Australian Open, Djokovic giocherebbe lunedì: un lucky loser potrebbe sostituirlo. Berrettini e Sonego sorridono

Australian Open

Australian Open, Djokovic giocherebbe lunedì: un lucky loser potrebbe sostituirlo. Berrettini e Sonego sorridono

Se un’eventuale esclusione arrivasse dopo la pubblicazione dell’Order of Play, non sarebbe più Rublev a prendere il suo posto

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter @ITFTennis)

Con l’Australian Open a poco più di 48 ore dal via, Djokovic e i suoi legali stanno cercando in tutti i modi di ribaltare anche il secondo verdetto sul visto del numero 1 del mondo e permettergli di giocare lo Slam in cui ha avuto più successo. Le parti in causa si sono ritrovate in tribunale nel giorno stesso in cui il Ministro dell’immigrazione Hawke ha cancellato il visto a Djokovic, per la seconda volta. Dopo che la seduta d’appello si è aggiornata stabilendo che il suo destino verrà deciso domenica 16 gennaio (qui potete leggere il resoconto), l’Australian Open ha comunicato tramite il suo account Twitter che la parte alta dei due tabelloni, singolare maschile e femminile, scenderà in campo nel Day 1, ovvero a partire dall’1.00 di notte italiana (le 11 a Melbourne) di lunedì 17.

Ciò significa che anche Djokovic, essendo numero 1, sarà tra quelli che esordiranno nella prima giornata. Le tempistiche dunque si restringono ulteriormente: il serbo verrà ascoltato nella giornata di sabato, mentre una decisione verrà presa dopo il dibattito alla Federal Court nella mattina (australiana) di domenica 16 gennaio. Nel caso in cui il tribunale confermi la presa di posizione del governo prima della pubblicazione dell’ordine di gioco del Day 1, la regola, come spiegato in questo articolo, impone che sarebbe Rublev a prendere il suo posto, essendo Djokovic tra le prime 4 teste di serie. Se ancora non si sarà giunti a una decisione, pur essendo ancora sul territorio australiano ma senza il visto, o se il tribunale darà ragione al governo dopo la pubblicazione dell’ordine di gioco, Djokovic dovrà ritirarsi e lasciare spazio a un lucky loser, come spiegato dal regolamento ITF.

I possibili sviluppi della vicenda riguardano quindi da vicino i tennisti italiani. Berrettini, infatti, in caso di esito del ricorso sfavorevole a Djokovic dopo uscita dell’ordine di gioco, diventerebbe la testa di serie più alta del primo quarto di tabellone. A dire il vero, anche in caso di sostituzione con Andrey Rublev al posto del numero 1 del mondo l’azzurro potrebbe guardare il suo percorso (comunque non semplice) con occhi diversi. Lo stesso vale per Lorenzo Sonego, che con l’ingresso di un LL diventerebbe il seed più alto del suo sedicesimo di finale. Invece Salvatore Caruso potrebbe essere il nome del lucky loser che prenderebbe il posto di Djokovic in caso di forfait last minute. Ad ogni modo, è molto probabile che a Nole venga riservato un match nella sessione serale e così facendo guadagnerebbe qualche ulteriore ora.

 

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Berrettini-Nadal, una vigilia tormentata più per noi che per loro. Il torneo l’hanno già vinto

Chi ha più da perdere? Forse Nadal. Però lui non ha mai sofferto troppo le grandi pressioni. E non crede di averla questa volta. Matteo: diventare top-5, battere un top-5, conquistare una seconda finale Slam…forse ne ha più lui

Pubblicato

il

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

Sono curioso di apprendere da Eurosport-Discovery il numero dei connessi, via tv, computer, streaming, dispositivi vari, che avranno messo la sveglia alle 4:30 del mattino per seguire il duello Nadal-Berrettini.

Sarà come mettere il termometro alla passione dei fans italiani. Immagino si possano sapere anche i dati di chi ha registrato la partita per vederla con maggior agio.

Chi lavora e deve andare in ufficio per le 8:30 quale opzione avrà esercitato?

Io la sveglia l’ho messa. A volta è accaduto che io fossi fuori per una cena che non potevo mancare e ho registrato una partita (di tennis o della Fiorentina) per vedermela al mio ritorno, ma una semifinale di uno Slam in Australia è un unicum… e poi il rischio che qualcuno mi mandi un WhatsApp che mi dica il risultato di Berrettini-Nadal, quale che fosse, mi rovinerebbe tutto il gusto.

Né posso staccare il telefono per 3 o anche 4 ore al mio risveglio per evitare che qualcuno mi chiami o mi messaggi dicendomi che è successo.

Che cosa succederà davvero non lo so. Mi chiedo anche, nella sera italiana della vigilia, che caldo possa fare alle 14 del pomeriggio in Australia. Con certe temperature, chi sarebbe favorito? E se piovesse e giocassero indoor? In una previsione meteo ho visto che ci si attende una grande umidità. Chi la soffrirebbe di più però?

Non voglio tornare sulla difficoltà di sbilanciarsi in pronostici a decine di migliaia di km di distanza ma i dettagli ignoti sono troppi per farlo. Sarebbe esercizio da presuntuosi.

Lasciatemi prima dire qualcosa su quanto è già successo. Il torneo femminile nelle ultime fasi ha offerto magari vincitrici a sorpresa ma una serie di partite davvero deludenti. A senso unico. Alludo alle due semifinali e a tutti i quarti della parte alta del tabellone. Quattro lotte al terzo set invece nei quarti della parte bassa, ma un livello a mio avviso non straordinario.

Tanto di cappello però per Ashley Barty che fin qui ha dominato le sue avversarie in modo impressionante. Ricordo che una volta Mary Pierce al Roland Garros giunse in finale avendo perso solo 10 game, e poi le due sorelle Williams, capaci di dominare con tanta disinvoltura.

Come ho avuto modo di dire anche nel mio quotidiano lancio su Instagram Ash ha perso solo 21 game in 6 partite, per una media di tre game e mezzo a match! Così Amanda Anisimova che ha fatto 7 game, più di tutte, 6-4,6-3 è stata due volte sopra quella media imbarazzante e Camila Giorgi 5 che era così seccata di aver giocato male…tutto sommato avendo raccolto cinque game non ha fatto poi così male come credeva.

Non ho mai dimenticato, a proposito di domini altrettanto impressionanti, quello di Bjorn Borg al Roland Garros 1978, il terzo di sei che vinse: quell’anno perse soltanto 32 game in 7 match, cioè in 21 set. Fu una media di 4 game e mezzo concessi a partita. Contribuirono ad abbassarla Corrado Barazzutti che in semifinale fece un solo game e alla fine lo ringraziò per averglielo concesso, 6-0,6-1,6-0, ma anche Paolo Bertolucci – in questi giorni molto ricordato per aver raggiunto i quarti a Parigi nel ’73 insieme a Panatta così come Sinner e Berrettini – da Borg rimediò anche lui un 6-0 e un paio di 6-2,6-2. Finì cioè sotto media. Se non fosse stato per Roscoe Tanner che in un match solo strappò, grazie al mostruoso servizio mancino ben 12 game all’Orso Bjorn, le “lezioni” date dallo svedese a tutti i suoi avversari avrebbero avuto numeri complessivi ancora più netti e umilianti.

Fra le donne ad avere dominato così nel terzo millennio ci sono state Serena Williams, che ne perse solo 16 all’US Open 2013 e 19 l’anno prima e poi la sorella Venus 20 a Wimbledon 2009.

Spero a questo punto che la rivelazione Collins, n.30 in procinto di diventare top-ten da lunedì, riesca almeno a lottare con la Barty, visto che anche lei, dopo aver rischiato la sconfitta soprattutto con la danese Tauson e poi anche con la belga Mertens, ha poi dominato sia la Cornet sia la Swiatek.

Senza immaginare chi potrà vincere, anche se posso immaginare in base a che cosa potrebbe vincere Matteo – una grande percentuale di prime in campo! Tanti dritti vincenti, una gran resilienza con il rovescio …- oppure in base a che cosa potrebbe vincere Rafa – massacrando di dritti in topspin il rovescio slice di Matteo (che almeno quando lo deve giocare incrociati dovrebbe coprirli tutti se non vuole fare la fine del tordo) – mi sento di scommettere che assisteremo a una grande battaglia. Almeno me la auguro e …per concludere nel modo più banale, che vinca il migliore.

Vincerà il meno stanco? Io credo che dopo un giorno e mezzo un venticinquenne sia in grado di recuperare al giorno d’oggi, e un trentaseienne dopo qualche ora di più anche. Però come faccio a sapere come si sentono? Sarà semmai un alibi per chi avrà perso.

L’esperienza, anche in situazioni del genere, incide. E Nadal ne ha di più. Però quando l’altro giorno contro Monfils Matteo ha deciso di non spremersi a fondo nel quarto set, una volta subito il break, per tenersi qualche energia per il quinto, ha dimostrato di avere maturato anche lui una discreta esperienza.

A Nadal i grandi battitori hanno sempre dato fastidio. A tutti, per la verità, non solo a Nadal. Ma ricordo Isner portare al quinto Nadal anche sulla terra rossa di Parigi…

Le motivazioni sono straordinarie per entrambi. Rafa ha vinto tutti altri Slam almeno due volte, salvo l’Australian Open dove ha vinto solo nel 2009, e poi c’è – o forse prima… – lo Slam n.21 all’orizzonte. Come trascurare un obiettivo del genere?

Matteo sa che se dopo la finale di Wimbledon centrasse anche questa di Melbourne, e battendo per la prima volta un top 5 in uno Slam …diventando n.5 lui stesso, – e top-five suona meglio che top-ten!-, avrebbe raggiunto un traguardo davvero storico anche se poi dovesse perdere nuovamente in finale. Avrebbe scritto la storia. Non si parlerebbe di lui solo come del miglior tennista italiano negli Slam dell’Era Open (Open lo scrivo per non irritare Pietrangeli!).

Matteo sa di avere un’occasione più unica che rara. Il Nadal del 2022 non è il Nadal di 10 anni fa quando perse a Melbourne quell’assurda finale con Djokovic che durò 6 ore…. Non è quello che fu tradito dal fisico contro Wawrinka… forse non è nemmeno quello del 2017 quando vinceva 3-1 al quinto con Federer.

Ma per Matteo questa consapevolezza è un handicap. In fondo, soprattutto se è vero quel che Rafa sostiene, e cioè che vincere o non vincere lo Slam n.21 o uno più di Djokovic e Federer, non gli fa una grande differenza, Nadal forse può permettersi di giocare più libero, con meno pressione addosso. Lui con la pressione c’è cresciuto e l’ha sempre saputa gestire.

Matteo non è più il Matteo di 30 mesi fa, certamente, ma non lo è nemmeno Nadal.

Ma diciamo la verità, tutte queste sono chiacchiere di presentazione che lasciano il tempo che trovano. Tutto sommato entrambi hanno ragione di ritenere il loro torneo un successo, comunque vada la loro semifinale. Per motivi diversi non era scontato che ci arrivasse né l’uno né l’altro. Ripeto, speriamo solo che sia un bel match.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, verso Berrettini-Nadal: Matteo contro una leggenda vivente per coltivare il suo sogno

La sfida contro Rafa per un posto nella finale degli Australian Open si prospetta molto equilibrata, e il meteo sarà un fattore cruciale

Pubblicato

il

Un’altra sfida estremamente complicata attende Matteo Berrettini nella semifinale degli Australian Open contro Rafael Nadal, nella riedizione della semifinale dello US Open 2019, la prima a livello Slam nella carriera del tennista italiano. Quella partita, che è tuttora l’unico precedente tra i due, era finita con una vittoria in tre set del tennista maiorchino per 7-6(4) 6-4 6-1 che aveva spalancato a Nadal le porte della finale poi vinta in cinque set di battaglia contro Daniil Medvedev. La partita dello Slam americano è rimasta impressa nella mente delle agenzie di scommesse, che – anche per lo status leggendario del tennista spagnolo – rendono Nadal favorito per tutti i pronostici. La quota più sbilanciata è sicuramente quella di PokerStars, che mette a 2.63 una vittoria di Berrettini contro l’1.54 di Nadal; più benevolo verso l’italiano il pronostico di PlanetWin, il tennista italiano scende a 2.48 a fronte però dell’1.52 di Nadal confermando comunque la tendenza di un Berrettini dato per sfavorito da chiunque, come spesso è successo in questo torneo.

A livello tecnico però sarà probabilmente una partita molto più vicina ed incerta di quanto suggeriscano le quote. E’ giusto considerare il venti volte campione Slam Rafa Nadal come favorito per una serie di motivi, ma a fronte di tutti c’è il più banale: parliamo di un campione assoluto di questo sport che corre per il suo 21esimo slam (sarebbe record solitario) e che è capace di tirare fuori in qualsiasi momento una prestazione di altissimo livello, motivo per cui non si può dare totalmente sfavorito Nadal se non in rarissimi casi (come contro Medvedev o Djokovic sul cemento). Per quanto riguarda il matchup tra i due è tutto piuttosto equilibrato. Il “mancinismo” di Nadal gli permette di poter colpire con il dritto, colpo che è ancora ad un livello paragonabile al prime del tennista spagnolo, contro il rovescio di Berrettini, la diagonale che sicuramente sarà una delle chiavi della partita. La risposta di Nadal è di altissimo livello e contribuirà a rendere competitivi i game di servizio di Berrettini, specialmente se il tennista italiano dovesse servire in maniera non ottimale come contro Monfils.

L’incognita principale per l’ex numero uno del mondo sarà sicuramente il fisico. Il Nadal visto contro Shapovalov è apparso in ottime condizioni per poi calare in maniera repentina con il passare delle ore tra la fatica del match e il caldo di Melbourne, fino ad un quinto set in cui il tennista spagnolo aveva difficoltà visibili nei movimenti. Il servizio di Nadal ha tenuto a galla il match contro Shapovalov quando la fatica era diventata evidente, ma basterà in caso di calo fisico contro un tennista molto più giovane e che si affida ad un servizio molto più potente e continuo del canadese?

 

Presi in considerazione questi fattori, non si può comunque non considerare le possibilità di Berrettini come forti per una serie di validi motivi tecnici. Se Berrettini dovrà reggere l’urto del dritto di Nadal sul suo rovescio, è altrettanto vero che vale lo stesso per il dritto di Berrettini, uno dei migliori del circuito se non il migliore, contro il rovescio di Nadal. Un colpo che è apparso in condizioni migliori rispetto allo scorso anno ma che resta il colpo più declinato dello spagnolo con il passare degli anni. I progressi in risposta dal lato del rovescio saranno cruciali per le chance di Berrettini, che affronterà un servizio sicuramente solido, specialmente sulla seconda, ma che altrettanto sicuramente gli lascerà opportunità.

Altro fattore importante saranno gli scambi lunghi. Nella sfida del 2019 Nadal era in condizioni tecniche e fisiche ancora al top e dominò la maggior parte degli scambi lunghi, spegnendo un inesperto e stanco Berrettini alla distanza. Oggi dal punto di vista fisico la situazione è capovolta, e nonostante Berrettini non abbia la mobilità di Nadal e nemmeno una resistenza eccezionale può fare leva sul mezzo passo in meno di esplosività mostrato da Nadal in tutto il torneo, che di anno in anno basa il suo gioco più sugli scambi corti che sul gioco lungo. Per passare in finale servirà una prestazione al servizio simile a quella contro Pablo Carreno-Busta, match in cui l’italiano è stato pressoché perfetto, anche perché Nadal ha sempre dimostrato durante la sua carriera di poter disinnescare i servizi dei big server. Ad aiutare Matteo ci sarà la posizione molto arretrata di Nadal in risposta, che come visto con Medvedev nella finale dello US Open 2019 può esporlo a serve and volley improvvisi che Matteo dovrà sfruttare molto se vuole avere un’arma in più.

In sostanza Berrettini può contare su dei mezzi più che sufficienti per affrontare e vincere una delle partite più importanti della sua carriera, anche contro una leggenda vivente come Nadal. Il finalista dell’ultimo Wimbledon ha un bagaglio di esperienza e una consapevolezza del suo gioco nettamente diversa rispetto all’ultima sfida tra i due. Questa volta oltre alla finale ci sarà anche in palio il numero cinque del mondo, che sarebbe assicurata per chiunque dei due vincesse la partita. Le condizioni atmosferiche giocheranno un ruolo fondamentale nella sfida. La partita è prevista durante la giornata australiana (non prima delle ore 4.30 italiane, diretta su Eurosport) e c‘è una forte possibilità di pioggia con conseguente chiusura del tetto, il che creerebbe condizioni indoor che sarebbero sicuramente le preferite dal tennista italiano. Anche se dovesse piovere è previsto un forte caldo ed umidità, fattori che Nadal ha sofferto molto nei quarti di finale. Il tennista maiorchino resta il favorito del match, anche se non di molto, ma Berrettini ha la possibilità di giocare per un sogno, quello di raggiungere la seconda finale Slam in carriera e la prima del tennis italiano all’Australian Open.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement