Laver Cup: sbaglia chi crede che i campioni siano grandi attori

Editoriali del Direttore

Laver Cup: sbaglia chi crede che i campioni siano grandi attori

GINEVRA – Federer, Nadal, tutti, sono ragazzi nati per vincere e competere. Più di Kyrgios che ha bisogno di non sentirsi solo. La classifica ATP? “Fuor dalla finestra!”. McEnroe e Borg, quanto sono diversi

Pubblicato

il

Spazio sponsorizzato da Barilla


da Ginevra, il direttore

Secondo me John Isner ha ragione. In questo genere di sfide, la classifica conta poco. “La puoi gettare dalla finestra”. Come, a dir il vero, non è mai contata troppo neppure in Coppa Davis. A quante sorprese abbiamo assistito in Davis? Non si contano. Sono le motivazioni, l’ambiente, il clima di squadra, che uno sente di più e l’altro meno, che trasformano un giocatore in guerriero e un altro in un pavido interprete, che possono trasformare tennisti più ‘scarsi’ per il computer in agonisti ricchi di garra e capaci di far tremare coloro che stanno avanti nel ranking e più sulla carta che sul campo.

Cinque top 10 contro un solo top 20 ma per poco, un tie-break vinto da Zverev anziché da Raonic (in un duello che nei precedenti vedeva il canadese avanti 2-1), per un soffio

 

a trionfare per la prima volta in tre edizioni di Laver Cup, non è stata Team World.

Ha ragione anche l’organizzatore ombra Roger Federer – dall’alto dei suoi sei singolari tutti vinti in tre edizioni (“Not too bad!”)- a dire che sotto il profilo tecnico il livello di questa edizione svizzera è stato superiore alle precedenti due edizioni. Hanno torto coloro che, pur legittimati ad esprimere opinioni negative su questa manifestazione, si lasciano troppo influenzare dagli sguaiati eccessi di chi siede in panchina, con le magliette rosse come con le magliette blù.

Chi ha avuto la pazienza di leggere i miei editoriali nei giorni scorsi sa che anch’io sono assai perplesso riguardo a diversi aspetti di questa Laver Cup – non li ripeto per non eccedere in prolissità, ma potete leggere qui il primo e qui il secondo – però credo di conoscere (più di molti lettori), quasi tutti questi ragazzi diventati campioni. E sostengo: non sarebbero mai diventati campioni se non fossero stati tutti, fin da bambini, incredibilmente competitivi. Quasi ossessionati dall’idea di dover prevalere in qualunque campo si trovino a dover sfidare un avversario. Riflettete sull’etimologia del sostantivo avversario: lui ti avversa, tu devi prevalere, e se puoi devi annientarlo. A tennis, a ping-pong, a carte, alla Play Station. Guai a perdere. Lo smisurato ego e l’orgoglio di chiunque sia campione non può consentirlo.

Anzi, lo spirito di questi campioni quasi mai matura, e proprio nel momento in cui matura il campione è paradossalmente pronto per la pensione. Non è (ancora) il caso di Federer, che a 38 anni ha ancora l’entusiasmo del ragazzino. Gioca perché gli piace da morire, l’ha detto mille volte. Nadal a 33 anni idem. Giocheranno fino a che si sentiranno competitivi, in grado di vincere. Roger è stato a un punto dal vincere l’ultimo Wimbledon, Rafa ha vinto l’ultimo US Open. C’è qualcuno che può lontanamente mettere in discussione il loro diritto a sentirsi competitivi? Gli altri che erano a Ginevra, ben più giovani, vedono che i campioni che sono stati i loro idoli giovanili non mollano neppure se giocano a freccette, figurarsi se mollano loro.

Nati e cresciuti come agonisti di uno sport individuale, nel quale gioie e dolori sono pressoché quotidiani – perfino i campionissimi hanno perso più partite di quante ne hanno vinte, dai primi vagiti con racchetta in poi – ecco che il clima di squadra mai vissuto prima al di fuori delle primissime esperienze di club (in cui però sono quasi sempre stati prime donne, “prospetti”  fin dall’embrione) li coglie di sorpresa, decisamente li turba, un po’ li sconvolge, molto li affascina. Si accorgono improvvisamente che il mondo del tennis non è quello che conoscevano e che magari temevano, di certo diffidavano. E, come in tutti i gruppi di qualunque tipologia, c’è sempre qualcuno che è più estroverso ed entusiasta, che ha più personalità e capacità di trascinare gli altri, che è più leader nell’anima. Gli altri ne avvertono il carisma e lo subiscono.

Pensate a un Federer, a un Nadal e a quali sensazioni possano ispirare nei Next-Gen, campioni in formazione. Ammirazione sconfinata. Spirito di emulazione. Illimitata fiducia. E nei gruppi, anche quelli più sani – cioè diversi dagli ultras di certe curve calcistiche – si finisce per caricarsi gli uni con gli altri, per comportarsi come non ci si sarebbe mai comportati se ci si fosse trovati a dover agire da soli. Non c’è niente di male, in fondo, e tutti finiscono per dire: ma perché no?

Davvero vi sorprende che uno con la testa di un Kyrgios, ragazzo istintivo e incontrollabile com’è, possa perdere la testa nel vivere atmosfere del genere? Anzi, è un piacere sguazzarci, bando alle barbose tradizioni che ti vorrebbero appiccicare addosso anche se tu, per un’educazione assolutamente diversa da quella che ha ispirato i progenitori del tennis, non le senti tue. Ti diverti, non senti la pressione di chi è solo e non ha nessuno che ti parla, ma c’è chi ti dà una pacca sulle spalle ad ogni cambio di campo, chi ti consiglia e tu sai che quello è stato più campione di te, ne sa più di te, ti ha convocato, ti capisce, ha fiducia in te. Che può desiderare di più un tipo come Kyrgios che fa una fatica boia a disciplinarsi, a concentrarsi set dopo set, partita dopo partita e magari si trova pure una folla ostile che gli fa buuuh ogni volta che lui scaglia una racchetta (o un paio di sedie) per terra?

Kyrgios e Sock – Laver Cup 2019 (via Twitter, @LaverCup)

Kyrgios non è il solo ad esaltarsi in un clima del genere. Anche Sock alla Laver Cup si trasforma. Perfino in singolare, lui che è formidabile in doppio, anche perché è più grosso di Wawrinka e… semovente, non ha il suo rovescio anche se con il dritto ti fa cadere la racchetta di mano. Avete mai parlato con i due fratelli Sock che sono spuntati fuori dal Nebraska e sono l’incarnazione più genuina dello stereotipo dell’americano bambinone che tanti scrittori hanno dipinto in modo inconfondibile? Eric, peraltro ex tennista di college, ha alle spalle un episodio medico che per poco non si è trasformato in una tragedia a causa di una grave infezione polmonare nel 2015.

Forse è ingeneroso che io abbia preso loro due come esempio di ragazzi che non hanno nulla a che spartire con il tennis dei gesti bianchi, con le tradizioni dell’All England Club e dei mousquetaires francesi degli anni Venti, ma per favore non commettete l’errore di  credere che bravissimi giovanotti presenti a Ginevra, sia del team Europa sia del Team World, siano troppo diversi come background educativo, culturale, spirituale, intellettuale. Viviamo in piena epoca-social dove trionfano la Ferragni e Fedez. Si salta in discoteca, ci si abbraccia e si salta anche sui campi da tennis, con la musica che ti assorda ai cambi di campo, con le TV Grande Fratello che ti inquadrano in tutte le tue reazioni e, se non sei Borg, più fai… casino e più coinvolgi gli altri, più ti diverti. E se ti accorgi – e te ne accorgi – che anche la gente sugli spalti si diverte, si eccita, partecipa, grida a più non posso, fa le ola o lascia esplodere i “po-po-po-po” di Seven Nation Army – incoraggiati dagli speaker e dagli stessi giocatori “Loud, loud, more loud!” – beh scandalizzarsi oggi vuol dire pretendere di vivere fuori dai tempi in cui invece viviamo. O comunque nei quali vivono i nostri campioni di oggi. E non solo i ventenni, ma anche gli ultra-trentenni.

Pensate davvero che tutto il team Europa fosse impersonato da campioni attori (maestri di recitazione) che bluffavano nel buttarsi addosso a Zverev, sdraiato per terra, dopo il passante di dritto incrociato che gli ha dato la vittoria su Raonic e il World Team? No, erano felici davvero. Avevano vinto! Erano ebbri di gioia. Vera gioia. Magari costruita un tantino all’inizio, ma poi genuina, condivisa. Così come agli sconfitti, giocatori come capitani, bruciava da morire. Erano abbattutissimi. Ancora ascoltate le parole di Isner: “L’eccitazione per la vittoria è stupefacente per loro, e l’agonia della sconfitta è dolorosa per noi. È la terza volta per me, per Nick, per Jack, per i capitani. Ti brucia. Non è facile accettare l’agonia di una sconfitta che arriva in questo modo”.

La Laver Cup è tutt’altro che un evento perfetto, ma raggiunge il suo scopo. Diverte chi lo gioca assai di più che un torneo individuale, diverte chi vi assiste senza pregiudizi, promuove il tennis in modo straordinario – sia pure un tennis diverso da quello tradizionale per format, modalità di partecipazione, punti attribuiti, tie-break e chi più ne ha più ne metta – registra il tutto esaurito fin dall’annuncio della prima vendita dei biglietti, a Praga, a Chicago, a Ginevra (la prossima edizione si terrà a Boston), pur essendo un evento di nessuna tradizione, piace alle audience televisive per la varietà delle situazioni che propone, senza che quasi nessun match travalichi l’ora e mezza.

L’idea, criticata, criticabile, ha avuto grande successo. È indubbio. Il successo che viene attribuito anche a manifestazioni “internazional-popolari”? Forse sì, ma contestare la Laver Cup, evento nuovo certo pensato anche per la TV, non serve a nulla. Semmai ci si possono porre altri interrogativi. Che sarà di essa il giorno in Federer e Nadal non la giocheranno più? Che farà Federer? Forse il capitano di Team Europa al posto di un Borg sempre più …Borg? Cioè l’esatto opposto di quel che è l’effervescente John McEnroe, mai soporifero e sempre capace di rompere tutti gli schemi ogni volta che apre bocca. E non solo quando mi ha detto questo – ridendo e facendo ridere tutti (e Kyrgios, Sock più di tutti) – nella conferenza stampa finale di Team World :

Don’t ask me any more f***ing questions if you don’t mind! You first asked me a question in 1978, I think, in Bologna. Ask somebody else a question, Ubaldo, and then I will take one more motorcycle ride with you, okay? Go ask somebody else something!
(Traduzione forse non necessaria: Non mi fare più f****te domande se non ti dispiace…mi hai fatto la prima domanda nel 1978 a Bologna, credo, fai la tua domanda a qualcuno altro, ok, e allora farò un altro giro in motocicletta con te , okay? Vai, fai la tua domanda a qualcun altro!).

Giusto per la statistica: la prima domanda gliela feci, in presenza di suo padre – e forse più che a lui a suo padre, l’avvocato John McEnroe senior – insieme a Rino Tommasi e Gianni Clerici, a Dallas 1973, quando John aveva appena compiuto 14 anni e giocava la finale di un torneino a 4 al Moody Coliseum, mentre si giocavano le finali dei Magnifici 8 del circuito WCT.

Mi sono dilungato, more solito, a sviscerare questo aspetto del coinvolgimento dei giocatori, perché dai vostri commenti mi pare che sia emersa soprattutto questa diffidenza nei confronti della sincerità degli atteggiamenti – così particolari, così diversi – dei tennisti che partecipano alla Laver Cup. Molti li accusano di recitare per il vil denaro. Io non la penso così e spero di essermi riuscito a spiegare.

Non E sono contento anche che mi sono rimasti altri aspetti da sviscerare nei prossimi giorni. Il regolamento che non piace a McEnroe, furibondo dopo che a seguito dei forfait di Nadal e di Kyrgios, quelle regole gli avevano impedito di modificare l’originale schema di formazione, i ritiri abbastanza strani nelle tempistiche di Rafa e Nick che avevano giocato due partite sabato e… se non erano nelle migliori condizioni perché? Il Bautista Agut, riserva misteriosamente scomparsa nel giorno del trionfo forse per senso di colpa per aver saltato San Pietroburgo e l’occasione di conquistare punti preziosi per sedersi in panchina (Berrettini ringrazia lui…e anche Fognini), pecunia non olet, soprattutto quando non devi far nulla che star seduto.

Thiem che si allena come una furia (inutilmente…) all’alba e prima che Team World venga informato del ritiro di Nadal. Tsitsipas che riesce nell’exploit di far perdere con due sciagurati tie-break Federer e Nadal nell’arco di 16 ore! Non so quante altre volte vedremo Rod Laver presenziare la Laver Cup. Mi sembra, purtroppo, sempre più imbalsamato. Ken Rosewall è molto più presente, ma non ha fatto due Grandi Slam e non ha un cognome che assomiglia alla Ryder Cup. È vero che Kyrgios non vorrebbe più giocare nel 2019? E a Tony Godsick, marito di Joe Fernandez, piacerebbe organizzare la Graf Cup (costringendo magari Maria Sharapova ad abbracciare tutte le sue compagne di squadra?)?  

Conto di farlo in un prossimo editoriale. Ma intanto voglio ringraziare sentitamente Laura Guidobaldi e John Horn che mi hanno dato gran mano a Ginevra e poi tutti i ragazzi che dall’Italia si sono fatti in otto (il doppio di 4…) per assicurarvi il miglior servizio possibile dovendo fronteggiare anche orari improbi. 

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Ancora nove vittorie azzurre al Roland Garros nei prossimi giorni e sarà mezzo trionfo

È già record con nove tennisti al secondo turno a Parigi. Ma i tabelloni suggeriscono prospettive straordinarie per Berrettini (quarti?), Sinner e Sonego (ottavi?), Cecchinato e Travaglia (terzo turno?)

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Sei ragazzi più tre ragazze italiane al secondo turno al Roland Garros è un record. Mi direte: vabbè ma è un secondo turno, non esaltiamoci… E io non mi esalto, anche perché a Roma tutti avevamo esultato per i quattro azzurri negli ottavi di finale e poi abbiamo visto come è andata: Berrettini nei quarti (ma era un derby con Travaglia quindi un approdo ai quarti di un azzurro era scontato), gli altri due eliminati sebbene Sinner ci avesse illuso vincendo il primo set contro un Dimitrov non irresistibile, mentre Musetti accusò contro Koepfer la fatica di tanti tornei e tante partite di fila e l’essere andato a letto molto tardi la sera prima dopo aver battuto anche Nishikori dopo Wawrinka. Fra Wawrinka e Nishikori c’era stato un giorno di riposo, fra Nishikorio e Koepfer no.

Ciò ricordato e premesso, mentre molti colleghi stranieri, americani e inglesi, mi chiamano per chiedermi quali possano essere le spiegazioni di questa massiccia presenza italiana negli Slam e nei top-100 e rivolgono quel tipo di domande anche ai nostri giocatori – Matteo Berrettini ha dato diverse risposte assolutamente condivisibili a Simon Cambers, che è anche il presidente dell’Associazione Giornalisti, l’ITWA – ho la sensazione che quest’anno in questo Roland Garros così diverso dai precedenti per i noti motivi (clima, palle, campi) quattro se non cinque dei sei tennisti azzurri hanno reali possibilità di fare ancora strada. E non necessariamente poca.

Uno nei quarti, due in ottavi, altri due al terzo turno? Un sogno? Secondo me no, anche se mi rendo conto che sarebbe una grande affermazione di squadra… in uno sport individuale come il tennis, un magnifico spot per il tennis italiano. Quelli che sono usi scommettere chiamano martingala le scommesse collegate, cioè quelle che se le azzecchi tutte vinci una fortuna perché le singole quote si moltiplicano, ma se ne perdi anche una sola salta tutto. Allora ora provo a entrare nei dettagli.

 

Dei sei italiani al secondo turno l’unico che mi sembra davvero chiuso dal pronostico, e non perché abbia giocato 6 ore e 5 minuti contro Moutet che gli stava avanti 86 posti in classifica (70 vs 156) è Lorenzo Giustino. Deve affrontare uno degli uomini più in forma del momento, “El Peque” Schwartzman e onestamente non vedo come il simpatico ragazzo napoletano cui abbiamo dedicato un profilo e che non aveva mai vinto le qualificazioni in 17 tentativi di Slam né aveva mai vinto un match a livello di circuito maggiore possa vincerne un secondo in queste circostanze. Magari! Ma non credo che avverrà.

Riguardo agli altri cinque, Berrettini (Harris), Sinner (Bonzi), Cecchinato (Londero), Sonego (Bublik) e Travaglia (Nishikori), direi che i match più complicati da vincere sono quelli di Travaglia e Sonego, per quanto Cecchinato con Londero non possa aspettarsi una passeggiata. Se Sinner perdesse con Bonzi sarebbe una clamorosa sorpresa negativa – non succederà vedrete – e anche Berrettini con Harris lo vedo fortemente favorito anche se il sudafricano è un tipo che pare molto sicuro del fatto suo. Oggi, dopo che ha battuto Popyrin, Lloyd Harris mi ha spiegato perché in Sud Africa gli hanno dato il nickname King: “Perché avevo 17 anni quando sono arrivato nella squadra di Coppa Davis e battevo tutti i miei compagni… da noi usa dare un nickname a tutti, e a me dettero quello. Non conosco troppo bene Berrettini ma è un top-ten e ha un gioco simile al mio, gran servizio e gran dritto. Credo di poter far match pari….

Io credo invece che Berrettini lo batterà, magari con un set o anche due che potrebbero arrivare al tiebreak. Ma Matteo con queste palle che lo costringono a picchiare anche di rovescio a tutto braccio – me lo ha detto lui – si trova bene e anche il campo pesante alla fine non lo danneggia. Gli dà più tempo per le ampie aperture, gli offre il destro per giocare qualche smorzata vincente e, sempre per averlo detto lui, “se anche faccio meno punti direttamente con il servizio, però posso aprirmi il campo angolandolo bene e forzare poi con il dritto”. Insomma l’ho visto bene con un Pospisil molto presto rassegnato. D’altra parte come non esserlo dopo 17 sconfitte consecutive sulla terra battuta?! Gli ha lasciato appena sette game. Continuo a parlare di Matteo perché è lui che io credo possa, o addirittura debba, arrivare ai quarti di finale. Con tutta probabilità contro Djokovic… e lì si vedrà.

Infatti se batte Harris trova poi probabilmente Struff (più che Altmaier), che gioca come Harris e un po’ come lui, servizio e dritto, ma meno bene di lui. E poi in ottavi probabilmente uno spagnolo, Bautista Agut o Carreno Busta, altrimenti l’argentino Pella. In ogni caso vedrei Matteo favorito. Ecco perché lo vedo arrivare nei quarti. Lui tocchi pure ferro.

Chi sono i due allora che penso possano raggiungere gli ottavi? Sinner quasi certamente, perché credo che batterà non solo Bonzi ma anche il vincente di Paire-Coria. E Sonego se riesce a superare l’ostacolo Bublik. Il kazako è un personaggio assolutamente imprevedibile dentro e fuori dal campo. L’ho intervistato ieri con Tommaso Villa che ha fatto un ottimo lavoro nel riprodurre l’intervista integrandola. E abbiamo pubblicato anche il video di uno dei suoi ace fatti battendo dal basso, sempre da sinistra verso destra nei punti dispari, con un taglio pazzesco: richiede una gran mano. Monfils che risponde stando vicino alla rete di fondocampo come tanti giocatori, non ha nemmeno abbozzato lo scatto. Forse Berrettini potrebbe imparare anche questo colpo. Lui la mano ce l’ha. Contro un Thiem un giorno potrebbe essere utile.

Insomma, inciso e divagazione Bublik a parte, se Sonego superasse il kazako che si affida molto al servizio ma può incontrare anche giornate disastrose, troverebbe poi Fritz (o Albot) e insomma il miglior Sonego avrebbe mille possibilità di superare anche quel turno e approdare quindi agli ottavi contro Schwartzman.

Un Cecchinato in ritrovata fiducia può battere l’argentino Londero, che ha vinto 14-12 su Delbonis, il secondo match più lungo del torneo dopo quello di Giustino-Moutet, e approdare al terzo contro Zverev, dove naturalmente il compito sarebbe ben più difficile e dipenderebbe più dal tedesco che da lui.

Travaglia al terzo turno può arrivare se Nishikori fosse quello che abbiamo visto a Roma contro Musetti ma forse non quello che ha battuto Evans al quinto set. I campi pesanti non sembrano l’ideale per un giocatore leggero come il giapponese, che con il suo grande anticipo ama chiudere i punti nell’arco di pochi colpi, e per questo motivo secondo me Travaglia – che è molto cresciuto anche in autostima – ha ottime chance di conquistare il terzo turno. Lì, però, lo aspetterebbe un certo Nadal e allora… disco rosso!

Ma, ribadisco, Berrettini nei quarti contro Djokovic, Sinner e Sonego in ottavi contro rispettivamente Zverev e Schwartzman, Cecchinato al terzo turno con Zverev e Travaglia al terzo turno contro Nadal, secondo me… il Mago Ubaldo che ci azzecca quando può ma ci prova senza prendersi mai sul serio, sono traguardi possibilissimi. Spero proprio di non essere smentito dai fatti. E i fatti sarebbero ancora – riassumo per i disattenti – altre tre vittorie per Berrettini, due per Sinner e Sonego, una per Cecchinato e Travaglia. Totale altre nove vittorie, e soddisfazioni, azzurre. Io mi accontenterei, loro spero di no. Perché dovrebbero escluderne qualcuna di più? Condividete o no?

P.S. Purtroppo, invece, il Mago Ubaldo vede scuro nel futuro delle tre ragazze, in particolare per Trevisan-Gauff e Paolini-Kvitova. Per Errani-Bertens il solo spiraglio nel buio sono quelle quelle vittorie di Sara su Kiki. Vittorie superdatate e molte cose sono cambiate in cinque anni e più. In peggio per Sara e in meglio per Kiki. Però è vero che a volte nella testa dei tennisti restano tracce quasi indelebili delle sconfitte. E cinque sono tante.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Ha ragione Rafael Nadal a dire che sarà un torneo diverso?

Le palle, i campi, il clima, tutto lo lascia pensare. Che sia Thiem il più avvantaggiato? Le strenue difese di Djokovic ne risentiranno. E le donne?

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Tutti parlano a Parigi del Covid e al Roland Garros del freddo, della pioggia, dei campi pesanti, delle palle ancor più pesanti, dell’impossibilità di chiudere rapidamente i punti, anche se non tutti stanno in campo 6 ore 5 minuti come Lorenzo Giustino, sia pure in un match giocato in due giorni, o 4 ore e 7 minuti come l’altro Lorenzo, Sonego.

Se a tutto questo si aggiunge che alcuni tennisti, e tenniste, sono arrivati a Parigi avendo giocato poco o nulla sulla terra rossa e non è stato semplice neppure allenarsi, si comprende perché le sorprese possano essere all’ordine del giorno.

Se si lamenta Rafa Nadal delle Wilson – che grande pubblicità indiretta per la Babolat! (attenzione non dico che Rafa lo abbia fatto perché della Babolat è testimonial da sempre; i leoni da tastiera non comincino a speculare… c’è anche la Dunlop che produce buone palle da tennis, e altre) – che a detta di tutti resta il primo favorito anche di questo Roland Garros, figurarsi gli altri che hanno meno potenza di lui. Vero che le palle che non prendono il top spin e non rimbalzano alto lo danneggiano, ma quanti hanno i bicipiti di Nadal per spingere incessantemente quei palloni?

 

Li ha Djokovic? Forse no. Li ha Thiem? Forse sì. Pochi sembrano in grado di caricare i colpi come l’austriaco che ha raggiunto due finali e due semifinali negli ultimi quattro anni. Djokovic è un gran ribattitore, il n.1, e uno straordinario difensore… ma quando ci si difende non è sempre facile giocare lungo se le palle sono pesanti. Potrebbe risentirne?

A me pare che abbia ragione Mats Wilander che su Eurosport imperversa – io sono stato per quasi 160 Slam ininterrottamente sul posto e quindi non avevo mai guardato tanta TV, tanto Eurosport, tanto Wilander e Schett come in questi giorni… – a dire che un vero favorito non c’è, ma che i favoriti sono tre, Nadal, Djokovic e Thiem, e gli altri lo sono tutti molto meno. In particolare quelli della metà bassa, perché chi volesse arrivare alla finale dovrebbe probabilmente battere sia Nadal sia Thiem, e una volta giunto in finale anche Djokovic. Un’impresa degna di quello degli Orazi che, rimasto solo, abbatté uno dopo l’altro i tre Curiazi.

Chi altri ha un gioco pesante e non si affida eccessivamente al top spin né troppo al servizio, visto che punti gratis dalla battuta non sarà semplice procurarseli?

Berrettini avrebbe il dritto, ma avrà spuntata l’arma della battuta, sulla quale lui per solito conta molto. In compenso la palla corta diventa un’altra arma importante. Se si ha buon tocco anche con queste palle e si riesce a fare un drop shot che scavalchi di poco la rete, diventa dura tirarlo su e dargli velocità. Matteo in buona giornata l’arte della palla corta la conosce. Vedremo se avrà o meno queste buone giornate e se riuscirà a non innervosirsi, sapendolo prima, per i pochi punti diretti che gli deriveranno dal servizio. Tuttavia se questo entrasse, anche con pochi ace, non sarà facile rispondere lungo e sottrarsi alla sua castagna di dritto. Oggi Pospisil lo attaccherà e metterà a dura prova il suo passante di rovescio. Matteo dovrebbe cercare di tenerlo lontano. Ci riuscirà? Se sì il suo tabellone non è semplice (Popyrin, Struff… che hanno caratteristiche simili alle sue) ma a Djokovic nei quarti si può arrivare, sempre che Djokovic non perda prima. Da chi? Khachanov? Beh, attenzione, al russo la potenza non manca davvero. Lo scorso anno ha raggiunto i quarti e prima di allora, giovanissimo, due volte il terzo turno. Semmai a Karen manca talvolta la pazienza e quasi sempre, per via della stazza fisica, la corsa di chi deve anche sapersi difendere.

Medvedev è già schizzato fuori, come pensavo che potesse accadere appena ho visto il sorteggio. L’ho anche scritto. E l’avevo ribadito ieri…solo che quella parte finale del pezzo che qui riproduco “la vedo dura per Mager con Lajovic e per Caruso con Pella. Non conosco abbastanza il figlio di Andres Gomez che affronta un Sonego che ha bisogno di vincere per ritrovare fiducia. Rafa, Serena e Thiem non li immagino in difficoltà anche se Thiem ha Cilic che a Roma c’era e lui no. Stia attento invece Medvedev con Fucsovics. Ci può perdere non è mai uscita. Dovrete fidarvi di me più di quanto si fidi Fognini…

Poiché nel mio video di stamattina ho già parlato dell’eccellente bilancio italiano non mi ripeto qui. Ma, tornando a Medvedev, per lui è la quarta sconfitta consecutiva al primo turno al Roland Garros, quindi forse non è neppure questione di terreno e palle pesanti. Semplicemente non gli piace giocare sui campi rossi. E sì che ha scelto di abitare in Francia, quindi il tempo di provare a migliorarsi non gli manca davvero.

Daniil Medvedev – Roland Garros 2020

Tolti i primi tre superfavoriti, e Medvedev già k.o. ma mai temuto più di Rublev che poteva trovarselo di fronte negli ottavi, ecco Tsitsipas. Il greco ha preso la brutta abitudine di perdere match quasi vinti, forse con il peso di una certa responsabilità, è diventato più fragile di nervi. Lo dice quanto accaduto all’US Open, dove si è mangiato sei match point con Coric e anche ad Amburgo, dove ha perso la finale con Rublev dopo essersi trovato avanti 5-3 al terzo e quindi avendo servito per il match. Al tempo stesso questi risultati dicono anche che Tsitsipas, pur con la brutta partita giocata contro Sinner, è uno che sulla terra rossa sa giocare eccome: una finale a Madrid, una semifinale a Roma un anno fa, quarti a Parigi, andiamoci piano a darlo per battuto contro chiunque. Soprattutto se il favorito è l’avversario.

Pure Zverev, più che il nostro Berrettini e… Monfils che non c’è più, è tipo capace di tutto, nel bene e nel male. Quante scorie avrà lasciato la brutale sconfitta di Flushing, con quei 15 doppi falli che si porta appresso, non è dato prevedere, però uno che è capace di vincere Roma e Madrid e di fare quarti a Parigi, può benissimo indovinare la giornata giusta per sorprendere chiunque anche lui. Per magari perdere al turno successivo da uno meno bravo. Gli anni passano per tutti e Wawrinka non è più forse quello di una volta, e lo si è visto con Musetti, però se c’è un tennista che sembrerebbe poter essere favorito da queste condizioni di gioco forse questi è proprio Stan The Man. E lo ha ammesso lui stesso. A lui la potenza per spingere pallettoni da cinghiale non è mai mancata.

Insomma, il fattore campo e palle non va trascurato. Può rovesciare situazioni tecniche valide altrove.

TORNEO FEMMINILE – Idem dicasi per le donne. Quelle meno corpulente come fanno a spingere la palla? Io pensavo che con queste palle (“Non sono buone nemmeno per i cani!” ha detto Evans) si dovesse trovare bene Muguruza e invece ieri per poco non perde. Ha vinto soltanto 8-6 al terzo con la Zidansek che mi pare conducesse 3-0 al terzo. Serena ha fatto fatica ma alla fine ne è venuta fuori senza perdere set, la finalista dello scorso anno Vondrousova è stata spazzata via dal campo e… una ragazza, Zavatska, che avrebbe potuto affrontare Errani battendo Bertens, ha rotto tre volte le corde d’una racchetta e alla fine ha dovuto farsene prestare una dal suo coach! Stranezze da Roland Garros autunnale.

Ho accennato nel video, registrato prima che perdesse al quinto set a oltranza anche Hurkacz testa di serie n.29 con quell’inesauribile ‘sanguisuga’ di Sandgren, alle teste di serie saltate ieri nel “maschile”, ma anche nel femminile c’è stata una discreta ecatombe e nulla mi toglie dalla testa che palle, campi e clima abbiano avuto il loro… peso (non è il caso di dirlo?). Ho parlato del fattore K perché hanno perso Keys 12, Kerber 18, Kuznetsova 28 (dopo Konta n.9, Kontaveit n.17, nonché Kovinic e Korpatsch… Kenin stia in guardia oggi! ) ma le difficoltà patite da altre tenniste che venivano considerate favorite – Yamstreska, Vondrousova, Muchova – mi fanno pensare come Nadal che ha detto: “Sarà un torneo diverso”. Ciò anche se Rafa forse vuol mettere le mani avanti dovesse fallire la sua caccia al Roland Garros n.13 e soprattutto allo Slam n.20.  

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Non credo che Serena Williams possa vincere il suo quarto Roland Garros, ma…

La caccia al 24° Slam di Court nella sua testa continua. Anche se fa freddo “e io lo odio! Mai vista la neve per metà della mia vita” e le palle sono pesanti. Ma se il maltempo l’aiutasse facendole disputare le sue partite sotto il tetto?

Pubblicato

il

Serena Williams - Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Tanti auguri Serena, buon compleanno davvero alla giocatrice più forte del terzo millennio e forse di sempre (anche se Gianni Clerici direbbe che lo è stata invece Suzanne Lenglen, La Divina).

Ieri Serena Williams ha compiuto 39 anni e ha detto, non per la prima volta: “Non avrei mai creduto di ritrovarmi a giocare ancora a 39 anni. E ora non so quando mi fermerò. Mi diverto ancora e finché mi diverto…”. Pareva di sentire riecheggiare le parole tante volte pronunciate da un suo coetaneo, tal Roger Federer.

Di certo, è la prima volta che Serena li festeggia a Parigi. E di certo è anche la prima volta dopo tantissimi anni che all’avvio di uno Slam non viene considerata fra le primissime favorite, nonostante all’appello manchi la campionessa in carica Barty, e le ultime due vincitrici dell’US Open Osaka e Andreescu (peraltro non fortissime sulla terra rossa).

 

Vero che la terra battuta non è mai stata la superficie prediletta – le spunta in buona parte l’altrimenti micidiale arma del servizio – tuttavia il suo non è un caso… Sampras! Sweet Pete non è mai andato oltre una semifinale a Parigi (1996). Serena ha vinto il Roland Garros tre volte (2002-2013-2015) ed è stata finalista nel 2016, semifinalista nel 2003, nei quarti altre cinque volte. Ai tre trionfi nel torneo di Port Auteuil si devono aggiungere altri 10 titoli conquistati sui campi rossi. Non sono così pochi.

Ma, oltre a dover sottolineare che sono comunque cinque anni che Serena non vince più al Roland Garros – nel 2015 è diventata la più anziana vincitrice del torneo con i suoi 33 anni e mezzo – quest’anno sembra esserci una favorita che sembra stagliarsi su tutte, Simona Halep, e varie altre, come Svitolina e Azarenka nel suo quarto (Vika l’ha battuta a New York), Muguruza e Kenin nell’altra metà, che sembrano avere le stesse chance di Serena se non di più, dopo aver visto che Serena si è fatta trascinare al terzo set da tutte le sue avversarie nel Kentucky e all’US Open prima di soccombere.

Potete, se ne avete voglia, ascoltare i motivi per cui Steve Flink e il sottoscritto ci siamo sbilanciati in sede di presentazione video del sorteggio a sostenere che ci sembra fortemente improbabile che Serena, certo appesantita dagli anni con l’handicap di una superficie ultra-pesante per via dell’umidità incalzante e di palle Wilson che perfino Nadal fa fatica a spingere, riesca a conquistare il suo quarto Roland Garros e il famoso 24° Slam. Cioè quello che le consentirebbe di eguagliare il record di Margaret Court e cancellare l’incubo che la perseguita ormai da nove tentativi falliti, incluse le quattro finali Slam perdute dopo la nascita della sua bambina e tutte perdute senza aver vinto un set.

Serena si è allenata in Francia da lunedì, alla tennis Academy del suo coach Patrick Mouratoglou nei pressi di Nizza, ma sulla terra rossa non gioca da un anno e mezzo, dal terzo turno del Roland Garros del maggio 2019, quando perse da Sofia Kenin (la sconfitta per lei più… prematura in uno Slam dal 2014).

Serena Williams – Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Per una qualsiasi altra giocatrice l’aver centrato quattro finali di Slam e perso soltanto in semifinale all’ultimo US Open avrebbe rappresentato un sogno. Per lei no. Ha vinto 23 Slam su 75 ai quali era iscritta, mica uno solo.

Una semifinale dovrebbe essere un buon risultato per me? Assolutamente no! Mi ritrovo in una posizione nella mia carriera nella quale non posso essere soddisfatta! Non voglio star seduta qui e dire: “Oh, sono felice! No, perché non lo sono!”.

Serena dovrà affrontare al primo turno Kristie Ahn, l’americana che si è distinta particolarmente in questo 2020 per la sua abilità nel movimentare i social, soprattutto Tik Tok, durante i mesi difficili del lockdown. “Non ho giocato alcun torneo di preparazione a questo, il che è inconsueto per me – ha detto ieri Serena a Parigi. Questo è stato un anno davvero inconsueto, raro. Ho cercato di fare tutta la riabilitazione possibile da Patrick, dopo il problema avuto alla caviglia a New York. Sono al 100 per 100 della condizione fisica ora? No, ma abbastanza per provarci. Non giocherei se non pensassi di essere competitiva e non conosco atleti che non competano se non sono al 100%. Se gioco bene posso ancora battere chiunque e più gioco e meglio dovrei riuscire a giocare”.

Insomma la caccia di Serena continua, anche se con questo freddo parigino lei non ha mai giocato. “Fra California e Florida, e nei vari tornei, non mi è mai capitato. Odio il freddo e per metà della mia vita…non ho mai visto la neve!”. Di certo il tempo, che prevede piogge ripetute, non sarà suo alleato… a meno che dovendosi lei esibire quasi sempre sotto il tetto dello Chatrier (sia pure un tetto con delle perdite…), non finisca per avvantaggiarsene.

P.S. A proposito di tetti “bucati”, qualcuno ricorda quello di Napoli per il match di Fed Cup Italia-Spagna?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement