I manager dei tennisti hanno ucciso la Davis più di Haggerty

Editoriali del Direttore

I manager dei tennisti hanno ucciso la Davis più di Haggerty

Con la Coppa non guadagnavano né loro né i “clienti”. Piqué: “Davis più sexy”. Significa più dollari! Dirigenti che vergogna. Il disgusto di Noah. I 4 Slam in rissa perenne. Le tre vite d’un campione

Pubblicato

il

Non è davvero solo colpa di David Haggerty se la Coppa Davis ha recitato il De Profundis con l’edizione n.107 (vedi articolo-commento di Vanni Gibertini e anche il mio di qualche giorno fa). Il dirigente americano potrà sempre dire, anche se Yannick Noah gli ha gridato in faccia tutto il suo disgusto e quanto fosse incavolato – a lui, come al presidente della Federazione francese Giudicelli e indirettamente a tutti i presidenti delle federazioni che hanno votato per questa riforma così radicale, inclusa quindi la nostra italiana che ha cercato di nascondere fino all’ultimo le proprie intenzioni in modo più squallido che ambiguo – che se in fondo più del 75% delle nazioni aderenti alla Federazione Internazionale (ITF) hanno votato a favore, significa che essa è stata più che condivisa.

I METODI DISGUSTOSI PER IL VOTO DI SCAMBIO

A proposito di disgusto… soprassediamo, per carità di patria, sui metodi non meno disgustosi attraverso i quali alcuni di quei voti sarebbero stati conquistati. Per parecchie federazioni si è trattato di un vero e proprio voto di scambio cui si è prestato chi voleva ottenere wild card, chi sperava di ottenerle, chi pretendeva sconti sui diritti televisivi passati e/o futuri, chi voleva strappare promesse di vario tipo, chi aspirava a futuri incarichi nel board dell’ITF. Metodi purtroppo cui quasi nessuno sport è immune – gli scandali FIFA e UEFA da Blatter a Platini sono ben noti nel mondo del calcio, meno noti in altre discipline meno popolari ma ci sono anche lì – soprattutto quando i dirigenti si ritengono poco o mal retribuiti. E quasi sempre si ritengono tali. Ovviamente – va detto a scanso di equivoci – perché ci sia un voto di scambio ci vogliono due parti che si mettano d’accordo. Una non basta.

 

ROMANTICI ALLA NOAH, INGENUI ALLA CILIC E BUSINESSMEN

Si è chiaramente avvertito in questo periodo il contrasto fra chi vive le cose in maniera nostalgica per il tempo che fu e più sentimentale, quasi romantica, e chi invece ormai vede lo sport soprattutto come business e allora… business is business, i soldi sono la molla di tutto.

La Coppa Davis è certo finita per un tipo come Yannick Noah che evoca sentimenti genuini dell’innamorato dello sport al di sopra del Dio dollaro: “Ma quanto vale per un raccattapalle stringere la mano a Lucas Pouille e fare una foto con lui? Vengo da un sogno che ho vissuto fin da bambino, quando un giorno qualcuno (Arthur Ashe) mi ha stretto la mano e mi ha regalato una racchetta. Questo non accadrà più. Quello che è successo a Lille questo week-end, tra noi e i giovani, non succederà più a Singapore (né a Madrid né altrove), lo so”. Ma ha un senso però anche quel che aveva detto Marin Cilic: “Sono triste di veder scomparire una competizione per come l’abbiamo conosciuta, ma penso anche che la nuova Davis possa permettere a dei Paesi come la mia Croazia di veder crescere i propri mezzi in modo da poter permettere la promozione del tennis fra i giovani”.

Fra queste due posizioni più estreme, romantica quella di Yannick, pragmatica quella di Marin, c’era quella più intermedia, più di compromesso, di Nicolas Mahut: “C’erano altri mezzi per recuperare i soldi. I tornei dello Slam avrebbero potuto donare una parte dei loro ricavi (enormi… i giocatori si sono sempre lamentati della modestissima percentuale che è rappresentata dal montepremi; nota di UBS) e la Coppa Davis sarebbe sopravvissuta. Abbiamo provato a dare un sacco di idee. Ora io non tiro una pietra alle piccole federazioni. Ma il fatto che la Francia abbia votato a favore della riforma, questo non è davvero ammissibile”. Allora va premesso che non c’è dubbio che le federazioni ricche che hanno votato a favore della riforma, come la Francia, l’Italia, gli Stati Uniti, e altre, lo hanno fatto per scopi certamente meno nobili di quelle piccole realtà che invece dei soldi del signor Piqué – tre miliardi in 25 anni con una grossa fetta che finirebbe all’ITF e di riflesso alla federazioni sono tanti soldi – hanno effettivamente bisogno per sopravvivere e magari crescere. Sperare di crescere, perché del doman non v’è certezza.

L’AFFARISMO AUSTRALIANO SENZA SCRUPOLI

Così come va detto che se Tennis Australia ha votato invece contro – pur essendo una federazione che ha avuto dal 1991 al ’99 nel suo ex presidente federale Brian Tobin il presidente dell’ITF, predecessore di Ricci Bitti – e da sempre era stata elemento cardine dell’ITF, è stato perché all’Australia oggi conviene molto di più che si sviluppi l’altro evento a squadre, anzi gli altri due eventi a squadre: a) quello promosso in partnership con l’ATPl’ATP Cup che dai primi del gennaio 2020 fino al torneo di Sydney escluso dovrebbe decollare in sostituzione della Hopman Cup a Perth e del torneo di Brisbane (più una terza sede che potrebbe essere Darwin per un equilibrio geografico fra i vari punti cardinali dell’Australia… ma sarà più probabilmente una questione di dollari a far scegliere la terza città nella quale si disputeranno i gruppi eliminatori); b) la Laver Cup che è gestita, con il manager di Federer Tony Godsick e lo stesso Roger, sempre dalla federazione australiana con tutto il suo staff e che ha per partner anche la federazione statunitense, mai distratta quando si tratta di far business e soldi.

MAHUT HA PECCATO DI DEMAGOGIA – LA RIVALITÀ FRA SLAM

Ma anche Mahut qui ha fatto un intervento piuttosto demagogico, come potrebbe fare qualcuno che non conoscesse la reale situazione: gli Slam non appartengono all’ITF, ma sono entità a se stanti, ciascuna va per conto suo. Esiste sì un comitato del Grande Slam, con l’avvocato del Minnesota Bill Babcock che da 20 anni ne è il direttore, ma di fatto ha poteri molto limitati. Anche se le federazioni fanno parte dell’ITF, l’US Open appartiene all’USTA che può decidere di imporre il tiebreak al quinto set anche se gli altri Slam non sono d’accordo e non si va a maggioranza (come sarebbe auspicabile per dare le stesse regole a tutti). Il Roland Garros è della FFT, la federazione francese che può decidere di avere tre domeniche per la disputa del suo Slam e cominciare quindi con un giorno d’anticipo rispetto agli altri (rispetto a Wimbledon ha così due giorni di più di incassi e di diritti tv, visto che Wimbledon comincia il lunedì e chiude i Doherty Gates nella domenica di mezzo: quindi i Championships hanno solo 13 giorni “utili”).

L’Australian Open come abbiamo visto fa quel che vuole infischiandosene dell’appartenenza all’ITF e decidendo di aprire e chiudere il tetto più o meno quando fa comodo (le regole della Heat Policy le ha messe Tennis Australia e le applica secondo una flessibilità che non usa in altre situazioni; fa firmare ai giornalisti un documento nel quale questi si impegnano a non sollecitare le scommesse e poi per anni ha avuto la William Hill fra gli sponsor principali da quattro milioni di euro l’anno); Wimbledon infine appartiene all’All England Club che versa i ricavi netti per il 90 per cento alla LTA, la federazione inglese che nell’ultimo bilancio ha sì registrato un “rosso” di 7 milioni di sterline – ma c’era da costruire il tetto per il campo n.1 e tutta un’altra serie di lavori importanti da pianificare e anticipare – ma ha 150 milioni di sterline di deposito fruttifero nel proprio conto in banca. Con quella americana è la federazione più ricca. Ma quella australiana se continua così si avvicinerà.

Per mettere d’accordo su una qualsiasi cosa i quattro “proprietari” degli Slam non basterebbe neppure il miglior Kissinger. Ricorderete il discorso delle sanzioni ai giocatori, emerse anche nel caso della squalifica di Fabio Fognini allo US Open 2017. Nessun altro Slam voleva dimostrare la propria solidarietà al provvedimento preso. E se Fognini fosse diventato una star? Se si fosse trattato di un top-player? Se uno Slam squalifica un giocatore lo fa per il suo torneo, non per gli altri. Quello successivo in calendario non sarebbe mai disposto a subire le eventuali conseguenze di una squalifica eventualmente imposta a un top-player. Non ci penserebbe nemmeno. E anche sull’entità dei montepremi, e di quanto possono offrire ai giocatori in termini di servizi, per ingraziarsene la partecipazione, i quattro Slam si fanno anzi una concorrenza non indifferente. Di fatto annunciano gli incrementi di montepremi quasi a sorpresa, come per prendere in contropiede gli altri “fratelli” (coltelli?). Immaginatevi poi se i quattro proprietari degli Slam si preoccuperebbero di finanziare le attività giovanili della Croazia, dello Zimbabwe, della Thailandia e di 120 piccole nazioni sparse per i cinque continenti. Figurarsi.

MAHUT E LA CONDANNA DELL’IPOCRISIA DI GIUDICELLI

Detto questo, e sottolineata quindi l’incongruità dell’affermazione di Mahut, il doppista francese ha però ragionissima a sostenere quanto sia stata assolutamente ipocrita la condotta del suo presidente Giudicelli che aspira a succedere alla presidenza ITF di Haggerty. L’americano, dopo un secondo mandato non potrebbe essere rieletto, salvo che abbia imparato a muoversi come il nostro impareggiabile Francesco Ricci Bitti, il quale ha fatto esercizi straordinari di equilibrismo per mantenere la propria ben retribuita poltrona di presidente ITF, poco inferiore ai 500.000 euro annui fra una cosa e l’altra, per 16 anni, quattro mandati di quattro anni, senza mai cambiare niente: un capolavoro strategico di grandissimo immobilismo!

Tutti i giocatori francesi, tutta l’opinione pubblica francese era contraria alla riforma della Davis e Giudicelli invece ha sposato la causa Haggerty. Quando grazie agli introiti del Roland Garros e ai successi (anche di ricavi) della squadra di Coppa Davis – tre finali in cinque anni, 2014 sconfitti da Federer e soci, 2017 vittoriosi sul Belgio, e 2018 –, non solo a Lille ma anche altrove, la FFT ha guadagnato montagne di soldi. E in quest’ultima Coppa senza neppure poter contare su un tennista top 20. I tennisti francesi sperano che Giudicelli non se la cavi con il processo per il quale è imputato… E ciò anche se Giudicelli ha fatto comprare una pagina de l’Equipe per ringraziare, con un gigantesco MERCI (grazie), “au jouers pour l’emotion, au staff pour la preparation, aux supporters pour leur passion”, firmato Federation Francaise de Tennis.

LE ILLUSIONI DI CILIC – IL CASO DELL’UNGHERIA

Anche a proposito della dichiarazione di Cilic ho qualche riserva. Mi sa che Cilic si illude sul fatto che i soldi che arriverebbero a un centinaio di piccole povere federazioni verrebbero davvero gestiti a beneficio del tennis e dei giovani che volessero avvicinarsi al tennis. Forse Cilic non ha avuto le mie stesse occasioni di incontrare tanti dirigenti di varie federazioni, di vari Paesi (a me è capitato in tanti tornei, in tante Davis). Troppi dirigenti di troppe nazioni (e non solo in Africa, che è sempre stato un bacino importante e piuttosto influenzabile con modi non sempre leciti e trasparenti per chi era a caccia di voti) non sono affidabili. So – un esempio per tutti – che i migliori tennisti ungheresi di Davis e Fed Cup, Fucsovics e Babos, sono inferociti con il presidente della federtennis magiara Attila Richter e hanno dichiarato a più riprese che mai giocheranno per il proprio Paese finché lui resterà su quella poltrona. Perché?

Perché pare che i soldi messi in palio dall’ITF li abbia sempre intascati la federazione senza farne toccare che una minima parte ai giocatori e anche perché il torneo di Budapest da 250.000 dollari che Tiriac ha “trasferito” in Ungheria ottenendo sussidi delle autorità locali avrebbe dovuto richiedere spese di massimo 750.000/un milione di euro – di solito per un torneo si calcola fra le tre e le quattro volte per il costo del montepremi – e invece pare siano stati necessari fra le pieghe del bilancio del torneo quasi 2 milioni. Come si è fatto a spendere così tanto? Fucsovics e Babos sono convinti di saperlo. Haggerty – che era sempre stato ottimista sull’esito del voto di Orlando ad agosto – ha detto anche che non gli era possibile rivelare i nomi dei Paesi che avessero votato a favore della riforma e quali contro. Ma è chiaro che tutti i mesi precedenti sono serviti a contattare e negoziare i sì. Il suo ottimismo era dunque abbastanza giustificato dagli accordi presi. E allora a questo punto è inutile scandalizzarsi. Piuttosto, guardando avanti, cosa succederà?

GERARD PIQUÉ E LA PROPOSTA SEXY – COSA VUOLE HAGGERTY

Gerard Piqué – che si presume parli per nome e conto di Kosmos, Rakuten, Larry Ellison e forse ITF  – ha detto l’altro giorno: “Abbiamo riflettuto su diverse possibilità. Non possiamo annunciare nulla perché non abbiamo ancora trovato un accordo nella riunione tenutasi a Londra (durante le finali ATP). Ma siamo più vicini che prima della riunione”. Piqué e l’ATP avevano proposto di fondere in un unico evento la ATP Cup e la Davis, ma Haggerty (che pure ha ritenuto un progresso l’incontro di Londra) ha rifiutato. Pare che lo abbia fatto dicendo di non avere mandato per agire da tutte le federazioni. Di fatto sta trattando.

Pare anche che si stia trattando sul fatto che l’ITF potrebbe cedere una delle sue quattro settimane abitualmente spettanti alla vecchia Davis (quella di aprile: per la Laver Cup?) pur di conservare quella di febbraio per i play-off di 24 squadre che devono diventare 12 e unirsi alle 4 semifinaliste di quest’anno (e di ogni anno) più due wild card che per Madrid sono già state concesse a Inghilterra – nessuno è miglior lobbista di un inglese – e Argentina (Paese che ha votato di sicuro per la riforma Haggerty). In cambio Haggerty chiede che l’ATP ceda all’ITF una settimana a settembre da attaccare all’altra per poteri disputare sia Davis Cup con più respiro sia in futuro la Fed Cup per otto o anche 12 squadre. Ma l’ATP che ha il supporto dei giocatori (felicissimi di poter giocare l’ATP Cup prima del torneo di Sydney e in preparazione all’Open d’Australia) pare avere il coltello dalla parte del manico. A questo proposito Piqué ha aggiunto: “I giocatori lottano per i loro interessi, è normale che sia così. E quel che noi vogliamo è di rendere le cose più facili per loro. Forse si dovrà sacrificare qualcosa. Se si vuole ricreare una grande competizione è obbligatorio che i grandi giocatori la giochino. Forse non l’anno prossimo o fra due anni. Ma, a lungo andare, questo evento dovrà diventare… sexy (ha detto proprio così), interessante per i giocatori”.

NON BASTA CHE LA NUOVA DAVIS DIVENTI SEXY PER I GIOCATORI…

Speriamo allora che la Davis diventi davvero sexy per i giocatori, ma secondo me deve diventare sexy (sesso a pagamento?) soprattutto per i loro agenti, cui chi scrive si sente di imputare più che a chiunque altro (insieme ai giocatori che oggi fanno tanto i patrioti, ma hanno dimostrato di esserlo soltanto fino a quando è loro convenuto) la morte della Coppa fatta coniare da Dwight Davis 118 anni fa. Il fatto assodato è che i top-player dalla Coppa Davis hanno sempre ricavato poco o niente dal giocarla – rispetto ai guadagni che potevano fare altrove in qualche esibizione giocata in qualche Emirato – ma fino a che non l’hanno vinta, loro che hanno probabilmente sognato come tutti i ragazzini di “arrivare in Nazionale” e diventare idoli in patria, hanno fatto di tutto per riuscirci. Una volta raggiunto lo scopo e messa la Coppa in bacheca, l’anno dopo (anzi due mesi dopo) hanno spesso guardato la loro squadra che retrocedeva da lontano. Con la massima indifferenza. Ed egoismo. Ciò anche se Djokovic ha sempre detto che la vittoria in Davis nel 2010 gli aveva dato l’entusiasmo, la fiducia e la spinta a un 2011 da favola con la prima incoronazione a n.1 del mondo. E così nel 2014 Federer e Wawrinka hanno coronato il sogno che Murray aveva realizzato nel 2015 e del Potro nel 2016. E Nadal prima di tutti loro. Tutti ad abbracciarsi alla bandiera, a piangere al suono degli inni. Ma poi, passata la festa gabbato lo Santo e… chissenefrega.

… DEVE DIVENTARLA ANCHE PER GLI AGENTI

Perché, già tutti ormai nababbi, avevano così disperato bisogno di guadagnare ancora altri milioni rinunciando a disputare la Coppa Davis affossandola di fatto come hanno fatto? Un anno fa la Francia conquistò la Coppa senza incrociare sulla propria strada alcun top 40, salvo Goffin. Sì, qualche volta può essere stato un problema di programmazione, di necessità di concentrarsi su certi tornei, di non cambiare superficie, ma – credetemi – una grande influenza l’hanno avuta i loro manager (quando non anche coach, mogli e compagne). Perché gli agenti e i coach dalla partecipazione di un proprio giocatore alla Davis (il cui coach in campo era un altro) non hanno mai guadagnato nulla. Da tutti gli altri eventi, tornei ed esibizioni (Laver Cup inclusa) invece sì. E tanto, tantissimo. I grandi campioni vivono in eterno, una, due, tre vite. Gli agenti no. Tutto il resto sono balle.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Un marziano sulla terra: Nadal 20 e lode

I record sono fatti per essere battuti e da qui all’anno 2100, in 80 anni, tante cose possono accadere, salvo che un giocatore vinca 13 Roland Garros, vincendo 100 partite e perdendone appena due in 16 anni

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

L’articolo che segue, a firma del direttore Scanagatta, è stato pubblicato questa mattina su La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno

Meno male che per anni si è sostenuto da più parti che Rafa Nadal, per via del suo tennis dispendioso, avrebbe avuto una carriera breve, “inevitabilmente accorciata da un logorio fisico dovuto agli strappi del suo tennis”. Premesso che, anche se appare banale sottolinearlo, ogni partita può fare davvero storia a sé, tant’è che in Australia Nadal fu letteralmente preso a pallate da Djokovic, e ieri invece è accaduto l’esatto contrario, ci sono un paio di aspetti sui quali non ci piove.

Il primo è la straordinaria condizione atletica del mancino di Manacor, che si produce a 34 anni in ripetuti scatti sulle palle corte di Novak, in recuperi talmente prodigiosi da farci prendere beffe oggi di quelle teorie che decretavano Nadal tennista logoro e finito già prima dei 30 anni! Il secondo è che i progressi tecnici compiuti da Nadal, ad esempio nel rovescio incrociato e tirato coperto a tutto braccio con angolazioni pazzesche, ma anche nel rovescio slice corto giocato sul rovescio bimane di Novak, o nella volée alta dorsale di rovescio che riesce perfino a schiacciare quasi fosse uno smash su lob per nulla banali, dicono che Rafa non ha mai smesso di lavorare e migliorare anche dopo il trentaquattresimo compleanno.

Infine, chi a suo tempo, lo ha bollato con l’etichetta di giocatore “arrotino”, “pallettaro” noioso, capace soltanto di rimandare di là tutto e di più, è chiaramente un incompetente, perché Rafa ha giocato ieri un match mostruoso sotto il profilo tattico, variando continuamente schemi e strategie, in un modo tale che soltanto con una grandissima abilità tecnica, completa a 360 gradi, in difesa come all’attacco, sarebbe stato possibile metterlo in atto. Ha dominato in lungo e largo un match vinto in condizioni climatiche e altro (campi, palle) che se fosse stato per lui, non avrebbe mai scelto. Una dimostrazione di classe pazzesca.

Che non significa che al prossimo duello non sia invece Djokovic a far valere le sue caratteristiche ieri assolutamente non emerse. Quando nei confronti diretti, nei vari anni, il bilancio dice 29 a 27, non si può sostenere la manifesta superiorità dell’uno sull’altro. Ci si deve rassegnare all’imprevedibilità dei pronostici anche se di certe circostanze si dovrà sempre tener conto. Come una partita che si giochi sulla terra battuta, oppure sul cemento.

Rafa Nadal ha dominato, anche tatticamente, Novak Djokovic così nettamente, 6-0 6-2 7-5, che nessuno poteva prevederlo. Difatti McEnroe, Wilander, Courier, Henman – gli opinionisti di Eurosport – avevano tutti pensato che il tennista dall’arsenale più completo e dal repertorio più vario, il serbo cioè, avrebbe sfatato stavolta il mito dell’invincibilità di Rafa Nadal nel suo regno, approfittando anche di un campo pesante che pareva poter costituire un handicap per un top-spin presumibilmente meno efficace di Rafa. Inoltre si è giocato sotto il tetto delle Chatrier e anche quello pareva un elemento a favore di Djokovic, perché normalmente è così.

Ci siamo sbagliati tutti soprattutto per le proporzioni assolutamente inimmaginabili della sconfitta. Djokovic non aveva mai perso così nettamente una finale di Slam e stupisce che Nadal avrebbe potuto vincere ancora più nettamente, per essere stato avanti di un break, 3-2 e servizio nel terzo set e poi, raggiunto sul 3 pari, per aver avuto una palla-break sul 4 pari. Il break decisivo lo ha rinviato di poco: è arrivato sul 5 pari con un doppio fallo finale. E sul 6-5 40-0 Rafa si è permesso invece di chiudere addirittura con un ace esterno che ha lasciato Djokovic di stucco e lui… in ginocchio e, poi al suono dell’inno, in lacrime.

Come si spiega un risultato così netto, se non vogliamo liquidarlo con la banalità del tipo, Rafa ha trovato una giornata magica e Novak una pessima?

1. Djokovic ha servito malissimo. Non metteva quasi mai dentro la “prima”. Nei due break iniziali ha messo due “prime” su otto e una “prima” su sei. Ha lottato per 33 minuti ma si è trovato sotto 4-0, quando ha perso anche il quinto game pur essendo stato avanti 40-0…

2. Si è innamorato durante il torneo dei punti rapidi conquistati con la smorzata (35 contro Tsitsipas, una trentina ieri), ma non si è reso conto che a provarne troppe – e soprattutto troppo presto – non si è mai dato il tempo per trovare misura e controllo nei palleggi. Se non giochi quasi mai scambi di 10/15 colpi, uno come lui che fa del ritmo e della capacità di spostare l’avversario una sua prerogativa, diventa dura contro un Nadal che non sbaglia mai, tre gratuiti nei primi due set.

3. Se di solito il dritto è il colpo decisivo di Nadal, ieri lo è stato almeno altrettanto il rovescio slice che rimbalzava poco sul rovescio di Djokovic, e lo faceva avanzare nella terra di nessuno, senza dargli una palla comoda da attaccare.

Insomma, Rafa ha vinto per la quarta volta il torneo che da sempre è nel suo cuore senza perdere neppure un set, come già nel 2008, nel 2010, nel 2017. L’unico che è arrivato a servire per un set contro di lui (sul 6-5) è stato il nostro Jannik Sinner. Se a 19 anni il tennista altoatesino è stato capace di tanto, chissà cosa potrà fare in futuro. Non mi è parso per nulla casuale.

Roger Federer, che questo weekend era Milano e che si è visto raggiungere nel numero degli Slam vinti, 20 lui e Rafa, 17 Novak, ha scritto subito sui suoi social: “Congratulazioni Rafa, il tuo è uno dei risultati più straordinari che si possono raggiungere nello sport.

Nadal ha replicato: “Io e Roger siamo amici da tanto tempo, credo che Roger sia contento quando io vinco come io sono contento quando vince lui… ma anche se ho sempre detto che bisognerà aspettare la fine delle nostre carriere per vedere chi ne avrà vinti di più. Chiaro che mi piacerebbe essere io, ma in questo momento a me interessa soprattutto aver vinto ancora una volta il Roland Garros. Era questo il mio obiettivo… ne sono strafelice, anche se al tempo stesso non posso dimenticare che il mondo sta attraversando un periodo molto triste e difficile, per cui anche nella mia gioia, e nella fortuna che abbiamo avuto per aver potuto giocare questi tornei, non posso essere contento come dopo altre vittorie”.

Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Nel 1930 ad Alfredo Binda, che aveva vinto 5 giri d’italia di fila, fu dato il primo premio (22.500 lire) perché non gareggiasse. Capiterà anche a Rafa Nadal? E quando Xisca gli darà un primogenito, i due non lo chiameranno per caso Rolando?

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

I sogni azzurri non sono finiti, anzi. Nadal sempre “fenomenal”, ma Sinner è una certezza

Djokovic cerca la vendetta di New York contro Carreno Busta, l’unico che lo “avrebbe” sconfitto. Ma forse guarda oltre… insieme a Federer! Rublev-Tsitsipas promette spettacolo. Ma per il tennis italiano questo Roland Garros resterà un torneo memorabile

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Jannik Sinner - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Abbiamo sognato e i sogni stavolta non si sono realizzati. Ma hanno vinto i più forti, Rafa Nadal e Iga Swiatek. È la legge dello sport. Tuttavia non ci possiamo davvero lamentare di questo Roland Garros. Non avevamo avuto due azzurri nei quarti che nel ’73 (Panatta e Bertolucci) e nel 2011 (Fognini e Schiavone), ma in semifinale c’erano andati solo Adriano e Francesca (che, campionessa in carica, sarebbe approdata alla finale persa con la Li Na).

Nel video realizzato stamattina ho già detto cosa penso delle due partite dei ragazzi italiani, Jannik Sinner e Martina Trevisan, e li ho ringraziati pubblicamente per averci fatto divertire e sognare. Si sono battuti ai limiti delle loro possibilità, anche se in cuor loro entrambi penseranno di aver mancato qualche opportunità per far meglio e sarà loro dispiaciuto di non aver vinto neanche un set. Sinner per aver servito invano sul 6-5 del primo set e per essere stato in vantaggio di un break, 3-1, nel secondo. Martina per essere stata in vantaggio anche lei per 3-1, nel primo set, prima di subire una striscia negativa di otto game consecutivi all’interno dei quali però per due volte si è trovata 15-40 sul servizio di Swiatek.

E il sogno continua anche se a giocare le semifinali saranno il solito Nadal, che ha celebrato battendo Sinner la sua centesima partita al Roland Garros – ne ha perse solo 2 e ha vinto 292 set – e il per nulla solito Schwartzman. L’argentino venendo a capo del campione dell’US Open Thiem alla fine di una maratona incredibile e rocambolesca di 5 set e 5 ore e 8 minuti, ha conquistato in un colpo solo – anzi, per la verità in un migliaio di colpi e centinaia di corse – la sua prima semifinale in uno Slam, per la prima volta un posto tra i top-ten e per la seconda volta lo scalpo di un top-five dopo averci perso 24 volte su 24 fino a che a Roma due settimane fa non batté per la prima volta Rafa Nadal.

 

Lo dovrà affrontare nuovamente venerdì e forse con un pizzico di fiducia in più (se le gambette non gli faranno ancora male). “Ma Rafa qui è il re!” ha messo le mani avanti l’argentino al quale ci sono almeno due persone che chiedono il favore di “matare” Nadal: Federer che guarda le partite dal salotto di casa sua e Djokovic che vorrebbe dapprima prendersi oggi la rivincita su Carreno Busta che ha osato dire che a New York non si sentiva affatto battuto in partenza (“In fondo ero avanti io 6-5 e servizio… quando c’è stato l’incidente di Nole con la giudice di linea”), poi domare chi vincerà fra i giovani leoni rampanti Rublev e Tsitsipas e, infine, evitare di imbattersi nello spauracchio Nadal in finale.

Certo Thiem rimpiangerà di non aver chiuso il match in quattro set, ma è anche vero che sul 5-4 “El Peque” – che è comunque più alto di Maradona – aveva avuto tre setpoint consecutivi e di andare almeno al quinto set se lo meritava proprio. Thiem, che del decimo argentino capace di conquistare una semifinale a Parigi (cito a memoria Vilas, Clerc, Nalbandian, del Potro, Coria, Gaudio…) è grande amico ha detto alla fine con grande sportività, e dopo averlo abbracciato sul campo a sprezzo del COVID: “Diego ha meritato di vincere”.

Perché allora il sogno azzurro continua? Perché Sinner ha 15 anni meno di Nadal e a 19 anni non si può fare meglio di quanto ha fatto contro il miglior “terraiolo” di tutti i tempi. Chiunque abbia visto il match se ne sarà reso conto. Per le prime due ore, fino al 6-7 e 4 pari ha giocato meglio di Rafa, costretto ad impegnarsi allo spasimo e a caricarsi come quando sente che può anche perdere. Jannik ha perso per una pura questione di inesperienza, di difficoltà a concretizzare le opportunità favorevoli. E sul 4 pari 40-15 è stato anche parecchio sfortunato. Un net clamoroso e vincente di Nadal gli è praticamente costato il break del 5-4. E anche nell’ultimo game il nastro gli è stato nemico perché gli ha bloccato un dritto forse vincente.

Che però Sinner sia qualcosa di più di una promessa credo si possa sostenerlo ragionevolmente con chiunque. Del resto lo pensano tutti i campioni che si sono espressi sul suo conto. Ma come dice Piatti occorre aver pazienza. Un paio d’anni? Chissà, potrebbe bastarne anche uno solo.

Quanto a Martina siamo onesti: aveva fatto anche troppo. Da n.159 si ritrova adesso a n.83 e con il diritto di entrare nei tabelloni degli Slam, con un conto in banca finalmente importante, 283.000 euro cui potrà aggiungere come minimo i premi spettanti agli sconfitti nei primi turni di un paio di Slam, forse anche tre perché pesanti cambiali da pagare fino al luglio 2021 non ne ha. 150.000 euro in più? Io credo che lei abbia il talento per non accontentarsi più di un semplice primo turno, ma per fare più strada, anche se non quanto Swiatek cui è facile pronosticare un avvenire da top-ten. Aggiungo che Swiatek, pur più giovane di Martina, aveva molto più gare di livello alle spalle, molta più esperienza. Martina, che avrà sofferto non poco anche la lunghissima attesa (“Avevo mangiato e mi sono riscaldata tre volte aspettando la conclusione di Scwartzman-Thiem… sembrava potesse finire in 4 set”) dovrà lavorare duro con il suo coach Catarsi –nomen omen – per migliorare l’efficacia del servizio, soprattutto in termini di percentuale di prime palle.

Martina Trevisan – Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Il suo non è un caso Errani, sia chiaro. Anzi, da mancina quando batte nei punti dispari può giocare traiettorie esterne per nulla banali. Può buttare le avversarie fuori dal campo e aprirsi spazi vincenti, o anche rifugiarsi in bei kick quando la palla rimbalza più che su terreni pesanti come quelli di questa Parigi quasi invernale, con 9 gradi e un’umidità da portar via. Inciso: Nadal, sceso in campo alle 22:39 davanti a non più di 300 persone che alla fine saranno state sì e no un’ottantina, ha detto: Non mi ha dato tanta noia lo scendere in campo così tardi, anche se l’idea di programmare cinque incontri sul centrale era un rischio e lo si poteva immaginare, quanto il freddo che faceva. È facile farsi male in certe condizioni…”. Per uno che aspira a conquistare qui il ventesimo Slam e a eguagliare Roger Federer sarebbe una bella beffa, in effetti, fermarsi per qualche dolore muscolare.

Ma, riprendo un concetto accennato sopra, si può sognare azzurro, io credo, anche grazie a Lorenzo Sonego che ha fatto vedere contro Fritz di essere un ottimo tennista, anche se non un top-ten come Schwartzman. E sono persuaso che anche Berrettini, con il servizio e il dritto che si ritrova, possa confermarsi sui livelli che gli hanno permesso di salire così in alto. In Italia, soprattutto dacché siamo infestati dai leoni da tastiera che imperversano sui social, si fa presto a demolire chi subisca una sconfitta, come a esaltare chi vince due o tre partite. Il computer non capisce di tennis, come diceva sempre Rino Tommasi, ma la classifica non te la regala. E quella classifica non la si costruisce con due o tre risultati, ma lungo tutto un anno.

Questo è stato un anno molto particolare, non tutti sono stati capaci di allenarsi come avrebbero voluto e di fare i progressi necessari per restare ai vertici delle classifiche mondiali. Berrettini, poi, a mio avviso non ha nulla da rimproverarsi se ha perso al Masters di Cincinnati-New York da un Opelka che giuro non avevo mai visto servire così bene, a New York da un Rublev che vale certamente la top-ten e non a caso ha vinto Amburgo, mica il torneo di Cincirinella, e quindi ci possono perdere in tanti, tantissimi. (Inciso: già oggi Rublev concede la rivincita del match vinto in finale dieci giorni fa rimontando da 3-5 al terzo). Poi a Roma Matteo ha perso da quel Ruud che tutti valutano un top-ten della terra rossa o giù di lì. Quindi alla fin fine… ok, il romano ha perso da questo Altmaier che per via della sua modestissima classifica (dovuta agli infortuni di cui è stato vittima e non perché non sappia giocare a tennis assai bene) è sembrato ai non addetti ai lavori un disastroso passo falso. Io, che Altmaier non lo avevo mai visto giocare – colpa mia! In Italia ha giocato a Todi, Trieste, Cordenons… con alterne fortune – pensavo superficialmente che Matteo avrebbe vinto a spasso.

Ma dopo aver visto la partita, che Matteo ha giocato spento e privo di ogni reattività come non lo avevo mai visto, mi sono ricreduto sul conto di questo Altmaier che ha un rovescio a una mano che mi ha ricordato quello di Guga Kuerten, più ancora che quello del suo idolo Stan Wawrinka. Insomma, i soliti facili fustigatori depongano la frusta e abbiano fiducia. I tennisti che ho appena citato, più alcuni di quelli che stanno giocando l’interessante challenger di Parma – Musetti su tutti – ci daranno altre soddisfazioni… se non pretendiamo subito la luna, dopo aver visto per 40 anni soltanto “the dark side of the moon”.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Nadal autunnale non vale quello di maggio, ma se Sinner vincesse sarebbe più di un mezzo miracolo

Jannik ha battuto tre top-ten in circostanze piuttosto favorevoli. Sinner per ora è un fenomeno della sua età, più di una speranza, ma non ancora un campionissimo. Forse Martina Trevisan ha qualche chance in più di confondere Iga Swiatek. Ma dipenderà molto dalla polacca

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Armiamoci di santa pazienza oggi e concentriamoci su quel che abbiamo da fare in mattinata e primo pomeriggio, perché prima di poterci sedere davanti alla tv per seguire su Eurosport o Eurosport Player prima Martina Trevisan con Swiatek e poi Jannik Sinner con Rafa Nadal, sarà tarda sera.

LA DIFFICOLTÀ DI UN PRONOSTICO PIÙ SENSATO CHE PATRIOTTICO, COMINCIANDO DA MARTINA…

Dopo quel che abbiamo visto in questi giorni mi piacerebbe poter azzardare un pronostico per le due partite che riguardano i due italiani che ci hanno dato la grande soddisfazione di raggiungere i quarti dopo due grandi imprese… che poi non sono solo due in realtà. Perché Trevisan ha infilato tutta una serie di partite contro pronostico, e se contro Giorgi ha fruito di un ritiro di Camila, l’aver battuto Coco Gauff e Sakkari prima di Bertens sono ripetute… prove del nove. È chiaro che la ragazza di Firenze ha raggiunto una dimensione che non solo non ha più nulla a che vedere con la sua classifica di una settimana fa, n.159 WTA, ma forse nemmeno con quella virtuale di n.83.

Vero che contro Sakkari Martina aveva dovuto annullare due matchpoint nel secondo set e che quindi è stato a un soffio dalla sconfitta. Però l’averla rimontata dopo essere stata in netto vantaggio in quel set, non è roba da niente. Essere stata raggiunta, non essersi innervosita, essere stata capace di trovare la lucidità, la grinta e la forza di rovesciare l’esito di quel set, la dice lunga sulla sua condizione psicofisica. E poi nel terzo ha fatto il doppio dei game dell’avversaria. Un 6-3 femminile non è come un 6-3 maschile. Nel singolare femminile tutti i game partono alla pari o quasi. Se ne fai il doppio… sono tanti. Non è conseguenza di un break.

 

È INEVITABILE CHE SIA STANCA DI TESTA E DI FISICO PER 10 GIORNI MAI VISSUTI PRIMA?

Lei ha raccontato di essere poi molto stanca per aver vinto sette partite di fila. Sarà ancora più stanca stasera? Di certo non ha mai vissuto, fisicamente e mentalmente, situazioni simili a quelle di questi 10 giorni in vita sua.

Tuttavia anche con Bertens si è verificata una situazione che avrebbe potuto mandare in crisi una ragazza meno solida di testa, meno sicura: è stato quando ha avuto la palla del 4-0 nel secondo set e se l’è vista annullare. Poi sul 3-1 ha perso il servizio con l’unico black-out della sua partita: due doppi falli che l’avrebbero potuta mandare in ciampanella. Niente di tutto ciò: anzi, sul 3 pari, ha cancellato la palla break che avrebbe portato Bertens sul 4-3, dopo di che, dopo che anche sul 5-3 ha ceduto il servizio, non si è lasciata turbare ma è andata subito 0-30 sul game di battuta di Bertens, poi 0-40 grazie a un doppio fallo e al terzo matchpoint utile ha chiuso con un lob spettacolare anche se forse un tantino fortunato. Mentre nel tennis maschile la perdita di un servizio è quasi sempre, oltre che decisivo, anche il segnale di una certa fragilità nervosa, nel tennis femminile non è così.

DI TESTA SI È DIMOSTRATA SOLIDISSIMA… FIN QUI

Quindi i break subiti da Martina non devono essere necessariamente interpretati come sintomi di debolezza. Soltanto Serena Williams quando era ancora nei suoi panni, era tennista che poteva legare primariamente al rendimento del suo servizio l’esito dei suoi match. Conosco troppo poco Swiatek, e troppo poco le sue giornate di forma ed eventuali avvii incerti, per capire se sia una che può tremare in occasioni importanti. O se invece, al contrario, la sua giovane età la porti a giocare in tutte le circostanze con la sana incoscienza dei giovanissimi. Il talento di sicuro c’è, ma ad esempio non so come potrebbe reagire di fronte a una ragazza che non ha ancora nome, che non la si conosce bene, che è capace di giocare un tennis diverso da quello più consueto. E quando si pensa di essere favoriti. Con Halep ha giocato a tutto braccio perché sapeva di non aver nulla da perdere. Qui penserà che è lei cui tocca vincere per non deludere.

Martina Trevisan – Roland Garros 2020 (foto via Twitter @rolandgarros

LE SUE CHANCE STANNO NELLA VARIETÀ DEI SUOI SCHEMI RISPETTO A UNA GRAN PARTE DELLE TENNISTE

La maggior parte delle tenniste oggigiorno, anche di vertice, sono giocatrici di ritmo. Più da cemento forse che da terra battuta. Martina ha armi tecniche che alla terra battuta si adattano tantissimo: il tocco di palla, la smorzata, il senso tattico che la spinge ad andare a rete in controtempo (quali sono le altre tenniste che lo fanno? Dovrei chiederlo a AGF…), le volée che allenate giocando sempre anche tanti doppi in Italia, in serie A e non solo, sa fare meglio di molte altre tenniste che pure la precedono in classifica mondiale. Quando mancano punti di riferimento, precedenti attendibili, spesso sono importanti i primi game, che possono influenzare la successiva tensione nervosa di una giocatrice oppure di un’altra. Anche se è vero che nel tennis femminile si vedono mediamente molte più rimonte, capovolgimenti anche clamorosi di fronte, piuttosto che in quello maschile. Forse perché – ribadisco il concetto espresso poc’anzi – i vari game, quelli di servizio come quelli di risposta, hanno in partenza le stesse chance o quasi di aggiudicarseli sia chi serve sia chi ribatte. Nel tennis maschile non è così.

SINNER CONTRO NADAL, PUÒ FARCELA?

E Sinner contro Nadal? Altro discorso difficilissimo da affrontare, perché sostenere che un ragazzo di 19 anni, pur promettente come Jannik possa giocare ad armi pari contro un Nadal che a Parigi ha vinto 12 volte, sembra onestamente più un discorso… patriottico, da aficionado, che tecnico. Tutti i grandi campioni pronosticano un grande avvenire a Jannik, da McEnroe a Wilander, per ultimo ieri Tsitsipas che lo ha definito tennista di grande talento, ma quando Riccardo Piatti sostiene che il suo allievo ha bisogno ancora di tre anni prima di dare il meglio di sé, non credo che lo faccia solo per mettere le mani avanti. Anche se sarebbe più che comprensibile che lo facesse.

Un conto è ragionare in prospettiva, un altro è parlare di un match da giocare stasera. Sebbene Rafa abbia ormai 34 anni, ancora nessuno ha la sua intensità di gioco sulla terra rossa. Strappargli due set, come ha fatto Schwartzman a Roma – dove peraltro Rafa giocava il suo primo torneo dopo sei mesi di stop che era stato un vero stop… non aveva giocato neppure esibizioni – è una cosa, strappargliene tre mi sembra tutta un’altra. Anche se ovviamente a Jannik lo auguro e certo sarebbe una impresa straordinaria.

Ma appunto perché straordinaria, non troppo probabile. Lo stesso Jannik ha fatto presente che la terra rossa è tutto sommato la superficie sulla quale ha giocato di meno. A Ktzbuhel non ha davvero brillato. A Roma si è trovato di fronte un Paire reduce da mille casini Covid a New York – il francese lo ha detto in tutte le salse che per 14 giorni non era praticamente riuscito ad allenarsi sulla terra rossa – ha battuto un Tsitsipas (6-1 6-7 6-2) che ha giocato a corrente alternata, certo peggio di come l’ho visto giocare contro Dimitrov ieri, e poi proprio contro Dimitrov al Foro Italico ha giocato una partita molto discontinua, finendo per perdere 4-6 6-4 6-4 senza convincermi troppo.

LE CIRCOSTANZE OGGETTIVAMENTE FAVOREVOLI A SINNER E QUELL’INCERTEZZA CON ZVEREV

A Parigi – e approfitto qui per replicare a un lettore di Ubitennis che mi ha accusato di essere stato ingiusto per aver definito il tabellone di Parigi come piuttosto agevole – Jannik prima si è imbattuto nell’ombra di Goffin, ben presto rassegnato dopo aver perso il primo set (i colleghi del Belgio mi hanno detto di non averlo mai visto così poco combattivo), poi in Bonzi che era uno dei più scarsi giocatori dei 128 in tabellone, quindi in Coria n.99 ATP e francamente abbastanza modesto se confrontato a un Nadal, quindi Zverev. Contro Zverev Jannik ha dominato lungo quasi tutto il match, eccezion fatta per il terzo set che – giusto per farmi capire dal lettore – un Nadal non avrebbe mai perso. Nadal che vince i primi due set… all’inizio del terzo sta talmente attento a non perdere il focus, ma anzi ad ammazzare ogni tentativo di ripresa, che non va sotto 2-0. Va sopra 2-0 e chiude la partita. Salvo che di fronte non abbia uno dei suoi più grandi avversari. Che Jannik non possa essere ancora un Nadal mi pare evidente. Sarebbe un mostro. Invece per ora è… semplicemente un fenomeno per la sua età. Ma non ancora un mostro. Potrà diventarlo… e questo è un altro paio di maniche.

Jannik Sinner – Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

IL DISCUTIBILE CASO ZVEREV

Oltretutto quel che ha poi dichiarato Zverev, assai ingenuamente peraltro perché dicendo di avere avuto 38 di febbre ma non avendolo dichiarato ai medici del Roland Garros ha commesso una leggerezza non da pocoper il protocollo di sicurezza distribuito ai giocatori non solo non avrebbe potuto giocare, ma avrebbe dovuto restare in isolamento in attesa del risultato del test – insinua qualche dubbio sulla partita che abbiamo visto vincere a Jannik. Vero che Sascha correva tanto e non faceva pensare a un tennista debilitato, ma vero anche che raramente lo avevamo visto così passivo, ancorato ai teloni di fondocampo come un qualsiasi Gasquet. Jannik ha sempre spinto e comandato, fin troppo. Ma la passività del tedesco gli ha tolto pressione. Con Nadal se lo può scordare. Come ha detto saggiamente Jannik – e non solo quando ha sottolineato di “non essere arrivato, devo ancora migliorare in tutto…”– …so di non poter giocare con il freno tirato.

GUAI A GIOCARE CON IL FRENO TIRATO

Dovrà sempre tirare infatti, dal primo punto all’ultimo come ha fatto Schwartzman a Roma senza aver il servizio di Jannik ma con una mobilità e un’aggressività straordinaria che Jannik non può avere dall’alto del suo metro e 88. Altrimenti Rafa lo farà correre da destra a sinistra, da sinistra a destra, consumandolo punto dopo punto, fino a prosciugargli tutte le energie come una sanguisuga. È sempre stata la gran forza di Rafa, quella. Vero anche – a contrario e a suscitare una speranziella – che l’arma solitamente più letale di Rafa, quella stessa che ha deciso gran parte dei suoi vittoriosi duelli con Roger Federer, è sempre stata il dritto pesantissimo e liftatissimo sul rovescio dei suoi avversari.

SUL CAMPO LENTO E UMIDO IL TOPPONE DI NADAL FARÀ MENO MALE… E FINISCE SUL ROVESCIO DI SINNER

Ecco, a Parigi, con palle e campi pesanti – e credo che il Philippe Chatrier stasera tardi sarà più pesante del solito, quantomeno sarà superumido – il toppone di dritto di Rafa prenderà meno spin. E diretto sul colpo migliore e più sicuro di Jannik, il rovescio bimane, potrebbe non rivelarsi così incisivo come in altre circostanze e con altri avversari. Anzi, la sua palla di dritto potrebbe rimbalzare proprio all’altezza più giusta per consentire a Jannik di controllarla e controbattere. Difficilmente gli finirà sopra la spalla, a lui così alto. Se di solito la diagonale sinistra è quella prediletta dal mancino di Manacor, questa potrebbe anche non essere del tutto sgradita a Jannik.

Vedremo, senza farsi troppe illusioni. Finora Jannik, che vale più del suo attuale ranking, e forse anche più del suo virtuale n.46, non ha ancora potuto battere un top 5 all’altezza del suo rendimento. Gli stessi scalpi top-10, Goffin, Tsitsipas e Zverev, sono stati strappati in circostanze un tantino favorevoli – so che dicendo questo i tifosi di Sinner si inalbereranno! – e se il Nadal di settembre-ottobre non vale il Nadal di maggio-giugno, è pur sempre una spanna superiore a tutti quei giocatori con i quali Jannik si è finora misurato ad armi pari. Tuttavia questo non mi esime dal tifare per lui, dallo sperare in quello che a Parigi e nel regno di Nadal, sarebbe per me qualcosa di più di un mezzo miracolo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement