Ljubicic, da Umago a Wimbledon: "Federer è ancora il migliore"

Interviste

Ljubicic, da Umago a Wimbledon: “Federer è ancora il migliore”

Ljubicic sul match contro Djokovic: “Roger ha giocato meglio, triste vederlo perdere. Nulla mi emozionerà come la finale di Melbourne 2017 contro Nadal”. Il suo impatto come coach: “Non gli dico cosa fare, ma funziona… a 38 anni è ancora il migliore”. E quel tie-break a Rotterdam…

Pubblicato

il

Ivan Ljubicic - ATP Finals 2018 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Da quando – poco più di tre anni e mezzo fa – è diventato il coach di Roger Federer, Ivan Ljubicic non si è concesso spesso ai media, parlando raramente del suo lavoro a fianco del fuoriclasse svizzero. Qualcosa in più – soprattutto in patria, in Croazia – la dice in qualità di manager del connazionale Borna Coric, ma sicuramente niente di paragonabile a prima, quando era di fatto dall’altra parte della barricata, come commentatore di Sky e columnist del Tennis Italiano. Una piccola deroga a questo suo “silenzio stampa” l’ex n. 3 del mondo l’ha concessa durante il torneo di Umago, dove è stato intervistato dal quotidiano sportivo croato “Sportske Novosti”.

Umago per Ljubicic è un “luogo del cuore” della sua carriera da giocatore. Ivan ha giocato i Croatia Open per ben undici volte, ma la cittadina istriana è stata importante per lui già da prima che calcasse questi campi da professionista. Anzi, si può proprio dire che abbia dato il là alla carriera tennistica di quel ragazzino che proprio dall’altro lato dell’Istria – ad Abbazia – trovò il primo rifugio quando all’età di tredici anni insieme alla madre fuggì da Banja Luka con lo scoppio della guerra in Bosnia. “Noi giocatori croati siamo cresciuti con il sogno di giocare ad Umago. Qui da ragazzini abbiamo giocato la ‘Katoro cup’, poi i tornei juniores – mi ricordo ancora la ‘Hempel Cup’. Umago è da subito molto importante, un punto di riferimento. Qui a sedici anni in coppia con Ivo Karlovic superammo il primo turno in doppio, battendo Berasategui e Clavet. Per noi quella vittoria fu veramente un gran colpo, fu una cosa enorme. Pensate se adesso una coppia di ragazzini di 16 anni superasse il primo turno di un torneo ATP. Umago, per chiunque si occupi di tennis in Croazia, ha rappresentato e rappresenta il massimo“.

Ma Umago è stata importante per lui anche nei primi importanti passi da professionista: qui arrivarono la prima vittoria a livello ATP (nel 1996 contro Carbonell) e la prima semifinale nel circuito maggiore (nel 1999). “A dire la verità Carbonell si ritirò dopo aver perso il primo set, però poi l’anno dopo lo battei al Challenger di Zagabria (ride, ndr). Al secondo turno incontrai Guga Kuerten e mi dissero ‘è giovane anche lui, puoi farcela’. Ci persi nettamente, lui l’anno dopo avrebbe vinto il Roland Garros… Mi ricordo la prima semifinale ATP, la ottenni dopo la vittoria su Hrbaty nei quarti, quella che ricordo con più piacere qui a Umago. Poco dopo entrai nella top 100. Ci fu anche qualche screzio nel dopo partita, Hrbaty si arrabbiò perché andai ad abbracciare mia mamma prima di stringergli la mano. Più tardi lo chiamai in hotel per scusarmi”.

 
Ivan Ljubicic dopo la vittoria a Indian Wells nel 2010

Ljubicic scorre l’album dei ricordi ed è sorprendente come rammenti alcuni dettagli. “Mi ricordo esattamente i campi dove giocavamo a Katoro (frazione del comune di Umago, ndr). C’erano tre campi, noi giocavamo in quello in mezzo. Mi ricordo il primo punto ATP in un torneo a Icici (un paesino dall’altro lato dell’Istria ad una quindicina di km da Fiume, ndr), battei lo slovacco Galik, che era attorno alla 360esima posizione ATP. In realtà ricordo molto di più queste cose che quelle accadute dopo. A Roger piace allenarsi con gli ex giocatori – Enqvist, Ferrero, Llodra – e mi chiede i miei risultati con loro. Ma io non me li ricordo. Probabilmente gli inizi li vivi con così tanta emozione che ti rimangono scolpiti nella memoria”.

Eccolo, Roger Federer. L’ha citato Ljubicic, ed è perciò un assist perfetto per passare a parlare del fuoriclasse svizzero. In primis, ovviamente, con riferimento alla finale di Wimbledon, dato che sono passati solo pochi giorni ed il match è ancora ben impresso nella memoria di tutti gli appassionati. La prima domanda è su un curioso dato statistico saltato fuori dopo la partita: ovvero che delle sue 10 finali (su 156 totali), tra circuito ATP e tornei dello Slam, che si sono concluse con un tie-break nel set decisivo, The Swiss Maestro ne abbia vinto solo una, quella di Rotterdam nel 2005. Proprio contro Ivan Ljubicic…

Questa cosa mi fa arrabbiare, perché non avrebbe dovuto vincere neanche quella!“ risponde sorridendo Ivan. “Conducevo 4-2 in quel tie-break. Mi giocò uno slice corto ed io mi misi a pensare cosa fare, se andare avanti o no. Evidentemente ci pensai troppo. Il punto successivo tirai un dritto inside-out. Sono convinto che avesse toccato la linea e che avessi vinto il punto, ma a quei tempi non c’era il falco, chiamarono la palla fuori e addio… Ripeto, non avrebbe dovuto vincere neanche quel match”.

Roger Federer e Ivan Ljubicic – Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Logico a questo punto, chiedere come si sia sentito il coach di Roger Federer dopo aver visto il suo giocatore disputare un grande match e perderlo, appunto, al tie-break del quinto. “Come volete che mi sia sentito? Ero così nervoso… Perché Roger pur essendo stato il migliore in campo non è riuscito a vincere. È dura”. A parziale, molto parziale, consolazione i complimenti per la prestazione di Roger piovuti da tutte le parti, anche dal team avversario. In particolare, in tanti hanno detto che si è vista la mano di coach Ljubicic nei match contro Nadal e Djokovic, nel diverso approccio tattico ai due match. Ma Ljubo minimizza, e si capisce perché preferisca non parlare del suo lavoro con Roger: preferisce che a parlare sia il lavoro.

“Sì, okay. Ma è chiaro che contro di loro non può giocare nello stesso modo. Non posso dire quanto e in che cosa ci sia la mia mano come allenatore, le cose non funzionano così. Non è che io gli dico ‘fai questo, fai quello…’, Roger non è un ragazzino a cui devo spiegare le cose. Non è questo il tipo di rapporto. Ma quanto impatto io abbia, dovreste chiederlo a Roger. Non so esattamente cosa, di quello che gli dico, lui prenda o non prenda. L’unica cosa che posso vedere è come le cose stanno funzionando. Lui gioca ancora bene, per me è ancora il migliore al mondo. E sono felice ed orgoglioso che lo sia ancora a 38 anni”.

Una curiosità molto “croata” è quella relativa al fatto che mentre Ljubo è nel team di Roger, in quello di Nole c’è ora – non si sa ancora se stabilmente o part-time – un altro croato, Goran Ivanisevic. E che prima per un breve periodo ce n’è stato un altro, quel Mario Ancic che fu il grande protagonista insieme a Ljubicic della prima Coppa Davis vinta dalla Croazia nel 2005. E che durante la finale era seduto in mezzo al team di Nole. “Era seduto molto vicino a me, ma credetemi, quando inizia il match non vedo nessuno, se non Roger ed il campo. Ma se non sbaglio, Mario è dovuto andare via dopo il primo set, doveva andare all’aeroporto, impegni di lavoro…”. Goran invece era già ad Umago (la sera prima aveva giocato l’esibizione con Goran Prpic, remake della prima finale del torneo, quella del 1990). E sicuramente l’ha vissuta meno intensamente rispetto a chi era a soffrire sulle tribune del Campo Centrale di Wimbledon. “Ci credo. Io non mi potevo alzare, ho imprecato un po’… Ma poi tutto passa. Non ci sono da fare grandi drammi. Alla fin fine si tratta di sport, a nessuno cambierà la vita per questa finale“.

Proprio il citato Ancic ha detto che per lui si è trattato di uno dei match più belli, se non il più bello, di tutti i tempi. Insomma, per l’ex n. 7 del mondo la finale di Wimbledon 2019 è stato “The Match”, la partita delle partite.Per me nessun match sarà mai emozionante come la finale dell’Australian Open 2017 tra Roger e Rafa. Per me è quello ‘The Match’. Entrambi rientravano da un lungo periodo di stop a causa di infortuni, nessuno si aspettava niente da loro, giocarono cinque set… Capisco perché qualcuno consideri questo ‘The Match’, ma per me quella finale è insuperabile. Poi è chiaro che per quelli dell’entourage di Djokovic, è questo il match più sentito”.

L’abbraccio tra Roger e Rafa dopo la finale a Melbourne del 2017

Un’altra osservazione statistica: Federer ha fatto 40 vincenti in più eppure ha perso. “Ha fatto 14 punti in più, praticamente tre game e mezzo. Non è poco. Ma nel tennis non ci sono regole in questo senso. Qualche volta perdi, qualche volta vinci. Andiamo avanti”. Il messaggio di Ljubicic è chiaro: basta parlare di quello che è successo, pensiamo a quello accadrà. Prima di andare avanti però, ci sarà un po’ di riposo. Federer si è preso infatti quasi un mese di stop agonistico, come confermato dal suo allenatore. Il prossimo torneo sarà Cincinnati, ancora non so se ci andrò io o Severin Luthi. Subito dopo gli US Open, dove ci saremo tutti, poi fino a fine stagione come al solito: Shanghai, Basilea, forse Bercy, le ATP Finals”.

Chiaramente la curiosità è sapere cosa accadrà il prossimo anno, sapere fino a quando King Roger continuerà a stupire. Ma il suo coach non si sbottona. “Dopo le ATP Finals ci siederemo tutti attorno ad un tavolo e penseremo al 2020”. Un piccolo indizio però Ljubicic forse lo fornisce, quando dice che questa a fianco del fuoriclasse di Basilea non sarà certo la sua ultima esperienza nel Tour. Tanti ex giocatori dicono che la cosa che più gli pesava quando giocavano era viaggiare tutto l’anno in giro per il mondo. Ma Ivan non è di questo avviso.

Se volete fare qualcosa nel tennis dovete essere pronti a preparare i bagagli e partire. Per me non è difficile. Mi piace il tennis, il Tour, non smetterò di viaggiare quando Roger si ritirerà o smetteremo di lavorare assieme. Ripeto, non mi costa fatica. Certo non può essere per 40 settimane all’anno, sennò allora è meglio non avere una famiglia. Ma se gestisci bene la cosa – 20-25 settimane, è okay. Di meno, come quando sento parlare di dieci settimane, proprio no. Cosa fai in dieci settimane? Ogni singolo Slam ti porta via tre settimane, il che significa che solo per gli Slam sono dodici in totale…”.

Eccolo, il piccolo possibile indizio: “Quando Roger si ritirerà o smetteremo di lavorare assieme”. Certo, assolutamente corretto e professionalmente ineccepibile da parte di Ivan considerare che la carriera di Roger possa continuare anche senza averlo al suo fianco. Ma pare comunque difficile che uno faccia una precisazione del genere con l’opzione del ritiro a breve seriamente in ballo. Certo, si potrebbe anche leggerla al contrario e pensare che Ljubo l’abbia detto proprio per evitare speculazioni sull’argomento. Ma noi preferiamo leggerla dall’altro lato. Forse perché tra un anno a Wimbledon vogliamo vedere la rivincita, vogliamo vedere il nuovo “The Match”. E magari stavolta saranno tutti d’accordo…

Novak Djokovic e Roger Federer – Wimbledon 2019 (via Twitter, @ATP_Tour)

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Pat Cash: “Djokovic è più forte di Federer e Nadal. Sulla Davis posso dire una parolaccia?”

Dalla celebre l’arrampicata sugli spalti di Wimbledon nel 1987 all’epopea Davis; dallo svedesino “che non sbagliò per 20 minuti” ai mostri di oggi. “Nadal doveva essere finito a 28 anni”. Sul No-Vax la pensa… alla Novak

Pubblicato

il

Pat Cash (Delray Beach, 2011 - Ph. Art Seitz)

Continua la serie di interviste che sto realizzando in questo periodo di stop del circuito, come sempre in compagnia dell’amico e giornalista Hall of Famer Steve Flink. Il protagonista di questa nuova video-chat è Pat Cash, il 55enne australiano che trionfò a Wimbledon nel 1987. Negli altri tornei dello Slam, vanta due finali perse consecutivamente all’Australian Open (’87 e ’88), una semifinale allo US Open e un quarto turno al Roland Garros. In carriera ha vinto 6 titoli in singolare, 11 in doppio e due Slam juniores (i Championships e lo US Open nel 1982, all’età di 17 anni). Ha raggiunto il best ranking di numero 4 del mondo nel maggio del 1988 e ha alzato per due volte l’insalatiera con il team australiano di Coppa Davis (’83 e ’86). Attualmente allena Brandon Nakashima, 18enne americano che occupa la posizione numero 220 del ranking mondiale.

LA VIDEO-INTERVISTA COMPLETA

LE PARTI SALIENTI DELL’INTERVISTA

 

Minuto 01 – Introduzione

04 – Pat Cash ricorda di essersi allenato all’Ambrosiano (“Un club magnifico”) durante il torneo dell’Avvenire con uno svedesino sconosciuto… Venti minuti e non ha mai sbagliato una palla! Mi sono spaventato, ho creduto di essere di un livello troppo basso. Si chiamava Mats Wilander”

06 – Pat ha battuto 16 volte un top ten, e quattro volte mentre era top-ten proprio Wilander. Steve Flink gli chiede perché si trovasse così bene contro Wilander e Cash accenna a vittorie ma anche a sconfitte, come la finale dell’Australian Open

11Ho capito che avrei perso l’Australian Open 1988 appena ho aperto la scatola di palle coreane. Erano sgonfie. Le palle più lente della mia vita. Wilander è stato avvantaggiato…”. Io scherzo: “Ora lo dico a Mats, vediamo se lui lo ammette”

12 – L’altra finale persa all’Australian Open, l’anno prima a Kooyong contro Edberg. “Sembrerà che io accampi scuse… ma avevo male alla spalla e se non fosse stata una finale mi sarei ritirato. Sono molto orgoglioso di come ho giocato quelle due finali. La sera ci siamo ritrovati insieme discoteca. Oggi non succede più che due finalisti si ritrovino in discoteca la sera della finale

15“È triste ritrovarmi a camminare nello stadio di Melbourne Park, guardare le foto di tutti i campioni delll’Australian Open e vedere che io non ci sono… Avrei dovuto esserci anch’io“

16“Hai avuto 1000 infortuni, pensi che sia dovuto al fatto che ai tuoi tempi i team medici non erano così preparati come oggi…”. La risposta di Cash tocca vari aspetti: biomeccanica, medici, scarpe, i giocatori di oggi. Non avrei mai pensato che Nadal sarebbe andato oltre i 28 anni…

22La semifinale dello US Open 1984 con il matchpoint contro Ivan Lendl, 54 game in quel famoso Super Saturday con 16 set giocati (5 Cash-Lendl, 3 Navratilova-Evert, 5 McEnroe-Connors). “Contro Lendl copiavo la tattica di McEnroe…”. Il racconto del matchpoint e di quell’incredibile lob vincente di Ivan

25 – John McEnroe il giorno dopo batté Lendl e disse a Cash: “Grazie per avermi ammorbidito Lendl ieri”

27 – L’”incidente” con il giornalista che nel post match con Lendl come prima domanda chiese a Cash a chi avesse mostrato il medio…

29Il racconto del torneo vinto a Wimbledon ’87 quando perse un solo set con Schapers e batté poi Forget, Wilander, Connors e Lendl senza perdere più un set

31Niente ti mette più pressione della Coppa Davis di una volta e io ne avevo già giocate e vinte”

34Ancora Wimbledon e la finale con Lendl. Solo Borg e Connors potevano vincere da fondocampo sull’erba. Lendl e Wilander non avevano la stessa mia predisposizione al serve&volley. La presa in giro dei suoi amici: “Hai avuto un bel tabellone…”. Cash: “Forse… ma ho comunque battuto il n.1, il n.3 e il n.7 di fila del mondo…!”

36“Avevo un buon psicologo… tante cose inaspettate possono capitare nel tennis. Come l’erba di quel giorno: il giorno prima era marrone, così il giorno della finale trasportarono erba da altri campi e la piantarono lì. Si scivolava da matti, mai giocato su un’erba così prima. Ero più agile di Ivan e forse mi ha favorito. Ma non potevo credere a che cosa avevano fatto al Centre Court quella notte. È stato uno choc all’inizio, non stavo in piedi… L’importanza di sapersi adattare a situazioni impreviste nel tennis è fondamentale”.

38La famosa prima arrampicata di Pat Cash sul Centre Court. “L’avevo pensato l’anno prima… e la sera prima. Volevo fare qualcosa di diverso e mi ero stupito che nessuno l’avesse mai fatto. Ho sentito una strana voce che mi diceva: ‘Appoggiati sulla mia spalla figliolo!’. Era un giovane prete che solo anni dopo ho scoperto non essere affatto un prete…”.

Pat Cash (Wimbledon 1987 – Ph. Art Seitz)

44L’importanza della Coppa Davis, i paragoni con ATP Cup e Laver Cup. La Davis: “Ho sempre rimproverato Agassi (che pure amo) e Sampras per aver rovinato la Coppa Davis. Per me i sogni erano gli Slam e la Davis anche di più. La Davis di ora? Posso dire qualche parolaccia? La Davis è stata la storia del tennis. I più grandi match della storia sono forse stati in Davis… La finale nella quale rimontai da 0-2 set contro Pernfors mi viene ricordata ancora più che la finale di Wimbledon”. Il gran lavoro di marketing fatto dall’ATP per affermare il ranking, il n.1 e all’opposto il pessimo lavoro fatto dall’ITF… “Oggi i ragazzi non sanno quasi che cosa era la Coppa Davis, chi l’ha vinta”. ATP Cup: “Attualmente ha un miglior formato. La Davis ha mostrato bei match nella città sbagliata… in Australia sarebbero stati 10.000″. Laver Cup: “È un’esibizione ma ha la settimana migliore, quella che la Davis Cup dovrebbe conquistare. Chissà se gliela daranno mai, forse quando Federer non giocherà più la Laver Cup…”

58 – Cash parla del Coronavirus: “Sono affascinato da quanto è successo, ho letto e studiato tutto e di più sul virus”. Pat sembra sposare le ragioni di Djokovic quando dice: “Non esiste vaccino e non c’è vaccino che funzioni, quindi non ci credo… per trovare un vero vaccino ci vorranno anni e il virus sarà cambiato. La mia ragazza ha avuto il virus, mio figlio anche, non in forma grave. Sono stati bene dopo qualche giorno, io sono stato in contatto con loro ma non ho avuto sintomi…”

1:05 – Parliamo di Djokovic, Federer e Nadal. “Sono dei mostri! Non sono persone normali, essere umani. Nessuno può fare quello che fanno loro. Per essere uomini di tal successo devi avere una mentalità diversa dalle persone normali… anche Andy Murray ce l’ha. Per essere i migliori si deve avere una forma di ossessione e loro ce l’hanno, al di là del fatto che sono atleti straordinari. Il migliore fra loro? Beh, Federer avrebbe potuto eccellere in ogni generazione, con ogni racchetta, negli anni 20, 30, 60. Rafa e Novak hanno creato qualcosa di nuovo, soprattutto Rafa… il modo in cui riesce a giocare sulla terra battuta è assolutamente fenomenale. Novak può giocare da fenomeno su tutte le superfici, Rafa non lo vedo capace di superare Roger sull’erba. Se devo scegliere chi mi piace più guardare dico Federer, poi Nadal… ma se devo dire chi è il miglior giocatore è Djokovic, è chiaro. È un mostro, gioca e può batterli anche sulle loro migliori superfici. Tanti dicono che Federer è il miglior giocatore di tutti i tempi ma… è il secondo della sua era! È difficile sostenere che uno possa essere il migliore di tutti i tempi se non lo è nella sua epoca”

1:10“Come varietà di colpi, Federer è il più grande shotmaker che io abbia mai visto!”. Sugli Slam: “Non sono tutto, Laver ha vinto 11 Slam ma nei 5 anni in cui non ha giocato quanti ne avrebbe vinti? 10? 15? E allora oggi diremmo che Laver è stato migliore di Federer?”. Ricordo allora che Rosewall, 8 Slam, ha “saltato” 11 anni perché “pro”, quindi 44 Slam!

1:12 – La tecnologia nel tennis. “Nadal ha portato il tennis ad un altro livello. Meno di lui Vilas, ma nella storia del tennis non ho mai visto nessuno sparare dritti mancini come Nadal. Top-spin pazzesco. E quella resistenza… al suo cospetto Federer sembra di vecchia scuola, ma regge benissimo il confronto. Djokovic al suo meglio è inarrestabile. Lo abbiamo visto all’Australian Open… Ora è forte anche a rete, non sarà il migliore dei quattro a rete, ma non ha punti deboli”

1:13Per chi pagherei il biglietto? Federer. Nadal come secondo, poi Djokovic terzo o quarto dietro Murray. Ma anche Wawrinka e poi… è Fognini il mio giocatore preferito! Colpisce la palla con una tale fluidità, così facile… e non sai mai quando diventerà pazzo! Amo vederlo giocare”

1:14Torno sull’argomento head to head per spendere una parola a favore di Federer, che si è spesso misurato con Nadal sulla terra rossa soccombendo mentre magari Rafa ha talvolta perso troppo presto sulle superfici veloci per affrontare Roger e quindi macchiare il suo record nei “diretti”. Pat condivide e accenna alla straordinaria regolarità di Roger negli Slam. Flink ricorda i 36 quarti di finale consecutivi e le 23 semifinali consecutive. Cash: “Questi, di tutti i record che Roger ha stabilito, sono per me forse i più impressionanti. Non si può insegnare a giocare come fa Federer, anche il modo in cui si muove è fenomenale. Rafa ha più potenza, ma Federer ha un fisico particolare… È come una macchina elettrica leggerissima che sfreccia e arriva ovunque, mentre Rafa è una Ferrari con un motore pazzesco”.

Roger Federer – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

1:17 – Chi suona meglio tra Pat cash, John McEnroe, Mats Wilander, Yannick Noah? “Noah è un professionista, noi no”. E Pat racconta… “Io e John siamo più o meno sullo stesso livello. Ma la vera rockstar del gruppo all’inizio era Vitas Gerulaitis. Mi manca tantissimo. Altri ricordi. Le sue esperienze con i Rolling Stones e altre star del rock. Abbiamo sempre fatto un un gran casino…”

1:19 – Cash coach? Pat racconta delle sue varie Tennis Academy sparse per il mondo: “Mi piace fare il coach, ho cambiato anche il modo di pensare il tennis, ho cambiato la mia tecnica: il mio servizio è il 20% più forte, il mio dritto è migliore oggi che nell’87 a detta dei miei colleghi…”

1:24 – Come è diverso fare da coach a una donna rispetto a un uomo. C’è molto più spazio per fare grandi risultati con una donna che con un uomo. Si è visto che da un anno all’altro possono venir fuori Osaka, Barty, Andreescu che vincono uno Slam dal nulla… ci sono più margini e opportunità. È più difficile dar loro le giuste motivazioni, ci vuole molta più psicologia. Cosa dire a una ragazza che è uscita da una sconfitta, e cosa dire a un uomo. Racconto l’intervista con una tennista che doveva ricevere tanti complimenti prima di sciogliersi. Cash ora allena Brandon Nakashima, 18enne n.220 del mondo. In Brandon Pat crede moltissimo

1:30I 109 tornei vinti da Connors e quelli di Federer e Laver. I tornei del WCT, le feste di Gerulaitis a Dallas


TUTTE LE VIDEO INTERVISTE DI UBALDO

Continua a leggere

Interviste

Berrettini: “Sto bene e mi alleno con Tiafoe. Ajla? Se non ci siamo lasciati dopo la quarantena…”

Matteo è ancora a Boca Raton. Non c’è la data del rientro in Italia: “Stiamo decidendo”. Sulla tendenza a infortunarsi: “Ho accettato di non poter cambiare questa cosa. Convivo con le caviglie instabili”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini, conferenza - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

L’Italia ha sofferto e io con lei, da lontano. Ero sempre in contatto con la mia famiglia e so quanto è stato difficile. Siamo una grande paese, non dobbiamo mollare ma farci forza. Siamo un popolo coraggioso, lo dimostriamo in campo e fuori. Dobbiamo solo stare uniti e darci una mano. Questa è la chiave per ripartire“. Non perde lo spirito patriottico Matteo Berrettini, ancora confinato – per sua scelta, s’intende – a Boca Raton, in Florida, in attesa di rientrare in Italia. “Per il momento stiamo ancora decidendo come muoverci. Insieme al team abbiamo qualche opzione, stiamo aspettando di prendere una decisione definitiva. Matteo ha rilasciato queste dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport, confermando di essere guarito dagli acciacchi e di sentirsi bene.

Non si sbottona però sulla data di rientro e di conseguenza sulla sua eventuale presenza a Todi, dove a partire dal 21 giugno si disputeranno i Campionati Italiani Assoluti. Le priorità del tennista romano, che ad aprile ha compiuto 24 anni, sono e rimangono mantenere l’integrità fisica e al contempo intensificare gli allenamenti, gradualmente. Per ora in Florida, e quando sarà il momento sui campi italiani. A Boca Raton si sta avvalendo dell’aiuto di Paolo Volpicelli, un giovane allenatore – ha solo cinque anni in più di Matteo – molto amico di Vincenzo Santopadre. Berrettini ha avuto anche l’occasione di allenarsi con Frances Tiafoe.

View this post on Instagram

Trying to look good but @coachpaolovolpicelli and @bigfoe1998 photobomb every pic… 🙄 – 📷🙏 @marcoperretta

 

A post shared by Matteo Berrettini (@matberrettini) on

PROBLEMI FISICI – Della fragilità delle sue caviglie, di cui ormai è consapevole, aveva già parlato una decina di giorni fa, ed è tornato sull’argomento durante una breve comparsata in ‘Spazio Tennis‘, una trasmissione di SportFace. Ha raccontato di essere soggetto agli infortuni sin da inizio carriera, al punto da arrivare a chiedersi se fosse destinato a fare l’atleta professionista, ma con il tempo ha imparato a considerarlo un limite superabile: “Quando ero più piccolo era un continuo: guariva la spalla e mi facevo male al polso, poi la caviglia, poi la schiena… ma ho accettato di non poter cambiare questa cosa e di dover lavorare per essere migliore. C’è chi convive con il fatto che fa doppi falli, chi convive con il fatto che a rete non si sente comodo; io convivo con il fatto che le mie caviglie non sono stabili“.

Le stesse caviglie che hanno tradito anche Fabio Fognini, costretto a una doppia operazione. “Ma lui ha qualche chilometro in più sulle gambe” ha scherzato Matteo. “Sapevo che Fabio aveva dolore. Me ne aveva parlato, era indeciso sul da farsi, ma ha scelto il momento giusto per farsi operare. Gli faccio un grande in bocca al lupo e l’augurio di una guarigione il più veloce possibile. Per fortuna in carriera non ha avuto troppi infortuni quindi lo aspettiamo in campo più forte di prima“.

VITA DI COPPIA – Berrettini ha parlato anche dell’argomento ‘convivenza forzata’ con Ajla Tomljanovic, con la quale ha condiviso a stretto contatto gli ultimi tre mesi, dal periodo di piena pandemia al lento ritorno alla normalità. “Un’esperienza bella ma c’è da fare un passo indietro e capire che prima del lockdown ci vedevamo poco, ci eravamo ‘vissuti’ poco come coppia. Passare da questo a stare sempre insieme per tre mesi è… pesante, anche se è una cosa bella. Soprattutto ci siamo anche allenati insieme, e lì ognuno ha la sua mentalità: io vivo l’allenamento in modo più rilassato, lei è un po’ troppo seria e quando scherzavo troppo si arrabbiava. Queste cose ci hanno fatto crescere tanto. Se non ci siamo lasciati dopo questa quarantena non so quando…” ha concluso Matteo sorridendo.

Una battuta anche sul ritorno in campo. “Sembra che il 15 giugno arriverà la decisione dello US Open, e a cascata decideranno tutti gli altri. Spero di esserci. Internazionali d’Italia? Sarebbe bellissimo poter giocare, è il torneo di casa e ci tengo particolarmente“.

A.S.

Continua a leggere

Interviste

[ESCLUSIVO] Istomin: “Sono d’accordo con Djokovic, il vaccino deve essere una scelta”

Dal suo isolamento in Kazakistan, Denis Istomin parla di questi mesi senza tennis, di aiuti economici, di vaccini e della possibile ripresa del circuito

Pubblicato

il

Denis Istomin - Australian Open 2017 (foto Roberto Dell'Olivo)

Intervista di Silvia Aresi

La maggior parte degli appassionati italiani conosce Denis Istomin almeno per l’impresa compiuta all’Australian Open nel 2017, quando al secondo turno sconfisse in cinque set l’allora numero due del ranking, nonché campione in carica Novak Djokovic. La classifica congelata ATP vede il tennista uzbeko, classe 1986, occupare la posizione 156, ma il suo best ranking risale al 2013, quando si issò fino al numero 33.

Dove hai vissuto durante questi mesi di quarantena?
Sono stato, e mi trovo tuttora, ad Almaty (città del Kazakistan, ndr), con la mia famiglia.

 

Hai ripreso ad allenarti e giocare a tennis in questi giorni?
Ad Almaty hanno appena riaperto i circoli di tennis, quindi per il momento sto facendo allenamento fitness, probabilmente riprenderò a giocare a tennis il 25 Maggio.

Hai avuto modo di parlare con qualche tuo collega durante questi mesi, a proposito della situazione attuale? Nadal ha detto che, a suo avviso, il circuito ATP non ripartirà nel 2020. Qual è l’opinione diffusa tra voi professionisti al riguardo?
Ho parlato con alcuni colleghi riguardo alla situazione che stiamo vivendo. Secondo me, e secondo altri giocatori, il tennis professionistico non riprenderà nel 2020.

Vale lo stesso anche per i due restanti tornei Slam, US Open e Roland Garros?
Mi piacerebbe che si disputassero. Ma, secondo me, c’è una probabilità molto, molto bassa che questo accada.

Cosa pensi della decisione della Federazione francese di posticipare l’evento?
Hanno fatto ciò che era conveniente per loro e non hanno tenuto conto del calendario o dei giocatori. In questa situazione, se ci sarà comunque un torneo, allora di certo sarà un bene per la maggior parte dei giocatori, perché ciò che vogliono davvero è poter giocare.

Djokovic, Federer e Nadal hanno proposto la creazione del Player Relief Fund per aiutare i colleghi che si trovano fuori dalla top 100 ATP. Cosa pensi di questa iniziativa?
Penso che sia una grande idea, perché sono tempi davvero difficili per tutti i giocatori, ma soprattutto per quelli di basso ranking, che non hanno possibilità di giocare Slam e tornei ATP, e sicuramente molti di loro stanno pensando di abbandonare il tennis professionistico. Spero che il denaro promesso dal Fondo li aiuti a mantenere alta la motivazione per continuare a giocare.

Dominic Thiem ha inizialmente criticato il progetto, dicendo che alcuni giocatori, in tornei come i Futures, non si impegnano realmente. Sei d’accordo con queste affermazioni?
Non gioco i Futures da diverso tempo, ad ogni modo ognuno ha la propria opinione! Di sicuro esistono giocatori che non si impegnano un granché qualche volta! Allo stesso modo ci sono molti giocatori che lavorano duramente e non hanno denaro per viaggiare e raggiungere quei tornei, non hanno possibilità di essere seguiti da un coach. Se vedete il montepremi dei Futures negli ultimi 20 anni non c’è stato un grande incremento. Non posso dire di essere al 100% in accordo o in disaccordo. Entrambi i punti di vista hanno un senso. L’unica cosa che non mi piace è che Dominic lo abbia detto pubblicamente, avrebbe dovuto riferirlo all’ATP o parlarne tra giocatori.

Lo stesso Thiem, e anche Matteo Berrettini, hanno dichiarato che ognuno dovrebbe essere libero di decidere a chi fare donazioni per scopi benefici, per esempio un ospedale o altre fondazioni, e che non spetta all’ATP obbligare nessuno ad aderire al Player Relief Fund. Cosa pensi al riguardo?
Su questo sono d’accordo. Ognuno ha la propria situazione finanziaria, e credo che ognuno debba contribuire secondo le proprie possibilità, non dovrebbero esserci obblighi. Ciascuno dovrebbe decidere per se stesso come e chi aiutare o meno.

Novak Djokovic ha rivelato che, in caso di vaccino obbligatorio contro il COVID-19, si opporrebbe. Questo ha sollevato un polverone, con molte accuse a Novak di essere contrario alla scienza. Qual è la tua posizione al riguardo?
Lasciamo che accusino anche me, allora! Ma sono d’accordo con Novak! Non può esserci una vaccinazione obbligatoria, ogni persona deve avere una scelta fra il vaccinarsi o meno.

Hai qualche idea su quando il circuito tennistico riprenderà con i tornei ATP?
Penso che i prossimi due anni saranno veramente difficili per il circuito ATP! Spero si riprenda presto, ma dobbiamo essere preparati allo scenario peggiore. Dal momento che la pandemia non è ancora terminata, l’obiettivo principale resterà la salute.

Cosa pensi dell’iniziativa di Patrick Mouratoglou, l’Ultimate Tennis Showdown, il torneo di esibizione da lui organizzato?
È un’ottima idea! I tennisti hanno bisogno di giocare partite, non importa se sono esibizioni o tornei. Spero che tutte le federazioni di tennis seguiranno il suo esempio e organizzeranno qualcosa del genere per i propri giocatori.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement