US Open, spunti tecnici: Kvitova, continua a sorridere

(S)punti Tecnici

US Open, spunti tecnici: Kvitova, continua a sorridere

Petra Kvitova è tornata. Per restare. Rivederla battere nettamente la numero 1 virtuale Garbine Muguruza, è stato notevole. E ci ha dato occasione di ripercorrere l’affascinante storia del tennis dell’ex-Cecoslovacchia

Pubblicato

il

dal nostro inviato a New York

Non ho mai nascosto il mio personalissimo debole per Petra Kvitova, prima di tutto dal punto di vista umano, anche se la “principessa ombrosa” è uno dei prodotti migliori della scuola tennis forse di livello tecnico più alto, quella della Repubblica Ceca. Non c’è giocatrice o giocatore di quel paese (o della Repubblica Slovacca) che non sia splendidamente impostato, o che non porti benissimo i colpi. Quella dell’ex-Cecoslovacchia è una tradizione tecnica che affonda le sue radici nel cuore del novecento, partendo dei grandi Jaroslav Drobny e Jan Kodes (leggetene su Ubitennis i profili che ho linkato, sono storie bellissime), il tedesco naturalizzato Roderich Menzel (recordman Davis, 40 vittorie e sole 12 sconfitte), fino ad arrivare a Martina Navratilova, Hana Mandlikova, Helena Sukova, Jana Novotna tra le donne, e Ivan Lendl, Miloslav Mecir, Petr Korda, Tomas Smid, Karel Novacek tra gli uomini. E poi i giorni nostri, con Tomas Berdych, Radek Stepanek, e tra le donne Karolina Pliskova, Lucie Safarova, Daniela Hantuchova, Dominika Cibulkova, e per l’appunto Petra Kvitova. Un elenco di campionesse e campioni straordinario, che fa sorgere la legittima domanda del perchè si sia sviluppata, e abbia tanto prosperato negli anni, una tradizione tennistica del genere in un piccolo paese della Mitteleuropa.

 

Il collega Jan Jaroch mi racconta che tutto ebbe inizio nel 1906, quando quella cecoslovacca fu tra le prime federazioni nazionali a iscriversi alla neonata ITF. Successivamente, un impulso determinante fu dato dall’appassionato Miroslav Burianek, personaggio di cui anche i media cechi e slovacchi hanno notizie incerte e frammentarie. Pare che fosse un coach e giocatore dilettante, all’epoca il concetto di professionismo non esisteva, naturalmente. Anni prima della seconda guerra mondiale, andò per un lungo periodo negli Stati Uniti, a vedere come giocavano a tennis, per poi ritornare a Praga a divulgare le sue scoperte tecniche e tattiche. Il leggendario Jaroslav Drobny ne parlò ripetutamente come di uno dei suoi punti di riferimento e ispirazione.

Con i successi nel dopoguerra proprio di Drobny, il circolo virtuoso della federazione cecoslovacca era stato avviato, e non si sarebbe più fermato. Tra gli anni ’60 e ’70 ebbe poi grande diffusione, ma solo entro i confini nazionali, un manuale di tecnica del tennis (“Scuola di Tennis”, era il non originalissimo titolo), che vedeva tra gli autori Vera Sukova, finalista a Wimbledon nel 1962, la mamma e allenatrice di Helena, colei che impedì, nel 1984, la realizzazione del Grande Slam a una lanciatissima Martina Navratilova. Sull’erba di Kooyong, a Melbourne, dove ai tempi si giocava l’Australian Open come ultima prova dello Slam, a dicembre, Helena fece in semifinale a Martina lo stesso scherzo che 31 anni dopo riuscì a Roberta Vinci contro Serena Williams, sconfiggendola dopo che Navratilova aveva vinto i tre Major precedenti. Che storie affascinanti.

Ritorniamo a noi, e alla nostra adorabile Kvitova, mi perdonerete per l’excursus storico, ma a volte è anche bello farsi “sfuggire la penna” se si parla di leggende del nostro sport. Petra, dopo il terribile episodio che la vide vittima di un’aggressione a scopo di rapina, da cui uscì con la mano sinistra profondamente ferita da una coltellata, contro ogni più ottimistica previsione è ritornata a pieno diritto nel tennis che conta. La due volte campionessa di Wimbledon, 2011 e 2014, ha eliminato qui a New York una delle favorite, la numero uno virtuale Garbine Muguruza (a sua volta campionessa di Wimbledon, vinto quest’anno), in due set, con una grande prestazione di tecnica e di volontà. La mattina successiva all’impresa sono andato a trovarla sul campo di allenamento “practice 2”, dove ha svolto una sessione abbastanza tranquilla, ma piacevolissima da vedere e da fotografare. Petra ha un tennis pulito, preciso, fatto di sbracciate ampie ma fluide e rapide, non c’è granchè da evidenziare, ma parecchio da ammirare. E poi, lo vedete in testa al pezzo, che bello rivederla sorridere, semplicemente felice di essere ancora qui a giocare, e a vincere con le più forti.


Vediamo qui sopra due dritti, uno affiancato e uno frontale, eseguiti con uguale perfezione dell’allineamento tra braccio-racchetta e palla, niente da dire, solo da imitare se ci si riesce.


Stesso discorso per il rovescio, sia quello classico di fianco (a sinistra) che quello più anticipato e moderno, semi-frontale (a destra). Come la metti la metti, su qualsiasi palla, Petra sviluppa il movimento in modo esemplare.


Qui sopra, un confronto tra i fondamentali con due immagini affrontate, che fa vedere in modo molto bello cosa significa “controllo dell’assetto braccio-racchetta”. Peso ed equilibrio sono perfetti, la cosa impressionante è l’angolo retto impeccabile tra racchetta e avambraccio, con polsi flessi all’indietro e assolutamente bloccati a 90°, sia di dritto, che di rovescio. Impugnature ovviamente diverse, swing a colpire anche, ma nell’attimo in cui il piatto corde va a entrare sulla palla, posture identiche. Guardando solo la racchetta nelle due foto, è come se fosse allo specchio. Una Maestra, davvero.


Come detto, però, esecuzioni fantastiche a parte, per questa degna erede di tanta storia e tradizione del tennis ho un debole personale, e voglio concludere come ho iniziato con l’immagine in testa al pezzo. Perchè la perfezione di un dritto o di un rovescio interessano e affascinano il tecnico, ma una campionessa con un’espressione così, mentre palleggia, con gioia e allegria delle più sincere, e semplice piacere nel colpire la palla, scalda il cuore.
Bentornata tra le grandi, principessa dagli occhi malinconici. Ci mancava, tanto, il tuo sorriso luminoso.

Continua a leggere
Commenti

(S)punti Tecnici

Australian Open: Musetti e Zeppieri, ma che bei rovesci

MELBOURNE – Lorenzo e Giulio, i nostri junior migliori, tecnicamente sono davvero notevoli. Soprattutto dal lato del rovescio stanno facendo vedere le cose più belle

Pubblicato

il

da Melbourne, il nostro inviato

Lorenzo Musetti e Giulio Zeppieri, senza nulla togliere ai tanti bravi giovani emergenti del tennis azzurro, sono le nostre due promesse migliori. Stabilnente ai piani alti delle classifiche ITF, ormai abituati alla realtà agonistica del circuito junior ai massimi livelli (gli Slam, insomma), oltre a essere due ragazzi simpatici, posati, e beneducati, tecnicamente sono impostati in modo ineccepibile, e mostrano qualità fuori dal comune in campo. In particolare, entrambi hanno nel rovescio l’esecuzione più interessante.

 

Valutando gli junior, la cosa fondamentale è non farsi ingannare dai risultati. In ottica di carriera professionistica la cosa da tenere d’occhio è la prospettiva, la qualità in divenire. Di conseguenza, osservando i ragazzini under-18, è molto più importante cercare di capire se e quante armi tecniche e fisiche abbiano, a che livello, e con quanti margini di miglioramento, rispetto ai risultati delle partite che giocano. Se poi, oltre a un tennis più che ottimo, i ragazzini in questione ti piazzano anche delle vittorie significative, allora si può iniziare, con tutta la prudenza e le cautele del caso, ad analizzarli come fossero già dei professionisti “veri”. Una bella carriera da junior vuol dire poco, ci sono stati giocatori che parevano imbattibili, ma poi si sono arenati senza appello nei bassifondi del ranking ATP. Peraltro è vero anche un aspetto complementare: ben pochi dei migliori junior sono poi diventati pro di alto livello, ma praticamente tutti i pro di alto livello sono stati ottimi junior. Vincere da piccoli, insomma, non garantisce nulla, però male di sicuro non fa.
Lorenzo Musetti, di Carrara, farà 17 anni a marzo 2019, è allenato da Simone Tartarini, cresce (e attualmente gioca) al Tennis Club Park Genova, con la cui squadra di serie A ha disputato ottimi campionati a squadre. Giulio Zeppieri, di Latina, ha appena compiuto (dicembre 2018) 17 anni, la sua “base” è la Capanno Tennis Academy sempre a Latina, ed è allenato da Piero Melaranci. Entrambi, naturalmente, sono seguiti dal centro tecnico nazionale della FIT a Tirrenia.

L’ultima volta li avevo visti a New York, dove disputarono un gran torneo, soprattutto Lorenzo con l’exploit della finale raggiunta e poi persa da un avversario di due anni più vecchio. Qui a Melbourne, li ho ritrovati parecchio cresciuti sia fisicamente (“ho messo su almeno 5 chili di muscoli“, mi racconta Lorenzo), che tecnicamente (“dopo il lavoro sul fisico la palla mi viaggia ben più pesante“, conferma Giulio). Hanno ragione, i colpi fondamentali del tennis di oggi, servizio e dritto, che tutti e due hanno ottimi, sono ormai delle botte non indifferenti, con rotazioni e angoli efficaci, e come diceva Giulio, molta più pesantezza di palla (cioè velocità combinata a rotazione).

Ma il comparto tecnico dove, a mio avviso, i nostri due ragazzi fanno veramente la differenza, è il lato del rovescio, per ragioni molto diverse, ma ugualmente significative. Diamo un’occhiata a Lorenzo.

Possiamo ammirare, qui sopra, il gesto elegante, controllato, tecnicamente perfetto o quasi, con cui Musetti rosponde ai servizi esterni da sinistra. Come sempre nel caso del rovescio a una mano, la chiave è il timing. Polso bloccato, distensione del braccio in avanti, impatto in sospensione dinamica, tutto ok. Ma se non hai il talento e l’istinto coordinativo per trovare la palla sempre e comunque quel buon mezzo metro davanti al corpo, con lo swing a una mano sei fritto. Bravissimo Lorenzo, e anche bello da vedere dal punto di vista stilistico. In testa al pezzo, vediamo Lorenzo, dietro a Giulio, in risposta su palla esterna, il modo in cui si inarca in spinta per compensare la traiettoria aggressiva del servizio avversario è davvero spettacolare.

Qui sopra, diamo un’occhiata a Giulio. Che se vogliamo, ha nel rovescio un’esecuzione ancora più importante rispetto alla gran sbracciata “classica” di Lorenzo. Il motivo, banale, è che Zeppieri è mancino. E come tutti i mancini, a fronte dei dividendi che può incassare grazie alle rotazioni del servizio e ai top-spin di dritto a stringere l’angolo verso il rovescio degli avversari destri, deve anche rassegnarsi a passare la sua “vita tennistica” a scambiare sulla diagonale destra, quella del dritto in cross della stragrande maggioranza dei tennisti che affronta. Un mancino, di norma, gioca una volta e mezza i rovesci che gioca un destro. Ma se il rovescio – nel caso di Giulio bimane – è una botta semipiatta di gran qualità e solidità, l’equazione diventa davvero vantaggiosa. Vediamo qui sopra qualche esempio, mi piace in particolare far notare la grande esplosività dei piedi e della rotazione busto-spalle in reazione a un servizio carico e al corpo (immagine in basso a destra).

Di strada da fare ce n’è tanta, i dubbi e le incertezze sul futuro vanno messi in conto, perchè il timore di una delusione cocente è in agguato dietro ogni angolo. Ma le basi di partenza ci sono eccome, il lavoro svolto sta dando i giusti frutti, e insomma, io personalmente a vederli crescere torneo dopo torneo mi sto divertendo un sacco. Come spero sia per loro, perchè al di là dei discorsi sul fisico, sulla tecnica e sulla tattica, la cosa fondamentale è approcciarsi allo sport, specialmente a questi livelli, con serenità e voglia di godersela. Giocate a tennis finchè potete, Lorenzo e Giulio, per lavorare a tennis ci sarà tempo, e ve lo auguriamo tutti di cuore, che diventi davvero il vostro lavoro. Per ora, crescete, migliorate, e fateci divertire con i vostri gran rovesci.

Continua a leggere

(S)punti Tecnici

US Open, spunti tecnici: bum bum Osaka

Che Serena Williams sia la favorita della finale è certo. Ma ci sono aspetti tecnici e psicologici anche a favore di Naomi

Pubblicato

il

US Open, spunti tecnici: Serena Williams

da New York, il nostro inviato

 

Sono convinto che avremo la miglior finale possibile dello US Open femminile. Perchè Serena Williams, la Serena vista qui in questo settembre, è favorita, e su questo non ci piove. Di quelle che potevano arrivare a contenderle il titolo, però, a mio avviso proprio la finalista giapponese (prima volta di sempre di una ragazza del “Sol Levante”) Naomi Osaka è quella che ha le possibilità più concrete di metterla in difficoltà anche seria, e perchè no, farle lo sgambetto. Naomi si è fatta conoscere quest’anno al livello massimo del tennis WTA, la ciliegina sulla torta della sua stagione – prima di questa gran cavalcata a Flushing Meadows – è stata la vittoria a Indian Wells. La andai ad analizzare in allenamento durante quel torneo, focalizzandomi sulla spinta delle gambe e sul bel lavoro tecnico che faceva coach Sascha Bajin con lei. Ieri mattina, dalla prospettiva alternativa, bassa e posteriore, offerta dalla “terrazzetta” riservata ai media , ho potuto vedermi (e soprattutto documentare per bene) il training di Naomi incentrato su quello che probabilmente è la cosa che la nippo-statunitense sa fare meglio: il dritto in anticipo, spesso dall’angolo destro. Gustiamoci in compagnia la splendida qualità degli impatti di Osaka.


Qui sopra, in alto due dritti ad altezza medio bassa. A sinistra, l’impatto di un lungolinea, a destra di un cross carico di top-spin. Potete vedere la diversa inclinazione del piatto corde al contatto con la palla, e soprattutto il peso di Naomi, che viene caricato sulla gamba destra nel primo caso, e sulla sinistra nel secondo. La postura è una semi-open stance (di tre quarti rispetto alla rete). Sotto, stessa cosa ma su due dritti più alti, in questo caso la differenza sta praticamente solo nell’angolo di attacco del piatto corde sula palla, il peso è sulla gamba destra, posteriore, come quasi sempre avviene quando si è costretti a contrastare traiettorie pesanti e liftate. Tipo quelle che produce Serena.


Qui sopra, sempre su due dritti con lievi differenze negli appoggi (guardate che piede viene semi-sollevato da Naomi, a sinistra il sinistro, a destra il destro, con peso che va sull’altro), due esempi del colpo in assoluto migliore di Osaka: il drittone super-anticipato dall’angolo destro. Se notiamo la traiettoria della palla appena uscita dalla racchetta, sono due cross strettissimi, roba che rimbalza dalle parti dell’incrocio opposto della riga del servizio con quella laterale, sbattendoti fuori dal campo senza ritorno. Ed è esattamente questa, a mio avviso, l’arma più efficace a disposizione di Naomi contro Serena. Ma ci torneremo, intanto finiamo la carrellata di immagini.




Qui sopra, dall’alto, le fasi del caricamento, notevolissima l’ovalizzazione, al centro è da manuale l’angolo retto tra racchetta e avambraccio, il polso è bloccato. Il movimento a colpire parte con la testa dell’attrezzo abbondantemente dietro la schiena della giocatrice, più di così non si può. Che legnate, gente. Sotto, due frame dell’inizio della preparazione, e del finale, possiamo notare come Naomi completa un arco di 360°, una sventagliata spaventosa per potenza e rapidità di esecuzione.


Qui sopra, per completezza, vediamo anche un paio di esecuzioni del rovescio, peraltro ottimo. Interessante come Naomi lo usi molto bene, oltre che con le “classiche” traiettorie in diagonale, anche al centro profondo (a destra) e a uscire (a sinistra). Bravissima anche qui.

Affrontando Serena, c’è solo una possibilità di scamparla: farla spostare lateralmente. Per quanto tu possa tirare fortissimo, finchè tatticamente rimani ancorata a quella che io definisco “visione a tunnel”, ovvero le ripetute pallate sparate dritto per dritto, non ne esci. Williams è bravissima sul ritmo, e non indietreggia facilmente, essendo capace di reagire rapidamente “sul posto”, andando giù con le gambe e colpendo anche di controbalzo se necessario. Di picchiatrici standard, ovvero senza un istinto sviluppato per trovare angoli ma con la propensione naturale alla botta “pulita”, Serena ne ha già affrontate un paio in questo torneo, Kaia Kanepi e Karolina Pliskova. Sappiamo come è andata a finire. Anastasija Sevastova, in semifinale, il tennis per variare e spostarla lo avrebbe anche avuto, ma semplicemente non è stata in grado di sopportare l’urto della pressione della statunitense, troppa differenza di velocità e peso di palla.

Naomi, invece, le botte e il ritmo di Williams è in grado di reggerle, per fisico ed esplosività, e tira quasi altrettanto forte. Ma non solo: pure nello scambio ad alta velocità (si è visto con Madison Keys), è bravissima a stringere l’angolo con il dritto in top-spin, quello visto sopra. A mio avviso, Osaka ha uno dei migliori cross diagonali di dritto del circuito, e se saprà sfruttarlo bene, mandando Serena a fare quei tre-quattro passi verso destra che ne disinnescano spesso le certezze, la cosa potrebbe farsi interessante. Detto questo, una che ha vinto 23 Slam contro una alla sua prima finale è favorita, per forza, ma anche sotto l’aspetto psicologico, al netto delle dichiarazioni d’amore, Naomi ha già dimostrato di saper essere agonisticamente cattiva proprio con la Williams ancora in rodaggio incontrata e battuta a Miami. Una cosa è certa, sarà una finale interessante, e se saremo fortunati, potrebbe venire fuori un partitone.

Continua a leggere

(S)punti Tecnici

Spunti tecnici: ‘Schiavo’, quanto eri bella da veder giocare. E che rovescio

NEW YORK – Nel giorno dell’addio, rivediamo uno dei rovesci a una mano più belli del tennis femminile. Variazioni e spinta, una tecnica favolosa. Quanto ci mancherà vederti, Francesca

Pubblicato

il

da New York, il nostro inviato

Il giusto e dettagliato tributo generale, alla carriera di una Campionessa con la C maiuscola, lo potete leggere nel ricordo del Direttore Ubaldo Scanagatta.
Dal punto di vista tecnico, i grandi risultati di Francesca Schiavone sono arrivati grazie a un tennis che ormai non si vede, e non si vedrà, quasi più. Il nostro sport perde una delle poche giocatrici in grado di usare tutto il campo, tutte le traiettorie, e tutte le rotazioni. Soprattutto, una delle poche in grado di usare davvero la testa. Perchè quando non sei una ragazzona di 1.85 per 70 chili, il punto non lo puoi risolvere con quattro pallate a mille all’ora, senza tattica, senza senso della geometria. Non è un caso che il trionfo massimo di Francesca sia arrivato a Parigi, sulla terra rossa.

 

La capacità di costruire le trame vincenti, di trovare gli angoli stretti che poi ti apriranno lo spazio per gli affondi in lungolinea, è imprescindibile sul mattone tritato. Il dritto in top spin di Schiavone è ottimo, ma ce l’hanno anche tante altre. Dal lato sinistro, invece, nella sbracciata a una mano del rovescio della milanese, c’è una classe, una sensibilità, e di conseguenza un’efficacia che hanno e hanno avuto pochi eguali. Andiamo a rivedere insieme, riprendendo l’analisi e le foto che le avevo fatto proprio qui a Flushing Meadows due anni fa, nel 2016, la cosa che personalmente mi mancherà di più, e sono convinto che la maggior parte degli appassionati del tennis tecnico, tattico, elegante concorderanno. Signore e signori, una celebrazione del rovescio a una mano più bello d’Italia.

In testa al pezzo, possiamo ammirare la compostezza di Francesca nell’istante dell’impatto, e la presa che va oltre la eastern classica per facilitare il top-spin. L’angolo retto disegnato dalle due braccia e dalla racchetta è pazzesco per perfezione.

Qui sopra, la preparazione, a sinistra da ferma, a destra in movimento: grande appoggio, caricatissimo, sul piede destro, fusto della racchetta appena sostenuto tra pollice e indice della mano sinistra, rilascio dello swing con distensione perfetta del braccio.

Qui sopra, un paio di impatti in posizione difensiva, con busto quasi all’indietro per far spazio alla sbracciata verso l’alto, necessaria a controllare i gran liftoni di Caroline Wozniacki, con cui la milanese si stava allenando sul vecchio grandstand, ora ribattezzato “Practice Court 6”. Notevolissima l’azione dinamica dello swing a colpire, che risulta doppiamente difficile da controllare con così scarso trasferimento del peso in avanti.

Qui sopra, infine, il vero spettacolo: la sbracciata finale, violentissima e insieme impeccabile per simmetria delle braccia, con la giocatrice in fase di decontrazione muscolare, in equilibrio sul solo piede avanzato. Esibizione atletica e tecnica di livello alto, altissimo. Da notare la presa estremizzata al massimo per spazzolare la palla salendoci sopra, l’immagine a destra la mostra molto bene. Il riferimento che viene in mente è un’altra “trottolina terribile” dal rovescio fantastico, Justine Henin.

In conclusione, di questa doverosa carrellata, e purtroppo della carriera agonistica sui campi di tutto il mondo di Schiavone, non rimane altro che ringraziarla, per quello che ha fatto per il nostro tennis, e per quanto è sempre stata bella da vedere tecnicamente mentre lo faceva. Buona avventura in Florida, Leonessa, promettici solamente che quel favoloso rovescio lo insegnerai ai tuoi allievi.


IL RITIRO

LE ULTIME DUE STAGIONI

2018

2017

LA SUA CARRIERA IN CINQUE MOMENTI

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement