Malagò: "Solo il mondo del tennis si è stupito della scelta di Wimbledon. Su Roma deciderà il Governo”

Flash

Malagò: “Solo il mondo del tennis si è stupito della scelta di Wimbledon. Su Roma deciderà il Governo”

Il Presidente del Coni ha proseguito: “Voglio ricordare che è stata Mosca a violare la tregua olimpica”

Pubblicato

il

Angelo Binaghi e Giovanni Malagò
 
 

A pochi giorni dal suo primo intervento sulla questione del momento, l’esclusione dei tennisti russi e bielorussi da Wimbledon e da tutti i tornei in programma sul suolo britannico, tenuto a margine della conferenza stampa per il rinnovo della partnership tra Herbalife24 ed il Comitato Olimpico Italiano, il Presidente del Coni Giovanni Malagò ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera nella quale ha affrontato nuovamente il tema che ha scosso il mondo del tennis, con toni questa volta molto più decisi e netti. Infatti nelle prime dichiarazioni, in merito alla vicenda in questione, aveva affermato che la scelta compiuta a Church Road fosse in linea con le indicazioni del CIO, ma che comunque comprendeva il fatto che la decisione facesse discutere e che procurasse del dispiacere all’ATP e alla WTA.

Mentre nel dialogo con Daniele Dallera, quando gli è stato domandato cosa avrebbe significato un intervento del governo per vietare ai russi e ai bielorussi di partecipare agli Internazionali BNL d’Italia, vista l’opposizione della FIT e dell’ATP, Malagò si è così espresso: “Bisogna fare una premessa. La raccomandazione del Cio è nata dopo che la Russia ha commesso una gravissima violazione, mai successa in era moderna, la rottura della tregua olimpica durante i Giochi paralimpici. Ma ci rendiamo conto? Inoltre da Presidente del Coni e membro del Cio, che io rappresento in Italia, mi occupo di politica estera e l’Executive Board ha raccomandato a tutte le federazioni di non invitare atleti russi e bielorussi alle manifestazioni sportive. Wimbledon, che è un club privato, si è attenuto a questa indicazione”.

“ROMA? AL GOVERNO LA DECISIONE” – Il massimo esponente dello Sport azzurro, incalzato dal responsabile della sezione sportiva del quotidiano milanese sul perché, nonostante sia passato molto tempo dallo scoppio della guerra, gli atleti russi (pur senza bandiera) hanno continuato a partecipare agli eventi tennistici, in alcuni casi addirittura vincendoli, ha proseguito sostenendo: “Le cose, i fatti, vanno spiegati bene, soprattutto a chi esprime disaccordo, ed è suo diritto, alle decisioni del Cio. Tutte le più importanti federazioni internazionali, sottolineo tutte (in realtà tranne la Federazione europea di Basket, che ha preso del tempo) hanno accolto e seguito le raccomandazioni del Cio. Solo il mondo del tennis si è stupito del fatto che Wimbledon abbia aderito al dettato del comitato olimpico internazionale. In chiusura viene chiesto a Malagò cosà accadrà al Masters 1000 di Roma (al via il prossimo 2 maggio). Questa la risposta: “Spetta al governo prendere una decisione. Starà studiando il caso, valuterà la situazione, poi farà una scelta, sono convinto che sarà la migliore per il Paese”. Ricordiamo che proprio su questo aspetto lo stesso Corriere della Sera ha riportato delle indiscrezioni secondo cui il Premier Mario Draghi avrebbe già maturato una presa di posizione contraria alla partecipazione di russi e bielorussi al torneo che si svolge nella capitale italiana.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Torneo ITF Circolo Antico Tiro a volo: stamattina la presentazione ufficiale

ROMA – Nella caratteristica location della sala carte del Circolo, ufficialmente, presentata la XII edizione di questo importante torneo ITF

Pubblicato

il

Circolo Antico Tiro a volo - Roma 2022 (foto Pellegrino Dell'Anno)

Stamattina alle ore 12, nella panoramica e deliziosa cornice del Circolo Antico Tiro a Volo, a Roma in zona Parioli, si è tenuta la conferenza di presentazione della XII edizione del torneo qui ospitato. Si parla di un ITF da 60.000 dollari, che torna in calendario dopo due anni di assenza forzata, con entusiasmo e tante aspettative. Una tappa importante per molte giocatrici, con un albo d’oro che vede nomi come Errani, Garbin, Yastresmka, e anche tante partecipazioni importanti della caratura di Pegula, McHale, Rybakina. Un torneo che evidenzia l’importanza anche di unire sport con cultura e territorio, sottolineata dalla presenza di ospiti come Vito Cozzoli (presidente di Sport e Salute), l’assessore allo sport per la città di Roma Alessandro Onorato e l’attuale direttore del torneo Adriano Albanesi, gold coach che ha allenato tra le altre anche Tsurenko.

Ad aprire la conferenza, e a presentare il tutto con i soliti ringraziamenti di rito, è il presidente del circolo, il dottor Giorgio Averni, che oltre a ricordare quante giocatrici importanti siano passate da qui (anche ad allenarsi, vedi Muguruza e Osaka) sollecitato da una domanda, spiega l’importanza e la voglia di puntare sul torneo WTA: “Da anni abbiamo scelto così, il tennis (e lo sport) femminile non è un ripiego per noi, e abbiamo scelto di dargli lustro. La cornice che offriamo a queste ragazze è importante, i loro coach e manager sono estasiati dal nostro trattamento e ospitalità, che spesso non trovano neanche a Parigi. Inoltre, questo circolo è aperto alle donne, e attento alla famiglia e ai ragazzi: vogliamo insegnare ai futuri uomini a rispettare le regole, l’avversario, e la competizione che poi ci sarà anche nella vita. Questo torneo è una settimana di festa, dello sport e non solo, ci saranno eventi e il gran galà di martedì, dove premieremo atleti che hanno fatto la storia dello sport italiano“.

Giocandosi a Roma, questo torneo è certamente secondo solo agli Internazionali d’Italia come importanza tennistica nella capitale, e difatti non manca l’intervento di Cozzoli (di cui già avevamo riportato delle dichiarazioni post IBI): “Quest’estate è importante per Roma, per il tennis e lo sport italiano. Abbiamo iniziato con gli IBI con maggior pubblico e incasso della storia, oltre ad ospitare eventi di padel, beach volley, skateboard. Questa al circolo è un’occasione di sport, di promozione dello sport, di valorizzare un’organizzazione che richiede sempre entusiasmo e competenza. Tutti gli eventi di Sport e Salute, come questa attività, fanno emergere il legame dello sport con il sociale. Il circolo ha anche questa vocazione, e i circoli in generale sono fondamentali nel promuovere lo sport. Intanto anche al Foro ci stiamo già preparando per gli Internazionali del prossimo anno, che saranno su dodici giorni“.

 

Roma, sport e grandi eventi sono un’assonanza storica, e sempre di successo, come testimoniano le iniziative già intraprese, e le parole oggi espresse, dell’assessore Onorato, altro ospite d’eccellenza della presentazione: “Roma ha una vocazione naturale ai grandi eventi, in particolar modo sportivamente e culturalmente (qui al Circolo ad esempio, alle Olimpiadi del ’60 si teneva la specialità del tiro a volo). I grandi eventi, nella stragrande maggioranza dei casi, aiutano la diffusione degli sport di base, attualmente le iscrizioni alle Federazioni di tennis e atletica sono aumentate grazie ai grandi risultati della scorsa estate. Abbiamo la fortuna di avere gli Internazionali, e con Binaghi ci siamo posti l’obiettivo di coinvolgere tutta la città, migliorare i servizi: abbiamo realizzato per la prima volta in 79 edizioni una stazione dei taxi dedicata al torneo. A Roma, il torneo del circolo è secondo solo agli Internazionali, e si deve lavorare per allargarne la portata d’interesse oltre gli appassionati e soci“.

Le wild card sono state assegnate dagli organizzatori a Verena Meliss, Matilde Paoletti, Camilla Rosatello e Diletta Cherubini. Nelle qualificazioni Nuria Brancaccio, reduce da ben due medaglie ai Giochi del Mediterraneo di Orano, e le giovani Lisa Pigato e Melania Delai.

Alla fine della conferenza, Onorato ha risposto anche a una domanda in esclusiva ad Ubitennis, riguardo i suoi progetti già annunciati di riportare grandi eventi a Roma (“Lei ha espresso la voglia di restituire grandi eventi a Roma, anche sponsorizzare e far crescere storici circoli culturali come questo, tramite tornei, occasioni sportive e non, può essere un punto di partenza?“): “Sì, assolutamente, perché i tennisti stessi sono coinvolti direttamente in un evento importante. E anche se non si tratta degli Internazionali, che sono tra i primi 7-8 tornei al mondo, rende il tennis qualcosa di più spendibile, che anche partendo dal basso può salire e rendere grandi eventi una realtà. E anche fare in modo di aumentare la visibilità di questi eventi italiani“.

Infine, abbiamo anche potuto realizzare un paio di domande, qui integralmente riportate, al direttore tecnico di quest’anno Adriano Albanesi, che ha anche fatto qualche nome interessante di giovani giocatrici presenti quest’anno al torneo dell’Antico Circolo Tiro a Volo (Andreeva, Jiménez Kasintseva) o altre sul panorama internazionale come la russa che si allena in Spagna Vanesian. E proprio l’aver assegnato a lui la direzione tecnica della manifestazione mostra l’importanza che ha l’evento anche come trampolino di lancio per giovani giocatrici in ascesa, come ribadisce qui di seguito(tra l’altro con gran cortesia e proprio di fronte al ricco buffet offerto dal circolo).

D: “Sei un coach WTA gold, e quest’anno ti è stata anche affidata la direzione del torneo. Cosa ti ha fatto provare questa investitura?

Albanesi: “Questo per me è un grande momento, perché è la mia prima esperienza in questo senso. Ogni volta che è stata preparata un’avventura nuova, come quella da coach, è una grande emozione, e altrettanto quella da direttore del torneo. Penso che la macchina organizzativa possa far bene, ma soprattutto mi aspetto un livello alto, un bel potenziale, da parte delle giocatrici.”.

D: “Il torneo vanta nomi importanti nell’entry list, tu da ex allenatore, di giocatrici come anche Tsurenko(che ha giocato abbastanza bene anche a Wimbledon), ritieni che questo torneo sia un importante trampolino di lancio per le giocatrici più giovani?

Albanesi: “Certo, perché già nelle edizioni passate era successo che tanti nomi iscritti all’interno di questa lista, sono poi esplosi. Ma anche perché il torneo fa parte di una fascia poco poco sotto ai WTA, che proprio fa da ponte. Quindi c’è la possibilità che molte giovani scelgano questa data, scelgano questo torneo, perché ha un grande potenziale, ma soprattutto perché permette di prendere quei punti che magari servono per confermarsi o iniziare ad avvicinarsi alle qualificazioni o ai tabelloni degli Slam“.

Continua a leggere

Flash

Nick Kyrgios accusato di violenza privata dalla ex-fidanzata

In caso di condanna, il tennista australiano Kyrgios rischierebbe fino a due anni di reclusione

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Wimbledon 2022 (foto @bet365_aus)

In questi giorni, a Wimbledon, Nick Kyrgios ha “una grande opportunità”, come lui stesso ha riconosciuto dopo aver staccato il biglietto per i quarti di finale dove troverà il cilemo Cristian Garin. Il prossimo mese, a Canberra, lo stesso Kyrgios affronterà un’accusa di violenza privata (assault) presentata dalla sua ex Chiara Passari, secondo quanto riporta il quotidiano The Canberra Times.

I fatti risalgono allo scorso dicembre, quando la polizia è dovuta intervenire in seguito a una violenta lite fra i due nella stanza dell’hotel dove stavano trascorrendo la quarantena al rientro in Australia. “Non sono stati riscontrati reati e le due parti trascorreranno la quarantena in camere separate“ era stata la dichiarazione della polizia. Eppure, stando appunto a quanto riporta il quotidiano australiano, il ventisettenne di Canberra dovrà comparire in tribunale fra meno di un mese per rispondere della presunta violenza privata: “La polizia del Territorio della Capitale Australiana può confermare che un uomo di ventisette anni di Watson [sobborgo di Canberra] comparirà in tribunale il 2 agosto in relazione a un’accusa di violenza privata semplice in seguito a un episodio del dicembre 2021”.

Il reato può comportare anche la reclusione fino a due anni e sembra che Nick sia consapevole della gravità della vicenda. “È nel contesto di una relazione domestica. La natura dell’accusa è grave e il signor Kyrgios prende l’accusa molto seriamente” ha detto l’avvocato Jason Moffett confermando al Canberra Times di essere stato informato della situazione. “Dal momento che la questione è dinanzi al tribunale… lui non ha commenti a questo punto, ma con il tempo diffonderemo un comunicato stampa”.

 

Un altro tennista, dunque, alle prese con accuse mosse da una ex fidanzata, dopo Thiago Seyboth Wild, Nikoloz Basilashvili e Alexander Zverev. Nel caso del tedesco le accuse sono rimaste fuori dai tribunali, ma il clamore suscitato dal “caso Sascha” aveva indotto l’ATP ad annunciare una revisione della propria policy in materia di abusi.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, programma martedì 5 luglio: Halep si guadagna il Centrale, a seguire Nadal-Fritz

Kyrgios-Garin sul campo 1 alle 16 circa. Rafa Nadal alla ricerca della semifinale contro l’americano Fritz, alle 16:30 circa

Pubblicato

il

Rafael Nadal – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @ATPTour_ES)

Mentre la prima giornata di quarti di finale è ancora in corso, viene rilasciato il programma del day 11 del torneo di Wimbledon (mercoledì 6 luglio), dove si svolgeranno i restanti quattro match di tabellone singolare, maschile (parte bassa) e femminile (parte alta). Saranno proprio le donne ad aprire le danze sua sul Centre Court che sul campo 1. Nel tempio del tennis per eccellenza ci sarà di nuovo Simona Halep, campionessa qui nel 2019 e sulla via del ritorno al top, che affronterà alle 14:30 ora italiana la statunitense Amanda Anisimova in un match che contrappone una giocatrice dal tennis principalmente difensivo contro una picchiatrice. A seguire, 16:30 circa, ci sarà Rafael Nadal opposto a Taylor Fritz (qui la conferenza dell’americano).

L’altro campo utilizzato per match di cartello sarà, come detto, il court 1 e le prime a calpestarlo nella giornata di mercoledì saranno Alja Tomljanovic ed Elena Rybakina alle 14 italiane. A seguire forse il match più atteso di giornata: l’australiano Nick Kyrgios affronterà Cristian Garin (che ha scampato Berrettini) alle 16 circa italiane. Tutti i match saranno trasmessi in diretta SKY e NOW TV.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement