Juan Martin del Potro alle Olimpiadi di Tokyo? Secondo il suo chirurgo si può fare

Flash

Juan Martin del Potro alle Olimpiadi di Tokyo? Secondo il suo chirurgo si può fare

Jorge Chahla, ortopedico argentino traslocato negli USA, ha parlato della riabilitazione dell’ex numero 3 ATP dopo l’intervento al ginocchio dello scorso 23 marzo

Pubblicato

il

 

L’obiettivo è sempre quello: indossare la casacca albiceleste alle prossime Olimpiadi di Tokyo. Il torneo di tennis, ai Giochi, scatterà il ventiquattro luglio, il che significa sostanzialmente una cosa: a Juan Martin del Potro restano meno di tre mesi per rimettersi in sesto, o almeno per provarci. Dall’ultima operazione – la quarta al ginocchio infortunato al Queen’s nel 2019; l’ottava in assoluto in carriera – ne sono passati quasi due, e Palito sta facendo il possibile e l’impossibile per accelerare un processo di riabilitazione da subito parso complesso. Superfluo dire che la forza di volontà non fa difetto all’ex numero tre ATP: altri, con un curriculum chirurgico simile, avrebbero gettato la spugna da qualche anno. Agli amici e collaboratori più stretti, il campione dello US Open 2009 avrebbe confidato di voler partecipare alle Olimpiadi anche supportato dal 50% della condizione. Ma le cose potrebbero migliorare, incrociando tutte le dita possibili.

Sta lavorando duro, con convinzione. Juan Martin è un professionista esemplare, molto scrupoloso: del resto difficilmente puoi diventare uno dei migliori giocatori al mondo se non sei una persona seria“. A parlare è Jorge Chahla, chirurgo argentino traslocato negli States, l’uomo che si è preso cura dell’articolazione di Palito nel suo ultimo soggiorno in sala operatoria lo scorso 23 di marzo. Secondo il professore, le possibilità per delPo di rientrare nel Tour al meglio delle sue potenzialità sono più che discrete, occorre essere ottimisti. “Ha subito un infortunio molto strano per lo sport che pratica – ha detto Chahla -; la rottura della rotula è di solito tipica degli sport di contatto, del basket, del calcio, ma sono fiducioso. Juan Martin sta dando e darà tutto sé stesso per recuperare al meglio, e sono convinto che ci riuscirà. Dal punto di vista clinico sta progredendo molto più rapidamente rispetto alla media dei pazienti. Sta lavorando duro insieme ai fisioterapisti e da solo, in palestra, con grande disciplina ed enorme cura all’alimentazione“.

Attualmente la Torre di Tandil si trova a Miami, dove sta proseguendo nel percorso di riabilitazione sotto la supervisione di medici e preparatori. Intorno alla metà di giugno è in programma l’incontro con il Professor Chahla per verificare le condizioni del ginocchio e chissà, forse per ottenere l’agognato via libera in vista di Tokyo. I tifosi di delPo in tutto il mondo sono autorizzati a fare gli scongiuri che ritengono più propizi, secondo la tradizione di ciascuno.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Raffaella Reggi su Bollettieri: “Entrava nell’anima di ogni suo giocatore, sapeva sempre dire la parola giusta”

Ubaldo Scanagatta e Raffaella Reggi ricordano Nick Bollettieri. Reggi si è allenata con lui da quando aveva 15 anni. “L’ho sentito l’ultima volta poche settimane fa”

Pubblicato

il

Nick Bollettieri

Poche ore dopo la scomparsa di Nick Bollettieri, il Direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta è stato interpellato da Radio Sportiva insieme con una delle sue allieve storiche, la faentina Raffaella Reggi, che è stata seguita dall’accademia del grande coach italo-americano a Bradenton in Florida da quando aveva 15 anni.

Stavo giocando lo US Open junior nel 1981 e sapevo che un mese dopo sarei andata in Florida ad allenarmi da lui nell’ambito di un contratto di sponsorizzazione che avevo firmato – ha ricordato Reggi – Arrivai in Florida un giorno più tardi perchè avevo perso la coincidenza a New York, e mi catapultarono subito in campo. Venti minuti dopo, con quelle sue quattro-cinque parole in italiano maccheronico che conosceva venne in campo e mi disse ‘Facciamo una scommessa io e te? Tra un anno tu sarai entrata nelle Top 50’. Sei mesi dopo ero già arrivata al n. 47, quindi ci aveva visto lungo“.

Qui sotto l’audio integrale della conversazione andata in onda su Radio Sportiva il 5 dicembre.

 

Le frasi celebri di Nick Bollettieri

Il ricordo dei campioni del tennis

Continua a leggere

ATP

Luca Van Assche, il primo 2004 a vincere un torneo Challenger: ecco il dato che può renderlo ottimista

Il diciottenne francese di origini italo-belghe iscrive il suo nome in un elenco che lo vede in compagnia anche di Alcaraz e Sinner

Pubblicato

il

Luca Van Assche – Maia Open 2022 (foto via Twitter @ATPChallenger)

Era in agguato da un paio di mesi, Luca Van Assche. Una, due, tre prede gli erano state soffiate all’ultimo momento da Cecchinato, Barrere e Krutykh. Era ormai solo questione di tempo, ma il tempo stava per scadere. O, meglio, il calendario era arrivato all’ultimo foglio da strappare, quello con i nomi di Maspalomas, nella Canarie, e Maia, in Portogallo. È stata quest’ultima la destinazione scelta da Luca per l’ultimo torneo della stagione, il Maia Open, categoria Challenger 80. Così, dopo tre finali perse, il diciottenne francese ha messo le mani sul suo primo trofeo a questo livello. Ora francese, ma nato a Woluwe-Saint-Lambert, comune nei pressi di Bruxelles, da padre belga e madre italiana, per poi trasferirsi con la famiglia a Aix-en-Provence all’età di tre anni.

Da numero 501 del ranking, a inizio anno ha giocato il suo ultimo torneo ITF, vincendolo. Ha così continuato la sua rapida ascesa (un anno prima era fuori dai primi 1500) fino all’attuale n. 138, l’ultimo (ma certo non ultimo) best ranking conquistato. Vincitore del Roland Garros 2021, per l’ATP misura 178 cm, un’altezza che, se confermata e definitiva, non è molto promettente, per quanto i due top 20 più bassi vantino appena cinque centimetri più di lui – e parliamo di Alcaraz e Ruud, numero 1 e 3 del mondo.

Di sicuro, almeno per adesso, non possiede il colpo che lascia fermo l’avversario, né a destra, né con il rovescio bimane, né con il servizio. Riservandoci di capire meglio nel prossimo futuro le qualità su cui può puntare per continuare un’ascesa che si fa sempre più ripida, ci sono un paio di dati che paiono di buon auspicio e, forse, anche per questo Luca sembra essersi avventato con particolare urgenza sul trofeo portoghese. Innanzitutto, l’elenco dei vincitori francesi under 18 a livello Challenger vede Richard Gasquet, Gael Monfils, Fabrice Santoro e Sébastien Grosjean. Vabbè, anche Corentin Moutet.

 

Inoltre, ci svela un tweet di Luca Fiorino, c’era una casella vuota in corrispondenza della classe 2004 nella lista dei primi vincitori Challenger di ogni annata ed è stata occupata appunto da Van Assche. Non che la concorrenza fosse agguerritissima, con il solo connazionale Fils (quello che aveva battuto Fognini nelle quali di Bercy per poi perderci al primo turno) a frequentare abitualmente la categoria. In ogni caso, considerando i nomi che lo precedono – Auger-Aliassime, Sinner, Musetti e Alcaraz – il giovane francese ha un motivo in più per essere ottimista riguardo alla propria carriera da pro.

Continua a leggere

Flash

Connors: “Sanzioni ITIA a Fish e Bryan da Medioevo: le scommesse fanno comodo al tennis”

L’ex campione statunitense dice la sua sul rapporto tra lo sport e il betting. Un punto di vista di chi confessa di essere stato uno scommettitore compulsivo

Pubblicato

il

Jimmy Connors, US Open 2017 - Raccolta fondi della Croce Rossa per le vittime dell'uragano Harvey (foto Art Seitz)

Jimmy Connors dice la sua sul rapporto tra tennis e scommesse e, come spesso accade quando parla, ciò che afferma non lascia indifferenti. Durante il suo podcast trasmesso dalla Apple e condotto insieme al figlio Brett, “Advantage Connors”, Jimmy ha parlato anche delle recenti sanzioni inflitte dalla ITIA a Mardy Fish e Bob Bryan, entrambi membri della nazionale americana, per aver promosso sui social una società di gioco d’azzardo. Per le regole ITIA, qualsiasi persona in attività nel tennis non può incoraggiare in alcun modo le scommesse. Ma Connors è di tutt’altro parere.

“Sanzioni così sono da Medioevo – ha detto Jimbo -. Le scommesse possono fare il bene del tennis ed è ora di capirlo, invogliando le persone a guardare le partite e tenersi aggiornati sui giocatori. Io sono un appassionato di tennis, ma l’idea di poter fare delle scommesse su baseball o basket mi rende interessato a quegli sport. Vogliamo dare alla gente un motivo in più per guardare il tennis? Inoltre, il tennis potrebbe avere dei benefici economici nello stringere rapporti con società di scommesse sportive”.

Come è ovvio, il tema è ampio e il mondo delle scommesse può anche avere degli influssi negativi, dal fenomeno del match fixing a quello delle ludopatie. Però Connors dice tutto questo rivelando di essere stato a sua volta uno scommettitore accanito. Secondo quanto riporta tennis365.com, infatti, Connors ha affermato di aver scommesso più volte su sé stesso persino quando giocava. Puntando sempre, ha precisato, su sé stesso vincitore. Grazie alla moglie, Jimbo ha poi superato il vizio del gioco ma tuttora si ritiene convinto che tennis e scommesse possano andare a braccetto.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement