Quell'unico anno in cui gli Internazionali d'Italia Indoor sbarcarono a Ferrara

Racconti

Quell’unico anno in cui gli Internazionali d’Italia Indoor sbarcarono a Ferrara

La storia di uno dei troppi tornei perduti nei ricordi di chi c’era nel 1983, per la sua unica edizione. Chi si aspettava McEnroe e Borg si ritrovò a tifare… Högstedt

Pubblicato

il

Ferrara Open 1983 (foto Fabio Zecchi)

C’era una volta… no. C’è stato una volta il Ferrara Open, torneo internazionale di tennis del circuito Volvo Grand Prix. Il livello corrispondeva a un attuale ATP 250, ma l’Associazione dei Pro non avrebbe preso le redini del tour fino al 1990. Erano tempi in cui qualcuno ancora si chiedeva perché chiamarlo ‘open’ se si giocava al chiuso: certe definizioni non erano per tutti. Ma era anche un periodo in cui la Rai trasmetteva il tennis e – sembra difficile da credere adesso – in Italia non esistevano solo gli Internazionali di Roma. L’elenco dei tornei perduti nel corso degli anni è così tristemente lungo che diventa pressoché impossibile ricordarseli tutti anche limitandosi a quelli maschili, ma di sicuro i tennisti che hanno poi raggiunto la top ten non si sono dimenticati del torneo italiano che ha inaugurato il loro palmares: José-Luis Clerc, Andrei Chesnokov e Magnus Larsson a Firenze, Stefan Edberg e Roger Federer a Milano, Kent Carlsson a Bari, Alberto Mancini e Marcelo Rios a Bologna, Thomas Enqvist a Bolzano, Mariano Puerta e Tomas Berdych a Palermo.

Non è stato così per il torneo di Ferrara, ma il tappeto azzurro fu comunque calpestato da alcuni saranno famosi: Jakob Hlasek, futuro numero 7 del mondo, aveva appena festeggiato il diciannovesimo compleanno; Guy Forget, di un paio di mesi più giovane, sarebbe arrivato al quarto posto del ranking; tra gli italiani, c’erano Paolo Canè, che batté proprio Forget, e Francesco Cancellotti. Vinse lo svedese Thomas Högstedt, oggi affermato coach (Li Na, Caroline Wozniacki, Eugenie Bouchard, Maria Sharapova…), in finale contro il californiano Butch Walts – un nome da personaggio di film western e capace di estrarre servizi a velocità tutt’altro che modeste. Quella domenica pomeriggio, in coppia con il sudafricano Bernard Mitton, Walts alzò il trofeo del doppio, coronando quella che era la stagione del suo pieno rientro dopo malattia, due interventi chirurgici, chemioterapia e quindici chili persi.

Oggi, scoprire che in quella provincia emiliana snobbata dalla Via Emilia ha fatto tappa il circuito maggiore lascia stupiti anche diversi appassionati della stessa città – e non solo quelli meno attempati. Era il 1983 e, l’anno prima, la locale squadra di basket dal nome poco fantasioso (Pallacanestro Ferrara) si era guadagnata la promozione in serie A2 e con essa il nuovissimo palasport. Con la passione di un manipolo di ardimentosi sognatori, la possibilità di accaparrarsi un evento del circuito professionistico divenne realtà, dodici mesi dopo che quello stesso palazzetto che ancora odorava di vernice fresca vide esibirsi quattro personaggi non proprio nel fiore degli anni, ma ancora in grado di esprimere un grande tennis: Rod Laver, Ken Rosewall, Roy Emerson e Cliff Drysdale. “Trovarsi a cenare con quei quattro grandissimi del tennis è stata un’esperienza indimenticabile” racconta il professor Pierangelo Turatti, coinvolto nell’organizzazione di entrambe le manifestazioni. “Nonostante l’affluenza di pubblico per quella esibizione sia stata sotto le aspettative, l’anno successivo abbiamo colto l’opportunità di organizzare un evento del Grand Prix”.

 

A onor del vero, l’idea originale di Massimo Annesi, allora presidente del comitato provinciale FIT, era di portare in città un torneo di rilevanza nazionale. Lo spunto piacque a Paolo Francia, vice presidente federale oltre che giornalista per il Resto del Carlino e La Nazione, che suggerì un evento ben più importante: gli Internazionali d’Italia Indoor, torneo che si era disputato nella sua Bologna per quattro anni prima dell’edizione dell’anno precedente ad Ancona. “L’intervento di Paolo fu determinante per avere il torneo” ci spiega l’avvocato Annesi. “Io ero il responsabile del comitato organizzativo e lo sforzo necessario per quel tipo di manifestazione era notevole, ma riuscimmo a gestirlo nel migliore dei modi, anche con il supporto dell’amministrazione locale che si adoperò per farci avere il Palasport per la settimana del torneo. Una struttura che abbiamo adattato in tempi rapidissimi alle diverse esigenze del tennis rispetto alla pallacanestro”. Un ricordo che è rimasto a 36 anni di distanza? La soddisfazione del palazzetto pieno in occasione della finale come premio per l’ottimo lavoro svolto. A causa dell’impegno richiesto, anche e soprattutto economico, l’anno successivo il torneo migrò a Treviso per poi scomparire.

Un giorno c’era lo sciopero dei cameraman della Rai o qualcosa del genere, non ho una gran memoria per i dettagli” ci racconta Enrico, adolescente degli anni ’80 e oggi assiduo frequentatore dei tornei di quarta categoria. “In ogni caso, io me ne stavo defilato in un angolo di quella gradinata, che poi era la curva dei tifosi del basket, con il mio gilet rosa appena comprato e un paio di decine di persone”. Non cogliamo l’importanza del particolare relativo al gilet ma, nella speranza che sotto indossasse la camicia o almeno una maglietta, continuiamo ad ascoltare la sua storia. “Durante un cambio campo, arrivò uno dell’organizzazione invitando tutti a prendere posto nella parte centrale della tribuna in modo che le telecamere fisse non mostrassero il pubblico inevitabilmente sparuto del primo pomeriggio di lunedì o quello che era. Mentre gli altri ne approfittarono all’istante, questo tipo continuava a sperticarsi in inutili lodi sul posto offerto, incredulo davanti al mio rifiuto. Nulla di sorprendente: alla posizione laterale, in molti preferiscono la visione dall’angolo oppure quella da dietro, per abitudine ‘televisiva’. “Abitudine poca” chiarisce Enrico, “perché prima di quel torneo evitavo il tennis come la peste. Se proprio devo essere sincero sulle mie motivazioni, a parte che non volevo rischiare essere inquadrato mentre giravo la testa a destra e sinistra come uno scemo, da lì avevo una vista privilegiata su una raccattapalle. Una che frequentava la mia stessa scuola e mi piaceva.

Torniamo velocemente a rifugiarci nei ricordi di ben altro genere del professor Turatti, all’epoca dei fatti maestro di tennis e insegnante di educazione fisica che, per adempiere i propri compiti, dovette attendere l’autorizzazione del provveditorato che ne decretava il ‘distacco’. “Mi occupavo di tutto il necessario in campo, dai giudici di linea ai raccattapalle, dall’acqua agli asciugamani. E del campo stesso, nel senso che ho dato il mio contributo quando si è trattato di stendere il tappeto sul parquet” dice mentre estrae da una cartellina tutta la documentazione: il libriccino della manifestazione dal quale apprendiamo l’ammontare del prize money (75.000 dollari), lo schema disegnato a mano con la posizione dei giudici di linea, le ‘important instructions for all ball persons‘ (una copia anche in italiano), l’elenco dei raccattapalle con i loro numeri di telefono a cinque cifre e senza prefisso (sì, anche quello della compagna di scuola di Enrico).

Grazie a uno sforzo investigativo in verità piuttosto contenuto, abbiamo scovato un ex ball boy, Marco. Lo raggiungiamo sul telefono di casa: incredibile, ha lo stesso numero di un secolo fa. È la sera della vigilia di Natale e, dal tono, ci sembra incomprensibilmente perplesso – forse per l’argomento dell’intervista. Ci svela subito che allora era un agonista quindicenne allenato dal maestro Turatti. Un raccomandato? “Venivamo tutti da una scuola di tennis o da un’altra, ma ero molto contento di esserci perché il torneo sostituiva quello di Bologna in cui avevano giocato John McEnroe, Bjorn Borg e Yannick Noah, quindi mi aspettavo di trovarmi in campo con loro e altri di quel livello. Invece, mi è rimasto l’autografo di Högstedt….

Thomas Högstedt con Maria Sharapova, molti e molti anni dopo

Però, è stata una buona scusa per saltare un po’ di scuola. “Si cominciava alle dieci del mattino e l’impegno era per l’intera giornata, quindi ci dividevamo i giorni. Mi è toccato anche quello con i sette chilometri del ritorno in bicicletta sotto la neve e l’inevitabile sgridata dei miei”. Con il senno di poi, si può scorgere almeno un aspetto positivo: “Non c’era ancora la moda di chiedere l’asciugamano per poi rilanciarlo sudato al povero ragazzino. E quello che batteva non pretendeva tre o quattro palline in più per scegliere la coppia perfetta”. Infine, il peso della celebrità: “Tutti quelli che conoscevo sempre a dirmi di avermi visto in TV. Dopo un mese, ne hai abbastanza”. Vent’anni prima degli albori di YouTube – per tacere dei social media –, vedere qualcuno che incontri tutti i giorni comparire dal tubo catodico faceva ancora un certo effetto.

Carlo, ormai decisamente oltre la cinquantina, ha comprato la sua prima racchetta dopo essere andato ad assistere al torneo e propone una versione improbabile di quell’evento. “Capita qualche volta di parlarne negli spogliatoi del circolo. C’è chi si vanta di aver scoperto Guy Forget, subito seguito da quello che tira fuori la solita battuta «don’t forget Forget». Chi ne approfitta per ricordarmi che Hlasek ha iniziato a giocare tardi, a 15 anni, quindi non posso accampare scuse, e chi riporta, a suo dire, le prime coloritissime imprecazioni di Paolo Canè nel Tour. Tuttavia, la verità è che ha brillato una grandiosa attrazione, una star che, a conti fatti, è stata alla base della stessa esistenza del torneo: Vincent van Patten.” Storditi dall’iperbole, non colleghiamo immediatamente quel cognome al tennis anche se riattiva un ricordo sepolto: Dick van Patten. Già, l’attore che interpretava il ruolo di Tom, genitore di otto figli, nell’allora popolarissima serie La Famiglia Bradford era nella vita reale il padre di Vincent, ex n. 26 del mondo. “Poter dire di aver visto giocare Vince, il figlio di Tom Bradford, non ha prezzo” sospira Carlo. “È stato così che da vago curioso del tennis sono diventato un fanatico”.

Queste sono solo alcune delle tante piccole storie nate grazie a quell’evento la cui fugacità non gli ha però impedito di lasciare un segno ancora vivido nella memoria di chi c’era, di rinsaldare e amplificare vecchi entusiasmi e, in qualche caso, di accenderne di nuovi. Perché il vantaggio – per ora perduto – di avere dei tornei magari non prestigiosi ma a portata di mano, oltre all’occasione per gli appassionati di gustarsi dal vivo degli incontri di alto livello e di scoprire futuri campioni, è che ci puoi anche capitare per caso, per incontrare una ragazza o per vedere il figlio di un attore. A quel punto, però, è molto probabile che il tennis ti resti addosso.

Continua a leggere
Commenti

Racconti

Uno contro tutti: il biennio 1993-1994, da Jim Courier a Pete Sampras

Ventisei uomini diversi hanno occupato il trono di numero uno del mondo. L’undicesimo nome è quello di Pete Sampras, che inizierà una lunga monarchia

Pubblicato

il

Peter Sampras allo US Open 1988

Terminato il 1992 in testa alla classifica mondiale, Jim Courier sceglie di non giocare alcun torneo prima degli Australian Open. A Melbourne difende il titolo conquistato l’anno precedente battendo in finale Stefan Edberg e il risultato si ripete pressoché identico dodici mesi più tardi. Il n.1 arriva in finale senza aver perso alcun set e domina lo svedese per metà partita; poi Edberg si riprende, fa suo il terzo e nel quarto spreca diverse occasioni per trascinare il rivale al tie-break prima di arrendersi per 7-5. Due settimane dopo, a Memphis, Jim allunga la sua striscia ma stavolta è chiamato a risolvere diverse situazioni complicate e in finale il connazionale Todd Martin sfiora il colpaccio. Neanche il tempo di gioire che dal Tennessee è già ora di spostarsi a Philadelphia e lì Courier perde al primo turno con Derrick Rostagno.

Il ragazzo, di origini italiane ma nato a Hollywood, è famoso soprattutto per essersi trovato avanti di due set a zero contro Boris Becker al secondo turno degli US Open 1989 e di aver avuto due match-point a favore nel tie-break del quarto set, il secondo dei quali annullato dal tedesco – che poi avrebbe vinto il titolo – con l’ausilio del nastro. In Pennsylvania però Rostagno non trema e porta a casa la sua unica vittoria in carriera contro un numero 1 del mondo, carriera che si chiuderà con un solo titolo all’attivo (New Haven 1990) ma diverse vittorie contro tennisti di primissimo livello.

Il ko di Philadelphia ha dato modo a Courier di rifiatare e gli effetti si vedono subito a Indian Wells, dove arriva il terzo titolo stagionale battendo Ferreira in finale ma la sensazione è che la programmazione del numero 1 sia troppo intensa, tanto che a metà aprile sono già otto i tornei disputati. Il settimo, di questi tornei, gli è però fatale. Dopo aver perso con Woodforde a Miami e con Mansdorf a Osaka, è Tokyo la città del sorpasso. Nella capitale del Giappone Courier si fa sorprendere al terzo turno da Jonathan Stark mentre Pete Sampras mette le mani sulla coppa e gli soffia la prima posizione nel ranking ATP. Il cambio della guardia avviene il 12 aprile ma Courier, che da numero 2 otterrà ottimi risultati (le finali al Roland Garros e Wimbledon e i titoli di Roma e Indianapolis), avrà l’opportunità di aggiungere le ultime tre settimane al suo regno in prossimità e durante gli US Open. A New York, Jim perde negli ottavi con Pioline e il francese lo sostituisce in finale dove però rimedia solo undici giochi con Pete Sampras. In totale il regno di Courier è durato 58 settimane, durante le quali ha giocato 100 incontri (79 vinti) e 25 tornei (6 vinti).

Per chiudere il discorso relativo a Jim Courier, abbiamo cronologicamente trascurato i primi giorni della lunga monarchia di Pete Sampras. Ancora una volta, lo scettro mette pressione al detentore e nemmeno Sampras si sottrae alla regola. Vero è che, dopo il debutto vittorioso a Hong Kong (battendo proprio Courier in finale), Sampras si sposta sulla superficie meno amata (la terra) ma il ko di Atlanta con l’olandese Jacco Eltingh, n.87 del mondo, è duro da digerire mentre è più comprensibile la sconfitta in semifinale a Roma con Ivanisevic. Alla vigilia del Roland Garros il nuovo n°1 decide di continuare il rodaggio partecipando con gli USA alla World Team Cup di Dusseldorf e aggiunge un trofeo alla sua lista battendo Stich nella vittoriosa finale con la Germania. L’unica nota negativa della settimana è stata la pesante sconfitta con Bruguera (6-3 6-1), antipasto del replay che avviene a Parigi nei quarti di finale, dove Sampras lotta un po’ di più ma perde in quattro set dal futuro vincitore del torneo.

 

L’impatto con l’erba, ovvero il terreno che gli darà le maggiori soddisfazioni negli anni a venire, è a dir poco traumatico. Al Queen’s, Pete esce subito per mano di Grant Stafford; il sudafricano è appena il settimo tennista classificato oltre la centesima posizione del ranking ad aver battuto il re in quasi vent’anni di classifiche stilate dal computer. Peraltro, dopo tante settimane passate a “pedalare” sul rosso, un ingresso zoppicante sull’erba ci può anche stare; l’importante è non perseverare e infatti Sampras fuga subito ogni dubbio alzando la coppa di Wimbledon dopo aver eliminato nei quarti il campione uscente Agassi e in finale di nuovo Jim Courier in quattro set.

Forse appagato, Sampras rimedia quattro sconfitte in preparazione agli US Open ma se a Montreal, con Brett Steven, si arrende in due partite, nelle altre tre occasioni gli è fatale il tie-break del terzo set: con Krajicek a Los Angeles, con Edberg a Cincinnati e infine con Patrick Rafter (altro over-100) a Indianapolis. Ma, come abbiamo ricordato in precedenza, quando arriva lo Slam Pete cambia marcia e a New York gli unici a strappargli un set sono Daniel Vacek e Michael Chang; troppo poco per impedirgli di tornare sul trono degli US Open (tre anni dopo la prima volta) e su quello mondiale. Il settennato di Pete non sarà esente da minacce e in questo lungo periodo Sampras si vedrà usurpare il trono ben 11 volte e conoscerà sette nuovi re ma non perderà mai di vista quello a cui tiene maggiormente, ovvero essere in testa alla fine della stagione.

La prima delle sei consecutive (1993-1998) che chiude al comando è dunque quella in corso, la cui coda sul sintetico lo vede protagonista in Europa. I titoli di Lione a Anversa mitigano la prematura eliminazione a Stoccolma (battuto da Carlos Costa) e il ko rimediato nei quarti a Bercy per mano di Ivanisevic. I due Masters in terra tedesca lo vedono favorito ma sia a Francoforte che a Monaco il trofeo lo alzano altri; nell’ATP World Tour Championship conquista la finale imbattuto ma due tie-break lo condannano alla sconfitta con Michael Stich (7-6 2-6 7-6 6-2) e ancora peggio va nella semifinale della Grand Slam Cup in cui Korda si impone 3-6 7-6 3-6 7-6 13-11 dopo aver salvato ben cinque match-point.

L’inizio del 1994 fa ben sperare gli avversari del n.1 del mondo. A Doha, Sampras diventa il secondo leader ATP a perdere da un tennista classificato oltre la duecentesima posizione mondiale: a eliminarlo al debutto è infatti il marocchino Karim Alami (205), qualificato e già in procinto di partire per Jakarta, dove avrebbe dovuto disputare le qualificazioni. Sampras inizia bene ma, come ammetterà lui stesso, “ad un certo punto ho perso il servizio e non l’ho più ritrovato”. C’è anche chi sostiene che Pete, incassato l’ingaggio, non si sia impegnato più di tanto per rimanere a lungo nel caldo umido del Qatar e quanto succede in Australia parrebbe corroborare questa tesi. Tra Sydney e Melbourne, infatti, lo statunitense torna padrone del vapore e solo un giovane russo, al secondo turno dello slam di Flinders Park, lo fa tremare tenendolo in campo fino al 9-7 del quinto set: Yevgeny Kafelnikov. Per il resto, battendo Todd Martin in finale Sampras entra nei libri di storia quale secondo tennista nell’Era Open capace di aggiudicarsi tre Slam consecutivi e questo gli darà ulteriore motivazione per ben figurare al Roland Garros.

Anche se Parigi è lontana quasi cinque mesi, Sampras sembra intenzionato a tenere un ritmo elevatissimo e, dopo aver perso di nuovo con Eltingh a Philadelphia (peraltro con lo stesso score di Atlanta 1993, ovvero 7-6 6-4), il n.1 spazza via la concorrenza per cinque tornei consecutivi: Indian Wells, Miami, Osaka, Tokyo e Roma. Il Sampras che travolge Becker 6-1 6-2 6-2 nella finale degli Internazionali d’Italia può legittimamente aspirare a far centro anche al Roland Garros e non è certo la sconfitta subita a Dusseldorf in World Team Cup contro Stich ad abbassarne la fiducia. In Francia, i primi quattro turni non presentano grosse difficoltà ma nei quarti è l’orgoglio di Jim Courier a interrompere il sogno del “Sampras-Slam” alimentando l’idiosincrasia di Pete nei confronti del major parigino.

Nonostante la sconfitta in finale al Queen’s per mano del connazionale Todd Martin, l’erba ridona il sorriso a Sampras che si conferma campione a Wimbledon perdendo appena un set – proprio contro Martin in semifinale – nell’intero torneo. Dopo una complicata sfida di Davis a Rotterdam, in cui gli Stati Uniti battono l’Olanda 3-2 ma è Jim Courier a rimediare alla sconfitta di Pete con Krajicek nella terza giornata, il n.1 salta l’intera stagione americana a causa di una tendinite e si presenta agli US Open a corto di condizione. Sperando di trovare la forma nel corso del torneo, Sampras supera i primi tre turni senza eccessive difficoltà ma in un caldo e afoso pomeriggio di ottavi di finale si fa trascinare al quinto set dal peruviano Jaime Yzaga, tennista in cui il talento e la rapidità hanno sopperito a un deficit di potenza. La sfida resterà negli annali del torneo e Sampras, pur dando fondo a tutte le sue energie, deve cedere con lo score di 3-6 6-3 4-6 7-6 7-5. Negli spogliatoi, Pete trova l’amico Gerulaitis a dargli conforto senza sapere che sarà il loro ultimo incontro; Vitas morirà tragicamente un paio di settimane più tardi, avvelenato dal monossido di carbonio di una stufa difettosa.

Nel rush finale del 1994, Sampras deve vedersela quattro volte con Magnus Larsson. Riesce a batterlo in Davis Cup (dove però gli USA cedono in trasferta alla Svezia), a Stoccolma e nella finale di Anversa ma nell’ultimo torneo stagionale, la Grand Slam Cup, lo scandinavo gli nega l’impresa di aggiudicarsi entrambi i Masters battendolo in finale 7-6 4-6 7-6 6-4. Certo, la vittoria nell’ATP World Tour Championship ha maggiore rilievo (anche perché ottenuta battendo Becker in finale dopo essere stato sconfitto dal tedesco nel round-robin) ma la doppietta sarebbe stato un risultato di grande spessore. L’appuntamento però è solo rimandato di qualche anno; ne riparleremo nella prossima puntata.


TABELLA SCONFITTE N.1 ATP – TREDICESIMA PARTE

ANNONUMERO 1AVVERSARIOSCORETORNEOSUP.
1993COURIER, JIMROSTAGNO, DERRICK67 16FILADELFIAH
1993COURIER, JIMWOODFORDE, MARK36 62 26MIAMIH
1993COURIER, JIMMANSDORF, AMOS57 67OSAKAH
1993COURIER, JIMSTARK, JONATHAN46 26TOKYOH
1993SAMPRAS, PETEELTINGH, JACCO67 46ATLANTA  C
1993SAMPRAS, PETEIVANISEVIC, GORAN67 26ROMAC
1993SAMPRAS, PETEBRUGUERA, SERGI36 16WORLD TEAM CUPC
1993SAMPRAS, PETEBRUGUERA, SERGI36 64 16 46ROLAND GARROSC
1993SAMPRAS, PETESTAFFORD, GRANT75 57 46QUEEN’SG
1993SAMPRAS, PETESTEVEN, BRETT67 36CANADA OPENH
1993SAMPRAS, PETEKRAJICEK, RICHARD46 63 67LOS ANGELESH
1993SAMPRAS, PETEEDBERG, STEFAN76 57 67CINCINNATIH
1993SAMPRAS, PETERAFTER, PATRICK67 76 67INDIANAPOLISH
1993COURIER, JIMPIOLINE, CEDRIC57 76 46 46US OPENH
1993SAMPRAS, PETECOSTA, CARLOS67 62 16STOCCOLMAS
1993SAMPRAS, PETEIVANISEVIC, GORAN67 57PARIGI BERCYS
1993SAMPRAS, PETESTICH, MICHAEL67 62 67 26MASTERS S
1993SAMPRAS, PETEKORDA, PETR63 67 63 67 1113GRAND SLAM CUPS
1994SAMPRAS, PETEALAMI, KARIM63 26 46DOHAH
1994SAMPRAS, PETEELTINGH, JACCO67 46FILADELFIAS
1994SAMPRAS, PETESTICH, MICHAEL63 67 26WORLD TEAM CUPC
1994SAMPRAS, PETECOURIER, JIM46 75 46 46ROLAND GARROSC
1994SAMPRAS, PETEMARTIN, TODD67 67QUEEN’SG
1994SAMPRAS, PETEKRAJICEK, RICHARD62 57 67 57DAVIS CUPH
1994SAMPRAS, PETEYZAGA, JAIME63 36 64 67 57US OPENH
1994SAMPRAS, PETEEDBERG, STEFAN36 RIT.DAVIS CUPS
1994SAMPRAS, PETEBECKER, BORIS46 46STOCCOLMAS
1994SAMPRAS, PETEAGASSI, ANDRE67 57PARIGI BERCYS
1994SAMPRAS, PETEBECKER, BORIS57 57MASTERS S
1994SAMPRAS, PETELARSSON, MAGNUS67 64 67 46GRAND SLAM CUPS


Uno contro tutti: Nastase e Newcombe
Uno contro tutti: Connors
Uno contro tutti: Borg e ancora Connors
Uno contro tutti: Bjorn Borg
Uno contro tutti: da Borg a McEnroe
Uno contro tutti: Lendl
Uno contro tutti: McEnroe e il duello per la vetta con Lendl
Uno contro tutti: le 157 settimane in vetta di Ivan Lendl
Uno contro tutti: Mats Wilander
Uno contro tutti: Lendl al tramonto e l’ultima semifinale a Wimbledon
Uno contro tutti: la prima volta in vetta di Edberg, Becker e Courier
Uno contro tutti: sale sul trono Jim Courier

Continua a leggere

Racconti

Niente finale a Wimbledon, ma l’erba del tennis cresce anche in Friuli

Voglia di tennis in stile Wimbledon? In Friuli-Venezia Giulia, a Gradisca d’Isonzo, c’è un campo in erba, verissima, grazie alla passione della famiglia Rizzotti

Pubblicato

il

Il campo di Gradisca d'Isonzo (dal profilo Facebook del ristorante 'Al Ponte')

Nostalgia di Wimbledon? Oggi, 12 luglio, avrebbe dovuto esserci la finale… Ebbene, alle porte di una ridente cittadina del Friuli-Venezia Giulia possiamo ritrovare le sensazioni del tennis su erba naturale. Non avrà l’aura sacra e centenaria del manto erboso di Church Road ma il campo in erba, verissima, di Gradisca d’Isonzo, in provincia di Gorizia, rappresenta una vera chicca per gli appassionati del tennis d’antan. Noi siamo andati a vederlo e abbiamo incontrato gli artefici di questa tanto apprezzata quanto originale iniziativa.

È una bella storia quella che c’è dietro a questo meraviglioso campo, quella della grande passione per il tennis di Fabiano Rizzotti e di suo figlio Marco. La famiglia Rizzotti è nota da decenni in regione, per il grande savoir faire in campo enogastronomico, e da diversi anni ha ampliato la propria attività di ristorazione con una struttura alberghiera, sorta nell’area retrostante il loro storico ristorante “Al Ponte” di Gradisca d’Isonzo. Nel cuore di un’ampia zona verde intorno all’hotel, dal 2014 è stato allestito anche un campo da tennis, l’unico in erba vera, ad oggi, in Friuli-Venezia Giulia e uno dei pochi presenti in Italia (ne troviamo anche in provincia di Rovigo, Brescia e Cagliari).

Foto di Laura Guidobaldi

Si tratta di un campo dalle misure regolamentari: l’area complessiva misura 800 metri quadrati (40×20) compresi gli spazi per il bordocampo in cui sono state posizionate panchine, sedie e l’impianto di irrigazione.

 

L’erba è la stessa dell’All England Club? “Purtroppo il tipo di erba di Wimbledon non resisterebbe al clima di questa zona, in agosto fa troppo caldo” ci ha spiegato Marco Rizzotti che, peraltro, nel 2010, ha avuto modo di visitare l’impianto di Wimbledon.

Abbiamo optato per un’erba che si adatti bene al clima locale, quella utilizzata anche per i campi da golf in regione“. Infatti, pur essendo una regione settentrionale, la zona sud del Friuli-Venezia Giulia, grazie alla costa, presenta un microclima quasi mediterraneo, con estati molto calde e, a volte afose. “Ma è comunque un’ottima erba per giocarci” continua Marco, “e la palla schizza via veloce, non è sempre facile averne il controllo, ci vuole una certa abilità. Il periodo ideale per questi campi va dalla primavera fino a settembre, in questi mesi a volte organizziamo dei tornei interni e amatoriali, di singolare e doppio, con tanto di trofeo. Per la realizzazione delle righe, ci siamo dotati di una vera e propria macchina traccialinee, proprio come quella utilizzata a Wimbledon!“.

Il campo è stato realizzato con uno scavo iniziale profondo 50 centimetri, con uno strato di sassi grossi e via via con ciottoli più piccoli per il drenaggio dell’acqua. L’ultimo strato è costituito da terriccio e sabbia.

Il campo di Gradisca d’Isonzo (dal profilo Facebook del ristorante ‘Al Ponte’)

Dopodiché, sono stati posizionati dei lunghi rotoli d’erba naturale. “Il giardiniere tratta il manto erboso ogni due-tre settimane con dei prodotti antinfestanti per limitare la crescita delle erbacce. La manutenzione è alquanto complicata” conferma Marco, “le erbacce invadono facilmente il prato. L’erba viene tosata con una macchina tagliaerba elicoidale, anche due volte alla settimana“.

Il campo infatti appare perfettamente rasato. “L’irrigazione, automatica, viene effettuata due volte al giorno, mattina e sera e, nei giorni i più caldi, anche verso mezzogorno” ci spiega Rizzotti. “Il campo non è dotato di luci artificiali. In estate, c’è buona visibilità fino alle 20 circa ma, soprattutto, con il calar della sera si forma la rugiada e il terreno diventa molto scivoloso. Durante l’inverno il campo non è coperto e l’erba non viene tagliata. Lo lasciamo così. Tuttavia, il manutentore ci mette un prodotto antigelo tra novembre e dicembre. Poi, tra marzo e aprile, lo “arieggia” carotando il prato con uno strumento apposito“.

Insomma, un gran lavoro, sorretto da una grande passione, soprattutto considerando il fatto che non si tratta di una struttura sportiva e di un circolo tennis in particolare, bensì di un campo privato, per la gioia della famiglia Rizzotti, degli appassionati locali del tennis su erba e, naturalmente, dei clienti dell’albergo.

Così, da qualche anno, il tennis in Friuli si tinge anche di un bel verde naturale. E, soprattutto, in questa stagione 2020 sinistrata dal coronavirus, il tennis green di Gradisca lenisce un po’ della forte nostalgia dell’amato Wimbledon.

Foto di Laura Guidobaldi

Continua a leggere

Racconti

A 40 anni dalla finale di Wimbledon 1980: metti un Rocavert tra Borg e McEnroe

Oggi la finale di Wimbledon più famosa dell’Era Open festeggia 40 anni. Eppure non tutti ricordano che quella partita rischiò di non andare mai in scena… per colpa di un terzo incomodo, Terry Rocavert

Pubblicato

il

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario della partita di tennis più famosa dell’Era Open, o quantomeno una delle più iconiche: parliamo della finale di Wimbledon ’80 tra Bjorn Borg e John McEnroe.

Di quella partita ho un ricordo particolare e straordinariamente nitido, costituito dalla frase che mi disse mio padre all’inizio del terzo set: “Vado a fare due passi, tanto questi due vanno avanti almeno altre due ore“. Mio papà ebbe molta fortuna, perché un’ora dopo – lui assente – Borg, complice un ispirato McEnroe, sprecò due match point consecutivi al servizio dandogli così modo di aggiudicarsi il tie-break del quarto set – forse il più memorabile squarcio di tennis di tutti i tempi – e di portare il match al quinto – che di memorabile invece ebbe solo il punteggio, perché Borg offrì un esempio di forza mentale straordinario e lo dominò, concedendo al suo avversario solo tre punti nei suoi sette turni di servizio, due dei quali nel primo.

Spero che i lettori mi perdoneranno ma su cotanta partita non aggiungerò altro. In fondo, penne ben più nobili e meritevoli della mia se ne sono a più riprese occupate e io rischierei quindi solo di fare brutta figura, producendo uno scontato esercizio di retorica sportiva. Pochi invece si sono occupati di un altro incontro che si disputò a Wimbledon quell’anno e che solo per pochissimi punti non impedì lo svolgimento della finale così come noi la conosciamo.

 

Si tratta di un incontro nel quale mi sono imbattuto per puro caso nel momento in cui – per preparare l’introduzione all’articolo celebrativo – ho analizzato il tabellone per ripercorrere il percorso fatto da Borg e McEnroe per raggiungere la finale; sono rimasto così colpito dal punteggio di questo incontro che ho prima deciso di saperne qualche cosa di più e – dopo averlo fatto – di compiere… un ammutinamento giornalistico. Mi riferisco al match di secondo turno che vide John McEnroe opposto a Terry Rocavert.

Alzi la mano chi – oltre al nostro Direttore – ricorda questo carneade australiano nato a Sidney nel 1955, più esattamente il 21 ottobre (come l’autore dell’articolo, nda). Il sito dell’ATP su di lui dice soltanto che raggiunse nel maggio del 1980 la sua miglior posizione assoluta – la novantaduesima–  e nel medesimo anno sul cemento outdoor di Columbus l’unica finale della carriera. Aggiungiamo a queste informazioni che suo padre – Don Rocavert – fu un discreto giocatore agli inizi degli anni 50.

Al primo turno dei Championships l’australiano battè in rimonta in cinque set un ottimo “quasi ex” giocatore, il trentanovenne inglese Roger Taylor al quale era stata offerta una wild card e al secondo si trovò di fronte McEnroe reduce da una facile vittoria in tre set contro il connazionale Butch Walts. Nessuno si aspettava quindi che il numero due del mondo potesse faticare per arrivare al terzo turno. Nessuno tranne (forse) Terry Rocavert.

La partita fu sospesa per pioggia sul punteggio di 2-2 nel primo set e riprese il giorno successivo. Rocavert rischiò seriamente di non arrivare in tempo per ricominciare a giocare a causa di una serie di rocamboleschi contrattempi stradali ma alla fine, fortunatamente per lui e per la nostra storia, ci riuscì. Quella che segue è la traduzione di un’intervista che Rocavert rilasciò anni dopo a un sito australiano, Theage.com.

Terry Rocavert

Quel giorno arrivai a Wimbledon in abiti civili; corsi a cambiarmi, presi le mie racchette e iniziai a giocare meravigliosamente. Vinsi così il primo set e persi il secondo ingiustamente, perché a mio parere giocai meglio io di lui. Il mio colpo migliore era il rovescio e pertanto il servizio a uscire dei mancini non mi dava fastidio, anzi, era il contrario. A un certo punto la pallina iniziò a sembrarmi grande come una palla da basket e a venirmi incontro al rallentatore; ero in stato di grazia al punto che vinsi il tie-break del terzo set per 7 punti a 0.

Anche il quarto set giunse al tie-break (che per la prima volta a Wimbledon si disputava sul punteggio di 6-6 e non più sull’8-8, nda) e sull’1-1 McEnroe commise un doppio fallo regalandomi così un mini-break; lo vidi scrollare le spalle subito dopo quell’errore e in quel momento si spezzò l’incantesimo. Pensai alle conseguenze di una mia possibile vittoria e a quello che mi avrebbero chiesto in conferenza stampa e fu la fine“.

McEnroe si aggiudicò infatti il tie-break e il set decisivo dell’incontro. Risultato finale: J. McEnroe b. T. Rocavert 4-6 7-5 6-7 7-6 6-3. Il rischio corso ebbe l’effetto di una scarica elettrica positiva su McEnroe, che nelle successive quattro partite perse solo un set in semifinale contro Connors.

A Rocavert il destino invece non riservò più momenti di gloria sul campo, ma non gli precluse una buona carriera di allenatore in Australia durante la quale tenne a battesimo il debutto nel circuito professionistico di giocatori del calibro di Todd Woodbridge e Jason Stoltenberg.

Un’ultima curiosità su Rocavert: alcuni anni fa, in collaborazione con la federazione australiana, ha importato in Australia dall’Italia il materiale con il quale vengono preparati i terreni in terra rossa del Foro Italico per ricreare nel suo Paese campi da tennis con una superficie identica a quello in cui si disputano gli Internazionali d’Italia. Questo perché – a suo avviso – il dominio dei giocatori europei e sudamericani dipende dal fatto che crescono giocando sul mattone tritato. Detto da uno che giunse ad un passo dal battere McEnroe sull’erba fa sicuramente un certo effetto.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement