FNSI, USSI, Ordine Giornalisti interessati al caso del direttore di Ubitennis pedinato al Foro Italico

Flash

FNSI, USSI, Ordine Giornalisti interessati al caso del direttore di Ubitennis pedinato al Foro Italico

Il giornalismo italiano intende reagire a quanto accaduto a Ubaldo Scanagatta. Quanti giornalisti perderebbero soldi e lavoro se non potessero collaborare per più testate?

Pubblicato

il

Lo stadio Pietrangeli gremito durante gli Internazionali d'Italia (foto Felice Calabrò)

 


https://www.articolo21.org/2019/05/un-tempo-si-chiamava-arroganza-del-potere-lassurdo-caso-del-collega-scanagatta/

Diversi lettori hanno scritto chiedendoci notizie sugli sviluppi della incresciosa vicenda degli Internazionali d’Italia che non si è conclusa con la revoca e il ritiro dell’accredito stampa di Ubaldo Scanagatta, ma è proseguita con il pedinamento dello stesso direttore per tutta la giornata di domenica, nonostante lui si fosse comprato un biglietto ground e fosse quindi un normale cittadino con… pieno diritto di circolazione. “Reo” di aver scritto per Ubitennis come sempre da 10 anni oltre che per La Nazione, il direttore si è visto sguinzagliare sulle sue tracce anche per i movimenti più innocenti, due, tre, quattro agenti della sicurezza.

Poiché molti lettori si domandavano, e ci hanno domandato, come si comportassero al riguardo gli altri colleghi presenti al Foro Italico, se avessero cioè agito collettivamente in segno di protesta e solidarietà, e come avessero reagito le associazioni stampa e di categoria – che a loro valida scusante non era facile avvertire e coinvolgere fra sabato sera e domenica mattina per concertare un’azione volta all’immediata restituzione dell’accredito stampa revocato a Ubaldo Scanagatta – possiamo tranquillizzare i lettori sul fatto che in momenti diversi vari gruppi di giornalisti italiani e stranieri sono scesi dalla sala stampa per esprimere la loro solidarietà al direttore di Ubitennis.

Della vicenda, che il direttore ha riassunto nell’ultimo editoriale scritto da Roma, sono stati informati la FNSI nazionale e Toscana, l’Ordine nazionale giornalisti, l’USSI (Unione Stampa Sportiva Nazionale e Toscana) con i presidenti delle varie associazioni, ordini, unioni. Possiamo confermare ai lettori che quei destinatari hanno ricevuto la lettera dell’avvocato Massimo Rossi e anche che la FIT riceverà nei prossimi giorni altre comunicazioni al riguardo. Ora non possiamo anticiparle, salvo il fatto che (dai primi contatti intrattenuti con i responsabili delle varie componenti associazionistiche e sindacali giornalistiche) la solidarietà al direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta appare piena, senza riserve ed unanime in riferimento ai diritti sanciti dalla Costituzione in ordine alla libertà di stampa, al diritto di critica e alla lampante pretestuosità e discrezionalità discriminatoria della strana “regola” usata come escamotage per il ritiro dell’accredito. 

Il giornalismo italiano sembra intenzionato a reagire a quanto accaduto, anche se le modalità non sono ancora note. Ci vorrà un po’ di tempo prima che siano ufficializzate. Quanti giornalisti perderebbero soldi e lavoro se non potessero collaborare per più testate? Che senso ha impedire a un giornalista di farlo, quando non sia un suo direttore a pretendere una collaborazione esclusiva? Difatti la stragrande maggioranza dei giornalisti collabora con più media che a volte compartecipano alle spese che consentono la corrispondenza fuori sede di un inviato, soprattutto in questi tempi di crisi economica. E a Roma, come in tutti gli eventi, erano tanti. Ma il provvedimento è scattato solo con Scanagatta, in curiosa coincidenza con l’articolo che era stato appena pubblicato – perché non prima visto che il direttore di Ubitennis era al Foro da giorni e aveva scritto quotidianamente? – e che criticava l’organizzazione degli Internazionali raccogliendo lamentele espresse pubblicamente da giocatori e spettatori un giorno dopo l’altro.

Il direttore, che a quasi 70 anni e dopo mezzo secolo di carriera non è più un ragazzino, ha subito un notevole ed ingiustificato stress a seguito delle decisioni della FIT. Al suo ritorno a Firenze il medico curante lo ha visitato e voluto sottoporre immediatamente a un check-up con un urgente richiesta presso un istituto di analisi medico radiografiche fiorentino per un eco-color-doppler venoso agli arti inferiori per pregresso TVP (trombo venoso profondo) a seguito di un dolore al polpaccio destro emerso in concomitanza con quanto successo nel weekend romano degli Internazionali d’Italia ed altri malesseri di varia natura. Il check-up proseguirà nei prossimi giorni.

TUTTA LA VICENDA

Qui di seguito riproduciamo anche la prima lettera dell’Avvocato Massimo Rossi, scritta sabato sera, prima degli episodi relativi al “pedinamento” quasi ossessivo di cui il direttore è stato fatto oggetto domenica e che richiederà una seconda comunicazione del legale.

In nome e per conto del dottor Ubaldo Scanagatta, che me ne ha conferito mandato, sono con la presente a significarVi quanto segue. Ubaldo Scanagatta è giornalista professionista da sempre specificamente e particolarmente impegnato nell’attività di commentatore dello Sport del tennis. In tale veste da più di quarant’anni egli segue gli Internazionali d’Italia anche dalla Sala Stampa del torneo, cui è sempre stato ammesso a seguito di accredito richiesto dal quotidiano La Nazione di Firenze e regolarmente concesso. Oltre che per la sua collaborazione con il quotidiano La Nazione, Ubaldo Scanagatta è universalmente noto al mondo del Tennis, e quindi anche a tutti i destinatari della presente, quale fondatore e direttore responsabile della testata on-line denominata “Ubitennis”. In occasione di tutte le ultime dieci edizioni degli Internazionali d’Italia Ubaldo Scanagatta ha esercitato la sua professione di giornalista scrivendo commenti sia sul giornale La Nazione, che sul Resto del Carlino, che su  Il Giorno – tutti appartenenti al medesimo gruppo editoriale – sia sulla testata “Ubitennis”, peraltro partner dello stesso “Network”. Anche l’edizione in corso non ha fatto eccezione, tanto è vero che fin dal primo giorno di gare Ubaldo Scanagatta ha scritto i suoi pezzi pubblicati dalle testate sopra richiamate. In particolare, va forse sottolineato, nella giornata di ieri “Ubitennis” ha pubblicato, a firma del suo Direttore, alcuni articoli aventi riguardo ai ritiri dalla competizione di Roger Federer e della numero 1 del tennis femminile – la giapponese Osaka – nonché riguardo alle dichiarazioni critiche e in parte polemiche espresse dai giocatori Fognini, Federer, Djokovich, Thiem e Goffin sia con riferimento alle pessime condizioni dei campi, sia con riferimento alla organizzazione del torneo, con particolare riguardo agli orari di gioco. Questa mattina il direttore della comunicazione degli Internazionali d’Italia, Piero Valesio, ha contestato per iscritto a Ubaldo Scanagatta la pretesa violazione da parte sua dell’ obbligo “di non svolgere attività giornalistica per media diversi da quello che hanno (sic n.d.r.) richiesto l’accredito di cui è in possesso”. Contestualmente e conseguentemente è stato revocato a Ubaldo Scanagatta il “pass” di accesso. La Vostra iniziativa è del tutto illegittima e viola gravemente i diritti del mio assistito. Non può al proposito non rilevarsi come l’articolo 21 della nostra Costituzione tutela espressamente il “diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Il medesimo articolo afferma che “La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni e censure”. Aggiungasi che l’esercizio di libera stampa comprende il diritto di accesso alle informazioni e alla loro raccolta senza limitazioni. Appare dunque evidente la grave violazione di diritti costituzionalmente garantiti da Voi posta in essere a danno non solo del mio assistito ma anche e soprattutto del pubblico dei lettori. La Vostra censura è inaccettabile e sarà pertanto oggetto di adeguata reazione nella competente sede giudiziaria, anche ai fini risarcitori in relazione ai gravi danni subiti dal mio assistito e dalle testate da lui rappresentate. Vi diffido in ogni caso dal proseguire nelle Vostre illegittime condotte, invitandoVi alla immediata restituzione del Pass al giornalista Ubaldo Scanagatta. Distinti saluti. Massimo Rossi

Continua a leggere
Commenti

Flash

Simone Bolelli raggiunge Fognini al Park Tennis Genova

Simone giocherà il campionato di Serie A con il club genovese, insieme a Fabio e Lorenzo Musetti

Pubblicato

il

Simone Bolelli - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Simone Bolelli si lega al Park Tennis Club di Genova per il prossimo campionato di Serie A. Il tennista bolognese raggiunge dunque Fabio Fognini, fresco di ingresso in top 10, e – fra gli altri, tra cui Mager, Giannessi, Arnaboldi – Lorenzo Musetti, vincitore dell’Australian Open junior 2019, nonchè finalista all’US Open junior del 2018. Sebbene incerto sul suo futuro da singolarista a livello ATP, Simone non ha voluto tirarsi indietro e difenderà i colori del club genovese.

Un acquisto di grande livello dunque per il Park Tennis che si assicura le prestazioni dell’ex numero 36 del mondo e vincitore dell’Australian Open di doppio (nel 2015, in coppia con Fognini). L’obiettivo è quello di riscattare la sconfitta in semifinale consumatasi solo per 12-10 nel doppio decisivo contro il Circolo Canottieri Aniene, poi laureatosi campione.

Bolelli si inserirà dunque nella storia di uno dei circoli più prestigiosi d’Italia. Fondato nel 1929 col nome di “Tennis Club Albaro”, il sito del circolo viene devastato da un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale e, alla fine del conflitto, viene ricostruito con l’attuale nome di Park Tennis Genova. Nel corso degli anni, il circolo si è ampliato fino a raggiungere un’estensione di 14,000 mq e conta attualmente 8 campi da tennis, un campo da calcetto, una palestra attrezzata, una piscina, una sala conferenze oltre ad una club house all’interno della quale si trovano spazi riservati al servizio di bar ristorante, alla lettura, al gioco delle carte, al gioco del biliardo e alla visione della TV.

Ma il vero punto di forza, oltre all’altissimo livello del settore agonistico, è l’attenzione riservata alla scuola tennis, gestita da maestri altamente qualificati. La scuola appartiene alla categoria “TOP SCHOOL”, secondo la Federazione Italiana Tennis. Il presidente è Paolo Givri, notaio appassionatissimo e… attentissimo. Bastava che Ubitennis dimenticasse di citare che il tal giocatore, si chiamasse Lorenzo Musetti, piuttosto che Alessandro Giannessi o Gianluca Mager, ed ecco che il presidente ci cercava e sottolineava: “Guardate che lui è tesserato per il Park Genova!”. Davvero degno erede del suo predecessore, Filippo Ceppellini, presidente per più mandati e non meno appassionato di Paolo Givri.

Hanno difeso i colori del Park Genova:

 

Bitti BERGAMO – n° 4 in Italia
Mario CAIMO – n° 8 in Italia
Cathy CAVERSAZIO – n° 33 Classifica Mondiale
Linda FERRANDO – n° 35 Classifica Mondiale
Carla MEL – n° 7 in Italia
Fabio MOSCINO – n° 8 in Italia
Diego NARGISO – n° 2 in Italia
Daniela PORZIO – n° 1 in Italia
Antonella ROSA – n° 4 in Italia
Enzo VATTUONE – n° 8 in Italia
Fabio FOGNINI – n° 1 in Italia e 10 nella classifica Mondiale
Frederik NIELSEN  – Vincitore di Wimbledon in doppio 2012
Jean Julien ROJER – n° 6 Classifica Mondiale doppio

Sono stati nel dopoguerra presidenti del Park Genova:

  • 2018  GIVRI Paolo
  • 2015 – 2018  CEPPELLINI Filippo
  • 2015 – 2015  MALACALZA Vittorio
  • 2009 – 2015  IGUERA Mauro
  • 2003 – 2009  CEPPELLINI Filippo
  • 2000 – 2003  BRANDI Carlo Massimo
  • 1992 – 2000  LOEWY Edgardo
  • 1989 – 1992  TISCORNIA Enrico
  • 1983 – 1989  CAVALLO Alberto
  • 1980 – 1983  LOEWY Alessandro
  • 1976 – 1980  CAVALLO Alberto
  • 1962 – 1976  BLONDET Cesare
  • 1952 – 1962  DE FERRARI Giulio
  • 1949 – 1952  DE CAVI Giannetto
  • 1948 – 1949  MANGERUVA Antonio
  • 1946 – 1948  CANEPA Vincenzo

I membri dell’attuale consiglio sono:

Presidente – Paolo GIVRI
Vice Presidente – Ariel DELLO STROLOGO
Vice Presidente – Gian Luigi RAVERA
Tesoriere – Alessandro GUIDUCCI
Segretario – Maura CAMPANELLA
Consigliere – Fulvia ANTIGNANO
Consigliere – Silvano CEVASCO
Consigliere – Vittorio CUNEO
Consigliere – Roberto LIPPOLIS
Consigliere – Andrea PANIZZI
Consigliere – Sergio PICCHIO
Consigliere – Filippo SPINA

Continua a leggere

Flash

La pioggia cancella il programma del Queen’s

LONDRA – Un diluvio costringe i Fever-Tree Championships ad annullare l’intera giornata di gare. A rischio anche mercoledì

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Londra

Londra e la pioggia non fanno rima, ma quasi: dopo due anni di sole il Queen’s Club torna un circolo bagnato e, purtroppo, senza tennis.

Colpa di un diluvio iniziato poco prima di mezzogiorno e proseguito senza interruzioni per l’intero pomeriggio, che ha costretto l’organizzazione dei Fever-Tree Championships a rinviare più volte l’inizio degli incontri e infine, giunta l’ora del tè, a cancellare ufficialmente l’intera giornata.

 

Si tratta appena della seconda volta negli ultimi 18 anni che il più antico torneo di tennis al mondo è costretto a fermarsi per un giorno a causa della pioggia: nel 2011 Andy Murray e Jo-Wilfried Tsonga furono costretti a giocare la finale al lunedì, mentre l’anno successivo l’inizio degli incontri fu rinviato al martedì.

Per i membri del circolo la giornata non è stata interamente buttata: dotati di accesso alla club house anche durante il torneo, hanno potuto sbirciare gli allenamenti al coperto di Cilic, Dimitrov e Tsitsipas dalla balconata adiacente alla sala interviste. Per tutti gli altri spettatori è invece arrivata la semplice comunicazione del rimborso.

Il programma di mercoledì rischia di essere davvero congestionato: ai dieci incontri di singolare previsti per oggi si aggiungerà almeno il doppio di Murray e Feliciano Lopez, più probabilmente qualche ottavo di finale. Le previsioni del tempo però rimangono minacciose.

Continua a leggere

Flash

WTA Palermo: bene la vendita dei biglietti, sabato 22 Festa del Tennis a Monreale

Il torneo può già contare su 900 tessere vendute agli appassionati. Tutto pronto per la seconda tappa della Festa del Tennis siciliano

Pubblicato

il

Sara Errani e Roberta Vinci dopo la vittoria in doppio nell'edizione 2011

Procede a buon ritmo la vendita sulla piattaforma web Vivaticket di abbonamenti e biglietti per il Palermo Ladies Open in programma dal 20 al 28 luglio. Sono circa 900 le tessere acquistate dagli appassionati: il prezzo degli abbonamenti varia da 160 a 250 euro.

ACQUISTA QUI I BIGLIETTI

Nella conferenza stampa di presentazione del torneo è stata anche annunciata la seconda tappa della Festa del Tennis, iniziativa itinerante organizzata dalla Fit Sicilia e dal comitato organizzatore dei 30^ Palermo Ladies Open, che, dopo avere toccato Piazza Castelnuovo, sabato 22 giugno approderà a Monreale: in uno scenario unico, con lo sfondo del Duomo normanno (da quattro anni entrato a far parte della World Heritage List) maestri e ragazzi delle scuole tennis palermitane coinvolgeranno tutti coloro che vorranno avvicinarsi allo sport della racchetta.

“Siano onorati  di essere stati inseriti come tappa del tennis in piazzaha detto l’Assessore allo sport del Comune di Monreale, Rosanna Giannetto (che ha portato il saluto del Sindaco Arcidiacono, ndr) – è un’iniziativa straordinaria che ci aiuta a promuovere il tennis nelnostro territorio dove la nostra amministrazione si vuole impegnare fortemente per la realizzazione di strutture adeguate per il tennis e per tutte le altre discipline.

 
Mondello vista dall’alto

L’edizione 2019 sarà caratterizzata da una serie di eventi culturali, artistici, sportivi e ricreativi che riproporranno l’evento al grande pubblico in una cornice a connotazione turistica, con particolare attenzione alla clientela alberghiera presente in città. In particolare il torneo ospiterà:

  • Tre cuoche stellate, una di Palermo, una di Salina ed una Calabrese che rappresenteranno la loro cucina a base dei prodotti provenienti dai loro territori e con particolare attenzione ai colori della tradizione; a loro si aggiungerà l’Oste e Cuoco Filippo La Mantia a cui verrà affidato il Players Party per l’apertura dei campionati
  • Un expo di prodotti di artigianato
  • Una mostra di reperti museali di archeologia marina
  • Un caffè letterario che ospiterà scrittori provenienti dalla tutta la penisola
  • Flash Mob con operette, lirica e strumenti musicali
  • Il Piano City
  • Visite guidate riservate alle giocatrici, ai coach, agli sponsor e loro ospiti presso i siti museali e nelle Vie dei Tesori
  • Una rassegna fotografica curata da Pucci Scafidi, noto fotografo palermitano, metterà a nudo scatti inediti di una Palermo che fu
  • Verrà presentato il libro sulla storia del torneo con spunti di carattere culinario, culturale ed artistico
  • Un concerto di una artista nota al grande pubblico

L’ENTRY LIST

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement