‘Capre sulla neve’: sport in cui ci si azzuffa meno sul GOAT. Il biathlon

Focus

‘Capre sulla neve’: sport in cui ci si azzuffa meno sul GOAT. Il biathlon

La seconda puntata della rubrica dedicati ai giganti della neve volge lo sguardo al biathlon: uno sguardo ai numeri di Johannes Thignes Boe e Martin Fourcade

Pubblicato

il

Episodio 1: la sostenibile leggerezza di Jarl

Episodio 2: mi manda Tarjei

Biathlon: Johannes Thignes Boe – Chance di Goatismo: 60%

In Italia il biathlon si sta pian piano facendo scoprire grazie ai trionfi di Dorothea Wierer, l’altoatesina di Anterselva capace di vincere due Coppe del Mondo consecutive, l’ultima poche settimane fa al termine di una stagione risolta letteralmente all’ultimo bersaglio contro la norvegese Tiril Echkoff.

 

Per chi non conoscesse lo sport, è presto descritto. La base, come per la Combinata Nordica, è lo sci di fondo, ma ci si porta dietro una carabina e al termine di ogni giro si giunge a un poligono per colpire 5 bersagli posizionati a 50 metri di distanza. Una volta (o due) in posizione prona e altrettante in piedi. Per ogni errore si effettua un giro di penalità di 150 metri (una ventina di secondi abbondanti) o, nelle gare su distanze maggiori, viene accreditato direttamente un minuto sul tempo totale di percorrenza. Chilometri da percorrere, bersagli da coprire, possibilità di sfruttare ricariche e modalità di penalizzazione variano a seconda dei formati di gara, che a livello individuale sono quattro. Questo, ovviamente, in soldoni.

Il panorama del Biathlon è interessante per due aspetti. Il primo perché è al momento lo sport sulla neve più capillare nel mondo. A differenza delle altre discipline, oltre venti nazioni riescono a mettere insieme una staffetta (più o meno) competitiva, e la presenza est europea e asiatica è nettamente superiore allo sci alpino, per non parlare di fondo e combinata nordica. La seconda, che ci interessa più da vicino, è che la situazione del biathlon attuale è praticamente parallela a quella del tennis, e le similitudini si sprecano. Se al femminile infatti, senza nulla togliere alla nostra Wierer, o a Ashleigh Barty, si assiste a un periodo di totale incertezza, gran varietà e, detto spudoratamente, livello generale non eccelso in cui diverse possono vincere qualcosa di importante azzeccando la gara o la settimana giusta, al maschile siamo nell’era di tre dominatori come non se ne sono mai visti nella storia di questo sport.

Nel tennis si chiamano Roger, Rafa e Nole; nel biathlon Ole Einar, Martin e Johannes. La sola grande differenza e che all’anagrafe tra i secondi tre passa qualche anno in più rispetto ai tennisti. La parte finale di carriera di Bjorndalen (Ole Einar) è coincisa con quella iniziale di Boe (Johannes). Con in mezzo Monsieur le Biathlon, il francese Martin Fourcade, avversario dei due norvegesi e capace di prendere il testimone dal vecchio Ole e di passarlo poi al giovane Johannes. Come nel tennis tutto lascia dedurre che alla fine della fiera Djokovic possa ritirarsi con numeri superiori a quelli dei due avversari, lo stesso si può dire di Johannes Boe. Il punto è che Djokovic difficilmente, come detto nella prefazione di questo articolo, potrà ottenere cifre talmente preponderanti da far pendere l’ago della bilancia del Goat dalla sua parte, senza se e senza ma. Johannes Boe invece potrebbe ancora riuscirci.

Johannes Thignes Boe

Il nativo di Stryn, villaggio di poche migliaia di anime sui fiordi occidentali norvegesi, a 27 anni ancora da compiere è già il terzo biathleta più vincente della storia dietro agli altri due mostri sacri. Similmente al caso delle sorelle Williams nel tennis, Johannes Boe è esempio di fratello minore che supera il maggiore. Tarjei Boe infatti è stato l’ultimo biathleta a vincere la Coppa del Mondo prima dell’avvento di Fourcade, nel 2011, approfittando di un periodo di interregno, un po’ come Hewitt fece a inizio millennio tra il declinante Sampras e l’arrembante Federer.

Una volta resosi conto della sua inferiorità nei confronti di Fourcade, Tarjei Boe ha delegato la sua vendetta al fratellino. Tra Fourcade e la squadra norvegese c’è sempre stato rispetto, ma occasionalmente non sono mancate le frecciate, soprattutto con alcuni elementi del team scandinavo. Si narra ad esempio che una volta Emil Hegle Svendsen, altro mostro sacro della disciplina, irretito da una celebrazione di Fourcade a suo parere esagerata, gli abbia detto “ridi ora, perché quando arriverà il fratello di Tarjei, riderai meno”. E così grossomodo è stato: Johannes Boe si è presentato nel panorama del biathlon, ha raccolto la sfida contro Monsieur le Biathlon e non si è più voltato indietro.

Salito alla ribalta nel 2015 con il primo oro mondiale nella specialità Sprint, è esploso nel 2016 portandosi a casa, fra le altre cose, la Mass Start dei mondiali casalinghi di Holmenkollen (qui i dieci minuti finali con cronaca di Dario Puppo e Max Ambesi): l’unica gara, mondiale o olimpica, che abbia visto sul podio i tre tenori; rappresenta per il biathlon quello che le finali di Wimbledon 2008, Melbourne 2012 e Wimbledon 2019 sono per il tennis, se ci si potesse sfidare in tre contemporaneamente. In quel sorpasso all’ultimo giro Johannes Boe ha preso dagli altri due Jedi di sci e carabina la benedizione e il testimone. Nel frattempo, Bjorndalen ha appeso gli sci al chiodo nel 2018 alla veneranda età di 44 anni, restando competitivo fino all’ultimo. E per questa sua straordinaria longevità possiamo decisamente etichettarlo come il Federer del trio.

Martin Fourcade invece ha stupito molti, ritirandosi a sorpresa poche settimane fa e comunicandolo appena poche ore prima dell’ultima gara della stagione, che è stata anche l’ultima della carriera. Lo ha fatto alla Bjorn Borg, perché Fourcade è ancora, per distacco, il numero due della disciplina e quest’anno si è portato a casa due ori mondiali: uno individuale nella 20km e uno in staffetta. Semplicemente, non riesce più ad avere la meglio con continuità sul più giovane rivale. Boe è il McEnroe di Fourcade.

I numeri di Bjorndalen e Fourcade si assomigliano, e se il francese non si fosse ritirato a soli 31 anni probabilmente sarebbero quasi identici. Il pallottoliere finora dice per il norvegese sei coppe del mondo, 95 vittorie di tappa (più una nello sci di fondo), 13 medaglie olimpiche di cui otto ori (gli ultimi due vinti alla veneranda età di 40 anni) e venti titoli mondiali (11 individuali e nove in staffette varie). Le Roi de Perpignan invece vanta sette coppe del mondo (consecutive!) con 83 vittorie, cinque ori olimpici che potrebbero diventare sei per motivi di doping, e anche per lui undici ori mondiali individuali (più due in staffetta).

Martin Fourcade, soprannominato ‘Monsieur Le Biathlon’

Essendo le cifre relative ai mondiali inflazionate dal fatto che si svolgono tre volte a quadriennio (ogni anno non olimpico) e che ad ogni appuntamento potenzialmente si possono vincere ben sette medaglie (impresa riuscita al femminile quest’anno alla norvegese Roiseland), il metro di paragone più efficace per comprendere la dominanza di un biathleta sono le vittorie individuali in Coppa del Mondo.

Con almeno un lustro di prime ancora davanti, e senza i due contendenti a dargli battaglia nelle prossime stagioni, Johannes Boe ha le 100 vittorie nel mirino. Per ora è già a quota 47, ma nelle ultime due annate ha dimostrato di poter vincere almeno 15 gare a stagione sulle 24 disponibili. Conservando questo passo, il che è tutto fuorché improbabile, si ritroverebbe appaiato a Bjorndalen in soli tre anni; con altrettanti (come minimo) a disposizione per costruire quel gap di cui parlavamo che metterebbe fine a ogni discussione sul più grande di ogni epoca. Sul piatto Johannes Boe può già mettere anche 10 ori mondiali (seppur “solamente” quattro a livello individuale) e tre medaglie olimpiche di cui un oro.

Le chance che possa diventare il più vincente di sempre dipendono sostanzialmente da tre fattori. Anzitutto la voglia di rimanere a combattere e conservare lo stato di forma attuale fino ad almeno 32-33 anni. La sua performance a Pechino 2022, dal momento che sugli allori olimpici si trova al momento a inseguire. E, infine, l’avvento di un altro atleta di punta in grado di dargli un po’ di filo da torcere, un’eventualità che al momento pare remota. I giovani talenti ci sono ma nessuno ora come ora pare avere il piglio dominante di Johannes Boe.

Continua a leggere
Commenti

Focus

Il tennis del futuro: e se Kyrgios o Paire si ‘stampassero’ la racchetta in 3D da soli?

Tra personalizzazione e universalizzazione: breve excursus nell’evoluzione dei materiali per racchette: i tempi della Wilson T2000 di Jimmy Connors sono ormai lontani…

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Conclusa la nostra prima serie di articoli sui dati nel tennis (ma non temete: ne sentirete ancora parlare su Ubitennis!), il sabato rimane in qualche modo la nostra finestra sul futuro. E proprio di ‘tennis del futuro‘ parliamo quest’oggi. In particolar modo di racchette del futuro.

Il video illustra l’evoluzione delle racchette dal 1870 al 2020, sintetizzando uno studio pubblicato nell’ottobre del 2019, e dà evidenza visuale di una ricerca correlata alla precedente – la quale ha dimostrato che un giocatore odierno potrebbe servire la palla circa il 17,5% più velocemente usando una racchetta moderna rispetto a quelle usate dai primi giocatori negli anni ’70 dell’Ottocento (l’articolo originale è disponibile al seguente link). In particolare, sono interessanti i due ultimi grafici, visibili alla fine, che illustrano rispettivamente la distribuzione per decade:

  • Delle percentuali di racchette costruite con materiali diversi, con il numero in cima ai rettangoli che rappresenta il numero di costruttori
Distribuzione per decade di numero di costruttori e percentuale di racchette per materiali di costruzione
  • Della ripartizione delle lunghezze medie del manico, della gola e della testa della racchetta, con il centro della massa abbastanza stabile nel tempo

Dai grafici si evince come il passaggio dal dilettantismo o shamateurism all’Era Open avvenuto nel 1968, ma poi affermatosi definitivamente tra gli anni ‘70 e ‘80, sia risultato un momento chiave al fine di favorire l’innovazione in termini di materiali, segnando il passaggio dal legno ai materiali compositi come grafite, alluminio, acciaio, metallo a combinazioni tra gli stessi. La maggiore libertà di progettazione offerta dai materiali compositi è stata dimostrata con l’introduzione di racchette “widebody“, come la Profile di Wilson, alla fine degli anni ‘80. Le racchette “widebody” hanno sezioni trasversali più grandi attorno al centro del telaio rispetto al manico e alla punta, di modo da dare maggiore rigidità nella regione di massima flessione.

 

La maggiore rigidità delle racchette costruite con materiali compositi significa che perdono meno energia a causa delle vibrazioni all’impatto, così il giocatore può colpire la palla più velocemente. Esiste tuttavia un aumento del rischio di lesioni dovute a uno stress del braccio causato dall’uso intensivo di una racchetta ad alta rigidità con una testa grande.

Molto probabilmente esiste una racchetta ottimale per ogni giocatore, piuttosto che una soluzione adatta a tutti, e le preferenze dei giocatori hanno un ruolo importante. È probabile che le tecniche di personalizzazione e il monitoraggio dei giocatori tramite sensori e sistemi di videocamere giochino un ruolo importante nel futuro della progettazione delle racchette da tennis. I produttori di racchette potrebbero poi esplorare materiali più sostenibili, come i compositi di fibre naturali e riciclate, e tecniche di produzione più automatizzate come la produzione additiva. Il tema è stato oggetto di una mostra all’Australian Open del 2020 ed è stato vincolato all’evoluzione del design della racchetta.

COSA CAMBIA CON LE STAMPANTI 3D?

Ci si chiede ora se l’avvento delle stampanti 3D possa costituire un ulteriore incentivo all’evoluzione dell’attrezzo tennistico all’insegna della personalizzazione, dato che tutto sommato il “know-how” necessario per la costruzione di una racchetta risulta abbastanza stabilizzato nel tempo. 

Nel 2013 aveva suscitato un certo clamore la presentazione di un prototipo di racchetta, fatta da CRP, società leader nello sviluppo di materiali per la manifattura avanzata, che aveva messo a disposizione le proprie conoscenze a due studenti dell’Accademia di belle arti di Rimini, Mario Coppola e Salvatore Gallo, così come aveva riportato il Corriere. Il prototipo, stampato in 3D, era stato concepito scorporando la racchetta nelle sue tre parti fondamentali: il manico, la gola e la testa, studiando per ognuna delle varianti strutturali che non alterassero l’omogeneità dell’intera scocca e l’equilibrio tra i diversi componenti. Grazie alle stampanti professionali presenti nel reparto di fabbricazione additiva fu possibile creare la racchetta come parte monolitica. In particolar modo, l’oggetto era stato realizzato con il miglior materiale disponibile, Windform XT 2.0, per conferire la massima affidabilità e performance.


Racchetta realizzata da CRT in Windform 2.0 (nov 2014): sembra quasi l’arma di un personaggio di Tolkien!

Molto più interessante è invece quanto proposto da due aziende britanniche che sono Oglemodels, e Skywide, le quali hanno prodotto un manico completamente personalizzabile e con peso bilanciato che consente agli appassionati giocatori di tennis di godere dei vantaggi di una racchetta completamente su misura per portare il loro gioco al livello successivo. La richiesta fatta alle due aziende proveniva direttamente dallo specialista di personalizzazioni di racchette da tennis, Unstrung Customs, che desiderava un metodo nuovo e innovativo, lontano dallo stampaggio tradizionale, per adattare le dimensioni dell’impugnatura della racchetta. L’obiettivo era accelerare il processo di fornitura e fornire una presa di precisione per il giocatore. La sinterizzazione laser selettiva (SLS) era il più praticabile dei processi di stampa 3D per raggiungere obiettivi in ​​termini di robustezza e peso, pur mantenendo l’accuratezza del design. Inoltre, se un giocatore richiede più di un manico, SLS risulta essere un processo conveniente per la produzione di piccoli lotti di diverse varianti contemporaneamente o multipli delle stesse.


Foto concesse gentilmente da Oglemodels e Unstrung Customs

In conclusione, si ritiene possibile utilizzare stampanti 3D al fine di creare racchette con programmi CAD, ma bisogna capire se e quanto un know-how pubblico possa abbattere i prezzi di mercato, consentendo l’auspicata personalizzazione dell’attrezzo. Ad oggi sembra invece che queste nuove tecniche di produzione industriale favoriscano la creazione di attrezzi ad personam, ma con un aumento ragionevole dei costi sostenuti dall’utente finale – specialmente se padroneggiate da aziende dedite a servizi di “regolazione fine” specializzate su certe parti della racchetta come il manico o la testa.

Potenzialmente, la diffusione massiva delle stampanti 3D e lo sfruttamento di know-how pubblici (fondamentalmente specifiche tecniche plasmate in files CAD) potrebbe abbattere i costi di design, riducendo i costi di fabbricazione all’acquisto dei soli materiali, sempre che questi strumenti siano utilizzabili presso laboratori pubblici o semi-pubblici. Agendo in questo modo, l’obiettivo non sarebbe più tanto la personalizzazione dell’attrezzo tennistico ma la sua universalizzazione. Infatti, un simile approccio, alternativo ma non concorrente a quello di benefattori (come fondazioni o enti istituzionali) che incentivano la pratica del tennis in continenti molto poveri, risulterebbe più capillare e meno dipendente da interventi filantropici – che tendenzialmente si concentrano nelle zone più popolose. Perché se è abbastanza facile per un bambino a qualsiasi latitudine tirare un calcio a una palla, lo è meno impugnare una racchetta da tennis. E con la possibilità di ‘stamparsi’ la racchetta da soli, potrebbe essere un po’ più facile.

Articolo a cura di Andrea Canella

Continua a leggere

ATP

L’ATP annuncia nuove modifiche al calendario: si gioca a Singapore e Marbella

Ufficializzati due nuovi tornei, a Singapore (22-28 febbraio) e Marbella (5-11 aprile). Il torneo di Budapest si sposta a Belgrado, mentre Houston viene cancellato

Pubblicato

il

Come già nella passata stagione, anche nel 2021 il calendario del tennis sarà suscettibile di varie modifiche e aggiunte in corso d’opera in modo da far fronte all’emergenza coronavirus, garantendo al tempo stesso un adeguato numero di eventi. L’ATP ha dunque annunciato l’inserimento di due nuovi tornei, cui è stata concessa una licenza della validità di un anno. Il primo si disputerà sul cemento indoor di Singapore nella settimana successiva all’Australian Open (22-28 febbraio), mentre il secondo avrà luogo a Marbella, in Spagna, dal 5 all’11 aprile e la superficie prescelta sarà la terra rossa.

Per dare ai tennisti maggiori possibilità di giocare e guadagnare, l’ATP ha inoltre aumentato le dimensioni dei tabelloni di alcuni tornei. il caso del torneo di Dubai il cui tabellone principale passerà da 32 a 48 giocatori, mentre quello delle qualificazioni verrà allargato da 16 a 24. Anche i tornei di Acapulco, Cordoba e Santiago del Chile disporranno di tabelloni allargati da 16 a 32 giocatori per le qualificazioni.

Altre misure di aggiornamento del calendario prevedono lo spostamento del torneo di Budapest a Belgrado (19-25 aprile) e la cancellazione dello storico U.S. Men’s Clay Court Championship di Houston (unico torneo nordamericano su terra) inizialmente programmato per la settimana del 5 aprile. Alla data attuale, tutti gli altri eventi presenti nel calendario ufficiale non subiscono variazioni.

 

L’ATP ha inoltre annunciato di essere disponibile a concedere altre licenze temporanee (valide per il solo 2021) in modo da riempire eventuali vuoti nel calendario.

Continua a leggere

Australian Open

Craig Tiley: “È normale che i migliori al mondo ottengano un trattamento migliore”

Fanno scalpore le ultime dichiarazioni del direttore dell’Australian Open. Secondo il suo punto di vista i vantaggi logistici in favore dei top player in quarantena ad Adelaide (anziché a Melbourne) sarebbero giustificati

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Rafa Nadal - Rally for relief, Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Le settimane di avvicinamento all’Australian Open 2020 sono senza dubbio le più caotiche nella storia del torneo. Dai problemi legati alla pandemia (72 giocatori non possono allenarsi perché ritenuti tra i “contatti stretti” delle persone con cui hanno volato, poi risultate positive) si passa alle polemiche verso la “quarantena differenziata” di Adelaide. Infatti anziché arrivare a Melbourne, tre giocatori e tre giocatrici, con rispettivi team e compagni di allenamento designati, staranno ad Adelaide. Il motivo principale? A quanto pare era necessario alleggerire il grande gruppo di oltre 1200 persone arrivato a Melbourne, per cui una cinquantina di queste è stata collocata ad Adelaide. Ma agli occhi dei colleghi di Djokovic, Nadal, Thiem, Osaka, Serena Williams e Halep sembra proprio una corsia preferenziale in favore dei “migliori della classe”.

Ancora nessun giocatore è uscito allo scoperto denunciando evidenti disparità di trattamento e favoritismi. Tuttavia negli ultimi giorni sono apparsi molteplici post di Yulia Putintseva su Twitter mentre riprende i topi che le fanno compagnia nella sua camera d’albergo ai quali si aggiungono le lamentele sul cibo postate da molti su Instagram. Nei giorni scorsi Novak Djokovic, informato dai suoi colleghi sulla situazione di Melbourne, ha messo assieme un insieme di suggerimenti/richieste per migliorare le condizioni di coloro che non potranno nemmeno uscire dalla camera d’albergo. Solo quelle riguardanti buoni pasto e attrezzatura per gli allenamenti in camera. Le restanti sono state, come prevedibile, respinte. Wawrinka ha lanciato comunque una frecciatina. Rispondendo su Twitter alla lettera contenente le proposte ha commentato: “Da Adelaide? Ahahaha”. Come dire: “Facile parlare da quella suite…”

Certo, nessuno è stato sbattuto in un motel da quattro soldi senza riscaldamento ed elettricità (e ci mancherebbe), ma i “quarantenati” a Melbourne avranno certamente pensato alle differenze rispetto alle suite extra-lusso riservate ai colleghi che alloggiano ad Adelaide. Tra essi, ricordiamo, ci sono anche Jannik Sinner (che si allena assieme a Rafa Nadal) e il suo coach, Riccardo Piatti, entrambi entusiasti dell’organizzazione australiana, ça va sans dire.

A far discutere sono però le parole della massima autorità tennistica d’Oceania, ovvero Craig Tiley, direttore dello Slam, ma anche CEO di Tennis Australia. “I top player ad Adelaide vivono in migliori condizioni, hanno anche un balcone” ha dichiarato, aggiungendo anche che diversi membri del team di ogni giocatore possono recarsi ai campi per gli allenamenti quotidiani. A Melbourne invece, solo un componente del team può seguire il giocatore ai campi. Secondo Tiley queste differenze sono nell’ordine naturale delle cose: Penso che tutto questo venga percepito come trattamento preferenziale. Ma sono i migliori giocatori al mondo. È stato un vantaggio per noi avere uno spazio addizionale per la quarantena ed è una grande opportunità che Adelaide merita”. Ricordiamo infatti che ci sarà una grande esibizione il 29 e il 30 gennaio con i sei top player presenti in città.

“La mia regola in generale è che se sei al top nel tuo sport, come lo è un campione Slam, avrai un trattamento migliore: è naturale ha concluso. Ha comunque negato che le condizioni dei giocatori di stanza a Melbourne siano tanto diverse rispetto a quelle di Adelaide: “Non è dissimile. Ad Adelaide c’è una palestra e i giocatori hanno gli attrezzi per allenarsi in camera. È stato riportato che ci sono palestre anche all’interno dell’hotel, ma non è vero. Non farà certamente piacere leggere queste dichiarazioni a chi, stando a Melbourne, oltre a non avere i vantaggi logistici di Adelaide magari deve anche stare chiuso in camera per quei casi di positività tra i passeggeri dei voli charter. Dichiarazioni che vanno a sbattere però con quelle di Victoria Azarenka, che ha accettato di buon grado la quarantena e ha richiamato tutti i suoi colleghi e i media all’unità, alla sensibilità e alla cooperazione. Perché “nessuno ha le istruzioni su come agire senza sbavature”, ha dichiarato.

Dal punto di vista di Tiley, è chiaro che il trasferimento di quei sei giocatori in un’altra sede sia avvenuto in parte per non congestionare la macchina organizzativa di Melbourne, ma anche per non creare nemmeno il minimo disagio ai pezzi forti del torneo. Con l’assenza di Roger Federer, avere i top player nelle migliori condizioni possibili per arrivare in fondo, nonostante i rigidi protocolli anti-Covid, diventa fondamentale. Ha agito nell’interesse della manifestazione. Ma ora la sua figura verrà vista sotto una luce sbagliata, avendo giustificato un palese trattamento preferenziale. È quanto di più sbagliato se si sa quanto sia complicato per i giocatori (tutti i giocatori), con la pandemia di mezzo, prepararsi psicologicamente, oltre che fisicamente, a un appuntamento tanto importante.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement