Novak Djokovic: "Federer? Non vuole finire così. Italia? Mi ci sento a casa. Vaccino? Sarò sempre per la libertà di scelta"

Flash

Novak Djokovic: “Federer? Non vuole finire così. Italia? Mi ci sento a casa. Vaccino? Sarò sempre per la libertà di scelta”

Il serbo, dopo la seconda vittoria nel girone, racconta il primo incontro con Sampras e per una volta concorda con Nick Kyrgios

Pubblicato

il

Un Novak Djokovic molto sereno quello che si è presentato ai microfoni della stampa dopo la facile vittoria su Andrey Rublev che gli ha consegnato la certezza aritmetica di approdare in semifinale. Vista la povertà di spunti offerta dal tennis giocato, i giornalisti si sono sbizzarriti con le domande, saltando da un off topic all’altro. C’è stato spazio per una domanda su Erling Håland, prolifico attaccante del Borussia Dortmund, di cui Nole ha tessuto gli elogi, così come per una sul sassofono, strumento che il serbo sta tentando di imparare a suonare: “Me lo sono portato dietro, ma è ancora nella scatola. Voglio risparmiare mia moglie e gli altri ospiti dell’albergo perché sono ancora un principiante“.

Qualcuno ha provato a buttare l’occhio sulla prossima sfida che attende il numero uno del mondo, vale a dire quella contro Cameron Norrie (mai affrontato in carriera). Il match è ininfluente per Djokovic, ma per il britannico, entrato in seguito al ritiro di Stefanos Tsitsipas, potrebbe esserci in palio il passaggio del turno, a patto che ovviamente superi Casper Ruud nel suo primo incontro: “Anche se è entrato come seconda riserva, non è affatto una partecipazione immeritata. In realtà, al contrario, ha avuto un anno fantastico, perché ha vinto Indian Wells ed è stato uno dei giocatori più costanti del circuito. Merita sicuramente di giocare a Torino. L’ho visto arrivare pochi giorni fa, quindi probabilmente non si aspettava di entrare e sarà interessante vederlo giocare stasera, per vedere come si adatta a queste condizioni. Sono abbastanza diverse: c’è un po’ di altitudine, la palla è abbastanza difficile da controllare perché schizza dappertutto. Stasera guarderò la sua partita e prenderò appunti sul suo gioco per prepararmi al meglio possibile per la nostra sfida tra due giorni La cosa buona è che mi sono qualificato per le semifinali, quindi non avrò così tanta pressione di vincere la partita, l’ultima del girone, ma ovviamente ogni partita conta.

Era impossibile passare sotto silenzio l’intervista a Roger Federer, nella quale lo svizzero ha sollevato ulteriori punti di domanda sulla data del rientro in campo piuttosto che toglierne di mezzo qualcuno. Il serbo è stato colto alla sprovvista dalle dichiarazioni – delle quali non era evidentemente a conoscenza – ma ha speso parole di grande stima per lo storico rivale: “Non l’ho sentito. Ho letto cosa aveva detto Ivan Ljubicic, il suo allenatore, qualche giorno fa, cioè che l’Australian Open è un punto interrogativo e che sarebbe irrealistico per Roger tornare in Australia. Ovviamente Roger è un’icona del nostro sport ed è amato in tutto il mondo. I fan amano guardarlo giocare, amano vederlo in giro per il tour. È molto importante per il nostro sport sia in campo che fuori. Per il bene del nostro sport, spero sinceramente che possiamo vederlo giocare almeno un’altra volta. Sono sicuro che lui non vuole finire la sua carriera in questo modo. Penso che sicuramente proverà a fare un ultimo tentativo. Non sono sicuro di quale sia il suo infortunio, so che ha lottato con un ginocchio per parecchi anni, quindi vedremo, ma penso che. per tutto quello che ha ottenuto e creato per questo sport, merita di giocare e merita di avere almeno un addio appropriato, se il suo infortunio non gli consente di competere più frequentemente sul circuito.”

 

Djokovic si sente a casa in Italia, come lui stesso ha dichiarato nel discorso post partita, e lo si è visto anche nella grande disponibilità mostrata verso i fan con i quali ha trascorso oltre quindici minuti a firmare autografi e fare foto dopo la fine del match contro Rublev. Proprio su questo punto il Direttore Scanagatta lo ha elogiato, chiedendo al campione serbo se si ricordasse qualcosa di quando si trovava “dall’altra parte”: “Grazie, Ubaldo (in italiano, ndr), per le tue gentili parole. Quello che ho detto in campo, lo penso davvero. Mi sento davvero a casa qui in Italia e sicuramente il fatto che io parli italiano mi aiuta a creare un legame con la gente. Capisco quanto sia unica l’opportunità per molti di bambini che magari vengono per una partita a vedere i migliori giocatori e vogliono fare una foto o vogliono avere qualcosa, un souvenir o un autografo. Ci provo, non è possibile accontentare tutti, ma cerco di esserci, soprattutto per i giovani e i bambini, perché anche io sono stato al loro posto. Non sono stato così fortunato, perché quando ero bambino non c’erano grandi eventi in Serbia. Noi avevamo per lo più Futures e qualche Challenger. Ricordo che quando ero già un junior Nadal, Gasquet e Mario Ancic sono venuti in Serbia per giocare questo Challenger molti anni fa e per me è stata una sensazione incredibile vedere questi giocatori all’epoca molto giovani, ma già molto famosi nel mondo del tennis. Raccoglievo qualche autografo quando facevo il raccattapalle, ma non ero così fortunato da avere un grande evento come questo. Ovviamente quando ero junior, viaggiavo per giocare gli Slam e chiedevo foto a tutti i giocatori dell’epoca, quindi conosco la sensazione e cerco davvero di essere consapevole di quanto sia importante per questi ragazzi, non solo guardarti mentre giochi ma vederti da vicino, ottenere un autografo o scambiare due parole con te.”

Imbeccato dalla stampa, Nole ha ricordato il suo primo incontro con una leggenda di questo sport, Pete Sampras: “Pete Sampras si è ritirato un anno o due prima che io diventassi professionista quindi non ho avuto l’occasione di vederlo giocare dal vivo. La prima volta che l’ho incontrato è stato nel 2010 a Indian Wells. Ero molto, molto nervoso. Era al resort La Quinta, uno dei campi d’allenamento. Ho avuto la possibilità di parlarci e scambiare qualche palla. Deve essere stato un momento molto semplice per lui, ma molto speciale e indimenticabile per me.

In chiusura di conferenza, a Novak è stato chiesto un commento sul supporto dimostratogli da Kyrgios in merito alla spinosa questione del vaccino e del desiderio di non divulgare notizie in proposito: “Questa non me l’aspettavo (ride, ndr), soprattutto alla luce di come si è posto nei miei confronti da un paio d’anni a questa parte. Questa volta concordo con lui che la libertà di scelta è essenziale per tutti, che si tratti di me o di qualcun altro. Non importa se si tratta di vaccinazione o altro, dovresti avere la libertà di scegliere, di decidere cosa vuoi fare. In questo caso particolare, cosa vuoi mettere nel tuo corpo. Sono sempre stato un sostenitore della libertà di scelta e continuerò a esserlo, perché la libertà è essenziale per vivere una vita felice“. Dalla risposta si ha la netta sensazione che il serbo sia ancora intenzionato a non sottoporsi alla vaccinazione, ma ovviamente la situazione è ancora piuttosto nebulosa, anche perché da Melbourne non si hanno notizie certe sui regolamenti.


‘Sotto rete’, la storia delle NITTO ATP Finals raccontata da Ubaldo

Continua a leggere
Commenti

Flash

Zverev riparte da Montpellier: una wild card dopo la batosta all’Australian Open

Il numero tre del mondo riparte dalla sua comfort zone, un torneo indoor in Europa, dopo la sconfitta contro Shapovalov

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Cup 2022 Sydney (foto Twitter @ATPCup)

Poca voglia di restare a casa, nessuna intenzione di rimanere altri giorni a rimuginare: Alexander Zverev tornerà subito in campo nella settimana successiva all’Open di Australia. Il tedesco numero 3 del mondo ha infatti ricevuto una wild card dagli organizzatori dell’ATP 250 di Montpellier, evento indoor che si giocherà la settimana prossima. Una location non lontanissima da Monaco, dove Zverev ha la residenza, e condizioni di gioco che potrebbero ricordare quelle di Torino, dove pochi mesi fa Sascha ha vinto le ATP Finals, per ritrovarsi subito e ripartire forte dopo il brutto KO negli ottavi di finale degli Australian Open contro Shapovalov. Una batosta che ha confermato ulteriormente il poco feeling del tedesco verso le prove del Grande Slam. Il tabellone dell’ATP di Montpellier dovrebbe vedere protagonisti, a meno di rinunce dell’ultimo momento, anche Gael Monfils e Roberto Bautista Agut.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere

Flash

Australian Open, Vanni Gibertini e Ubaldo Scanagatta parleranno di Berrettini-Nadal a RAI Radio 1 Sport

Vanni interverrà il 27 gennaio alle 17:35, il direttore Scanagatta il 28 gennaio alle 11:30 per parlare del risultato della semifinale

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

Siamo ormai prossimi alla semifinale fra Matteo Berrettini e Rafael Nadal all’Australian Open 2022, in programma il 28 gennaio alle 4:30. Si tratta di una prima assoluta per il tennis maschile italiano, e non è quindi una sorpresa che la performance del N.7 ATP sia finita sulle prime pagine degli organi d’informazione.

Proprio per questo motivo, era naturale che ci si rivolgesse a chi segue il tennis su base un pochino più frequente. RAI Radio 1 Sport si è quindi rivolta alla redazione di Ubitennis per un commento pre- e post-partita, con le seguenti modalità:

  • Il vicedirettore Vanni Gibertini interverrà a “Tempi Supplementari” verso le 17:35 del 27 gennaio
  • Il direttore Ubaldo Scanagatta invece sarà di scena verso le 11:30 a “Palla al Centro” il 28 gennaio

Oltre che via radio, le loro parole si potranno ascoltare anche in streaming, a questo link: Rai Radio1 Sport | Canale | RaiPlay Sound. Vi aspettiamo!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement