Luca Barilla su Federer: “Lo vedevo un marziano, irraggiungibile. Pensai a Edberg e…"

Interviste

Luca Barilla su Federer: “Lo vedevo un marziano, irraggiungibile. Pensai a Edberg e…”

Intervista-ritratto di chi non cela sconfinata ammirazione per Roger. La sorpresa del primo incontro. Da Edberg all’agente Tony Godsick e al “purché gli piaccia la pasta!”. “Roger per me? Quasi come Brad Pitt per le signore”. La professionalità di Federer sul set e l’episodio del cellulare

Pubblicato

il

video sponsorizzato da Barilla

Roger Federer esordirà a Roma proprio oggi, mercoledì 15 maggio, alle ore 11 contro Joao Sousa sul campo centrale del Foro Italico. Trovate QUI il programma completo della giornata

Incontro una vecchia e cara conoscenza, Luca Barilla, nel modernissimo stabilimento della famiglia Barilla a Parma, tanti anni dopo un invito a pranzo che Rino Tommasi e chi scrive ricevettero negli anni ‘90 per incontrare due celebri testimonial della pasta più famosa e venduta nel mondo, Stefan Edberg e Steffi Graf. Stefan girava fra biscotti del Mulino Bianco, frollini e quant’altro con sulla testa bionda un gran cappello bianco da cuoco. Per Steffi sarebbero stati creati perfino orecchini di… pasta. In tutta Europa, non solo Svezia e Germania, fu un boom.

Prima di Luca avevo avuto, all’epoca, modo di conoscere il fratello maggiore, Guido, pochi anni prima che morisse (nel ’93) il padre Pietro, pioniere della pasta e discendente di quell’Ovidio Barilla che già nel 1500 era a capo della corporazione dei fornai, ai tempi dei duchi Cesarini Sforza. Non credo sia un caso se i testimonial tennistici di Barilla si sono sempre contraddistinti per una indiscutibile signorilità ed eleganza: Edberg e Graf, Federer. Bastano i nomi e nessun potrà smentire. Anche se la scelta dei personaggi è stata ovviamente condivisa dai due fratelli e dal management, è stato soprattutto Luca ad avviare i rapporti con questi grandi del tennis e poi a seguirli più da vicino.

 

Il 9 maggio 2017 esce inaspettata la notizia della partnership fra Barilla e Roger Federer e Luca sosterrà sempre che la cifra di cui si chiacchiera è esagerata, quella reale sarebbe “molto inferiore”, ma intanto è rimbalzata così in tutto il mondo.

Ubaldo Scanagatta: Ma come è nato il tutto, Luca? Come hai pensato di avvicinare Roger Federer e come hai fatto?
Luca Barilla: Lo vedevo come fosse un marziano, un uomo che viveva su un altro pianeta, irraggiungibile, famosissimo, virtuosissimo, ricchissimo… anche di potere per certi versi, perché è un opinion leader nel suo campo… Roger è invitato da tutti nel mondo: personaggi politici, imprenditori, persone della moda, dello sport… tutti in ginocchio davanti a lui. Quindi non sapevo proprio come fare. Poi un giorno ho letto sul giornale che Stefan Edberg era stato il suo coach, il suo allenatore. Stefan non lo sentivo da un po’ di anni, ma ho provato a chiedere a lui se ci fosse la possibilità di avvicinarlo. Con Stefan il rapporto è rimasto in piedi ancora per qualche anno anche dopo la fine del rapporto. Anche se non ci si vedeva, ci eravamo sentiti qualche volta al telefono…Insomma ho scritto una mail a Stefan. Mi ha risposto subito: “Guarda Luca, per metterti  in contatto con Roger la persona migliore è il suo manager, Tony Godsick. Ti creo io il contatto…”

US: Questo succedeva?
LB: Tre anni fa. Con Tony scambiamo qualche mail. Gli scrivo: ‘Tony sono Luca Barilla dell’azienda Barilla, mi piacerebbe molto incontrarti e sapere se eventualmente si può fare qualche cosa insieme. Però sarebbe importante per me sapere se Roger mangia la pasta e se gli piace. Se non gli piacesse sarebbe inutile proseguire nel discorso’. Tony mi risponde con toni quasi entusiastici: “Roger mangia sempre la pasta e spesso è proprio la Barilla perché si trova dappertutto ed è la più conosciuta. Insomma sarò molto felice di incontrarti’. Combiniamo un appuntamento per qualche mese dopo a Zurigo, in occasione di un viaggio di Tony in Europa. Mi invita in un ristorante dell’Hyatt in centro a Zurigo; vado un po’ emozionato perché sto per incontrare il rappresentante di Roger, che per me è come incontrare Roger. Sono da solo e mi dico: ‘Mah! Adesso cosa gli racconto, come andrà… sì gli racconto chi sono e della Barilla…”

US: Vabbè, non è che ti presenti con niente alle spalle, eh! Insomma, cioè, ora qualche argomento ce l’hai! E poi forse hai anche una qualche abitudine a parlare con dei manager, o no?
LB: Sì, però io vedevo sempre questo personaggio dietro Tony, e provavo un po’ di soggezione, un po’ di emozione… Quindi vado lì, non tranquillo, felicissimo, ma un po’ agitato. Ma appena incontro Tony, persona molto carina, dopo pochi secondi mi trovo perfettamente a mio agio

US: Sai che lui è marito di Mary Joe Fernandez, quindi…
LB: Sì l’ho saputo. Me l’ha raccontato lui.  Quindi ci sediamo al tavolo, io mi presento, comincio a raccontargli un po’ della pasta… che, fra l’altro, la pasta è vittima di false credenze, cioè che farebbe ingrassare, che il glutine sarebbe velenoso e cose di questo genere, quando invece il glutine può essere nocivo per gli intolleranti al glutine, ma per le altre persone è una sostanza, un ingrediente che invece fa bene, ha un alto contenuto proteico. Il glutine ci vuole. Addirittura ai bambini tanti anni fa si dava la pasta glutinata, con il glutine aggiunto… Adesso non esiste più, ma lo si faceva fino a poche decine di anni fa, negli anni ’50.

US: Non avresti potuto sponsorizzare Djokovic…
LB: No, eh no – ride –  ma ognuno ha le sue abitudini alimentari. Sto parlando di queste cose con Tony da una ventina di minuti, quando arriva una cameriera che prende la mia borsa appoggiata lì accanto… lì dentro ho tutto. Se qualcuno mi porta via la borsa, mi porta via la mia vita, non ho duplicati…

US: Conosco il problema!
LB: Prende la borsa e me la sposta. E io: ‘Ma cosa sta facendo!’ quando ecco che mi ritrovo Roger di fianco… sì, è arrivato Roger! Tony gli avrà fatto un segno…io non mi sono accorto di niente. Beh, Roger non solo è arrivato ma si è fermato un’ora. A me è venuto un mezzo infarto! Cioè… faccio la figura di quelle signore che quando vedono Brad Pitt svengono… Qualcosa del genere!’ e ride. Quasi mi è venuta a mancare la parola… “Ma come… Roger qui?!”. Lì Tony è stato bravo perché ha subito rotto il ghiaccio alla grande: “Luca scusa, puoi ripetere le cose che stavi raccontando a me? Sono interessanti, almeno secondo me. Piacerà anche a Roger ascoltarle”.

US: Ma quali erano più o meno?
LB: Beh, quello che ti dicevo quando ti parlavo della pasta… insomma di quello che noi italiani e Barilla rappresentiamo nel mondo tramite la pasta, di quanto la pasta sia un alimento molto amato per certi aspetti, ma anche ingiustamente criticato. Gli ho raccontato, perché ci credo, di come la pasta sia un alimento assolutamente naturale ed ecologico. Il grano ha bisogno di pochissima acqua per crescere: basta un buon clima, sole e buona terra e il grano viene su quasi da solo. Per fare la pasta ci vuole soltanto l’aggiunta dell’acqua, nient’altro. È proprio figlia della natura, un prodotto estremamente salutare, estremamente pulito e molto molto economico. Raccontavo queste semplici cose che molti non sanno. Roger sembra davvero incuriosito, interessato. E mi fa qualche domanda, carinissimo, come se ci conoscessimo da sempre! Poi, a un certo punto, guarda l’orologio…il tempo era volato, era da un’ora che stavamo parlando. Dice: ‘Ah ragazzi, scusatemi ma devo andare perché ho l’allenamento. Se arrivo tardi perdo la prenotazione sul campo’. Stupito mi scappa un ‘Davvero, ma come!, ti portano via il campo, a te, a Roger Federer?’ E lui”  “Eh sì, se arrivi tardi quelli che vengono dopo non ti regalano un minuto! In Svizzera funziona così. Quando è finito il mio tempo devo lasciare il campo a chi ha prenotato dopo di me’.

Da Tony avrei poi saputo, attraverso successive email, che Roger era interessato ad andare avanti. Dopo pochi mesi preparato il contratto e firmato ma… con trattativa zero! Di contratti negli ultimi 30-35 anni ne abbiamo fatti tantissimi. Tutti i personaggi, dello spettacolo o dello sport quando fai il contratto ti dicono: “Allora, c’è il mondo intero: l’Italia te la vendo a 10, la Francia te la vendo a 3, l’America te la vendo a 8. Per ogni paese ti do i diritti a tariffe diverse”. Per cui tu devi farli solo se ti interessa l’America, più la Spagna, più… sommi le loro richieste sull’America, più la Spagna, più la Russia… se vuoi solo la Russia paghi solo per la Russia. Tony ha detto: “Noi queste cose non le facciamo”. È stato lui che ha proposto, ha detto: “Pasta e sughi…”. Io avevo parlato solo di pasta, ma Tony mi ha detto: “Pasta e sughi worldwide. Non stiamo lì a discutere”. Io ho detto: “Ma è fantastico… è fantastico!” . Abbiamo chiuso l’accordo in un attimo… con una stretta di mano.

US: Quasi un amore a prima vista!
LB: È impossibile non innamorarsi di un personaggio così, se uno pensa alle sue dimensioni planetarie e a come al contempo interagisce con te! Avevamo già firmato il contratto da poco e dopo un mese lui è venuto a Parma, quasi una sorpresa. Non era previsto dal contratto. Ma è venuto e ha tenuto la giornata fuori dal contratto. Una giornata in più che ci regalava. L’unica cosa che ha detto all’arrivo è stata: ‘Scusate ma dovrei andar via alle 5, perché stasera voglio mettere a letto i miei figli…’ I bambini mangiano alle 7:30; poi alle 8:00 li mette a letto lui, e poi alle 8:30 mangia con Mirka, loro due soli. Prima però ci tiene a essere a tavola con i suoi figli”.

US: Una volta gli ha fatto anche il bagnetto e si è fatto male al ginocchio…
LB: Eh sì proprio così! – ride – Però dopo quel problema al ginocchio è tornato più vincente di prima… 

US: Era venuto con un aereo privato qui?
LB: L’avevamo mandato noi a prendere col nostro aereo. Alle 5 era ancora qui in mezzo alla folla a fare i selfie, a salutare, l’orologio per lui non esisteva più. In genere altri personaggi alle 4:30 avrebbero cominciato a dire: ‘Ora devo andare, dov’è il cappotto? Devo andare in bagno un attimo…’. Lui no. Sono andato io da lui alle 5:10 a dirgli: ‘Roger – e lui era circondato da 300 persone – guarda che sono le 5, devi partire!’ Ah sì sì, va bene, adesso…”. Un altro episodio che mi ha molto colpito di lui è avvenuto durante lo shooting del nostro spot, in Brianza. Sono andato lì all’inizio delle riprese e ci sono stato per alcune ore. Roger lo vedevo spesso da lontano, non volevo disturbare. La cosa che mi ha colpito moltissimo è che tra una scena e l’altra, quando si ferma tutto per un minuto o due – o anche 10 minuti – lui rimaneva sempre lì in mezzo alla gente e non ha mai, dico mai, preso in mano un cellulare, cosa che non fa nessuno. “Tony ma Roger è sempre lì, non va nel suo camerino a respirare un po’ di ossigeno, a telefonare…” osservo parlando con Toni e lui dice: ‘No, il suo telefono ce l’ho io, me l’ha dato e ha detto: non rispondo a nessuno che non sia della mia famiglia. Oggi sono con la Barilla al 100%. Non ci sono per nessun altro se non per Mirka o i bambini’. Che professionista!

US: Questo, devo ammettere, è piuttosto straordinario!
LB: In genere questi personaggi, anche quelli carini come Antonio Banderas, tra una scena e l’altra si assentano, si rinchiudono nella loro stanzina, telefonano, parlano con l’amico… Roger no. Nessun amico può disturbarlo. Ha parlato con Tony due o tre volte, ma tre minuti per piccoli dettagli. Altrimenti era sempre in mezzo alla gente, col tecnico delle luci, col regista, con la comparsa, con il cuoco, con Oldani che prima non conosceva.

US: S’è trovato bene anche con lui, ho visto da quello che ha dichiarato il MasterChef Oldani
LB: Ma Roger è così! Io non ho mai visto nessuno comportarsi a quel modo lì, nessuno con il suo status…

US: Con chi hai avuto rapporti, oltre a Banderas, giusto per fare un paragone con persone del suo livello, insomma di nomi… gli atleti più importanti del passato a parte Edberg e Steffi Graf?
LB: Fra gli sportivi Alberto Tomba prima, Mikaela Shiffrin adesso. Fuori dallo sport Laura Pausini, che conosco abbastanza bene anche personalmente, al di là del rapporto di lavoro, Zucchero con cui c’è stato un anno di lavoro, molti anni fa, 23 anni fa circa… Beh Lucio Dalla ha fatto un contratto con noi ma per la pasta Voiello (appartiene alla Barilla da 40 anni; n.d. US)

US: E però l’amore, la sofferenza – come mi dicevi prima – per le partite di Roger quando sono cominciati?
LB: Quando l’ho conosciuto ho capito chi era e mi ci sono subito affezionato. Lo conosco pochissimo e l’ho visto ancor meno, non ho rapporti con lui…però non resisto.

US: Però poi l’hai rivisto diverse volte, sei venuto in Australia…
LB: No, non tante, pochissime in realtà… di partite ne vedo poche, tre all’anno. Dico sempre a Godsick: ‘Tony lasciamolo stare, non voglio disturbare’. E lui: ‘No, no, vieni, vieni, guarda che gli ho detto che sei venuto, lui ci tiene a salutarti!’”.

US: Sei andato anche a Chicago, l’hai visto quando sei andato per la Laver Cup?
LB: L’ho visto a Chicago, sì…

US: Roger a quel progetto della Laver Cup ci tiene moltissimo. E’ stata un’idea di Tony Godsick e sua, è stato lui che adora i vecchi campioni australiani, quindi…quanto dura il vostro contratto con Roger?
LB: 5 anni.

US: Hai visto qualche partita di Roger in Australia?
LB: Sì e ho visto anche Dimitrov contro quell’australiano così…strano…

US: Kyrgios?
LB: Kyrgios, Kyrgios, che ha perso contro Dimitrov. Ho visto bene quella partita, anzi Tony mi aveva piazzato a bordo campo e mi sono ritrovato a bordo campo di fianco a Mark Webber, l’ex pilota di Formula 1… quindi siamo diventati amici anche con Mark – ride – che poi abbiamo visto, è venuto qui a Parma… con Mark abbiamo fatto un paio di cosette, ma non a livello contrattuale, tra amici… due cose carine.

US: E a Wimbledon nel 2018…
LB: Sono andato a Wimbledon per parlare con Tony di alcune attività promozionali di Barilla. Tony mi ha portato a salutare Roger, Roger quel giorno non giocava, era a casa sua, con i suoi bambini, siamo stati lì a casa sua una mezz’oretta…

US: Ma non avete mai mangiato la pasta insieme, ancora…
LB:  Sì a Chicago, era seduto di fronte a me quando c’è stato il “Barilla-day”.

US: Ne mangia tanta? Non direi, ha un fisico così asciutto …
LB: No, mangia giusto, ma è un mangiatore straordinario di pasta!

US: Ma siete in grado di capire dov’è che avete più successo, cioè dove questo si traduce in qualcosa oppure è tutto un pochino…
Social Media Manager: Facciamo una ricerca l’anno che misura diversi item della marca e quindi avremo senz’altro anche il riscontro di quante persone hanno visto, memorizzato, capito il messaggio e anche il fatto… anche la domanda diretta della Warners su: “Chi è il testimone di Barilla?”. Una domanda importante che misureremo, stiamo misurando.

Nella saletta riunioni dove stiamo parlando spicca la foto di Luca Barilla con Roger Federer. “Questa è la foto… quando lui è andato via Tony ha detto: ‘Fermi, fermi che facciamo una foto!’. Che poi prosegue: “Roger va via, sempre sorridente, leggero – diciamo -. Io rimango a pranzo con Tony ancora una mezz’oretta. Abbiamo fatto quella foto senza che io la richiedessi. Non chiedo mai di far selfie con questi personaggi… È un atto di rispetto: chissà quanta gente chiede a lui di fare fotografie, autografi… quindi a lui non l’ho chiesto assolutamente quel giorno, niente quel giorno. È stato Tony a dire: ‘Facciamo una foto ricordo!’. Poi io l’avevo dimenticato, non ci pensavo neanche più. Dopo una settimana o due mi arriva la foto in questa cornice. L’hanno fatta loro con la dedica di Roger. Ma la dedica è meravigliosa….

“To Mr Pasta forever”, così recita la dedica sulla foto. E anche se a Ubaldo Scanagatta piace molto, il vero Mr Pasta è Luca Barilla

US: Cosa c’è scritto? Ah, “To Mr Pasta for life”.
LB: È una dedica meravigliosa “pasta for life”. Noi non eravamo amici, non ci non ci eravamo mai visti prima… poi magari lui lo fa con tutti, ma non ho avuto proprio questa sensazione..

Divaghiamo e guardiamo un filmato di Mikael Shiffrin, la straordinaria campionessa di sci, l’altra grande testimonial di Barilla, sempre con casco e cappellino firmato. La Shiffrin parla di Roger Federer: “He’s big in the tennis world and big in the world-world. To see that he can still maintain this kind of mature and modest attitude… come on people! I shall be like Roger!”. “Ha detto quello che io penso da quando lo conosco!” esclama Luca.

US: Dai Luca mi ridici quel che mi hai detto prima che cominciasse l’intervista, quella… certa sofferenza che provi quando c’è Roger che gioca, quando hai paura che perda, insomma, o che si faccia male…
LB: Ho il terrore, ho il terrore…. Ma mi dispiace, mi dispiace se perde, mi dispiace enormemente per lui, oltre che per me, per i suoi fan… ma per lui, perché è una persona per me talmente straordinaria che meriterebbe la gloria eterna.

US: Io credo che la gloria eterna l’abbia conquistata! Perché non c’è nessuno insomma… sono vent’anni… cioè io l’ho visto a 17 anni vincere al torneo di Firenze giovanile, anzi a 16, che era un torneo per gli under 18 e già lì tutti dicevano: “Ma questo qui chissà dove va!” Poi, primo esordio di Federer in Coppa Davis contro l’Italia a Neuchâtel e batte Sanguinetti, e lì di quel ragazzo che aveva i capelli con le meches un po’ bionde e un po’ addirittura verdi, si dice: “Diventerà un campione!”.
LB: Mi ha raccontato lui che era un ribelle quando era ragazzino!

Roger Federer – Australian Open 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

US: Sì sì, rompeva le racchette e non di rado perdeva la testa per la rabbia di un errore che non si voleva concedere
LB: Me l’ha detto, me l’ha detto, io non le sapevo assolutamente queste cose di lui!

US: Perché, Luca, tu non leggi Ubitennis abbastanza, eh!

Continua a leggere
Commenti

Interviste

In campo con Matteo Berrettini: la video-intervista di Eurosport

A poche ore dall’esordio all’Australian Open, vi proponiamo un’intervista molto interessante realizzata da Federico Ferrero e Jacopo Lo Monaco. Sapevate, per esempio, com’era il suo ‘vecchio’ rovescio?

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Vienna 2019 (foto via Twitter, @atptour)

Mancano poche ore all’esordio di Matteo Berrettini, a cui l’urna ha regalato un accoppiamento non certo proibitivo contro la wild card locale Andrew Harris (25 anni, numero 162 del mondo). Matteo scenderà in campo all’una (orario italiano) sulla Melbourne Arena, due mesi dopo l’ultimo impegno ufficiale – la sconfitta contro Taylor Fritz alle finali Davis di Madrid. Berrettini non ha disputato esibizioni né tornei in preparazione all’Australian Open, anche a causa di un piccolo infortunio addominale che l’ha convinto a rinunciare all’ATP Cup.

Durante l’off-season il numero otto del mondo è stato raggiunto a Montecarlo – dove ha residenza e si allena – da Jacopo Lo Monaco e Federico Ferrero per conto di Eurosport, con lo scopo di realizzare una video-intervista che da oggi è disponibile anche sull’on demand di Eurosport Player. Sui campi del Country Club, Matteo si è anche prestato a una breve analisi dei due colpi di cui ha maggiormente modificato l’esecuzione da quando ha cominciato a giocare a tennis, la seconda di servizio e il rovescio, ma ci arriveremo per gradi dopo aver riportato le parti salienti dell’intervista.

Sono nato con la racchetta in mano” è la frase con cui Matteo risponde alla prima domanda di Ferrero. “Non ero un baby-campione, una stella che sembrava dovesse arrivare prestissimo nel tennis che conta, però mi piace confrontarmi con me stesso sin da quando sono piccolo. Vivo qualsiasi cosa con agonismo. Verso i 16-17 anni ho davvero deciso di diventare un tennista“. Prima ancora, quando Matteo aveva 14 anni, è avvenuto l’incontro con Vincenzo Santopadre che probabilmente ha cambiato per sempre la sua carriera indirizzandolo verso uno stile di gioco molto più moderno e adatto alle superfici veloci. Matteo, infatti, era impostato come un giocatore italiano ‘vecchio stile’: “Sono nato e cresciuto a Roma: Roma è terra rossa. Nonostante l’altezza ero abbastanza agile quindi mi piaceva remare e stare dietro, ma quando Vincenzo ha visto che continuavo a crescere tanto mi ha detto tu dovrai fare i buchi per terra con il servizio, non sarai un giocatore che imposterà la partita su tanti colpi‘”.

 

Non serve sottolineare quanto Santopadre ci abbia visto lungo, e Matteo non ne fa mistero: “Come dico sempre, scegliete un allenatore e fidatevi di lui perché sa cos’è meglio per voi“. Nell’inverno del 2018 per esempio, quello che ha preceduto la stagione della consacrazione per Matteo, si è rivelata vincente la scelta di fargli svolgere gran parte della preparazione su una superficie veloce. “In passato non lo avevo mai fatto. Sono uscito un po’ dalla mia comfort zone, perché nonostante la maggior parte dei tornei si giocasse sul veloce tendevo ad allenarmi molto sulla terra“. Grazie alla cura di questi dettagli, Berrettini è diventato un giocatore competitivo su tutte le superfici tanto da rendergli ardua la scelta della superficie su cui giocare ‘il match della vita’: “Oggi però direi cemento all’aperto“. E se fosse necessario scegliere un compagno di doppio, la scelta ricadrebbe su Federer.

Lo stesso Federer che, battendolo nettamente agli ottavi di Wimbledon nel primo grande torneo giocato da Berrettini, gli ha dato probabilmente la spinta decisiva per salire ancora di livello e raggiungere le semifinali allo US Open. ‘L’incontro con il Papa in Vaticano’, come lo definisce ironicamente Ferrero, si è trasformato in un pomeriggio londinese da incubo. “Wimbledon è stata prima di tutto un’esperienza bellissima, ho vinto tre partite molto significative. Nella prima ero sotto di un set e un break, la seconda è stata l’ultima di Baghdatis e la terza l’ho vinta al quinto set annullando tre match point. Sono arrivato agli ottavi con tante energie sprecate, poi è ovvio che Roger sul centrale di Wimbledon gioca forse uno sport diverso“.

Matteo Berrettini e Roger Federer – Wimbledon 2019 (via Instagram, @matberrettini)

Slam successivo, Matteo approda a New York e fa il botto. Aveva sempre avuto la sensazione che quello fosse il ‘suo’ posto? “No, anche perché la stagione precedente avevo perso al primo turno una partita ‘così così’ (contro Denis Kudla, ndr) e poi preferisco l’atmosfera di Wimbledon a quella caotica di New York. Ricordo che durante un allenamento non riuscivo a sentire quello che diceva Vincenzo dall’altra parte della rete, tra brusii e aerei che passavano. New York è una città che ti porta via tante energie. Non arrivavo con l’aspettativa di fare un torneo del genere, poi evidentemente me lo sono fatto andare giù“.

È stato ovviamente il torneo che più degli altri gli ha permesso di ottenere i punti necessari a disputare le ATP Finals, dove Matteo è stato eliminato a testa alta nonostante le sconfitte contro Djokovic – primo incrocio in assoluto – e ancora Federer. Avendo affrontato anche Nadal a Flushing Meadows, Berrettini ha già avuto modo di confrontarsi con i tre giocatori più forti di questa epoca. Cos’è che li rende così difficili da battere?

Si parte con il numero uno del mondo: “Di Nadal non va mai sottovalutato il fatto che è mancino. Il rovescio dà molto fastidio perché la palla arriva molto tesa, ha una grandissima mano; è completo a tutti gli effetti. Poi sai che non ti mollerà neanche un quindici, questa è una cosa che lui ti fa sentire“. Poi è il turno di Federer: “Di Roger mi ha impressionato la facilità con cui riesce a fare tutto. Ti studia e sa che può fare qualsiasi cosa, non c’è un colpo giocato il quale puoi dire ‘adesso lui per forza dovrà giocare lì’. A Wimbledon mi ha confuso perché non faceva mai due volte la stessa cosa e così è difficile perché ti toglie i punti di riferimento. Allo stesso tempo sta molto vicino al campo e ti toglie il tempo, e quando viene a rete sembra un muro. Ho pensato ‘adesso che faccio, gli sparo?’“. Si chiude con Novak Djokovic: “Credo che sia il miglior risponditore del circuito. Ha una elasticità impressionante, difende in maniera paurosa e ha molta facilità con il rovescio. Anche il servizio è un colpo molto sottovalutato perché varia molto. Ho visto le statistiche del match che ho giocato contro di lui alle Finals: ho servito il 73% di prime e 200 all’ora e lui rispondeva sempre profondo. Disinnescata quell’arma, per me diventa complicato fare il punto“.

IN CAMPO

Per avere l’opportunità di esibirsi nello stesso contesto di questi campioni, Berrettini ha dovuto migliorare molto. Non è lo stesso tennista di due anni fa, anche in ragione di un paio di miglioramenti tecnici per ottenere i quali è stato decisivo l’intervento del suo team. “Dalla parte sinistra del campo ho fatto un grande salto di qualità, riesco a mischiare bene le carte con lo slice quindi sono più imprevedibile sotto quel punto di vista. Ho anche incrementato molto velocità e imprevedibilità della seconda palla, ma anche la solidità perché altrimenti si rischia di fare troppi doppi falli. Ho lavorato anche sul dritto, sulle situazioni in cui la palla mi arriva con meno rotazione facevo un po’ di fatica“.

Matteo e Jacopo Lo Monaco prendono in mano la racchetta per mostrare praticamente in cosa consistono le evoluzioni tecniche compiute dal tennista italiano, come evidenziato da questa clip pubblicata da Eurosport su Twitter.

Quando ero piccolo, sul rovescio, aprivo con il gomito alto e un po’ piegato” racconta Matteo, “e abbiamo lavorato anche sulla rotazione del busto perché arrivavo un po’ in ritardo“. Berrettini si esibisce prima nel vecchio rovescio e poi in quello attuale (eseguito con le braccia tese), che a detto dello stesso Santopadre ha dovuto imparare quasi da zero soprattutto nella variazione in lungolinea.

Berrettini mette anche a confronto la ‘vecchia’ seconda di servizio con quella che ha messo a punto lo scorso anno, “un colpo con il quale ho iniziato anche a cercare il punto, soprattutto quando mi sento meno sicuro da fondocampo. La seconda che giocavo in passato aveva molta rotazione, la mettevo spesso dentro ma era troppo prevedibile e non faceva male”. Quella che gioca adesso, come conferma lo stesso Lo Monaco dall’altra parte del campo, “arriva molto prima”. La lucidità di analisi di Matteo è la consueta, una qualità che tra le altre cose gli ha consentito di progredire oltre le aspettative. Adesso però è nuovamente il tempo di far parlare il campo.

Matteo Berrettini – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Continua a leggere

Interviste

Australian Open: Federer e Nadal si difendono, Sinner con la… chioma

Roger e Rafa parlano dell’emergenza aria. Wozniacki prepara il ritiro, Berrettini schiva l’inglese e Sinner non riesce a… darci un taglio

Pubblicato

il

Roger Federer in conferenza stampa - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Dal nostro inviato a Melbourne

Come largamente prevedibile, durante la giornata tradizionalmente dedicata alle conferenze stampa pre-torneo di tutti i big ha tenuto banco la questione “qualità dell’aria” che tante polemiche aveva scatenato martedì e mercoledì scorsi, quando i giocatori impegnati nelle qualificazioni sono stati mandati in campo con livelli di concentrazione delle polveri sottili molto insalubri o addirittura pericolosi. Alcuni tennisti erano intervenuti sui social media per denunciare come vengano usati due pesi e due misure per i “ballerini di fila” e per le “vedette”, fino ad arrivare anche a dire come i top player si comportano “da egoisti” (accusa, poi ritirata, avanzata dal canadese Brayden Schnur).

Federer e Nadal sono entrambi apparsi molto sensibili all’argomento ed hanno respinto le accuse (peraltro già svanite del nulla) al mittente: “Ero nell’ufficio del Direttore del torneo martedì – ha spiegato Roger Federer durante il suo affollatissimo incontro con la stampa – leggevo che la città di Melbourne invitava tutti a stare in casa, a non fare uscire gli animali, a chiudere le finestre e nella players lounge i giocatori venivano chiamati in campo: chiaramente qualcosa non andava. Per me la comunicazione è la chiave di tutto: devono farci sapere in base a quali criteri vengono prese le decisioni, in modo da essere tranquilli che esiste un processo rigoroso per stabilire se si gioca o no. Ora ci è stata data questa informazione”. Nella giornata di mercoledì Tennis Australia ha infatti reso nota la loro “Air Quality Policy, che in sostanza prevede che il gioco venga sospeso quando le rilevazioni delle polveri sottili supera il livello di 200 microgrammi per metro cubo.

Il regolamento dei Giochi Olimpici utilizza come limite soglia i 300 [microgrammi per metro cubo]” ha precisato Federer, peraltro bacchettando i giornalisti in conclusione della sua conferenza stampa in inglese in quanto la parte tennistica del suo Australian Open era stata totalmente trascurata. “Nel caso a qualcuno interessi, al primo turno gioco con Steve Johnson. In fondo sono in Australia per giocare a tennis” ha sottolineato lo svizzero, che poi ha aggiunto: “Sarà complicato giocare con un avversario che ha giocato parecchie partite recentemente mentre io non ne ho giocata alcuna. Non ho grandi aspettative da questo torneo, ho fatto tutto il possibile, vediamo come andrà”.

Dello stesso tono la replica di Rafael Nadal alle accuse di egoismo: “Sono soltanto un altro giocatore, che può fare quello che possono fare tutti, ovvero andare nell’ufficio del Direttore del Torneo e chiedere spiegazioni. Ed è quello che ho fatto. La spiegazione che mi è stata data mi ha convinto, e la storia è finita lì. Quando mi dicono che c’è un team di esperti che misura la qualità dell’aria ogni quattro minuti e se [il parametro di riferimento] sale oltre 200 si smette di giocare, io non ho molto altro da dire. Non sono un esperto, devo fidarmi di chi è esperto, io tendo a non parlare di cose che non conosco. Il Comitato Olimpico Internazionale, che è l’organismo più importante di tutto lo sport mondiale, ha come soglia di riferimento 300, noi abbiamo 200. La risposta mi è sembrata convincente”.

È comunque importante – ha proseguito il campione spagnolo nella sua lingua madre – che non si attribuisca al fumo e alla qualità dell’aria la responsabilità di tutto quello che succede nel torneo. In ogni evento ci sono giocatori che si fanno male, che si ritirano, che soffrono il caldo, etc… anche se non ci sono problemi di qualità dell’aria. Bisogna resistere ad attribuire la causa di tutto al fumo”.

Rafa Nadal – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Stefanos Tsitsipas, che difende la semifinale raggiunta lo scorso anno, ha rivelato che anche lui aveva avuto problemi di respirazione nella notte dopo essersi allenato all’aperto a inizio settimana. “Ora va tutto bene, ma i primi due giorni qui sono stati molto insoliti”. Per Dominic Thiem la qualità dell’aria a Pechino è peggiore di quella di Melbourne durante i giorni dell’emergenza: “Lì mi è capitato di avere problemi con tosse insistente la notte, qui invece nulla di tutto ciò”. Tutto a posto anche per il nostro Berrettini, che soffre di asma, ma non ha risentito per nulla della situazione.

Non si è comunque parlato solamente di problemi respiratori e misurazioni scientifiche: Caroline Wozniacki, che dopo l’Australian Open darà l’addio al tennis professionistico, ha illuminato la sua ultima conferenza stampa pre-torneo della carriera con uno splendido sorriso (e con lo spettacolare anello di fidanzamento regalatole dal neo-marito David): “Mi ritiro senza rimpianti, ho dato tutto quello che avevo e sono riuscita a realizzare molto di quello che volevo. A David avevo detto che per i primi sei mesi non avrei voluto fare nulla, ma mi sono resa conto di aver preso parecchi impegni per alcuni progetti che sto intraprendendo e fino a maggio sarò forse più impegnata di prima”.

La sua unica vittoria in un torneo dello Slam, qui in Australia nel 2018, è indissolubilmente legata a questo torneo anche per la sua avversaria nella finale di due anni fa: Simona Halep, che ritorna ad avere al suo angolo a tempo pieno il suo amato allenatore Cahill, vuole vincere anche qui in Austalia dopo i titoli vinti a Parigi e Wimbledon- “Speravo di giocare più partite [ad Adelaide] – ha detto la rumena, che ha confermato di aver cambiato le sue abitudini nella scorsa off-season, preparandosi a Dubai invece che in Romania –  ma Sabalenka sa essere molto forte quando è in palla. Mi sento comunque pronta per la sfida”.

Divertente come al solito Naomi Osaka, che pensa ai 2000 punti della vittoria dello scorso anno da difendere (“Ogni tanto penso che se perdo subito potrei uscire dalle Top 10, questo -2000 che aleggia sulla mia testa è pesante”) e si reputa ancora una novellina nonostante tutto: “Non credo si possa dire che Barty è una mia rivale. Non sono sul circuito da abbastanza tempo per aver giocato più di 4-5 volte con alcune delle mie avversarie, e questa non può essere considerata una rivalità. Avere una rivale sarebbe una benedizione… perché la vita sarebbe più divertente: potrei fare il tifo per questa, e per quell’altra…”. Poi pochi secondi dopo si addentra nelle sue profonde considerazioni esistenziali, sottolineando come lo scorso anno era più “fearless”, impavida, e pensava che niente la potesse fermare. “Oggi invece, dopo l’anno più duro di tutta la mia vita, apprezzo di più le vittorie perché so quanto è duro raggiungerle”.

 
Matteo Berrettini con il trofeo di “Most Improved ATP Player 2019” (foto Twitter @lottosport)

Per parlare con i tennisti italiani che in virtù dei premi ATP vinti (“giocatore più migliorato” per Matteo Berrettini e “novità dell’anno” per Jannik Sinner) hanno il privilegio-onere di parlare alla stampa prima del torneo, dobbiamo aspettare quasi tutto il pomeriggio. Sinner, che vorrebbe utilizzare il trofeo come mega-boccale di birra, intrattiene i numerosi giornalisti stranieri presenti con i racconti degli allenamenti con Maria Sharapova (“In campo è sempre concentrata sul tennis, fuori cerca di divertirsi come tutti noi”) e con gli altri top player: “Qui mi sono allenato con Federer, Nadal, Zverev, con alcuni ho anche parlato, c’è sempre da imparare da questi campioni”.

L’obiettivo suo e di Piatti per quest’anno è giocare almeno 60 partite: perché nel tennis per giocare tanto è necessari anche vincere parecchio. “Solamente in partita si riesce a capire come fare le scelte giuste, in allenamento c’è la possibilità di fare qualche ripetizione in più, ma è in partita che si apprende a giocare i colpi giusti al momento giusto”. Durante questo suo primo viaggio in Australia non è riuscito a vedere molto di questo Paese (“Ho visto più cose ad Auckland”) e non ha nemmeno trovato un parrucchiere a Melbourne: “Ci ho provato ieri, ma erano tutti chiusi!”.

All’arrivo di Matteo Berrettini ci sono rimasti solo i reporter italiani ad aspettarlo, e il campione romano non riesce a nascondere un sorriso di soddisfazione per non dover rispondere a domande in inglese. Come già accennato, in questi giorni si è allenato quasi sempre all’aperto, tranne in una sola occasione, e nonostante la sua asma non ha avuto alcun problema respiratorio causato dalle polveri sottili o altro. “Sono contento della preparazione che ho fatto – dice Matteo – anche se corta a causa dell’infortunio. Ovviamente arrivo qui con un atteggiamento completamente diverso dall’anno scorso, quando ero molto lontano dalle prime otto teste di serie e sentivo di potermela giocare con quasi tutti. Oggi sono n.8 e incontro tutti tennisti classificati peggio di me, anche se ho ben presente di non aver mai vinto una partita di tabellone principale all’Australian Open”.

Continua a leggere

Interviste

Stakhovsky: “Vi spiego com’è nata l’ATP Cup”

L’ucraino, da ex membro del Player Council, racconta il dietro le quinte della creazione di ATP Cup e della “nuova” Davis: la posizione ambigua di Kosmos e ITF, le trattative con Doha e Larry Ellison

Pubblicato

il

La prima ATP Cup sta entrando nel vivo e subito si riaccendono i dibattiti e le polemiche in relazione alla nuova Coppa Davis. Fa bene al circuito avere due competizioni “gemelle” a così poca distanza di tempo? Quale delle due funziona meglio? Si uniranno mai i loro percorsi in modo da dare vita ad un unico evento? Beh nelle ultime ore sono venute alla luce dichiarazioni molto interessanti che spiegano la genesi dei due eventi e come mai al momento essi siano incompatibili. A delineare i chiaroscuri della storia è stato Sergiy Stakhovsky, avvezzo alle dichiarazioni scomode ed ex membro dell’ATP Player Council (ha lasciato prima di Wimbledon 2019, insieme a Robin Haase e Jaime Murray per essere sostituiti da Federer, Nadal e Melzer). Il tennista ucraino ha rivelato in un’intervista rilasciata al portale ucraino bto.org.ua che il progetto ATP Cup affonda le sue radici molto indietro nel tempo e che a supportarlo c’era lo stesso gruppo Kosmos che ha rivoluzionato la Davis. Insomma molte ombre e molti interessi inconciliabili sembrano celarsi dietro alla nascita delle due grandi competizioni a squadre.

Di seguito le dichiarazioni di Stakhovsky:

In realtà l’idea della ATP Cup è stata concepita molto tempo fa e c’era dietro il gruppo Kosmos di Gerard Pique. Avevano presentato un progetto all’ATP. Il Player Council ha apprezzato molto l’idea e in più Kosmos offriva un montepremi enorme, 50 milioni di dollari. Altri 30 milioni dovevano andare all’ATP. Per un anno abbiamo lavorato al progetto, parlando con i giocatori, e a quasi tutti piaceva. Sarebbe giusto dire che volevamo creare un’alternativa alla Davis Cup.

 

L’idea principale era liberare i giocatori dall’obbligo di giocare la Coppa Davis per poter partecipare alle Olimpiadi. Avevamo pianificato di entrare in contatto con il Comitato Olimpico Internazionale e proporre questo nuovo evento come uno dei modi di qualificarsi alle Olimpiadi. Dopo aver trovato il modo e aver fatto progressi nelle trattative con il Comitato Olimpico, Kosmos ci ha detto: “Va tutto bene, ma queste sono le date che preferiamo.” Quindi hanno fatto tre proposte: 1) la settimana dopo la finale di Coppa Davis, 2) la settimana della finale di Coppa Davis, 3) la settimana di Natale.

Abbiamo detto loro che, dal momento che offrivano moltissimo denaro, potevano dettare le regole su molte cose, ma nessuno dei top player avrebbe giocato in quelle date e senza la loro presenza l’intero progetto era senza senso. Kosmos ci ha portato un contratto scritto che prevedeva un finanziamento per ospitare il torneo in quelle date. Abbiamo parlato con i giocatori, ma tutti i top players hanno detto che, non importa quanto denaro avrebbe offerto Kosmos, non avrebbero giocato in quelle date. Troppo in là nella stagione, avrebbe distrutto la preparazione in off season. Semplicemente non era realistico.

Allora il Player Council – Djokovic non ne faceva parte all’epoca, è stato eletto alla fine del 2016 – ha riferito la decisione a Kosmos e ha suggerito di trovare un’altra sistemazione nel calendario. Dopotutto è il nostro calendario, possiamo tirare un po’ qua e là per fare spazio all’evento, ma non alla fine della stagione. Kosmos però rimase irremovibile sulla propria posizione.

A quel punto, uno dei membri dell’ATP Board – non ne fa più parte al momento – iniziò a tentare di persuaderci. Solo molto dopo abbiamo saputo che questo membro dell’ATP Board aveva i propri interessi in questo progetto e che ne avrebbe tratto beneficio. Questa persona stava promuovendo l’idea ad una delle riunione e mi ricordo che ero seduto accanto a Gilles Simon: nessuno dei due riusciva a capire come fosse possibile sviluppare qualcosa che era chiaramente destinato a fallire. Dovevamo danneggiare il marchio ATP? Noi giocatori dovevamo riportare il buon senso nell’ATP Board. È stato divertente vedere come molte persone nell’ATP non abbiano idea di ciò che fanno. Alla fine abbiamo rifiutato l’offerta di Kosmos, ma non abbiamo abbandonato l’idea di una nuova competizione a squadre. Abbiamo detto ai capi dell’ATP di trovare uno sponsor e che tutti i giocatori avrebbero amato di prendere parte a un evento del genere, a patto che avesse una buona collocazione in calendario.

Chi aspettava da tempo di avere un grande evento era Doha. Avevano già proposto di comprare la licenza di Parigi Bercy e questo nuovo torneo sembrava ancora più importante. Chris Kermode è andato a Doha e ha iniziato le contrattazioni, ma all’ultimo momento il Qatar ha dovuto affrontare una crisi politica e, in secondo luogo, avevano appena portato Neymar al PSG per 300 milioni di dollari. Nasser Al-Khelaifi (presidente del PSG e della Federazione qatariota di tennis, ndr) ci ha detto: “Non abbiamo abbastanza soldi e non siamo interessati.” Io personalmente ho incontrato il direttore del torneo di Doha, Karim Alami, per convincerlo a non sprecare un’occasione così unica, ma anche lui ha detto che la situazione politica era complicata, che non c’erano abbastanza soldi e che comunque non erano interessati.

Allora abbiamo iniziato le negoziazioni con l’Australia e con Larry Ellison (capo del colosso Oracle e proprietario del torneo di Indian Wells, ndr). Con Larry non ha funzionato per via della location: voleva ospitare il torneo a Indian Wells a gennaio, ma volare da lì all’Australia non era l’opzione migliore. Tennis Australia ha fatto l’offerta economica più bassa perché sapeva di avere la sede e lo slot di calendario ideali. La cosa più importante però è che Tennis Australia ha offerto di dividere a metà tutti i “profitti extra”, una cosa senza precedenti. Sulla base di questa offerta, abbiamo optato per l’Australia.

I “profitti extra” includono tutti i soldi degli sponsor, dei diritti televisivi e degli altri diritti che eccedono i costi dell’ospitare il torneo e i “profitti normali” definiti dal contratto. Tutto questo denaro sarebbe stato equamente diviso tra ATP e Tennis Australia.

L’ATP Cup offre fino a 750 punti che potrebbero aumentare fino a 1000, quando il nuovo stadio di Sydney sarà completato. Questo evento è molto cool. Non abbiamo molti eventi a squadre sul Tour. La Coppa Davis è cool, emozionante e via dicendo, ma il suo format si è esaurito. Ecco perché l’ATP ha voluto portare qualcosa di nuovo nel tennis. “”

Stakhovsky rivela che, prima di procedere con l’idea di un nuovo evento, i giocatori avevano per anni cercato di introdurre modifiche nel format della Coppa Davis per renderla più appetibile e moderna.Il Player Council ha parlato molto con l’ITF per cambiare la Coppa Davis in modo da mantenere l’evento, pur modificando il formato. Abbiamo suggerito di cambiare il formato dei match, trasformarlo in un torneo da una o due settimane oppure disputarla ogni due anni. La risposta dal Comitato della Coppa Davis è sempre stata la stessa: no, è la tradizione, gli sponsor non approverebbero, tutto rimarrà com’è sempre stato.

Quando Kosmos, dopo aver fallito l’accordo con l’ATP, si è recata dall’ITF – così potete capire l’assurdità della situazione – il presidente dell’ITF ha annunciato la riforma della Coppa Davis senza nessuna consultazione con il Comitato o con gli sponsor di allora. Né Rolex, né BNP Paribas, né Adecco sono state avvisate che Kosmos sarebbe divenuta un nuovo partner dell’ITF e che la Coppa Davis sarebbe stata modificata radicalmente.

All’inizio ero sicuro che l’ITF Annual General Meeting non avrebbe passato la riforma, i membri erano troppo radicali. Ma dopo aver parlato con Gerard Pique – ha provato a fare pressioni perché abbandonassimo l’idea dell’ATP Cup e fondessimo i due eventi – ho capito, grazie ad una sua frase, che ce l’avrebbero fatta. Ha detto che sapeva come funzionava la FIFA e che avrebbe avuto i voti. Non so e non voglio sapere cosa intendesse esattamente con quelle parole, ma, come abbiamo visto, ha funzionato.

Allora Djokovic ha iniziato a promuovere attivamente la fusione tra Coppa Davis e ATP Cup. Ha proposto di disputare l’evento unificato nella settimana della Laver Cup, ma abbiamo insistito sul fatto che il contratto con Tennis Australia era stato già firmato e che era meglio avere il nostro torneo, separato dall’ITF. Il contratto è di dieci anni, se non sbaglio. Dopo questo termine ATP e Tennis Australia diventeranno co-proprietari e potranno muovere l’evento dove vorranno, in Cina o in Europa, ma sempre in accordo con i giocatori. Allo stato attuale, credo che format, location e condizioni per i giocatori in questo torneo siano ideali.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement