Padel: alla scoperta dei migliori del mondo

Il World Tour è tornato con le sfide tra le coppie più forti a livello maschile e femminile: Belasteguin/Lima e le gemelle Alayeto devono guardarsi le spalle da un'agguerrita concorrenza

Padel: alla scoperta dei migliori del mondo

Dopo aver celebrato i campioni d’Italia del padel, è tempo di focalizzarsi di nuovo sul circuito internazionale. Siamo ormai arrivati nel cuore della stagione del World Padel Tour. Tra fastidiosi infortuni, piacevoli sorprese e arrembanti ritorni i tornei della prima parte del 2018 sono stati dominati dall’incertezza e le coppie che sembravano destinate a rimanere in solitaria al vertice ora devono guardarsi bene le spalle per evitare di perdere lo scettro, sia nel maschile, che nel femminile. Ce la faranno Gutierrez e Sanchez a sorpassare Belasteguin e Lima? Le sorelle Alayeto fermeranno la corsa di Gemma Triay e Lucia Sainz? Mentre attendiamo con ansia i prossimi verdetti, andiamo a scoprire la storia delle migliori coppie del padel mondiale.

[#1 WPT MASCHILE] FERNANDO BELASTEGUIN/PABLO LIMA

 

Fernando Belasteguin, detto “Bela” è fin ad oggi il più grande giocatore della storia del padel. Nasce il 29 maggio 1979 a Pehuajò, in Argentina, e si avvicina alla pala per merito dello zio (nel mondo del tennis, si è registrato qualcosa di simile a Maiorca). Fin dai primi anni Duemila si distingue nel circuito professionistico, nel quale entrò ad appena 16 anni; a 22 è già arrivato al numero uno del mondo al fianco di Juan Martin Diaz. Assieme dominano per tredici anni il circuito, stabilendo anche il record di imbattibilità per una pareja, un anno e nove mesi, con 22 tornei vinti. Vince assieme a Diaz 170 tornei su 191 finali disputate, prima del sereno divorzio avvenuto nel 2015. Da sedici anni Bela è comunque al vertice della classifica del World Padel Tour, ora affiancato dal mancino brasiliano Pablo Lima. Nato in un’umile famiglia di Porto Alegre l’11 ottobre 1986 , “El prìncipe” esplose definitivamente tra il 2008 e il 2009, assieme al connazionale Jardin. Nel 2014 lui e Juan Mieres (soprannominati “Los Prìncipes”) riuscirono a detronizzare i Re del padel, Bela e Diaz, per la prima volta in dodici anni. Nel 2015 viene scelto dallo stesso Belasteguin per iniziare il suo nuovo ciclo, che tuttavia non partì nel migliore dei modi per l’infortunio di Lima. Dal 2016 la coppia domina il circuito, l’anno passato trionfatrice in otto occasioni (compreso il Masters finale), ma in questo 2018 alcune sconfitte inaspettate e l’epicondilite di Bela hanno rimesso in discussione il primato.

[#2 WPT MASCHILE] SANYO GUTIERREZ/MAXI SANCHEZ

I primatisti per titoli vinti in questa stagione potrebbero compiere un’impresa simile a quella di Mieras e Lima. Carlos Daniel Gutierrez, detto “Sanyo”, è nativo di San Luis in Argentina il 15 giugno 1984, mentre Maximilano Sanchez, detto “El Tiburon” per il suo coraggio in campo, è nato a pochi chilometri di distanza, a Villa Mercedes, il 5 dicembre 1986. I due, amici d’infanzia, hanno diviso il campo sin dai primi anni nel professionismo, trovando immediatamente il giusto feeling nella pista. Tra i titoli più importanti ci sono i due Master di fine stagione vinti nel 2013 e nel 2014 e il torneo di casa della coppia a Buenos Aires nel 2013. La pareja si divide nel 2015, dopo la separazione tra Belasteguin e Juan Martin Diaz. Il brasiliano sceglie come suo compagno Maxi Sanchez, mentre Sanyo va al fianco di Juan Mieres, appiedato da Pablo Lima. Entrambi però non riescono a esprimersi al meglio e a vincere lo stesso numero di partite delle precedenti stagioni. Sanyo abbandona subito Mieres e nel 2016 fa coppia con lo spagnolo Paquito Navarro (attualmente numero 5 del mondo) e Diaz e Sanchez sbattono ripetutamente il muso su Bela e Lima. La coppia si riunisce finalmente nel 2018: un ritorno dirompente (tre titoli conquistati), che potrebbe regalar loro il sorpasso ai due numeri uno.

[#1 WPT FEMMINILE] MARIA JOSE’ ALAYETO/MARIA PILAR ALAYETO

Dopo il dominio assoluto della stagione 2017, il primato delle “gemelle atomiche” quest’anno è in pericolo. Meglio conosciute come “Majo” e “Mapi”, sono nate il 20 giugno 1984 a Saragozza e prima di essere considerate “i Bryan del padel femminile” hanno impugnato la racchetta da tennis, conquistando il campionato spagnolo di doppio. Presto abbandonano il tennis per intraprende la carriera universitaria e lavorativa, ma nel 2007 decidono di entrare nel mondo del padel. La scalata nel tour professionale non è stata per niente semplice, ma passo dopo passo le due gemelle hanno costruito un solido impero. Nel 2016 le loro acerrime rivali, Marta Marrero e Alejandra Salazar, riescono addirittura a scalzarle dalla vetta del ranking, e con le gemelle danno vita a sfide ad altissima tensione, aumentando di volta in volta la popolarità del padel femminile. In seguito all’infortunio di Salazar nella scorsa stagione le Alayeto hanno avuto vita facile e hanno aggiunto nove titoli al loro palmares, in cui spiccano (fuori dal WPT) i tre campionati mondiali a nazioni vinti con la Spagna.

[#2 WPT FEMMINILE] GEMMA TRIAY/LUCIA SAINZ

È tutta spagnola anche la coppia che sta tentando l’attacco alle gemelle atomiche. Gemma Triay è un’isolana, originaria di Minorca, mentre Lucia Sainz è nata a Barcellona. Tra le due ci sono ben otto anni di differenza, essendo Gemma nata nel giugno del 1992 e Lucia dell’ottobre 1984. Proprio quest’ultima, come nel caso delle Alayeto, viene a contatto con lo sport grazie al tennis e inizierà a districarsi (piuttosto bene) con la pala solo nel 2009. Tra le varie collaborazioni, 2014 giocò anche accanto all’attuale c.t. Della nazionale italiana di padel femminile ed ex allenatrice di Bela e Lima, Marta Ferrari. Nel 2016 inizia a dividere il campo con la giovane Triay, allo stesso modo attiva nel mondo del tennis. Gemma infatti ha disputato a cavallo tra 2006 e 2011 diversi tornei ITF, ma con scarsi risultati: il mondo del padel professionistico la accoglie nel 2013. I primi titoli di Triay/Sainz arrivano nel 2017, a Granada e Saragozza (entrambi Open), incastrati tra il dominio quasi assoluto delle Alayeto. Il 2018 sembra essere invece l’anno della conferma, con il primo torneo Master vinto e la riconferma al Saragozza Open. Saranno in grado di detronizzare le gemelle da qui a fine stagione ?


LE ULTIME DAL WORLD PADEL TOUR

Dal 18 al 24 giugno il Tour mondiale si è spostato nella Spagna settentrionale per il quinto appuntamento della stagione 2018. La Plaza Mayor di Valladolid ha ospitato il quarto torneo Open dell’anno, fondamentale per la definizione delle gerarchie in vista del prossimo Master di Valencia (3-8 luglio). Dopo essersi fermati ai quarti nel torneo di Jaen, Belasteguin (a maggio fermo ai box per infortunio per alcune settimane) e Lima non hanno ancora trovato il ritmo giusto dal ritorno in campo: stavolta sono stati sconfitti al debutto da Gomes e Quiles. Il buco creatosi nella loro parte di tabellone ha favorito Alejandro Galan e Matias Diaz, che hanno raggiunto la finale battendo nel penultimo atto Belluati/Lebròn. Invece i numeri due del mondo Gutierrez e Sanchez non hanno avuto problemi a raggiungere la quarta finale dell’anno nel loro lato di main draw. Tuttavia hanno sprecato una ghiotta occasione di avvicinare ancora di più il primato in classifica: nell’atto finale Galan e Diaz hanno trionfato in tre set, conquistato il primo titolo da quando giocano in coppia, il primo in assoluto della carriera di Ale Galan.

Il tabellone

A livello femminile, l’Open di Valladolid ha offerto la terza finale consecutiva tra le sorelle Alayeto e Gemma Triay e Lucia Sainz. Mapi e Majo hanno superato in semifinale l’agguerrita coppia Ortega/Sanchez, mentre Triay e Sainz stavolta non hanno avuto grossi problemi nel sbarazzarsi di Marta Marrero e Alejandra Salazar (terza coppia del ranking). L’atto finale si è trasformato, come sempre, in una lotta senza esclusione di colpi. Il primo set è stato condizionato dall’infortunio alla coscia di Majo Alayeto, che ha proseguito con una fasciatura: dopo aver ceduto al decimo game, le gemelle hanno reagito con grande determinazione per portare il match al set decisivo. Gemma e Lucia hanno però alzato il livello nella seconda metà del set e hanno trovato il break decisivo nel settimo game. Il 6-3 finale significa terzo titolo della stagione per loro e un ulteriore avvicinamento alla vetta del ranking.

Il tabellone

CATEGORIE
TAG
Condividi