Fernandez si arrende a Watson ad Acapulco, ma il Canada ha trovato un'altra stella

WTA

Fernandez si arrende a Watson ad Acapulco, ma il Canada ha trovato un’altra stella

La diciassettenne di origini ecuadoregne e filippine, in finale partendo dalle qualificazioni, promette di diventare l’ennesima debuttante da urlo dal Great White North

Pubblicato

il

Heather Watson con il trofeo - Acapulco 2020 (via Twitter, @AbiertoTelcel)

Il WTA International di Acapulco ha presentato due grandi storie nel suo ultimo atto: da una parte la rinascita di Heather Watson, che ha vinto per 6-4 6-7 (8) 6-1 in due ore e 46 minuti, ma dall’altra, e soprattutto (senza che la britannica ce ne voglia), quella della mancina Leylah Annie Fernandez, classe 2002 canadese di cui sentiremo parlare ancora.

Watson ha confermato quanto di buono fatto vedere dall’inizio della stagione (con questa vittoria il suo record sale a 13 vinte e 4 perse, frutto anche della semifinale raggiunta a Hobart da qualificata), e ha da subito imposto la propria maggiore potenza contro un’avversaria al settimo match in otto giorni – Fernandez aveva ricevuto una wild card per le qualificazioni, e fatto percorso netto con 12 set vinti consecutivamente prima della finale, gli ultimi contro la sorpresa locale Renata Zarazua.

La britannica, tds N.7, è scappata avanti di due break nel primo set, chiudendo senza troppi patemi nonostante una mini-rimonta di Fernandez, e portandosi avanti di un break anche nel secondo. La canadese però ha mostrato tutta la sua forza mentale (Watson ha elogiato più volte la sua maturità dopo il match) e giocando un tennis più aggressivo ha pareggiato sul 2-2 da 40-0 sotto all’inizio del secondo.

 

Da lì il match si è trasformato in battaglia di puro attrito: la ventisettenne britannica si è portata sul 15-40 nel nono gioco per andare a servire per il match, ma ha sbagliato due risposte non impossibili che hanno tenuto a galla Fernandez. La canadese, allora, si è vista recapitare due set point grazie a un doppio fallo, ma non ha avuto chance di passare grazie all’attenzione di Watson, che si è dovuta salvare altre due volte nel turno di battuta successivo per portare il set al tie-break. Qui l’ultimo salvataggio:

Nel tie-break Watson sembrava essersi staccata definitivamente sul 6-2, prima di incartarsi incredibilmente sprecandoli tutti, cedendo il set sul 10-8 dopo aver avuto un quinto Championship point. A quel punto, però, la giovane mancina non ne aveva veramente più, e si è trovata sotto 5-1 sul servizio dell’avversaria in un amen. Ancora una volta, ha mostrato classe sotto pressione salvando altri quattro match point e guadagnandosi una palla break, ma la britannica ha tacitato le proprie paturnie chiudendo con un ace e un vincente di dritto.

Con questa vittoria, la quarta nel circuito e prima dal 2016, Watson salirà alla quarantanovesima posizione del ranking – +43 da inizio anno, un aumento da effetto serra, non lontano dal suo best ranking di N.38. Best ranking che invece raggiunge la sua avversaria, che scalerà 64 posti, arrampicandosi fino alla piazza 126.

E proprio lei, Leylah Annie Fernandez, è la vera storia della settimana, perché il suo exploit conferma ulteriormente il lavoro svolto dai vertici del tennis canadese, ormai uso a sfornare teenager di alto livello, vedi Shapovalov, Auger-Aliassime, e soprattutto Bianca Andreescu, che praticamente un anno fa si annunciava al mondo con la vittoria di Indian Wells.

Ma chi è Leylah? Cresciuta a Laval, in Québec, è di padre ecuadoregno (ex-calciatore che ora le fa da coach) e madre filippina (e quindi parla inglese, francese, e spagnolo), ma risiede in Florida, a Boynton Beach, su iniziativa proprio del papà, convinto che quello fosse il posto giusto per sviluppare il talento delle figlie – sì perché anche Bianca Jolie Fernandez, che ha compiuto 16 anni lunedì, vuole diventare una professionista di alto livello.

Al team si è recentemente aggiunto anche il francese Romain Derrider, anche lui residente in Florida, che l’ha accompagnata all’Australian Open, dove è riuscita qualificarsi per il tabellone principale. Questo perché Fernandez è una che cresce rapidamente, visto che lo scorso anno a Melbourne raggiungeva la finale, vincendo poi a Parigi dove si è trovata a giocare tre match in un giorno, mentre oggi balzella verso la Top 100 e ha già battuto una Top 10 (Belinda Bencic in Fed Cup), e tante sue colleghe confermeranno che non è un passaggio così semplice.

Nonostante la precocità della figlia, Jorge Fernandez aveva cercato di non metterle troppa pressione, affermando di non voler ottenere grossi exploit “troppo in fretta, troppo presto”. Di contro, le diretta interessata aveva detto: “Credo di aver sempre saputo di essere pronta a giocare fra i pro, è una questione di dimostrare a me stessa che, sì, posso vedermela con le migliori. C’è così tanto che posso fare se riesco a mettermici con tutta me stessa“. Di sicuro il lavoro con la famiglia avviene in grande sintonia, come confermato dal toccante ringraziamento fatto ai genitori dopo la finale di ieri:

Come detto, la forza mentale è il suo grande punto di forza, ma il suo tennis non è da meno. Essendo alta 1.60, il servizio non sarà mai il suo punto di forza, ma è un colpo che fa il suo, mentre i fondamentali da fondo sono già molto profondi, con un gancio mancino dalla preparazione breve e tardiva (la doxa sarebbe di eseguire lo unit turn quando la palla è sopra la rete, mentre lei aspetta un istante di più), e quindi difficile da leggere, mentre il rovescio verrà probabilmente pulito in fase di accelerazione per acquisire penetrazione. Si notano subito, infine, l’eccellente tocco sul drop shot e soprattutto l’abilità nativa di perdere pochissimo campo da entrambi i lati, tratto più rilevante rispetto a qualche miglio in più sul colpo. Le premesse per una rapida ascesa ci sono tutte, dunque, e il margine all’interno del circuito WTA pure. Che ci si debba preparare ad un’egemonia biancorossa?

Leylah Fernandez – Acapulco 2020 (via Twitter, @AbiertoTelcel)

Continua a leggere
Commenti

WTA

WTA Roma: Pliskova giocherà la terza finale di fila. Tra lei e il titolo c’è Swiatek

Swiatek vince la seconda partita in poche ore con grandi meriti. Proverà a impedire a Pliskova di vincere il secondo titolo al Foro Italico

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - WTA Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

Per il terzo anno di fila al Foro Italico ci sarà Karolina Pliskova in finale, ma gli applausi più scroscianti di questo sabato vanno a Iga Swiatek, capace di vincere due partite in poche ore contro due avversarie tutt’altro che banali: prima Elina Svitolina, nei quarti non disputati venerdì per pioggia, e poi Coco Gauff in semifinale, battuta per 7-6 (3) 6-3 in un’ora e 45 minuti.

Si può essere certi che questo sia stato il primo episodio di un lungo franchise che vedrà protagoniste le due, visto che si trattava della semifinale più giovane nella categoria 1000:

Il livello del match è stato buono fin da subito, con Swiatek che si è procurata una palla break nel terzo gioco quando Gauff (che in quel game ha faticato a mettere la prima) ha commesso due errori di dritto, salvandosi con un ace al centro. L’americana ha però avuto un momento di défaillance, e ha sbagliato completamente una smorzata prima di commettere un doppio fallo per il 2-1 Swiatek.

La polacca ha spesso alzato le traiettorie per allontanare l’avversaria dalla riga; a volte l’ha fatto in maniera un po’ passiva, ma spesso e volentieri la combinazione fra moonball e rapidi cambi ha mandato fuori giri l’avversaria, che non è riuscita a leggere le varie rotazioni della seconda di Iga (13/19 con la seconda nel set). Gauff ha però mostrato delle accelerazioni notevoli, sia con il rovescio che con il servizio (nonostante le percentuali basse), ed è riuscita a rimanere attaccata all’avversaria, procurandosi due palle break nel sesto gioco: Iga ha annullato la prima con un dritto in contropiede, mentre sulla seconda Gauff si è difesa benissimo dalle accelerazioni di rovescio dell’avversaria ma ha messo lungo il recupero su una stop volley.

I tempi erano però maturi per il contro-break: nel turno successivo ha mostrato un fantastico riflesso a rete seguito da uno schiaffo di rovescio che ha accarezzato la riga esterna sul 30-30, e ha pareggiato su un non forzato di dritto dell’avversaria. Con l’andare del set Gauff ha letto sempre meglio il servizio di Swiatek, giocando quasi tutti i punti in risposta su un piano più neutro, già di per sé una vittoria per il ribattitore, e la polacca ha stentato sempre di più a contenere la profondità dei suoi colpi. Sul 4-5 15-30 Gauff ha risposto di rovescio con i piedi abbondantemente dentro al campo, ma Swiatek ha trovato un passante bimane di rovescio in allungo, ed è riuscita a trascinare il set al tie-break.

Lì il match è completamente girato: Swiatek si è procurata il primo mini-break sul 3-1 su un dritto lungo dell’americana, e ha bissato su un unforced di rovescio di Gauff, senza più guardarsi indietro fino al 7-3 finale su un rovescio appena largo della teenager.

All’inizio del secondo Swiatek ha alzato ulteriormente il livello, vincendo i primi nove punti al servizio, inclusa una licenza poetica:

Sul 2-1 in suo favore ha trovato un vincente di rovescio che le ha dato il 15-30, ed è salita a palla break con una risposta incrociata seguita da un rovescio profondo che Gauff non è riuscita a gestire, salendo 3-1 grazie a un doppio fallo dell’avversaria. La statunitense ha però reagito e si è portata 30-40 con un dritto vincente, ma ha sparato in rete una risposta di rovescio non impossibile. Coco se n’è procurata un’altra con un ottimo passante di dritto, ma Swiatek si è salvata con servizio e rovescio e ha tenuto.

Di fatto il match si è chiuso lì: Gauff ha commesso un altro doppio fallo per la palla break, e ha regalato il 5-1 con uno schiaffo di rovescio finito lungo. Gauff ha recuperato uno dei due break con una risposta vincente di dritto seguita da un doppio fallo di Swiatek, ma quando è andata a servire per il match per la seconda volta la polacca è riuscita a chiudere, nonostante un altro doppio fallo sul secondo match point – alla terza chance ha trovato un rovescio in contropiede non controllato da Gauff, e ha conquistato la sua prima finale di categoria.

[9] K. Pliskova b. P. Martic 6-1 3-6 6-2

Poco prima, Karolina Pliskova si era garantita il primo posto in finale. La ceca dimostra di amare molto la terra del Foro Italico e approda per il terzo anno di fila all’ultimo atto del torneo romano, dopo aver eliminato in tre set Petra Martic. L’ultima a riuscire in una tale impresa era stata Amelie Mauresmo nel triennio 2003-2005 (sconfitta nel 2003 e vincitrice nelle successive edizioni). Una partita davvero di alta qualità da parte di Pliskova che ha dominato il primo e il terzo set, concedendosi uno dei suoi caratteristici momenti di amnesia nella parte finale del secondo. Dall’altra parte della rete, Martic è stata decisamente troppo discontinua e fallosa per poter impensierire davvero l’avversaria (ben 34 non forzati a fronte di 20 vincenti, mentre Karolina ha chiuso con un positivo 37-31).

Il primo set è stato di fatto un no contest. Pliskova ha mantenuto medie eccezionali al servizio, mettendo l’80% di prime e perdendo appena tre punti. Martic non è riuscita a farla muovere a sufficienza e ha tratto poco anche dalle smorzate, troppo lunghe e telefonate. Potendo colpire spesso da buona posizione, la ceca ha fatto valere la propria maggiore potenza di fuoco trovando molti vincenti anche direttamente con la risposta. Dopo 28 minuti le due sono andate a sedersi sul 6-1 Pliskova.

Nel secondo, Martic ha limato gli errori e finalmente ha iniziato a far correre l’avversaria. Dopo aver mancato tre palle break nel lunghissimo quinto game (ben sedici punti), la croata è riuscita a far breccia nel servizio di Pliskova, scappando sul 5-3. La ceca, forse con la testa già al terzo set, ha di fatto lasciato andare la presa, subendo il secondo break consecutivo e cedendo il parziale. Nel set decisivo, Karolina ha subito reagito, salendo sul 2-0, ma non prima di aver annullato ben tre palle break. Martic ha tentato di dire ancora la sua e si è rifatta sotto, strappando la battuta a Pliskova e impattando sul 2-2. Da qui in poi però la ceca ha nuovamente cambiato marcia. Con una serie di soluzioni vincenti di gran qualità, Pliskova ha infilato una serie di quattro giochi consecutivi e si è assicurata così la vittoria dopo quasi due ore di partita. Domenica giocherà la trentesima finale della sua carriera (16-13 il bilancio). Non ha mai affrontato Iga Swiatek in confronti ufficiali.

Il tabellone completo

Articolo a cura di Tommaso Villa e Lorenzo Colle

Continua a leggere

Flash

WTA Roma: Swiatek sbriga la pratica Svitolina. (Poco) riposo e poi la semi con Gauff

Iga Swiatek domina il primo set e parte del secondo, poi la partita va in lotta ma la polacca trova lo spunto nell’ultimo game. Alle 15 sfida Gauff

Pubblicato

il

Iga Swiatek - WTA Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

Ha comandato, poi ha rischiato di perdere il controllo del match, alla fine ha evitato un terzo set che sarebbe stato foriero di guai e avrebbe diminuito ulteriormente i minuti di riposo a sua disposizione. Iga Swiatek si è qualificata per le semifinali degli Internazionali d’Italia e sarà la sua prima presenza tra le prime quattro di un WTA 1000: a farne le spese è stata Elina Svitolina, che del Foro è stata regina nel 2017 e nel 2018, dopo un’ora e trentotto minuti di gioco (6-2 7-5). La giocatrice polacca avrà a disposizione un paio d’ore per rilassare i muscoli prima di affrontare in semifinale Coco Gauff, qualificata già da ieri in virtù del ritiro di Barty – che in quel momento conduceva nel punteggio 6-4 2-1.

Nei primi game della partita sul Pietrangeli si sono alternati coni di luce e di ombra, tanto che Swiatek ha iniziato munita di giacchetta. Quando il sole ha preso pieno possesso del campo più suggestivo dell’impianto romano, Iga è tornata alla mise estiva e anche il suo tennis si è sbloccato. I suoi cambi di ritmo e i colpi in contropiede, soprattutto sul più debole dritto di Svitolina, le hanno fruttato la mini-fuga valida per il 4-1 – unico game del set nel quale abbia dovuto fronteggiare palle break. Svitolina non è mai riuscita davvero a reagire, chiamata a correre una volta in avanti per recuperare una palla corta e il punto dopo lateralmente. Swiatek ha deciso più o meno sempre come si dovesse giocare il punto e il 6-2 è arrivato come logica conseguenza.

Nel secondo set c’è stato sin da subito più equilibrio, soprattutto perché la resa di Swiatek con la prima è scesa rispetto all’85% del primo parziale. Pur a seguito di uno scambio di break, però, Swiatek si è trovata di nuovo avanti di un break sul 4-2. Avanti 30-15, la campionessa in carica del Roland Garros ha forse creduto di averla già chiusa ed è stata meno sistematica nella ricerca del dritto avversario; Svitolina è riuscito a vincere uno scambio dei suoi sulla diagonale di rovescio e in un amen ha acciuffato il 4-4. E con esso il terreno suo preferito, quello della lotta.

 

Swiatek si è però sistemata silente a bordo partita, quasi fingendo di accontentarsi del tie-break, e invece sul 6-5 ha trovato un preziosissimo game di risposta per evitare guai. Ancora una volta la chiave è stata giocare palle pesanti sul dritto di Svitolina, uno schema che le ha consegnato due match point e appena dopo il passaggio in semifinale, a seguito di un dritto lungo di Svitolina che ha cercato di sfuggire alla pressione con un colpo vincente.

Contro Gauff sarebbe stato comunque un match complicato, lo sarà a maggior ragione per lo squilibrio nel tempo a disposizione per preparare del match.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

WTA Roma: Barty facile, Gauff elimina Sabalenka. Swiatek si salva per un pelo

La numero uno del mondo non soffre contro Kudermetova e sfiderà Coco Gauff, vincitrice a sorpresa sulla bielorussa. Iga salva due match point a Krejcikova

Pubblicato

il

Continua la corsa della testa di serie numero uno, Ashleigh Barty, che supera in due set Veronika Kudermetova e si qualifica per i quarti di finale del WTA 1000 di Roma. La partita è filata via liscia per l’australiana che ha sofferto un po’ solo nel primo set, quando si è trovata sotto 2-0. Da lì in poi è arrivato un parziale di cinque giochi a uno che le ha permesso di far suo il primo set. Nel secondo Barty ha gestito con ancora minori problemi gli scambi, strappando due volte la battuta all’avversaria e chiudendo il match con un doppio 6-3. Ai quarti non avrà però la possibilità di vendicarsi per la finale persa a Madrid la settimana scorsa, perché Aryna Sabalenka è stata eliminata in due set da Cori Gauff.

La diciassettenne statunitense ha da subito preso le redini della partita, salendo 3-1 nel primo set. Sabalenka ha abbozzato una reazione recuperando il break e pareggiando sul 4-4, ma ha poi perso nuovamente il servizio nell’undicesimo gioco, finendo col cedere il parziale per 7-5. Nel secondo parziale, Gauff non ha mai sofferto al servizio, mentre viceversa Sabalenka è andata spesso in difficoltà. Dopo aver salvato due palle break nel quinto gioco, la bielorussa ha subito una serie di quattro giochi consecutivi da parte dell’avversaria che si è così guadagnata un posto tra le ultime otto.

Grande, grandissima sofferenza invece per Iga Swiatek che ha impiegato quasi tre ore per avere ragione di Barbora Krejicikova. Dopo un convulso primo set da ben sei break e conclusosi 6-3 in favore della ceca, Swiatek se l’è vista molto brutta sul 6-5 quando ha dovuto annullare ben due match point alla propria avversaria. Scampato il pericolo, la polacca ha vinto il tiebreak con un chirurgico 7-5, rimandando tutto al terzo. Nel set decisivo Iga ha salvato tre pericolosissime palle break sul 3-3 prima di riuscire a piazzare la zampata decisiva nel dodicesimo gioco. Ai quarti attende la vincente della sfida tra Garbine Muguruza e Elina Svitolina.

 

Nella metà bassa del tabellone, bella vittoria per Jelena Ostapenko che ha superato in rimonta Angelique Kerber, graziata ieri dall’infortunio di Halep quando era abbondantemente sotto nel punteggio. Dopo un primo set piuttosto modesto, apertosi con sette break consecutivi e vinto dalla tedesca grazie ad una maggiore solidità, Ostapenko ha aumentato i giri del motore e ha cominciato a fare danni seri con il dritto. Il 6-3 con il quale ha pareggiato il conto dei set non rende conto di un parziale decisamente dominato dalla lettone. Il terzo invece è stato caratterizzato da grande intensità da ambo le parti. Kerber è stata la prima ad allungare sul 3-1, ma ha immediatamente restituito il break. Ostapenko ha salvato poi ben sei palle del 4-2 prima di riuscire a rientrare e addirittura a sorpassare la propria avversaria nel punteggio. Una volta ottenuto il prezioso break di vantaggio, la lettone non si è più voltata indietro e ha chiuso 6-4 dopo due ore e un quarto di gioco.

Ai quarti se la vedrà con la rediviva Karolina Pliskova, campionessa su questi campi nel 2019 e sfortunata finalista nel 2020, la quale, pur faticando, è riuscita a sbrigare in due set la pratica contro Vera Zvonareva. Nel primo set, dopo che quattro break di fila avevano stabilizzato la situazione sul 3-3, Pliskova ha strappato la battuta all’avversaria e si è ritrovata a servire per il parziale, ma senza successo. Alla seconda occasione però è stata più fredda, intascando il set col punteggio di 7-5. Il secondo, si è aperto con uno scambio di break e molte chance da una parte e dall’altra. Dal 3-3 in poi però, Pliskova ha cambiato marcia vincendo tre giochi consecutivi e volando ai quarti.

L’ultimo quarto di finale della parte bassa se lo contenderanno Jessica Pegula e Petra Martic. La statunitense ha superato abbastanza agevolmente Ekaterina Alexandrova con il punteggio di 6-2 6-4, mentre Martic ha dovuto rimontare Nadia Podoroska. La croata ha perso nettamente il primo set per 6-3, ma ha poi altrettanto (se non più) nettamente vinto i successivi due, lasciando appena tre giochi in tutto all’avversaria.

Il tabellone completo e aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement