Padel: alla scoperta dei migliori del mondo

Padel

Padel: alla scoperta dei migliori del mondo

Il World Tour è tornato con le sfide tra le coppie più forti a livello maschile e femminile: Belasteguin/Lima e le gemelle Alayeto devono guardarsi le spalle da un’agguerrita concorrenza

Pubblicato

il

Dopo aver celebrato i campioni d’Italia del padel, è tempo di focalizzarsi di nuovo sul circuito internazionale. Siamo ormai arrivati nel cuore della stagione del World Padel Tour. Tra fastidiosi infortuni, piacevoli sorprese e arrembanti ritorni i tornei della prima parte del 2018 sono stati dominati dall’incertezza e le coppie che sembravano destinate a rimanere in solitaria al vertice ora devono guardarsi bene le spalle per evitare di perdere lo scettro, sia nel maschile, che nel femminile. Ce la faranno Gutierrez e Sanchez a sorpassare Belasteguin e Lima? Le sorelle Alayeto fermeranno la corsa di Gemma Triay e Lucia Sainz? Mentre attendiamo con ansia i prossimi verdetti, andiamo a scoprire la storia delle migliori coppie del padel mondiale.

[#1 WPT MASCHILE] FERNANDO BELASTEGUIN/PABLO LIMA

Fernando Belasteguin, detto “Bela” è fin ad oggi il più grande giocatore della storia del padel. Nasce il 29 maggio 1979 a Pehuajò, in Argentina, e si avvicina alla pala per merito dello zio (nel mondo del tennis, si è registrato qualcosa di simile a Maiorca). Fin dai primi anni Duemila si distingue nel circuito professionistico, nel quale entrò ad appena 16 anni; a 22 è già arrivato al numero uno del mondo al fianco di Juan Martin Diaz. Assieme dominano per tredici anni il circuito, stabilendo anche il record di imbattibilità per una pareja, un anno e nove mesi, con 22 tornei vinti. Vince assieme a Diaz 170 tornei su 191 finali disputate, prima del sereno divorzio avvenuto nel 2015. Da sedici anni Bela è comunque al vertice della classifica del World Padel Tour, ora affiancato dal mancino brasiliano Pablo Lima. Nato in un’umile famiglia di Porto Alegre l’11 ottobre 1986 , “El prìncipe” esplose definitivamente tra il 2008 e il 2009, assieme al connazionale Jardin. Nel 2014 lui e Juan Mieres (soprannominati “Los Prìncipes”) riuscirono a detronizzare i Re del padel, Bela e Diaz, per la prima volta in dodici anni. Nel 2015 viene scelto dallo stesso Belasteguin per iniziare il suo nuovo ciclo, che tuttavia non partì nel migliore dei modi per l’infortunio di Lima. Dal 2016 la coppia domina il circuito, l’anno passato trionfatrice in otto occasioni (compreso il Masters finale), ma in questo 2018 alcune sconfitte inaspettate e l’epicondilite di Bela hanno rimesso in discussione il primato.

 

[#2 WPT MASCHILE] SANYO GUTIERREZ/MAXI SANCHEZ

I primatisti per titoli vinti in questa stagione potrebbero compiere un’impresa simile a quella di Mieras e Lima. Carlos Daniel Gutierrez, detto “Sanyo”, è nativo di San Luis in Argentina il 15 giugno 1984, mentre Maximilano Sanchez, detto “El Tiburon” per il suo coraggio in campo, è nato a pochi chilometri di distanza, a Villa Mercedes, il 5 dicembre 1986. I due, amici d’infanzia, hanno diviso il campo sin dai primi anni nel professionismo, trovando immediatamente il giusto feeling nella pista. Tra i titoli più importanti ci sono i due Master di fine stagione vinti nel 2013 e nel 2014 e il torneo di casa della coppia a Buenos Aires nel 2013. La pareja si divide nel 2015, dopo la separazione tra Belasteguin e Juan Martin Diaz. Il brasiliano sceglie come suo compagno Maxi Sanchez, mentre Sanyo va al fianco di Juan Mieres, appiedato da Pablo Lima. Entrambi però non riescono a esprimersi al meglio e a vincere lo stesso numero di partite delle precedenti stagioni. Sanyo abbandona subito Mieres e nel 2016 fa coppia con lo spagnolo Paquito Navarro (attualmente numero 5 del mondo) e Diaz e Sanchez sbattono ripetutamente il muso su Bela e Lima. La coppia si riunisce finalmente nel 2018: un ritorno dirompente (tre titoli conquistati), che potrebbe regalar loro il sorpasso ai due numeri uno.

[#1 WPT FEMMINILE] MARIA JOSE’ ALAYETO/MARIA PILAR ALAYETO

Dopo il dominio assoluto della stagione 2017, il primato delle “gemelle atomiche” quest’anno è in pericolo. Meglio conosciute come “Majo” e “Mapi”, sono nate il 20 giugno 1984 a Saragozza e prima di essere considerate “i Bryan del padel femminile” hanno impugnato la racchetta da tennis, conquistando il campionato spagnolo di doppio. Presto abbandonano il tennis per intraprende la carriera universitaria e lavorativa, ma nel 2007 decidono di entrare nel mondo del padel. La scalata nel tour professionale non è stata per niente semplice, ma passo dopo passo le due gemelle hanno costruito un solido impero. Nel 2016 le loro acerrime rivali, Marta Marrero e Alejandra Salazar, riescono addirittura a scalzarle dalla vetta del ranking, e con le gemelle danno vita a sfide ad altissima tensione, aumentando di volta in volta la popolarità del padel femminile. In seguito all’infortunio di Salazar nella scorsa stagione le Alayeto hanno avuto vita facile e hanno aggiunto nove titoli al loro palmares, in cui spiccano (fuori dal WPT) i tre campionati mondiali a nazioni vinti con la Spagna.

[#2 WPT FEMMINILE] GEMMA TRIAY/LUCIA SAINZ

È tutta spagnola anche la coppia che sta tentando l’attacco alle gemelle atomiche. Gemma Triay è un’isolana, originaria di Minorca, mentre Lucia Sainz è nata a Barcellona. Tra le due ci sono ben otto anni di differenza, essendo Gemma nata nel giugno del 1992 e Lucia dell’ottobre 1984. Proprio quest’ultima, come nel caso delle Alayeto, viene a contatto con lo sport grazie al tennis e inizierà a districarsi (piuttosto bene) con la pala solo nel 2009. Tra le varie collaborazioni, 2014 giocò anche accanto all’attuale c.t. Della nazionale italiana di padel femminile ed ex allenatrice di Bela e Lima, Marta Ferrari. Nel 2016 inizia a dividere il campo con la giovane Triay, allo stesso modo attiva nel mondo del tennis. Gemma infatti ha disputato a cavallo tra 2006 e 2011 diversi tornei ITF, ma con scarsi risultati: il mondo del padel professionistico la accoglie nel 2013. I primi titoli di Triay/Sainz arrivano nel 2017, a Granada e Saragozza (entrambi Open), incastrati tra il dominio quasi assoluto delle Alayeto. Il 2018 sembra essere invece l’anno della conferma, con il primo torneo Master vinto e la riconferma al Saragozza Open. Saranno in grado di detronizzare le gemelle da qui a fine stagione ?


LE ULTIME DAL WORLD PADEL TOUR

Dal 18 al 24 giugno il Tour mondiale si è spostato nella Spagna settentrionale per il quinto appuntamento della stagione 2018. La Plaza Mayor di Valladolid ha ospitato il quarto torneo Open dell’anno, fondamentale per la definizione delle gerarchie in vista del prossimo Master di Valencia (3-8 luglio). Dopo essersi fermati ai quarti nel torneo di Jaen, Belasteguin (a maggio fermo ai box per infortunio per alcune settimane) e Lima non hanno ancora trovato il ritmo giusto dal ritorno in campo: stavolta sono stati sconfitti al debutto da Gomes e Quiles. Il buco creatosi nella loro parte di tabellone ha favorito Alejandro Galan e Matias Diaz, che hanno raggiunto la finale battendo nel penultimo atto Belluati/Lebròn. Invece i numeri due del mondo Gutierrez e Sanchez non hanno avuto problemi a raggiungere la quarta finale dell’anno nel loro lato di main draw. Tuttavia hanno sprecato una ghiotta occasione di avvicinare ancora di più il primato in classifica: nell’atto finale Galan e Diaz hanno trionfato in tre set, conquistato il primo titolo da quando giocano in coppia, il primo in assoluto della carriera di Ale Galan.

Il tabellone

A livello femminile, l’Open di Valladolid ha offerto la terza finale consecutiva tra le sorelle Alayeto e Gemma Triay e Lucia Sainz. Mapi e Majo hanno superato in semifinale l’agguerrita coppia Ortega/Sanchez, mentre Triay e Sainz stavolta non hanno avuto grossi problemi nel sbarazzarsi di Marta Marrero e Alejandra Salazar (terza coppia del ranking). L’atto finale si è trasformato, come sempre, in una lotta senza esclusione di colpi. Il primo set è stato condizionato dall’infortunio alla coscia di Majo Alayeto, che ha proseguito con una fasciatura: dopo aver ceduto al decimo game, le gemelle hanno reagito con grande determinazione per portare il match al set decisivo. Gemma e Lucia hanno però alzato il livello nella seconda metà del set e hanno trovato il break decisivo nel settimo game. Il 6-3 finale significa terzo titolo della stagione per loro e un ulteriore avvicinamento alla vetta del ranking.

Il tabellone

Continua a leggere
Commenti

Focus

Padel, boom iscritti a Milano. WPT e FIP unificano i ranking, Bela e Lima divorziano

Inaugurato un nuovo circolo nel capoluogo lombardo, sono oltre 800 gli iscritti. Mentre le due federazioni uniscono le classifiche, c’è una storica separazione nel Tour

Pubblicato

il

Pablo Lima e Fernando Belasteguin

PADEL MILANO Non c’è periodo migliore dell’estate per giocare a padel. Con l’inizio della nuova stagione i campi italiani continueranno a riempirsi di appassionati e sembra che la città Roma non sarà più sola nella promozione della disciplina. Nella prima settimana di giugno è stato inaugurato a Milano un nuovo Padel Club, all’interno del Circolo Sportivo Aeronautica Militare di Linate. Il circolo è dotato di quattro campi in erba sintetica, di cui uno coperto, e gli sportivi sono entusiasti del nuovo progetto. A Milano si possono trovare circa venti campi da padel, i più chic tra i grattacieli City Life.

Il Club appena inaugurato tuttavia vanta già oltre ottocento iscritti, raccolti nei due mesi che hanno preceduto l’inaugurazione. Milano si conferma città all’avanguardia anche in ambito sportivo, investendo su una disciplina emergente qual è il padel. Il progetto portato avanti da Marco Casoni, Gianni Castiglioni e Matteo Marzotto è appena iniziato. Dopo l’inaugurazione del Club ora l’obiettivo dichiarato è portare il padel anche nelle scuole per farlo conoscere ai più giovani.

RANKING UNICO La news del momento riguarda il ranking internazionale. Il Wolrd Padel Tour e la Federazione Internazionale hanno deciso di unificare le rispettive classifiche, che fino a pochi giorni fa venivano calcolate separatamente, una decisione che rafforza la collaborazione tra le due parti. L’iniziativa realizzata da entrambe le federazioni è mirata a conferire una maggiore professionalità al padel. Da un lato, il WPT continuerà ad essere un riferimento centrale per il padel professionistico e, dall’altro lato, la FIP fungerà da supporto per le federazioni nazionali, che doteranno il circuito di tornei di livello mondiale, dando impulso alla competizione locale, contribuendo così ad aumentare il livello e il numero di giocatori.

Da questa stessa stagione, il sistema di assegnazione dei punti è organizzato secondo categorie create di recente. Alle quattro categorie organizzate da World Padel Tour (Master Final, Master, Open e Challenger), che continuerà ad essere il riferimento, se ne aggiungono altre tre: FIP Star, FIP Rise e FIP Promotion, la cui organizzazione dipenderà direttamente ed esclusivamente dalla FIP, compresi tutti gli aspetti normativi (calendario, composizione, regolamenti e requisiti).

BELA E LIMA, FINE CORSA – Dal 4 al 6 giugno a Buenos Aires è andato in scena il secondo torneo Master della stagione. Belasteguin e Lima sono tornati in finale in un torneo WPT (la seconda dell’anno), ma l’ex numero uno del mondo ha costretto la coppia al ritiro sul 5-5 del primo set e Alejandro Galan e Juan Mieres hanno vinto il loro primo trofeo assieme. La grande notizia dell’estate riguarda proprio la coppia che ha raccolto più successi di tutti nelle ultime stagioni. Bela e Lima hanno deciso di sperarsi dopo quattro stagioni (e mezzo) entusiasmanti in cui hanno vinto assieme 35 trofei. L’annuncio è arrivato proprio in occasione del torneo di Buenos Aires: i due campioni giocheranno ancora a Valladolid e Bastad, da luglio non saranno più dallo stesso lato del campo.

Continua a leggere

Focus

Il padel al Foro Italico: ‘manita’ del CC Aniene

Quinto scudetto consecutivo per il circolo romano, battuta l’Area Padel Rock allo spareggio. Nel World Tour, Pappacena e Sussarello diventano la prima coppia italiana a giocare nel main draw

Pubblicato

il

I primi cinque mesi del 2019 hanno regalato moltissime gioie agli appassionati di tennis italiani: gli exploit di Berrettini, del giovane Sinner, il trionfo di Fognini e la vittoria di Torino per la prossima era di ATP Finals. Il consueto appuntamento al Foro Italico per gli Internazionali BNL d’Italia diventa quindi l’occasione migliore per celebrare tutto il movimento. Una festa nel nome del tennis, ma ormai da qualche anno anche il padel è protagonista tra le statue del Foro. In mezzo a qualche rovescio temporalesco è andata in scena la fase finale del campionato italiano a squadre, dei veri e propri playoff per l’assegnazione del titolo. Le quattro contendenti (prime due classificate nei gironi) di quest’anno erano il Misano Sporting Club, il Circolo Canottieri Aniene, l’Orange Padel e l’Area Fitness Padel Rock.

Hanno vinto ancora una volta i ragazzi dell’Aniene al termine di un tiratissimo match di spareggio (terminato 5-7 7-6 7-6) contro l’Area Padel Rock, che ha fissato il risultato sul 3-2 per il team capitanato da Giovanni Ticca. È il quinto scudetto consecutivo per il Circolo Canottieri padel, un risultato storico, frutto del continuo miglioramento della squadra anno dopo anno. Questo lo strepitoso championship point del match tra Lucas Bergamini e Lucas Campagnolo (coppia n. 24 al mondo) contro Miguel Lamperti (n. 11) e Lucho Capra.

Dopo aver accolto i festeggiamenti dell’Aniene nel weekend, da lunedì 13 maggio -quasi in parallelo con i tornei ATP e WTA- i campi del Foro sono la sede di un importante torneo internazionale, organizzato dalla Federazione Italiana Padel e dalla Federazione internazionale. Si tratta di un torneo di categoria FIP 1000 dal montepremi di 15.000 euro, un upgrade rispetto agli anni scorsi, quando si disputava un FIP 500. Fino a domenica 18 maggio (giorno della finale) saranno protagonisti tanti giocatori di caratura internazionale accanto ai talenti italiani, pioggia permettendo.

 

NOTIZIE DAL WORLD PADEL TOUR

Arrivano ottime notizie per i colori azzurri anche dal World Tour. In occasione del torneo di Alicante le due ragazze al primo posto della classifica italiana, Chiara Pappacena e Giulia Sussarello, hanno avuto accesso al tabellone principale superando pre-qualificazioni e qualificazioni. Non era mai successo prima che una coppia tutta italiana giocasse un incontro nel main draw del Tour mondiale. Chiara e Giulia dopo aver superato brillantemente la “previa” hanno perso al primo turno contro Tamara Icardo e Sandra Hernandez (rispettivamente numero 28 e 40 del ranking mondiale), avendo scritto comunque una pagina di storia del padel italiano.

Restando nel circuito femminile, ci sono da segnalare dei cambiamenti importanti al vertice della classifica. Si è infatti interrotto il dominio nel ranking delle gemelle atomiche, Mayo e Mapi Alayeto. Come detto nel nostro appuntamento con la rubrica, quest’ultima è ferma ai box per un infortunio alla spalla che la terrà fuori dai giochi fino a metà giugno. Mapi è scesa al quarto posto, ma neanche sua sorella è riuscita a tenere la vetta della classifica. Il primo posto è ora occupato da Marta Marrero, tesserata con i pentacampioni italiani del Circolo Canottieri Aniene. Assieme a Marta Ortega, Marrero si è presa il primo posto grazie ai due titoli conquistati a Vigo ad Alicante. Nel ranking maschile è salda la leadership di Maxi Sanchez e Sanyo Gutierrez, che con i successi a Vigo e ad Alicante sono arrivati a quota tre trofei nel 2019.

Gli ultimi risultati:

Open Logrono, finale maschile: Navarro/Lebron b. Belasteguin/Lima 3-6 7-6 6-2
Open Logrono, finale femminile: Salazar/Sanchez b. Senesi/M.J. Alayeto 6-2 7-5

Open Alicante, finale maschile: Sanchez/Gutierrez b. Navarro/Lebron 7-6 7-6
Open Alicante, finale femminile: Ortega/Marrero b. Salazar/Sanchez
3-6 7-5 6-3

Open Vigo, finale maschile: Sanchez/Gutierrez b. Navarro/Lebron 6-3
6-4
Open Vigo, finale femminile: Ortega/Marrero b. Sainz/Triay 6-3 6-4

Continua a leggere

Focus

World Padel Tour, nuove coppie debuttano a Marbella. Carraro: “Vogliamo il padel alle Olimpiadi”

L’infortunio di Mapi Alayeto segna il primo appuntamento della nuova stagione. Il presidente FIP incontra i vertici del World Padel Tour

Pubblicato

il

Luigi Carraro e Mario Hernando (foto via Twitter @WorldPadelTour)

In presenza della leggenda del tennis spagnolo Manolo Santana è partita la stagione 2019 del Wolrd Padel Tour. A Marbella, presso il Palazzo dello Sport San Pedro de Alcantara, Santana ha incontrato due pilastri del padel quali Paquito Navarro (per il circuito maschile) e Carolina Navarro (per il femminile). Paquito Navarro è uno dei tanti giocatori che durante la pausa invernale hanno deciso di cambiare compagno in vista della nuova annata. Navarro nel 2019 giocherà assieme a Juan Lebron, separandosi definitivamente da Juan Martin Diaz. Lebron lascia invece Belluati, che curiosamente ha giocato il Masters di fine anno assieme a Navarro. Juan Martin Diaz ha scelto Agustin Tapia per la nuova stagione. Confermatissime le altre coppie di rilievo, tra tutte Belasteguin e Lima, pronti a riprendersi lo scettro del World Padel Tour.

Anche nel femminile ci sono delle novità al vertice. Marta Marrero (che fa parte del Circolo Canottieri Aniene di Roma) e Alejandra Salazar si sono sperate dopo un grande 2018. Marrero continuerà a giocare assieme a Marta Ortega, formando così la coppia de “Las Martas” (le due Marte, come sono già state soprannominate in Spagna). Alejandra Salazar ha scelto invece di ripartire da una giovane promettente, Ariana Sanchez. Confermatissime Lucia Sainz e Gemma Triay, dopo un’ultima stagione di luci e ombre, e Mapi e Mayo Alayeto.

Tuttavia le gemelle atomiche non erano ai nastri di partenza del Masters di Marbella, primo appuntamento del calendario 2019. Mapi si è fatta male alla spalla e starà fuori almeno fino a metà giugno. Mayo perciò ha dovuto giocare per la prima volta in carriera un torneo assieme a un’altra compagna. Ha scelto l’argentina Delfina Brea e il risultato è stato tuttavia discreto. La nuova coppia Alayeto/Brea si è spinta sino alle semifinali, prima di cedere nettamente a Salazar e Sanchez. Nella parte bassa del tabellone Triay e Sainz si presentavano da prime favorite, ma sono cadute a sorpresa nel match d’esordio, aprendo la strada a Marta Marrero e Marta Ortega. ‘Las Martas’ sono arrivate con facilità all’atto finale e hanno alzato il primo trofeo dell’anno (e primo assieme) contro Salazar e Sanchez. Grazie a questo risultato e all’assenza di Mapi Alayeto, Marrero e Ortega saranno la prima coppia del seeding nell’Open di Logroño, sopravanzando Triay e Sainz.

 

Il torneo maschile è stato conquistato da Sanyo Gutierrez e Maximiliano Sanchez, vincitori per 6-1 7-6 nella finale contro Navarro e Lebron. La nuova coppia può ritenersi soddisfatta del suo debutto nel Tour dal momento che sulla strada verso la finale è riuscita a battere Belasteguin e Lima. C’è da segnalare anche l’ottimo risultato di Lucas Bergamini e Lucas Campagnolo. La coppia del CC Aniene si è spinta sino ai quarti di finale per poi uscire di scena contro Bela e Lima.

Il tabellone maschile di Marbella
Il tabellone femminile di Marbella

PADEL ALLE OLIMPIADI?– Giovedì quattro aprile è stato un giorno impegnativo per le figure di vertice del padel internazionale. Il neo-presidente della Federazione Internazionale Luigi Carraro ha incontrato a Madrid il direttore generale del World Padel Tour Mario Hernando per discutere dei futuri progetti che le due federazioni dovranno portare avanti. Dal momento in cui Carraro è stato eletto, FIP e WPT hanno deciso di collaborare per rendere il migliore il mondo del padel. Queste le sue parole: “Il padel ha bisogno di una stretta collaborazione tra FIP e Wolrd Padel Tour. Entrambe le parti desiderano che il nostro sport cresca in salute e stiamo lavorando per questo. Credo che questo rapporto ci aiuterà per raggiungere il nostro principale obiettivo, che è rendere il padel una disciplina Olimpica“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement