Campi lenti, pensieri che corrono: del Potro scarica la Davis, Halep sindacalista

Interviste

Campi lenti, pensieri che corrono: del Potro scarica la Davis, Halep sindacalista

L’argentino sogna la finale con Federer ma teme l’amico Leo Mayer. Simona propone tds garantite alle big che ritornano dalla gravidanza: l’emendamento Williams

Pubblicato

il

 
 

Il colpo di giornata l’ha firmato lui, eliminando la testa di serie numero due da un torneo in cui i pronostici continuano a saltare. Philipp Kohlschreiber ha esperienza di campo e di vita, con i suoi 34 anni, per risultare non superficiale nell’analisi. Ha battuto il numero tre del mondo, “ma era un Cilic nervoso sin dalle prime battute – ammette -, mi è andata bene ad averla chiusa in due set, perché poi probabilmente sarebbe venuto fuori”. Kohli ha anche portato avanti il partito dei piccoletti, riuscendo a compensare i venti centimetri in meno rispetto al suo avversario.Contro avversari così la più significativa difficoltà è nel rispondere al servizio, che rimbalza più in alto e costringe a modificare il posizionamento nella risposta. Il rovescio della medaglia, però, è la loro difficoltà negli spostamenti che bisogna saper sfruttare”. Un confronto morfologico che il tedesco potrebbe rivivere ai quarti, se dovesse superare l’inedito ostacolo Herbert. Si trova infatti nello stesso spicchio di tabellone di Juan Martin del Potro, che pochi giorni dopo Acapulco ha superato nuovamente David Ferrer. Il numero otto del mondo, sesta testa di serie, è adesso il candidato principale della parte bassa del tabellone per arrivare alla finale contro Federer.

Un incrocio sempre insidioso per il re svizzero, che ha avuto la meglio a Basilea nell’ultimo precedente. “Giocarmi il torneo conto Federer sarebbe grandioso, inutile negarlo, ma guai a dimenticare che siamo ancora agli ottavi e il cammino verso la finale è molto lungo”. Del Potro prosegue intanto con profitto nell’evoluzione del suo rovescio, che ha dovuto reimpostare dopo i guai al polso: “Lo slice sta funzionando abbastanza bene – spiega –, ma in ogni caso ho bisogno di un rovescio migliore se voglio competere ai più alti livelli. È inutile pensare al mio vecchio rovescio a due mani, adesso devo fare i conti con una nuova situazione. Ci sto lavorando tantissimo, continuando i trattamenti al polso”. La prospettiva diventa più ampia, quando nel mezzo del discorso gli viene tirata in ballo la finale del 2013 giocata su questi campi contro Nadal: “Il mio modo di giocare è cambiato rispetto ad allora – racconta –, forse adesso ho un tennis anche più completo e più bello da vedere, visto che ho aumentato le discese a rete, le giocate di volo e i colpi carichi d’effetto. Ma so dove posso ancora migliorare”. Agli ottavi troverà Leo Mayer in un derby tutto argentino. “Siamo amici, lo sapete – sorride delPo in conferenza stampa –, non sarà facile giocare contro di lui perché ci conosciamo a memoria. Ci alleniamo nello stesso club di Buenos Aires, abbiamo vinto insieme la Davis, può battere chiunque se in giornata buona”. A proposito di Davis: del Potro sembra inserirsi nel filone di quei big che – una volta vinta – tendono a disinteressarsene. “Se ci sarà un cambiamento della formula sarà un bene per il tour e per i giocatori – il suo pensiero -, ma non so fino a che punto questa cosa potrà riguardarmi. Averla vinta nel 2016 è stato già tanto per me e per i miei compagni, onestamente oggi non ci sto pensando”.

Juan Martin del Potro – Indian Wells 2018 (foto via Twitter, @BNPPARIBASOPEN)

La caduta delle teste coronate resta tema dominante anche del torneo femminile, che ha perso la testa di serie numero due Wozniacki per mano di una straordinaria Kasatkina. “È frustrante perdere così – ha commentato a caldo la danese –, perché la partita l’ho fatta e disfatta io con i miei errori. Ma Dasha mi ha battuto con astuzia, sapendo leggere bene la superficie del campo che fa rimbalzare molto in alto la pallina, situazione adatta a chi ama rallentare il gioco. Però ho pochi rimpianti, non mi sento di parlare di un passo indietro rispetto a Melbourne. Questi sono campi molto lenti, che paradossalmente aiutano l’adattamento degli specialisti della terra. Poi cambia molto tra giocare di giorno e di notte. Ciò non toglie che la mia avversaria sia stata più brava. Ci vediamo a Miami”. “Caroline ha ragione, sono fortunata perché questa superficie mi piace particolarmente”, la risposta della russa che ha ottenuto il secondo successo del 2018 contro Woz e – soprattutto – ha acquisito il patentino di ammazza grandi: sotto le sue risposte sono crollate di recente le quattro campionesse Slam in carica. La sinergia con il coach belga Philippe Dehaes continua a produrre buoni frutti per la ventunenne di Mosca, che deve crescere nel non peccare in continuità quando invece è lei a dover condurre le danze, al cospetto di avversarie inferiori.  Non sarà il caso dei quarti di finale, quando troverà sulla sua strada la scatenata Kerber. “Il mio coach me lo dice sempre, devo migliorare quando non c’è solo da difendere. Ci sto lavorando, nel frattempo di mi diverto così”.

 

Daria Kasatkina – Indian Wells 2018 (foto via Twitter, @BNPPARIBASOPEN)

Intanto continua a volare Naomi Osaka. La giapponese atipica spinge il suo tennis spavaldo fino ai quarti e se la vedrà con Karolina Pliskova, che di recente si è detta “più sicura” quando si trova di fronte avversarie più giovani. “Invece per me l’età non fa testo, giro il mondo per il tennis da quando avevo 14 anni – attacca Naomi – ne ho viste tante anche io. Contano solo le questioni tecniche, non l’età. Anzi, devo dire che mi piace giocare contro le grandi giocatrici, perché non corro il rischio di distrarmi. Mi aiutano a mantenere l’attenzione al top”. L’ex numero uno di avversarie esuberanti se ne intende, avendo spezzato le ali di Amanda Anisimova. 

Avanti come un treno anche Simona Halep, che nel 2018 ha perso sul campo solo la finale di Melbourne (non poteva temere la cinese Wang, chiaro) e ai quarti se la vedrà con Petra Martic. La presenza in tribuna della numero uno del mondo in occasione della sfida di famiglia tra le sorelle Williams non è passata indifferente. “Da loro ho tantissimo da imparare – sorride Simona –, anche se non ci sono possibilità che io possa andare avanti fino alla loro età”. Poi sale in cattedra con piglio da sindacalista: “Il ritorno in campo di Serena dopo aver dato alla luce una bambina è una grande cosa, andrebbe studiato un meccanismo per proteggere e incentivare al ritorno all’agonismo le tenniste che rientrano dopo il parto. Non guardo al ranking dove ovviamente perdono punti quando sono ferme, ma almeno la concessione delle teste di serie nei tornei può tener conto di dove si trovavano in classifica prima della gravidanza”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Bjorn Borg: “Federer icona globale, gli avrei rubato lo slice di rovescio”

Il campione svedese parla anche di Berrettini e Sinner: “Matteo è un fantastico giocatore, Jannik farà grandi cose”

Pubblicato

il

Bjorn Bork e Roger Federer - Laverc Cup 2022, Londra (Twitter @LaverCup)

Bjorn Borg è stato spettatore privilegiato di un momento che resterà a lungo nella storia dello sport. Il saluto di Roger Federer, la sua umanità, le lacrime di Rafa Nadal, suo rivale di sempre, rappresentano un’eredità per i giovani sportivi e non solo. Spettacolo nello spettacolo, l’addio di Federer all’interno della Laver Cup, manifestazione estremamente equilibrata e vinta in rimonta dal Team World. Dinanzi a due leggende del tennis come Bjorn Borg e John McEnroe, allenatori rispettivamente di Team Europe e Team World, l’emozione è stata enorme. 

Il campione svedese si è presentato in grandissima forma. Il suo addio fu completamente diverso: lasciò brutalmente il tennis a 26 anni dopo aver vinto sei Roland Garros e cinque Wimbledon di fila, dal 1976 all’80. “La cosa da ricordare – ha detto Borg intervistato dalla Gazzetta dello Sport è che Federer ha deciso di chiudere felicemente così, qui alla Laver Cup, insieme a Nadal. Sono onorato di essere stato il suo allenatore in questi giorni. L’altra sera è stata di grande insegnamento per i giovani: qualcosa del genere non la vedremo per molti, molti anni. Federer ci mancherà molto”. Borg si è detto onorato di aver vissuto un momento così intenso e ha ricordato a tutti che il tennis sopravvive a qualunque giocatore: “È più grande di tutti”. Poi ha sottolineato le qualità di Federer: “È un’icona globale, è ammirato, amato, applaudito da tutti. E poi è umanamente una grande persona, gentile, affidabile, disponibile. Invidioso di lui? No, Al massimo, gli avrei rubato lo slice di rovescio”. 

Il campione svedese si è lasciato andare anche su giudizi tecnici legati a Matteo Berrettini e a Jannik Sinner. “Matteo è un fantastico giocatore. Averlo in squadra con noi è importantissimo, sia per me che sono il capitano, che per i tifosi. Anche Jannik farà grandi cose e spero che presto faccia parte della nostra squadra europea negli anni a venire, anche lui è bravissimo. L’ultimo match contro Alcaraz è stato pazzesco a New York”. 

 

La sfida vista agli US Open è di sicuro l’antipasto di quello che vedremo nei prossimi anni: “Sarà una grande rivalità, ce la porteremo avanti per molti anni. Non vedo l’ora di godermela”. 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Poi torna sulle lacrime di Federer e Nadal: “Per me è stato incredibile da vedere. Credo che Rafa fosse così triste anche perché sa che un giorno dovrà dire anche lui addio. Ma il loro doppio è stato il perfetto lieto fine”. Rimorsi per aver chiuso anticipatamente la carriera? “No. Anche io, come Roger, sono felice di aver preso quella decisione, anche se ero molto più giovane: volevo dedicarmi ad altro e così è stato. Nessun rimorso, ho capito che era il momento giusto”. 

Paolo Michele Pinto

Continua a leggere

Flash

Paolo Bertolucci su Tiafoe e Sock “trogloditi” secondo Panatta: “Si va in campo per vincere, altrimenti si sarebbe sminuita la Laver Cup. Il loro modo non mi è piaciuto, ma non possono giocare in modo diverso. Eppoi Federer e Nadal non erano loro”

Interpellato dal direttore Scanagatta il Davisman di Forte dei Marmi che ha legato gran parte dei suoi successi in doppio all’amico Panatta dice anche: “La Laver Cup fa ancora abbastanza fatica a togliersi l’etichetta di esibizione per ricchi, ci sono soldi sopra… Se deve essere esibizione che fa vincere chi deve vincere, allora Federer o chi per lui crea nell’ambito di un’inaugurazione di uno stadio di calcio a Madrid una esibizione con Nadal e vince. Ma quello non ha niente a che vedere con lo sport”

Pubblicato

il

Rafael Nadal e Roger Federer - Laver Cup 2022 (foto via Twitter @LaverCup)

Componente della squadra azzurra vincitrice della Coppa Davis nel 1976 e oggi apprezzato commentatore televisivo, Paolo Bertolucci si dice d’accordo con quanto scritto dal direttore Scanagatta sul fatto che si va in campo per vincere. Magari non in quel modo, ma se è l’unico su cui puoi contare? Qui sotto il commento completo:

Continua a leggere

Flash

Federer e la Laver Cup, legame fortissimo: “Auguro ai miei avversari un ritiro dal tennis come il mio”

Prima di lasciare Londra, il fuoriclasse svizzero ha ribadito il suo apprezzamento per l’evento e il format, specificando: “Non sarò capitano di Team Europe, al momento non è nei piani. Non sono nemmeno interessato a rivestire ruoli politici. Ci sarò sempre, pur senza incarichi, se potrò dare una mano al tennis”.

Pubblicato

il

Roger Federer e Rafa Nadal - Laver Cup 2022 (foto via Twitter @LaverCup)

Il legame tra Roger Federer e la Laver Cup è destinato a rimanere indissolubile, dopo che la quinta edizione di Europa-Resto del Mondo ha fatto da cornice all’ultimo atto della sua carriera. Innegabilmente, anche per il torneo – che già di per sé ha dimostrato di funzionare – essere stato “scelto” per un appuntamento da libri di storia dello sport ha rappresentato uno slancio promozionale significativo. Al punto da spingere gli addetti ai lavori a ragionare anche su quello che può essere un binomio d’immagine inscindibile, tra la Laver Cup e il marchio Federer, pur con un fisiologico cambio di prospettiva.

AMBASCIATORE – “Mi dispiace non aver ottenuto la vittoria,- ha raccontato prima di lasciare la capitale britannica -, l’ho detto anche negli spogliatoi a Andy (Murray), perdere non mai è divertente. Però questo fine settimana è stato per me comunque straordinario. Non vedo l’ora di essere a Vancouver per la prossima edizione, ovviamente in una veste diversa“. Pensiero che ha fatto venire in mente, a più di qualcuno, l’ipotesi di una suggestiva successione in panchina. “No, il mio ruolo non sarà quella di capitano – ha voluto subito smentire -, visto che Borg sta facendo un ottimo lavoro, la sua sostituzione non è nei piani attuali, un giorno chissà. Anche il format è solido e non subirà sostanziali modifiche, in cinque anni siamo stati in città fantastiche, anche Londra con la O2 Arena non ha tradito le attese. Magari più avanti estenderemo l’orizzonte anche oltre il Nord America. Come ho detto, intendo rimanere nel mondo del tennis e dare una mano, ma in questa fase senza un incarico ufficiale“.

L’AUGURIO – L’aspetto emotivo, allo scorrere dei titoli di coda, ha comunque avuto il predominio mediatico su quello del campo. Al netto delle considerazioni sulla prima vittoria di Team World, Federer ha tenuto a sottolineare come la Laver Cup sia intesa dai protagonisti come tutt’altro che un’esibizione: “C’è un bel clima, ma rimane sport e l’atmosfera agonistica in campo deve essere feroce, dura, così la manterremo sempre. Poi ci sono altri aspetti: durante la settimana mi è piaciuto molto cenare con Novak ed Andy, li ho conosciuti meglio, sono felice di aver trascorso del tempo con loro, vedere come lavorano gli altri campioni. Momenti che non tolgono nulla all’intensità di una rivalità sportiva. Venerdì essere circondato da quelli che sono stati i miei più grandi avversari è stata un’emozione unica. Auguro a loro di vivere le stesse sensazioni uniche e speciali nel giorno in cui decideranno di lasciare il tennis giocato. Per me è stato davvero bellissimo.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement