Federer: "Quando lasciai la scuola, mio padre mi concesse al massimo tre anni"

Flash

Federer: “Quando lasciai la scuola, mio padre mi concesse al massimo tre anni”

Lunga intervista di Roger Federer a Zeit Magazin. Nell’estratto che vi proponiamo, parla dei suoi inizi. E c’è un aneddoto su papà Robert che vale la pena conoscere

Pubblicato

il

Mentre gli altri tennisti si scontrano, cautamente sul campo per qualche esibizione o meno cautamente fuori dal campo, Roger Federer resiste in una bolla. Reduce da due interventi allo stesso ginocchio in pochi mesi, ha dato appuntamento al 2021 per recuperare al meglio e nel frattempo si gode la famiglia, collabora alla creazione di un paio di scarpe e rilascia una lunga intervista a Zeit Magazin.

Quando parlo in tedesco ho sempre la sensazione di dover fare più attenzione perché non lo parlo spesso, sono fuori allenamento” esordisce Roger. Tedesco e ‘svizzero tedesco’, sono infatti due lingue diverse. “Con i miei figli, mia moglie, il mio allenatore (si riferisce a Luthi, ndr) e il mio fisioterapista parlo in svizzero tedesco. Con il mio team parlo inglese, mia mamma viene dal Sudafrica quindi parlo inglese anche con lei”. E i sogni, come molte persone bilingui, li fa sia in inglese che in svizzero tedesco.

Il tennis è uno sport speciale. Ecco perché a volte ti ritrovi a parlare con te stesso“. Ed è uno sport solitario, dove capita persino di esagerare e urlare a se stessi. Quando Roger era poco più che uno junior promettente, gli capitava spesso: “I miei genitori stavano impazzendo. Mi dissero che se avessi continuato, non avrebbero più viaggiato con me“. Come per ogni tennista promettente, si tratta di un momento in cui i genitori sono costretti a investire parecchio: tra i 13 i 17 anni, mamma Lynette e papà Robert hanno dovuto scucire circa 30.000 franchi all’anno. Il giovane Roger, nel frattempo, tentava di sistemare tutti i pezzi del puzzle della sua psiche ma non ci riuscì subito, anzi, quando aveva 16 chiese quasi con timore ai suoi genitori di poter lasciare la scuola. “Ti concedo due o tre anni. Se non va bene, torni dritto a scuola“, fu la risposta del padre.

 

Dopo neanche un anno è già professionista, dopo tre anni gioca la prima finale ATP, dopo quattro vince il primo torneo e dopo sei anni, quando sta per compierne 22, è già campione di Wimbledon. La minaccia di papà Robert è servita.

A proposito di papà Robert, che da questo aneddoto sembra emergere come un uomo burbero, c’è invece da dire un’altra cosa assai romantica. Roger la racconta poco più avanti nel corso dell’intervista, parlando del suo rapporto con Nadal: “I primi a congratularsi con lui dopo la vittoria di Wimbledon 2008 furono i miei genitori“. E non si tratta di una boutade, come testimonia questa foto che abbiamo ritrovato in giro per il web. C’è Rafa al colmo della gioia intento ad abbracciare papà Sebastián, e accanto mamma Ana María e lo zio Toni; sulla sinistra, appena incluso nell’inquadratura, c’è un omino col cappellino rosso che sorride. Come se Wimbledon lo avesse vinto suo figlio. E se invece vi dicessimo che suo figlio, Wimbledon, lo ha appena perso dopo una finale mozzafiato?

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sascha Bajin è il nuovo coach di Karolina Pliskova

Finita in modo burrascoso l’avventura con Yastremska, l’ex coach di Osaka inizia a lavorare con Karolina Pliskova

Pubblicato

il

La giostra dei cambi di allenatore si ferma un attimo per far salire l’ultimo acquisto. Si tratta di Sascha Bajin che ha iniziato a collaborare con Karolina Pliskova. Lo annuncia senza parole tramite i suoi profili social la ventottenne di Louny, limitandosi a pubblicare una foto che la ritrae sul campo del resort Puente Romano di Marbella insieme a Sascha e al preparatore atletico. Dal canto suo, il coach tedesco si limita a giurare su Instragram di essere “più entusiasta di questa squadra di quanto appaia nella foto”.

Tre settimane fa, Karolina aveva interrotto il sodalizio che durava da un anno con Daniel Vallverdu, mentre anche meno aveva resistito il rapporto di Bajin con Dayana Yastremska, anche a causa di un poco opportuno tweet di complimenti a Naomi Osaka per aver battuto la sua pupilla. Anzi, il dubbio su chi sia effettivamente la preferita dell’ex sparring partner di Serena Williams rimane a prescindere da chi stia allenando in un determinato momento, dopo la dichiarazione di amore incondizionato espressa lo scorso anno nei confronti di Osaka.

 

Pur iniziata con la vittoria al Premier di Brisbane, la stagione 2020 di Pliskova è stata da dimenticare: troppe sconfitte precoci a fronte del solo acuto della finale di Roma hanno comportato la discesa nel ranking – pur protetto dal conteggio biennale – dalla seconda alla sesta posizione. Non resta che attendere i risultati che porterà la guida di Bajin, sperando che abbia imparato dai propri errori in caso di “derby” con Naomi.

Continua a leggere

Flash

Dominic Thiem parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo

Coach Massú ispira il cambio di rotta di Domi che quest’anno avrebbe rinunciato ai Giochi in favore di Kitzbühel

Pubblicato

il

Dominic Thiem alle ATP Finals 2020 di Londra (foto Twitter @atptour)

Non è uno sciocco, Dominic Thiem, e cambia idea a proposito delle Olimpiadi. Era l’aprile 2019 quando firmava l’accordo biennale con il torneo di Kitzbühel, rinunciando così a Tokyo 2020, programmato in coincidenza con l’ATP 250 austriaco. “Tokyo è una città meravigliosa, ma preferisco trascorrere una settimana intera (si spera) a Kitzbühel” dichiarava all’epoca Domi, con quella speranza che si sarebbe poi trasformata in realtà mettendo le mani sul trofeo tirolese nell’agosto successivo. Il valore attribuito al torneo di tennis dei Giochi non è lo stesso per tutti e la posizione dell’allora fresco vincitore di Indian Wells era piuttosto chiara.

Dopo un anno e mezzo di soddisfazioni sotto la guida di coach Massú culminate con il primo titolo Slam, arriva il cambio di rotta: “Parteciperò alle Olimpiadi di Tokyo che iniziano il 23 luglio! Ci penso da tempo e l’anno prossimo entrano perfettamente nella mia programmazione e non vedo l’ora di competere per una medaglia” annuncia sul proprio sito web. “Il mio allenatore Nicolas Massú ha vinto due medaglie ad Atene 2004. Mi ha raccontato le incredibili, meravigliose emozioni che ha provato. Voglio provare anch’io quelle emozioni”. Sarà la sua prima partecipazione ai Giochi. “Per un atleta, l’atmosfera alle Olimpiadi deve essere unica, la voglio assorbire completamente”.

Confermata la partecipazione alla Laver Cup, Thiem si dice fortunato perché quest’anno non avrebbe potuto partecipare per l’impegno con Kitzbühel. “Ho capito che le Olimpiadi sono molto importanti nel tennis. Se avrò una carriera lunga, potrei partecipare a tre edizioni. Sarebbe fantastico”.

 

Per quanto riguarda il presente, riposo completo. “Mi rilasserò per una decina di giorni. Andare all’estero non è possibile a causa della pandemia [un anno fa aveva visitato l’Islanda, ndr], quindi resterò a casa in Austria. Niente sessioni di allenamento o appuntamenti, accenderò il cellulare solo per un po’. Voglio ricaricare completamente le batterie [nessun gioco di parole, crediamo] perché ho grandi obiettivi per il 2021, anche se nessuno sa esattamente quando si potrà partire con l’Australia”.

Qualche novità positiva a proposito dell’Happy Slam è emersa quest’oggi, per quanto il calendario di febbraio rimanga tuttora ostaggio delle decisioni del premier, fino a un paio di settimane fa sconosciuto nell’emisfero boreale, dello Stato della Victoria.

Continua a leggere

Flash

Ricordo di David Dinkins, l’ex sindaco di New York che amava il tennis

A 93 anni si è spento il primo e unico sindaco afroamericano della Grande Mela. Uno degli uomini che maggiormente ha contribuito alla crescita dello US Open

Pubblicato

il

Qui l’articolo originale di Bill Simons per Inside Tennis


Il 23 novembre David Dinkins, sindaco di New York dal 1990 al 1993 e primo (finora, unico) afroamericano a ricoprire tale carica, è morto a 93 anni per non meglio specificate cause naturali. Dinkins è stato un grandissimo appassionato di tennis e una figura di riferimento per lo US Open, che probabilmente senza di lui non sarebbero così come li conosciamo oggi. Mentre infatti il suo operato come sindaco della Grande Mela è stato a più riprese criticato e bollato come eccessivamente morbido (anche se recentemente l’attuale sindaco Bill de Blasio ha guidato una rivalutazione del suo operato), è innegabile il suo contributo a quello che rimane tutt’oggi il più importante torneo statunitense e uno dei quattro eventi più prestigiosi del tennis.

Quando si stava appena affacciando in politica, Dinkins è stato tra i promotori del trasloco dello US Open da Forest Hills a Flushing Meadows nel 1978. “In una città dove i parcheggi sono sacri come i cimiteri indiani, David ha incrementato enormemente lo spazio a disposizione del torneo e ha stabilito un contratto d’affitto della durata di 99 anni“, ha ricordato con gratitudine e commozione Skip Hartman, fondatore del New York Junior Tennis & Learning. “Senza di lui non ci sarebbe lo US Open.

 

Durante il suo mandato da sindaco poi, Dinkins ha negoziato con la USTA un decisivo accordo riguardo al traffico aereo. I voli in partenza dall’aeroporto LaGuardia infatti tormentavano con il loro rombo il torneo, i partecipanti e gli spettatori. Nelle giornate in cui il vento era contrario, gli aerei sorvolavano i campi di Flushing Meadows al ritmo di uno ogni 55 secondi. In quel periodo l’Open era corteggiato da altre città come Atlanta e Chicago, ma Dinkins è riuscito a mantenere l’evento a New York, convincendo la FAA (Federal Aviation Administration) a modificare le rotte dei voli in quelle due settimane.

L’accordo prevedeva che alla città di New York andasse una fetta dei guadagni dello US Open, mentre la USTA avrebbe avuto diritto a 300,000$ dollari per ogni aereo che avrebbe sorvolato la sede del torneo. La Federazione non ha mai visto quei soldi, ma nel frattempo l’evento è cresciuto sempre di più fino a diventare il colosso che è ancora oggi con guadagni che superano quelli delle due squadre di baseball della città, Yankees e Mets.

Dinkins era molto amico di Arthur Ashe e, al pari suo, era universalmente noto per la sua gentilezza e pacatezza. In molti lo hanno ricordato con affetto in questi giorni. In primis Katrina Adams, presidente e CEO della USTA dal 2015 al 2018 e prima donna afroamericana a ricoprire tale ruolo, che ha sempre considerato Dinkins come suo mentore. “Difficile trovare un uomo che potesse dare più motivazione, più ispirazione e che sapesse essere di maggior supporto. Era il mio secondo padre e il mio più grande sostenitore. Ci hai dato tutto te stesso.” Billie Jean King, 39 volte campionessa Slam tra singolo, doppio e doppio misto, lo ha definito “un campione del popolo“, mentre Chanda Rubin, ex numero 6 del mondo e semifinalista all’Australian Open 1996, ha detto di lui che era “un vero guerriero e un gentiluomo“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement