US Open, bene Andreescu e Barty, rischiano Swiatek e Pliskova

Flash

US Open, bene Andreescu e Barty, rischiano Swiatek e Pliskova

La ceca salva un match point, mentre Iga recupera un set e un break di svantaggio. Vincono facilmente Kerber e Raducanu

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - US Open 2021 (photo Garrett Ellwood/USTA)

Tutte le big in campo ieri allo US Open sono riuscite ad assicurarsi il passaggio al terzo turno, sebbene alcune di loro abbiano visto da vicino lo spettro dell’eliminazione – vediamo com’è andata.

[1] A. Barty b. C. Tauson 6-1 7-5

La prima favorita del torneo Ashleigh Barty ha avuto bisogno di 90 minuti per aver ragione della classe 2002 danese Clara Tauson in un match che avrebbe potuto avere un punteggio ancora più netto, visto che l’aussie si è guadagnata ben 19 palle break (“solo” cinque concretizzate) e che non ha sfruttato un match point sul 5-3 (non è nemmeno riuscita a chiudere alla prima opportunità di servire per il match sul 5-4). In ogni caso non ci sono stati grossi problemi per lei in quello che rimane (per ora) il suo Slam di minor successo: a Flushing Meadows non ha infatti mai raggiunto i quarti di finale.

 

Barty ha messo a segno più del doppio dei vincenti dell’avversaria (33-14), dato non banale visto che Tauson è già ora una delle colpitrici più potenti del circuito WTA, e ha continuato a servire ai livelli già visti a Cincinnati – 11 ace e 80% di conversione con la prima. Il primo set si è sostanzialmente deciso in un secondo game gargantuesco da 24 punti in cui Barty ha avuto bisogno di ben dieci palle break per mettere la freccia. Da lì in avanti, la due volte campionessa Slam non ha avuto remore, e ha chiuso rapidamente sul 6-1.

Tauson è riuscita a scuotersi un minimo all’inizio del secondo, quando, persa la battuta nel primo game, ha subito sfruttato la prima chance di giornata per pareggiare. Finita in svantaggio 3-5, la danese sembrava pronta a salutare il torneo, ma in qualche modo è riuscita a salvare un match point con il servizio e a strappare la battuta all’avversaria per il 5-5. Si è trattato però di una breve défaillance, perché Barty si è subito riportata in posizione andando a servire per il match sul 6-5, e pur concedendo un’ultima palla break è riuscita chiudere, prenotando un terzo turno con Shelby Rogers, lo scorso anno battuta nei quarti di questo evento da Naomi Osaka.

[7] I. Swiatek b. F. Ferro 3-6 7-6(3) 6-0

Se l’è vista brutta Iga Swiatek, brava a girare l’incontro di secondo turno con una Fiona Ferro che era scappata sul 6-3 2-0 e sembrava pronta a servire l’upset. La vincitrice del Roland Garros 2020 è però riuscita a risollevarsi, e dopo aver vinto brillantemente il tie-break del secondo non ha avuto problemi a sbarazzarsi dell’avversaria alla distanza, accedendo al terzo turno in due ore e tre minuti. Non ho iniziato bene, non riuscivo a sentirmi le gambe, ha detto Swiatek. “Non è la prima volta, è un problema su cui sto cercando di lavorare. Nel secondo set sono riuscita a rilassarmi, tuttavia, e sono stata brava a cambiare tattica”.

Dopo aver rimontato un break nel primo set, Swiatek ha perso la battuta sul 3-4 con un doppio fallo esiziale, finendo per perdere il parziale contro una Ferro da 14/16 con la prima di servizio. Nel secondo sembrava che l’inerzia del match pendesse ormai totalmente dalla parte della transalpina, ma, sotto 0-2, Iga ha infilato una striscia di quattro giochi di fila. Ferro ha recuperato, procurandosi anche una palla break sul 4-4 che l’avrebbe mandata a servire per il match; con continui ribaltamenti di fronte, ha poi salvato due set point non consecutivi sul 5-6, ma nel tie-break non è riuscita a gestire l’impeto di Swiatek (che ha chiuso con quasi il doppio dei vincenti, 37-21, a fronte di soli quattro unforced in più, 35-31), finendo indietro 2-5 senza riuscire a tornare a contatto.

Il terzo set non ha avuto storia, con Swiatek che ha fatto 8/8 sia sulla propria prima di servizio che sulla seconda dell’avversaria, concedendo appena sette punti in sei game. La sua prossima avversaria sarà Anett Kontaveit, che ha perso appena otto giochi in due incontri e che ieri ha regolato la finalista di Cincinnati Jill Teichmann per 6-4 6-1.

[4] K. Pliskova b. A. Anisimova 7-5 6-7(5) 7-6(7)

E chi si è trovata veramente sull’orlo del baratro è la finalista di Wimbledon Karolina Pliskova, che in un incontro dominato dai servizi ha salvato un match point ad Amanda Anisimova per riuscire a batterla in due ore e 21 minuti. Come segnalato dal sito della WTA, i 24 ace della ceca sono il dato più alto segnato in un incontro femminile a Flushing Meadows dal 1998 a oggi. “Senza il mio servizio non sarei riuscita a vincere questa partita”, ha detto un po’ lapalissianamente Pliskova. “Credo che ci siamo spinte a servire sempre meglio. Il tennis femminile di solito è fatto di tanti break, quindi credo che il nostro rendimento al servizio sia stato impressionante“.

Le due hanno come detto avuto numeri decisamente elevati alla battuta: entrambe hanno messo in campo oltre il 70% di prime (73-70 Pliskova), convertendone almeno tre quarti (78-75 sempre in favore di Karolina). L’ovvio corollario è che i break siano stati pochissimi, appena tre, e tutti nel primo set: Anisimova ha colpito per prima, salendo 4-3 e servizio, ma ha perso la battuta a zero, e dopo aver salvato un primo set point sul 4-5 non è riuscita a ripetersi nel turno successivo.

Nel secondo non c’è stata nemmeno l’ombra di una palla break, e la differenza è stata fatta dalla prima di Anisimova (appena quattro punti persi) e dai due doppi falli commessi da Pliskova nel tie-break, incluso uno sul set point. Le due hanno continuato ad essere irreprensibili fino al 5-5 nel parziale decisivo, quando Anisimova ha dovuto salvare quattro break point non consecutivi che avrebbero mandato Pliskova a servire per il match.

Qualche rimpianto per la ceca per la seconda chance, sprecata con un errore sottorete, soprattutto perché durante il tie-break decisivo i buoi parevano essere scappati dalla stalla sul 5-2 Anisimova. A quel punto però la ex-N.1 WTA ha vinto quattro punti di fila, guadagnandosi un match point. La giovane statunitense si è però salvata a rete e ha avuto a sua volta una palla per chiuderla, ma Pliskova non le ha dato la possibilità di entrare nello scambio, chiudendo sul 9-7 grazie ad un errore della rivale. Al prossimo turno la aspetta un’altra colpitrice potente come Ajla Tomljanovic, che ha prevalso per 7-6(6) 6-4 su Petra Martic, tds N.30.

[6] B. Andreescu b. L. Davis 6-4 6-4

Decisamente più agevole rispetto a quello del primo turno il successo della campionessa del 2019 Bianca Andreescu, che ha sconfitto Lauren Davis in 96 minuti di sessione serale molto ventosa e che deve ancora perdere un match nel tabellone principale dello US Open (nove vittorie su nove in carriera, visto che prima del titolo di due anni fa aveva perso due volte nelle qualificazioni). La canadese ha vinto due set relativamente simili in cui è andata per due volte sotto di un break, e pur senza giocare benissimo (19 vincenti a fronte di 23 non forzati) è stata molto concreta quando ha avuto delle chance, visto che ha sfruttato sei palle break su otto e soprattutto è riuscita a strappare la battuta all’avversaria in tutti game in cui ne ha avute.

Davis sarebbe potuta scappare a inizio partita, quando ha avuto una palla del 3-0 e servizio, ma non vi è riuscita, finendo per rimanere sempre a contatto con l’indomita rivale. Andreescu ha recuperato sul 2-2, e dopo aver perso la battuta nel settimo game ha infilato tre game di fila per mettere in saccoccia il parziale. Nel secondo le due si sono breakkate quattro volte di fila (complice un vento incompatibile con un lancio di palla lineare), ma alla fine Davis non è riuscita a sfruttare una situazione di 15-40 sul 3-3, finendo per perdere la battuta nell’ultimo game dell’incontro.

“Mi sento molto bene in campo”, ha detto Andreescu.Sto iniziando a ritrovare il mio gioco con il passare degli incontri. Anche oggi non è stato un match facile, sebbene l’abbia chiuso in due set. Sono contenta di come sto servendo e di come mi sto muovendo in campo, perché sono aspetti su cui ho lavorato tanto”.

Bianca Andreescu – US Open 2021 (photo Adam Glanzman/USTA)

TUTTO LISCIO PER KERBER E RADUCANU

Secondi turni semplici, infine, per due delle stelle dell’ultimo Wimbledon, vale a dire Angelique Kerber ed Emma Raducanu: la prima ha regolato Kalinina per 6-3 6-2 in poco più di un’ora, la seconda ha prevalso per 6-2 6-4 su Shuai Zhang.

Per la ex-N.1 WTA era importante non sprecare troppe energie, visto che il suo era l’unico match in sospeso dal programma di mercoledì. Missione compiuta (e vendetta servita, visto che Kalinina l’aveva sorprendentemente battuta al primo turno dell’ultimo Roland Garros), visto che è immediatamente scappata sul 4-0 senza perdere punti al servizio; a quel punto si sono susseguiti quattro break consecutivi, ma al momento di servire per il set sul 5-3 Kerber non ha tremato, e nel secondo è nuovamente andata avanti 4-0 senza più guardarsi indietro. Particolarmente bene nello scambio la tedesca, che escludendo ace e doppi falli ha messo segno 21 vincenti a fronte di soli 11 non forzati. Per lei si tratta della sedicesima vittoria negli ultimi 18 incontri disputati, con le uniche due sconfitte giunte per mano della numero uno Barty; la sua prossima avversaria (già oggi) sarà Sloane Stephens.

Cresce sempre più in fretta Emma Raducanu, che battendo Zhang in 82 minuti ha ottenuto la tredicesima vittoria nelle ultime 15 partite disputate fra Landisville, Chicago e Flushing Meadows; la classe 2002 ha peraltro a sua vendicato una recente sconfitta per mano della giocatrice cinese, nel suo caso al torneo di San José. Raducanu ha rapidamente messo un’ipoteca sulla contesa, salendo 6-2 4-0 concedendo appena cinque punti al servizio; a quel punto Zhang ha avuto un colpo, sfruttando l’unica palla break di giornata e vincendo un lungo game in cui ha salvato tre chance consecutive del doppio break per riavvicinarsi sul 3-4.

La britannica si è però ricomposta, e concedendo un solo quindici ha chiuso la pratica. Raducanu è la più giovane giocatrice rimasta in gara assieme a Leylah Fernandez, nonché l’ultima qualificata rimasta (curiosamente sono di più le lucky loser che hanno raggiunto il terzo turno, vale a dire Rakhimova e Minnen). Il prossimo ostacolo fra lei e due ottavi consecutivi nei primi due Slam disputati è Sara Sorribes Tormo, facilmente vincitrice di Hsieh per 6-1 6-3.

Il tabellone femminile dello US Open con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Commenti

Flash

Anversa, le quote della finale: Sinner parte nettamente avanti a 1,40

Occhio però a Schwartzman, molto positivo anche contro Brooksby in semifinale

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 - BELGA PHOTO LAURIE DIEFFEMBACQ

Alle 16:30 oggi andrà in scena la finale dell’ATP 250 di Anversa con in campo le prime due teste di serie del torneo Jannik Sinner e Diego Schwartzman, entrambi giunti all’epilogo senza concedere set.

Primo confronto diretto in assoluto fra i due, con l’italiano dato favorito dai bookmakers in media a 1,40, mentre un successo dell’argentino pagherebbe circa 2,80. Il risultato più probabile è un 2-0 per Sinner, dato a 2,20, mentre vale 2,35 che il match vada al terzo.

Ci si augura di rivedere la versione deluxe di Jannik ammirata contro Lloyd Harris, letteralmente travolto da un Sinner quasi perfetto, uno dei migliori visti nella sua breve carriera. Il ragazzo di Sesto Pusteria sembra, finalmente, divertirsi in campo, provando anche nuove soluzioni, probabilmente facilitato da quella che è, a suo dire, la sua superficie preferita. Quinta finale stagionale per lui, con un bilancio di tre successi (Melbourne, Washington e Sofia) e una sconfitta (quella del 1000 di Miami patita contro Hubi Hurkacz). In caso di vittoria diventerebbe il primo italiano nella storia ad alzare quattro trofei in una sola stagione, peraltro ancora in corso.

 

Seconda finale dell’anno, dopo quella vinta sulla terra di casa di Buenos Aires a marzo, per Schwartzman, che sul cemento belga ha viaggiato a vele spiegate, battendo, nell’ordine, Andy Murray (sconfitto dopo un inizio di primo set complicato), Brandon Nakashima e Jenson Brooksby. Il piccolo sudamericano, ex numero 8 al mondo, è parso finalmente in ripresa dopo un anno con più bassi che alti, e venderà sicuramente cara la pelle. Bilancio negativo però nelle finali per lui: quattro vittorie su undici, perdendone quattro delle ultime cinque giocate.

***Le quote  sono aggiornate alle 9 di domenica 24 ottobre e sono soggette a variazione

Continua a leggere

Flash

ATP San Pietroburgo, il tabellone: Rublev è il primo favorito

Campione uscente sia in questo torneo che a Vienna, Andrey è a caccia di riscatto. Al via anche Shapovalov e i finalisti di Mosca Karatsev e Cilic

Pubblicato

il

Andrey Rublev - San Pietroburgo 2020 (via Twitter, @atptour)

In contemporanea con l’ATP 500 di Vienna, dove Ruud, Hurkacz e Sinner si daranno battaglia per guadagnarsi gli ultimi posti per le ATP Finals, il circuito ATP farà tappa per la seconda settimana consecutiva in terra russa: dopo il 250 di Mosca, da lunedì sarà la volta del St. Petersburg Open, torneo altresì da 250 punti che si svolgerà sui campi della Sibur Arena (cemento indoor, tabellone da 28 giocatori, total financial commitment di 932.370 dollari).

Il primo favorito del torneo è il campione in carica Andrey Rublev, che, ironia della sorte, è il detentore del titolo in entrambi i tornei della prossima settimana! Nella città fondata dallo zar Pietro il Grande, il ventiquattrenne russo cercherà di riscattarsi dalla precoce eliminazione in quel di Mosca per mano di Mannarino. Dopo il bye al primo turno, l’esordio per il numero sei del mondo sarà contro uno tra il bielorusso Ivashka e il serbo Djere, per poi trovare in un ipotetico quarto il figlio d’arte e Next Gen statunitense Sebastian Korda.

Nella parte alta al via anche la testa di serie numero 3 Roberto Bautista Agut, che per il suo match inaugurale attende il vincente della sfida tra Mackenzie McDonald ed un qualificato. Nello stesso quarto dello spagnolo anche Karen Khachanov, tds N.6, e il croato Marin Cilic, che oggi giocherà la finale a Mosca.

 

Di seguito il tabellone:

Nella parte bassa il ruolo di favorito è per il canadese, nato a Tel Aviv ma con sangue russo, Denis Shapovalov. Il numero 15 del ranking sarà alla ricerca di riscatto dopo una seconda parte di stagione piuttosto deludente, caratterizzata dall’eliminazione al primo turno a Toronto e Cincinnati, al terzo turno dello US Open e al terzo turno di Indian Wells. Shapo beneficerà di un bye al primo turno e attenderà al secondo il vincitore della sfida tra Andujar e Delbonis. Nello stesso quarto di tabellone è presente la testa di serie numero 7, il kazako (russo di nascita) Alexander Bublik.

Tra i protagonisti del torneo al via anche Aslan Karatsev, testa di serie numero 4. Il russo giocherà la finale moscovita contro Cilic prima di volare a San Pietroburgo, dove farà il suo esordio contro il vincente della sfida tra l’australiano John Millman e la wild card israeliana Oliel.

Qui il tabellone aggiornato di San Pietroburgo e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere

Flash

WTA Transilvania, il tabellone: riflettori puntati su Halep e Raducanu

Il tennis femminile fa tappa a Cluj-Napoca per la seconda volta in stagione. È notizia degli ultimi giorni che si dovrà giocare a porte chiuse

Pubblicato

il

Simona Halep all'Australian Open 2021 (foto Twitter @AustralianOpen)

Questa settimana nel calendario WTA debutteranno due tornei: oltre a quello di Courmayeur, infatti, si disputerà anche un altro 250, il Transylvania Open di Cluj-Napoca. Quest’anno il circuito femminile aveva già fatto tappa nella regione della Romania centrale, ad agosto, e ora è tornato di nuovo in questa storica città per un secondo evento. Stavolta però non si giocherà all’aperto sulla terra (dove aveva vinto Petkovic), bensì al chiuso e sul cemento della BTarena Sala Polivalentă con un total financial commitment di 235.238 dollari e un tabellone da 32 giocatrici.

Il main draw è di notevole livello, soprattutto se si considera il periodo della stagione e il fatto che si tratta di una prima edizione. A spiccare su tutte ovviamente è il nome dell’ex-numero uno del mondo e favorita di casa Simona Halep. La due volte vincitrice Slam, che in patria ha già vinto due trofei in passato, esordirà in questo torneo contro la connazionale Elena-Gabriela Ruse in una sfida interessante per il contrasto di stili. La ventitreenne Ruse, che quest’anno è sbarcata in Top 100, ha un gioco tutt’altro che difensivo, così descritto sul sito ufficiale del torneo: “Una combinazione di potenza, colpi duri, aggressività soffocante e tanto coraggio”.

Di seguito il tabellone:

 

L’altra grande star del torneo è però ovviamente Emma Raducanu, vincitrice dello US Open e attualmente impegnata nel processo di stabilizzazione dopo un successo così roboante. Sicuramente prendere parte ad tornei più piccoli, dove si respira un’aria più rilassata, potrà aiutarla a sentirsi più a suo agio nella sua nuova dimensione di top player; non dimentichiamo che il padre ha origini rumene, cosa che le avrebbe certamente garantito il supporto del pubblico, pubblico che però purtroppo non sarà presente a causa del forte aumento dei casi di COVID-19 nel Paese. Al primo turno Raducanu affronterà la slovena Polona Hercog.

La seconda testa di serie invece è stata assegnata ad Anett Kontaveit la quale però al momento è ancora impegnata a Mosca nella Kremlin Cup, dove giocherà oggi alle 19 la finale contro Ekaterina Alexandrova; qualora dovesse confermare la sua presenza in Romania, la tennista estone scenderà in campo contro una qualificata. Segnaliamo infine che non sono presenti italiane né nel tabellone principale né nelle qualificazioni.

Qui il tabellone del Transylvania Open e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement