Classifica ATP immutata. La classifica dei lettori di Ubitennis al 31/12/2024

Flash

Classifica ATP immutata. La classifica dei lettori di Ubitennis al 31/12/2024

Pochi spunti dall’aggiornamento di classifica maschile, che promuove soltanto il vincitore di Winston-Salem, Hurkacz. Più interessanti i risultati dei vostri pronostici sulla top 10 del futuro

Pubblicato

il

Chi desidera vedere le classifiche relative ai primi 20 giocatori del mondo e quelle avulse è sufficiente che legga la rubrica della scorsa settimana poiché sono immutate.

1Novak Đoković 11685
2Rafael Nadal 7945
3Roger Federer6950
4Dominic Thiem4925
5Daniil Medvedev4125
6Alexander Zverev4005
7Kei Nishikori4005
8Stefanos Tsitsipas3455
9Karen Chačanov2890
10Roberto Bautista Agut2575
11Fabio Fognini2510
12Borna Ćorić2160
13Gaël Monfils2140
14John Isner2075
15David Goffin2055
16Juan Martín del Potro2050
17Kevin Anderson2050
18Nikoloz Basilashvili1985
19Félix Auger-Aliassime1750
20Guido Pella1735

Le poche novità rispetto a sette giorni addietro sono frutto del torneo 250 disputato a Winston Salem e vinto da Hubert Hurkacz su Benoit Paire. Grazie a questa vittoria il ventiduenne polacco ha guadagnato sei posizioni e si trova ora al trentacinquesimo posto della classifica generale. Lo sconfitto si è consolato con quattro posti in più nel ranking (oltre ai 56.000 dollari di premio che aiutano) dove oggi occupa la ventiseiesima poltrona.

(FORSE) NON TUTTI SANNO CHE… –Un polacco non vinceva un torneo ATP dal 1982 anno in cui Wojciech Fiback si impose a Chicago. Hurkacz è il 14esimo tennista a conquistate per la prima volta un titolo ATP nel corso del 2019. Gli altri tredici sono: de Minaur- Sandgren – Londero – Djere – Opelka – Albot – Pella – Garin – Mananrino – Fritz – Sonego – Jarry – Lajovic.

 

MEGLIO TARDI CHE MAI –Il titolo potrebbe essere letto in duplice modo:

  1. per il ritardo con il quale ci siamo accorti del record stabilito da Fabio Fognini quando è entrato in top 10 per la prima volta lo scorso giugno.
  2. Per la stessa natura del record

Il tennista ligure è infatti il giocatore più anziano in assoluto ad avere raggiunto questo traguardo dall’agosto del 1973, ovvero da quando fu istituita la classifica ATP.

CASA ITALIA – La Dea bendata all’atto del sorteggio del tabellone principale degli US Open non è stata particolarmente benigna con i nostri connazionali qualificati di diritto (Fognini – Berrettini – Sonego – Cecchinato – Seppi – Fabbianoe per meriti acquisiti in campo (Sinner). Lo è stata però ancora meno nei confronti del sud-africano Kevin Anderson che al primo turno avrebbe dovuto affrontare il vaso di coccio del torneo: il sedicenne Zachary Swajda attuale numero 1410 del mondo a cui gli organizzatori hanno offerto una wild card. Abbiamo utilizzato il condizionale e il tempo passato perché Anderson si è ritirato per problemi fisici ed è stato sostituito dal lucky loser Paolo Lorenzi.

La vittoria contro il teenager statunitense darebbe a Lorenzi la possibilità di non perdere i punti guadagnati a New York nel 2018 e di guadagnare i 100.000 dollari destinati ai giocatori che raggiungono il secondo turno. Più lucky di così!

BEST RANKING – Un solo giocatore questa settimana ha raggiunto il suo miglior piazzamento in carriera tra quelli compresi nelle prime 100 posizioni: Hubert Hurkacz (35). La caccia al miglior piazzamento di sempre ottenuto da un tennista polacco –   il decimo di Fjbak – è aperta.

TOP TEN 2024 –Quali giocatori appariranno nella top ten del 31 dicembre 2024? Questa è la domanda che vi abbiamo posto pochi giorni fa per giocare insieme. Poiché il gioco consentiva di nominare esclusivamente tennisti nati dopo il  31 dicembre 1989 avremmo potuto porre il quesito nel seguente modo: immaginate uno scenario in cui tutti i giocatori nati prima degli anni ’90 si siano ritirati e diteci chi saranno – a vostro parere – i primi 10.

Molti di voi si sono messi in gioco e hanno proposto la propria classifica; inclusa quella di Ubitennis ne abbiamo raccolte 25. Un panel di analisi molto interessante dal quale abbiamo tratto le seguenti macro-conclusioni che siamo lieti di presentarvi.

31 i giocatori nominati. Di seguito il dettaglio delle preferenze espresse:

TSITSIPAS24
AUGER ALIASSIME24
THIEM24
ZVEREV22
MEDVEDEV21
KHACHANOV14
RUBLEV14
SINNER12
KYRGIOS12
CORIC11
SHAPOVALOV11
BERRETTINI11
DE MINAUR10
CHUNG4
OPELKA4
HURKACZ4
KECMANOVIC3
HUMBERT3
MOLLEKER2
FRITZ2
EDMUND2
TIAFOE2
POPJRIN1
BASILASHVILI1
DIMITROV1
MUSETTI1
ALCARAZ GARFIA1
SCHWARTZMAN1
GOFFIN1
JARRY1
MUNAR1
  • 7 i tennisti nati nella prima metà degli anni ’90: Kyrgios-Edmund-Goffin-Dimitrov-Basilashvili-Schwartzman-Jarry.
  • 3 i nati nel nuovo millennio : Sinner-Musetti-Alcaraz Garfia. Carlos Alcaraz Garfia e Lorenzo Musetti sono attualmente rispettivamente numero 571 e numero 495 del mondo.
  • 21 i giocatori nati nella seconda metà degli anni ’90.
Stefanos Tsitsipas – Queen’s 2019 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Shapovalov, Coric e Berrettini occupano la decima posizione a pari merito; Shapovalov vince però il confronto a tre sotto il profilo qualitativo come si evince dalla tabella che segue:

NOME12345678910 Voti
TSITSIPAS       9       5       5     –         3       1     –         1     –       –           24
AUGER       7       7       1       5       2       1       1     –       –       –           24
THIEM       3       4       5       4       3       3       1     –         1     –           24
ZVEREV       2       3       2       2       5       3       3       1       1     –           22
MEDVEDEV       2       3       5       5     –         4       1       1     –       –           21
RUBLEV     –       –         2     –         2       2       3       3       2     –           14
KHACHANOV     –       –         1       3       1       2       1     –         5       1         14
SINNER       2     –         1       1       1       2       1     –         1       3         12
KYRGIOS     –       –       –         2       3       2       2       2       1     –           12
SHAPOVALOV     –         2       2       2       1       1       1       1     1           11
BERRETTINI     –       –       –         1       1       1       1     –         2       5         11
CORIC      –       –       –       –         1       2       5       1       1       1         11

Per la stessa ragione Rublev prevale su Khachanov e Sinner su Kyrgios.

Alla luce del numero di preferenze (dato quantitativo) e delle posizioni (dato qualitativo), siamo lieti di presentare la CLASSIFICA UBITENNIS DEL 31.12.2024:

NomeRanking
TSITSIPAS1
AUGER ALIASSIME2
THIEM3
ZVEREV4
MEDVEDEV5
RUBLEV6
KHACHANOV7
SINNER8
KYRGIOS9
SHAPOVALOV10

Grazie per avere giocato con noi e appuntamento al termine dello US Open. Buon tennis a tutti.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Entry list WTA, Week #39: otto top 10 a caccia del titolo di Wuhan, c’è anche Giorgi

Due i tornei che si giocheranno la prossima settimana. Nel Premier 5 di Wuhan assenti solo Serena Williams e Bianca Andreescu, Paolini al via nell’International di Tashkent

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - Wuhan 2018 (via Facebook, @wuhanopentennis)

Nella settimana che segna l’inizio del tournée asiatica del circuito ATP, entra sempre più nel vivo quella del tour femminile. La prossima settimana si giocheranno infatti due tornei: l’International di Tashkent e il ricco torneo di Wuhan, ultimo Premier 5 della stagione WTA.

A Wuhan (a trionfare lo scorso anno fu Aryna Sabalenka) saranno presenti otto delle migliori dieci giocatrici del mondo (ci sarà anche Naomi Osaka, che ha accettato la wild card offerta dagli organizzatori). Le uniche assenti saranno le finaliste degli US Open, Serena Williams e Bianca Andreescu, che si è presa un po’ di meritato riposo dopo il trionfo newyorkese: la 19enne canadese tornerà in campo la settimana successiva nel Premier Mandatory di Pechino. Relativamente alle posizioni dalla 11 al 20, mancheranno invece Johanna Konta e Anett Kontaveit, mentre saranno della partita Vekic, Yastremska, Muguruza, Azarenka e Camila Giorgi, che è entrata direttamente in tabellone grazie ad alcune defezioni. Risulta per il momento iscritta anche Amanda Anisimova, che potrebbe dunque fare il suo ritorno in campo dopo il terribile lutto che l’aveva colpita alla vigilia degli US Open.

Sarà decisamente inferiore il campo di partecipazione nell’International di Tashkent, con la nostra Jasmine Paolini ultima giocatrice ad entrare per accettazione diretta. A guidare il tabellone, privo di giocatrici classificate tra le prime 50 del mondo, sarà la numero 53 Viktoria Kuzmova. Oltre alla slovacca, ci saranno la campionessa in carica Margarita Gasparyan, Alison Van Uytvanck, Jelena Ostapenko e Timea Bacsinszky.

 

Le entry list aggiornate della 39esima settimana
Il calendario WTA

Continua a leggere

Flash

Entry list ATP, Week #39: Murray a Zhuhai con Kyrgios e Cecchinato

La prossima settimana si giocheranno due tornei di categoria 250, entrambi in Cina. A Zhuhai comanda Murray con il ranking protetto, a Chengdu vanno Isner e i giovani canadesi

Pubblicato

il

Andy Murray in allenamento - Queen's 2019 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Tutti in Asia a partire dalla prossima settimana. Con i tornei 250 di Chengdu e Zhuhai si apre la tournée asiatica del circuito ATP, che si concluderà con il Masters 1000 di Shanghai (6-13 ottobre) passando per i 500 di Pechino e Tokyo (dal 30 settembre al 6 ottobre). Andiamo un passo alla volta e vediamo chi sarà in campo la prossima settimana.

L’attenzione sarà focalizzata principalmente sulla prima edizione del torneo di Zhuhai, dove sarà presente Andy Murray. Il britannico, che guiderà il seeding del 250 cinese in virtù del ranking protetto, riprenderà il suo percorso di rientro in singolare dopo le due sconfitte al primo turno a Cincinnati e Winston-Salem e gli ottavi raggiunti nel Challenger di Rafa Nadal a fine agosto. Oltre a Murray, saranno presenti due top 10 (Stefanos Tsitsipas e Roberto Bautista Agut) e due top 20 (Gael Monfils e Borna Coric). A completare un entry list di tutto rispetto, ci saranno anche Nick Kyrgios, Lucas Pouille, Alex de Minaur e Marco Cecchinato, unico azzurro sicuro di un posto in tabellone (Andreas Seppi e Stefano Travaglia sono al momento fuori rispettivamente di due e cinque posti).

A guidare il seeding del torneo di Chengdu sarà lo statunitense John Isner, unico top 20 al via. Saranno invece cinque i giocatori presenti tra i primi 30 del mondo: il numero 21 Felix Auger-Aliassime, il 23 Benoit Paire, il 25 Grigor Dimitrov (in tabellone grazie ad una wild card), il 29 Dusan Lajovic e il numero 30 Taylor Fritz. Al via anche Fernando Verdasco e Denis Shapovalov, mentre non dovrebbero esserci italiani: Andreas Seppi è inserito tra gli alternates anche a Chengdu, ma al momento è fuori di cinque posti. Assente anche il campione in carica Bernard Tomic, che lo scorso anno conquistò il titolo superando Fabio Fognini in una finale rocambolesca.

 

Le entry list aggiornate della 39esima settimana
Il calendario ATP

Continua a leggere

Flash

Berrettini, le origini della svolta: “Quella settimana a Gstaad…”

Intervistato dal sito ATP, il numero 13 del mondo torna indietro di 14 mesi ricordando quando si è sentito per la prima volta in grado di competere con i migliori

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Gstaad 2018 (via Twitter, @SwissOpenGstaad)

Il lungo sprint finale della stagione di Matteo Berrettini parte da San Pietroburgo, dall’ottavo di finale (inedito) contro lo spagnolo Carballes Baena. L’azzurro cercherà nel 250 russo le prime conferme alla legittima ambizione di lottare fino alla fine per un posto nelle Finals. Ci arriva dopo un breve periodo di relax in Italia, durante il quale ha avuto modo di ragionare a freddo sulle due settimane di gloria allo US Open e su un’annata – quella in corso – andata oltre le migliori aspettative.

Se la semifinale a Flushing Meadows ha rappresentato la consacrazione, l’avvio del rito di passaggio da promessa a realtà del tennis mondiale ha però una data. Intervistato sul sito ATP per una delle monografie della rubrica “My story”, il numero 13 del mondo ha schiacciato il tasto review per tornare indietro di poco più di un anno.

QUELLA DOPPIETTA – Sulla terra svizzera di Gstaad, a luglio 2018, il romano conquistò il suo primo trionfo nel circuito maggiore in singolare, centrando anche l’inaspettato bis con il successo in coppia con Daniele Bracciali contro Molchanov e Zelenay. Le prime due coppe pregiate in bacheca e un’iniezione di energie positive.

Ricordo una settimana indimenticabile – racconta – ci arrivai da numero 84 del ranking e senza il mio allenatore (Vincenzo Santopadre, ndr) che si era preso una settimana di vacanza. In doppio non avevo mai vinto prima di allora a questi livelli e ci siamo ritrovati a sollevare il trofeo. In singolare ho battuto tre teste di serie come Rublev, Feliciano e Bautista Agut in finale. C’erano tanti italiani in tribuna ed è stata davvero una bella sensazione. Solo dopo qualche settimana ho realizzato la portata di quei giorni, in cui per la prima volta ho capito di potermela giocare alla pari con i migliori del mondo. È una consapevolezza importante da raggiungere per un giovane nel pieno percorso di crescita“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement