L’amarezza di Sandgren: “Mi sento come una zattera in mezzo all’oceano"

Interviste

L’amarezza di Sandgren: “Mi sento come una zattera in mezzo all’oceano”

Il tennista statunitense non ha ancora dimenticato quei sette match point contro Federer all’Australian Open. Ma non dimentica nemmeno le difficoltà per arrivare sul tour. “Nel tennis o lavori duro o non emergi. Non sapevo cos’altro fare nella vita e ho continuato a provarci”

Pubblicato

il

Tennys Sandgren - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

La metafora è di quelle efficaci: “Una zattera in mezzo all’oceano”. Sballottata da onde che non è preparata ad affrontare, trasportata verso lidi che non conosce. Così ha detto di sentirsi Tennys Sandgren a dieci giorni dalla sua partita di tennis che forse tutti ricorderanno di più. Peccato che, come tutti sappiamo, questo incontro l’abbia perso, sulla leggendaria Rod Laver Arena, ai quarti di finale dell’Australian Open, contro un Roger Federer menomato, al quinto set, nonostante sette match point. Una delusione indescrivibile. Soprattutto se hai già 28 anni e non è detto che ti ricapitino molte altre occasioni di battere quello che da molti è considerato il miglior tennista di tutti i tempi e accedere alle semifinali di un major. 

Non prendo le sconfitte particolarmente bene in generale. Questa è stata ovviamente molto difficile da mandare giù. Nonostante abbia fatto un gran torneo, è sempre un ko che si porta dietro quella spirale emotiva negativa che solo una sconfitta di questo genere implica”, ha spiegato Sandgren in un’intervista esclusiva al sito della ATP. Il tennista del Tennessee deve però riuscire a mettere le cose in prospettiva. In Australia ha raggiunto per la seconda volta in carriera i quarti, superando giocatori molto più quotati di lui come i nostri Matteo Berrettini e Fabio Fognini. Grazie a questo inatteso risultato si è riportato a ridosso dei primi 50 nella classifica mondiale. “Ho cercato di aggrapparmi alle cose che contano e capire che in fondo è solo una partita”, ha proseguito. Certo sarebbe stato bello portarla a casa, giocare la prima semifinale Slam eccetera. Ma è stato pur sempre un gran torneo. Spero di avere un’altra opportunità del genere. E se non ce l’avrò poco male. Ho fatto del mio meglio”.

Tennys Sandgren – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Se però una pensa come Sandgren si sia potuto trovare nella posizione di poter battere Federer per una semifinale Slam, la storia cambia radicalmente. Per vincere la sua prima partita in un tabellone principale di un torneo del circuito maggiore – nell’ATP 500 di Washington contro il giapponese Go Soeda – ed entrare nei primi 100 del mondo ha dovuto aspettare fino ai 26 anni. Prima tanta ma tanta gavetta nei Challenger americani, dove la concorrenza è forte e i montepremi non sono di certo stellari. “È stata dura. Non ho avuto la strada spianata. Ci sono un sacco di bravi giocatori nei Challenger”, ha sottolineato. “A meno che non ottieni grandi risultati da subito, devi lavorare e cercare di capire come venirne fuori. Così è come ho passato quattro-cinque anni nel circuito Challenger”. E non ha mai pensato di mollare? Perché ha continuato? La risposta è di una candidezza disarmante.In realtà è in parte a causa della mia stupidità. Non sapevo cos’altro fare nella vita. Avevo investito così tanto tempo nel tennis che ho pensato che non ci fosse nulla che mi poteva riuscire meglio. Perciò ho continuato a lavorare, allenarmi duro, per darmi una possibilità di sfondare. O lavori o molli in questo sport. Le opzioni sono due. Non è una scelta facile”. 

Ma se, quando si trovava invischiato nel Challenger di Savannah, gli avessero detto che un giorno avrebbe perso contro Federer la semifinale dell’Australian Open fallendo sette match point, cosa avrebbe pensato? Avrebbe aiutato la scelta di continuare ad insistere sulla carriera di tennista? “Sarei stato molto arrabbiato con me stesso”, ha raccontato. Certo quarti in Australia, ma quella cosa dei sette match point. Non so se mi avrebbe aiutato molto a tirare avanti all’epoca”. A dimostrazione del suo grande carattere e della voglia di non accontentarsi mai. La stessa che gli ha permesso di uscire dalle retrovie e approdare nei grandi palcoscenici. “Penso che sia incredibile quello che può succedere se si continua a lavorare sodo. Se si prende questa attività giorno dopo giorno non ha idea dove ti può portare”.

 

A prescindere dai problemi fisici di Federer, Sandgren ha giocato una partita di altissimo livello. In particolare, l’americano non sembrava avere grandi difficoltà a gestire il gioco offensivo e vario del maestro elvetico. Ad aiutarlo nella circostanza è stata l’esperienza. È stato divertente perché durante il match pensavo a un mio amico, Ryan Lipman, che ora è assistente allenatore all’università Vanderbilt. Ha un gioco simile a Federer: rovescio ad una mano, slice, gli piace venite avanti e fare serve and volley. Abbiamo giocato contro a livello junior, anche lui è di Nashville come me. Avremo fatto 50 forse 100 sfide tra allenamenti e tornei. Ovviamente Roger è su un altro pianeta. Ma la struttura del punto è simile. Pensavo: ‘Mi è già capitato di giocare questa partita’. Il back corto che mi portava a rete e robe simili le avevo viste fare anche al mio amico. Era un po’ surreale”. I due poi si sono parlati, e Tennys ha detto a Ryan che se avesse vinto lo avrebbe ringraziato nelle interviste. “Così si è mangiato le mani pure lui”, ha scherzato.

Roger Federer e Tennys Sandgren – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Nel tennis però non si può vivere nel passato. Sandgren è già a New York per il suo primo torneo dopo Melbourne. Al primo turno affronterà il connazionale Steve Johnson. “Ogni settimana è diversa. Ogni settimana è una nuova settimana. Devi pensare che stai ripartendo da zero e lottare. In Australia è stato fantastico ma questo è un altro torneo. Gli altri tennisti sono riposati e affamati. Se non lo sarò anche io, le cose non andranno bene. Quindi devo rimanere umile e continuare a lavorare”. Grazie a questa attitudine è passato dalle sabbie mobili dei Challenger a trovarsi a un passo dalla storia. E chissà che la stessa attitudine non gli dia un’altra chance di compiere anche quell’ultimo passo. 

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Djokovic dopo la vittoria agli Internazionali: “A Parigi dovrò cambiare marcia. Il clima renderà il torneo complicato”

Novak Djokovic valuta la sua settimana vittoriosa a Roma, rifiuta il ruolo di favorito a Parigi e parla del meteo che potrebbe avere un ruolo importante. L’ipotesi trasloco per gli Internazionali

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Grande soddisfazione naturalmente per Novak Djokovic dopo la sua quinta vittoria agli Internazionali BNL d’Italia, soprattutto dopo quello che era accaduto giusto due settimane prima a Flushing Meadows con la sua rocambolesca squalifica contro Carreno Busta. “Come avevo detto nella conferenza stampa di inizio torneo, ho avuto parecchi alti e bassi nei primi quattro o cinque giorni dopo quell’episodio. Ero in shock, come lo erano tanti altri. Tuttavia non è mai stato un problema per me superare le avversità nella vita e guardare avanti, ed è stato quello che ho fatto anche in questo caso. È stato molto utile avere un torneo subito dopo per poter tornare in campo ed eliminare qualunque traccia fosse rimasta di quel ricordo”.

Non è stata una vittoria schiacciante come altre volte gli è capitato nell’ultimo anno, ci sono stati momenti di difficoltà, match molto duri: “Non credo di aver giocato al meglio – ha ammesso il numero 1 del mondo – Non voglio sembrare arrogante, naturalmente, ma so di avere un altro paio di marce da poter utilizzare e spero di poter alzare il mio livello agli Internazionali di Francia, perché sarà necessario per arrivare in fondo al torneo. Ma è comunque stata una buona settimana, ho servito bene, e sono riuscito a trovare il mio gioco migliore nei momenti in cui serviva”.

Inevitabile la domanda su Rafael Nadal, che tutti credevano sarebbe stato il suo avversario in finale, e che invece è inciampato in Diego Schwartzman nei quarti di finale nel suo torneo di rientro dopo la pausa del circuito per il COVID-19: “A Parigi Rafa sarà sicuramente il giocatore con le più alte possibilità di essere in finale, anche se ovviamente non posso che augurarmi che non ci arrivi. Se c’è un torneo nel quale c’è un favorito d’obbligo, questo torneo è il Roland Garros e il favorito è Rafa”.

Anche le condizioni di gioco che al Bois de Boulogne saranno sostanzialmente diverse rispetto a quanto si trova durante la consueta data di maggio-giugno influenzeranno non poco i risultati del torneo, dice Djokovic: “Le condizioni a Parigi saranno diverse, un po’ come quelle trovate durante la finale oggi: pioggerellina, campo bagnato, rimbalzi bassi, abbastanza freddo. Inoltre il torneo potrebbe subire dei ritardi nel caso in cui si dovessero incontrare più giornate di pioggia consecutive. Speriamo di riuscire a finire in tempo. Da parte mia dovrò essere fisicamente preparato a gestire le interruzioni, eventualmente rimanere mezza giornata senza giocare, dato che ci sarà un solo campo con il tetto”.

 

Con questa affermazione il serbo ha anche consolidato la sua posizione in testa alla classifica ATP, superando questa settimana le 287 settimane al vertice di Pete Sampras e lanciandosi alla rincorsa del record delle 310 settimane di Federer che potrebbe raggiungere la prossima primavera: “Ovviamente ho ben presente la situazione, so di essere in una buona posizione per superare il record. Si tratta di uno dei miei principali obiettivi professionali in questo momento, insieme ovviamente con il numero di vittorie negli Slam e anche nei Masters 1000 naturalmente. Ma è meglio non guardare troppo lontano, non si sa mai cosa abbia in serbo il futuro…

La domanda di chiusura è stata a proposito di un possibile spostamento degli Internazionali ad un’altra località italiana. “Non sapevo nulla – ha detto Djokovic piuttosto sorpreso – l’anno prossimo ci saranno le ATP Finals a Torino, un’ottima novità per il torneo, che io ho sempre sostenuto dovrebbe essere più itinerante. Ma Roma è una location fantastica per questo torneo, l’impianto è splendido, c’è una grande storia, l’evento è molto popolare, viene sempre tanta gente. Sono sorpreso che si pensi a un trasloco”.  

Continua a leggere

Interviste

Halep: “Vincere a Roma è un sogno, qui iniziò la mia ascesa nel ranking”

La n. 2 del mondo è raggiante in conferenza stampa: “Sono contentissima, voglio solo sorridere”. E si proietta verso il Roland Garros: “Nessuna pressione. Voglio abituarmi ai campi e cercare di vincere ogni match”

Pubblicato

il

Simona Halep - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)
Questo spazio è sponsorizzato da BMW

L’edizione femminile degli Internazionali d’Italia purtroppo ha visto solo una finalista scendere in campo: Simona Halep si è trovata davanti una Karolina Pliskova infortunata che non le ha opposto grande resistenza. L’atteggiamento della romena in finale è stato comunque impeccabile come sempre. “La mia preparazione quando l’affronto è sempre la stessa, indipendentemente dalla superficie, perché lei ha un servizio fortissimo. Il suo dritto è incredibile, e anche il rovescio. Insomma ha tutti i colpi” ha detto la n. 2 del mondo in conferenza stampa. Qui è un po’ più veloce rispetto alla terra normale, per questo ha vinto lo scorso anno e si sente a suo agio. Oggi tutto quello che avevo in mente era di essere veloce, non darle il tempo di colpire e di farla muovere. E l’ho fatto molto bene”.

La soddisfazione che c’è nel vincere Roma per l’ex numero 1 del mondo va oltre il fatto di sollevare un semplice trofeo. “Finalmente l’ho vinto, amo questo torneo e ogni anno ho sempre giocato bene. Lo scorso anno no, ma quello precedente sì e in passato ho fatto due finali. L’inizio della mia ascesa nel ranking è stato qui nel 2013 quindi era davvero un sogno quello di vincere questo titolo. Sono davvero contenta che sia successo, ora voglio solo sorridere” ammette candidamente mentre si lascia andare ad uno dei suoi sorrisi più genuini. Purtroppo la bolla nella quale si trova non concede sconti e quindi anche i festeggiamenti sono ridotti all’osso: “Resterò nella mia stanza a godermi il trofeo. Lo userò per berci un po’ di Champagne, tutto qui. Sicuramente la celebrazione più noiosa di sempre”.

Un dettaglio da tenere in conto è che Simona non era presente per la trasferta newyorkese, a differenza di tutte le sue avversarie affrontate a Roma. La sua superiorità fisica è stata a tratti evidente e lei stessa sa chi deve ringraziare. “Vorrei menzionare i miei due allenatori, Arti (Apostu-Efremov) e Darren (Cahill), che mi hanno aiutato sotto l’aspetto fisico negli ultimi sei mesi. Sono stata molto ferrea con la programmazione, ho lavorato molto e sono migliorata tanto fisicamente quando ero a casa. Per questo riesco a correre e sentirmi in forma ad ogni incontro. Le mie gambe sono diventate più forti“.

 

Il Roland Garros è imminente e per una ex vincitrice come lei è inevitabile che questo rappresenti un obiettivo; tuttavia l’esperienza le ha insegnato come gestire la situazione. “Si tratta solo di un altro torneo, non mi metterò pressione. Ho giocato molto bene quest’anno, ho già vinto tre tornei e ho giocato moltissimo sulla terra. Sono in fiducia. Voglio solo andare lì, abituarmi di nuovo ai campi, all’atmosfera, e cercare di vincere ogni match che gioco. Ogni incontro è una battaglia quindi vedremo cosa accadrà”.

La pressione, che negli sport ha un ruolo decisivo, quest’anno ha un’ulteriore componente e corrisponde al fattore COVID. A Parigi già diversi tennisti sono risultati positivi (con conseguenze che hanno coinvolto più persone) e questo non può che far aumentare le precauzioni da parte degli altri contendenti. “Sì, ho sentito la notizia prima della partita e ovviamente mi preoccupa” ha commentato Halep.Ma sono sicura che verranno prese le contromisure e sarà sicuro abbastanza per permetterci di giocare“.

Continua a leggere

Interviste

Musetti: “Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi… mi motivano”

Il 18enne azzurro sconfitto al terzo turno degli Internazionali di Roma da Koepfer: “Avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)
Questo spazio è sponsorizzato da BMW

Dopo cinque vittorie consecutive sulla terra di Roma (qualificazioni incluse) Lorenzo Musetti è costretto a salutare la capitale dopo una netta sconfitta subita per mano del tedesco Dominik Koepfer. “Ovviamente oggi in campo non ho giocato al meglio, ero un po’ stanco” ha ammesso il 18enne in conferenza post-match. “Avevo giocato parecchio in queste settimane e inoltre avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza che volevo. Ma comunque porto con me una grande esperienza e credo che nelle prossime settimane giocherò con maggior fiducia nelle mie armi e in me stesso”.

La storia più interessante di quest’edizione degli Internazionali per il tennis italiano è stata seguire l’andamento della coppia Sinner-Musetti. I due teenager hanno entrambi raggiunto il terzo turno con prestazioni convincenti, e pochi giorni fa Jannik aveva parlato positivamente del collega dicendo addirittura che “potenzialmente è più forte di me”. Adesso è toccato a Musetti ricambiare i complimenti: “Jannik lo scorso anno ha fatto una stagione fantastica. Ci motiviamo a vicenda e anche qui ci diamo la spinta per giocare meglio ed essere più professionali in generale. Lui è molto umile e un grande lavoratore, si merita tutto quello che ha fatto finora. L’ho ringraziato personalmente per le belle parole ma credo che al momento lui sia più avanti sia di ranking che come costanza e solidità di gioco“.

Tuttavia c’è una cosa sulla quale i due giovani tennisti vanno d’accordo. Ha ragione Jannik quando parla di lavorare sul fisico perché noi siamo ancora dei ragazzi, non siamo ancora sviluppati al 100% ha affermato Musetti. “Il mio avversario di oggi era alla quinta partita ed era stato più volte al terzo ma era comunque fresco come una rosa, quindi sicuramente c’è tanto da migliorare fisicamente. Credo anche che il tempo e l’età siano dalla nostra parte. C’è solo da lavorare duro e crescere di giorno in giorno”.

 

Giocare su un palcoscenico così prestigioso inevitabilmente attira gli occhi anche di altri top player, tanto che non sono mancate attenzioni di primissimo piano.I complimenti di Nadal, che è stato molto umile e tranquillo nel farmeli, mi hanno fatto molto piacere. Mentre con Djokovic avevo già avuto la possibilità di giocarci in allenamento a Melbourne e conoscere il suo team; oggi mi ha fatto piacere averlo sugli spalti anche se non ha visto una bella partita. Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi mi motivano“.

Questo exploit romano non ha cambiato di molti i piani di Musetti: giocare il più possibile ad ogni livello. “Molto probabilmente la prossima settimana giocherò a Forlì (Challenger 100) grazie ad una wild card, poi una settimana di stop. Dopo giocherò a Parma (Challenger 125) e in Sardegna (ATP 250). L’obiettivo è giocare quasi tutte le settimane per fare più partite, ma ovviamente una settimana di riposo dovrò prendermela anche perché la spalla ne ha bisogno”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement