Fed Cup, Italia-Usa: aprono Giorgi-Williams ed Errani-Davis. Fognini: "Perché non giochi, Flavia?"

Fed Cup

Fed Cup, Italia-Usa: aprono Giorgi-Williams ed Errani-Davis. Fognini: “Perché non giochi, Flavia?”

Pubblicato

il

 

Sorteggiato nel Palazzo Granafei – Nervegna, sede del Comune di Brindisi, l’ordine di gioco per la sfida tra Italia e Stati Uniti, valida come play-off per la permanenza nel Word Group di Fed Cup. Il primo match vedrà la sfida della n. 1 del mondo Serena Williams contro Camila Giorgi. A seguire Lauren Davis e Sara Errani. Nella giornata di domenica in campo anche il doppio, Karin Knapp e Flavia Pennetta sfideranno Alison Riske e Cristina Mc Hale

Fabio Fognini:” Perché Flavia non gioca? Ora la chiamo!”

All’interno del prestigioso palazzo Granafei – Nervegna, nel centro storico brindisino colmo di architettura barocca, si è tenuto il sorteggio degli incontri di questo fine settimana valevoli per lo spareggio di Fed Cup, al quale, come noto, la nostra nazionale si è ridotta dopo aver sfiorato e poi fallito l’ingresso in semifinale nel match di febbraio contro la Francia.

Avversarie dell’Italia le temute statunitensi capitanate da Mary Joe Fernandez e guidate dalla n.1 del ranking Serena Williams. Sarà proprio la minore delle sorelle terribili ad inaugurare le danze, opposta alla nostra più giovane rappresentante, quella Camila Giorgi che da più parti era indicata come la più ad adatta ad affrontare Serena, vuoi per la spensieratezza dell’inesperienza (relativa), vuoi per la forza di quei colpi che sa sfoderare e che, quand’è in giornata, entrano pure in campo.

A seguire Sara Errani, già finalista al Roland Garros e in ogni caso potenzialmente la più terraiola delle nostre, seppure non nel suo periodo migliore, affronterà la minuta Lauren Davis, n. 57 WTA e reduce dai quarti sulla veloce terra di Charleston.

Resta fuori, dunque – ed è notizia che fa alzare il clamore nella sala della conferenza – la padrona di casa Flavia Pennetta, che tutti aspettavano (aspettavamo) come nostra condottiera sin dalla prima giornata.

All’audace giornalista che per primo ha provato a chiedere spiegazioni in merito al CT Corrado Barazzutti, ha reagito la stessa Flavia, avventandosi sul microfono come fosse una palla corta e letteralmente sfilandolo (protettivamente) dalle mani del Capitano: “So che siete tutti sorpresi – ha esordito, sorridendo e sicura – ma queste sono decisioni che spettano esclusivamente al Capitano. Lui ci guarda durante la settimana e decide”.

Alla fine il più sorpreso era proprio lui, il Capitano, rimasto a bocca aperta davanti a tanta intraprendenza e capace solo, di conseguenza, di affermare: “Lei è la mia vice, è pronta. Le domande fatele a lei”.

In precedenza Barazzutti aveva già avuto, va detto, il candore di assicurare che le scelte definitive sono solo quelle che riguardano la prima giornata: ”Le ragazze sono tutte pronte, anche Flavia e Karin. Può darsi che domenica cambi qualcosa”. Facile immaginare che l’impiego di Sara Errani, nel primo singolare di domenica contro la Williams, sia tutt’altro che scontato.

La coppia di doppio – un match a cui non è improbabile che si arrivi in situazione di parità – sarà formata, almeno sulla carta dalle escluse Pennetta e Knapp, così come quella a stelle e strisce da Riske-McHale.

Sintetica, se non spavalda, la risposta di Camila Giorgi su come si affronti la Williams: Farò il mio gioco, si vedrà”.

E Serena? La n. 1 se la ride tranquillamente in conferenza, assicurando di amare la terra rossa – probabilmente quanto ami la nazionale, aggiungiamo noi – in attesa di provare a indirizzare l’incontro da subito verso oltreoceano. Le fa eco la tranquillità della Davis (“Non è incredibile che trovi una più piccola di me?”, aveva scherzato in precedenza la Errani): Lauren assicura che non è un problema essere arrivata per ultima e ritrovarsi a giocare vicino a queste “great girls”, come le ha definite.

Ordine di gioco:

Sabato
Camila Giorgi – Serena Williams
Sara Errani – Lauren Davis

Domenica
Sara Errani – Serena Williams
Camila Giorgi – Lauren Davis
K. Knapp/F. Pennetta – A. Riske/C. Mc Hale

Fed Cup: azzurre contro l’invincibile Serena Williams, obiettivo evitare la B
Fed Cup, semifinali: ceche favorite a Ostrava, equilibrio a Sochi
Fed Cup: nei play-off il clou è Polonia-Svizzera, Canada e Australia favorite
Fed Cup: Italia-Usa Live su Raisport 1

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement