WTA Ranking, che succederà dopo Wimbledon?

WTA

WTA Ranking, che succederà dopo Wimbledon?

Pubblicato

il

TENNIS WTA RANKING – All’inizio del torneo più importante dell’anno, ci siamo chiesti quali fossero gli scenari possibili per le giocatrici di vertice. Serena è certa della leadership. Li rischia. Cosa attende le altre?

I risultati degli ultimi tornei preparatori a Wimbledon non portano grosse novità nella classifica delle migliori. Nella top10, guadagna due posti Kerber (n.7) e di conseguenza retrocedono di una posizione sia Jankovic (n.8) sia Azarenka (n.9). Sono stazionarie le altre posizioni fino a Safarova (n.23).

1 (1) Williams, Serena USA 9660 17
2 (2) Li, Na CHN 7330 14
3 (3) Halep, Simona ROU 6105 22
4 (4) Radwanska, Agnieszka POL 5990 22
5 (5) Sharapova, Maria RUS 4741 16
6 (6) Kvitova, Petra CZE 4570 20
7 (9) Kerber, Angelique GER 4035 24
8 (7) Jankovic, Jelena SRB 3990 22
9 (8) Azarenka, Victoria BLR 3842 15
10 (10) Cibulkova, Dominika SVK 3666 23
11 (11) Ivanovic, Ana SRB 3630 22
12 (12) Pennetta, Flavia ITA 3378 22
13 (13) Bouchard, Eugenie CAN 3320 24
14 (14) Errani, Sara ITA 3120 23
15 (15) Suarez Navarro, Carla ESP 2905 25
16 (16) Wozniacki, Caroline DEN 2685 18
17 (17) Stosur, Samantha AUS 2565 24
18 (18) Stephens, Sloane USA 2540 23
19 (19) Lisicki, Sabine GER 2397 18
20 (20) Petkovic, Andrea GER 2205 24

 

Nella top100 si segnalano grossi progressi per le giocatrici arrivate alle fasi finali a Eastbourne e s-Hertogenbosch: Keys (+17, n.30), Vandeweghe (+18, n.51), Watson (+10, n.60) e Zheng (+24, n. 66).

Buoni progressi anche per Giorgi (+3, n.39) che a piccoli passi si avvicina ai vertici. Crollo verticale invece per Vesnina (-17, n.32), campionessa uscente a Eastbourne.

Con l’inizio di Wimbledon, è interessante dare un occhio alla classifica epurata dai risultati ai Championship di un anno fa:

1 (1) Williams, Serena 9380
2 (2) Li, Na 6830
3 (3) Halep, Simona 6005
4 (4) Radwanska, Agnieszka 5090
5 (5) Sharapova, Maria 4641
6 (6) Kvitova, Petra 4070
7 (7) Kerber, Angelique 3935
8 (8) Jankovic, Jelena 3890
9 (9) Azarenka, Victoria 3742
10 (11) Ivanovic, Ana 3530
11 (10) Cibulkova 3506
12 (13) Bouchard, Eugenie 3160
13 (14) Errani, Sara 3115
14 (12) Pennetta, Flavia 3098
15 (15) Suarez Navarro, Carla 2625
16 (16) Wozniacki, Caroline 2585
17 (17) Stosur, Samantha 2415 (già eliminata a Wimbledon)
18 (20) Petkovic, Andrea 2105
19 (18) Stephens, Sloane 2050 (già eliminata a Wimbledon)
20 (21) Vinci, Roberta 1870
?? (19) Lisicki, Sabine 997

Serena, comunque vada a Londra, è sicura di restare in vetta.  Per tutte le altre si possono azzardare degli scenari possibili. Come al solito ci tengo a precisare che si tratta di pure supposizioni, essendo troppe le variabili in gioco per avere delle certezze.

Per il secondo posto, la lista delle pretendenti si limita a  tre giocatrici: Li, Halep e Radwanska. Nonostante la possibilità matematica esista, difficilmente Li potrà essere scavalcata dalle altre: anche se la cinese uscisse al primo turno, sia Halep sia Radwanska dovrebbero sperare di arrivare almeno in finale per poterla sopravanzare.

Kvitova e Sharapova, invece, possono ambire alla terza piazza. In questo caso, Petra e Maria devono augurarsi che chi le precede incappi in una giornata storta nei primi turni e, per conto loro, impegnarsi a vincere il torneo. Qualsiasi risultato che non sia un trionfo, consoliderebbe la loro posizione ma non le proietterebbe così in alto.

Azarenka è precipitata al n.9 dopo il lungo stop. Il suo rientro non è stato dei migliori: un exploit a Wimbledon le consentirebbe di ritornare intorno al 4°/5° posto, una collocazione più consona a una campionessa del suo calibro.

Ivanovic ha la possibilità concreta di tornare tra le dieci. Il suo tabellone non è dei migliori: al primo turno l’attende Schiavone, al secondo turno presumibilmente Zheng e al terzo con ogni probabilità Lisicki. Un anno fa fu sconfitte al secondo turno da Bouchard, e confermare il risultato dell’anno scorso potrebbe non essere sufficiente, oltre che deludente.

Wimbledon potrebbe essere la volta buona per Bouchard: la canadese ha i numeri per entrare nella top ten. Arrivare nei quarti quasi sicuramente non le sarà sufficiente. Deve impegnarsi a raggiungere la terza semifinale di fila in un torneo dello Slam se vorrà coronare il sogno di essere tra le migliori dieci del mondo tra due settimane.

Pennetta rischia di scivolare intorno al 15° posto, dopo aver accarezzato il sogno di rientrare nella top ten. L’impressione è che Flavia si sia lasciata sfuggire l’ennesimo treno ed ora sarà difficile che ripassi, visto che sta arrivando la parte della stagione con i risultati più pesanti da difendere. A cominciare da Wimbledon dove giunse agli ottavi l’anno scorso. Il suo cammino non è impossibile: all’esordio ha Cepelova, poi Davis o Kleybanova, e al terzo turno una tra Peng o Kirilenko, che ha già fatto fuori Stephens (che uscirà dalla top20). Confermasse l’ottimo risultato del 2013,  resterebbe verosimilmente a ridosso delle dieci ma non sarebbe sufficiente per sperare di più.

La classifica attuale di Lisicki, infine, poggia quasi esclusivamente sul risultato dei Championships 2013. Sebbene, come già AGF ha evidenziato, abbia sempre fatto molto bene negli ultimi anni sull’erba, è difficile credere che riesca a bissare la finale di un anno fa. Una sua uscita nei primi turni la relegherebbe ai margini della top50, se non addirittura fuori. I quarti equivarrebbero a uno scivolone di circa 15 posizioni, la semifinale “solo” una decina. Questo significa che Vinci ha la chance di tornare tra le venti, se riuscisse a confermare gli ottavi del 2013 e se le giocatrici che le stanno subito dietro non cogliessero risultati migliori.

LE TOP 50

Legenda: nelle top 50 trovate, in ogni riga: classifica-posizione precedente-giocatrice-nazionalità-punti-tornei

1 (1) Williams, Serena USA 9660 17
2 (2) Li, Na CHN 7330 14
3 (3) Halep, Simona ROU 6105 22
4 (4) Radwanska, Agnieszka POL 5990 22
5 (5) Sharapova, Maria RUS 4741 16
6 (6) Kvitova, Petra CZE 4570 20
7 (9) Kerber, Angelique GER 4035 24
8 (7) Jankovic, Jelena SRB 3990 22
9 (8) Azarenka, Victoria BLR 3842 15
10 (10) Cibulkova, Dominika SVK 3666 23
11 (11) Ivanovic, Ana SRB 3630 22
12 (12) Pennetta, Flavia ITA 3378 22
13 (13) Bouchard, Eugenie CAN 3320 24
14 (14) Errani, Sara ITA 3120 23
15 (15) Suarez Navarro, Carla ESP 2905 25
16 (16) Wozniacki, Caroline DEN 2685 18
17 (17) Stosur, Samantha AUS 2565 24
18 (18) Stephens, Sloane USA 2540 23
19 (19) Lisicki, Sabine GER 2397 18
20 (20) Petkovic, Andrea GER 2205 24
21 (21) Vinci, Roberta ITA2150 25
22 (22) Makarova, Ekaterina RUS 2110 18
23 (23) Safarova, Lucie CZE 1995 24
24 (25) Cornet, Alize FRA 1995 24
25 (26) Pavlyuchenkova, Anastasia RUS 1885 22
26 (24) Flipkens, Kirsten BEL 1880 24
27 (28) Kuznetsova, Svetlana RUS 1636 18
28 (27) Muguruza, Garbine ESP 1625 15
29 (29) Cirstea, Sorana ROU 1611 23
30 (47) Keys, Madison USA 1605 21
31 (30) Williams, Venus USA 1596 16
32 (31) Koukalova, Klara CZE 1535 29
33 (33) Zhang, Shuai CHN 1496 29
34 (35) Hantuchova, Daniela SVK 1415 24
35 (34) Svitolina, Elina UKR 1390 26
36 (36) Dellacqua, Casey AUS 1360 14
37 (39) Rybarikova, Magdalena SVK 1340 26
38 (38) Meusburger, Yvonne AUT 1317 27
39 (42) Giorgi, Camila ITA 1313 17
40 (37) Pironkova, Tsvetana BUL 1266 22
41 (40) Nara, Kurumi JPN 1264 25
42 (41) Kanepi, Kaia EST 1222 18
43 (43) Zahlavova Strycova, Barbora CZE 1181 23
44 (44) Riske, Alison USA 1171 25
45 (45) Jovanovski, Bojana SRB 1170 24
46 (46) Garcia, Caroline FRA 1169 28
47 (48) Knapp, Karin ITA 1145 23
48 (49) Mchale, Christina USA 1135 23
49 (32) Vesnina, Elena RUS 1105 22
50 (50) Pliskova, Karolina CZE 1100 29

Continua a leggere
Commenti

WTA

Com’è difficile confermarsi! Coco Gauff raccoglie un bagel in Lussemburgo

Dopo il botto di Linz arriva una doccia gelata per l’esausta quindicenne USA, che non raccoglie nemmeno un game nel secondo set con Blinkova

Pubblicato

il

Se vincere già è difficile, figuriamoci confermarsi, soprattutto a quindici anni. Entrata prepotentemente nella top 100 della classifica WTA dopo il clamoroso trionfo della scorsa settimana a Linz, Cori “CocoGauff ha subito abbandonato la compagnia a Città del Lussemburgo, sonoramente battuta dalla moscovita Anna Blinkova, ottava testa di serie in gara.

Apparsa molto provata e presumibile, nonché giustificata, vittima di un brusco calo d’adrenalina, normalissimo postumo figlio della sbornia austriaca, la quindicenne di Atlanta ha dato il solo timido segnale di sé al momento di recuperare, nel quarto gioco, il break subito nel terzo, poi è rimasta in scia d’inerzia senza mai tuttavia impensierire davvero l’avversaria, che ha chiuso senza eccessivo affanno la prima partita sul sei a quattro.

Nel secondo set Coco si è completamente disunita, e non le è stata data la soddisfazione di cogliere alcun game nel terrificante parziale di venticinque a otto (zero punti con la seconda di servizio in campo) con cui ha verosimilmente chiuso la sua prima annata da star nel circuito professionistico.

 

Per quanto riguarda il resto del programma, in attesa degli esordi in serata di Julia Goerges e Jelena Ostapenko (interessante l’incrocio con la teen USA Caty McNally), si segnalano i comodi successi di Elena Rybakina su Denisa Allertova, di Margarita Gasparyan su Monica Niculescu e di Laura Siegemund su Viktoria Kuzmova.

Risultati primo turno:

[8] A. Blinkova b. C. Gauff 6-4 6-0
[2] J. Goerges b. M. Doi 5-7 6-1 6-3
[WC] J. Ostapenko b. C. McNally 7-5 7-6(3)

Secondo turno

[3] E. Rybakina b. D. Allertova 6-2 6-1
M. Gasparyan b. [Q] M. Niculescu 6-2 7-5
L. Siegemund b. [5] V. Kuzmova 6-2 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

Mosca: Bencic tiene vivo il sogno WTA Finals

La svizzera soffre tantissimo all’esordio nel Premier russo ma passa al terzo contro Polona Hercog. Ai quarti sfiderà Yastremska o Flipkens. Per centrare l’obiettivo Shenzhen ha bisogno di altre due vittorie

Pubblicato

il

Belinda Bencic - US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

A Mosca si gioca questa settimana l’ultimo torneo Premier della stagione WTA, ma l’attenzione è tutta rivolta alla lotta per il Masters WTA di Shenzhen che si disputerà dal 17 ottobre al 3 novembre. Ufficializzata la qualificazione di Elina Svitolina (che è andata ad aggiungersi a Barty, Pliskova, Osaka, Halep, Andreescu e Kvitova), rimangono in ballo per l’ultimo posto utile Serena Williams (attualmente ottava, ma la cui partecipazione rimane in forte dubbio), Kiki Bertens (nona) e Belinda Bencic (decima), entrambe nel tabellone del Premier russo.

L’obiettivo di entrambe le giocatrici (sorteggiate dalla stessa parte del main draw) è quello di raggiungere la semifinale e sfidarsi così in un vero e proprio spareggio Finals. La vincitrice di questo eventuale incontro supererebbe infatti Serena Williams nella Race to Shenzhen, assicurandosi la qualificazione per il Masters. Nell’eventualità in cui poi Serena Williams decidesse di non partecipare al torneo di fine anno, subentrerebbe Bertens con Bencic sempre obbligata ad arrivare in fondo (la semifinale non le consentirebbe infatti di scavalcare l’olandese).

Se il torneo di Kiki Bertens non è ancora iniziato (la testa di serie numero 2 debutterà domani contro la qualificata Kaia Kanepi dopo il bye al primo turno), ha invece preso il via oggi la rincorsa di Belinda Bencic (terza favorita del seeding, in tabellone grazie ad una wild card). Con qualche affanno di troppo, visto che la svizzera è stata vicina alla sconfitta contro Polona Hercog. Dopo aver ceduto malamente il primo parziale per 6-1 e aver trascinato il match al terzo, Bencic si è trovata sotto 3-0 nel parziale decisivo prima di piazzare due break e una serie di cinque giochi consecutivi. Belinda ha poi chiuso la pratica sul 6-4 qualificandosi per i quarti di finale, un risultato che le mancava dallo US Open, dove fu sconfitta in semifinale da Bianca Andreescu. Al prossimo turno troverà una tra Dayana Yastremska e la qualificata Kirsten Flipkens, che si sfideranno questo pomeriggio.

Il tabellone completo di Mosca

 

Continua a leggere

Italiani

Mosca e Lussemburgo: Giorgi fuori dopo mille occasioni, Petkovic vince al terzo

Camila spreca l’impossibile contro Andrea Petkovic e finisce per perdere un match che avrebbe potuto vincere in due set in Lussemburgo

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Osaka 2019 (foto via Twitter, @torayppo)

LUSSEMBURGO – Sconfitta al limite dell’incredibile quella di Camila Giorgi contro Andrea Petkovic all’esordio nel torneo lussemburghese: la nostra N.1 vince il primo set con un perentorio 6-0. Poi ha avuto la palla break per andare a servire per il match sul 4-4 del secondo, salvo poi perderlo per 6-4. Nel terzo set si porta avanti 4-3 e servizio finendo per perdere 3 giochi consecutivi e l’incontro. Una sintesi perfetta di un 2019 non proprio memorabile per Camila tra infortuni e risultati deludenti.

La lucky loser olandese Bibiane Schoofs è entrata al posto di Voegele che aveva sostituito Bonaventure (rispettivamente, dolore addominale e infortunio alla spalla sinistra), ma la fortuna finisce lì perché si trova di fronte la prima testa di serie Elise Mertens. Un bagel nel primo set e la scontata distrazione belga all’inizio del secondo, poi Elise può chiudere 6-3.

Il tabellone completo e aggiornato

 

MOSCA – Kiki Bertens e Belinda Bencic si giocano l’accesso al Masters di Shenzen. Entrambe sorteggiate nella metà bassa del tabellone e omaggiate di un bye, conoscono finalmente i nomi delle prime avversarie. Belinda, terza testa di serie, troverà la slovena Polona Hercog, facile vinctrice di Katerina Siniakova, mentre la seconda favorita del seeding Kiki affronterà la qualificata Kaia Kanepi che ha regolato 6-1 6-3 Timea Babos. Con il posto garantito alla Finals, Elina Svitolina se ne sta tranquilla sulla prima riga del main draw in attesa del suo incontro con Veronika Kudermetova che ha rifilato un doppio 6-3 a Ons Jabeur.

Grazie alla vittoria in tre set (l’unica della giornata) contro Yulia Putintseva, Kristina Mladenovic diventa numero uno di Francia a pari punti con Caroline Garcia. Esordio sul velluto per Dayana Yastremska che supera 6-1 6-4 Daria Kasatkina. La ventiduenne russa n. 37 WTA era campionessa uscente, quindi perderà oltre trenta posizioni in classifica.

Il tabellone completo e aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement