Il tennis riparte a Praga, Kvitova risponde presente

Flash

Il tennis riparte a Praga, Kvitova risponde presente

In Repubblica Ceca è iniziato il torneo: in campo 8 uomini e 8 donne. Kvitova fatica un set, ora affronterà Siniakova. Bene anche Strycova e Muchova

Pubblicato

il

Petra Kvitova e Barbora Krejcikova - Esibizione Praga 2020 (via Twitter, @Petra_Kvitova)

Si è disputata ieri a Praga la prima giornata del torneo tutto ceco che ha sancito il ritorno del tennis anche in Europa, dopo che negli Stati Uniti si era giocato il torneo UTR in Florida. La sede di questo evento è il circolo tennis Sparta Praha e questo ha permesso agli organizzatori, a differenza di quanto accaduto in Florida, di poter presentare un allestimento più decoroso: i due campi scelti sono in terra per gli uomini e sul cemento per le donne, c’erano i giudici di linea e persino i raccattapalle dotati di guanti e mascherine. Di pubblico neanche a parlarne – solo qualche sedia ben distanziata e nessuna mucca – ma è stata comunque garantita la presenza di fotografi e telecamere.

La defezione all’ultimo momento di Karolina Pliskova non ha influito sullo svolgimento del torneo che ha visto scendere in campo 8 uomini e 8 donne: tra le prime a concludere il suo match c’è stata proprio una Pliskova, la sorella Kristyna, che ha perso contro la talentuosa Karolina Muchova per 6-3 6-4. Poi è stato il turno di Barbora Strycova che ha avuto la meglio contro la 15enne Linda Fruhvirtova per 6-1 7-5. Quest’ultima, attualmente numero 822 del mondo, è stata semifinalista al torneo Bonfiglio nel 2019 e conferma la grande capacità della Repubblica Ceca nel produrre tenniste di buone speranze. La semifinalista dell’ultima edizione di Wimbledon affronterà oggi proprio Muchova.

 

La tennista più attesa però era senza dubbio Petra Kvitova. Lei che Wimbledon lo ha vinto due volte ha superato Barbora Krejcikova, attuale 115 in singolare e 8 in doppio, col punteggio di 7-6 6-2. Adesso per Petra si prospetta una sfida apparentemente agevole contro Katerina Siniakova, battuta quest’anno al primo turno degli Australian Open lasciandole solo un game, ma dopo il lungo stop dettato dalla quarantena siamo sicuri che Siniakova sarà più indiavolata che mai. Quest’ultima nel suo match di esordio ha sconfitto un’altra esperta di doppio, la 35enne Lucie Hradecka.

Tra gli uomini si segnalano le sconfitte dei due giocatori dalla classifica più alta: Jiri Vesely (68 ATP) e Lukas Rosol (180 ATP) sono infatti caduti per mano di Michael Vrbenský e Vít Kopřiva dimostrando di non andare poi così d’accordo con la terra rossa. Il numero 1 ceco ha ammesso di aver avuto problemi nel mantenere la concentrazione in condizioni così particolari e questo ha causato anche parecchi doppi falli. Gli altri due incontri di singolare maschile hanno visto Zdeněk Kolář vincere contro Jonáš Forejtek per 6-3 7-5, e infine Jiří Lehečka che ha sconfitto Tomáš Macháč 7-6 1-6 10-6.

Continua a leggere
Commenti

Flash

All-American Team Cup: “veterani” avanti 3-1

La squadra di Isner rischia di andare sotto 2-0, ma chiude la prima giornata in vantaggio

Pubblicato

il

John Isner - All American Team Cup (via Twitter, @ATLOpenTennis)

Si è conclusa la prima giornata della “All-American Team Cup”, un torneo che vedrà affrontarsi per tre giorni (dal 3 al 5 luglio) i migliori otto giocatori statunitensi, ripartiti in due squadre. Da una parte il Team Stripes, quello dei “veterani” formato John Isner, Steve Johnson, Tennys Sandgren e Sam Querrey; dall’altra il Team Stars, composto dai giovani Frances Tiafoe, Tommy Paul, Taylor Fritz e Reilly Opelka.

L’evento, che ha luogo al Life Time Athletic and Tennis Peachtree Center nei dintorni di Atlanta, ha aperto le porte ad un numero limitato di spettatori nel rispetto dei protocolli di sicurezza stabiliti. Gli astanti dovranno compilare un modulo sul proprio stato di salute e farsi misurare la temperatura corporea. Sugli spalti la distanza di sicurezza è di circa due metri, ma non c’è l’obbligo di indossare la mascherina. Anche in campo si sono presi alcuni accorgimenti: i giocatori usano solo i propri set di palline, marcate per poter essere distinte, e si arbitrano da soli.

 

LE PARTITE – Dopo la prima giornata, il Team Stripes capitanato da John Isner ha chiuso in vantaggio 3-1. L’unico tra i giovani a riportare una vittoria è stato il capitano del Team Stars, Frances Tiafoe, che ha superato in due set Sam Querrey nel primo match di giornata. Il Team Stars è poi andato vicinissimo al 2-0 con Tommy Paul, che ha mancato un match point nel super tiebreak contro Tennys Sandgren, finendo per cedere 12-10. I veterani hanno poi effettuato uno strappo grazie ai successi di Isner (6-3 6-4 a Fritz) e Johnson (6-4 4-6 10-5).

Continua a leggere

Flash

L’ATP svela il calendario Challenger: quattro le tappe italiane

Undici tornei in quattro settimane a partire dal 17 agosto. Tabelloni ridotti, ma montepremi quasi identici

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Challenger Bergamo 2019 (foto Felice Calabrò)

Nell’ambito delle discussioni, a tutti i livelli, sulla ripresa del tennis professionistico, una coltre di incertezza aleggiava sul destino dei tornei Challenger. Il timore era che l’intera stagione del circuito minore dell’ATP potesse essere annullata. La nebbia è stata però spazzata via da un post su Instagram della pagina ufficiale del Challenger Tour, che annunciava un primo calendario parziale composto di 11 tornei in quattro settimane a partire dal 17 agosto.

View this post on Instagram

We're back! 🙌 The ATP Challenger Tour has announced an updated schedule, with 11 tournaments in four weeks.

A post shared by ATP Challenger Tour (@atpchallengertour) on

 

Tutti gli eventi in calendario appartengono alla categoria Challenger 125, la più alta, con l’eccezione delle quattro tappe italiane (Todi, Trieste, Cordenons, Parma) che sono invece Challenger 80, cioè la categoria più bassa. Fortunatamente i montepremi sono stati solo leggermente ritoccati al ribasso. I Challenger 125, che in tempi normali hanno un prize money di 162,480$ (137.560€), garantiranno un montepremi complessivo di 156,240$ (132.280€), mentre i Challenger 80 offriranno 52,080$ (44.820€) invece dei soliti 54,160$ (46.600 €). Praga e Orlando inoltre ospiteranno due tornei, sempre di categoria 125, in settimane consecutive, dando così ai giocatori ulteriori possibilità di giocare e guadagnare qualcosa.

I tabelloni saranno a 32 giocatori per il singolare, a 16 per il doppio e le qualificazioni e una maggioranza (non meglio specificata) di tornei potrà contare su nove giorni di gare, facendo iniziare con ogni verosimiglianza le qualificazioni nel fine settimana precedente alla data di inizio “ufficiale” del torneo (come già accade per i tornei ATP del circuito maggiore).

MINI POLEMICA – Nonostante la buona notizia, ancora una volta l’ATP sembra aver riscontrato qualche problema di comunicazione con i giocatori che dovrebbe rappresentare. Sotto il sopra menzionato post infatti è comparso un commento di Ilya Marchenko, attualmente numero 200 ATP, ma con un best ranking di numero 49, che commentava ironicamente il fatto di aver appreso della ripresa del circuito Challenger da Instagram.

Continua a leggere

Flash

Ultimate Tennis Showdown e Perugia: il programma di sabato 4 luglio. C’è Berrettini-Tsitsipas

Super-sfida alle 22:15: c’è in gioco il primato del girone all’Ultimate Tennis Showdown. Sonego in campo alle 15 per vincere il secondo titolo di fila

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Giornata di finali a Perugia, dove si sta disputando la seconda tappa – questa volta aperta a tennisti di tutte le nazioni – del Mef Tennis Tour, che per ragioni di sponsor ha preso a chiamarsi ‘ZzzQuil Tennis Tour‘. La notizia è che in finale c’è ancora Lorenzo Sonego, dopo la vittoria di Todi: il torinese è imbattuto da quando è tornato in campo. Sarà anche la settima e terz’ultima giornata della fase a girone dell’Ultimate Tennis Showdown a casa Mouratoglou, nonché il day 2 della ‘All-American Tennis Cup‘ promossa da John Isner (e già assai criticata).

A Sophia-Antipolis andrà in scena la sfida tra il leader di classifica Stefanos Tsitsipas e il primo inseguitore Matteo Berrettini, che avrà così l’opportunità di tornare in vetta e avvicinare la qualificazione alle semifinali. Ricordiamo che Thiem ha già abbandonato il torneo (sarà sostituito da Dustin Brown, che a sua volta era stato fermo una giornata causa di un infortunio) per preparare l’esibizione di Kitzbuhel, dove dovrebbe raggiungerlo anche Berrettini.

Da segnalare, in campo femminile, l’esibizione Elle Spirit Open che si sta disputando in Svizzera con la presenza di Elina Svitolina e Iga Swiatek.

IL PROGRAMMA DI OGGI

 

ZzzQuil Tennis Tour (incontri visibili in streaming sul profilo Facebook di Federtennis e Supertennia)

13:00 – [1] L. Samsonova vs S. Rubini
15:00 – [1] L. Sonego vs [7] V. Galovic

Ultimate Tennis Showdown (incontri visibili sulla piattaforma UTS-Live)

16:00 – E. Benchetrit vs B. Paire
17:15 – D. Brown vs F. Lopez (visibile su Eurosport)
18:30 – A. Popyrin vs R. Gasquet (visibile su Eurosport)
21:00 – D. Goffin vs C. Moutet
22:15 – S. Tsitsipas vs M. Berrettini

All-American Cup (incontri visibili su Tennis Channel)

18:00 – T. Sandgren vs F. Tiafoe
19:30 – S. Querrey vs T. Paul
00:00 – J. Isner vs R. Opelka
01:30 – S. Johnson vs T. Fritz

Elle Spirit Open
14:00 – L. Kung vs I. Swiatek
14:00 – J.B. Teichmann vs C. Perrin
15:30 – S. Voegele vs S. Waltert
17:00 – E. Svitolina vs V. Golubic
18:30 – L. Kung vs C. Perrin
18:30 – I. Swiatek vs J.B. Teichmann

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement