Ancora problemi per il Miami Open: trasloco sempre più vicino

Focus

Ancora problemi per il Miami Open: trasloco sempre più vicino

Una recente sentenza blocca quasi definitivamente il piano di sviluppo di Crandon Park e costringe gli organizzatori a pensare ad un futuro lontano da Key Biscayne. Che sia l’inizio di una rivoluzione del calendario?

Pubblicato

il

Potrebbe essere il colpo di grazia quello inflitto al Miami Open dalla Corte d’Appello del Terzo Distretto della Contea di Miami Dade, la quale alcuni giorni prima di Natale ha respinto l’appello degli organizzatori del torneo di fatto mettendo in serio dubbio la possibilità di effettuare qualunque opera di ammodernamento del Crandon Park Tennis Center, che ogni anno ospita il prestigioso torneo. La International Players Championships Inc., società controllata dal gruppo di management IMG proprietaria dei diritti del torneo combined di Key Biscayne ed impegnata da parecchi anni in una battaglia legale per ottenere i permessi necessari ad ampliare le strutture di Crandon Park, si è vista rifiutare la propria richiesta d’appello contro una sentenza di primo grado che sanciva la legittimità di un comitato di controllo fermamente opposto alla costruzione di altre strutture permanenti nel parco naturale dell’isola di Key Biscayne.

Una vittoria molto importante questa per Bruce Matheson, discendente della famiglia originariamente proprietaria di Key Biscayne che, attraverso questo comitato di cui lui stesso fa parte, sta cercando in tutti i modi di opporsi all’allargamento degli impianti tennistici di Crandon Park al fine di preservare la vocazione naturalistica del luogo, in ottemperanza all’accordo originariamente stipulato tra la famiglia Matheson e la Contea di Miami-Dade negli Anni ’40. Come era successo nello scorso maggio, quindi, quando la stessa Corte d’Appello aveva rifiutato a maggioranza l’appello di Matheson contro la decisione di primo grado che riteneva legittimo il risultato del referendum popolare con cui il 73% dei residenti di Key Biscayne si era espresso a favore dei lavori di riammodernamento, anche in questo caso i giudici della Florida hanno ritenuto di non sovvertire la decisione originale e di infliggere quindi un colpo durissimo alle sorti di uno dei più prestigiosi appuntamenti del calendario tennistico. Secondo quanto riportato dal Miami Herald, nessuna dichiarazione ufficiale è stata per il momento rilasciata dai dirigenti del Miami Open, il cui legale Eugene Stearns ha però fatto capire senza troppi giri di parole di come un trasferimento del torneo sia ormai solo una questione di tempo: “Il contratto attuale rimane in essere per altri otto anni, ma a questo punto è difficile prevedere se l’accordo verrà portato a termine. Certamente verranno valutate tutte le ipotesi, ma ora come ora [Miami] è un luogo ostile in cui organizzare l’evento”. Sembrerebbe dunque sempre più vicina l’ipotesi di un trasloco, dal momento che il modo in cui la sentenza di appello è stata emessa, ovvero senza una giustificazione scritta, impedisce il ricorso alla Corte Suprema, ponendo fine alle speranze della International Players Championships di delegittimare il comitato di controllo del Crandon Park Tennis Center.

Certamente la IPC potrebbe provare ad ottenere qualche concessione da Matheson che permetterebbe l’attuazione di un piano meno ambizioso di quello da 50 milioni di dollari originariamente in cantiere, come ventilato dal legale di Matheson, Richard Ovelmen, ma appare improbabile che dopo una vittoria così importante il miliardario americano si lasci convincere ad ammorbidire la sua posizione. Dopo tutto la sua auto-proclamata missione è sempre stata quella di preservare la vocazione naturalistica di Crandon Park contro chi vuole trasformarlo in un impianto sportivo con molteplici stadi permanenti. “A meno di miracoli, le chance che il torneo rimanga a Key Biscayne al momento sono ridotte al lumicino” ha ribadito senza mezzi termini l’avvocato Stearns, facendo anche capire come tutte queste vicissitudini legali potrebbero fornire alla IPC un motivo per rescindere il contratto con la Contea di Miami-Dade per la disputa del torneo a Key Biscayne, in quanto si potrebbe configurare l’ipotesi di inadempienza contrattuale da parte dell’ente pubblico, che non avrebbe creato le condizioni per consentire alla IPC di svolgere il torneo in maniera adeguata. Ma ciò che maggiormente sembra far pensare alla dipartita del torneo verso altri lidi è la relativa nonchalance con la quale le autorità locali, in primis il sindaco di Key Biscayne Mayra Peña Lindsay, hanno accolto gli ultimi sviluppi della vicenda giudiziaria. La signora Peña Lindsay ha infatti confermato al Miami Herald come il benestante villaggio di Key Biscayne non abbia necessariamente bisogno del torneo dal punto di vista economico, nonostante sia molto popolare tra i residenti e nonostante le restrizioni al traffico imposte dal torneo vengano ritenute sopportabili dalla popolazione locale. Ma dei 387 milioni di dollari che secondo la IMG il torneo genera in termini di ricaduta economica, ben pochi rimangono nella comunità di Key Biscayne, dato che la stragrande maggioranza di pubblico ed addetti ai lavori proviene da Miami, con tutto quanto ne consegue dal punto di vista del traffico e della logistica “da incubo” che, come è stato più volte sottolineato, caratterizzano il Miami Open. Se dunque i relativamente deboli legami con il territorio ed il desiderio dell’IMG di generare maggiori profitti dai diritti del torneo rendono piuttosto facile prevedere un trasloco del Miami Open verso una nuova sede, rimane molto meno facile prevedere quale sarà la destinazione finale di questo torneo. Si sono fatti i nomi di Dubai, Pechino, Rio, Mosca, si è ipotizzata una “soluzione interna” con la permanenza in Florida ma nel nuovo centro tecnico USTA in via di costruzione nei pressi di Orlando, ma è altrettanto probabile che un Miami Open con le valigie pronte possa dare il via ad un effetto domino che potrebbe rivoluzionare il calendario come e forse più di quanto non accadde nel 2009 con la retrocessione di Amburgo (e Montecarlo, che poi riuscì a mantenere il suo status con un accordo extragiudiziale) da Masters Series ad ATP 500 ed il suo spostamento in calendario da maggio a luglio per far posto al Mutua Madrid Open.

 

Siamo certi che l’ATP ha ben presente gli oltre 7 milioni di dollari in spese legali che dovette affrontare per difendere (vittoriosamente) la causa intentata dagli organizzatori tedeschi (supportati dai dollari del Qatar, che aveva investito pesantemente nel tennis in Germania), cifra che rischiò di far andare in bancarotta il sindacato giocatori. Se dovesse esserci un rimescolamento di carte a partire dal 2017, dopo il solito ingorgo quadriennale provocato dalle Olimpiadi, è verosimile pensare che tutte le parti in causa verranno interpellate a dovere, anche se potrebbe prevalere la voglia da parte soprattutto dell’ATP di andare a sfruttare i nuovi mercati asiatici (dove già la WTA ha investito parecchio) che sembrano rispondere in maniera entusiastica ad eventi come l’ITPL ma che spesso e volentieri presentano tribune deserte in occasione dei tornei ufficiali.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Anversa italiana: Sinner spazza via Monfils e Berrettini ringrazia

Exploit del 18enne azzurro che infligge una lezione al N.1 del seeding. Un posto nel main draw dell’Australian Open 2020 è sempre più vicino. Bene per Matteo il KO di Goffin

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2019 (foto da Twitter, @EuroTennisOpen)

La vittoria più importante della giovane carriera di Sinner. Questo è il riassunto migliore per la ‘carneficina’ che si è svolta al torneo di Anversa. Un’ora e un minuto di partita in cui Jannik Sinner ha smantellato il tennis brioso di Gael Monfils con il netto risultato di 6-3 6-2.

Pronti, via e palla break per Sinner, convertita con un rovescio imperioso, una costante di tutta la partita. Il francese sembra veramente colpito dal livello del suo giovane avversario, che da fondocampo è ancora più rapido e solido di quanto sappia essere Monfils stesso. Sinner però non è solo difesa e solidità; le sue accelerazioni, soprattutto di rovescio, sono letali e inducono quasi sempre Monfils all’errore o al colpo corto. Soprattutto in risposta c’è una grande differenza di efficacia, quest’oggi, con Monfils completamente incapace di rispondere in maniera efficace quando Jannik dirige il servizio al corpo. Proprio il servizio di Sinner, che ancora paga un certo scarto rispetto ad altri settori del suo tennis, ha comunque evidenziato dei miglioramenti tanto da permettere al 18enne di chiudere la partita con l’84% di punti con la prima e il 71% con la seconda, nonostante un misero 48% di prime in campo.

Di contrasto, Monfils soffre particolarmente i suoi turni di servizio a causa delle grandi capacità di Sinner di rispondere profondo e preciso. A inizio partita Gael prova a forzare molto le seconde e la tattica all’inizio sembra funzionare, ma con il passare dei minuti diventa inefficace scoraggiando il francese. Sinner chiude il primo set sfruttando un dritto in rete del francese e va a condurre 6-3.

L’inizio del secondo set presenta le uniche difficoltà del match del giovane italiano, con la prima e unica palla break salvata senza problemi. Monfils prova a guadagnare di più a rete ma compie degli errori marchiani, e proprio una pessima volée che si affloscia sul net vale il break decisivo di Sinner per il 3-1. Sinner è intoccabile al servizio, complice la pigrizia del tennista francese nella ricerca della palla, e Monfils sembra aver perso le speranze. A dispetto dei pronostici di inizio partita, che il numero 13 del mondo perda il match sul suo servizio è solo una conseguenza naturale della dinamica dell’incontro. Il quinto doppio fallo di Monfils porta in dote tre match point a Sinner, l’ultimo dei quali convertito con il dritto, che tanto bene ha funzionato oggi, ma creato e propiziato dal suo colpo migliore, il rovescio.

Sconfitta senza appello per Monfils, che non è mai stato in partita. Ora la corsa del tennista francese verso le Finals si fa sempre più dura e a goderne è un altro italiano, Matteo Berrettini, che grazie alla sconfitta di David Goffin – proprio qui ad Anversa – manterrà l’ottavo posto nella Race almeno fino ai tornei di Vienna e Basilea. Il belga ha ceduto nettamente in due set a Ugo Humbert in poco più di un’ora (6-3 6-1) e rimane dunque al decimo posto della Race. Sinner invece accede ai quarti dove incontrerà Frances Tiafoe, e soprattutto s’invola verso la posizione 108 del mondo e il main draw degli Australian Open 2020. E l’impressione è che il meglio debba ancora venire.

ANDY VINCE ANCORA – Destini in un certo senso intrecciati quelli di Sinner e Andy Murray. Non solo le similitudini tecniche che alcuni addetti ai lavori hanno evidenziato, anche un incrocio… di tabellone. Oggi il britannico è sceso in campo subito dopo Sinner, battendo in due set Cuevas, poco dopo aver comunicato la sua rinuncia all’invito riservatogli dal direttore dell’ATP 500 di Vienna che ha di fatto liberato un posto in tabellone proprio a Sinner, che quindi sarà ai nastri di partenza del torneo austriaco.

 

Tornando al quattordicesimo match dal ritorno dall’operazione all’anca, Murray ha vinto il terzo incrocio su tre e il settimo set su sette contro Cuevas. Il dritto di Murray è a pieni giri sin dalle prime battute del match ed è cruciale nelle trame d’attacco del tennista britannico, con la quasi totalità dei punti che nascono da accelerazioni notevoli dal lato destro. L’iniziativa è sempre di Murray e il linguaggio del corpo di Cuevas tradisce un po’ di insicurezza. L’uruguagio comincia a sciogliere il suo tennis in un quarto game infinito, con ben set palle break fallite da Murray: la resistenza di Pablo e si concretizza in un bel dritto inside-out dopo dieci minuti di lotta. Da quel momento i turni di servizio si fanno sempre più rapidi. L’equilibrio si spezza quando Cuevas va a servire per restare nel set, e Murray sfrutta la crepa giusta per passare in vantaggio accogliendo una difesa in slice di Cuevas a rete.

Il secondo set si apre con un improvviso calo di tensione di Murray al servizio, che in un game fotocopia del quarto del primo set – altri undici minuti – deve annullare ben quattro palle break. Come nel primo i servizi si assestano dopo lo stesso evento, ed è ancora Murray il primo a trovare la chiave per portare il parziale dalla sua parte. Sempre sfruttando il rendimento ottimo del suo dritto si procura due palle break e converte la seconda. La partita sostanzialmente finisce qui. Seguono due game al servizio interlocutori dopo i quali Murray non trema e chiude l’incontro con un ace. Netto passo avanti a livello di gioco rispetto alla partita con Coppejans per Murray, che adesso sfiderà per un posto in semifinale Marius Copil, che ha avuto bisogno di tre set e quasi tre ore per eliminare il numero 3 del seeding Schwartzman.

Risultati:

[WC] J. Sinner b. [1] G. Monfils 6-3 6-2
[PR] A. Murray b. [8] P. Cuevas 6-4 6-3
[Q] M. Copil b. [3] D. Schwartzman 6-4 5-7 7-6(6)
F. Tiafoe b. [7] J-L. Struff 6-4 6-4
U. Humbert b. [2] D. Goffin 6-3 6-1

Il tabellone completo – La Race to London aggiornata

Giorgio Di Maio

Continua a leggere

Racconti

Storie di tennis: il ginocchio del Diavolo

Chi dice che iL Diavolo non ha mai calcato i campi del circuito ATP? C’è stato Kent Carlsson, secondo Gianni Clerici ‘il re degli arrotini’

Pubblicato

il

“Oggi ho perso contro il diavolo” (Massimo Cierro, torneo di Bari 1986) 

L’infortunio alla spalla sinistra di Djokovic ha tenuto banco nei forum tennistici nel corso delle ultime settimane. Ma, sempre per rimanere in tema di infortuni, si è parlato anche di Kim Clijsters e della sua volontà di tornare in campo nel 2020 e della vittoria di Filip Polasek a Cincinnati in doppio dopo essere stato lontano dal circuito per cinque anni a causa di gravi problemi fisici.

Oggi rimarremo quindi in argomento narrando le vicende sportive di uno dei più forti e sfortunati terraioli della seconda metà degli anni ’80. Un tennista noto agli appassionati italiani con il soprannome affibbiatogli da Massimo Cierro (best ranking 113) con la  battuta citata in apertura: lo svedese Kent Carlsson.

 

Carlsson nacque a Eskilstuna il 3 gennaio 1968. Alla nascita il neonato ricevette da mamma e papà grandi doti fisiche e un difetto che si rivelerà fatale: una gamba tre centimetri più corta dell’altra (o più lunga, secondo i punti di vista). Probabilmente il piccolo diavolo iniziò a palleggiare già in culla dal momento che lo troviamo a Ginevra nel tabellone principale del torneo nel settembre del 1983; lo vediamo poi aggiudicarsi il Roland Garros junior nel 1984 ed entrare nella top 100 nel luglio del 1985.

Il 1986 fu per lui un anno benedetto dall’assenza di infortuni e ciò gli permise di chiudere la stagione con le vittorie di Bari e Barcellona e il 14esimo posto nel ranking. A Indian Wells nel 1987 si dovette ritirare a causa del primo di una lunga serie di infortuni al ginocchio; da questo in particolare si riprese comunque bene e nella stessa stagione vinse prima a Nizza e poi a Bologna superando in entrambi i casi in finale Emilio Sanchez, uno che di terra rossa se ne intendeva parecchio.

Come lui stesso affermò anni dopo, a Bologna raggiunse probabilmente l’apice della sua arte tennistica e stabilì un record ancora oggi imbattuto, consistente nell’avere perso il minor numero di game complessivi nel corso di un torneo: dieci. Dopo averne concessi cinque al primo turno a Meinecke, nelle quattro partite successive ne smarrì complessivamente altrettanti: tre in finale contro Sanchez; uno contro Paolo Canè; zero contro Franco Davin (l’ex coach di Fognini) e uno 1 contro Rebolledo.

Il giorno successivo alla vittoria bolognese Carlsson raggiunse la top 10 e due mesi dopo fu costretto a entrare in sala operatoria per ricostruire i legamenti del ginocchio. Il ritorno in campo avvenne ad aprile del 1988.

Da quel momento in poi Carlsson giocò bardato da una ginocchiera alla Goldrake e non poté più calcare altri terreni di gioco al di fuori della terra rossa sulla quale si impose nei tornei di Madrid, Amburgo (6-2 6-1 6-4 in finale a Leconte che due mesi dopo giunse in finale al Roland Garros), Kitzbuhel (ancora in finale contro Emilio Sanchez che evidentemente doveva avergli fatto qualche cosa di male) Saint Vincent e Barcellona, che costituirà l’ultimo dei suoi 9 successi.

La ciliegina sulla torta di questa straordinaria annata arrivò a settembre: sesta posizione mondiale alle spalle di Becker, Agassi, Edberg, Lendl e Wilander.Non andò oltre; dove non poterono gli avversari poté il ginocchio che lo costrinse al ritiro ad appena 23 anni dopo avere perso al primo turno del torneo di Kitzbuhel del 1989. Il suo bilancio tennistico è rappresentato da 160 match vinti e 54 persi.

Non si può però parlare di Kent Carlsson senza soffermarsi sul suo modo unico di interpretare il gioco del tennis. I filmati dell’epoca ci mostrano un tennista con movenze curiosamente simili a quelle del cantante Alberto Camerini nel video di “Tanz bambolina”: una specie di marionetta sincopata.

Per avere poi un’idea dello spettacolo che Carlsson infliggeva agli inermi spettatori, prendiamo in prestito un commento scritto da Rino Tommasi per la Gazzetta dello Sport all’indomani della sua vittoria contro Joakim Nystrom nei quarti di finale degli internazionali d’Italia del 1987: “…infine l’ultimo quarto tra gli svedesi Carlsson e Nystrom, una partita alla quale solo uno psicopatico avrebbe potuto assistere”; le cronache parlano di una estenuante vicenda di pallettoni scagliati due metri sopra la rete durata circa tre ore e trenta.

Forte di una resistenza fisica prodigiosa, Kent poteva giocare con la medesima intensità dalle 11 del mattino alle 11 di sera rigorosamente ancorato alla riga di fondo campo. Non esistono testimonianze attendibili di sue discese a rete, e se ne trovate qualcuna su Internet diffidate: è quasi certamente un fake.

Gianni Clerici lo definì a ragione “re degli arrotini poiché egli, brandendo la racchetta con una impugnatura più chiusa di un riccio, con entrambi i colpi di rimbalzo infliggeva alla pallina rotazioni superiori a quelle raggiunte da un frullatore atomico.La sua nemesi tennistica fu un giocatore ancora più cocciuto (e più bravo) di lui, Mats Wilander, che lo batté quattro volte su quattro (tra cui anche una finale a Palermo, nel 1988). Ivan Lendl si prese addirittura il lusso di rifilargli un 6-0 al terzo set nella semifinale di Amburgo dopo avere perso il primo 6-3.

Mats Wilander e Kent Carlsson – Finale del torneo di Palermo 1988

Da tempo Carlsson è uscito dal mondo del tennis dove per qualche anno si distinse come coach di professionisti d’élite quali Magnus Norman e Thomas Johansson. Attualmente vive in Svezia dove alleva cavalli per i quali sin da ragazzo ha avuto una grande passione.

Rileggendo l’articolo ci siamo resi conto di avere omesso di dire quale ginocchio gli fu fatale, se il destro o il sinistro. Dal momento che parliamo del Diavolo ci sembra però superfluo precisarlo.

Continua a leggere

ATP

Seppi accede ai quarti di Mosca, Fabbiano fuori all’esordio

Altra vittoria al terzo per Andreas, che dopo Garin rimonta anche Carballes Baena. Ora Khachanov che salva 5 MP Thomas parte bene ma si spegne presto contro Gerasimov

Pubblicato

il

Andreas Seppi - Zhuhai 2019 (foto via Twitter, @ZhuhaiChampions)

Si risolve favorevolmente al terzo set la sfida tra Andreas Seppi e lo spagnolo Carballes Baena, di fronte per la prima volta in carriera nel secondo turno della Kremlin Cup 2019.

Dopo la maratona vittoriosa contro Garin, Andreas emerge da un’altra prova di resistenza nonostante un primo set sfuggito sul finale: sotto 6-5, in un game labirinto, il giocatore di Caldaro annulla ben quattro set point e non sfrutta due palle break, prima di consegnare il parziale allo spagnolo (avanti 8-0 negli ace) dopo ben 56 minuti. Inerzia completamente cambiata però da quel momento: nel secondo set – pur andando subito sotto di un break – Seppi sale in cattedra e lascia appena un gioco al suo avversario. La perdita d’efficacia delle prime di Carballes fa il paio con la crescente solidità in risposta del 72 del mondo.

Il trend positivo si protrae nel terzo e decisivo parziale, controllato in modo anche piuttosto vistoso da un Andreas capace di vincere 15 punti in risposta e di breakkare Carballes nel primo e nell’ultimo game del parziale. Saranno quarti di finale per la quarta volta in stagione nel tour maggiore, e Karen Khachanov, favorito nel suo match di ottavi su Philipp Kohlschreiber, promette di essere un test discretamente probante.

 

Si ferma invece all’esordio la corsa moscovita di Thomas Fabbiano. Il tarantino, 89 del ranking, è stato battuto in due set da Egor Gerasimov, proveniente dalle qualificazioni. Il bielorusso, 98 del mondo, ha fatto affidamento sugli 11 ace (a 1) messi a segno per garantirsi al secondo turno l’incrocio con la sesta testa di serie Andrey Rublev. Nel primo set l’azzurro si era trovato anche avanti di un break, vantaggio che però si è visto subito sfuggire dalle mani non capitalizzando i due successivi suoi turni in battuta. A penalizzarlo, anche i cinque doppi falli complessivi e il litigio con la prima di servizio nel secondo set (dentro appena nel 52% dei casi). Nel post US Open, Fabbiano è stato sconfitto in cinque dei sei incontri disputati.

Negli altri incontri incredibile vittoria di Karen Khachanov che nel terzo set annulla 5 match point a Philipp Kohlschreiber prima di chiudere 9 punti a 7 il tie-break decisivo alla prima occasione. Sarà lui ad affrontare Seppi nei quarti venerdì.

Risultati primo turno:

[Q] E. Gerasimov b. T. Fabbiano 6-3 6-4
[WC] A. Avidzba b. [WC] A. Kachmazov 6-1 4-6 6-1

Risultati secondo turno:

A. Seppi b. R. Carballes Baena 5-7 6-1 6-3
[7] A. Mannarino b. M. Kukushkin 7-6(4) 6-2
[4] D. Lajovic b. [Q] L. Rosol 6-4 6-7(6) 6-3
[2] K. Khachanov b. P. Kohlschreiber 3-6 6-3 7-6(7)

Il tabellone completo

a cura di Pietro Scognamiglio ed Emmanuel Marian

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement