Nei Dintorni di Djokovic: non ci resta che Nole

Flash

Nei Dintorni di Djokovic: non ci resta che Nole

Djokovic si ferma ad un passo del Grande Slam. Ma a parte lui, nessun tennista proveniente dai paesi dell’ex Jugoslavia è arrivato al terzo turno a New York. E il futuro non promette molto, in particolare in campo maschile

Pubblicato

il

Novak Djokovic - US Open 2021 (via Twitter, @atptour)

Tutte le luci erano, giustamente, puntate su di lui: Novak Djokovic. Dopo la conquista dei primi tre Slam stagionali, il suo tentativo di realizzare il Grande Slam, 52 anni dopo Rod Laver, e al contempo superare gli eterni rivali Federer e Nadal per numero di Major vinti, ha chiaramente monopolizzato l’attenzione degli addetti ai lavori. Nole si è fermato proprio ad un passo dal traguardo, sconfitto in finale da un grandissimo Daniil Medvedev e dalle tante, troppe, fatiche fisiche, mentali ed emotive di queste due settimane. Forse potremmo dire di questi due ultimi mesi, poiché già dopo la vittoria di Wimbledontutto il mondo del tennis (e non solo) ha cominciato a parlare sempre più insistentemente del suo possibile Grande Slam.

La sconfitta non gli ha permesso di realizzare un’impresa leggendaria a livello sportivo, ma questo non toglie nulla alla grandezza del fuoriclasse belgradese. Anzi, per come è avvenuta ha addirittura aggiunto qualcosa, con quelle lacrime che non è riuscito a trattenere al cambio campo e durante la premiazione (e poi anche nella conferenza stampa con i giornalisti serbi, quando ha parlato della sua famiglia), che hanno fatto capire fino in fondo a tutti quale enorme turbinio di emozioni abbia dovuto gestire internamente nell’ultimo periodo, mentre sul campo doveva affrontare i migliori giocatori al mondo. Soprattutto, ci permettiamo di dire, a coloro che sinora per svariati motivi – più o meno plausibili – ne avevano spesso sminuito le gesta sportive o enfatizzato i difetti e le reazioni talvolta non ineccepibili. Ma un atleta non raggiunge certi risultati se oltre alla tecnica, al fisico ed alla testa non ci mette il cuore e, come Nole suole spesso dire, l’anima. Ecco, forse domenica sera in tanti sono finalmente riusciti a vedere l’anima di Novak Djokovic.

Le eccezionali gesta del fenomeno serbo hanno fatto passare un po’ sotto silenzio, da quelle parti, il fatto che il resto della truppa proveniente dai paesi dell’ex Jugoslavia ha salutato molto presto New York. Ad esclusione del n. 1 del mondo, infatti, nessun tennista di quelle zone è riuscito a raggiungere il terzo turno a Flushing Meadows. Un dato preoccupante, soprattutto se confrontato con il recente passato. Quest’anno, per capirci, Dusan Lajovic e Donna Vekic erano arrivati agli ottavi a Melbourne e Filip Krajinovic (portando Medvedev al quinto set) e Kaja Juvan al terzo turno; Tamara Zidansek in semifinale e Polona Hercog e Laslo Djere al terzo turno a Parigi; a Wimbledon nessuno a parte Nole era approdato alla seconda settimana, ma in tre (Marin Cilic, Aljaz Bedene e Kaja Juvan) al terzo turno.

 
Dusan Lajovic

Se andiamo a vedere com’era andata lo scorso anno a New York, il dato è ancora più sconfortante. In campo maschile, oltre a Nole squalificato negli ottavi, Borna Coric era arrivato sino ai quarti, Marin Cilic e Filip Krajinovic al terzo turno; mentre nel femminile Petra Martic agli ottavi e Donna Vekic al terzo turno. Vediamo nel dettaglio, nazione per nazione, quanto male è andata, per tutti, questa edizione dello US Open.

SLOVENIAAssente Aljaz Bedene, che ha dovuto rinunciare in quanto ancora alla prese con gli strascichi dell’infezione da Covid-19 contratta a luglio, ormai da tempo rimasto l’unico a difendere in maniera continuativa a livello Slam i colori della nazione subalpina in campo maschile, erano invece tre le tenniste slovene impegnate a Flushing Meadows. Subito eliminata Polona Hercog (contro Kvitova), hanno passato un turno Tamara Zidansek e la giovane Kaja Juvan, prima di cedere rispettivamente, in maniera netta, a Sabalenka e Collins.

CROAZIAAncora ai box Borna Coric dopo l’operazione alla spalla destra della scorsa primavera, sono usciti subito sia Marin Cilic che Ivo Karlovic. Il vincitore dell’edizione 2016 è stato costretto al ritiro per la prima volta in carriera a partita in corso, al suo 868esimo match, ennesimo segnale del declino del campione di Medjugorje. Karlovic il suo comunque l’aveva già fatto qualificandosi per il main draw a 42 anni. Potrebbe essere stato l’ultimo Slam per il gigante di Zagabria, che ha detto che deve valutare se proseguire o meno, considerato che la sua classifica lo costringe a giocare a livello Challenger.

In campo femminile, nonostante la sconfitta al primo turno, è arrivato qualche buon segnale da Donna Vekic, che dopo gli ottavi raggiunti a Melbourne si è dovuta operare al ginocchio destro ed è rientrata solo a fine maggio al Roland Garros. Senza l’aiuto della dea bendata, se andiamo a vedere i sorteggi a livello Slam dove ha sempre incontrato prestissimo una delle prime dieci del seeding: a Parigi e a Wimbledon aveva trovato Pliskova, rispettivamente al primo e al secondo turno, a New York ha dovuto affrontare subito Muguruza. A una top 60 (top 40 prima di Parigi) poteva andare decisamente meglio. Di positivo, dicevamo, c’è comunque la prestazione, dato che la spagnola ha avuto bisogno di due tie-break per vincere; di negativo il fatto che Donna ha perso i punti dei quarti di finale 2019 (non aveva giocato lo scorso anno) ed è scivolata ai margini della top 100 (n. 98), dove i sorteggi non possono certo migliorare.

Seconda parte della stagione da dimenticare per Petra Martic, che dopo la semifinale agli Internazionali d’Italia non è più riuscita a vincere due match di fila. Neanche a New York, dove dopo la vittoria sulla qualificata ungherese Galfi è stata fermata dalla ex connazionale, ora australiana, Ajla Tomljanovic (insieme, giovanissime, vinsero il loro primo torneo di doppio ITF a Zagabria, città natale di Ajla). Poco da rimproverare ad Ana Konjuh, che continua il suo percorso di riavvicinamento alle posizioni in classifica che occupava stabilmente prima del lungo stop a causa dei problemi al gomito destro. La tennista di Dubrovnik ha infatti superato con autorità i tre turni delle qualificazioni, prima di incocciare al primo turno in una delle grandi rivelazioni del torneo, la 18enne finalista canadese Leylah Fernandez. E da questa settimana Ana è la seconda croata in classifica (n. 82 WTA), dopo Petra Martic, avendo scavalcato Vekic: sorpasso curiosamente ratificato dalla vittoria nello scontro diretto di lunedì al primo turno del WTA di Portorose.

Immagine
Donna Vekic e Ana Konjuh – WTA Portorose (fonte: Twitter)

MONTENEGROAnnata complicata anche per Danka Kovinic, a causa di un infortunio al polpaccio che ha compromesso la stagione sulla terra e le ha fatto saltare quella sull’erba. Rientrata a metà agosto, con due sconfitte al primo turno nei due tornei disputati a Chicago, la 26enne di Cetinje è ben lontana dalla sua forma migliore e quindi non sorprende la sconfitta contro Kristyna Pliskova, proveniente dalle qualificazioni.

SERBIA – Di Djokovic abbiamo già parlato. L’altra testa di serie serba del tabellone maschile, la n. 32 Krajinovic, è uscita subito di scena, sconfitto in quattro set da Pella. Lajovic non ha sfruttato una grossa occasione per bissare gli ottavi di Melbourne. Dopo la vittoria all’esordio con Paire, “Dule” è andato in vantaggio per due set a uno e si è procurato due palle break consecutive nel settimo gioco del quarto contro Gojowczyk, ma poi ha subito la rimonta del giocatore tedesco, che nel turno successivo ha poi superato senza grossi problemi Laaksonen. Non sorprende la sconfitta di Djere contro Kudla, ben più attrezzato di lui sul cemento. In crisi di risultati il giovane del gruppo, Miomir Kecmanovic, che non vince due match di fila dall’ATP di Belgrado di aprile. Il 22enne belgradese chiude con un 0-4 la sua campagna sul cemento americano, fermato da una delle rivelazioni di questa estate, il 26enne francese Rinderknech che lo ha superato al quinto (e che Miomir aveva battuto proprio negli ottavi a Belgrado).

Nel singolare femminile, sorteggio sfortunato per Nina Stojanovic, che si è trova subito di fronte la tds n. 2 e futura semifinalista Sabalenka, alla quale è riuscita a strappare il secondo set al tie-break prima di crollare nel terzo sotto i colpi della bielorussa. Sconfitta che le è costata l’uscita dalla top 100, dove era l’unica serba. Niente da fare anche per Ivana Jorovic, entrata grazie al ranking protetto dopo l’anno di stop tra settembre 2019 e settembre 2020 in seguito all’operazione al gomito e ancora alla ricerca della forma migliore, sconfitta nettamente al primo turno da Osorio Serrano. Sfuma anche il sogno di Olga Danilovic di giocare sull’Arthur Ashe, contro Naomi Osaka (e viste, purtroppo, le difficoltà della campionessa giapponese, chissà come sarebbe andata a finire), fermata da un virus influenzale dopo aver superato le qualificazioni e la wild card statunitense Park al primo turno.

UN FUTURO NON ROSEO, MA UN PO’ ROSA

Considerato che Djokovic dal maggio prossimo sarà un over 35 e non è cosa di poco conto, anche per un atleta integro e che ha sempre curato alla perfezione il suo fisico come lui (anche se, metabolizzata la sconfitta di New York, l’obiettivo di diventare il tennista con il maggior numero di Slam vinti in campo maschile sarà probabilmente la motivazione che lo spingerà, nonostante gli anni che passano, a cercare di continuare a migliorarsi ancora per aggiungerne altri nella sua bacheca di Belgrado), e che l’altro campione Slam di quelle zone, Marin Cilic, ne compie 33 a fine mese ma, come dicevamo, pare sul viale del tramonto già da un po’, la situazione in campo maschile, pensando al futuro, appare preoccupante. Soprattutto perché chi doveva assicurare la successione o almeno non farli rimpiangere troppo (beh, con Nole ovviamente è dura…) non sta mantenendo le promesse.

In Serbia si sperava in Miomir Kemanovic, che sebbene sia ancora giovanissimo (ha appena compiuto 22 anni) da un po’ sembra in una fase di stallo. A Zagabria invece si confidava su quel Borna Coric che tre anni fa, prima di compierne 22,  batteva due volte di fila Federer (una in finale ad Halle), era protagonista del trionfo in Davis e arrivava al n. 12 del ranking mondiale. Oggi Borna non ha ancora 25 anni, ma è tormentato dagli infortuni e il suo best ranking è rimasto quelli di tre anni fa (ora è n. 51, ma con tanti risultati 2019 in scadenza nei prossimi mesi). E non è che ci sia molto all’orizzonte: il miglior under 21 serbo è il ventenne Marko Miladinovic, n. 666 del ranking, seguito dal 18enne Medjedovic, n. 679.

Ai croati va un po’ meglio grazie a Duje Ajdukovic, vent’anni come Miladinovic, ma ben più in alto in classifica (n. 255) che ha già fatto vedere qualcosa di buono, come il secondo turno all’ATP di Umago dove ha impegnato un top 50 esperto come Ramos-Vinolas. Comunque niente di particolarmente esaltante, sia considerato che lo zagabrese è appena 24esimo nella classifica NextGen, sia ricordando che il suo concittadino Borna Coric quando aveva la sua età era lui stesso un top 50. Meglio sorvolare su Slovenia (un 17enne con un punto ATP) e Bosnia-Erzegovina (un 20enne con due punti ATP, un 20enne e un 16 enne con uno), dove bisogna sperare che Bedene e Dzumhur, anche se quest’ultimo sta già facendo fatica a mantenersi a livello di top 100, tirino la carretta ancora per un po’.

In campo femminile le prospettive appaiono, potenzialmente, migliori. Ci sono due belle giovani promesse, come la slovena Kaja Juvan e la serba Olga Danilovic (che insieme hanno vinto il doppio juniores a Wimbledon nel 2017) anche se entrambe stanno stentando un po’ a fare il salto di livello (al momento sono fuori dalla top 100). E se da una parte è vero che hanno appena vent’anni e quindi si può dare loro ancora un po’ di tempo, dall’altra il fatto che praticamente ad ogni Slam spunti fuori una teenager fenomenale (se non due, come Raducanu e Fernandez a New York), qualche perplessità su dove entrambe possano effettivamente arrivare comincia a insinuarsi tra gli addetti ai lavori.

Olga Danilovic – WTA Palermo 2021 (courtesy of tournament)

La Serbia per il resto pare non avere moltissimo su cui contare per sperare di rinverdire i fasti del duo Ivanovic-Jankovic. Vero che Nina Stojanovic ha appena 25 anni ed Ivana Jorovic uno in meno (e due anni fa era arrivata in top 100 prima dei problemi al gomito) ma per entrambe già la top 50 sembra essere un obiettivo, seppur realistico, abbastanza sfidante. E che ci sono addirittura una decina di giocatrici dai 21 anni in giù in classifica, sebbene nessuna oltre la figlia di “Sasha” tra le prime 500 al mondo.

La Slovenia sta indubbiamente meglio, dato che invece contare per il prossimo futuro anche sulla semifinalista di Parigi, Tamara Zidansek, che ha solo 23 anni ed è n. 34 WTA, e nel complesso ha una mezza dozzina di giovani, tra le prime 650 al mondo.

Tralasciando la trentenne Petra Martic (come fatto con la coetanea Polona Hercog per la Slovenia), in campo croato ci sono un paio di nomi che potrebbero dire la loro per qualche anno. Donna Vekic, alla fin fine, ha appena compiuto 25 anni e quest’anno ha pagato lo stop a causa del ginocchio, ma a inizio anno era attorno alla trentesima posizione ed è stata n. 19. Ana Konjuh di anni ne ha solo 23, di fatto ne ha persi due a causa dell’infortunio, e come detto si sta pian piano avvicinando ai suoi livelli di gioco precedenti (e ricordiamoci che anche lei è stata una top 20, seppur per poco). Ma già che ci siamo – mal che vada ci siamo sbagliati, ma speriamo di no, innanzitutto per loro – tra le sei giovani croate in classifica segnaliamo la 15enne Petra Marcinko, che a New York è arrivata ai quarti del tabellone juniores, e la 18enne Tara Wurth, che ha appena vinto un ITF da 25.000$ a Trieste e ha fatto un balzo in classifica di oltre cento posizioni (ora è n. 377). E come sappiamo, Raducanu docet, dalla vittoria di un ITF a quella di uno Slam possono anche passare meno di due anni…

Continua a leggere
Commenti

Flash

Piatti: “Sinner tiene moltissimo alla maglia azzurra. Alle 3 di notte era a giocare il doppio”

Sul Messaggero il coach di Jannik parla della stagione e del futuro: “Durante il lockdown gli ho fatto vedere i filmati dei Big 3 per imparare a gestire ogni fase del match”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Finale Coppa Davis Torino 2021 (Photo by Jose Manuel Alvarez / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

La stagione dei tennisti italiani si è purtroppo conclusa. Diciamo “purtroppo” perché la Davis Cup by Rakuten è ancora in corso, ma la selezione azzurra si è fermata ai quarti di finale, sconfitta dalla Croazia di Cilic e del miglior doppio del mondo Mektic/Pavic. Inizia dunque leggermente in anticipo l’off season e con essa il tempo dei bilanci. Vincenzo Martucci ha intervistato Riccardo Piatti, coach di Jannik Sinner, per il Messaggero, cercando di fare il punto sulla stagione dell’italiano a partire proprio dall’ultimo appuntamento, quello della Coppa Davis, nella quale Jannik ha vinto tre singolari e perso due doppi, incluso quello decisivo contro i croati nei quarti.

Sinner, solitamente molto pacato e quasi algido in campo, si è lasciato coinvolgere dal clima Davis e ha spesso chiamato il sostegno del pubblico di casa. La cosa però non ha sorpreso Piatti, che conosce bene il proprio pupillo. “Lui è proprio così: un ragazzo che ama questo sport e si diverte a giocarlo. Quando è all’Accademia di Bordighera si ferma a giocare coi più giovani, con mio figlio Rocco e gli altri ragazzi anche a calcio e a basket. Gli viene spontaneo.”

Il coach stronca subito anche ogni polemica riguardo alla scelta di Sinner di non prendere parte alle Olimpiadi di Tokyo. “È ridicolo pensare che Jannik non sia italiano al 100%: tiene moltissimo alla bandiera e alla maglia azzurra, a Torino s’è visto come comunichi col pubblico e ami coinvolgerlo. È stato onesto come sempre: prima non si sentiva pronto, era stanco, ha fatto quello che ha ritenuto giusto. Infatti, eccolo giocare alle tre di notte per provare il doppio insieme a Fognini. Ecco lo Jannik di Torino.”

 

Contro Cilic, Sinner ha dimostrato ancora una volta di saper emergere dalle difficoltà e di poter ribaltare match nei quali le cose non funzionano sempre nel modo migliore. Questo è uno degli aspetti su cui coach Piatti ha lavorato di più con Jannik, perché come si sa il tennis non è solo questione di saper tirare dritto o rovescio. “Durante il lockdown gli ho fatto vedere tanti filmati di Federer, Nadal e Djokovic nelle finali importanti, ma non nelle fasi in cui hanno giocato bene e hanno vinto con tre vincenti uno dietro l’altro, ma quelle in cui giocavano male. Così Jannik sa che anche a una campione può succedere: fa parte del gioco, del mentale, del tennis. A lui non deve succedere. All’ingresso del Piatti Tennis center c’è scritto: “Non siamo qui per risolvere i problemi ma per crearveli”. Non è lui la mosca bianca, sono gli altri gli anormali, quelli che non arrivano al100 del mondo e ne avrebbero le possibilità: si sono creati un sacco di problemi, mentre in realtà basta essere semplici, riflettere sulle sconfitte, chiedersi perché e come si può migliorare. Anche quella contro Tiafoe rimarrà impressa a Jannik, come la Davis: ha vissuto l’esperienza per la sua nazione, per la squadra.”

Riguardo all’esperienza del doppio, Piatti è piuttosto soddisfatto e continuerà a consigliare (se non a obbligare) Jannik di giocarlo per poter migliorare sotto rete. “È stata una delle cose che ha fatto meglio quest’anno: con Hurkacz, Bolelli, Feliciano Lopez, Opelka col quale ha vinto Atlanta, Korda, ancora Hurkacz. Voglio che provi con compagnia diversi, che giochi tanti servizio-volée, che impari a venire avanti a giocare la volée bassa.” Ora però è tempo per il meritato riposo, tanto per Jannik quanto per Piatti e il suo entourage, così da potersi concentrare al meglio sulla stagione 2022. “Per dieci giorni riposa e noi dello staff non lo vogliamo vedere: ci porta via tanta energia, vuole giocare, vuole sempre fare qualcosa… Poi preparazione a Montecarlo e il 27 si parte per l’Australia.”

Continua a leggere

Flash

ATP Cup 2022, arrivano le prime rinunce: out Nadal e Alcaraz

Importanti le assenze per gli spagnoli che, secondo quanto annunciato da “Marca” dovranno fare a meno anche di Marcel Granollers

Pubblicato

il

Rafael Nadal - ATP Cup 2020 (via Twitter, @ATPCup)

Il 2021 tennistico è alle sue battute conclusive. Le fasi finali della Coppa Davis che si giocheranno a partire da oggi e per i prossimi giorni, sono nella sostanza il match point di una stagione intensa e complicata ma che ha rivisto i primi segni di normalità dopo il buio del 2020. È tempo di guardare avanti e puntare lo sguardo a ciò che arriverà e a quella che sarà la stagione 2022, già alle porte, e che avrà il proprio punto di partenza con la ATP Cup, competizione per nazioni che punta a minare le certezze storiche della Davis, messe negli ultimi anni in discussione da una formula che divide le opinioni di chi gravita intorno al mondo del tennis.

Ed è proprio in riferimento all’ATP Cup che si segnalano, per il team spagnolo, le prime grandi rinunce. Il presente ed il futuro del tennis iberico, declinati nelle figure di Rafael Nadal e Carlos Alcaraz, hanno annunciato il proprio forfait e non parteciperanno al torneo che avrà luogo a Sydney nei primi nove giorni del nuovo anno. La notizia è stata data dal quotidiano spagnolo “Marca” che ha anche annunciato la non partecipazione del miglior doppista spagnolo, Marcel Granollers. Le sorti del team saranno dunque affidate a Pablo Carreno Busta, Roberto Bautista Agut e, probabilmente, a quel Feliciano Lopez che ha quasi da solo battuto la federazione russa in Davis, guadagnandosi con merito le luci di una ribalta che continuerebbe a meritare anche all’ATP Cup.

Continua a leggere

Flash

Mondo Futures: i giovani britannici sugli scudi

Sconfitte in finale per due azzurri: Acquaroli e Brugnerotto

Pubblicato

il

ITF World Tennis Tour logo (foto via Twitter, @ITF_Tennis)

M15 CAIRO (EGY, terra rossa) – VINCITORE: Felix Gill

È Felix Gill (n.614 ATP) il vincitore del torneo del Cairo: il mancino da Birmingham, 19 anni, può finalmente brindare al primo successo tra i pro dopo due finali per lui infauste, l’ultima delle quali appena un mese fa ad Antalya. Ex Top-30 tra gli juniores, Gill ha all’attivo anche qualche apparizione Challenger e soprattutto una partita vinta alle scorse qualificazioni di Wimbledon: bravo a superare in semifinale la tds numero 5 Simone Roncalli e soprattutto in finale l’altro azzurro Gianluca Acquaroli, che a 27 anni compiuti si regala una settimana da sogno e, partendo dalle qualificazioni, arriva a giocarsi la prima finale della carriera. Purtroppo per lui, gli manca l’acuto finale e deve cedere 7-6(4) 6-2.

Raggiunto al telefono l’empolese ci ha detto: “Purtroppo avevo già giocato sei incontri in una settimana e sono arrivato alla finale molto stanco. Così ero poco reattivo e soprattutto non lucido nelle scelte, ma nonostante questo il primo set si poteva anche portare a casa. Poi nel secondo il mio avversario è salito di livello e per me non c’è stato scampo“. Sfortunato il seeding numero 1 Duck-hee Lee (n.390 ATP), costretto al ritiro ai quarti mentre era in pieno controllo del suo match contro Jonathan Gray. Bene Edoardo Zanada, fermato da Acquaroli ai quarti, mentre Roggero, Speziali e Tomasetto sono sconfitti all’esordio.

M15 HERAKLION (GRE, cemento) – VINCITORE: Jack Pinnington Jones

Il secondo giovanotto britannico alla ribalta della settimana è Jack Pinnington Jones (n.658 ATP): del 18enne proveniente dalla contea del Surrey in verità ne abbiamo già parlato in precedenza, in occasione del suo primo successo ad Antalya poco più di un mese fa. Non è una novità ormai trovarlo nelle fasi finali dei tornei, mentre impressiona la capacità di vincere su più superfici; in particolare ad Heraklion, l’ex numero 6 tra gli juniores ha lasciato un solo set per strada, segno di grande duttilità. Di certo Andy Murray sa scegliersi bene i protetti, visti i risultati della nuova generazione di tennisti Made in UK; a proposito di giovani promettenti, l’avversario in finale di Jones è Nicholas David Ionel (n.435 ATP), vincitore di ben quattro tornei due anni fa, all’età di 17 anni, che per una volta sembra aver ritrovato lo smalto dei suoi giorni migliori.  Nessun italiano al via.

M15 GUATEMALA (GUA, cemento) – VINCITORE: Colin Sinclair

A fare compagnia ad Acquaroli nella poco invidiabile statistica di finali perse è l’altro italiano Marco Brugnerotto (n.805 ATP), che torna dopo poche settimane a giocarsi una vittoria finale ma la sfiora soltanto, contro il rappresentante delle Isole Marianne Colin Sinclair (n.682 ATP). Nativo della bellissima Saipan e proveniente da un Paese non di certo usuale per il mondo del tennis, il classe ’94 torna alla vittoria a distanza di quasi tre anni, una sensazione che però è solito provare in Coppa Davis, dove vanta un record di 17 vittorie su 18 incontri totali, dato abbastanza prevedibile visto il livello non eccelso della divisione pacifica. Nulla da fare dunque per Marco Brugnerotto, che ci ha abituato a vederlo protagonista nei tabelloni più esotici del circuito ITF: il mancino di Varese siamo sicuri proverà ancora a trovare la gloria personale quest’anno. A sorpresa, non è stato però l’unico ad essersi sobbarcato la trasferta in Guatemala, in quanto la pattuglia azzurra era piuttosto nutrita al via: Filippo Moroni è sconfitto al secondo turno dalla tds numero 1 Ricardo Rodriguez, mentre Claverie e Carnevale-Miino perdono all’esordio.

 

In chiusura, riportiamo le vittorie di Daniel Michalski (n.419 ATP), che ad Antalya ha trovato una seconda casa e vince il suo secondo torneo in due settimane, il terzo nel giro di un mese; il 19enne Guy Den Ouden (n.587 ATP) si conferma in grande crescita ed a Monastir vince il suo trofeo numero quattro del 2021. Suo coetaneo, Alibek Kachmazov (n.490 ATP) vince nella sua Kazan, mentre Zsombor Velcz (n.833 ATP) ed un altro giovane promettente, Andrew Paulson (n.667 ATP) mettono la firma per la prima volta quest’anno rispettivamente a Gurugram ed Ostrava. Infine, Nam Hoang Ly (n.638 ATP) raddoppia a Cancun.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement