Federer guarda avanti: “Il ginocchio è ok. Ritiro? Mi diverto ancora troppo”

Flash

Federer guarda avanti: “Il ginocchio è ok. Ritiro? Mi diverto ancora troppo”

Lo svizzero a tutto campo in un’intervista assieme alla connazionale Nicola Spirig, medaglia d’oro olimpica nel Triathlon. “Il lockdown non è stato così male. Da 20 anni non stavo a casa per 6 settimane. Non vedo l’ora di tornare a giocare”. L’obiettivo rimane il 2021

Pubblicato

il

Qualche giorno fa è stato annunciato che On, il marchio di calzature sportive svizzero del quale Roger Federer è da qualche tempo azionista e collaboratore, fornirà materiale alla squadra olimpica nazionale. Questo evento è stato l’occasione per un’intervista televisiva in cui Federer ha condiviso il palco con un’altra leggenda dello sport svizzero, ovvero la triatleta Nicola Spirig, medaglia d’oro olimpica a Londra e argento a Rio. Nel 2012, l’anno della vittoria alle Olimpiadi, Spirig è stata eletta sportiva dell’anno in Svizzera. Un risultato straordinario per qualcuno che è nato e vissuto nell’epoca del Maestro di Basilea, il più grande e famoso atleta svizzero di sempre.

Il quale però, per sua stessa ammissione, si “stanca facilmente” a nuotare e “si annoia” ad andare in bicicletta. “Gli sport di resistenza non fanno per me”, ha confessato Federer. Dal punto di vista della performance atletica pura non sembrerebbe esserci paragone tra i due sportivi, sebbene Federer abbia vinto più di qualche Slam facendo ricorso alle sue doti di resistenza.

L’INTERVISTA

Per Federer si è trattato della seconda lunga intervista dalla fine del lockdown – la prima l’abbiamo pubblicata in due parti: la trovate qui e qui. Ed è stata l’occasione per fare un po’ il punto di quello che è successo nella sua vita negli ultimi mesi, di quello che sta succedendo ora e di quello che gli dovrebbe riservare il futuro.

 

Questo 2020 è stato abbastanza travagliato dal punto di vista sportivo. Che qualcosa non andasse se ne erano accorti tutti agli Australian Open dove Federer era parso alquanto appannato e ha rischiato di perdere contro giocatori non di primissimo piano come John Millmann e Tennys Sandgren. Non ha stupito dunque che dopo una serie di esibizioni, Roger abbia annunciato la decisione di sottoporsi ad un intervento chirurgico al ginocchio. Insieme al COVID-19 e la conseguente interruzione del circuito, c’è stato poi una seconda operazione chirurgica. Ora però il ginocchio sembra finalmente a posto e Federer è pronto per tornare ad allenarsi.

“Il ginocchio sta bene. O, per lo meno, bene per quanto possa andare ora dopo la seconda operazione in un anno”, ha spiegato. “Ovviamente ero triste quando sono dovuto andare sotto i ferri per la prima volta. È stata una mia decisione dopo il match di esibizione in Sudafrica. Non ero soddisfatto per come andava il ginocchio da tempo e qualcosa andava fatto. La seconda operazione sfortunatamente si è resa necessaria. L’obiettivo è essere al massimo della forma all’inizio del prossimo anno. Ci sarà un blocco di 20 settimane di allenamento sia fisico che con la racchetta. Sarà una strada lunga ma non vedo l’ora di essere di nuovo al 100 per cento”. Federer ha detto di non essersi praticamente mai allenato sul campo negli ultimi mesi ma di aver solo un po’ giocato contro il muro. Potrebbe tornare in campo già da subito ma non ha fretta essendosi dato come obbiettivo il 2021.

Porsi però dei traguardi realistici per un tennista professionista di questi tempi non è facile. Il circuito ATP dovrebbe riprendere a inizio settembre con lo US Open e il torneo di Cincinnati, sempre a New York, ma è tutt’altro che sicuro che lo Slam americano si giochi. Poi si dovrebbe tornare in Europa per uno swing sulla terra rossa posticipato. Federer però è dell’idea che in qualche maniera il grande tennis internazionale debba ripartire. Se il tennis ripartirà sarà con gli US Open. Lì capiremo cosa potrebbe succedere. Ho parlato con gli organizzatori di recente e mi hanno detto che prenderanno una decisione dopo la metà di agosto. Sarà interessante”, ha sottolineato.

Non sarà comunque lo stesso senza pubblico e questo lo sa bene anche l’otto volte campione di Wimbledon. “Il Roland Garros ha annunciato che ci saranno almeno metà degli spettatori. Questo è incredibile ma anche positivo. Viviamo in settimane e mesi molto incerti per il tennis. Ma spero che tutto tornerà come prima ad un certo punto”, ha proseguito. 

Roger Federer – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

IL LOCKDOWN DI FEDERER – Nonostante il distanziamento sociale, le settimane di isolamento del 38enne di Basilea non sono state poi così terribili. Roger si è potuto godere la tranquillità della famiglia e, causa anche l’infortunio, non è stato così amareggiato per aver dovuto saltare allenamenti ed esibizioni. “Per la prima volta negli ultimi vent’anni sono stato nello stesso posto per 5 o 6 settimane. Naturalmente l’ho apprezzato”, ha sottolineato. “Siamo stati molto attenti e non ho visto i miei genitori e amici per un sacco di tempo. Abbiamo preso tutto molto seriamente. Per questo non ho rilasciato nessuna intervista. Quando si ha un infortunio non si può fare molto comunque a parte rilassarsi a casa. Non c’è lo stress della competizione e si è molto tranquilli. Niente fatica da viaggio e jet leg. Ci si può godere la famiglia”. 

Una famiglia abbastanza allargata, con due coppie di gemelli che stanno crescendo e sembrano avere ereditato dal padre (ma anche dalla madre, ex tennista) la passione per l’attività fisica e lo sport. “Ormai siamo in tanti. I bambini stanno benissimo. Corrono dappertutto. I ragazzi hanno 6 anni e le ragazze 11. Devo dire che se la sono cavata bene durante il lockdown”, ha detto. “Gli è dispiaciuto solo che da un giorno all’altro abbiano fermato lo ski-lift e non potessero più sciare. Così abbiamo dovuto pianificare delle attività estive. Fortunatamente il tempo è stato buono e potevano correre e andare in bici”. 

ARIA DI RITIRO? NON ANCORA – Stando a casa, insieme alla moglie e i figli, con un ginocchio che fa le bizze, il pensiero del ritiro ha sfiorato il quasi quarantenne Federer? Neanche per sogno. Almeno stando a quello che dice lui. Tuttavia, da tempo il campione svizzero sa di non poter fare progetti a lungo termine. “So di essere più vicino alla fine della mia carriera che all’inizio. Non so cosa succederà nei prossimi due anni. Per questo pianifico un anno alla volta”, ha spiegato. Lo faccio insieme a Mirka, tenendo in conto la mia famiglia, la mia carriera e la mia salute. Al momento mi diverto ancora a giocare e saprò rendermi conto quando il motore smette di girare e il fiato comincia a mancare troppo presto”. 

Una conversazione con il suo storico preparatore atletico Pierre Paganini è particolarmente significativa riguardo alla determinazione di Federer di rimettersi in forma per tornare ad essere competitivo nel 2021. “C’è stato un momento in cui mi ha chiesto se mi andasse di fare tutte quelle settimane di allenamento fisico. Io ho risposto: ‘ok’. Lui mi ha detto: ‘guarda che sarà molto lunga’. E io: ‘Lo so, ma voglio comunque farlo’. Mi sono detto che preferisco fare il lavoro fisico ora che sono attivo piuttosto che dopo. Perché ora ho un obiettivo di fronte a me”, ha raccontato. Insomma, il traguardo è chiaro: fare un altro anno (almeno) da protagonista sul circuito. 

Tra le diverse ragioni per cui, secondo l’opinione comune, Federer è ancora in attività, ci sarebbe anche la ricerca dell’ultimo alloro che manca alla sua impareggiabile bacheca: la medaglia d’oro olimpica in singolare. Quest’anno però, come tutti sanno, le olimpiadi di Tokyo sono state rimandate al 2021. Per Roger si tratta solo di un arrivederci. “Penso di poter parlare per entrambi (anche per Spirig, ndr) quando dico che la medaglia olimpica è un obiettivo. Altrimenti non parteciperemmo nemmeno. Certamente è tutto possibile. Vincerla in singolo, doppio, o doppio misto. Penso che potrei avere una possibilità di vincere in singolare. Nell’arco di una stagione è difficile per me essere ancora il n.1 ma in un singolo torneo tutto può succedere”.

Insomma, musica per le orecchie di tutti gli appassionati di sport e di tennis: nonostante la pandemia di coronavirus e l’età che avanza, Federer ha ancora tanta voglia di dare spettacolo.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Le wild card dello US Open 2020: ci sono Murray e Clijsters

Annunciati gli ultimi 16 partecipanti allo US Open: una schiera di giovani americani affianca i due campioni

Pubblicato

il

Le wildcard dello US Open 2020 sono appena state pubblicate sul sito ufficiale del torneo, andando così a completare i due tabelloni da 128 giocatori del torneo newyorchese. Per certi versi, l’attribuzione delle stesse non è mai stata rilevante come quest’anno, in quanto generalmente i beneficiari avrebbero potuto giocare le qualificazioni, mentre, come noto, l’edizione 2020 del torneo non avrà eliminatorie, e quindi la wildcard diventava l’ultima speranza per giocare.

Due i nomi che svettano, uno per tabellone: nel femminile, la rediviva Kim Clijsters (vincitrice a Flushing Meadows nel 2005, 2009 e 2010) è stata prevedibilmente ammessa in tabellone. Tornata alle competizioni a febbraio a Dubai dopo oltre sette anni, la belga è momentaneamente senza ranking, avendo perso gli unici due match giocati prima dell’interruzione della stagione. Clijsters aveva già ricevuto una wildcard nel 2009, quando vinse clamorosamente il torneo battendo Serena Williams e Wozniacki nelle fasi decisive del torneo, quindi la cabala è certamente dalla sua parte.

L’altro campione che ha ricevuto il lasciapassare è Andy Murray, vincitore dello US Open 2012, quando vinse il suo primo Slam al termine della più lunga finale newyorchese (a parimerito con quella del 1988), battendo Novak Djokovic per 6-2 al quinto dopo quattro ore e 54 minuti. Muzza, attualmente N.129, è rimasto fuori dal cut-off iniziale per soli due posti (l’ultimo ad entrare direttamente in tabellone è stato Sumit Nagal, N.127) ed è quindi stato costretto a chiedere una wildcard.

 

Assieme a loro, l’elenco dei prescelti segue la linea verde tipica dello Slam americano. Questi i nomi del femminile:

  • Kim Clijsters
  • Usue Arconada, 21 anni
  • CiCi Bellis, 21
  • Francesca Di Lorenzo, 23
  • Caroline Dolehide, 21
  • Ann Li, 20
  • Robin Montgomery, che ha 15 anni e ha già vinto un W25
  • Whitney Osuigwe, 18

LA ENTRY LIST FEMMINILE COMPLETA

Nel maschile invece parteciperanno:

  • Andy Murray
  • Ulises Blanch, 22 anni;
  • Maxime Cressy, 23;
  • Sebastian Korda, 20;
  • Thai-Son Kwiatkowski, 25;
  • Michael Mmoh, 22;
  • Brandon Nakashima, 19 (qui la nostra intervista con lui);
  • JJ Wolf, 21.

LA ENTRY LIST MASCHILE COMPLETA

Continua a leggere

Flash

Tecno-Gauff: sarà (anche) il volto di Microsoft

Per Coco comincia una partnership con il gigante dell’alta tecnologia americano. Un altro accordo di sponsorizzazione molto prestigioso e remunerativo per lei

Pubblicato

il

Giovane, anzi giovanissima. Forte, forse tra qualche anno fortissima. Con le idee ben chiare in testa, in campo e soprattutto fuori dal campo, e nessun timore di esporle in pubblico. Per tutte queste ragioni Cori “Coco” Gauff, la 15enne afroamericana che ha stupito il mondo l’anno scorso raggiungendo al primo colpo il quarto turno a Wimbledon al primo Major in carriera, è una testimonial ideale per qualunque brand. Non a caso, ancora prima delle sue prime significative affermazioni sul tour, l’azienda di abbigliamento sportivo New Balance aveva già deciso di puntare su di lei. Più di recente, Gauff ha firmato un contratto di sponsorizzazione milionario con Barilla. 

Sicura di non rimanere senza cibo, ora quella che in molti definiscono “la nuova Serena Williams” non dovrà più pensare anche a procurarsi computer, cellulari e altri oggetti tecnologici. Sarà infatti testimonial per Microsoft, colosso dell’alta tecnologia americano, fondato nel 1975 da Bill Gates, per tanti anni l’uomo più ricco del pianeta. Ad annunciarlo è stata la stessa azienda di Redmond, celebre soprattutto per l’invenzione del software Windows, tramite uno dei suoi profili Instagram. “Non lavoro duro per quello che viene ora, ma per quello che succederà dopo”, dice Gauff nel video di presentazione di questa partnership. Uno sguardo rivolto al futuro il suo che si coniuga perfettamente con un’azienda hi-tech. 

Continua a leggere

Flash

Il LIVESCORE di Ubitennis – giovedì 6 agosto: gli ottavi del Ladies Open di Palermo

Seguite in diretta con noi la quarta giornata del WTA International di Palermo. In campo Camila Giorgi nel tardo pomeriggio

Pubblicato

il

Torna il tennis ufficiale e Ubitennis vi propone una piccola novità – una sperimentazione per tutto il mese di agosto. Ogni giorno ci sarà un articolo contenente un livescore che vi consentirà di seguire in diretta l’andamento delle partite in corso e di consultare facilmente il risultato degli incontri già conclusi e gli orari di quelli programmati per la giornata (o per la giornata successiva).

Lo trovate qui in basso: giocateci e consumatelo a dovere, ovviamente sono graditi feedback tra i commenti!

Come saprete, oggi tocca ancora a Camila Giorgi – scenderà in campo tra le 19 e le 20 contro Kaja Juvan. Visto che ormai siete qui, vi passiamo un po’ di link ai nostri articoli più recenti, da leggere tra un quindici e l’altro.

 

LE ULTIME SU PALERMO

LE ALTRE NEWS

PER SEGUIRCI SUI SOCIAL

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement