Sinner non si accontenta dei quarti: "Il mio obiettivo è andare più lontano"

Flash

Sinner non si accontenta dei quarti: “Il mio obiettivo è andare più lontano”

“Bublik lo conosco poco, anche se ci hi giocato la scorsa settimana. C’è un motivo se è ai quarti” dice Jannik Sinner. Che poi difende il dessert serale: “Non è che se lo mangio poi il giorno dopo perdo!”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Miami Open 2021 (foto Twitter @ATPTour)

Non lo so se ho fatto tutto giusto, sicuramente ci sono cose che anche oggi potevo fare meglio“. Ormai lo ripete come un mantra Jannik Sinner, anche quando oggettivamente non c’era molto di più che si potesse fare – a parte forse limitare gli errori (23), che contro Ruusuvuori sono stati più dei vincenti (20). Ma la vittoria è arrivata ugualmente senza troppi problemi. E la cosa non fa quasi più notizia. “La partita non era così semplice come sembrava: lui è forte, giovane, ha fatto un bel torneo e ha battuto anche Zverev. Magari oggi era un po’ più stanco e ho sfruttato questa cosa. Ho servito un po’ meglio e ho spinto di più perché sapevo che lui poteva essere pericoloso. Ho cercato di andare a rete qualche volta in più, so che lui è molto aggressivo e ho cercato di togliergli il tempo“.

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

A proposito di tempo, Jannik non sembra avere molte pretese per quello libero tra un match e l’altro. “Quando sono in hotel, per il 90% del tempo guardo tennis. Come ho già detto, mi piace vedere tennis, mi piace giocare; passo così le mie giornate. Se sono molto stanco vado a dormire, oppure ogni tanto guardo qualche serie TV. Alla fine una giornata passa molto velocemente, quindi stare in bolla o meno mi cambia poco; se non ci fosse, forse farei le stesse cose!“.

Jannik torna poi sul match, vinto contro un avversario che conosce bene. “Io ed Emil ci siamo allenati diverse volte, lui è un bravo ragazzo e lo conosco bene – anche come tennista. Ma io dico sempre che allenamento e partita sono due cose totalmente diverse perché magari uno dei due cambia un po’ il gioco e ci sono altre pressioni. Anche l’atteggiamento è un po’ diverso; in allenamento provi a imparare cose nuove, in partita provi a vincere“. E subito passa al prossimo, fissato per mercoledì sera alle 21 (ora italiana) che può portarlo in semifinale: “Con Bublik ho giocato la scorsa settimana. Non lo conosco benissimo, sicuramente sarà una partita molto difficile – anche perché se un giocatore arriva ai quarti c’è un motivo. Non è così semplice arrivarci, ma il mio obiettivo è andare più lontano. Non mi rilasso. Certo, questo è un torneo un po’ più importante degli altri, ma io mi concentro su quello che devo fare“.

Cosa, nello specifico, a parte vincere partite su partite, è un segreto che il 19enne non vuole condividere. “Quello che ci siamo detti io e Riccardo dopo la partita con Khachanov? Non lo dico, resta tra noi!” pronuncia col sorriso. E con un pizzico di sorriso in meno ripete che la classifica gli interessa poco (nel frattempo la top 30 è praticamente cosa fatta), che se i cambiamenti ci sono stati valgono per tutti e alla fine quello che conta è andare in campo e migliorarsi partita dopo partita. Sembra tutto un po’ scontato, quasi noioso, ma è anche tremendamente vero. Sarà per questo che vincere gli riesce così facile.

In chiusura di conferenza, però, Jannik ammette un peccato di gola. “In off-season ho iniziato a lavorare con un nutrizionista. A volte c’è da cambiare qualcosina, soprattutto quando fa molto caldo mangiare nel modo corretto può aiutare; se mangi sano, poi vinci!” dice inizialmente in risposta a una domanda in inglese, ma corregge presto il giro. “Scherzi a parte, non è certo quello il motivo, ma fa parte di un processo. C’è qualche giocatore che mangia sano, qualcuno che non lo fa, per me non è così importante. Proteine, carboidrati, cerco di fare le cose semplici; non è che se mangio un dessert la sera, poi il giorno dopo perdo la partita!. E fa capire che il dessert serale, almeno quello, non glielo devono toccare. Tanto il modo di vincere lo trova lo stesso.

Continua a leggere
Commenti

Flash

“Oops I did it again”: la FIT rifiuta alcuni biglietti e poi li rivende a prezzo doppio

Legittimo inseguire un maggior guadagno, per chi organizza un torneo. Sarebbe meglio non farlo a spese di chi ha già acquistato i biglietti, però

Pubblicato

il

Grand Stand Arena - Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

Prendiamola con ironia. Quando abbiamo visto l’aggiornamento (vorticoso) delle disponibilità delle varie sessioni sul sito per acquistare i biglietti degli Internazionali d’Italia, la prima cosa a cui abbiamo pensato è una vecchia hit di Britney Spears. Dopo il celebre episodio del 2019, in cui Binaghi celebrando l’arrivo di Federer aveva annunciato il raddoppio dei prezzi dei biglietti – un comportamento un po’ ai limiti, ma comunque lecito se l’obiettivo è ricavare il massimo possibile da un torneo – la storia si arricchisce di un nuovo capitolo. Speriamo solo che la cosa non diventi una simpatica tradizione per premiare gli appassionati che hanno acquistato prima degli altri.

Veniamo ai fatti. Quando il tabellone maschile ha cominciato ad assumere contorni rosei – Djokovic e Nadal regolarmente in gioco, con la gradita sorpresa Sonego – l’organizzazione degli Internazionali ha deciso di applicare il ‘bonus x2’ al prezzo dei biglietti.

Riportiamo di seguito il prezzario dei biglietti per sessione valido a ottobre 2020.

 

Questo invece è il catalogo disponibile giovedì sera per coloro i quali fossero stati interessati ad acquistare un biglietto per la sessione diurna di oggi, venerdì.

D:\Dati\Profili\m884300\UserTemp\IeTemp\Content.Outlook\3TO9CQAU\Screenshot_20210513-230944.png

I distinti sono passati da 97 € a 187 €, e via così un po’ per tutte le categorie di biglietto. Non è quindi un caso che oggi la sessione diurna sia stata costruita come un all-star game; vuoi vedere le star? Nessun problema, basta pagare profumatamente e le avrai.

Tornando invece al discorso di premiare gli appassionati che comprano in anticipo i biglietti, anche qui ci sarebbe da discutere. Un appassionato che in tempi di pandemia si è comunque fatto carico di una scommessa al buio probabilmente andava trattato diversamente.

Prendiamo un caso concreto. In ottobre, il nostro simpatico appassionato all’atto di comprare un biglietto aveva in mano qualche certezza, o per lo meno si aspettava di sapere cosa comprava:

D:\Dati\Profili\m884300\UserTemp\IeTemp\Content.Outlook\3TO9CQAU\IMG-20201015-WA0012.jpg

All’atto pratico, invece, si è ritrovato a poter vedere soltanto un quarto di finale femminile. Come riportato nell’articolo di Vanni Gibertini, sfruttando il maggior appeal del tennis maschile, agli acquirenti che si erano accaparrati in anticipo i biglietti è stato lasciato come unico match il quarto di finale femminile, prezzando il valore di tale partita alla pari di quella maschile. Una valutazione in contrasto con qualsiasi logica di mercato; verrebbe infatti da pensare, se il valore di mercato di un match femminile è davvero pari a un match maschile, come mai oggi per vedere Rafa e Nole serviva il triplo dei soldi sufficienti per assistere ai quarti femminili sulla Grand Stand Arena?

Da un lato non è del tutto incomprensibile che la FIT abbia deciso di alzare il prezzo di biglietti che non erano più a scatola chiusa, poiché l’acquirente sapeva che avrebbe potuto veder giocare Djokovic e Nadal. Il problema nasce dal fatto che quei biglietti… non dovevano essere disponibili sul mercato, poiché qualcuno li aveva già acquistati (in ottobre o più tardi). Abbiamo testimonianze dirette di ticket acquistati in ottobre per la giornata di giovedì e ‘rifiutati’ dagli organizzatori del torneo, che a compenso hanno offerto un rimborso dell’importo speso o un altro voucher da spendere per biglietti delle Finals 2021 o degli Internazionali 2022.

Il dettaglio di una mail ricevuta da un acquirente a cui è stato ‘rifiutato’ un biglietto per la sessione diurna di giovedì

Questi stessi biglietti, però, sono stati rimessi in vendita nel corso della settimana del torneo a prezzi più alti. Una manovra che ha consentito flussi di cassa freschi e un guadagno maggiore, a spese però di chi aveva legittimamente acquistando un tagliando per gli stessi posti. Se è legittimo da parte di chi gestisce un torneo cercare di aumentare gli introiti, lo è molto meno se viene fatto a spese di chi ha già comprato il biglietto.

Infine, lanciamo un’ultima provocazione. I prezzi della sessione diurna delle semifinali sono stati gonfiati come per la sessione diurna odierna. Nonostante una radicata tradizione (e una promessa contrattuale fornita a ottobre) di fornire una semifinale maschile in serale agli appassionati, non ci stupiremmo se per inseguire i flussi di cassa tanto agognati le due semifinali maschili fossero concentrati in diurno.

D:\Dati\Profili\m884300\UserTemp\IeTemp\Content.Outlook\3TO9CQAU\Screenshot_20210514-074621.png

Staremo a vedere se Giove Pluvio continuerà a scagliare saette di indignazione e cancellerà la sessione serale di Sonego con Rublev, rendendo impossibile chiedere un back to back diurno a uno dei due. Rimaniamo in trepidante attesa degli eventi (anche atmosferici).

Continua a leggere

Flash

All’improvviso arriva Opelka: a Roma giocherà la sua prima semifinale in un Masters 1000

Il gigante statunitense batte in due set Delbonis. Opelka era arrivato a Roma con due (!) sole vittorie sulla terra battuta in carriera

Pubblicato

il

Reilly Opelka - ATP Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

Reilly Opelka ha conquistato la sua prima semifinale in un Masters 1000, sconfiggendo Federico Delbonis per 7-5 7-6 (2) in un’ora e 41 minuti corredata dai soliti 18 ace (22 vincenti al servizio in totale).

Si tratta di un risultato per certi versi sorprendente: se è vero che entrambi sono arrivati ai quarti in maniera inaspettata, Delbonis era 15-4 sulla terra europea (qualificazioni incluse), 20-7 sul rosso nel 2021, e si era qualificato per tutti i 1000 europei, riuscendo sempre a vincere dei match anche nel main draw. Opelka invece, prima di Roma, aveva vinto solo due match su terra in carriera nel circuito maggiore e non aveva battuto neanche un Top 200 in stagione, arrivando da sei sconfitte di fila. Il big server ha dunque conquistato la sua prima semifinale 1000 dopo averne già sfiorata una a Cincinnati/New York 2020, quando si era ritirato per infortunio nei quarti contro Tsitsipas.

Con la sua mise da Jackson Pollock a pesca di trote, Opelka ha cercato soprattutto servizi esterni all’inizio, sacrificando un po’ di velocità (relativamente, ça va sans dire), una scelta che gli sarebbe potuta costare, perché è stato molto impreciso nel primo colpo dietro al servizio: nel terzo gioco ha sbagliato due dritti e un rovescio, trovandosi 0-40; un servizio vincente e due ace hanno però tolto le castagne dal fuoco. Il primo dei due ace è stato una seconda in kick al centro dal rimbalzo icaresco:

 

Tennis TV ha poi misurato il rimbalzo del kick più carico dell’americano a 2,14 metri. Non che Delbonis non sia abituato a contribuire agli attentati contro la già malridotta ozonosfera, ben lungi, come mostra questa grafica sull’altezza media del suo famigerato lancio di palla:

Delbonis è sembrato avere un’idea molto precisa di come far male all’avversario, tenendo le risposte basse e invitandolo spesso a picchiare con il rovescio in cross, su cui il suo dritto ha retto senza troppi affanni, cambiando in lungolinea al momento giusto senza cercare di strafare (nei primi sette giochi ha messo a segno un solo vincente contro i 10 di Opelka, stesso score anche nei non forzati) – dietro al suo servizio l’argentino non ha mai sofferto, vincendo 20 dei suoi 21 punti.

Tie-break dunque? No, perché sul 5-6 Opelka è riuscito a trovare due risposte profonde che l’hanno portato 15-30, a due punti dal set. Delbonis ha cercato di difendersi insistendo con la curva mancina, ma quando si è trovato costretto a cambiare ha sbagliato malamente un rovescio lungolinea, concedendo un set point. L’argentino si è salvato con servizio e smorzata, ma ne ha dovuto concedere un altro su una risposta lungolinea di Opelka, che ha chiuso il set con un passante di dritto in corsa – va sottolineato che l’americano ha fatto punti solo contro la prima dell’avversario, che si è fermata a 186 chilometri orari di media.

Nel secondo set i due hanno continuato a servire molto bene, concedendo quattro punti a testa nei primi otto game. Sul 4-4, però, Opelka ha commesso il suo primo doppio fallo per il 15-30, e ha concesso una palla break quando una risposta incrociata di Delbonis l’ha costretto a cercare un rischioso dritto lungolinea. Lo statunitense si è tuttavia salvato con una prima al corpo che Delbonis non è riuscito a controllare, e ha tenuto per il 5-4. Ancora una volta, lo statunitense ha giocato il suo miglior game in risposta sul 6-5 in suo favore, portandosi a due punti dal match con un buon attacco di dritto chiuso a rete, ma stavolta Delbonis ha preso l’iniziativa ed è venuto a prendersi il punto a rete, ancorché in maniera un po’ fortunosa.

Il tie-break si è dunque concretizzato stavolta, ma non ha avuto storia: Opelka ha preso il mini-break di vantaggio sul 2-0, trovando profondità da dietro e obbligando Delbonis all’errore di rovescio, e ha allungato in maniera definitiva con una risposta potente che gli ha aperto il campo per il dritto. Sul 5-2 Delbonis ha spinto con costrutto sul rovescio dell’avversario, obbligandolo ad un passante difficile; Opelka ha risposto presente, infilandolo in cross, e ha chiuso sul punto successivo quando il recupero in back dell’argentino si è fermato in rete.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Roma città aperta (più o meno)

Lo sport riapre al pubblico in Italia proprio agli internazionali 2021. Abbiamo comprato un biglietto e vi raccontiamo com’è andata

Pubblicato

il

Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

Tra i privilegi più grandi per chi ha avuto l’onore e il piacere di di essere inviato al Roland Garros e Wimbledon, ai primi posti figurano le cene con Gianni Clerici. Una volta, tra un aneddoto sui fantasmi della sua villa sul lago di Como (“Giuro che ci sono davvero, anche se il Parroco li ha esorcizzati via citofono”) e un brindisi per la finale persa dalla Juve con il Real (“Gli Agnelli non mi sono mai stati simpatici”) ci disse: Non penso sia il caso di scrivere gli articoli narrando in prima persona. A meno di non essere Clerici”.

Ecco, appunto, non essendo Clerici (“Ma lo sai che siamo colleghi? Non perché tu sia giornalista, non mi permetterei mai, ma perché io da ragazzo ho esercitato da avvocato penalista per alcuni anni, prima che i miei genitori si arrendessero all’evidenza”), ci siamo sempre ispirati a quella lezione. Questo però vale per un cronista, non per un “povero spettatore pagante”. Pertanto, non essendo al Roland Garros o a Wimbledon, ma a Roma, ed avendo contribuito a rimpinguare le casse federali, procederò da umile spettatore che narra le sue avventure in prima persona.

L’ultimo match dal vivo che ho visto prima di oggi è stata la finale di Wimbledon 2019, una partitella come un’altra, per cui in ogni caso il paragone sarebbe imbarazzante. Con il bagno di umiltà connesso al passaggio dal Centre Court con l’accredito al collo al GrandStand (ex NextGen Arena) da 74 €, ho messo la sveglia alle 05.00 e programmato una giornata romana. Dopo il voucher e supervoucher della scorsa edizione, la federazione ha pensato bene di lasciare i biglietti in vendita anche durante tutto l’inverno in zona rossa.

Negli ultimi giorni però cominciavano a filtrare voci circa una parziale apertura e così ho osato, rischiando di finire nel nuovo valzer dei voucher. Invece, mi è andata bene e tutto sommato anche il programma del giorno non è male. Certo, al momento dell’acquisto sul sito il mio biglietto prevedeva 3 match di singolare maschile e 2 di femminile. Me ne hanno tolto uno, inventandosi la sessione serale sul GrandStand: ci sta, perché c’è il coprifuoco, ma magari un parziale rimborso…

 

Alle 09.15 io e il mio amico Luigi siamo i primi ad entrare, non c’è fila, praticamente non c’è nessuno. Controlli rapidissimi, la temperatura non ce la misura nessuno, qualche storia per la borraccia. “De alluminio nun pó entrà”, “è di plastica” faccio io. “Mah” fa l’addetto che evidentemente nelle ore di educazione tecnica alle medie dormiva, e si rivolge ad un collega fortunatamente più ferrato (è il caso di dire): “Te pare plastica questa?”. “Sì” e la sfanghiamo.

All’ingresso in campo mi dicono: Le ricordiamo che non può mangiare, non può fumare. Ma può bere”. Mi viene umano rispondere: “Come è umana lei”, e almeno strappo un sorriso all’addetta. La quale, poveretta, passerà tutto il primo set di Karatsev-Opelka a redarguire gli spettatori-scolaretti che tengono la mascherina abbassata o provano a mangiare un biscotto di nascosto. Memorabile la scena che si consuma quando l’addetta di cui sopra si rivolge ad un ragazzo che mastica sotto la mascherina. Manca solo il “TU MANGIAAAA?” di fantozziana memoria.

Per fortuna Binaghi ci regala l’amuchina, d’altra parte con quello che gli do da 20 anni a questa parte tra internazionali e tesseramento è il minimo. Ci fanno sedere lasciando tre sediolini liberi tra uno spettatore e l’altro, inutili le richieste di un papà con figlio di 7 anni che chiede di sedersi accanto. L’addetto in camicia nera ha lo sguardo cattivo e l’inflessibilità degli inetti. Intanto Opelka è indemoniato più di Karatsev, ma per la cronaca, andate altrove, sono solo un umile spettatore pagante.

Il foro è diviso in tre aree per evitare assembramenti, ma i più sfigati sono quelli come me che hanno il biglietto per il GrandStand. Eh si perché “quelli del Centrale” hanno ampi spazi, “quelli dei Ground” possono spaziare dal Pietrangeli ai campi secondari con tutti i viali annessi e connessi. A noi poveretti invece ci tocca il giro dello stadio e poco altro. Comunque l’italopiteco che sposta le transenne e va dove non potrebbe c’è sempre. Anzi, una volta che il capoultras ha aperto il varco, si infilano a seguire numerosi adepti, finché qualcuno se ne accorge, ma i buoi sono già scappati.

Il mistero glorioso di questa edizione degli internazionali resta l’assenza dei cestini per i rifiuti, introvabili ovunque. Passano ogni tanto dei poveri spazzini con annesso cestino a rotelle con la gente che gli si assembra attorno per gettare i rifiuti: geniale. Abbiamo provato a chiedergli il perché di questa scelta: “Boh, così ci hanno detto, così facciamo”. Elementare. Il pubblico romano regala sempre qualche magia: un tizio intona il classico po-po-po-po-po-po-po-po-pooo- ueeeeee e viene subito apostrofato in salsa Covid: “A questo gli hanno fatto astrazeneca”.

Arrivano Berrettini e Tsitsipas e il pubblico si scalda (anche se a Roma non si sa perché si passa dai 30 gradi quando c’è il sole ai 10 di quando passano le nuvole e sia alza il vento). Quando Matteo contesta il doppio rimbalzo su un recupero di Tsitsipas un tifoso gli fa: “Chiama il Var” e un altro gli risponde: “È inutile, tanto c’è Mazzoleni”. Siamo al cabaret puro. La partita è bella, il primo set è molto combattuto anche perché Matteo… no! No! No! Sono solo uno spettatore, non devo fare cronaca.

Allora scatto qualche foto, faccio qualche video e li posto sui social, tutte cose vietate agli inviati. Dite che ci sono fior fior di inviati che fanno tutto il contrario, popolando i social di foto e video? E vabbè. Dopo Berrettini, è la volta delle ragazze. Gente che ha vinto Slam o fatto finali, quindi livello alto. Si esce per assaggiare il caffè dell’unico stand a disposizione: il silenzio è l’unico commento possibile senza improperi. Dietro una balaustra scorgo Andy Murray che gioca il doppio, prima addirittura su quel campo c’era Paire, tutto il contrario di ciò che Andy rappresenta, e ho subito cambiato strada. Fa un po’ male al cuore vedere il tramonto di un grande campione, ma la classe di Andy non ha età. Non si può chiudere una giornata romana con tristezza e infatti l’arancia che rosseggia sui sette colli ci accompagna verso casa.

L’inflessibile controllore separa con malcelata soddisfazione una coppia che si abbraccia in tribuna ordinandogli il distanziamento. “Siamo sposati” dicono, ma non c’è verso. Quanto sei bella Roma quando è sera, ma le coppiette, se non si possono abbracciare, se ne vanno via.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement