Raducanu sempre più "paperona": è il nuovo brand ambassador di HSBC. Ma quanto durerà senza vittorie?

Flash

Raducanu sempre più “paperona”: è il nuovo brand ambassador di HSBC. Ma quanto durerà senza vittorie?

Emma Raducanu aggiunge la banca HSBC alla lista dei suoi numerosi sponsor. La tennista britannica sarà chiamata a sostenere prove importanti nelle prossime settimane

Pubblicato

il

Emma Raducanu - Australian Open 2022 (foto Twitter @AustralianOpen)
 
 

Non era stato difficile prevedere che dopo la strabiliante vittoria allo US Open 2021 partendo dalle qualificazioni sarebbe stato necessario un periodo di aggiustamento al nuovo status per la stella nascente Emma Raducanu, che nel giro di poche settimane era stata catapultata dagli esami di maturità nella sua scuola in Inghilterra alla passerella del Met Gala.

Tuttavia si poteva sperare in un ruolino di marcia meno avaro di vittorie per la giovane Emma che da quelle magiche tre settimane a Flushing Meadows ha racimolato solamente 10 vittorie contro 14 sconfitte (8-11 dall’inizio dell’anno) e ora si presenta a Wimbledon, nello Slam di casa, con solamente sette games di pratica agonistica sull’erba, dato il suo ritiro al primo turno sul 4-3 del primo set contro Golubic nel torneo di Nottingham.

Dove però le cose vanno a gonfie vele, e probabilmente non potrebbero andare meglio, è sul lato delle sponsorizzazioni extra-tennistiche. Forte del supporto di una vecchia volpe come Max Eisenbud, ex manager di Maria Sharapova e ora responsabile di monetizzare una delle atlete più monetizzabili nel firmamento dello sport mondiale, Raducanu ha inanellato uno dopo l’altro contratti di partnership con aziende di altissimo profilo. Si è partiti subito dopo lo US Open con lo storico marchio del lusso Tiffany’s, seguito poco dopo dalla casa di moda Dior. Prima della fine del 2021 sono arrivati poi i contratti con la celebre acqua minerale Evian e quello con la compagnia aerea di bandiera britannica British Airways.

 

Anche il 2022 è iniziato sotto i migliori auspici con due nuove collaborazioni come “brand ambassador” con l’azienda automobilistica Porsche e con il gigante delle telecomunicazioni Vodafone. Ora, alla vigilia di Wimbledon, l’annuncio di un nuovo contratto di quattro anni con il gruppo bancario HSBC, che è anche da lungo tempo partner dell’All England Club, per collaborare a un progetto che vuole educare i giovani al mondo della finanza. “Mi è sembrata una partnership estremamente naturale – ha commentato Raducanu all’annuncio dell’accordo – dal momento che se non fossi stata una tennista mi sarebbe piaciuto lavorare nel mondo della finanza”.

Questi contratti di sponsorizzazione si vanno poi a unire agli sponsor tecnici di Emma, che già prima dello US Open era legata alla Nike per l’abbigliamento e le scarpe e alla Wilson per le racchette.

Ovviamente le cifre in ballo in tutti questi accordi sono riservate, ma si vocifera che i contratti con Dior e Tiffany’s portino a Raducanu una cifra intorno ai 2 milioni di sterline all’anno (circa 2,3 milioni di euro) e quello con Vodafone addirittura 3 milioni di sterline l’anno.

E non siamo che all’inizio: la 19enne britannica sarà probabilmente in testa alla classifica dei “most marketable athletes” stilata ogni anno dalla rivista specializzata Sports Pro Media, che nella sua edizione 2021 uscita nel mese di agosto non l’aveva nemmeno sul proprio radar dato che l’exploit allo US Open è arrivato poche settimane dopo. D’altra parte Emma ha molte caratteristiche che la rendono testimonial ideale per molti marchi di punta: giovane, vincente (almeno per il momento), sicuramente di bell’aspetto, molto seguita sui social (il suo profilo Instagram ha 2,4 milioni di followers), il suo passaporto britannico la rende uno dei personaggi di riferimento di un mercato estremamente florido, viene da una famiglia multiculturale (il padre è rumeno, la madre è cinese ed è nata in Canada) e in più parla piuttosto bene il mandarino, rendendola “spendibile” anche sull’immenso mercato cinese (anche se ora molto meno accessibile a causa delle restrizioni legate al COVID).

Sembra che il tennis abbia trovato un’altra Eugenie Bouchard, la tennista canadese che dopo il 2014 da urlo con due semifinali e una finale Slam sembrava destinata a una carriera piena di allori e dollari e che invece da allora, tra numerosi infortuni e altrettante distrazioni, non è riuscita più a ripetere le stesse performance, scendendo molto rapidamente sia nel ranking WTA sia in quello di gradimento degli sponsor che nel suo anno di grazia l’avevano considerata l’atleta più “markettabile” dell’anno.

I meccanismi che portano a un florido conto in banca sono diversi da quelli che portano ai trionfi sul campo, ma senza questi ultimi non è possibile rimanere nell’élite dei contribuenti-tennisti molto a lungo. La prossima estate sarà un durissimo banco di prova per Raducanu, con il primo Wimbledon da disputare in casa come superstar e la difesa del titolo allo US Open e dei 2040 punti in classifica ad esso collegati. Senza quei punti Emma scivolerebbe intorno al n. 70 del ranking dall’attuale 11° posizione: vedremo come la tennista britannica saprà affrontare uno dei passaggi più difficili della sua finora folgorante carriera.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, anche i doppi alle ultime battute: nel maschile Croazia-Colombia in semifinale. Nel misto attenzione su Sock/Gauff

Mektic e Pavic cercano il bis ma prima dovranno superare i campioni del 2019 Cabal e Farah. Nel femminile bene Krejicikova/Siniakova. Oggi le semi del misto

Pubblicato

il

Mate Pavic (CRO) and Nikola Mektic (CRO) playing against Rajeev Ram (USA) and Joe Salisbury (GBR) in the semi-final of the Gentlemen's Doubles on No.1 Court at The Championships 2021. Held at The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 10 Thursday 08/07/2021. Credit: AELTC/Florian Eisele

Con i primi quarti di finale dei tabelloni di singolare giocatisi ieri, si è entrati a tutti gli effetti nelle fasi più calde di questa edizione di Wimbledon. In palio però non ci sono solo il “Gentlemen’s Single Trophey” e il “Rosewater Dish” – i trofei assegnati ai vincitori del singolare maschile e femminile – ma anche le coppe riservate ai doppisti. E vincere Wimbledon, in qualsiasi disciplina lo si faccia, può rappresentare il momento più alto della propria vita tennistica.

Tra le coppie rimaste in gioco c’è chi lo ha già fatto. Nel maschile, ad esempio, in una delle due semifinali si affronteranno gli ultimi due tandem trionfatori ai Championships: i croati Mektic e Pavic (2021) e i colombiani Cabal e Farah (2019). I primi andranno a caccia del loro secondo titolo Slam (per Pavic, che ha vinto anche a Melbourne e a New York) sarebbe il quarto, mentre i sudamericani puntano al terzo successo della loro carriera.

L’altra semifinale vedrà impegnate una coppia australiana e una anglo-americana. Gli aussie sono Ebden e Purcell, numeri 14 del seeding e già finalisti nel primo Slam della stagione (quando si arresero, non senza polemiche, ai connazionali Kyrgios e Kokkinakis), che oggi hanno superato più agevolmente del previsto (6-4 6-4 6-2) Peers – un altro australiano– e Polasek. Il duo GB-USA, il più forte del mondo secondo il ranking ATP, è composto da Salisbury e Ram che insieme hanno già vinto l’Australian Open nel 2020 (uno degli avversari era Purcell) e l’ultimo US Open. Questa mattina hanno eliminato i francesi Mahut e Roger-Vasselin dopo cinque set spettacolari che hanno divertito il pubblico del campo 2, praticamente pieno per sostenere l’inglese Salisbury. Si tratta quindi di un torneo di altissimo livello: sono arrivate alle semifinali tutte coppie ben collaudate che hanno già disputato almeno una finale Slam e che in totale hanno già raccolto cinque titoli nei major.

 

Anche nel femminile c’è chi sa già cosa voglia dire vincere una finale sul Centre Court. Si tratta della coppia ceca Krejcikova/Siniakova, campionesse nel 2018, e di Elise Mertens che l’anno scorso ha trionfato insieme al Su-wei Hsieh. La belga, numero 1 incontrastata del ranking di specialità, ha cambiato compagna e in questa edizione è in corsa con la cinese Zhang (sono le prime teste di serie). Le due sono solo al loro secondo torneo insieme e sono ancora imbattute, visto che due settimane fa hanno raggiunto la finale a Birmingham ma non l’hanno disputata. Oggi hanno superato la coppia testa di serie numero 7 Guarachi/Klepac e in semifinale affronteranno Collins/Krawczyk o Rosolka/Routliffe.

Le finaliste provenienti dalla parte bassa del tabellone usciranno invece dalla sfida tra le ceche, che oltre a Wimbledon 2018 possono vantare anche due titoli al Roland Garros e la vittoria di inizio anno all’Australian Open, e il duo Kichenok/Ostapenko. Quest’ultima proverà a rifarsi dopo le delusioni in singolare (è stata battuta da Maria dopo aver sprecato due match point) e nel misto (sconfitta insieme a Farah nei quarti).

Nel misto le semifinali si giocheranno già nel pomeriggio di oggi. La prima sarà una sfida USA-AUS con Ebden e Stosur (che ha giocato il suo ultimo incontro di singolare a inizio anno) da un lato e Sock e Gauff dall’altro. Gli aussie hanno già vinto – non insieme – tre Slam in questa specialità, ma la coppia americana – formatasi con uno scambio di tweet – non è affatto più sprovveduta: Sock è stato campione olimpico di misto nel 2016, mentre Coco ha raggiunto la finale di doppio femminile all’ultimo Roland Garros. Nella seconda semi saranno impegnati i campioni dell’anno scorso Skupski/Krawczyk e l’inedita coppia composta da Pavic e Mirza. La giocatrice indiana, che ha in bacheca già 6 titoli Slam in doppio, è a caccia del Career Grand Slam nella specialità del misto.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Norrie: “Posso vincere con Nole. Sono cresciuto gradualmente”

“Non mi aspettavo di arrivare fin qui”, spiega l’idolo britannico Cameron Norrie, in vista della sfida con Djokovic. “Con lui non posso permettermi cali di concentrazione”

Pubblicato

il

Cameron Norrie - Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

L’ultima volta in cui Wimbledon potè gioire di un britannico tra i migliori quattro fu nel 2016, quando Andy Murray vinse poi il torneo in finale contro Milos Raonic. A riportare alta la bandiera di Sua Maestà è un inglese un po’ atipico, un mancino emerso tardi sui grandi palcoscenici, ma che migliora sempre più col passare del tempo: Cameron Norrie. La tds n.9 ha vinto, anche lui in rimonta, contro David Goffin al quinto set, e si prepara all’appuntamento con la storia contro Novak Djokovic venerdì (che sa di giocare in trasferta contro il beniamino del pubblico). Prima semifinale Slam per Norrie, che per una volta, in campo e in conferenza post gara, riesce a lasciarsi andare all’emozione.

D: “Non siamo abituati a vederti essere super emotivo alla fine delle partite. Puoi provare a mettere in parole quello che ti passava per la testa?”

Norrie: “Tutto il duro lavoro, i sacrifici e tutto il resto mi hanno colpito una volta. Soprattutto la situazione, qui a Wimbledon, davanti alla mia famiglia, ai miei amici e ovviamente a molte persone che seguivano quella partita. Per me, ripensandoci, tutto il duro lavoro, i sacrifici e il resto era giusto, in realtà non sapevo cosa dire ovviamente. Mi sono emozionato lì, ed è stata una giornata folle e una partita pazza da superare, soprattutto per il modo in cui è iniziata. Questo è il motivo per cui pratichi questo sport“.

 

D: “Il prossimo è Novak, contro cui hai giocato solo una volta. Pensi di poterlo battere?

Norrie: “Di sicuro. Penso che sia ovviamente uno dei compiti più difficili nel tennis; direi che l’erba è sua superficie preferita e il suo record è incredibile qui a Wimbledon, sarà dura. Dovrò migliorare molte cose rispetto ad oggi, non credo che avrò la possibilità di perdere la concentrazione come ho fatto. Penso di essere stato un po’ fortunato: un paio di volte ho perso un po’ di concentrazione e sono riuscito rientrare, non credo che con lui ci sia spazio per quello. Ora non vedo l’ora di affrontarlo e vedere il livello che porta. Non ho guardato molto di lui oggi, ma ovviamente si sente abbastanza bene dopo aver rimontato da due set a zero. Sarà difficile“.

D: “Hai parlato della folla. Vorrei chiederti se puoi parlare di come hai usato la loro energia, soprattutto nel quarto e quinto set. Vorrei anche chiederti se hai visto il Duca e la Duchessa di Cambridge cambiare il Campo Centrale per il tuo. Lo hai notato durante la partita?

Norrie: “Non me ne sono accorto durante la partita ma li ho visti alla fine lì. Ovviamente è molto speciale giocare davanti a loro, e ovviamente avevano più interesse per la mia partita, il ché è piuttosto bello. Penso che David (Goffin) abbia fatto un buon lavoro nel mettere a tacere la folla, visto che stava giocando ad un livello così alto e non mi regalava davvero nulla. Penso che alla fine del quarto, in quel game del 4-3, ho davvero coinvolto la folla, e da quel momento in poi, loro erano con me in ogni punto; penso che lo abbia frustrato un po’. Forse era questa la differenza oggi; c’erano solo uno o due punti di distacco, credo di aver visto una statistica in cui ha effettivamente vinto più punti di me nell’incontro. Dimostra solo che ho giocato meglio di lui i punti più importanti. È qualcosa di cui ho parlato e su cui sto lavorando molto con il mio team, ed è bello farlo nella partita più importante della mia vita finora“.

D: “So che ritieni di appartenere a questo livello perché hai lavorato duramente per arrivare qui e sei stato top 10, ma c’è un po’ del ragazzino in te che ti fa venir voglia di darti un pizzicotto per il fatto di essere in semifinale a Wimbledon contro uno dei più grandi giocatori che abbia mai calpestato questi campi?

Norrie: “Sì, è molto bello, soprattutto quando ho raggiunto i quarti di finale l’altro giorno, pensavo a quando ero bambino e guardavo i giocatori in TV fare i quarti di finale pensando: ‘Wow, sembra proprio così difficile da fare, e ci sono quasi zero possibilità che lo faccia’. Ma farlo davvero, viverlo e sperimentarlo è molto bello e piuttosto pazzesco, in realtà. E ora sono andato un altro passo avanti, in semifinale, quindi posso prendere molta fiducia da quello. Ovviamente sarà dura contro Novak, ma attendo la sfida. Sì, credo che l’ultima volta in cui l’ho affrontato, a Torino in un altro grande torneo, ha giocato molto bene e penso di aver imparato molto da quello. Penso che mi approccerò tatticamente in modo diverso, e mi riposerò e preparerò per questo“.

D: “Quando hai lasciato il college per la prima volta e sei entrato nel circuito, pensavi di essere capace di un risultato del genere? So che prendi le cose una partita alla volta, ma come sentivi i tuoi limiti allora?

Norrie: “Non pensavo davvero di provare a farlo così velocemente. Il primo obiettivo era, per me, entrare in top 100, e l’ho fatto. Una volta che l’ho fatto, allora era tra i primi 50, poi l’ho fatto, ed era tra i primi 10. Proprio così: spuntare le caselle e progredire lentamente, e penso che diventi sempre più credibile man mano che va avanti. Non ho pensato direttamente, appena fuori dal college, va bene, sarò in semifinale di un Grande Slam, o a fissare obiettivi pazzeschi come quello; è fantastico farlo, ma che in quel momento era piuttosto irrealistico. Quindi penso di aver fatto un buon lavoro per mantenere basse le aspettative, e quindi soddisfare massimizzando il talento che ho. Ho ancora molte cose su cui posso migliorare, il che è eccitante“.

D: “Una domanda su cosa significhi unirsi ad altri giocatori britannici che hanno raggiunto le semifinali di Wimbledon. Sei il primo uomo britannico dai tempi di Andy. Ti ha raggiunto dopo uno qualsiasi dei tuoi risultati passati? Lui è una delle poche persone ad aver battuto Novak qui. Gli chiederai consigli?

Norrie: “Andy è stato super di supporto per me e per il mio team. Mi alleno sempre con lui e lo contatto spesso per avere nuove idee; è super solidale con noi. Anche prima della partita di oggi (martedì), è venuto in palestra e mi ha augurato buona fortuna; ovviamente ama il tennis quindi sta seguendo tutto e tutti i risultati. Penso che sia abbastanza bello, e non credo che sia un cattivo ragazzo a cui chiedere alcune tattiche. Mi godrò oggi e forse lo sentirò per vedere cos’ha da dirmi“.

D: “Ho visto anche tua madre molto emozionata sullo schermo. Potresti dirci un po’ come ti fa sentire raggiungere questo obiettivo di fronte a loro, e anche se hai parlato con i tuoi genitori?

Norrie: “A ogni partita che ho vinto questa settimana mia madre ha pianto, a prescindere di quale fosse. Le partite sono sempre più grandi e i momenti stanno diventando più speciali, penso che siano semplicemente super felici per me che sto facendo qualcosa che amo, ed è solo un bonus l’essere vincente, e penso che sia stato probabilmente piuttosto stressante per loro oggi. Sono venuti dopo la partita quando ero sulla cyclette ed entrambi mi hanno dato un grande abbraccio, e anche mia sorella, è molto bello averli qui a guardare. Ovviamente è molto raro per loro essere qui e vedere le partite, soprattutto negli gli ultimi due anni. Vedermi giocare al livello in cui sono stato, ottenere alcune vittorie e vivere momenti del genere è esattamente il perché sono venuti. Sono felice che abbiano fatto il viaggio“.

Continua a leggere

Flash

WTA multa Wimbledon e LTA per l’esclusione di russi e bielorussi: da pagare 1 milione

La Federazione britannica dovrà sborsare 750 mila dollari. Mentre per l’All England Club la multa è di 250 mila dollari

Pubblicato

il

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la WTA ha deciso di sanzionare la Lawn Tennis Association (che gestisce i tornei di Nottingham ed Eastbourne) e l’All England Club con una multa di un milione di dollari nel complesso, spartita in questo modo: 750 mila dollari per la Federazione britannica e 250 mila all’All England Club per l’esclusione di atleti russi e bielorussi da Wimbledon e dagli altri tornei in Gran Bretagna. Come confermato dalla BBC, il club ha presentato ricorso contro la decisione; nonostante questo le multe andranno comunque pagate interamente prima che inizino le udienze per l’appello.

Sally Bolton, amministratore delegato del club che organizza Wimbledon, ha detto ai giornalisti che l’organizzazione è “profondamente delusa” dalla reazione del tour. Alla domanda sulle multe, ha detto: “Penso che la prima cosa da dire sia che è oggetto di un procedimento legale, quindi non posso commentarlo in modo specifico”. Ma ha aggiunto: “Rimaniamo fedeli alla decisione che abbiamo preso, siamo profondamente delusi dalle reazioni dei tour a quella decisione e probabilmente non posso dire altro al riguardo in questo momento”. Alla domanda se l’AELTC avrebbe presentato ricorso, ha risposto: “Sì, abbiamo presentato ricorso”.

 

Come è noto la LTA (federazione tennis britannica) ha seguito la scia di organizzazioni sportive – come la FIFA o la UEFA – che hanno optato per l’esclusione delle nazionali e delle squadre di club russe e bielorusse dalle competizioni internazionali. L’All England Club si era giustificato a suo tempo sulla decisione attraverso un comunicato “Abbiamo la responsabilità di fare la nostra parte per favorire lo sforzo generale del governo, dell’industria, delle istituzioni dello sport e dello spettacolo per limitare l’influenza globale della Russia. E sarebbe inaccettabile che il regime russo ottenga benefici di qualunque genere dalla presenza di atleti russi e bielorussi a Wimbledon“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement