Djokovic-Federer, la finale più lunga di sempre a Wimbledon. 71 anni fa l'ultimo 'ribaltone'

Flash

Djokovic-Federer, la finale più lunga di sempre a Wimbledon. 71 anni fa l’ultimo ‘ribaltone’

Con le sue quasi cinque ora, la finale del 2019 supera quella del 2008. Djokovic da record: nessuno vinceva Wimbledon annullando match point dal 1948

Pubblicato

il

Djokovic e Federer - Wimbledon 2019 (via Twitter, @ATP_Tour)

È stata una finale da ricordare, non solo per il gioco espresso in campo ma anche per le statistiche. La prima finale del singolare maschile ad essere stata decisa con il tie-break sul 12 pari e con la sua durata di 4 ore e 57 minuti è stata la più lunga finale singolare maschile della storia di Wimbledon. Un record che apparteneva sempre in qualche misura a Roger Federer, dato che la finale del 2008 con Rafa Nadal aveva stabilito il precedente record con le sue 4 ore e 48 minuti (6-4 6-4 6-7 6-7 9-7) di durata effettiva, in una partita finita alle 9.16 di sera a causa di ben due rain delay, l’ultima finale prima dell’installazione del tetto sul Centrale. Gradino più basso del podio dei record che coinvolge di nuovo lo svizzero, con le 4 ore e 18 minuti dell’epica finale contro Andy Roddick dell’anno successivo (5-7 7-6 7-6 3-6 16-14).

La finale di quest’anno occupa anche un posto speciale nel libro dei record di tutti gli Slam. È infatti la seconda finale più lunga tra tutti gli Slam, e anche qui tanto per cambiare c’è lo zampino di uno dei due finalisti. Le 5 ore e 53 minuti della finale degli Australian Open 2012 tra Nadal e Djokovic restano il record assoluto degli Slam e vista la riforma del long tie-break in Australia (e del tie break sul 12-12 a Wimbledon) probabilmente lo resterà per molto tempo.

Una partita dal lato sbagliato della storia per Roger Federer, con un’altra statistica a confermare i suoi atavici problemi con la chiusura delle partite. È la 22esima sconfitta per lo svizzero con match point a favore. Ma è doveroso sottolineare i meriti di chi sta dall’altra parte della rete, ovvero Novak Djokovic, capace di vincere Wimbledon dopo aver annullato due match point (in risposta) sull’8-7. Anche qui non è il primo caso nella storia del torneo. Spiccano i record di William Hernshaw, che nel 1889 sconfisse Harry Barlow 3-6 5-7 8-6 10-8 8-6 dopo aver annullato la bellezza di 6 match point nel quarto set. Record in coabitazione con una delle finali tra i Quatre Mousquetaires francesi, il sette volte campione Slam Henri Cochet annullò anche lui sei match point nella finale del 1927 contro Jean Borotra, tutti nel quinto set.

In una finale maschile, comunque, un ribaltamento di questa portata non si vedeva addirittura dal 1948, quando lo statunitense Falkenburg batté l’australiano Bromwich 7-5 0-6 6-2 3-6 7-5 dopo aver annullato tre match point sul 3-5 del quinto set.

Giorgio Di Maio

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

I McEnroe hanno un’erede che promette bene e si allena in Toscana: è la figlia di Patrick

Patrick McEnroe ha sposato una ragazza di Martinafranca. Adora l’Italia. Una delle sue figlie, Victoria, 13 anni, è un giovane talento. Questa settimana si allena a Chiusi, ospite del presidente Arredi

Pubblicato

il

Patrick McEnroe con sua figlia Victoria, 13 anni

È in vacanza in una villa a Sarteano per una settimana, ma non rinuncia a giocare a tennis con sua figlia Victoria. Patrick McEnroe ha scelto la Toscana per trascorrere le vacanze ed il tennis club di Chiusi per allenare il giovane nuovo talento della famiglia. Fratello del celebre tennista John – uno dei migliori nella storia del tennis quanto a estro, talento e… capricci – oggi Patrick si trova qui con moglie e parenti italiani, e lo abbiamo incontrato e intervistato proprio sul campo da gioco del tennis di Chiusi. Questa volta nessuno sguardo rivolto al passato, ma piuttosto verso i passanti micidiali di sua figlia tredicenne che dimostra talento, anticipo e tanta grinta.

Un arrivo in Italia sfortunato per la giovane tennista che gareggia in USA, nelle competizioni con coetanee: ha smarrito i bagagli, e la sua attrezzatura sta forse facendo il giro del mondo. Ma vuole comunque giocare: così prende i pantaloncini da piscina, una maglietta e racchetta del padre e scende in campo. “Gioco qualche volta con mio zio John ma mi piace molto allenarmi con mio padre – ci racconta la giovane Victoria McEnroe, 13 anni – “mentre sogno di entrare al college anche grazie al tennis”. Patrick commenta ed esorta ad ogni colpo tennistico di sua figlia. Lui che è stato numero 28 del mondo e che in doppio ha vinto un titolo del grande Slam, e ha indossato la maglia di capitano della squadra americana per tanti anni, è abituato ad non essere il primo della classe ma sa benissimo di essere fra i migliori, e sa anche che per le sue tre figlie il tennis può rappresentare una opportunità.

Il presidente del tennis club di Chiusi, Fabrizio Arredi, accoglie la famiglia McEnroe e fa gli onori di casa, ringraziando tutti i soci del circolo disponibili e disposti a rinunciare a una campo nel pomeriggio, perché l’allenamento della famiglia McEnroe dura almeno 2 ore, ma si arriva a giocarne anche di più e ovviamente tutti i giorni. Dicevamo che la simpatia di Patrick emerge subito: scherza con sua figlia e con gli appassionati che lo guardano giocare, e sembra così di rivivere la finale di Chicago del 1991, quando a sfidarsi furono proprio i fratelli John e Patrick e sugli spalti squillò un cellulare poco prima che John servisse per il match, al che Patrick disse: “John era la mamma. Ha detto di tornare a casa presto”. Secca la risposta del fratello maggiore: “Allora vedi di sbagliare la risposta!”.

Anna Duchini   

 

Continua a leggere

Flash

Challenger: l’Italia saluta Portorose, sorride la Slovenia. Moroni si ferma ai quarti a Cordenons

Nessun tennista italiano ha raggiunto i quarti del torneo sloveno, di solito favorevole ai colori azzurri. Moroni esce ai quarti a Cordenons (Friuli) dopo aver battuto Musetti

Pubblicato

il

Gian Marco Moroni - Gstaad 2019 (via Twitter @SwissOpenGstaad)

Negli ultimi anni il Challenger Slovenia Open (cemento outdoor, montepremi 46.600€) di Portorose, ha spesso visto i tennisti italiani tra i protagonisti: basterà ricordare la vittoria di Luca Vanni nel 2015 e le finali raggiunte da Matteo Berrettini e Andrea Arnaboldi, rispettivamente nel 2017 e nel 2018. Quest’anno, invece, il torneo che si disputa nella cittadina turistica a pochi km dal confine italo-sloveno è stato avaro di soddisfazioni per i colori azzurri: con la sconfitta di ieri sera di Matteo Viola per mano del campione uscente, il francese Constant Lestienne, è infatti uscito anche l’ultimo dei cinque giocatori italiani in tabellone (dovevano essere in sei, ma Lorenzo Giustino, al quale era stata assegnata la testa di serie n. 2, ha dovuto dare forfait per un problema al gomito destro poco prima dell’inizio del torneo).

Al contrario della vicina Italia, sorride invece la nazione ospitante, la Slovenia, che piazza due giocatori nei quarti di finale. Si tratta del grande favorito Aljaz Bedene, n. 91 ATP e unico top 100 in tabellone, e di Blaz Rola, n. 141, che potrebbero sfidarsi in semifinale se questa sera supereranno rispettivamente il 21enne slovacco Klein (n. 343 ATP) e il 22enne russo Safiullin (n. 233). Nella parte bassa del tabellone, quarti di finale Lestienne-Dubrivnyy (Lestienne è campione in carica) e Durasovic-Kolar. Da segnalare che l’ottimo umore degli organizzatori e dei due tennisti locali è stato un po’ rovinato dalle dichiarazioni di un altro giocatore sloveno, Blaz Kavcic.

Il 32enne Kavcic, ex top 100 scivolato attualmente in 243esima posizione a causa del lungo periodo di inattività (il primo torneo dell’anno sono state le qualificazioni di Wimbledon) dopo un’operazione al ginocchio, si è lamentato perché, a suo dire, Bedene e Rola avrebbero ricevuto – attraverso degli sponsor – un incentivo economico per partecipare al torneo, mentre a lui sarebbe stato negato e considerando i suoi trascorsi nel torneo (vinse l’edizione 2014) si sarebbe aspettato una trattamento diverso. Da qui la scelta polemica di giocare in alternativa il Challenger di Cordenons (in Friuli Venezia-Giulia, dove è stato sconfitto negli ottavi dal 19enne ungherese Piros, n. 448 ATP). Interpellati al riguardo, Rola ha negato di aver ricevuto incentivi economici per partecipare al torneo sloveno e che contatterà Kavcic per avere chiarimenti, mentre Bedene ha preferito non commentare.

A proposito di Cordenons, è anche l’ultimo challenger nel quale era rimasto in gioco un tennista italiano. Gian Marco Moroni è stato però sconfitto ai quarti di finale dal tedesco Jeremy Jahn, 375 ATP. Moroni (undicesima testa di serie) aveva sconfitto al secondo turno Lorenzo Musetti, ritiratosi sotto 4-1 nel terzo set dopo due set molto lottati e conclusi al tie-break. Eliminati agli ottavi Paolo Lorenzi e Andrea Basso.

Continua a leggere

Flash

Murray giocherà il singolare a Winston-Salem grazie a una wild card

Dopo Cincinnati, Andy accetta un’altra wild card e torna a competere in singolo. “Ho bisogno di giocare partite. Voglio continuare a mettermi alla prova”

Pubblicato

il

Andy Murray ci crede e continua il suo percorso di recupero per tornare a competere anche in singolare. La prossima tappa di questo percorso sarà l’ATP 250 di Winston-Salem, i cui organizzatori hanno concesso allo scozzese una wild card. Murray ha preferito testare le proprie condizioni in un torneo più piccolo piuttosto che puntare al bersaglio grosso, gli US Open. Tra le wild card per l’ultimo Slam dell’anno infatti non figura il nome di Andy, il quale sperava di avere un po’ più di tempo per valutare e invece ha dovuto declinare l’invito.

Ho accettato una wild card per giocare a Winston-Salem. Sarà la prima volta che giocherò lì. Ho parlato con alcuni dei giocatori che hanno già disputato il torneo e ho sentito che hanno ottime strutture per l’allenamento e le partite,” ha detto Murray. “Ciò di cui ho bisogno ora è giocare partite. Voglio tornare in campo in singolare e continuare a mettermi alla prova. Winston-Salem è un posto perfetto per me per farlo”.

Siamo entusiasti che Andy Murray si stia unendo al campo partecipanti di Winston-Salem della prossima settimana,” ha dichiarato il direttore del torneo, Bill Oakes. “Andy rimane uno dei più combattivi agonisti nel tennis. Il campo partecipanti per il torneo di quest’anno è fenomenale“. Sono proprio gli inviti elargiti dagli organizzatori del torneo (Tiafoe, Berdych e Shapovalov oltre a Murray) a nobilitare un parterre falcidiato da diverse assenze, perlopiù strategiche in vista dello US Open pronto a cominciare tra dieci giorni. Ben tredici tra i giocatori inizialmente iscritti al torneo hanno scelto di rinunciarvi, Coric e Kukushkin su tutti.

L’ENTRY LIST AGGIORNATA DI WINSTON-SALEM

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement