australian Open ha ora una grande possibilità, visto che con una finale diventerebbe il primo giocatore dal 2005 a raggiungere la seconda piazza ATP all’infuori di Federer, Nadal, Djokovic e Murray (aveva avuto la stessa chance in finale a Melbourne, ma è stato sconfitto). In termini di punti gli basterebbe una semifinale (180 punti), visto che lo scorso anno perse al primo turno con Pospisil e che solo 115 punti lo separano dal maiorchino, ma in questo momento Rotterdam è fra i “non-countable events” del suo punteggio (non è cioè fra i 20 tornei che costituiscono il suo ranking), e quindi per guadagnare in classifica il russo dovrebbe fare un punteggio di almeno 115 punti superiore all’ultimo 500 della sua lista, vale a dire Vienna 2020, dove fece 90 punti. Ergo deve andare in finale.

Per quanto riguarda Rafa, invece, è iscritto al Masters 1000 di Miami, dove dovrebbe quindi fare la sua prossima apparizione.


Qui l’entry list aggiornata di Rotterdam e dei tornei della prossima settimana

Continua a leggere
Commenti

Flash

Gaudenzi torna a parlare della fusione ATP-WTA: “Dobbiamo distribuire un prodotto unico”

I rapporti tra le due associazioni non sembrano essere mai stati così buoni: “Stiamo lavorando a stretto contatto. I grandi eventi sono combined e i fan vogliono vedere entrambi”

Pubblicato

il

Andrea Gaudenzi (foto ATP Tour 2019)

Mentre in queste ore in altri ambienti sportivi si parla di strappi e divisioni, il tennis che su questi temi è sempre stato il primo della classe considerando tutte le sigle che lo rappresentano, per una volta va in direzione opposta. Torna in voga infatti il tema della fusione tra ATP e WTA – l’associazione dei tennisti professionisti maschili e quella delle tenniste femminili – che era stata portata alla ribalta da Federer lo scorso aprile mentre più recentemente Anderson, membro del concilio dei giocatori, gli aveva posto una brusca frenata. Ora invece a parlarne è nientemeno che Andrea Gaudenzi, presidente dell’ATP, e la sua non può che essere considerata una dichiarazione autorevole.

“Penso che sia una grande forza del nostro sport avere un prodotto femminile molto forte. Penso che sia un punto di forza unico. I nostri più grandi eventi sono combinati (sia maschili che femminili) e i fan vogliono vedere entrambi” ha detto Gaudenzi a The Tennis Channel. Credo davvero che dobbiamo iniziare a vendere, confezionare e distribuire il prodotto come unico perché si svolgono sulla stessa linea temporale: a partire da gennaio e fino alla fine dell’anno”.

Anche qui dunque il principio che mette in moto la macchina è quello del business: insieme il tennis è più vendibile. Ma se questo implica maggior visibilità alle donne e conseguentemente una maggior accessibilità allo sport in generale, non si può non proseguire su questa strada, che stando alle parole dell’ex n. 18 del mondo sembra la si stia già percorrendo a braccetto. Stiamo lavorando a stretto contatto con la WTA” ha sottolineato il capo dell’ATP. “Ora abbiamo un dipartimento marketing e social media in comune. Stiamo anche cercando di aggregare i diritti commerciali, quindi è un progresso”. Progresso i cui frutti tutti non vedono l’ora di poter assaporare.

 

Continua a leggere

Flash

Nadal: “Djokovic ossessionato dai record”. Novak risponde: “Il mio è amore per il tennis”

In conferenza stampa a Belgrado il numero uno del mondo ha voluto rispondere ad alcune affermazioni di Rafa: “Parlo dei miei obiettivi in pubblico e non c’è niente di male”

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Novak Djokovic - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Botta e risposta a distanza tra Rafael Nadal e Novak Djokovic. Parlare di battibecco è eccessivo, ma sicuramente Novak ha voluto fare una puntualizzazione in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate da Rafa al media britannico Metro. Lo spagnolo, nell’intervista comparsa domenica sera, ha affermato di “voler vincere altri Slam, senza nessun dubbio, ma su questo non sono ossessionato come Novak”. Subito dopo, Nadal ha corretto il tiro: “Lui non è ossessionato in un’accezione negativa, ma sicuramente è concentrato solo su questo e parla in continuazione dei record a cui punta. Io ho un approccio mentale differente”.

E allora la risposta di Djokovic non si è fatta attendere. In conferenza stampa al torneo di Belgrado che si tiene questa settimana, l’evento di casa al quale Novak partecipa, il numero uno del mondo ha detto: “Rafa ha il diritto di dire la sua, anche su come mi vede. Lo rispetto molto, probabilmente più di ogni altro giocatore al mondo; è il più grande rivale che abbia avuto nella mia carriera. Personalmente, tuttavia, non penso di avere alcuna ossessione nella vita. Quello che sento è la passione e l’amore per il tennis, è questo ciò che mi spinge a competere. Semplicemente non ho mai avuto problemi, nemmeno quando ero giovane, a parlare in pubblico dei miei obiettivi. Non credo che questo sia qualcosa di negativo, non solo per quanto riguarda i record da raggiungere, ma anche – per esempio – riguardo alla politica del tennis”.

Insomma, il duello a distanza si infiamma mentre la stagione su terra rossa entra nel vivo. Una stagione che sia per Rafa che per Nole non è iniziata benissimo – entrambi non hanno brillato a Montecarlo: Rafa è stato eliminato nei quarti da Rublev, mentre Novak è scivolato negli ottavi contro Evans – e che terminerà con il Roland Garros. A Parigi Rafa cercherà di mettere il 21° Slam in bacheca, risultato che gli permetterebbe di balzare in testa alla classifica dei tennisti con più Major vinti in carriera, mentre Novak andrà a caccia della seconda Coppa dei Moschettieri, che gli varrebbe il 19° Slam.

 

Continua a leggere

Flash

Oggi a Barcellona sfida a distanza tra Musetti e Sinner, Mager in campo a Belgrado

Musetti in campo all’ora di pranzo, tardo pomeriggio per Sinner. In mezzo ai due teenager c’è Mager

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Montecarlo 2021 (ph. Agence Carte Blanche / Réalis)

Grande abbondanza di tennisti italiani ad alto livello significa anche grande abbondanza di giocatori impegnati ogni settimana e questa, con un ATP 500 e un ATP 250 in programma, non poteva essere da meno. Il torneo più prestigioso che si sta disputando è quello di Barcellona dove sono addirittura cinque gli azzurri presenti. Ieri il conteggio è finito in parità con la sconfitta di Salvatore Caruso bilanciata dalla vittoria di Federico Gaio, ed oggi ne scenderanno in campo altri due: Lorenzo Musetti e Jannik Sinner. La rivalità che in tanti si aspettano nasca presto, per il momento avverrà solo a distanza. Musetti sarà il primo a scendere in campo e affronterà un esperto collega dal rovescio mono-mano, Feliciano Lopez. Il match inizierà non prima delle 12:30 e sarà in diretta su SuperTennis.

Sinner invece, al suo secondo torneo sul rosso dopo la finale del Masters 1000 di Miami, farà il suo esordio attorno alle 18:00 come ultimo match sul ‘campo Rafa Nadal’ sempre in diretta su SuperTennis. Beneficiario di un bye al primo turno, l’altoatesino in questo match di secondo turno affronterà il bielorusso Egor Gerasimov (28 anni, n. 77) ieri vincitore su Tsonga. L’esordio dell’ultimo italiano presente a Barcellona invece, la testa di serie n. 9 Fabio Fognini, avverrà domani contro un qualificato.

Oggi scenderà in campo anche Gianluca Mager, impegnato nella quinta edizione dell’ATP 250 di Belgrado. Il 26enne n. 98 del mondo dopo aver superato le qualificazioni partirà sfavorito – a differenza di Sinner e Musetti stando alle quote odiernecontro il tennista di casa Laslo Djere (25 anni, n. 49) in un match anch’esso trasmesso in diretta su SuperTennis attorno alle 16:00.

 

I tabelloni della settimana

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement