ATP Madrid: Nadal da 30 e lode, Thiem KO

ATP

ATP Madrid: Nadal da 30 e lode, Thiem KO

MADRID – Il maiorchino conquista il suo 30° titolo Masters 1000 davanti al suo pubblico. L’austriaco manca due set point nel tie-break del primo set e 4 palle break nel game finale che avrebbero riaperto il match

Pubblicato

il

da Madrid, il nostro inviato

 

[4] R. Nadal b. [8] D. Thiem 7-6(8) 6-4

Al termine di una finale che ha regalato emozioni e spettacolo, tra ribaltamenti continui di punteggio e meravigliosi punti vincenti, Rafa Nadal conquista il suo trentesimo Masters 1000, eguagliando così il primato detenuto sino ad oggi in solitario da Djokovic. Il primatista della Race 2017 porta a 15 la striscia stagionale di vittorie consecutive sulla terra, dove quest’anno nessuno lo ha mai sconfitto. Davvero impressionate lo stato di forma di Rafa: mostra, oltre che una profondità di colpi con entrambi i fondamentali che non vedevamo da almeno tre anni con questa continuità, anche una fiducia nei suoi mezzi tale da consentirgli di rischiare con successo nei momenti delicati del match: è davvero tornato il più forte giocatore della storia sulla terra battuta ed è una bruttissima notizia per tutti i suoi rivali. Anche oggi, per vincere, il maiorchino ha dovuto giocare un gran tennis, perché Dominic Thiem ha mostrato, per la prima volta in un palcoscenico così importante, tutte le caratteristiche tecniche e mentali che solo chi ha le stimmate del futuro campione possiede. L’austriaco esce dal campo a testa alta e con un pizzico di rimpianto per i due set point sciupati nel corso del primo set e le cinque palle break non convertite nel secondo parziale, ma risulta probabilmente solo rimandato il suo tentativo di essere il primo tennista nato dopo il 1988 (anno in cui sono nati del Potro e Cilic) a conquistare un Grande Slam o un Masters 1000: sarà tra i protagonisti più attesi da domani a Roma.

Si affrontavano due giocatori arrivati in finale con percorsi analoghi: Rafa aveva sofferto solo nel suo esordio contro Fognini, durato 2 ore e 57 minuti, uno dei due giocatori, assieme ad Edmund a Montecarlo, a togliergli un set nelle sue quattordici partite sin qui disputate sulla terra nel 2017, per poi avere la meglio su avversari di altissimo livello come Kyrgios e due top ten, Goffin e Djokovic. Thiem era invece stato ben cinque volte ad un punto dall’eliminazione del torneo contro Dimitrov negli ottavi, ma, sia nel secondo turno contro Donaldson, che dai quarti in poi contro Coric e Cuevas, non aveva mai lasciato più di 4 giochi a parziale ai suoi avversari, sebbene essi fossero indubbiamente di un ranking inferiore rispetto a quelli eliminati dallo spagnolo. Il precedente di appena 20 giorni fa, la finale di Barcellona in cui Nadal aveva lasciato appena quattro giochi all’austriaco, sembrava molto rassicurante per il maiorchino: le speranze del 9 del mondo, che aveva perso altre due volte, sempre sulla terra, contro lo spagnolo, si basavano sul ricordo del rosso di Buenos Aires 2016, quando annullò un match point a Rafa per poi sconfiggerlo

Ieri, nella conferenza stampa seguita alla sua vittoria su Djokovic, Rafa aveva ricordato il valore e la pericolosità del suo avversario, sottolineando come Thiem fosse attualmente terzo nella Race 2017 e che sulla terra rossa, dove aveva conquistato il titolo dell’ATP 500 di Rio, quest’anno avesse un ottimo bilancio di 14 vittorie ed appena 2 sconfitte (oltre che con Nadal a Barcellona, Dominic aveva perso a Monte Carlo da Goffin). Era invece molto diversa l’esperienza con la quale i due contendenti affrontavano partite così importanti in scenari di questo livello: Rafa era alla sua ottava finale al Mutua Madrid Open e quarantacinquesima in assoluto nei Masters 1000; l’austriaco, invece, sino a ieri non aveva giocato neanche una semifinale in un torneo di questa categoria. Dominic poteva magari contare sull’entusiasmo conferito dall’arrivare a questi livelli per la prima volta, ma certamente non lo aiutava aver avuto sei ore di riposo in meno rispetto al beniamino di casa, avendo terminato la sua semifinale ieri intorno alla mezzanotte.

Un sole ancora caldo accoglie, poco dopo le 18, l’ingresso in campo dei protagonisti della nona finale che si disputa nell’impianto della Caja Magica, in un Manolo Santana pieno di gente carica di entusiasmo per il suo campione, ma che sarà, come del resto in tutta la settimana, sempre corretta nel corso della partita. Tra le tribune, le telecamere incamerano l’ex pallone d’oro brasiliano Ronaldo: a differenza di quanto accaduto con l’omonimo Cr7 ieri, ci sono solo applausi per lui.

Dopo due giochi di studio, sul 40-30 e servizio Nadal, si vede il primo bel punto dell’incontro, che dà prima svolta della partita: Thiem si difende bene sullo smash di Nadal e riesce a fare suo il punto. L’austriaco prende fiducia, si scioglie e sfrutta l’aiuto di Rafa, che gli regala palla break mandando in rete un rovescio, convertito con una bella volée di rovescio dopo essersi costruito il punto con coraggio. Il pubblico del Santana capisce il momento difficile del suo campione e fa partire ancora più forte il sostegno per il maiorchino, che nel sesto gioco, alza livello del suo gioco, costringendo in due occasioni Thiem a forzare, dopo suoi grandi recuperi: Rafa ottiene due palle break e se la prima l’austriaco è bravo ad annullarla con un dritto lungolinea, sulla seconda sbaglia una facile volée di rovescio: dopo mezz’ora esatta di gioco, è 3 pari. Rafa è in gran forma e ributta sempre la pallina dall’altra parte, ma Thiem è bravo a cavarsi dagli impacci con un ottimo rendimento della prima. Ma nel decimo gioco, tre banali errori dell’austriaco (due col dritto ed uno con la volée) mandano sullo 0-40 Nadal: qui Dominic dimostra come stia maturando ad altissimi livelli, mantenendo la calma e continuando a spingere sull’acceleratore: prima fa sbagliare Nadal col rovescio in back, poi trova due vincenti col dritto, prima di portarsi sul 5 pari con due servizi vincenti. Si va dunque al tie-break, epilogo giusto di un primo set equilibrato e ben giocato, nel quale Nadal aveva sino a quel momento conquistato 40 punti contro i 38 di Thiem.

Il gioco decisivo è meraviglioso: 16 minuti di continui ribaltamenti di punteggio, con entrambi i giocatori che danno fondo alle loro capacità per portarlo a casa, regalando punti spettacolari e tantissime emozioni. Il primo ad allungare sul 4-2, grazie ad uno splendido recupero su smash di Thiem, è il campione di Manacor. Il 9 del mondo, però, ancora col dritto, recupera e, sfruttando errori col rovescio del maiorchino, si porta sul 6-5, dopo 71 minuti di partita, conquistando  il suo primo set point, che non converte mandando un rovescio in rete. Rafa tira fuori dal cilindro un missile col rovescio incrociato e passa sul 7-6, ma, nuovamente Thiem conferma di essere il terzo giocatore nella ATP Race non per caso e, prima lo annulla con un gran dritto vincente, poi conquista la sua seconda palla per il set, sull’ 8-7 con una gran volée di rovescio. Nadal mostra in questo momento il suo stato di fiducia nel suo tennis e si riporta in parità con un dritto lungolinea vincente e, dopo aver raccolto una brutta stecca di dritto di Thiem, converte il suo quinto set point, con l’austriaco che butta lungo nuovamente col suo miglior fondamentale, dopo 78 minuti, ben 23 minuti dopo i primi avuti nel decimo gioco.

Il secondo set si apre subito con un gioco importante, che si rivelerà decisivo per le sorti del parziale e del match: Thiem forse ripensa alle occasioni avute e non sfruttate sino a quel momento, mentre Nadal mette in campo tutta la sua esperienza in partite di questa importanza, spingendo sin dai primi punti. L’austriaco manda fuori due dritti e in un attimo si è sul 30-40. Dopo uno scambio infinito, Dominic non ne ha più e sparacchia lungo un dritto, mandando lo spagnolo sull’1-0 e servizio: sarà l’unico break del parziale. Le emozioni tuttavia non cessano qui, anzi. Nel game successivo, durato 11 minuti e 14 punti, l’austriaco fa capire che non è uscito mentalmente dalla partita e, con un gran dritto anomalo lungolinea conquista una nuova palla break: in questo frangente non è fortunato perché la sua risposta termina sul nastro, accomodandola per Rafa che chiude facilmente. I due giocatori mantengono per due volte ciascuna il servizio a 0, portando il punteggio sul 4-2 e si arriva sul 5-3 per Nadal senza situazioni particolari di punteggio da riportare. Nel nono gioco serve Thiem e Rafa ha fretta di chiudere una partita difficile: alza ancor di più la velocità di crociera e con due spettacolari dritti lungolinea giunge sul 15-40, guadagnando due match-point. L’austriaco mostra la sua tempra di guerriero e li annulla: nel primo si aiuta col nastro che devia nella propria meta campo la risposta di Rafa, sul secondo, Dominic è bravo e coraggioso ad attaccare, costringendo in corridoio il passante di rovescio lungolinea.

A questo punto il 9 ATP manda Nadal ad avere la pressione di dover servire per chiudere il match, portando a casa il game con due grandi dritti. L’austriaco ne ha ancora: pressa con palle forti e profonde il maiorchino che va in difficoltà: sul 15-40 l’allievo di Gunther Bresnik (assente questa settimana nel suo box) ha due palle per allungare il match. Rafa le annulla prima con un ace (il terzo della sua partita) e poi, scatenando la folla, con un coraggiosissimo e splendido dritto lungolinea. Il nove volte campione del Roland Garros si rilassa un secondo e commette il quarto doppio fallo del suo incontro, regalando a Thiem la terza palla del 5 pari, annullata nuovamente con un dritto in contropiede. Sembra finita quando Rafa, con un nuovo ace guadagna il suo terzo match point, ma Thiem gioca ormai a braccio sciolto e con un bellissimo dritto lungolinea lo annulla. Rafa deve tirar fuori una palla corta che manda alle corde Thiem.

Questo punto manda in visibilio il Manolo Santana, che si alza in piedi in estasi per applaudire lo spettacolo a cui sta assistendo. Dopo 2 ore e 17 minuti di una bellissima finale, arriva finalmente il momento per Nadal di potersi lasciare andare ai festeggiamenti col suo pubblico, conquistando per la quinta volta in carriera il Masters 1000 di Madrid: il maiorchino spinge da fondocampo, attacca sul rovescio di team e raccoglie con una stop volley di rovescio il successo, che lo incorona come assoluto favorito degli Internazionali e, soprattutto, del Roland Garros alle porte.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Colonia 2: Zverev si prende la rivincita, Sinner si arrende in due set

Jannik si porta avanti un break all’inizio poi è sempre in ritardo nel punteggio. Il tedesco di nuovo in finale a Colonia, una settimana dopo. Sfiderà Schwartzman

Pubblicato

il

[1] A. Zverev b. [WC] J. Sinner 7-6(3) 6-3

Non l’aveva digerita quella sconfitta negli ottavi a Parigi contro il ragazzino, Alexander Zverev, e stavolta ci ha messo tutta l’attenzione del caso. Il tedesco vince con merito la semifinale del secondo ATP di Colonia e torna in finale. Sinner gioca un buon match, parte a razzo portandosi avanti di un break nel terzo gioco ma poi non riesce a mettere in difficoltà negli scambi da dietro il N.7 del mondo, che avrebbe potuto chiudere il primo set molto prima del tie-break resosi poi necessario. Sascha ha servito per chiuderlo due volte prima sul 5-4 e poi sul 6-5, senza successo.

Nel tie-break però Jannik perde il filo del discorso con un paio di errori di rovescio di troppo e in pochi minuti cede il gioco decisivo per 7 punti a 3. Al di là di qualche demerito del nostro giocatore, è più che altro l’incidenza del servizio a fare la differenza sebbene Zverev non risparmi i consueti doppi falli. Nel primo parziale il tedesco raccoglie il 76% con la prima contro il 58% del suo avversario, e sono quei pochi punti in più a fare la differenza.

 

Nel secondo set Zverev, sullo slancio, prende subito un break di vantaggio e si invola rapidamente 4-1 senza concedere nulla a Jannik che rischia di affondare quando nel sesto gioco concede un’altra palla break. Si salva e poi nel settimo gioco dà tutto quello che ha per riaprire la partita: in un game fiume che dura 16 punti, in cui si issa due volte a palla break, non riesce però ad accumulare particolari rimpianti in nessuna delle due occasioni.

La partita più dura affrontata da Zverev in questa serata è quasi comica: già più volte in precedenza, ma in particolare nel sedicesimo punto del gioco, il tedesco (incurante del fatto che in questo torneo non ci siano i giudici di linea in campo ma solo Hawk-Eye “LIVE“) continua a lamentarsi delle chiamate della macchina che pure gli mostra in continuazione come abbia puntualmente torto. Persino il glaciale Sinner non ne può più quando il suo avversario va a guardare la riga su un servizio nettamente fuori. Zverev non gradisce e dice al “ragazzino” di stare tranquillo, tira un ace di seconda e poi continua a parlarci mentre va a sedersi per il cambio campo. Non proprio un comportamento elegantissimo, ma che testimonia quanto Sascha sentisse l’incontro dopo la sconfitta in quattro set al Roland Garros. Zverev tiene poi a zero il servizio e centra la seconda finale consecutiva. Forse è consapevole del fatto che, nei prossimi anni, il “ragazzino” migliorerà ancora e a quel punto avrà di che preoccuparsi.

Per quanto riguarda Sinner, i miglioramenti auspicabili sono sempre quelli: una resa migliore della prima di servizio e un miglioramento almeno parziale del gioco di volo che anche oggi ha mostrato più di una lacuna. Impossibile però “fare le pulci” a un ragazzo di 19 anni che in un anno disastrato come il 2020 è riuscito a portarsi già a ridosso dei primi 40 del mondo. Ora si va a Vienna, grazie alla wild card concessa dagli organizzatori, dove il tabellone sarà ostico ma allo stesso tempo ci sarà l’opportunità di mettersi in mostra su un palcoscenico di maggior prestigio.

DIEGO VA IN FINALE… E QUASI ALLE FINALS – L’interesse catalizzato dal match di Sinner fa quasi passare sotto traccia la seconda semifinale vinta in tre set da Diego Schwartzman, che ha respinge il tentativo di rimonta di Auger-Aliassime (6-4 5-7 6-4). Con questo risultato, l’argentino conquista la decima finale in carriera, terza nel 2020, e soprattutto mette una serissima ipoteca sulla qualificazione alle ATP Finals: il suo primo inseguitore, che purtroppo per noi è Berrettini, dovrà raggiungere la finale a Bercy per sopravanzarlo in classifica – e potrebbe anche non bastare, nel caso in cui l’argentino dovesse far bene anche a Parigi.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Gran lotta ad Anversa: Humbert annulla match point a Evans, sfiderà de Minaur in finale

Il francese batte Dan Evans, che ha sprecato quattro match point dopo quello salvato ieri. De Minaur fiacca DImitrov alla distanza

Pubblicato

il

Ugo Humbert - Anversa 2020 (via Twitter, @EuroTennisOpen)

Le semifinali della quinta edizione dello European Open di Anversa si sono giocate oggi pomeriggio, regalandoci due dei match più intensi del 2020; alla fine, dopo oltre sei ore complessive di gioco, sono approdati in finale Ugo Humbert e Alex de Minaur.

PRIMA SEMIFINALE – Dopo essere sopravvissuto alla sfida di ieri contro Khachanov (un match point salvato e grandi polemiche per un errore dell’arbitro Adel Nour), Dan Evans ha conosciuto il sapore agrodolce del contrappasso fallendone quattro e uscendo sconfitto da un match-fiume contro Ugo Humbert, che si è guadagnato l’ultimo atto al termine di tre ore e 12 minuti con il punteggio di 4-6 7-6 (7) 6-4. Seconda finale dell’anno per il francese dopo quella vinta a gennaio ad Auckland, e pareggio nei confronti diretti totali con Evans, che aveva vinto lo scorso anno in un’altra semifinale indoor, a Quimper (nei tabelloni ATP è dunque 1-0 Humbert).

La partita è iniziata con un rovescio in rete e palla break Evans, ma ottimo scambio in pressione e vincente con l’inside-out per Humbert. Il britannico ha cercato da subito di offrire palle diverse, il suo marchio di fabbrica, ma anche di evitarne il dritto dalla facile velocità dell’avversario, come si è visto nel secondo gioco quando il francese ha infilato un passante e una risposta vincenti, entrambi lungolinea. La tela di Evans ha iniziato a irretire Humbert nel gioco successivo (dal suo 1.75, il tracagnotto di Birmingham sa sempre quando cercare una chiusura rapida e quando giocare a scacchi, cioè quasi sempre), in cui due slice scarichi sul rovescio del francese hanno prodotto lo 0-40. Il francese è però stato solido con il servizio esterno, e non gli ha mai dato troppo margine, almeno inizialmente. Evans si è infatti procurato una quarta chance del game cambiando direzione e angolo con il dritto per poi chiudere a rete, salendo infine 2-1 grazie a una risposta choppata che gli ha dato il tempo di trovare la profondità con il dritto successivo.

 

Humbert ha continuato a mostrare la propria velocità di braccio in risposta, infilando due risposte che gli hanno dato la palla del contro-break, subito sfruttata grazie a un dritto in rete dell’avversario. Curiosamente, Evans è partito uno su sette con la prima e sei su otto sulla seconda, segno del maggiore impatto delle sue traiettorie più lavorate rispetto a quelle più potenti.

Entrambi i giocatori hanno mostrato grande intelligenza: Humbert ha accettato di dover allungare gli scambi e ha iniziato a scendere un po’ di più sotto la palla, mentre Evans ha subito intuito che l’avversario stesse iniziando a gestire meglio i suoi colpi tagliati e si è messo ad alternare un po’ di più i rovesci. Un errore di dritto del francese ha dato una palla break a Evans, ma il N.38 ATP è stato bravissimo a rete dopo aver giustamente obbligato Evans al passante di rovescio. La volée si è però dimostrata croce e delizia, perché un marchiano errore con quella di dritto ha nuovamente prestato il fianco all’inglese, che è tornato al back sul rovescio del francese per salire 3-2. Da quel momento è arrivato anche il nerbo sulla prima di servizio, e Humbert non ha più avuto margine per rientrare, anche se pure oggi non sono mancate le polemiche, visto che l’ace con cui il britannico è salito a set point era stato visto fuori dall’avversario, che si è lamentato profusamente con il giudice di sedia. Evans non si è deconcentrato e ha chiuso il set dopo 62 minuti con un gran rovescio lungolinea su cui Ugo non è riuscito a trovare un passante molto complicato.

Humbert è stato però bravo a canalizzare la propria frustrazione in stimolo, vincendo i primi sette punti del secondo set che gli hanno fruttato una tripla palla break su un’altra risposta vincente di dritto – 3-0 rapido per lui. Il set ha rischiato di concludersi molto rapidamente quando il francese è salito 15-40 nel quarto game, impattando puliti tutti i servizi di un Evans in visibile calo, ma il britannico ha iniziato a prendere maggiormente la via della rete, conscio del temporaneo disavanzo di cilindrata da fondo e della necessità di verticalizzare prima. Humbert ha deciso di dargli una mano, commettendo un doppio fallo per lo 0-40; si è dapprima salvato brillantemente, soprattutto con il rovescio in cross che ha cancellato la terza palla del contro-break, ma si è poi lasciato raggiungere in seguito ad un errore con lo stesso fondamentale.

Il set si è trascinato quindi al tie-break senza scossoni: Evans ha colpito per primo, salendo 3-2 e servizio quando un rovescio di un Humbert circospetto si è fermato sul nastro; il francese si è rifatto sotto leggendo il serve-and-volley dell’avversario, ma Evans ha a sua volta trovato un passante vincente per il 5-3, ed è salito a triplo match point sfruttando una seconda zvereviana di Humbert che gli ha consentito di spingere da subito e chiudere con il dritto lungolinea. Sembrava finita, ma il francese non si è arreso, e ha salvato il primo con un bel rovescio in avanzamento per poi beneficiare del primo doppio fallo di giornata di Evans e di uno slice in rete per il 6-6. Il britannico è riuscito a tornare avanti con un altro dritto vincente, ma non ha sfruttato una nuova opportunità con il servizio. Il classe ’98 ha allora tirato fuori il coniglio dal cilindro, infilando un passante di dritto in corsa sulla riga, e ha portato il match al terzo set dopo due ore e 15 con uno scambio giocato in pressione sul rovescio di Evans.

Il britannico ha prevedibilmente accusato il colpo, concedendo una palla break immediata con un back in rete, ma si è cavato d’impaccio con una rara palla corta. Humbert ha continuato a pressarlo sulla diagonale di sinistra, però, conscio della bassa autostima dell’avversario e ormai indifferente ai rimbalzi bassi, e ha breakkato su un unforced di dritto. Evans ha rischiato di sbandare ulteriormente: una risposta vincente di rovescio ha dato lo 0-40 al francese nel quinto gioco, ma Dan è riuscito a rimanere a contatto, trovando dei buoni servizi in particolare con la seconda da sinistra del terzo break point.

A questo punto Evans è quasi riuscito a tornare in partita, trovando un passante vincente per la doppia palla break nell’ottavo gioco. Humbert ha salvato la prima con il servizio, ed è sceso a rete sulla seconda, senza concedere angolo al britannico per mezzo di un attacco profondo e centrale, salendo 5-3 con un servizio all’incrocio delle righe. Il britannico ha avuto un ultimo colpo di coda, ed è salito a palla break con uno schiaffo al volo, ma Humbert ha servito violentemente al centro e chiuso con il dritto; i primi due match point del francese sono sfumati con errori da fondo, ma ha potuto esultare su un passante finito largo del britannico.

SECONDA SEMIFINALE –

Decisamente riposati entrambi, visto che ieri Dimitrov non ha giocato in virtù del ritiro di Raonic (che salterà anche Vienna) e aveva un bye al primo turno, mentre de Minaur ha passeggiato contro Giron, hanno dato vita a una seconda semifinale combattuta e appena più corta della precedente. De Minaur è sceso in campo con delle idee molto chiare, soprattutto in risposta, dove appena possibile si è avvicinato alla riga di fondo (infatti ha sofferto più il kick alto sul rovescio rispetto a servizi più rapidi). L’aussie ha breakkato nel terzo game, quando ha messo a nudo la lentezza di piedi della quarta testa di serie in uscita dal servizio, e passando a zero su un errore sotto rete. Grisha ha però restituito subito il favore, e con uguale assertività, sfruttando le condizioni indoor per mandare fuori giro i colpi piatti dell’avversario con lo slice e frequenti smorzate; un rovescio lungo gli ha dato lo 0-40, e una risposta pesante ha siglato il 2-2 – sette su sette iniziale per lui sulla seconda del Demone.

Il bulgaro ha continuato a mischiare le carte di rovescio, e il risultato sono state altre tre palle break nel quinto gioco. De Minaur ha salvato le prime due, consecutive, giocando il suo tennis più aggressivo, ma nulla ha potuto quando ha dovuto attaccare su una palla scarica, finendo impallinato dal rovescio del campione delle Finals 2017. Ancora una volta, però, la testa della corsa ha fallito nella fuga, e De Minaur ha pareggiato grazie a una risposta vincente con il rovescio a uscire seguita da un dritto appena largo di Dimitrov.

Da lì la situazione si è dipanata su binari paralleli, con il tie-break come ovvia soluzione. Non c’è stata storia però: De Minaur ha fatto subito il mini-break giocando uno scambio splendido, muovendo Dimitrov con un rovescio lungolinea e trovando poi un fantastico dritto stretto, ed è salito 5-0 su due dritti sbagliati da Grisha. Il bulgaro ha salvato i primi tre, ma ha messo in rete un rovescio proprio quando forse qualche dubbio si sarebbe potuto insinuare nella mente dell’australiano – il bulgaro ha fatto i punti più belli (una volée stretta in allungo e un drop shot), ma è 7-4 De Minaur dopo 55 minuti, quasi un’epigramma che riassume l’ex-N.3 ATP.

Dimitrov ha avuto le prime chance del secondo set, trovando uno slice lungolinea (colpo in cui è forse il migliore del circuito) che ha portato De Minaur all’errore del 15-40 nel terzo game. L’australiano si è però salvato, pareggiando su una palla corta telefonata. L’ottavo seed ha tenuto, ma non prima che Dimitrov trovasse questo gioiellino:

Allora è stato il turno dell’australiano, che si è preso un vantaggio grazie ad un errore di dritto dell’avversario. Dimitrov è però stato bravo a dettare il gioco portando l’avversario all’errore (la prima palla break salvata nel match per lui), ed è passato nel game successivo quando ha fatto un passo in più dentro al campo e spinto con il rovescio, piegando la racchetta di De Minaur prima a rete e poi con il lungolinea. Storia già vista? Stavolta no, perché, nonostante tre errori di rovescio abbiano offerto una doppia palla break per l’australiano, Grisha ha tirato due ace per tenere e salire 4-2. L’aussie non si è perso d’animo e si è ripreso il break per guadagnare un altro jeu decisif, questa volta di andamento opposto: Dimitrov ha segnato l’1-0 con un bellissimo rovescio anticipato lungolinea, e ha approfittato di due errori dell’avversario per il 5-0, chiudendo facilmente sul 7-3 dopo due ore e quattro minuti.

Il terzo set ha promosso il giocatore più pimpante, il primo che ha avuto il coraggio di prendersi dei rischi per vincere la partita – in definitiva il più giovane, circostanza che racchiude e riassume le precedenti. De Minaur ha rotto l’equilibrio sul 3-3, in un game molto lottato nel quale ha ottenuto la palla break decisiva con uno splendido passante di rovescio, ha ceduto il servizio nel successivo e poi è tornato in vantaggio sul 4-4 per non voltarsi più indietro e chiudere l’incontro poco dopo le due ore e cinquanta di gioco. Settima finale ATP per lui, un anno quasi esatto dopo l’ultima persa nettamente contro Federer a Basilea.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Sinner ritrova Zverev a Colonia. Semifinale LIVE su Supertennis alle 19

Venti giorni dopo la vittoria negli ottavi di finale di Parigi, Sascha avrà la chance di vendicare la sconfitta contro Jannik nella sua Germania, stavolta sul veloce. Ma l’azzurro ha le carte in regola per sperare in un’altra vittoria

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2020 (foto Twitter @Rolandgarros)

Sarà un sabato sera nel segno di Jannik Sinner, in campo nelle semifinali dell’ATP 250 di Colonia. È la seconda semifinale della carriera per l’altoatesino, dopo quella giocata dodici mesi fa ad Anversa (perse contro Wawrinka), torneo che si gioca in parallelo a quello tedesco proprio questa settimana. Sarà impegnato nella prima semifinale programma sul bett1 Centre Court alle ore 19, subito dopo la semifinale di doppio tra Daniell/Oswald e Krawietz/Mies (campioni del Roland Garros) che si giocherà alle 16 e sarà visibile su Supertennis. In caso di vittoria, Sinner giocherebbe la sua prima finale a livello ATP e sarebbe il più giovane a farlo (a 19 anni e 2 mesi) dopo Felix Auger Aliassime (18 anni e 10 mesi a Stoccarda ’19).

Felix ha perso finora tutte e sei le finali ATP disputate, l’ultima domenica scorsa contro Alexander Zverev proprio sul Centrale di Colonia, nel primo dei due tornei che questi impianti ospitano. Non l’avevamo ancora nominato, ma sarà Sascha a sfidare Sinner per un posto in finale. L’unico precedente è molto vicino nel tempo. Risale all’ultimo Roland Garros, precisamente a domenica 4 ottobre, quando Jannik riuscì a vincere in quattro set negli ottavi di finale (6-3 6-3 4-6 6-3) e a raggiungere il primo quarto di finale Slam, poi perso contro il marziano Nadal.

Partiamo col dire che sarà un match molto diverso rispetto a quello di Parigi, perché sicuramente scenderà in campo tutto un altro Zverev. Come ammesso da lui stesso in conferenza stampa post match, giocò la partita contro Sinner con alcuni sintomi influenzali (febbre e congestione nasale, ma non risultò positivo al Covid) che limitarono molto la sua azione e la sua tenuta fisica. Nelle ultime settimane ha invece dimostrato di essere in ottima forma: ha accumulato anche un discreta dose di fiducia, fondamentale per fare rendere al meglio il suo gioco (e soprattutto il suo servizio) e la voglia di vendicare quella sconfitta è tanta. Su una superficie diversa (ma pur essendo cemento indoor, la palla non viaggia tantissimo) i colpi di inizio gioco faranno la differenza. Sinner ha dimostrato di saper comunque vincere una partita di soli scambi da fondo contro Simon, ma ha dovuto gestire un lungo momento di difficoltà in cui ha perso otto game consecutivi.

 

Ciò che sta funzionando alla grande è la risposta: Jannik è leader della classifica dei game di ribattuta vinti questa settimana (15 su 28, il 54%) e nella percentuale di palle break convertite (15 su 20, 75%). Sarà difficile confermare queste statistiche contro il servizio di Zverev: il tedesco è primo per punti vinti con la prima (81%) e secondo per numero di ace (21). Ha però perso il servizio già tre volte e nei primi due match è stato sempre costretto a giocare il terzo set. Non è così scontato che il “veloce” favorisca Zverev (quattro titoli indoor), poiché Jannik ha dimostrato di trovarsi alla grande anche su questa superficie; come ci siamo già permessi di dire, questi campi sembrano stargli a pennello una camicia su misura. Nel match di Parigi ha gestito alla grande la diagonale di rovescio e anche stavolta la partita si giocherà proprio lì. L’azzurro dovrà fare più attenzione al dritto, poiché su questa superficie ha un po’ meno tempo per aprire il colpo rispetto alla terra battuta, ma nei primi due turni è riuscito a gestirlo abbastanza bene. Farà due su due contro Sascha o ci sarà la rivincita del tedesco?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement