Federer guarda avanti: “Il ginocchio è ok. Ritiro? Mi diverto ancora troppo”

Flash

Federer guarda avanti: “Il ginocchio è ok. Ritiro? Mi diverto ancora troppo”

Lo svizzero a tutto campo in un’intervista assieme alla connazionale Nicola Spirig, medaglia d’oro olimpica nel Triathlon. “Il lockdown non è stato così male. Da 20 anni non stavo a casa per 6 settimane. Non vedo l’ora di tornare a giocare”. L’obiettivo rimane il 2021

Pubblicato

il

Qualche giorno fa è stato annunciato che On, il marchio di calzature sportive svizzero del quale Roger Federer è da qualche tempo azionista e collaboratore, fornirà materiale alla squadra olimpica nazionale. Questo evento è stato l’occasione per un’intervista televisiva in cui Federer ha condiviso il palco con un’altra leggenda dello sport svizzero, ovvero la triatleta Nicola Spirig, medaglia d’oro olimpica a Londra e argento a Rio. Nel 2012, l’anno della vittoria alle Olimpiadi, Spirig è stata eletta sportiva dell’anno in Svizzera. Un risultato straordinario per qualcuno che è nato e vissuto nell’epoca del Maestro di Basilea, il più grande e famoso atleta svizzero di sempre.

Il quale però, per sua stessa ammissione, si “stanca facilmente” a nuotare e “si annoia” ad andare in bicicletta. “Gli sport di resistenza non fanno per me”, ha confessato Federer. Dal punto di vista della performance atletica pura non sembrerebbe esserci paragone tra i due sportivi, sebbene Federer abbia vinto più di qualche Slam facendo ricorso alle sue doti di resistenza.

L’INTERVISTA

Per Federer si è trattato della seconda lunga intervista dalla fine del lockdown – la prima l’abbiamo pubblicata in due parti: la trovate qui e qui. Ed è stata l’occasione per fare un po’ il punto di quello che è successo nella sua vita negli ultimi mesi, di quello che sta succedendo ora e di quello che gli dovrebbe riservare il futuro.

 

Questo 2020 è stato abbastanza travagliato dal punto di vista sportivo. Che qualcosa non andasse se ne erano accorti tutti agli Australian Open dove Federer era parso alquanto appannato e ha rischiato di perdere contro giocatori non di primissimo piano come John Millmann e Tennys Sandgren. Non ha stupito dunque che dopo una serie di esibizioni, Roger abbia annunciato la decisione di sottoporsi ad un intervento chirurgico al ginocchio. Insieme al COVID-19 e la conseguente interruzione del circuito, c’è stato poi una seconda operazione chirurgica. Ora però il ginocchio sembra finalmente a posto e Federer è pronto per tornare ad allenarsi.

“Il ginocchio sta bene. O, per lo meno, bene per quanto possa andare ora dopo la seconda operazione in un anno”, ha spiegato. “Ovviamente ero triste quando sono dovuto andare sotto i ferri per la prima volta. È stata una mia decisione dopo il match di esibizione in Sudafrica. Non ero soddisfatto per come andava il ginocchio da tempo e qualcosa andava fatto. La seconda operazione sfortunatamente si è resa necessaria. L’obiettivo è essere al massimo della forma all’inizio del prossimo anno. Ci sarà un blocco di 20 settimane di allenamento sia fisico che con la racchetta. Sarà una strada lunga ma non vedo l’ora di essere di nuovo al 100 per cento”. Federer ha detto di non essersi praticamente mai allenato sul campo negli ultimi mesi ma di aver solo un po’ giocato contro il muro. Potrebbe tornare in campo già da subito ma non ha fretta essendosi dato come obbiettivo il 2021.

Porsi però dei traguardi realistici per un tennista professionista di questi tempi non è facile. Il circuito ATP dovrebbe riprendere a inizio settembre con lo US Open e il torneo di Cincinnati, sempre a New York, ma è tutt’altro che sicuro che lo Slam americano si giochi. Poi si dovrebbe tornare in Europa per uno swing sulla terra rossa posticipato. Federer però è dell’idea che in qualche maniera il grande tennis internazionale debba ripartire. Se il tennis ripartirà sarà con gli US Open. Lì capiremo cosa potrebbe succedere. Ho parlato con gli organizzatori di recente e mi hanno detto che prenderanno una decisione dopo la metà di agosto. Sarà interessante”, ha sottolineato.

Non sarà comunque lo stesso senza pubblico e questo lo sa bene anche l’otto volte campione di Wimbledon. “Il Roland Garros ha annunciato che ci saranno almeno metà degli spettatori. Questo è incredibile ma anche positivo. Viviamo in settimane e mesi molto incerti per il tennis. Ma spero che tutto tornerà come prima ad un certo punto”, ha proseguito. 

Roger Federer – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

IL LOCKDOWN DI FEDERER – Nonostante il distanziamento sociale, le settimane di isolamento del 38enne di Basilea non sono state poi così terribili. Roger si è potuto godere la tranquillità della famiglia e, causa anche l’infortunio, non è stato così amareggiato per aver dovuto saltare allenamenti ed esibizioni. “Per la prima volta negli ultimi vent’anni sono stato nello stesso posto per 5 o 6 settimane. Naturalmente l’ho apprezzato”, ha sottolineato. “Siamo stati molto attenti e non ho visto i miei genitori e amici per un sacco di tempo. Abbiamo preso tutto molto seriamente. Per questo non ho rilasciato nessuna intervista. Quando si ha un infortunio non si può fare molto comunque a parte rilassarsi a casa. Non c’è lo stress della competizione e si è molto tranquilli. Niente fatica da viaggio e jet leg. Ci si può godere la famiglia”. 

Una famiglia abbastanza allargata, con due coppie di gemelli che stanno crescendo e sembrano avere ereditato dal padre (ma anche dalla madre, ex tennista) la passione per l’attività fisica e lo sport. “Ormai siamo in tanti. I bambini stanno benissimo. Corrono dappertutto. I ragazzi hanno 6 anni e le ragazze 11. Devo dire che se la sono cavata bene durante il lockdown”, ha detto. “Gli è dispiaciuto solo che da un giorno all’altro abbiano fermato lo ski-lift e non potessero più sciare. Così abbiamo dovuto pianificare delle attività estive. Fortunatamente il tempo è stato buono e potevano correre e andare in bici”. 

ARIA DI RITIRO? NON ANCORA – Stando a casa, insieme alla moglie e i figli, con un ginocchio che fa le bizze, il pensiero del ritiro ha sfiorato il quasi quarantenne Federer? Neanche per sogno. Almeno stando a quello che dice lui. Tuttavia, da tempo il campione svizzero sa di non poter fare progetti a lungo termine. “So di essere più vicino alla fine della mia carriera che all’inizio. Non so cosa succederà nei prossimi due anni. Per questo pianifico un anno alla volta”, ha spiegato. Lo faccio insieme a Mirka, tenendo in conto la mia famiglia, la mia carriera e la mia salute. Al momento mi diverto ancora a giocare e saprò rendermi conto quando il motore smette di girare e il fiato comincia a mancare troppo presto”. 

Una conversazione con il suo storico preparatore atletico Pierre Paganini è particolarmente significativa riguardo alla determinazione di Federer di rimettersi in forma per tornare ad essere competitivo nel 2021. “C’è stato un momento in cui mi ha chiesto se mi andasse di fare tutte quelle settimane di allenamento fisico. Io ho risposto: ‘ok’. Lui mi ha detto: ‘guarda che sarà molto lunga’. E io: ‘Lo so, ma voglio comunque farlo’. Mi sono detto che preferisco fare il lavoro fisico ora che sono attivo piuttosto che dopo. Perché ora ho un obiettivo di fronte a me”, ha raccontato. Insomma, il traguardo è chiaro: fare un altro anno (almeno) da protagonista sul circuito. 

Tra le diverse ragioni per cui, secondo l’opinione comune, Federer è ancora in attività, ci sarebbe anche la ricerca dell’ultimo alloro che manca alla sua impareggiabile bacheca: la medaglia d’oro olimpica in singolare. Quest’anno però, come tutti sanno, le olimpiadi di Tokyo sono state rimandate al 2021. Per Roger si tratta solo di un arrivederci. “Penso di poter parlare per entrambi (anche per Spirig, ndr) quando dico che la medaglia olimpica è un obiettivo. Altrimenti non parteciperemmo nemmeno. Certamente è tutto possibile. Vincerla in singolo, doppio, o doppio misto. Penso che potrei avere una possibilità di vincere in singolare. Nell’arco di una stagione è difficile per me essere ancora il n.1 ma in un singolo torneo tutto può succedere”.

Insomma, musica per le orecchie di tutti gli appassionati di sport e di tennis: nonostante la pandemia di coronavirus e l’età che avanza, Federer ha ancora tanta voglia di dare spettacolo.

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Ostrava: Ostapenko domina Martic, Azarenka passa in rimonta, fuori Svitolina

La lettone mette a segno 30 vincenti in meno di un’ora e si guadagna la sfida con Jabeur. Vika soffre per un set, ma ribalta il match contro Krejcikova

Pubblicato

il

A Ostrava, Vika Azarenka se l’è vista brutta per oltre un set contro Barbora Krejcikova, ma alla fine è riuscita rimettere ordine nel proprio tennis, dominando da metà del secondo set in poi. Davvero una gran vittoria per la bielorussa che per tutto il primo parziale è stata scherzata da Krejcikova, perfetta da fondocampo e oculata nelle chiusure a rete. Nel momento di massima difficolta, ad inizio secondo set, Vika ha trovato il proprio miglior tennis annullando ben cinque palle break nei primi due turni di battuta. Il break centrato subito dopo ha scosso le certezze di Krejcikova che da quel momento è sparita dalla partita, in balìa dell’avversaria e anche del fato, come si può evincere da questo nastro davvero beffardo di cui è stata vittima.

Non si vedono spesso cose del genere

Un parziale di dodici giochi a due ha proiettato Azarenka verso i quarti di finale, dove affronterà la vincente della sfida tra Karolina Muchova e Elise Mertens. La belga ha vinto agevolmente superato l’ostacolo Amanda Anisimova, gestendo con sapienza gli scambi e incassando i tanti errori della giovane statunitense, colpitrice eccellente ma non nuova a certe giornate no e dunque facile preda per giocatrici accorte come Mertens. Quattro break, equamente ripartiti nei due set, hanno sancito il 6-2 6-3 in favore della belga dopo un’ora e tredici minuti.

 

Prestazione monstre per Jelena Ostapenko, che ha bullizzato tennisticamente la malcapitata Petra Martic, testa di serie numero 5 del torneo. La lettone ha stampato 30 vincenti (su 59 punti vinti nel match) in appena 58 minuti di gioco per superare la propria avversaria e centrare la ventesima vittoria contro una top 20 in carriera. Al prossimo turno troverà Ons Jabeur in un incrocio potenzialmente molto interessante.

Fuori subito la N.1 del seeding Elina Svitolina che ha trovato la pericolosissima Maria Sakkari all’esordio dopo il bye. 6-3 6-3 per la greca

Risultati:

Secondo turno

M. Sakkari b. [1] E. Svitolina 6-3 6-3
[4] V. Azarenka b. [Q] B. Krejicikova 2-6 6-2 6-1
[8] A. Kontaveit vs [Q] S. Sorribes Tormo

Primo turno

[WC] J. Ostapenko b. [5] P. Martic 6-3 6-1
[7] E. Mertens b. A. Anisimova 6-2 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

ATP Colonia 2: Il treno Struff è troppo per Cecchinato

Sconfitta netta per Cecchinato, che cede a Colonia sotto le bombe di servizio di Struff

Pubblicato

il

Giornata negativa per Marco Cecchinato, che perde nettamente in un’ora precisa di partita contro il padrone di casa Jan-Lennard Struff. Partita caratterizzata da scambi veloci e frequenti salite a rete, con Struff che ha imposto un ritmo molto alto a cui Marco non è riuscito ad aggrapparsi. Seconda sconfitta consecutiva per il tennista allenato da Max Sartori, che era reduce dalla finale persa a Pula contro Laslo Djere. Il sesto appuntamento della sfida tra i due quindi va a Struff, che pareggia gli scontri diretti e mantiene l’imbattibilità nelle sfide giocate sul cemento, con l’ultimo precedente a Winston-Salem 2018.

La partita inizia subito in salita per Marco, costretto a ricorrere ad una buona prima di servizio per salvare una palla break. La chance per togliere il servizio a Struff non si fa attendere. Il tennista italiano approfitta di un passaggio a vuoto del servizio di Struff e si guadagna due palle break, ma è sempre la stessa battuta del tedesco a cavarlo d’impaccio. Purtroppo per Cecchinato resteranno le uniche palle break guadagnate nell’intera partita.

Da quel momento il tedesco tiene la battuta senza mai andare ai vantaggi utilizzando il solito schema di molti avversari di Cecchinato sul cemento, mirare al rovescio. Ceck incappa in un game di servizio giocato sulla difensiva ed è costretto a cedere la battuta per un dritto contropiede di Struff. Non sarà l’unico del primo set. Cecchinato viene bombardato di continuo sul rovescio nello scambio e perde set e il servizio per la seconda volta consecutiva.

 

Non va meglio il secondo set. Sin da subito il tennista siciliano deve rincorrere nel punteggio l’avversario, che anche nella seconda frazione si guadagna palle break sul servizio di Cecchinato. L’ex semifinalista del Roland Garros riesce a contenere le perdite ma l’appuntamento con il break è solo rimandato. Struff trova il break con una splendida risposta, approfittando delle difficoltà di un Cecchinato molto poco reattivo in uscita dal servizio.

L’italiano dopo aver ceduto il servizio esce psicologicamente dalla partita, subendo il secondo break consecutivo. E’ semplice quindi per Struff chiudere il match dopo un’ora con un rovescio lungolinea che lascia Cecchinato sul posto. Sfiderà per un posto nei quarti di finale il giapponese Nishioka, ieri autore di una grande prestazione, condita da bagel, contro Kyle Edmund.
Diventa così Jannik Sinner l’ultimo italiano rimasto in tabellone, atteso domani contro il francese Pierre-Hugues Herbert.

Risultati

Secondo turno
[8] A. Mannarino b. M. Kecmanovic 6-3 6-3
A. Davidovich Fokina b. S. Johnson 7-6(3) 6-3
[1] A. Zverev b. J. Millman 6-0 3-6 6-3
[5] F. Auger-Aliassime vs [Q] E. Gerasimov

Primo turno
[7] J. Struff b. M. Cecchinato 6-3 6-1

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Verso Parigi-Bercy: porte aperte e 1000 spettatori al giorno, ma solo per la sessione diurna

Nonostante la situazione complicata in Francia, il torneo si disputerà di fronte a mille spettatori. Tabellone allargato a 56 giocatori, montepremi ridotto del 30%

Pubblicato

il

Parigi-Bercy 2019 (foto via Twitter, @RolexPMasters)

Il Masters 1000 di Parigi Bercy, terzo e ultimo torneo di questo livello nel 2020 in programma a partire dal 31 ottobre, subirà ulteriori restrizioni a causa della difficile situazione epidemica in Francia – e in particolar modo nell’area di Parigi, sottoposta da qualche giorno a un coprifuoco notturno (dalle 21 alle 6) che durerà dalle quattro alle sei settimane.

L’organizzazione del torneo ha confermato l’ingresso di 1000 persone al giorno, ma la novità riguarda il fatto che gli spettatori potranno assistere soltanto agli incontri della sessione diurna. La sessione notturna, attiva per cinque giorni e fino al giorno dei quarti di finale, si disputerà sempre a porte chiuse. I 1000 ticket giornalieri, inoltre, consentiranno l’ingresso soltanto sul campo centrale; i campi 1 e 2 rimarranno privi di pubblico per tutta la durata del torneo. La soluzione adottata dagli organizzatori di Bercy è, nei fatti, un semplice adeguarsi alle circostanze poiché le sessioni serali (ci sono solitamente due match programmati dalle 19:00) non avrebbero comunque avuto spettatori a causa del coprifuoco.

Ogni gruppo di acquirenti per i biglietti, che non potrà superare le sei unità, verrà distanziato rispetto agli altri. Tutti gli spettatori con età superiore a 11 anni dovranno indossare una mascherina durante lo svolgimento degli incontri.

 

Inoltre, è stata confermata la ripartizione del prize money del torneo, che sarà del 30% più basso rispetto a quello dello scorso anno principalmente a causa della riduzione del numero di spettatori – e dunque degli introiti correlati.

Come si può notare, la riduzione riguarda soprattutto le ultime fasi del torneo: nel singolare, sarebbero i semifinalisti e in misura minore i qualificati ai quarti a veder ridotto il proprio guadagno, mentre in doppio solo le ultime quattro coppie intascherebbero di meno (sarebbero quindi otto giocatori per ciascun tabellone a perderci relativamente). Tutti i giocatori eliminati prematuramente vedrebbero invece aumentare il montepremi, seppur non di molto, la stessa politica di supporto per i giocatori in maggiore difficoltà finanziaria adottata al Roland Garros.

Al titolare dell’account Twitter che ha pubblicato lo screenshot del montepremi, Oleg S., è stato inoltre fatto notare un errore nella guida ufficiale, che inizialmente rimandava al medesimo albergo usato per il Roland Garros come sede ufficiale della bolla di Bercy, fatto abbastanza peculiare se pensiamo che il torneo si gioca nella AccorHotels Arena e che c’è un albergo della catena letteralmente di fianco al palazzetto stesso, il Pullman Paris Bercy. Il giornalista aveva inizialmente riportato l’informazione errata, e si è successivamente scusato.

IL TORNEO – Ci sono anche alcune novità relative alla competizione, che vanno a sommarsi a quelle relative al campo di partecipazione – Djokovic non ci sarà, Nadal invece sarà presente. Il tabellone principale è stato allargato e ospiterà 56 partecipanti invece dei soliti 48; saranno dunque dispensati otto bye in meno, e gli unici assegnatari di un bye al primo turno saranno i primi otto giocatori del seeding. Il sorteggio del main draw si terrà nella mattinata di sabato 31 ottobre, giorno in cui cominceranno anche le qualificazioni. I primi incontro del tabellone principale inizieranno lunedì alle ore 11, orario di inizio del programma delle prime quattro giornate. Venerdì 6 novembre si disputeranno due quarti di finale in sessione diurna a partire dalle 14, e due in sessione notturna. Le semifinali di sabato inizieranno alle 14 e alle 16:30, mentre la finale andrà in scena domenica alle 15.

La entry list aggiornata del torneo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement