ITF: "Era necessario iniziare alle 11". Da Parigi 2024 il torneo olimpico potrebbe durare 11 giorni

Flash

ITF: “Era necessario iniziare alle 11”. Da Parigi 2024 il torneo olimpico potrebbe durare 11 giorni

La Federazione Internazionale difende la scelta di far giocare i match nelle ore più calde come necessaria. Si lavora a un allungamento del torneo olimpico già a partire da Parigi 2024

Pubblicato

il

Belinda Bencic - Olimpiadi Tokyo 2020 (foto Twitter @tenisolimpico)

Dal nostro inviato a Tokyo

Poco prima dell’inizio dell’ultima giornata di tennis olimpico all’Ariake Tennis Park di Tokyo, l’ITF ha tenuto una breve conferenza stampa a conclusione del torneo. Il Presidente David Haggerty ha ringraziato pubblicamente l’organizzazione giapponese e il Governo del Sol Levante per lo sforzo profuso nella realizzazione di questo torneo durante un’emergenza nazionale e una pandemia ancora in corso.

Il torneo ha visto la partecipazione di 191 atleti di 45 nazioni e ha richiesto il lavoro di 1800 persone ogni giorno nella sede del torneo, tra organizzazione e personale di supporto. Per completare il torneo con le cinque competizioni in programma si sono disputati 208 incontri in 9 giorni con l’utilizzo di tutti i 12 campi dell’impianto. E proprio la necessità di dover far disputare un numero così elevato di partite, di cui 96 nel corso dei primi due giorni (47 il primo e 49 il secondo) è stata additata a motivo principe per la decisione di far iniziare le partite alle 11 del mattino, decisione poi cambiata a metà torneo a causa delle brutali condizioni atmosferiche alle quali erano stati sottoposti gli atleti. “Per assicurare il completamento dei 96 incontri nei primi due giorni abbiamo dovuto iniziare alle 11 per utilizzare tutto il tempo a disposizione, anche in considerazione del fatto che martedì era prevista pioggia con il tifone in arrivo – ha detto Kris Dent, Direttore Esecutivo per la ITF responsabile per i grandi eventi – sappiamo che abbiamo richiesto tanto ai giocatori, ma purtroppo con 9 giorni per far disputare cinque tabelloni non avevamo scelta”.

 

In realtà, durante le prime giornate spesso il programma è stato concluso piuttosto presto e poco dopo il calar del sole (che a Tokyo in questa stagione avviene poco dopo le ore 19) i match in campo sono stati molto pochi. All’inizio del torneo era stato suggerito che non si potesse andare oltre la mezzanotte a causa dello stato di emergenza in cui si trova la zona di Tokyo in questo momento, ma ci sono state altre competizioni che sono terminate ben oltre la mezzanotte, e anche sabato sera, con la finale femminile tra Bencic e Vondrousova, la cerimonia di premiazione si è tenuta dopo mezzanotte e gli ultimi addetti ai lavori a lasciare l’impianto se ne sono andati dopo l’una.

In ogni caso, è stato annunciato che l’ITF ha intenzione di parlare con tutte le altre organizzazioni del tennis professionistico per poter allungare il torneo olimpico a 11 giorni già a partire dal 2024, quando i Giochi Olimpici si disputeranno a Parigi dal 27 luglio all’11 agosto, con il tennis ospitato nell’impianto del Roland Garros. “I giocatori ci chiedono questo – ha continuato Dent – per poter partecipare in più competizioni ed avere più chance per rappresentare il proprio Paese”.

L’idea sembra abbastanza chiara: con 11 giorni a disposizione si darebbe la possibilità a chi vuole partecipare a singolo, doppio e misto di evitare i doppi turni sfruttando i giorni di riposo che si potrebbero includere all’interno di un programma meno compresso. Si tratterebbe di un ritorno all’antico, dal momento che nel 1988 e nel 1992, nelle prime due edizioni del torneo di tennis olimpico dopo il “ritorno ai giochi” della disciplina, il torneo fu simile a quello di uno Slam, con una durata di due settimane e i match maschili disputati al meglio dei cinque set.

Il problema, ovviamente, sarebbe l’incursione quadriennale che si avrebbe nei calendari ATP e WTA: con il torneo olimpico allungato a 11 giorni si impatterebbero ben due settimane dei tour, senza considerare che la collocazione solita delle Olimpiadi sarebbe immediatamente a ridosso dei ‘1000’ di Montreal, Toronto e Cincinnati, e nel 2024 ciò comporterebbe un cambiamento di continente, fuso orario e soprattutto superficie estremamente repentino.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sinner: “A breve allargherò il mio team con un’altra persona”. Suggestione super coach per Jannik

Su La Stampa, Stefano Semeraro prova a ipotizzare chi potrebbe sedere sulla panchina di Jannik: e quando Piatti parlò di McEnroe…

Pubblicato

il

“Come sapete da un po’ di tempo la squadra è composta da tre persone: insieme a Riccardo Piatti ci sono il fisioterapista Claudio Zimaglia e il preparatore Dalibor Sirola. A breve ci sarà una quarta persona, ma per adesso non posso dirvi altro“. Queste recenti dichiarazioni di Jannik Sinner hanno sollevato la curiosità dei molti che si stanno chiedendo chi potrebbe essere il quarto elemento che si unirà al team dell’azzurro. Su La Stampa, Stefano Semeraro si è abbandonato a una suggestione piuttosto intrigante, che tira in ballo il nome di John McEnroe.

Il giornalista ricorda una diretta Facebook di un paio di anni fa nella quale Riccardo Piatti, intervistato da Marco Montemagno, dichiarò: “io e John abbiamo già lavorato insieme quando preparammo la stagione sull’erba di Milos Raonic. È un simpatizzante di Jannik e gli ho mandato un messaggio in cui gli dicevo che fra un anno avrò bisogno di lui“. L’anno preventivato è già passato da un po’, ma chissà che nella memoria del coach di Sinner non sia rimasta qualche traccia di quella affermazione.

Nell’articolo si mette momentaneamente da parte questa ipotesi per provare a cercare altri possibili candidati all’interno del nutrito gruppo di “supercoach” che negli ultimi anni si sono seduti – con più o meno continuità – negli angoli di vari top player. I nomi sono quelli di Magnus Norman, Andre Agassi, Boris Becker, Stefan Edberg e Ivan Lendl, senza escludere del tutto anche allenatori che al momento sono impegnati in altre collaborazioni, come Darren Cahill e Carlos Moya.

 

Qui i tabelloni completi dell’Australian Open 2022

Continua a leggere

Flash

Australian Open, Berrettini: “Mi considerano giovane, poi accanto a Alcaraz e Sinner sembro un veterano” (VIDEO)

Il romano scherza con Eurosport dopo la vittoria su Kozlov

Pubblicato

il

Dopo la convincente vittoria al secondo turno contro la wild card statunitense Stefan Kozlov, Matteo Berrettini è stato raggiunto dai microfoni di Eurosport per commentare la partita da poco conclusa: “Lui è un giocatore molto complicato da affrontare, perché ti fa giocare male. L’importante però era vincere e l’ho fatto usando le mie armi. Alla fine ha anche avuto i crampi quindi vuol dire che l’ho fatto correre“.

L’attenzione però è tutta rivolta all’imminente sfida contro Carlos Alcaraz. Il giovanissimo spagnolo (classe 2003) sta giocando molto bene e dunque rappresenterà uno scoglio non banale sulla rotta verso gli ottavi di finale. “Sicuramente è uno dei giocatori più caldi del momento. Mi ricordo bene la partita di Vienna, è stata una bella battaglia (vinse Alcaraz 6-1 6-7 7-6, ndr). L’ho studiato e sono molto carico“, ha detto l’azzurro del suo prossimo avversario.

Qui i tabelloni completi dell’Australian Open 2022

 

Continua a leggere

Australian Open

I colpi più belli del day 3: Dal dietro la schiena di Moutet fino alla potenza di Camila Giorgi (VIDEO)

Nella top5 dei colpi migliori del terzo giorno degli Australian Open c’è uno spettacolare schiaffo al volo di Giorgi: ecco le immagini di Eurosport

Pubblicato

il

La seconda giornata degli Australian Open ci ha regalato tanti punti fantastici da assaporare attraverso il video di Eurosport che raccoglie in una top5 tutti i colpi migliori della giornata di secondi turni della parte alta. Dalla splendida palla corta di Harmony Tan contro Elina Svitolina alla quinta posizione si passa al tweener esteticamente perfetto ma non vincente di Denis Shapovalov contro Sonwoo Kwon. Un po’ d’Italia nella compilation con lo schiaffo al volo di dritto all’incrocio delle righe di Camila Giorgi, impegnata ieri contro Tereza Martincova. Chiude il video nelle prime due posizioni il recupero vincente attorno al paletto di Pablo Carreno-Busta e la spettacolare volée dietro alla schiena di Corentin Moutet.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement