Uno Slam non si improvvisa: Giorgi subito fuori da Wimbledon

Italiani

Uno Slam non si improvvisa: Giorgi subito fuori da Wimbledon

LONDRA – La migliore giocatrice italiana cede in due set a Yastremska. Due soli turni di servizio tenuti. Uscirà quasi certamente dalla top 60

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

da Londra, il nostro inviato

È finita come la logica faceva immaginare: troppo alto per la Giorgi attuale l’ostacolo Yastremska. Non bisogna farsi ingannare dal fatto che Yastremska non fosse testa di serie: non è entrata fra le migliori 32 per pochissimi punti ed è una teenager (nata nel 2000) con la classifica in crescita. Ma soprattutto Dayana è una giocatrice che, malgrado la giovane età, conosce l’erba di Wimbledon e la sa interpretare, visto che nel 2016 è stata finalista del torneo junior.

Giorgi si è presentata a Wimbledon con alle spalle un solo match, perso la settimana scorsa a Eastbourne contro Hsieh; per il resto tanti mesi di forfait, da marzo in poi, causati dal problema al polso. La sua condizione non può certo essere paragonata a quella dello scorso anno, quando si era spinta sino ai quarti di finale, battuta in tre set da Serena Williams.

 

Si gioca sul Court 8, un campo secondario con pochi posti a livello terra. Il meteo aveva annunciato una giornata di classica estate inglese: variabile con 18-19 gradi. In realtà il cielo è sereno e gli spettatori cominciano a fare ricorso alle creme protettive, perché il sole si fa sentire.

È un match tra due giocatrici di attacco, che cercano di prendere l’iniziativa il prima possibile e non amano essere obbligate alle fasi difensive. In apertura l’equilibrio tattico si riflette nel punteggio, anche se non secondo i canoni del tennis da erba: entrambe rispondono meglio di quanto servano, e finiscono per subire due break a testa.

Ma nel settimo gioco Yastremska cambia marcia: comincia a incidere con il servizio (un ace più un ace “sporco”) e tiene la battuta. Al contrario Camila fatica su due colpi fondamentali: il servizio (soprattutto quello in kick) e il dritto. Due-tre errori veramente non forzati di dritto finiscono per fare la differenza. Set a favore di Yastremska per 6-3 in 33 minuti.

Ormai Dayana sembra avere preso le misure al servizio di Camila, che fatica a trovare la soluzione al problema del colpo di inizio gioco: se spinge la palla, difficilmente riesce a tenerla nel rettangolo di battuta, ma se prova una prima più prudente, l’avversaria la attacca senza timori.

A conti fatti il secondo set è il proseguimento del primo, anche per quanto riguarda i problemi al dritto: Giorgi spesso non trova il tempo sulla palla, non riesce a trasferire il peso del corpo come al solito e arrivano errori evitabili. Quando Camila subisce il secondo break del set (per l’1-4) lascia trasparire uno sguardo che assomiglia alla resa.
Yastremska prova a rianimarla, giocando un game infarcito di errori, forse presa dalla fretta di chiudere (2-4). Solo che senza una battuta efficace è difficile fare strada sull’erba; altri due break condannano Giorgi a uscire al primo turno: 6-3, 6-3 in 68 minuti.

Camila Giorgi e Dayana Yastremska – Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Direi che il punteggio non può che rispecchiare la attuale condizione fisico-tecnica di Giorgi: uno Slam non si improvvisa, e se si riesce a tenere il servizio solo una volta per set (sempre nel primo turno del parziale), è dura resistere sull’erba.

Seguendola dal vivo è comunque apparso chiaro il grande sforzo operato da Camila per cercare di raddrizzare la giornata-no alla battuta: prima ha provato tutte lo opzioni possibili (potenza, slice e kick), poi ha anche tentato di modulare la velocità, rallentando le prime per evitare di dover servire troppe seconde. Ma in sostanza c’è stato poco da fare: non è sembrata nella condizione di forma necessaria per poter reggere il confronto con una giocatrice aggressiva come Yastremska.

Giorgi a Wimbledon aveva 430 punti da difendere, circa un terzo di tutto il suo bottino in classifica. La conseguenza sarà una discesa di una ventina di posizioni nel ranking, dall’attuale numero 42. Al momento la classifica virtuale la vede in 60esima posizione, ma sono tante le giocatrice che hanno la possibilità di superarla. A un anno esatto dal ritorno di Camila in top 50, a seguito proprio dei quarti di finale raggiunti a Wimbledon, il ranking femminile tornerà ad essere privo di giocatrici italiane in top 50.(

In conferenza stampa Giorgi ha preferito evitare di entrare nel dettaglio dei problemi tecnici della partita. Ha spiegato il perché in questo modo: “Sinceramente oggi non ha senso preoccuparsi per come ho servito o per altri problemi specifici. Semplicemente, a questi livelli non si può rientrare dopo tre mesi senza partite ed essere subito pronte. Tre mesi facendo solo allenamento fisico lasciano il segno. Non avevo il ritmo partita. Ma non mi aspettavo nulla, era difficile essere competitiva con quello che avevo alle spalle.

Ho avuto la tendinite al polso, ogni due settimane facevo una risonanza: il liquido presente diminuiva ma non spariva. Ogni volta speravo che fosse il momento giusto, per questo non mi cancellavo con troppo anticipo. A Eastbourne finalmente è andato tutto a posto. I mesi senza partite sono stati felici, ho una vita anche fuori dal tennis“.

Ma non eri dispiaciuta della pausa forzata? “Sì… ero dispiaciuta (ma sembra poco convinta). Sto provando una racchetta nuova, sempre Babolat, ma la novità non è legata ai problemi al polso. Ha solo il bilanciamento un po’ diverso. Dopo Wimbledon torno a casa e poi inizierà la tournèe americana, credo da Washington.

IL TABELLONE COMPLETO (con tutti i risultati)

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Seppi accede ai quarti di Mosca, Fabbiano fuori all’esordio

Altra vittoria al terzo per Andreas, che dopo Garin rimonta anche Carballes Baena. Ora Khachanov che salva 5 MP Thomas parte bene ma si spegne presto contro Gerasimov

Pubblicato

il

Andreas Seppi - Zhuhai 2019 (foto via Twitter, @ZhuhaiChampions)

Si risolve favorevolmente al terzo set la sfida tra Andreas Seppi e lo spagnolo Carballes Baena, di fronte per la prima volta in carriera nel secondo turno della Kremlin Cup 2019.

Dopo la maratona vittoriosa contro Garin, Andreas emerge da un’altra prova di resistenza nonostante un primo set sfuggito sul finale: sotto 6-5, in un game labirinto, il giocatore di Caldaro annulla ben quattro set point e non sfrutta due palle break, prima di consegnare il parziale allo spagnolo (avanti 8-0 negli ace) dopo ben 56 minuti. Inerzia completamente cambiata però da quel momento: nel secondo set – pur andando subito sotto di un break – Seppi sale in cattedra e lascia appena un gioco al suo avversario. La perdita d’efficacia delle prime di Carballes fa il paio con la crescente solidità in risposta del 72 del mondo.

Il trend positivo si protrae nel terzo e decisivo parziale, controllato in modo anche piuttosto vistoso da un Andreas capace di vincere 15 punti in risposta e di breakkare Carballes nel primo e nell’ultimo game del parziale. Saranno quarti di finale per la quarta volta in stagione nel tour maggiore, e Karen Khachanov, favorito nel suo match di ottavi su Philipp Kohlschreiber, promette di essere un test discretamente probante.

 

Si ferma invece all’esordio la corsa moscovita di Thomas Fabbiano. Il tarantino, 89 del ranking, è stato battuto in due set da Egor Gerasimov, proveniente dalle qualificazioni. Il bielorusso, 98 del mondo, ha fatto affidamento sugli 11 ace (a 1) messi a segno per garantirsi al secondo turno l’incrocio con la sesta testa di serie Andrey Rublev. Nel primo set l’azzurro si era trovato anche avanti di un break, vantaggio che però si è visto subito sfuggire dalle mani non capitalizzando i due successivi suoi turni in battuta. A penalizzarlo, anche i cinque doppi falli complessivi e il litigio con la prima di servizio nel secondo set (dentro appena nel 52% dei casi). Nel post US Open, Fabbiano è stato sconfitto in cinque dei sei incontri disputati.

Negli altri incontri incredibile vittoria di Karen Khachanov che nel terzo set annulla 5 match point a Philipp Kohlschreiber prima di chiudere 9 punti a 7 il tie-break decisivo alla prima occasione. Sarà lui ad affrontare Seppi nei quarti venerdì.

Risultati primo turno:

[Q] E. Gerasimov b. T. Fabbiano 6-3 6-4
[WC] A. Avidzba b. [WC] A. Kachmazov 6-1 4-6 6-1

Risultati secondo turno:

A. Seppi b. R. Carballes Baena 5-7 6-1 6-3
[7] A. Mannarino b. M. Kukushkin 7-6(4) 6-2
[4] D. Lajovic b. [Q] L. Rosol 6-4 6-7(6) 6-3
[2] K. Khachanov b. P. Kohlschreiber 3-6 6-3 7-6(7)

Il tabellone completo

a cura di Pietro Scognamiglio ed Emmanuel Marian

Continua a leggere

Flash

Adriano Panatta rileva l’ex impianto sportivo di Bepi Zambon

L’ex campione del Roland Garros ha rilevato all’asta il Club 82 di Treviso, ex Zambon: “Faremo tanto tennis e io ci sarò sempre”

Pubblicato

il

Adriano Panatta rafforza ulteriormente il legame con Treviso, cittadina veneta dove abita già da qualche anno: l’ex campione romano ha infatti rilevato uno storico impianto sportivo della città, il Club 82, ex Zambon. Insieme al suo amico e socio in questa nuova iniziativa imprenditoriale, il Ceo di Assicurazioni Generali Philippe Donnet, ha rilevato all’asta per 550.000 euro (la cifra finale non è stata ufficialmente confermata) un’area di 24.000 metri quadrati nella zona centro-ovest di Treviso, comprensiva di undici campi da tennis, due piscine e 7.000 mq di strutture tra le quali una palestra, una club house, spogliatoi e un’ampia zona di verde.

Il progetto – che dovrebbe realizzarsi attraverso un investimento di circa 2 milioni di euro – prevede che ai campi di tennis si affianchino diversi campi da paddle, una nuova piscina, un ristorante e una spa. Ma rimarrà ovviamente il tennis lo sport principe del nuovo centro, come ha confermato l’ex n. 4 delle classifiche mondiali.

Si sa che nel tennis moderno lo stile preferito da Panatta è quello di Roger Federer, impugnature classiche e non estreme alla “Rafa Nadal”, ed è proprio questo il tennis che punta ad insegnare ai giovani nella sua nuova struttura: “Io ci sarò sempre. Faremo tanto tennis, soprattutto per i bambini, un tennis classico fatto di gesti eleganti e divertenti ma moderno nella tecnica di insegnamento”.

Ermes Brugnaro

Continua a leggere

Flash

Fed Cup 2020: Italia in Estonia o Lussemburgo per guadagnarsi i play-off

Annunciate le sedi che ospiteranno le sfide zonali della nuova Federation Cup. Si giocherà dal 3 al 9 febbraio 2020. L’Italia, e le altre 12 nazioni del Gruppo I Europa/Africa, saranno divise tra Tallinn e Esch/Alzette

Pubblicato

il

Tathiana Garbin - Italia vs Slovacchia, Fed Cup 2017 (foto Fabrizio Maccani)

Continua a delinearsi il quadro della nuova Federation Cup, che a partire dal 2020 subirà una rivoluzione simile a quella messa in atto quest’anno da ITF e Kosmos per la Coppa Davis. Dopo l’annuncio delle sfide di qualificazione del 7-8 febbraio 2020 – che stabiliranno i nomi delle otto squadre che si uniranno alle due finaliste di quest’anno (Australia e Francia), all’Ungheria (Paese ospitante) e alla Repubblica Ceca (wild card) nella fase finale di Budapest (14-19 aprile 2020) – l’ITF ha comunicato quali saranno le dieci sedi che ospiteranno le sfide zonali del prossimo anno. Si tratta di Cile (America Gruppo I), Bolivia e Panama (America Gruppo II), Cina (Asia/Oceania Gruppo I), Malesia e Nuova Zelanda (Asia/Oceania Gruppo II), Estonia e Lussemburgo (Europa/Africa Gruppo I), Finlandia (Europa/Africa Gruppo II), Lituania (Europa/Africa Gruppo III).

L’Italia, inserita nel Gruppo I zona Europa/Africa, volerà quindi in Estonia o Lussemburgo. Le 13 nazioni facenti parti di questa zona saranno divise in due gruppi che si sfideranno nei classici gironi ‘all’italiana’: sette squadre si affronteranno al Tallink Tennis Center di Tallinn, mentre le altre sei giocheranno al Centre National de Tennis a Esch/Alzette. In entrambi i casi si giocherà sul cemento indoor nella settimana che va dal 3 al 9 febbraio 2020. A far compagnia all’Italia di Tathiana Garbin ci saranno Austria, Bulgaria, Croazia, Estonia, Grecia, Lussemburgo, Polonia, Serbia, Slovenia, Svezia, Turchia e Ucraina.

Le migliori quattro squadre (due per ogni raggruppamento della zona Europa/Africa), più due provenienti dal Gruppo America e altre due da quello Asia/Oceania (per un totale quindi di otto nazioni), accederanno ai play-off di aprile 2020, che metteranno in palio i posti nelle qualificazioni di febbraio 2021.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement