Se io fossi il presidente FIT ma… non Binaghi

Editoriali del Direttore

Se io fossi il presidente FIT ma… non Binaghi

Pregi e difetti del presidente sardo, bravo imprenditore pronto a salire sul carro dei vincitori: Schiavone, Pennetta, Errani… Le mie diverse priorità. Dal Country Club di Palermo un esempio organizzativo da imitare. Una proposta per i Challenger

Pubblicato

il

Negli anni mi è stato chiesto tante volte: “Ma perché non ti candidi alla presidenza della FIT?”. E la risposta è sempre stata la stessa: “Perché non è il mio mestiere”. Non mi piacerebbe quanto fare il giornalista. Inoltre non penso proprio che ne sarei adatto. Non ne sarei all’altezza. Avrei difficoltà a rapportarmi con alcuni interlocutori con i quali invece è necessario farlo. E non alludo soltanto ai procuratori di voti delle varie regioni d’Italia, quelli adusi a raccogliere le deleghe dei votanti. Binaghi è certo più bravo di me. Lo penso davvero: a Binaghi, che non mi piace come persona, riconosco diverse qualità che io so di non avere, e anche diversi meriti, come – primo fra tutti – quello di un grande e indiscutibile impegno.

È decisamente più imprenditore di quanto lo fosse Galgani, che peraltro aveva l’alibi di essere un avvocato e di avere poca voglia di trasferirsi a Roma dalla sua amata Firenze, come invece ha praticamente fatto per gran parte dell’anno Binaghi lasciando Cagliari per la Capitale. Forse anche perché poteva permetterselo, rampollo di una famiglia superbenestante. E poi anche perché oggi un presidente federale ha anche le sue entrate. Al giorno d’oggi non si può più fare il dirigente volontario e dilettante di un’attività manageriale importante, con fatturati da azienda di tutto rispetto.

Che quindi Binaghi guadagni dei soldi, soprattutto quando li fa guadagnare alla sua federazione – e mi pare ci stia riuscendo bene anche se magari i circoli si sentono un po’ tartassati in rapporti ai servizi che ricevono – mi pare più che legittimo. Sul come li gestisca spesso non sono stato d’accordo. Si è trattato troppe volte – secondo me – di una gestione provinciale, e politicamente soprattutto utile a garantirsi il consenso (vedi la tv Supertennis gestita anche in modo assai strumentale), ma d’altra parte lui è proprio espressione di una realtà di provincia, quindi la cosa non deve stupire. Spesso dice cose poco credibili, ma d’altra parte quale politico invece dice spesso cose credibili?

Nello sport preferiremmo, o almeno io preferirei, personaggi un tantino più puri, più onesti intellettualmente, ma bisogna rassegnarsi a quel che ci tocca. I politici sono sempre usi a salire sul carro dei vincitori, anche se per quei vincitori – fino a quando non sono diventati tali – avevano fatto poco o nulla. Il caso delle quattro top-ten azzurre è emblematico. Si sono tutte, o quasi, autogestite in maniera autonoma e indipendente, più in Spagna che in Italia…. Fino a che, diventate forti, ecco che Binaghi ha avuto l’intelligenza politica di affiancarle, di metter loro a disposizione servizi e mezzi (anche finanziari) a sostegno. Conquistandosene la riconoscenza e… l’oblio del primitivo disinteresse. Stessa cosa è successa agli inizi per tanti giocatori, incluso Fognini, di cui ricordo bene – una dozzina d’anni fa – non poche lamentele, poi passate nel dimenticatoio quando le cose sono cambiate insieme all’atteggiamento federale.

Binaghi è stato bravo a recuperare tante situazioni, oltre che a gestire economicamente assai meglio di come avessero fatto in passato i suoi predecessori gli Internazionali d’Italia. Un torneo di cui all’inizio lui aveva sottovalutato l’importanza politico-strategico-finanziaria, almeno a dar retta al presidente ITF Francesco Ricci Bitti che mi ha ricordato più volte di essere stato lui a persuadere il primo riluttante Binaghi a non cedere la gestione del torneo ad un’organizzazione professionistica autonoma quando pensava che “questi Internazionali comportano troppe grane e fastidi”.

Con la Coni Servizi Binaghi si è inventato un bel partner che gli ha consentito margini di manovra che altrimenti come federazione non avrebbe potuto permettersi.

Riguardo ai tanti che, riconoscendomi un amore sviscerato per il tennis e il mio eterno desiderio a che quello italiano uscisse da quasi 40 anni di inspiegabile e comunque insopportabile crisi tecnica – e a 15 anni di fallimento federale a Tirrenia (neppure un top-100 è uscito da lì… sola breve eccezione Giannessi, giunto a n.87 nel luglio 2017, ma rimasto lassù poco tempo) –, mi chiedevano se non avrei dovuto sentire una sorta di impegno morale a candidarmi per la FIT, ho sempre detto che proprio non me la sentivo, che non ero adatto a quel mestiere anche se avrei certamente privilegiato più di Binaghi gli investimenti sul profilo tecnico e organizzativo. Per me quella sarebbe stata la vera priorità assoluta.

Niente avrebbe promosso il movimento tennistico in Italia quanto la fioritura di qualche campione. O quantomeno di uno, due top-ten. Binaghi per molti anni non lo ha fatto come avrebbe potuto.

Avrei puntato sull’ingaggio di coach anche stranieri più qualificati, anche se dispendiosi, oppure avrei incentivato maggiormente quelli più bravi fra gli italiani che sono ed erano pochi fra gli esperti disposti a viaggiare in continuazione; chi vuol fare il coach standosene in famiglia a casina sua, non serve alla bisogna. Soprattutto avrei smesso di fare la guerra a coach e team privati come è stata fatta per anni – e per fortuna ora non più, o almeno non in quella misura, ma sapeste quanto c’è voluto! – quando i ragazzi del clan federale venivano aiutati in un certo modo e invece in tutto un altro quelli che preferivano rimanere con i loro coach, i loro circoli, le loro città natie. Spesso questi venivano addirittura osteggiati. E il tutto accresceva la pressione sulle spalle dei ragazzi supportati dalla FIT, con conseguenze disastrose.

Da un lato è giusto che l’insegnamento federale costituisca una corsia preferenziale, perché è compito primario di una federazione incentivare la pratica sportiva e dunque contribuire attivamente alla costruzione di una ‘scuola’ tennistica che abbia una sua identità (come quella ceca, o spagnola) e quindi un profilo d’insegnamento riconoscibile. Dall’altro, questo obiettivo non deve essere ottenuto a scapito delle eventuali realtà private o comunque non federali, sia perché questa diversità – tramite aumento della competitività degli insegnamenti – può risultare virtuosa e sia perché, come abbiamo detto, Tirrenia finora non ha certo prodotto meraviglie.

Mi rendo anche conto, però, che una Federazione – e chi se ne occupa – ha anche mille altre questioni che non può trascurare. Compresi i contenziosi legali avviati con decine e decine di interlocutori, dipendenti e… critici poco apprezzati. E quasi certamente nel gestire tutte quelle questioni, compresi i contentini che Binaghi deve dare a tanti dirigenti, sotto le forme più svariate (viaggi, trasferte, convocazioni in luoghi più o meno ameni per riunioni di vario tipo, rimborsi, onorificenze ed oneri), così come ai circoli più amici, lui è certamente più bravo e preparato – soprattutto dopo 19 anni di leadership e di esperienze – del sottoscritto.

Ricordo che Rino Tommasi fu letteralmente tirato per la giacchetta a presentarsi come candidato nel 2000 da un gruppo di appassionati e di comitati regionali preoccupati perché si era presentato un solo candidato alle elezioni FIT, Angelo Binaghi, dopo più di un ventennio “Galgani”, due commissari straordinari (Tronchetti Provera e Sacchi Morsiani) e una breve reggenza di Francesco Ricci Bitti che abbandonò la FIT per fare la scalata alla presidenza della federazione internazionale (ITF).

Tommasi, dopo non poche titubanze espresse al nostro comune tavolo di lavoro nella sala stampa di Lisbona durante le finali ATP, finì per accettare ponendo due strane, anomale condizioni: “La prima è che io non debba fare neppure una telefonata per sollecitare un voto (e difatti non la fece). La seconda è che io non abbia vere chances di vincere, perché non ho nessuna intenzione di abbandonare il mio lavoro di giornalista. Accetto solo perché non fa mai bene allo sviluppo di uno sport che ci sia un candidato unico, uno che non debba preoccuparsi di garantire certe modifiche per un sistema che necessita di parecchi miglioramenti, compreso quello di evitare che possa ripetersi un ventennio di leadership dirigenziale, come è invece avvenuto per Paolo Galgani.

Tommasi si divertiva a professarsi “uomo di destra, per il quale i liberali sono extraparlamentari di sinistra”, ma in realtà le sue suonavano più come battute alle quali si era affezionato e amava ripetere ad ogni occasione che reali convinzioni. Anche se ribadite anche in altre esternazioni cui si lasciava andare più per riderci su che per persuadere i suoi interlocutori – “Ma ti pare che il voto di quell’analfabeta debba valere come quello di Rino Tommasi?!”, o anche “il sistema democratico della FIT che quasi impone di avere in consiglio consiglieri del maggior numero possibile di regioni… per cui se uno potesse contare teoricamente su tre straordinari dirigenti di una stessa regione, dovrebbe sacrificarne due per avere in consiglio al loro posto un idiota e un incapace di altre due regioni, è un sistema che parte con l’handicap in partenza e se lo porta dietro per tutto un mandato. Se poi chi sta al potere e logora chi non ce l’ha ci sta per tre o quattro mandati, ecco che l’handicap resta tale per tutto quel tempo!”.

Senza fare una sola telefonata Tommasi, senza arruffianarsi alcun comitato regionale né gli abituali procacciatori di voti, conquistò il 36% dei voti. Tanto bastò per “spaventare” Binaghi, all’epoca sponsorizzato da Adriano Panatta (che aveva dato la spinta decisiva a far precipitare Paolo Galgani…), che da quel momento in poi mise Tommasi nel suo libro nero dei “nemici”. Fu però sotto la spinta di quella inattesa competizione elettorale, con Tommasi che ribadiva ogni piè sospinto come i presidenti dell’USTA, la federtennis americana, restassero in carica solo 4 anni e poi venissero sostituiti dal vice, che Binaghi si sentì stimolato a inserire nella sua campagna elettorale che nessun presidente federale avrebbe dovuto restare sulla prima poltrona FIT per più di due mandati. Otto anni.

In una recente intervista a Sky lo stesso Binaghi ha dichiarato: “Le regole te le fanno gli altri. Anche in questo caso, ad esempio, noi stiamo facendo una variazione statutaria che ci impone il Coni. Il governo, a sua volta, l’ha imposto al Coni. Quindi le regole sono fatte dagli enti e poi sono approvate dall’assemblea. Probabilmente Stefano Meloccaro che lo intervistava e gli aveva chiesto dei suoi 19 anni sulla poltrona di presidente, non ricordava che nel 2009 proprio Binaghi aveva proposto una modifica statutaria, approvata da una assemblea stanca per alzata di mano dopo oltre 4 ore di modifiche assai meno importanti, che di fatto gli assicurava l’impossibilità pratica per qualunque altro concorrente di proporsi come candidato in alternativa a lui.

Questi, a seguito della modifica dell’articolo 55 per candidarsi avrebbe dovuto passare sotto queste forche caudine. Le candidature devono essere sottoscritte: a) per la carica di Presidente federale, 1) da almeno trecento rappresentanti degli Affiliati aventi diritto al voto (leggi: i circoli), appartenenti ad almeno cinque regioni con un minimo di dieci per regione; 2) da almeno duecento atleti maggiorenni in attività appartenenti a cinque regioni, con un minimo di quindici per regione; 3) da almeno venti tecnici maggiorenni in attività appartenenti a cinque regioni, con un minimo di tre per regione.

Io scrissi allora, inimicandomi per sempre il presidente Binaghi, che nemmeno facendo per un paio di anni una campagna di investimenti degna di Obama – oggi scriverei Trump – un candidato alternativo avrebbe immaginato di poterla spuntare. Quando mai 300 circoli (con tutte quelle limitazioni…) avrebbero rischiato di inimicarsi un presidente in carica, in possesso di tutta una serie incredibile di poteri gestionali (contributi compresi, assegnazione di incarichi, di tornei), esponendosi al sostegno di un candidato alternativo senza alcun potere?

Com’era facilmente prevedibile Binaghi ha vinto con maggioranze bulgare tutte le successive elezioni in assenza di un qualsiasi altro candidato. Se poi con Meloccaro a Sky il presidente sardo ha avuto la faccia tosta di sostenere che “le regole te le fanno gli altri”, beh gli è andata bene che Meloccaro non gli ha potuto ricordare quella che aveva fatto lui. L’aveva fatta approvare sotto i miei occhi, il 12 dicembre 2009 dall’assemblea straordinaria n.56, la più stanca che si potesse immaginare quando tutti, nella sala conferenze dello stadio Olimpico, Curva Sud, non vedevano l’ora di andare via. Machiavellico.

A Binaghi riconosco indubbi meriti per avere prima capito che l’attività organizzativa era importante. A tutti i livelli. Tornei dilettantistici o semidilettantistici (anche se il costo delle iscrizioni è talvolta eccessivo), professionistici come i tornei Open e i tanti challenger che da una parte aiutano i giocatori italiani a fare punti ATP senza dover affrontare trasferte troppo onerose, dall’altra fanno parlare di tennis, e vedere tennis, in tante città italiane cui non può bastare il solo tennis visto in tv (più da un pubblico anziano che giovanile) a promuovere il tennis.

In questa nuova ottica, credo che Binaghi abbia fatto bene anche a richiedere l’organizzazione delle NextGen ATP Finals a Milano, anche se sono costate un subisso e rappresentano ancora oggi una perdita finanziaria notevole: intorno ai 5 milioni annui. Ma è forse anche grazie a quelle che l’Italia e la FIT hanno conquistato le finali ATP 2021-2025 a Torino. Non ci sarà più, probabilmente, Federer e forse neppure Nadal a far da traino spettacolare, ma rappresenteranno certamente un bell’impulso alla promozione del tennis in Italia anche se non dovessero risultare un business sotto il profilo economico. Se poi avessimo la fortuna di avere fra i protagonisti un giocatore italiano (Berrettini?), beh Binaghi e il tennis italiano avrebbero fatto Bingo.

Di certo tutto quanto sopra descritto – pur con la pecca sempiterna di un campionato di serie A ancora organizzato di peste e con modestissimi ritorni d’immagine per i circoli che investono soldi pesanti per parteciparvi; quanto ci vorrà perché qualcuno ci metta finalmente mano? È un evento in termini di comunicazione abbandonato dalla FIT, ogni circolo, come il TC Prato e il TC Park Genova, è costretto ad arrangiarsi da sé – testimonia un deciso cambiamento “politico” rispetto ai tempi in cui una FIT inerte si è fatta sfuggire tutte le date del circuito maggiore ATP che diversi circoli italiani erano stati capaci di conquistarsi in epoche diverse. Da 7 tornei ATP in uno stesso anno, ci siamo ritrovati a zero senza che la nostra federazione, ante era Binaghi e Binaghiana, battesse ciglio.

I lettori più affezionati di Ubitennis conosceranno anche la vicenda del Tennis Country Club di Palermo che fu costretto ad “affittare” per 6 anni a Kuala Lumpur in Malesia il proprio torneo femminile gestito per 29 anni – unica prova del circuito WTA in Italia – perché la FIT (pur tempestivamente sollecitata) non era stata altrettanto sollecita nel dare le stesse garanzie economiche dei malesi nei tempi dovuti e necessari. Da quella conseguente e inevitabile decisione presa dai due soci proprietari e responsabili del Tennis Country Club, Giorgio Cammarata e Oliviero Palma, era nata una frizione che solamente in tempi recenti sembra essersi finalmente attenuata.

Lo scorso anno i due soci del Tennis Country palermitano si sono coraggiosamente esposti a riprendere in mano un torneo per il 2019 che, con un montepremi di 250.000 euro, richiedeva un rischio d’impresa pari a tre volte quel montepremi: 750.000 euro. Non facile reperirli, vero? Ma i due ce l’hanno fatta. 120.000 euro di sola biglietteria a Palermo, per un torneo che inizialmente non poteva contare su una partecipazione italiana qualificata, è stato un mezzo miracolo. Ma non un frutto del caso, così come non è stato frutto del caso, il contributo totale garantito dagli sponsor principali, Peugeot, Napapijri, Tag Heuer, Ricola, senza il quale anche garantirsi l’ingaggio di una top-5 come l’olandese Kiki Bertens non sarebbe stato possibile.

Ma quegli sponsor il direttore del torneo Palma non li ha trovati chiedendo beneficenza. Li ha trovati dimostrando una capacità organizzativa, fin dalla prima conferenza stampa organizzata alla Rinascente di Milano e poi con la seconda a Palazzo Chigi coinvolgendo il nuovo sottosegretario allo sport Giancarlo Giorgetti, fuori al comune. Non avevo seguito di persona prove del circuito femminile al di fuori degli Slam e delle finali WTA e sono rimasto francamente stupito di quante e quali cose lì sono riusciti ad organizzare a Palermo per il Ladies Open appena vinto dalla mancina svizzera Jil Teichmann su Bertens, senza perdere un set e vincendo 3 tiebreak su 3, a dimostrazione di una notevolissima personalità.

 
Jil Teichmann – Palermo 2019 (foto Nino Randazzo)

Ogni giorno in un villaggio insolitamente ricco e vario anche di presenze extratennistiche, era tutto un susseguirsi di eventi interessanti con “apericena” a base di vini Cusumano e Grana Padana, presentazioni letterarie, incontri con personaggi dello sport, premiazioni USSI dei migliori atleti siciliani di varie discipline sportive (premiato anche il maestro di giornalismo Italo Cucci, da anni residente nell’isola di Pantelleria e cittadino siciliano quasi onorario), cene preparate da master chef stellate, tutti eventi dei quali l’eccellente coordinamento della comunicazione assicurato dal capufficio stampa Nino Randazzo, con la collaborazione di Giovanni Mazzola ed altri giovani in gamba che lavoravano fino alle due di notte anche per predisporre l’uscita del giornale quotidiano distribuito, ha dato ottimamente conto. In parte lo ha fatto anche Ubitennis, attraverso servizi miei e della nostra redazione.

Supertennis ha trasmesso i match serali e si è lasciata sfuggire l’invio di un redattore per coprire magari con qualche salotto tutto quel che succedeva, forse perché non ci si immaginava la presenza di sette tenniste italiane in tabellone, né i quarti di finale di Paolini (che ha portato al terzo set Bertens, giocando alla pari per i primi due). Peccato che a Palermo non si sia visto neppure il presidente Binaghi – salvo che con un articolo nel programma del torneo – né qualcuno dei suoi vice: per l’unico torneo WTA organizzato in Italia credo che sarebbe stato giusto, anche per mettere definitivamente una pietra sopra ai vecchi dissapori. Ma forse ancor più che Binaghi avrebbe fatto bene a fare una visitina Sergio Palmieri. Tante idee di quelle messe in atto, quasi freneticamente eppur brillantemente da Oliviero Palma avrebbero potuto essere intelligentemente mutuate.

E se qualcuno mi chiedesse – non me lo si chiederà mai, lo so – un paio di consigli per migliorare l’attività organizzativa dei tornei italiani (challenger in particolare) che secondo me è fondamentale per farli crescere e assicurarsi un intervento più massiccio degli sponsor ai singoli eventi, io se fossi il presidente della Federtennis non avrei dubbi: per prima cosa organizzerei una giornata di riunione fra tutti i direttori dei tornei challenger e fra i relatori di quel giorno chiamerei Oliviero Palma, la cui competenza, passione, lungimiranza imprenditoriale non può essere messa in dubbio. Lui potrebbe raccontare tutto quello che è stato in grado di mettere in piedi in 10 giorni, come ha fatto a recuperare 750.000 euro, a chiudere in pareggio un torneo super-impegnativo senza avere nomi di grandissima cassetta, a sapere già oggi che in grandissima parte gli sponsor che ha avuto quest’anno erano talmente soddisfatti che saranno quasi certamente sponsor anche l’anno prossimo.

Questo è quello che tutti i direttori dei tornei challenger in Italia sognerebbero e vorrebbero poter dire. Soltanto lo scambio di esperienze fatto da ciascuno di loro costituirebbe un bagaglio importante per affrontare il loro prossimo torneo. Io credo sinceramente che una FIT avrebbe tutto l’interesse a che questo accadesse. Perché maggiore sarò il numero dei tornei con un montepremi più alto – ma che non dissangui e scoraggi chi l’organizza – e migliore sarà la partecipazione dei tennisti, l’esperienza dei tennisti italiani, l’interesse del pubblico, la promozione del tennis.

Quando ho scritto queste cose che penso, mi sono anche detto, lì per lì: non farò mica male a scriverle, perché così facendo, per partito preso Binaghi non le farà? Beh, mi sono poi risposto: io non credo che Binaghi sia stupido. Non lo è per nulla, anche se ogni tanto gli scappano frasi inopportune su Federer, oppure ha dato retta a chi (Giancarlo Baccini e Piero Valesio per non fare nomi) gli ha fatto fare clamorosi autogol, come ad esempio il ritiro del mio accredito agli ultimi Internazionali d’Italia. Per quell’incredibile episodio si sono pronunciate tutte le associazioni giornalistiche italiane e internazionali diffidando la FIT e la direzione della comunicazione FIT dal ripetere simili assurdi atteggiamenti nei confronti di chicchessia. Binaghi, ripeto, non è stupido. I suoi difetti sono altri. Basta dire nobody is perfect?

P.S. Evitateci commenti men che civili. Nei miei confronti come di altri. I redattori hanno ben altro da fare che passare ore e ore a moderare post inopportuni. Purtroppo quando si scrive di argomenti federali accade spesso che qualcuno trascenda. Grazie.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Per colpa di Schwartzman che batte Nadal, piccolo excursus statistico sulle serie vittoriose fra big

Ci aveva perso 9 volte! Con Berdych, Nadal era stato più continuo: le vittorie di fila furono 18. Rino Tommasi e Arthur Ashe vs Rod Laver…Tanti head to head a senso unico. Quiz su Berrettini, Sinner e Musetti

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

I nostri appassionati di tennis hanno dimostrato in tutti questi lunghi anni in cui i nostri tennisti di soddisfazioni ce ne hanno date pochine, che bastava tifare per Federer, Nadal o Djokovic per aver voglia comunque di seguire il tennis con immutata passione. Per poco più di un quinquennio (2010-2015) è stato motivo d’orgoglio patriottico soprattutto il tennis e i risultati delle nostre ragazze, ma per tre lustri sono stati quei tre a farci divertire più degli altri. A volte anche Murray, a volte anche Wawrinka e del Potro, ma sono stati meno continui.

A Roma, superata la delusione per le sconfitte dei quattro italiani che ci avevano un po’ illuso piazzandosi negli ottavi, ultimo in ordine di tempo colui sul quale era lecito puntare di più, Matteo Berrettini testa di serie n.4, erano tutti convinti che ci saremmo ritrovati con una finale disputata dai soliti due, Nadal e Djokovic.

Il direttore commenta la sconfitta di Berrettini (con un paragone irriverente)

 

Invece Nadal è già tornato a Maiorca. E non andrà a pescare, ma ad allenarsi più duramente del solito se non vorrà perdere anche a Parigi dove ha vinto tre volte più che a Roma: là sono 12, qua erano 9.

Nove erano anche le sue vittorie consecutive con il più piccolo dei grandi del circuito ATP, “El Peque”, il piccolo, l’argentino Diego Schwartzman. Chi non indovina perché si chiami Diego? Peggio per lui, io non glielo dico.

A fine match ho ricordato cosa disse Gerulaitis quando finalmente battè Connors, e lui si è messo a ridere: “Io posso avere anche sempre perso con certi giocatori, ad esempio con tutti i grandi tre, Rafa, Djokovic e Federer, ma quando entro in campo penso sempre che potrei farcela  rovesciare il pronostico. Oggi ho giocato la più bella partita della mia vita e sono contentissimo. Sì, forse lui non sarò al massimo, forse l’umidità della sera ha rallentato le palle che non prendevano più tanto lo spin, ma io ho giocato proprio bene. Gli ho fatto diversi break? Sì, ma io ho sempre fatto tanti break, la risposta è la parte migliore del mio repertorio…”.

Non solo il simpatico piccoletto di Buenos Aires, che era stato in semifinale al Foro anche un anno fa, non aveva mai battuto Nadal in 9 tentativi e – come mi ha detto lui. Nessuno dei celebri Fab 3, ma non era riuscito mai a battere uno dei primi 5 classificati del mondo in 22 duelli. Eppure un paio d’anni fa lui, l’11 giugno dopo aver raggiunto i quarti al Roland Garros, era arrivato a bussare alla porta dei top-ten. Si era fermato a n.11, come best ranking. Con quella classifica, fra i piccoletti, è stato probabilmente il n.2 di sempre. Harold Solomon, l’americano che perse da Panatta la finale del Roland Garros nel 1976, era alto 1m e 68 cm, vinse 22 tornei e salì fino al quinto posto delle classifiche ATP. Sul metro e 70 di Diego, detto fra noi, non ci giurerei. Deve essere stato misurato con un metro argentino. Secondo me è più piccolo. Ma tant’è.

Piuttosto, al di là del fatto che certamente quello visto ieri sera non era il miglior Nadal…e che la sua partita scopre un diverso scenario sia per Roma, dove il favorito diventa Djokovic a dispetto di una condizione non brillante, sia per Parigi dove gente come Thiem, lo stesso Djokovic e altri possono legittimamente pensare di avere molte più chance di quanto si potesse immaginare.

Rafa Nadal – Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

La vittoria di un tennista che aveva perso nove volte con un altro mi ha fatto ripensare a quelle frasi che dicono i giocatori e che sembrano sempre un esercizio di banalità: “Ogni volta si ricomincia da 0 a 0” è una delle più classiche. Altre? “I Vecchi incontrano non contano”, “Lui non è tipo che molli e ti regali la partita” e via dicendo.

Poi però mi è tornata in mente quella sera al Masters quando con Rino Tommasi  e Gianni Clerici (Roberto Lombardi non c’era ancora) commentavamo per Tele+ (o Telecapodistria?) dal Madison Square Garden e Vitas Gerulaitis battè finalmente Jimmy Connors e se ne uscì con quella frase rimasta storica: “Nessuno batte Viats Gerulaitis 17 volte di fila!”. Un capolavoro. Vitas era un ragazzo straordinario e straordinariamente simpatico. Ho avuto il piacere di partecipare a un paio di party organizzato da lui, a Dallas e New York, dove mi sono divertito da matti. Magnifici, nostalgici ricordi.

ALTRI DUELLI A SENSO UNICO

Sulla scia di quel ricordo ho ripensato ad altre serie di duelli a senso unico che poi improvvisamente venivano interrotti. Un altro “17 senza macchia” che mi viene in mente è quello di Roger Federer con Youzhny, perché tre anni fa all’US Open, secondo turno, il russo era avanti 2 set a uno e corremmo tutti sull’Arthur Ashe increduli.

Maestro Rino mi diceva sempre di quando Arthur Ashe lo incontrava e gli diceva: “Senza di te Rino non avrei mai saputo quante volte di fila ho perso  con Rod Laver!”. Erano 19, quando finalmente Arthur ne vinse una. E su 23 ne avrebbe vinte…addirittura 2. E Rino, che Gianni aveva ribattezzato “ComputeRino”, ne era tutto fiero. Finché arriva a dire un giorno: “Prima di Internet…Internet ero io!

In Australia cinque anni fa ricordo di aver visto Andreas Seppi battere Roger Federer sull’HiSense Arena: Andreas ci aveva perso dieci volte di fila. Giocò una partita magnifica in quel torneo in cui ha raggiunto gli ottavi ben quattro volte.

Sempre in Australia, in quello stesso 2015, si interruppe la striscia positiva di Rafa Nadal con Tomas Berdych: il ceco aveva vinto le prime tre partite, e sembrava che Rafa se ne fosse fatto un complesso. Ma poi ne perse ben 18 di fila! In Australia Berdych spezzò la maledizione. Poi ricominciò a perderci… Alla fine il bilancio sarebbe stato dunque 20 a 4 per il maiorchino.

Ricordo anche, più lontana, una serie di 17 vittorie consecutive di Ivan il Terribile Lendl su un Connors che, otto anni più anziano, sul finir di carriera accusava il peso dell’età. Il bilancio non sarebbe stato però umiliante, perché all’inizio il pur longevo Connors aveva bastonato il ceco tante volte: 22 a 13 i confronti diretti. Una di quelle vittorie di Jimbo venne a un Masters, sempre al Madison Square Garden quando Connors dette del vigliacco (Chicken! Non si traduce come pollo, ma proprio vigliacco) a Lendl che contro di lui nell’ultima giornata del round robin aveva perso apposta il secondo set perché, arrivando secondo nel gruppo dietro Jimbo, avrebbe affrontato in semifinale il ben più battibile Gene Mayer che aveva concluso al primo posto dell’altro gruppo nel quale Bjorn Borg si era piazzato secondo. Lendl fece meri calcoli. Jimbo, orgoglioso com’era, non li avrebbe mai fatti.

Lendl, quando diceva di essere più forte di un altro, non lasciava spiragli. Con Brad Gilbert, che pure è stato n.4 del mondo, ha battuto in Slam o Masters gente come Becker e McEnroe, Ivan è stato implacabile: 16 vittorie a zero. Le stesse di Rafa Nadal con Richard Gasquet che soltanto fra il 2004 e il 2008 è riuscito a strappargli un set in 4 occasioni, ma mai più d’uno.

WTA – Fra le donne le serie di vittorie consecutive fra tenniste di altissimo livello ne ricordo diverse: avevo visto la diciottenne Sharapova battere Serena a Wimbledon nel 2004 e quello stesso anno una mia amica che scriveva di spettacoli su USA Today mi ospitò a Los Angeles e mi portò a Holywood a intervistare nella sua camera d’hotel la bellissima Halle Berry (scrissi l’intervista per Panorama, mi pare) nella settimana in cui Masha ribatté Serena allo Staple Center. C’era papà Yuri Sharapov che faceva un tifo esagerato e fuori da ogni bon ton. Mai e poi mai avrei immaginato che da allora Maria non sarebbe più riuscita a battere Serena, lungo 19 sfide in 16 anni! In compenso Maria ha messo sotto Simona Halep sette volte di fila prima di perderci a Pechino tre anni fa e poi a Roma nel 2018.

Mentre quando vidi Steffi Graf, nella finale del Roland Garros 1988 dare 60 60 a Natasha Zvereva in 34 minuti, non mi sorpresi a constatare che il loro bilancio sarebbe stato 20 a 1 per Steffi, che peraltro poteva vantare anche un 21-0 con Nathalie Tauziat, un 17-0 con Manuela Maleeva, un 21-1 con Helenona Sukova. Uno schiacciasassi, Steffi.

Sono sicuro che i lettori ne ricorderanno altre, io mi sono distratto a scrivere di queste e… tutto per colpa di Nadal che ha perso da Schwartzmann dopo averlo battuto 9 volte di fila! Vabbè, scherzi a parte, abbiamo fatto un po’ di ripasso di storia, non senza aver ricordato che Filippo Volandri resta l’ultimo italiano ad aver raggiunto le semifinali dal Foro Italico 13 anni fa, anno 2017. Ad maiora. Chi secondo voi fra Berrettini, Sinner e Musetti sarà in grado di centrare l’obiettivo per primo? E chi più volte?

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

41 anni dopo quattro italiani in ottavi e non c’è nessuno a vedere i nostri piccoli eroi: Musetti, Sinner e il derby azzurro

Una vera beffa. Cosa accadde nel ’79 agli Internazionali di Roma? Era l’era Panatta… Chi ha più ha chances di centrare i quarti fra Sinner (Dimitrov) e Musetti (Koepfer)? E perché?

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali di Roma 2020 (foto torneo)

È davvero uno scherzo del destino più beffardo. Ma come, e dopo 41 anni!, al Foro Italico ci sono nuovamente quattro tennisti italiani in ottavi di finale e a vederli… non c’è nessuno! Che jella. E c‘è pure, rischiavamo tutti di dimenticarlo, Rafa Nadal, il re della terra battuta, il mostro di Manacor, dominatore di 12 Roland Garros, di 9 Internazionali d’Italia. Scusate… e Djokovic? E che dire del fenomeno Azarenka che si permette di dare 6-0 6-0 a Sofia Kenin, campionessa d’Australia?

Allora, nel ’79, il centrale era un altro ed era lungi dal chiamarsi Pietrangeli. Tutt’al più la gente lo chiamava il Campo delle Statue. Statue di atleti giganteschi delle discipline più svariate e, chissà perché, tutti nudi. Quel campo nel giorno degli ottavi era pieno di gente, sui marmi bianchi la folla straboccava, molti erano rimasti fuori dai cancelli. Tre anni prima Adriano Panatta era diventato il re di Roma, dopo la leggendaria finale vinta con Vilas al termine di una cavalcata indimenticabile cominciata con un match vinto annullando 11 matchpoint al primo turno. L’anno prima, 1978, sempre Adriano si era arreso soltanto in finale e soltanto a Sua Maestà Bjorn Borg 6-3 al quinto, nel famoso – o famigerato? – match delle monetine (che aveva fatto seguito al clamoroso ritiro di Higueras in semifinale). Per chi è troppo giovane, o chi più vecchio è invece smemorato, ricorderò riprendendo dal mio racconto di quella finale quanto accadde.

Panatta, avanti 30-0 nel primo game del quinto set aveva perso otto punti di fila ed erano arrivate a cadere pericolosamente vicino a Bjorn Borg, più d’un paio di monetine. Lo svedese si era parecchio innervosito, comprensibilmente, per quei “diecini” lanciati da un branco di cafonissimi tifosi di Adriano. Ciò era incredibilmente accaduto nonostante che Bjorn, grandissimo signore, avesse restituito per ben tre volte all’amico Panatta un punto insolitamente strappatogli dai giudici di linea per solito affetti invece da miopia patriottica. Rivolgendosi al suo allenatore di sempre Lennart Bergelin, Bjorn aveva fatto capire che sarebbe uscito dal campo se la vergognosa vicenda fosse proseguita ancora. “Un’altra monetina e me ne vado”. La folla capì, e cominciò a gridare “Fuori! Fuori!”. All’indirizzo degli idioti lanciatori. Finché finalmente e tardivamente l’arbitro si decise a fare un appello al pubblico perché si comportasse civilmente pena la sospensione della partita.

 

In un articolo di Antonio Garofalo ritroviamo altri dettagli e queste righe finali: “Bjorn Borg è rimasto in buchetta all’inizio, ma ha poi fatto grande routine, dimostrando un controllo straordinario di se stesso e dei colpi, nel quinto set. Nemmeno decine di monete lanciate dagli artigli degli italopitechi gli impediranno di sommergere alla fine l’eroe de no’antri Adriano Panatta”. Non c’è bisogno di segnalarvi l’autore del meraviglioso affresco.

In quel ’79 del record il programma degli ottavi era quasi tutto… caviale, salmone e pernici. Non sarebbe forse bastato lo stadio Olimpico per accogliere tutti quelli che avrebbero voluto vedere Panatta-Higueras, dopo tutto quel che era successo l’anno prima, Bertolucci-Vilas, Barazzutti-Dibbs e, forse più di Ocleppo-Feigl, Lendl con Gene Mayer nonché Gerulaitis con Alexander e Solomon-Dibbs. Io ricordo che seguivo con attenzione – in mezzo a tanti campioni – anche l’americano Terry Moor, che sarebbe arrivato nei quarti, solo perché per l’appunto quella su Moor era stata una delle mie pochissime vittorie di prestigio quando avevo giocato i match fra college negli Stati Uniti, io nell’Oral Roberts, lui nella South Western Louisiana (se non ricordo male).

Per ricordare il comportamento dei quattro azzurri in quel giorno degli ottavi, Vilas battè Bertolucci 6-3 6-4, Panatta vinse su Higueras 6-4 7-6 e stavolta senza incidenti, Barazzutti perse da Dibbs 7-5 6-4, Ocleppo battè Feigl 6-4 3-6 7-5. Quel torneo del ’79 sarebbe poi stato vinto da Gerulaitis su Vilas dopo una maratona incredibile di 4 ore e 53 minuti 6-7 7-6 6-7 6-4 6-2 il cui racconto trovate qui.

I bagarini in quegli anni facevano affari d’oro. Era l’era Panatta, l’epoca d’oro del tennis italiano. Mai più vissuta. Ora, finalmente, sogniamo di riviverla, grazie a Berrettini e ai due ragazzini (e fa anche rima). Non è facile scrivere un editoriale dopo aver già realizzato un video che riassume le gesta di Lorenzo Musetti (lo trovate a fine articolo), capace di ripetersi ai danni di un Nishikori meno arrendevole di quanto fosse stato nel primo set Wawrinka. Due scalpi illustri, un triplo campione di Slam e un finalista dell’US Open, due ex top five.

Ho infatti aperto il mio intervento sul video, che registro alla meglio con i miei modesti mezzi – mica dispongo dei fondi di Supertennis! Anche se una ricerca della Bocconi sostiene che se avessi dovuto spendere in promozione pubblicitaria l’audience che raccolgo con questi video sarebbe roba che vale parecchi milioni – esclamando (solo per quei pochissimi che questa volta non l’avessero visto pur sapendo che ne faccio uno al giorno): “Altro che prova del 9! Lorenzo Musetti ha superato almeno quella del 18”. I successi conquistati nelle qualificazioni e nei due turni del Masters 1000 romano – primo diciottenne capace di tanto – gli hanno fatto guadagnare 70 posti in classifica ATP. Un balzo da numero 249 a 179. Numeri che devono far riflettere. Se si dice che Sinner, n.81, deve aver pazienza, e con lui i suoi tifosi, quanta ne deve avere Musetti?

Il suo tennis è più brillante di quello di Sinner, ma proprio per questo anche più rischioso. I bassi lo attendono minacciosi più degli alti, nell’immediato. Già il match con un (quasi) carneade tedesco che non è mai stato più su di n.83 del mondo, ma che è mancino – i mancini sono tipi… sinistri, dicevano nel MedioEvo – e qui ha battuto il tignoso De Minaur 7-6 al terzo e un meno tenace Monfils, si presenta tutt’altro che semplice. Bene o male il tedesco che vive in Florida, a Tampa, è tipo che l’anno scorso giunse agli ottavi dell’US Open, anche se noi quasi non ce accorgemmo perché tutti impegnati a seguire le prodezze di Berrettini. Il suo ranking lo deve soprattutto a quell’exploit. Eppure non fa mistero nel dire che la sua miglior superficie è la terra rossa. Uomo avvisato, mezzo salvato, caro Lorenzo Musetti.

Il rischio è che, dopo aver magari dormito pochino per l’impresa bis, ma stavolta senza 24 ore di decompressione, Lorenzo si trovi sulle spalle il peso di dover fare il tris… perché la gente che si è entusiasmata per il suo magnifico rovescio a una mano – ma l’avete visto quel passante che perfino Nishikori si è fermato ad applaudire? – quasi pretende che vinca ancora, anche se fra lui e il tedesco ci sono un centinaio di posti di gap in classifica.

Si ha un bel dire che la classifica non conta, ma invece qualcosa di solito significa. Non ho poi avuto tempo di vedere come Lorenzo se la cavi con i mancini. Ma certo non ne avrà incontrati a bizzeffe. Sarà un problemino in più, in aggiunta a quello di una inevitabile stanchezza per i match disputati a Roma e in tutte le ultime settimane senza sosta. Per tutti questi motivi forse il match di oggi è più difficile dei due che l’hanno preceduto. Non difficile come l’eventuale prossimo comunque… perché nei quarti gli toccherebbe Djokovic (più che Krajinovic, vero?).

Mi sono sbilanciato di più, invece, per il match Sinner-Dimitrov. E, sempre nel video… beh no, questa volta non ve lo dico, altrimenti che lo faccio a fare? Anzi, sapete che vi dico? In attesa delle immancabili scuse della FIT per il mio mancato accredito stampa, vado in salotto con brioche e cappuccino davanti alla tv a godermi il duello nazionale e mattutino (qui trovate il programma completo di oggi), Berrettini-Travaglia, per il quale posso sbilanciarmi in un pronostico sicuro: il match non sarà interrotto, come ieri sera, per un black-out elettrico piuttosto imbarazzante.

Smentisco infine, lieto così facendo di restituire un minimo di speranza ai creditori di sette milioni di biglietti, la fake news circolata ieri sera secondo la quale pareva che Angelo Binaghi non avesse pagato la bolletta all’Enel a seguito della mancata vendita degli altri biglietti. Con la previsione di un prossimo fatturato simile a quello della Federcalcio, la FIT ha fatto anche sapere di essere perfettamente in regola con le bollette: si è trattato di un semplice guasto tecnico.


Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Sinner e Musetti, attenti a quei due, ma non pretendete miracoli. E meno male che c’è Berrettini

La fortuna dell’uno è che c’è l’altro. E Matteo a fare da ombrello. Due tennisti precoci l’Italia non li ha mai avuti. Personalità e carattere da vendere. E se l’assenza del pubblico agli Internazionali di Roma aiutasse?

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Un giorno Musetti, un giorno Sinner, provano a farci dimenticare che il numero 1 del tennis italiano si chiama Matteo Berrettini e che è il tennista romano quello che ha nettamente più risultati, miglior classifica e più chances di andare avanti nel torneo al quale tutti i tennisti italiani tengono naturalmente e tradizionalmente tantissimo, in molti casi quanto e più che a uno Slam. Tant’è che in passato spesso alcuni tennisti italiani hanno avvertito una tale pressione da far registrare risultati deludenti, quando non veri e propri flop.

Tutto il mondo è Paese. Sam Stosur ha sempre giocato Australian Open disastrosi, idem Amelie Mauresmo al Roland Garros. Non era una questione di nemo propheta in patria. Era una questione di nervi fragili. Corrado Barazzutti, che pure è stato top-ten, era certo uno specialista della terra rossa e veniva considerato un duro a morire (anche se era un piangina, frignava sempre), a Roma ha perso quattro volte al primo turno, tre al secondo, cinque volte al terzo e due sole volte è arrivato nei quarti come miglior risultato. Anche Francesca Schiavone, Roberta Vinci e Flavia Pennetta, come Corrado, hanno certamente giocato meglio altrove che a Roma.

Quest’anno, forse perché non c’è il pubblico sugli spalti, i tennisti italiani stanno facendo in gruppi risultati straordinari, sembrano esprimersi meglio. Sono più tranquilli. Anche se non cominciano bene reagiscono serenamente senza angosciarsi (Caruso con Sandgren, Berrettini con Coria), anche se non chiudono un set (Travaglia con Coric) o un match (Musetti nel secondo set con Wawrinka, Sinner nel secondo set con Tsitsipas) non perdono la testa, ma con calma vanno avanti per la loro strada, con personalità. E anche nei tiebreak, che una volta i “nostri”, da latini più emotivi, perdevano quasi sempre, adesso invece spesso li portano a casa. Che sia perché nessuno gli fa “buuhh” quando sbagliano una palla facile o mancano un’opportunità? Il dubbio c’è.

 

Che un tennista più esperto ci riesca è in fondo più normale. Che riescano a restare freddi anche i giovanissimi lo è meno. La componente emotiva, l’ambiente, ha sempre condizionato parecchio i nostri giocatori. I tennisti italiani sono sempre maturati piuttosto tardi anche per questo motivo. Farina, Schiavone, Pennetta, Vinci hanno giocato meglio e con maggior consapevolezza, quando erano più vicine alla trentina che a 20 anni. Ma anche fra gli uomini abbiamo avuto tanti casi di tennisti “sbocciati” in ritardo con il loro best ranking, quasi mai prima dei 23/24/25 anni ai loro migliori livelli: Pietrangeli, Panatta, Sanguinetti, Pozzi, Seppi, Starace, Fabbiano, Lorenzi, cito in ordine sparso. Altre nazioni hanno avuto enfant-prodige, Spagna, Francia, Svizzera, Germania, USA, Russia, Australia, Serbia, Croazia, Svezia, Argentina. Noi fino a oggi no.

Quindi, tornando ab ovo, Berrettini è sì il nostro miglior giocatore, 65 posti virtuali davanti a Sinner (n.73 virtuale dopo la vittoria su Tsitsipas), 193 davanti a Musetti (che ha fatto un balzo di 48 posti nella classifica virtuale per aver battuto Wawrinka, da 249 a 201), ma avrete notato che tutti i titoli dei media per questi primi degli Internazionali d’Italia se li sono presi i due ragazzini, Musetti e Sinner. Ci sarebbe, in aggiunta a Berrettini, anche un Fabio Fognini, 33 anni e a ridosso dei top-ten, da non dimenticare per quanto ha fatto negli ultimi dieci anni, di certo il miglior tennista italiano dai tempi di Panatta e Barazzutti. Ma ora non sembra ancora pronto e nessuno si aspetta granché da lui, per via dell’operazione alle caviglie e forse non solo. Avrà voglia di mettersi sotto torchio?

Ma si sa che le novità, i giovanissimi, hanno un appeal tutto particolare presso l’opinione pubblica e noi media, un po’ troppo ruffianamente a volte, gli diamo corda. È stato chiesto ieri a Berrettini se lui si sentisse un leader di questa covata di giovani promesse e lui è stato onesto a non cavalcare l’onda, ma a ricordare che “il tennis è uno sport individuale, ognuno corre per sé, anche se poi sono molto contento se il tennis italiano va bene e conquista successi importanti con più giocatori”.

Lo scorso anno, dopo la vittoria di Sinner nel torneo ATP-Next-Gen di Milano sui media si era finito per dare più spazio al “fenomeno” Sinner che a Matteo semifinalista a New York, top-ten e uno dei Magnifici Otto al Masters ATP di Londra. Talvolta Matteo, pur sorridendo, con tatto e ironia, aveva finito per mostrare qualche piccolissimo segno di insofferenza a ritrovarsi messo sullo stesso piano di Jannik, il quale naturalmente non aveva nessuna colpa se una vittoria fra i Next-Gen e con quelle regole bislacche veniva paragonata ai successi di Matteo fra gli adulti del massimo circuito professionistico, nel tennis vero.

Non c’è dubbio che battere Wawrinka e Tsitsipas siano due ottimi risultati. Restano tali anche se né Wawrinka, inguardabile nel primo set e fino al 3-1 del secondo, né Tsitsipas, irriconoscibile nel primo set e nel terzo, si sono certo espressi al meglio. I due ragazzi sono entrambi avanti rispetto a tutti i loro coetanei, lo dice la classifica, lo dicono i risultati, hanno entrambi talento e soprattutto hanno personalità, intelligenza, voglia di arrivare e attorno a loro equipe professionali fatte di persone in gamba. Oltre a un background familiare impeccabile: genitori seri, modesti, lavoratori, di sani principi. Tutto ciò aiuta. Aiuta tanto.

I due ragazzi sono sufficientemente umili. Sanno di essere solo all’inizio, di dover mangiare ancora tante pagnotte per salire ai vertici. Hanno le spalle forti. Sanno che senza lavoro non si arriva da nessuna parte importante nemmeno se si sembra predestinati. Sono giustamente ambiziosi e pensano di potercela fare a salire in alto, anche molto in alto, ma sanno anche che ci vorrà tempo. Anni, non mesi. Quanti nessuno può saperlo.

Stanno facendo esperienza, sono ben assistiti, ben programmati. Forse se Sinner non fosse andato a Kitzbuhel per approcciare il tennis sulla terra rossa, anche se al secondo turno ha giocato malissimo e c’è chi gli ha subito gettato la croce addosso, non avrebbe battuto Tsitsipas ieri. Soprattutto dopo essersi lasciato sfuggire di mano il secondo set quando pareva vinto. E i due matchpoint mancati non hanno lasciato tracce nella sua testa. Chapeau. Così come non le avevano lasciate nella testa di Musetti la rimonta di Wawrinka nel secondo set, il ritrovarsi a giocare un tiebreak contro un campione di 17 anni più anziano e mille volte più esperto. Entrambi hanno superato, in questi giorni e alla loro giovanissima età, momenti psicologici tutt’altro che semplici. Come quello di una vittoria quasi raggiunta che rischia di scivolarti di mano. Quanto carattere, quanta personalità ci vuole in quei casi!

L’Italia è fortunata ad avere trovato un Berrettini, cresciuto come tennista e uomo al fianco di una persona perbene e in gamba, dedicata come Vincenzo Santopadre, ma anche ad aver torvato due ragazzi come Sinner e Musetti per tutto quanto ho scritto sopra. E so bene che dietro di loro ce ne sono altri. Zeppieri con Musetti ha perso di strettissima misura. Mi dicono bene di Gigante, ma non ricordo di averlo visto giocare.

Ma la gran fortuna di Sinner è di avere un Musetti alle sue spalle che incalza, e la gran fortuna di Musetti è di avere un Sinner che gli sta davanti. Ciascuno dei due sa che… la scimmia sulle spalle pesa meno quando si è in due a portarla. Adesso l’attenzione generale si sposterà da uno all’altro – ed entrambi coperti dall’”Ombrello Berrettini”, senza pesare troppo né sulle spalle dell’uno né su quelle dell’altro. È un vantaggio di cui, ad esempio, Fognini ha potuto godere assai poco. E forse ha pagato anche questo handicap, a parziale giustificazione di troppe sue altre carenze manifestatesi negli anni.

Da anni e per anni è stato lui il n.1, quindi gioie e dolori, trionfi e disastri come ammonisce Rudyard Kipling fin dall’ingresso della club house dell’All England Club, applausi e fischi lo hanno regolarmente inseguito, anche perché per quel suo carattere spesso indisponente in campo quanto magari apprezzabile fuori (non con tutti, non con me), ha finito sempre per relegare al ruolo di comprimari quasi tutti i suoi connazionali e compagni di Davis. Il talento tennistico di Fognini non lo avevano altri che potessero aspirare ai suoi stessi traguardi. O lui o nessuno, si è detto per anni, poteva approdare fra i top-ten. E lui alla fine ce l’ha fatta, anche se ci ha messo una vita e ha centrato quel traguardo soltanto a 32 anni.

Per Sinner e Musetti, invece, tutti pensano che le possibilità ci siano per entrambi. Il potenziale però è una parola vuota. Quanti sembrava che ce l’avessero e non hanno combinato un bel nulla? E nel frattempo c’è un Matteo Berrettini che è n.8 del mondo e permette ai due giovani rampolli d’umile famiglia (molto meglio non essere ricchi e presuntuosi per arrivare) di percorrere la loro strada con maggior pazienza, senza ansie, senza che siano in troppi a pretendere subito miracoli a ripetizione. Quelli, per ora, vengono richiesti a Matteo. E troppe volte, lui per primo lo sa, si esagera.


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement