Borna Coric operato alla spalla destra

Flash

Borna Coric operato alla spalla destra

Il protrarsi del problema ha costretto il n. 30 ATP all’intervento chirurgico

Pubblicato

il

Borna Coric - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Non solo Denis Shapovalov salterà il Roland Garros a causa della spalla. Se il giovane canadese ha deciso con una settimana di anticipo di rinunciare allo Slam nonostante gli esami medici rassicuranti, ben diversa è la situazione di Borna Coric. Dopo i diversi infortuni che ne hanno condizionato la stagione 2019, il ventiquattrenne di Zagabria è assente dai campi dal torneo di Rotterdam di inizio marzo a causa di qualche problema alla spalla destra. Per fortuna non è niente di grave” scriveva un paio di mesi fa, prendendosi comunque una pausa su consiglio dei medici per non peggiorare la situazione. La lontananza dai campi non è purtroppo stata sufficiente e nei giorni scorsi Borna si è affidato ai social media per comunicare che si è reso necessario un intervento chirurgico alla spalla destra.

Sono attualmente a New York poiché mi sono dovuto sottoporre a chirurgia. Avevo dolore alla spalla già da un po’ e, nonostante aver tentato un’ampia serie di tecniche di recupero, è diventata evidente la necessità di una soluzione permanente. Dopo averne parlato con medici autorevoli e il mio team, ho deciso che la chirurgia era l’opzione migliore. L’operazione è andata estremamente bene. Sono molto grato alla squadra dell’Istituto di Medicina Sportiva della HSS, in particolar modo al dottor David Altchek. Ora è il momento di recuperare e lavorare sodo per tornare presto in campo. Come sempre, grazie del vostro sostegno“.

 

A titolo di curiosità, David Altchek ricopre anche i ruoli di direttore sanitario dei New York Mets e consulente della NBA, ed è stato tra l’altro responsabile medico della squadra di Coppa Davis statunitense. Curriculum a parte, l’importante è che l’intervento sia andato come sperato e auguriamo a Borna di tornare presto e al meglio sui campi da tennis.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open, Seb Korda e quel saltello alla Petr: “Mio padre è un’ispirazione”

Il 21enne figlio d’arte supera indenne la maratona con Moutet e festeggia come era solito fare il padre: “Per me lui è una costante fonte di ispirazione”

Pubblicato

il

Sebastian Korda - Miami 2021 (foto Twitter @ATPTour)

Ci sono volute 4 ore e 47 minuti, ma Sebastian Korda ha superato Corentin Moutet e si è qualificato al terzo turno degli Australian Open. Il 21enne figlio d’arte americano ha attirato molte attenzioni su di sé dopo la nettissima vittoria al primo turno contro Cameron Norrie e ora guarda avanti: il terzo ostacolo sarà Pablo Carreno Busta, e in caso di vittoria all’orizzonte – noi italiani non ce lo auguriamo – potrebbe esserci la rivincita della finale Next Gen di Milano contro Carlos Alcaraz, che se la vedrà con Matteo Berrettini.

Da notare che Korda, alla fine del match contro Moutet, ha esultato facendo il saltello con le gambe che mimano un paio di forbici, come fece il padre Petr quando vinse l’Australian Open 1998. Di questo ed altro Korda ha parlato in conferenza stampa anche con il direttore Ubaldo Scanagatta.

 

Una vittoria epica che ha fatto impazzire il pubblico: ti hanno incitato dall’inizio alla fine con cori e ovazioni. Pensi che per un giocatore sia importante avere la capacità di portare il pubblico dalla sua parte?

Korda: “No, è stato il pubblico che era meraviglioso: hanno iniziato a cantare fin dal primo punto e non la smettevano più. C’è stata una bellissima atmosfera su un campo piccolo e sono felice per il modo in cui è finita la partita”.

Ubaldo Scanagatta: Sono felice di poter intervistare il figlio di un giocatore che avrò intervistato 10mila volte. Complimenti per quanto fatto in campo. Quali sono stati i momenti più difficili? Ne sei uscito grazie a demeriti del tuo avversario o grazie a meriti tuoi?

Korda: “Entrambe le cose, è stato un match pieno di alti e bassi. Nel terzo set ero sopra 4-3 e servizio, ho avuto un paio di opportunità per salire 5-3, non le ho colte e lui ha giocato un ottimo tie-break. Poi lui ha servito per il match nel quarto set ma sono riuscito a rimanere calmo e mi sono salvato. Anche in seguito, quando lui si lamentava di continuo per i crampi, con l’arbitro, con i tifosi, sono riuscito a concentrarmi solo sul mio gioco e verso la fine del match ho giocato davvero bene”.

Per il prossimo match cosa ti aspetti contro Carreno Busta?

Korda: “Non lo so. Lui è un avversario tosto. Mi sono allenato con lui una volta ma non ci ho mai giocato contro in partita. Non vedo l’ora di giocarla questa partita, sarà una bella sfida”.

E poi potrebbe esserci Carlos Alcaraz sul tuo cammino…

Korda: “Sì, sarebbe davvero bello incontrarlo. Siamo molto amici, Carlos è un ragazzo fantastico, abbiamo giocato una bella partita in finale a Milano e sono sicuro che ne giocheremo molte altre. Ma prima sia lui che io dobbiamo vincere una partita molto difficile per arrivare a giocare contro”.

Ubaldo Scanagatta: “Posso chiederti se hai mai visto il match che tuo padre giocò a Melbourne contro Rios e se lui te ne ha mai parlato? Tra l’altro anche lui una volta vinse una maratona come quella che hai appena vinto tu, alla Grand Slam Cup”.

Korda: “Sì, mi pare che una volta lui abbia vinto la Grand Slam Cup battendo in semifinale Sampras…”

Ubaldo Scanagatta: “Era Stich”.

Korda: “Sì, esatto, Stich. Quando ero piccolo avevo un DVD su cui era registrato questo match. Quindi spesso lo guardavo e ne traevo ispirazione. Lui ha fatto cose che ogni giocatore che prende in mano una racchetta sogna di fare. Ogni volta che ne ho la possibilità riguardo volentieri le sue partite. In campo era appariscente e divertente”.

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Kostyuk si regala la sfida con Badosa, prosegue il buon periodo di Madison Keys

Buona giornata per le tenniste americane, con Madison Keys e Jessica Pegula che avanzano al secondo turno, Kostyuk vince una sfida equilibrata con Sorribes-Tormo

Pubblicato

il

Poche sorprese per quanto riguarda le partite non di cartello dell’Australian Open femminile, con quasi tutte le giocatrici favorite dal pronostico che hanno superato l’ostacolo posto dalle loro avversarie. L’unica testa di serie che ha dovuto lasciare il torneo è stata la spagnola Sara Sorribes Tormo, caduta per mano della giovane e talentuosa ucraina Marta Kostyuk. La spagnola, sicuramente più a suo agio sulla terra rossa che sul cemento outdoor, ha sofferto per tutta la partita un servizio poco competitivo per questi campi. Nonostante la chiara differenza di velocità in battuta Sorribes ha avuto tante chance per chiudere il primo set, prima facendosi recuperare dopo essersi portata avanti di due break e poi subendo il break al momento di servire per il primo set.

Molte meno opportunità nel tie-break, in cui Kostyuk ha preso subito il comando delle operazioni con due minibreak e chiudendo senza troppi problemi. Molto più netto il percorso per Kostyuk nel secondo set, con la tennista ucraina che questa volta è la prima a trovare il break e piega la resistenza della spagnola, che pure si era riportata sul 3-3, con due break consecutivi nel finale che fissano il punteggio sul 7-6(5) 6-3. La tennista ucraina sfiderà un’altra spagnola, la sua amica e testa di serie numero 8 Paula Badosa. Destino migliore per un’altra delle quattro tenniste spagnole presenti in tabellone, la 30enne Nuria Parrizas-Diaz. La numero 63 del mondo ha approfittato del ritiro della belga Maryna Zanevska, comunicato poco prima di scendere in campo.

Parrizas-Diaz sfiderà nel terzo turno dello Slam australiano Jessica Pegula, che ha sconfitto Bernarda Pera nel derby americano del secondo turno. La numero 21 del mondo è stata brava a riprendersi dopo un avvio stentato, in cui si è trovata sotto di un break e costretta a dover salvare tre palle break nel quarto game. Il pericolo scampato ha suonato la sveglia per Pegula, che ha trovato due break consecutivi tra il settimo e il nono game chiudendo il primo set a suo favore. Molto più semplice la pratica nel secondo set, con un doppio break di vantaggio preso da Pegula nei primi due game di risposta che hanno indirizzato definitivamente la partita sul doppio 6-4 finale e proiettato la tennista americana al terzo turno dell’Australian Open.

 

Sorride anche la connazionale di Pegula e semifinalista in Australia nel 2015 Madison Keys, che ha continuato a mostrare la sua forma ritrovata in questo avvio di stagione battendo nettamente la rumena Cristian per 6-2 7-5. Successi anche per Qiang Wang, giustiziera di Coco Gauff al primo turno, sulla belga Van Uytvanck e per la russa Veronica Kudermetova su Ruse, che al primo turno aveva battuto la nostra Jasmine Paolini.

Il tabellone femminile dell’Australian Open

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Ugo Humbert positivo al Covid

La notizia è annunciata sui social dallo stesso tennista, battuto al primo turno da Gasquet

Pubblicato

il

Ugo Humbert - ATP Halle 2021 (via Twitter, @atptour)

Oltre al danno, anche la beffa per Ugo Humbert. Il francese, uscito sconfitto dal derby di primo turno contro Richard Gasquet (3-6 7-6(4) 7-6(3) 6-3), ha annunciato oggi sui propri profili social di essere risultato positivo al Covid.

Una notizia che lo costringe così a rimanere in isolamento in Australia per almeno una settimana, visto che il risultato è arrivato a seguito del test di routine per l’uscita dal Paese. Questo stop potrebbe ritardare la preparazione di Humbert, che dopo l’eliminazione dal primo Slam dell’anno (a cui si era presentato da N.29 del seeding) si apprestava a rientrare subito in campo in almeno uno tra i prossimi 250 di Cordoba, Pune e Montpellier. “Grazie per il supporto, ci vediamo presto“, ha scritto il N.40 ATP su Instagram.

Preoccupazione adesso anche per Gasquet, che ha in programma il match di secondo turno nella notte italiana di giovedì contro Botic van de Zandschulp e che verrà probabilmente sottoposto a un tampone prima dell’incontro, così come tutto lo staff di Humbert. Si attendono sviluppi sulla vicenda.

IL TABELLONE DELL’AUSTRALIAN OPEN 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement