"Una situazione scomoda": il delicato equilibrio del rapporto tennista-coach

evidenza

“Una situazione scomoda”: il delicato equilibrio del rapporto tennista-coach

Che si tratti di Roger Federer o di Emma Raducanu, da sempre i tennisti digeriscono a fatica l’idea di pagare qualcuno che gli dica cosa fare

Pubblicato

il

Roger Federer e Ivan Ljubicic - Madrid 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)
 
 

Traduzione dell’articolo di Tumaini Carayol, pubblicato sul The Guardian il 22 marzo 2022

Siamo a Melbourne, è da poco iniziata la stagione tennistica e in una conferenza stampa post-partita a Simona Halep viene chiesto come valuta le sue scelte in materia di allenatori. “Sono stata fortunata: ho trovato la persona giusta praticamente ogni volta”, risponde, facendo spallucce. “Non posso dire che sia stato difficile, ecco. Ho seguito il mio istinto, ho fatto quel che mi sentivo di fare. Credo di aver sempre preso le decisioni più giuste per la mia carriera”. Tra tutti i tennisti intervistati in quell’occasione, era stata proprio Halep a rispondere con maggiore sicurezza alle domande sul tema del coach – eppure, poche settimane dopo, la sua squadra si è sfaldata. A febbraio, a cinque mesi dalla separazione a sorpresa con il suo coach Darren Cahill, Halep ha annunciato la fine della collaborazione anche con i Rumeni Daniel Dobre e Adrian Marcu. Ha poi dichiarato che avrebbe giocato senza coach, per questioni di crescita personale e per capire “dove sarebbe riuscita ad arrivare, da sola”. Parrebbe non essere arrivata molto lontano.

Infatti, successivamente a Indian Wells, Halep aveva già effettuato una brusca inversione a U, assumendo dei nuovi volti nel suo team. Ha dichiarato di essersi resa conto in solo due tornei di quanto fosse difficile allenarsi, viaggiare e giocare i match, senza un coach. Così scopriamo che perfino un’atleta di successo di 30 anni, con 16 anni di esperienza alle spalle, si trova ancora a dover imparare, giorno dopo giorno. Negli sport “maggiori”, soprattutto in quelli di squadra, i coach hanno molto potere e controllo sulla carriera dell’atleta, mentre spesso, in quelli individuali, le sorti dell’atleta sono influenzate dalle federazioni nazionali. E poi c’è il tennis, dove l’atleta è al contempo datore di lavoro e oggetto del business stesso: assume delle persone nel suo team, ma poi va in campo da solo per la performance. “Quando ne ho parlato con atleti di altri sport, rimanevano scioccati”, racconta con una risata Daria Kasatkina, ex top 10 della WTA. “Mi dicevano tipo: ‘Wow, ma come fate a fare una cosa del genere?’”.

 

Avere così tanta autonomia nella propria carriera porta anche una serie di difficoltà. Come la strana dinamica di potere che si crea quando il tennista assume delle persone, spesso molto più anziane, che gli dicono cosa fare e che lo criticano.  “Devi trovare i mezzi per mantenere il tuo team e crearti la tua piccola azienda”, spiega la ex numero 1 Garbiñe Muguruza. “Ho trovato estremamente difficile assumere delle persone il cui lavoro fosse dirmi cosa dovevo fare, essere umile e dire a me stessa: ‘Se mi cerco il team migliore, il miglior coach, poi devo essere disposta ad ascoltare quel che mi dicono.’ Anche se la nave è la mia, devo trovare un capitano che la diriga”. L’entourage di persone di cui un tennista si circonda è sempre più grande. Ora i tennisti viaggiano con diversi coach, fisioterapisti, fitness coach, agenti e perfino psicologi. Milos Raonic una volta si è definito il “CEO di Milos Raonic tennis”, poco dopo aver aggiunto un terzo coach al suo team.

“Credo che in fondo sarebbe più semplice se avessi qualcuno che mi dica in che tornei devo giocare, dove devo essere, così non devo pensarci io”, spiega Raonic. “Sono sempre qui a chiedermi come dovrei organizzarmi per giocare al meglio, settimana dopo settimana”. Verso la fine dello scorso anno le decisioni sulla scelta del coach erano diventate un tema scottante anche per Emma Raducanu, che aveva deciso di non prolungare la sua collaborazione con Andrew Richardson, il coach a interim scelto da Emma per la sua spettacolare corsa al titolo degli US Open. Questa decisione le costò parecchie critiche, finché non scelse di assumere definitivamente Torben Beltz. Gli anni da adolescente possono essere davvero brutali per certi atleti. I tennisti passano la gioventù a preparare il proprio gioco e il proprio corpo, eppure molti sentono di essere lasciati soli nella gestione delle enormi responsabilità legate all’avanzare della loro carriera.

Nonostante tutti i successi raggiunti, Andy Murray ha trovato spiacevole la sua esperienza di datore di lavoro: “Personalmente, non mi piace”, racconta. “L’ho trovato difficile. E’ complicato quando hai 18, 19, 20 anni e non hai l’esperienza per gestire queste situazioni”. Secondo Roger Federer, il fatto di elargire degli stipendi in giovane età è già di per sé bizzarro. “E’ un po’ imbarazzate all’inizio”, mi ha confessato nel 2018. “Essere un ragazzo giovane, che paga gli stipendi, non è molto usuale. Infatti, ho apprezzato il periodo in cui avevo il supporto della federazione e non dovevo curarmi di questi aspetti”. Murray è dell’idea che gli atleti dovrebbero ricevere del supporto all’inizio del loro percorso per prendere quelle decisioni che potrebbero incidere sulla loro carriera. “E’ un po’ strano a 19 anni dare lavoro a persone che hanno 20/25 anni più di te e che hanno molta più esperienza di te”, spiega. Le cose non dovrebbero andare così. Dovrebbe essere l’opposto o quantomeno dovrebbe esserci una figura – un performance manager, o qualcosa di simile – che condivida il peso delle scelte con l’atleta”.

Con queste strane dinamiche si creano relazioni atleta-coach che sono difficili da mantenere. “Forse ora che stai pagando il suo stipendio potresti pensare: ‘Non mi piace, devo liberarmi di lui”, spiega Federer. “Ma è davvero sbagliato ragionare in questo modo e fortunatamente non ho mai ragionato così, né mi sono sentito in questo modo. Ho sempre pensato semplicemente che, beh, i coach sono più grandi, hanno più esperienza, sanno di cosa stanno parlando”. Naomi Osaka è dello stesso parere di Federer: “Credo che sia fondamentale comunicare regolarmente, bisogna assicurarsi di essere sempre allineati su uno stesso percorso, di condividere i medesimi obiettivi”.

E’ fin troppo facile per il tennista dare la colpa agli altri, esercitare il proprio potere e prendere decisioni emotive quando le cose non vanno al meglio: serve pazienza. “Bisogna essere molto pazienti”, dice Kasatkina. “Ma è tosta, perché giochiamo torneo dopo torneo, punto su punto… A volte riesci a difenderti, a volte perdi un po’ di terreno. È tutto così veloce e tu stessa vuoi ottenere risultati il più velocemente possibile”. Nell’ultimo anno, anche Murray è salito sulla giostra del coaching, separandosi dal suo storico coach Jamie Delgado per fare diversi periodi di prova con altri coach, fino a ri-assumere Ivan Lendl, con cui si è ritrovato questa settimana a Miami. Murray si racconta: “Negli anni ho fatto molta fatica a esprimere come mi sentivo rispetto a certe situazioni, mi preoccupavo della reazione delle persone con cui lavoravo, di come l’avrebbero presa e come mi avrebbero risposto”.

Una cattiva comunicazione non può che portare al peggiore dei risultati: il licenziamento. In alcuni casi le separazioni filano lisce, senza intoppi, come dimostra Félix Auger-Aliassime, che descrive la separazione dal suo coach Guillaume Marx nel 2020 come “probabilmente una delle decisioni più difficili della sua giovane età”, ma che da allora è cresciuto arrivando nei top 10.  Un classico esempio di separazione tragica è invece quella avvenuta agli US Open del 2019 quando un’allora ventunenne Aryna Sabalenka, dopo aver perso nel torneo di singolare, annunciò la fine del rapporto con il coach Dmitry Tursunov. Pochi giorni dopo, scrisse una lettera dai toni drammatici su Instagram, pregandolo di tornare da lei. Lui quella settimana le rimase a fianco mentre lei alzava il trofeo di doppio femminile agli US Open. Ma il loro rapporto terminò definitivamente pochi mesi più tardi.

“Anche io ho avuto delle brutte esperienze agli inizi della mia carriera, quando ho terminato il rapporto con alcuni coach”, dice Murray. “Cercavo di parlare con i coach, ma l’esito non era quello che speravo. Esperienze negative e scomode come queste, a 18 o 19 anni, possono influenzare il modo in cui affronterai situazioni simili più avanti nella tua carriera”. Il tema della rottura con i coach provoca una risata in Kasatkina: E’ un po’ come separarsi dal fidanzato o dalla fidanzata. E’ dura. A volte non se lo aspettano, o non te lo aspetti tu. Spesso sono gli atleti a interrompere la collaborazione, altre volte capita che siano i coach a farlo. Nella maggior parte dei casi il rapporto non si chiude molto bene”.

A queste complicazioni se ne aggiungono altre specifiche per il tennis femminile, dal momento che vengono assunti tantissimi uomini sia come coach che come membri del team dell’atleta. Come mi ha raccontato Maria Sharapova, nel 2018: “Ci sono dinamiche molto diverse, che nascono perché sei una donna che gestisce un team, un team composto anche di uomini, e perché spesso sei la più giovane”. “Per una donna è difficile andare dall’uomo e dirgli: “Ti licenzio”, spiega Kasatkina, con una risata. “E’ una situazione difficile da gestire. Ma a volte devi trovare il modo di farlo. Certo, è sempre meglio porre termine al rapporto rimanendo in buoni rapporti, ma non sempre è possibile”.

Kasatkina, 24 anni, è una giocatrice professionista da oltre otto anni. Nata in Russia, le sue ambizioni di carriera l’hanno portata a trasferirsi da sola in Slovacchia a 17 anni, ma ora vive in Spagna. Ancora oggi, scuote vigorosamente la testa quando le si chiede se ora si sente adulta, dopo aver gestito tutte queste responsabilità da così tanto tempo.  “Non ancora. Non nella mia carriera, ma neanche nella mia vita privata”, risponde. Posso fare la seria, ma credo che ci debba sempre esser spazio per la ragazzina, perché il tennis è un gioco e io penso che nei giochi i ragazzini siano più bravi degli adulti. Poi ride.

Traduzione di Giulia Bosatra

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Wimbledon, preview quarti: Halep-Anisimova, Nadal-Fritz e Garin-Kyrgios

LONDRA – Due semifinali anticipate fra Simona e Amanda, e fra Rafa e Taylor. Più la curiosità per Nick contro Cristian, fisico dell’australiano permettendo

Pubblicato

il

(da Londra il nostro inviato)
Simona Halep – Amanda Anisimova
Dal punto di vista di Simona, una partita molto molto simile a quella vinta in modo nettissimo su Paula Badosa, che è una giocatrice di tipologia quasi sovrapponibile ad Amanda. Bei fisici, belle botte con tutti i fondamentali, tendenza a cercare le palle filanti e semipiatte. Purtroppo per loro, davanti a una maestra della corsa e del contrattacco come la Halep in forma vista qui a Wimbledon, o realizzano percentuali straordinarie, o non ne escono. Favorita Simona, quindi, a meno di una prestazione straordinaria di Anisimova.
Consigliata a chi apprezza le battaglie fra violenza e manovra.

Taylor Fritz – Rafael Nadal
Il match del giorno, perchè Taylor è arrivato ai quarti giocando bene, in crescendo, e mettendo in mostra un bell’adattamento all’erba. Mi perdoneranno gli avversari precedenti, a cominciare da Lorenzo Sonego, ma questo sarà il primo vero test per Rafa, e se lo supererà probabilmente la semifinale con chi vincerà tra Garin e Kyrgios sarà meno pericolosa, dati i problemucci fisici e di affaticamento accusati dal favorito di quella sfida Nick. Se poi dovesse uscirne Garin, insomma, immaginarlo battere Nadal sul centrale mi riesce difficile. Ma prima, per lo spagnolo ci sono da affrontare i gran servizi, i drittoni, i rovesci ficcanti e l’ottima fisicità di Fritz, che a Indian Wells l’ha battuto, anche se era stata una partita fra infortunati vinta dal meno malconcio.
Consigliata ai tifosi di Rafa, e pure a quelli di Djokovic che potranno monitorare lo spauracchio.

Cristian Garin – Nick Kyrgios
Il simpatico Cristian piace un po’ a tutti, è un ragazzone allegro e davvero forte (è stato nei primi 20, ora è 43 ATP), ma decisamente quello che gli sta succedendo quest’anno a Wimbledon ha del miracoloso, considerato che è un picchiatore da terra e cemento prestato ai prati con diverse perplessità tecniche. Qualche giorno fa ha dichiarato: “quando ho visto che avrei dovuto giocare contro Berrettini ero furibondo. Lui e Djokovic per me erano i più forti del torneo, mi sembrava una vera sfortuna avere Matteo al primo turno“. Sono d’accordo con lui, i rimpianti per Matteo vengono fuori ogni volta che scrivo il suo nome. Dovrebbe bastare una versione di Nick appena sufficiente per far valere la differenza di talento e propensione all’erba, ma con l’australiano fare pronostici è semplicemente inutile. Speriamo che Kyrgios stia bene atleticamente, e che sia un confronto divertente.
Consigliata a tutti, come sempre quando scende in campo Nick.

 

Continua a leggere

evidenza

Wimbledon, Maria: “Mi piace che si parli di me come madre. Cambiare il rovescio non è stato semplice”

La veterana tedesca raggiunge la prima semifinale Slam della carriera. Dopo i 34 anni, solo altre cinque campionesse sono riuscite nell’impresa a Wimbledon

Pubblicato

il

Tatjana Maria - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)
Tatjana Maria - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)

Non si ferma l’incredibile corsa di Tatjana Maria, che a quasi 35 anni (li compirà l’8 agosto) ottiene la prima semifinale Slam della carriera. La tedesca fa suo il derby contro la connazionale Jule Niemeier, che al secondo turno aveva eliminato la testa di serie numero due Anett Kontaveit. “È fantastico, ho cercato di mantenere la calma nello spogliatoio e capire quello che avessi fatto, ma è ancora difficile da realizzare!”. Queste sono state le primissime parole della numero 103 del mondo all’esordio in conferenza stampa, lei che è soltanto la quarta giocatrice dal 1984 a raggiungere le semifinali a Wimbledon nonostante fosse fuori dalla top100 ad inizio torneo (le altre sono Mirjana Lucic, n°134 nel 1999; Jie Zheng, n°133 nel 2008 e Serena Williams, n°181 nel 2018).

D: Ti sei attenuta alla tua solita routine questa mattina, con la solita lezione di tennis con tua figlia? E oltre a ciò, ci racconti che cosa vuol dire vivere queste emozioni insieme alla tua famiglia?

Tatjana Maria: “Sì, era tutto uguale. Questo mattina siamo arrivati ​​alle 8:30 e Charlotte (sua figlia, ndr) aveva una lezione. Continuiamo alla stessa maniera: fuori dal campo per me non cambia nulla, quindi cerco di continuare così. Anche se giocherò le semifinali (sorride)!”

 

D: Si parla molto del fatto che sei madre di due bambine e quanto tutto ciò sia incredibile. Ti piace essere descritta così o preferiresti, semplicemente, che si parlasse di te come una tennista?

Tatjana Maria: Mi piace assolutamente che si parli di me come madre. Penso che questa sia la cosa più importante della mia vita. Sono in semifinale di Wimbledon ed è incredibile, ma sono pur sempre una mamma. Dopo questo torneo vedrò i miei figli e farò le stesse cose che vedo e faccio ogni singolo giorno”.

D: Hai appena detto che è incredibile quello che hai raggiunto. Come mai?

Tatjana Maria: “Sicuramente perché questo è il miglior Grande Slam della mia carriera. In passato avevo soltanto raggiunto una volta il terzo turno qui, mentre negli altri Major non ero mai andata oltre il secondo turno: ora sono in semifinale a Wimbledon. Ho sempre creduto di avere qualcosa dentro, però essere arrivata a questo punto, specialmente dopo che un anno fa ho dato alla luce la mia secondogenita, è qualcosa di incredibile.

D: Che cos’ha detto Charlotte della tua vittoria?

Tatjana Maria: Charlotte è felice di poter stare altri due giorni qui! Ha capito che è qualcosa di davvero speciale, è molto orgogliosa di me e questo è fantastico”.

D: Posso chiederti qualcosa sul cambiamento del tuo rovescio? Dev’essere molto rischioso cambiarlo ad un punto già avanzato della tua carriera: quanto è stato difficile? Ha funzionato fin dall’inizio oppure no?

Tatjana Maria: “È stato molto complicato, perché dalla parte del rovescio giocavo soltanto lo slice. Non avevo mai giocato un rovescio a due mani, nemmeno quando la mia avversaria veniva a rete. Mio marito mi ha detto di voler provare a cambiare il mio rovescio e farmelo giocare a una mano: è stato rischioso, certo, ma mi sono totalmente fidata di lui. Ora mi sembra di non aver mai giocato un colpo diverso da questo. Ovviamente all’inizio non era facile, avevo bisogno di fiducia e di giocarlo quante più volte possibile. Con il tempo è sempre andato meglio.

D: La lista delle donne che sono riuscite ad approdare in semifinale a Wimbledon dopo i 34 anni comprende Billie Jean King, Martina Navratilova, Chrissie Evert, Venus Williams, Serena Williams e ora Tatjana Maria. Che effetto fa far parte di questo gruppo?

Tatjana Maria: È incredibile, davvero. Non riesco ancora a credere che il mio nome appartenga a questo gruppo, senza dubbio mi rende orgogliosa.

Continua a leggere

evidenza

Wimbledon, Sinner: “Allenarsi con Djokovic ha vantaggi e svantaggi. Credo di poter essere orgoglioso di quello che ho fatto”

Jannik Sinner non aveva mai vinto un match sull’erba a livello ATP prima di questo torneo. Oggi è andato ad un solo set dalla vittoria contro Djokovic, ma non è bastato

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)
Jannik Sinner - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)

Jannik Sinner è andato ad un passo dalla gloria, ha cullato l’idea di poter eliminare Novak Djokovic (che non perde a Wimbledon dal 2017), ma si è dovuto arrendere al rientro in partita del serbo, che lentamente ha girato il match a suo favore. Una partita che certamente lascia qualche rimpianto visto come si era messa, ma dalla quale certamente l’azzurro saprà ricavare le cose positive. Che non sono assolutamente poche.

“È stato un match molto duro, ma lo sapevo già prima di scendere in campo. Stavo giocando bene, ma lui ha alzato il suo livello di gioco nel quarto set. Penso di aver giocato bene nel quinto, ho soltanto sbagliato alcuni colpi alla fine, ma penso di poter essere orgoglioso di quanto ho fatto. Comincia così la conferenza stampa di Sinner, che si dice poi “fiducioso per il futuro prossimo”.

D: Al termine del match Novak ha detto che era convinto di vincere la partita. A che punto del match invece tu hai pensato che l’incontro di stesse scivolando via?

 

Jannik Sinner: “È una partita al meglio dei cinque set. Quando sei in vantaggio di due set giochi ogni parziale nel miglior modo possibile. Nel terzo quando stavo servendo ed ero 0-15, ho mandato in rete un dritto semplice e sono andato sotto 0-30. Poi dopo lui ha giocato un buon punto e, invece di essere, 15-30 eravamo 0-40, poi ho subito il break. A quel punto lui ha iniziato a giocare meglio. Come ho detto, nel quinto set credo di aver giocato bene. Dovevo probabilmente fare qualcosa in più perché, alla fine, era lui a dettare gli scambi“.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

D: Visto il modo in cui hai giocato a Wimbledon quest’anno e i diversi giocatori che hai battuto, pensi di poter tornare qui in futuro e fare nuovamente bene? E, chissà, magari un giorno vincere il torneo?

Jannik Sinner: Penso di aver giocato ogni partita meglio rispetto alla precedente, anche se gli avversari erano sempre diversi. Penso anche al futuro, tornare qui l’anno prossimo può aiutami molto. Ho imparato molte cose sull’erba e questo è stato il motivo per cui abbiamo scelto di giocare su questa superficie. Ho dimostrato di saper giocare un buon tennis, chissà che un giorno non riuscirò ad esprimermi ancora meglio. Cercherò di continuare a lavorare sodo, perché questa alla fine è la cosa più importante. Ora magari avremo qualche giorno libero, ma subito dopo torneremo a spingere di nuovo. Poi vediamo come andranno i prossimi mesi”.

D: Hai avuto la possibilità di allenarti spesso con Novak: in che modo ciò ti ha permesso di migliorare? E come ti ha aiutato oggi, in particolare, visto che nei primi due set colpivi veramente bene la palla?

Jannik Sinner: Credo che abbiamo uno stile di tennis simile, per certi versi. Mi piace sempre allenarmi con lui, ovviamente ti offre una buona palla da colpire. Penso di avercela anch’io, quindi riusciamo a mantenere un buon ritmo. In un certo senso può aiutarti, perché quando giochi contro sai che cosa aspettarti. Dall’altra parte, chiaramente si conoscono le debolezze reciproche. Dopo il primo turno ci siamo allenati insieme e, il giorno dopo, abbiamo vinto entrambi. È sempre una sensazione speciale poter soltanto allenarsi con lui. Poi il torneo è diverso, ci sono tante cose diverse, come la tensione e il pubblico, che è sempre speciale”.


Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 


D: Quando Nick Kyrgios era qui l’altro giorno (in sala stampa, ndr), ha parlato di te e di come ti non abbia paura nonostante tu sia giovane. Ti ha paragonato a lui, quando a 19 anni ha battuto Nadal qui, rendendo evidente che lui e Djokovic non erano degli dei, potevi far loro del male. Come ti senti a scendere in campo contro Novak Djokovic a livello psicologico?

Jannik Sinner: “Sicuramente quando scendi in campo sai di essere sul Centre Court con molta gente che ti guarda. Questo è quanto di buono sai prima della partita. Quando affronti questo tipo di giocatori è un po’ diverso dal solito, ma mi piace sfidare me stesso: sono un ragazzo a cui piace la competizione. Questo è ovviamente anche il motivo per cui mi alleno, ossia per poter arrivare a giocare partite speciali e in turni importanti, come i quarti di finale di oggi. So di avere ancora molto da migliorare, ma credo di poter essere felice dopo questo Wimbledon. Dopo che Djokovic ha perso il secondo set ha dovuto alzare il suo livello, altrimenti probabilmente avrebbe perso. Ma so bene che lui è uno dei migliori giocatori di tutti i tempi.

D: Ci potresti parlare degli aspetti che secondo te sono andati bene e di quelli che sono andati male in questa partita e che lavoro si fa con il tuo team per trarre insegnamenti da questo match?

Jannik Sinner: “Oggi non era semplice, perché lui [questo] campo lo conosce bene. Tutti e due eravamo tesi, tutti e due sapevamo che era una partita molto importante, soprattutto lo era per me, per capire tante cose. Mi sentivo che oggi avrei fatto una bella partita, poi non è andata come volevo. Ci sono state alcune cose nel terzo set che hanno cambiato la situazione, lui mi ha messo in difficoltà, poi nel quinto set ho fatto quello che dovevo fare. Dovevo andare io a comandare, poi sbaglio ancora le volée, sbaglio ancora le smorzate, sbaglio ancora un po’ il modo di servire, ma il modo di affrontare la partita è giusto. E si sbaglierà ancora tanto nella vita, ma non dubito che quello che ho fatto oggi sia giusto, poi ci saranno tante cose da analizzare, stasera o domani, della partita, ma la cosa più importante è quella di continuare a lavorare.”

D: Novak ha detto che i suoi 20 anni di esperienza sul circuito lo aiutano a gestire il flusso di emozioni nella partita e che questo gli ha permesso di rovesciare partite che erano molto compromesse. Credi che questa potrebbe essere una tua area di miglioramento?

Jannik Sinner: “Lui in questa situazione ci è stato tante volte, ha tanti anni nel circuito, ha giocato tante partite importanti, e questo sicuramente aiuta. È una domanda difficile, non so come lui si senta in quelle situazioni. Però i migliori al mondo hanno modo di cambiare la partita molto velocemente, tante scelte diverse. Alla fine sto provando anch’io a fare la stessa cosa: questo è giocare a tennis, cambiare il momentum della partita.”

D: Si è avuta l’impressione che negli ultimi tre set ti abbia abbandonato un po’ il servizio, la tua percentuale di prima sia calata e Djokovic è riuscito a prendere lui il comando delle operazioni.

Jannik Sinner: “Ti porta anche lui a cambiare il servizio, non è che sparisce di colpo. C’era una parte del campo nella quale si giocava a favore di vento e una nella quale si giocava contro vento, e io facevo molta fatica a giocare contro vento. Poi lui entrava molto bene, tirando piatto e molto profondo, però parlando del servizio credo di essere migliorato molto, anche nelle partite scorse, quindi il lavoro fatto è quello giusto.”

D: Cosa ti sei detto quando hai visto sul tabellone 7-5, 6-2 contro Djokovic? E cosa ha fatto Djokovic dal terzo set in poi per cambiare la partita?

Jannik Sinner: “Alla seconda domanda non rispondo, perché magari giochiamo ancora un po’ di volte l’uno contro l’altro. Lui lo sa, ma non voglio che gli altri avversari lo sappiano. Per quel che riguarda il punteggio, non guardo tanto il punteggio, ma il livello di gioco, e il mio era molto alto. Ho servito bene, ho mosso la palla io, volevo continuare in quel modo, poi lui ti porta a giocare il match nel modo che piace a lui, è molto bravo a fare questo.
Credo di poter essere contento di quello che ho fatto oggi. A me non piace perdere, ma è successo, tuttavia ho fatto tante cose positive nell’ultima settimana e mezzo, cose che magari non mi aspettavo perché non mi sentivo bene su erba, e spero che tutto questo mi possa aiutare per il prossimo anno e per le prossime edizioni. C’è un po’ la delusione per la sconfitta, ma alla fine lui ha vinto sei volte qui, e c’è un motivo, e lui ha giocato molto bene perché l’ho portato a giocare bene.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement