Hurkacz: "Per battere Sinner devi fare qualcosa di speciale"

Flash

Hurkacz: “Per battere Sinner devi fare qualcosa di speciale”

Il vincitore del torneo di Miami si è detto felice ma non sazio: “Devo continuare a migliorare ogni giorno”

Pubblicato

il

Hubert Hurkacz - Miami 2021 (foto Twitter @ATPTour)

È un Hubert Hurkacz estatico quello che si è presentato in conferenza stampa dopo la vittoria del titolo di Miami, e non potrebbe essere altrimenti. Il polacco (che da oggi sarà N.16 ATP, un miglioramento di 21 posizioni) ha battuto cinque giocatori che lo precedevano in classifica (fra cui due Top 10) ed è diventato il giocatore con il ranking più basso a vincere un Masters 1000 dai tempi di Tomas Berdych a Bercy 2005, e sta ancora cercando di capacitarsi di quanto successo: “Sono veramente felice per aver vinto quello che finora è il titolo più importante della mia carriera, è un momento speciale. Ho giocato il mio miglior tennis di sempre o giù di lì. Sono stato solido per tutto il torneo, e ogni volta che passavo un turno mi sentivo ancora più carico per quello successivo”.

IL MATCH DI OGGI E IL RAPPORTO CON SINNER

Non è un mistero che i rapporti con Jannik Sinner siano eccellenti, e quindi non sono mancati i complimenti all’avversario di ieri: “Si è trattato di un match molto duro. Per battere Jannik devi fare qualcosa di speciale, è un giocatore fantastico e anche una persona fantastica, avrà un grande futuro. Ho cercato di essere il più solido possibile perché lui ha colpi pesantissimi, e se glielo lasci fare lui prende il controllo; ho dovuto mischiare le carte in un paio di occasioni e cambiare ritmo per arginare la potenza dei suoi colpi a rimbalzo. Lui è in grado di buttarti fuori dal campo, e quindi ho cercato di far sì che non succedesse rimanendo aggressivo e lottando su ogni palla”.

Durante il match, Hubi ha dimostrato una grande capacità nel gestire i momenti della partita, breakkando a zero quando Sinner ha servito per il primo set e alzando improvvisamente il livello di aggressività all’inizio del secondo, ma inevitabilmente ha sentito un po’ di tensione quando l’italiano è tornato a farsi minaccioso: “Lui ha iniziato a giocare meglio quando ho avuto la chance di salire 5-0 nel secondo ed è tornato in partita; in quel frangente mi sono un po’ innervosito, lui ci ha provato e mi è arrivato molto vicino. Ho solo cercato di lottare per innalzare il mio livello e vincere qualche punto in più”.

 

L’occasione era di quelle irripetibili, viste le assenze di così tanti top player, ed entrambi hanno saputo approfittarne: “Senza i Big Three nel torneo, tutti noi della Next Gen abbiamo provato a dare il nostro meglio e di competere al limite delle nostre possibilità – spero che gli spettatori si siano divertiti e che abbiano apprezzato. Jannik in questo senso è un grande giocatore e competitor, la sua presenza è un bene per questo sport. Ovviamente non sta a me giudicare il nostro livello, spero solo che le persone si siano divertite a guardarci e sostenerci qui a Miami”.

Come detto, i due sono molto legati, e gli è quindi stato chiesto delle origini della loro amicizia: “Da quel che ricordo ho iniziato ad allenarmi con Jannik durante i Challenger italiani nel periodo in cui ho raggiunto la Top 100, quindi più o meno tre anni fa. In quel torneo lui perse nelle qualificazioni, ma era già uno che si allenava tutti i giorni. Poi mi ricordo di averlo visto allenarsi a Montecarlo nel 2019, e da lì ha iniziato a ricevere wildcard e a giocare bene anche a livello ATP. Lui è sempre stato molto gentile, ed è incredibilmente professionale, vuole sempre migliorare; gli auguro il meglio per il futuro”.

LA FLORIDA E IGA SWIATEK

In questa stagione Hurkacz ha dieci vittorie su dieci nei match giocati in Florida, visto che ha vinto anche il torneo di Delray Beach a gennaio – forse essere di casa aiuta, così come aver già vinto nel 2021: “L’anno scorso sono rimasto in Florida per circa metà dell’anno, quindi sono riuscito ad abituarmi alle condizioni di gioco, sicuramente questo è stato un elemento importante per il mio successo. La mia autostima è stata molto alta dall’inizio della stagione, e vincere un titolo di questo tipo è un grande incentivo in termini di motivazione e fiducia in me stesso, perché sono riuscito a tirarmi fuori da alcune situazioni molto complicate”. Anche per questo si è trovato bene, seppur con pochi spettatori: “L’atmosfera durante la finale e le ultime partite del torneo è stata fantastica. Gli spettatori si sono fatti sentire e hanno tifato per noi. Certo, sarebbe più bello se gli spalti fossero piani, ma è comunque stato piacevole, e poi a me piacciono molto la Florida e Miami”.

Va poi sottolineato che il movimento polacco si sta abituando a grandi successi: lui stesso ha vinto un 1000 in doppio a Bercy lo scorso novembre, e un mese prima Iga Swiatek ha conquistato (sempre a Parigi) il suo primo Slam – è stato importante per lui? Sono stato davvero orgoglioso di Iga, quello che ha fatto a Parigi è stato fantastico. Credo abbia permesso a noi, a me, e a tutti i giovani polacchi di credere che sia possibile vincere dei grandi tornei. A mia volta spero di poter ispirare le persone in Polonia, sono orgoglioso di essere polacco e grato di tutto il supporto che ricevo”.

Ora che è arrivato un titolo di questa importanza, però, Hurkacz non ha intenzione di fermarsi: “Il mio livello sta crescendo, anche perché lavoro molto duramente con CB, il mio coach [Craig Boynton, ndr]. Ovviamente ci sono ancora un paio di aspetti da migliorare, per questo dobbiamo lavorare ogni giorno, anche perché pure i miei avversari lavorano tanto, e quindi devo cercare di crescere per poterli battere”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA 1000 Roma, l’entry list: tutte presenti ai piani alti, per ora nessuna italiana

Da Barty a Osaka, da Halep a Williams: nessuna defezione al momento nella lista delle partecipanti al torneo della capitale

Pubblicato

il

Simona Halep - Roma 2020

Dopo la lista dei partecipanti al torneo maschile, sono stati rilasciati anche i nomi delle tenniste che dal 9 al 16 maggio si contenderanno il titolo agli Internazionali di Roma. Nel WTA 1000 della capitale finora non si registrano defezioni ed infatti sono presenti tutte le tenniste di vertice, a partire dalla n. 1 del mondo Ashleigh Barty che su questa superficie ha vinto il suo titolo più prestigioso (Roland Garros 2019). Poco dietro in classifica troviamo Naomi Osaka, ancora in fase di apprendimento sulla terra rossa per sua stessa ammissione mentre come testa di serie n. 3 momentaneamente c’è Simona Halep, una che certamente potrebbe darne eccome di lezioni alla giapponese sul rosso.

La campionessa in carica precede di circa 1000 punti la statunitense Sofia Kenin, la quale a sua volta precede di una manciata di punti Elina Svitolina, quest’ultima vincitrice a Roma nel biennio 17-18; un altro nome di grande spicco presente nell’entry list è ovviamente quello di Serena Williams, vincitrice a Roma per quattro volte. Se nel tabellone maschile il tennis italiano è degnamente rappresentato con quattro giocatori, purtroppo quello femminile bilancia questa cifra con la totale assenza di tenniste azzurre. Se si vorrà tifare per Giorgi, Paolini, Errani e via dicendo si dovrà ricorrere alle qualificazioni o più probabilmente alle wild card.

Ancora non è stato comunicato nulla di ufficiale per quanto riguarda la presenza o meno del pubblico. Il presidente della FIT Binaghi ha dichiarato un paio di settimane fa che è possibile riproporre la soluzione dei 1000 spettatori al giorno vista a settembre, ma anche organizzare un piano che prenda in considerazione la parte di popolazione già immune al Covid-19.

 

L’entry list aggiornata

Continua a leggere

Challenger

Challenger: italiani tutti fuori, a Belgrado Giannessi esce tra le polemiche

L’azzurro chiede ripetutamente la sospensione del match per impraticabilità del campo e alla fine si ritira: “Era davvero pericoloso, praticamente c’era il fango”

Pubblicato

il

Alessandro Giannessi - ATP Challenger Todi 2020 (foto Felice Calabrò)

Al Challenger 125 di Belgrado entrambi gli italiani in tabellone escono prematuramente di scena. Alessandro Giannessi, dopo aver superato due turni di qualificazioni, perde al primo turno contro lo sloveno Blaz Rola (n.142 ATP), in gran fiducia dopo aver vinto la scorsa settimana sempre qui a Spalato. E se la sconfitta qua ci sta, è grave invece il modo in cui è maturata. Si è infatti giocato su un campo molto scivoloso, ai limiti dell’impraticabilità. Lo spezzino, nel corso dell’ora e un quarto del match, ha chiesto per ben tre volte la sospensione dell’incontro ma il giudice arbitro non ha mai acconsentito. Così, a inizio secondo set (sotto 6-4 2-0), dopo che una sua quarta richiesta era andata a vuoto, ha deciso di ritirarsi.

Alessandro, raggiunto telefonicamente, ci ha detto: “La cosa che è successa è molto brutta, ho chiesto ripetutamente di sospendere il match perché il campo era davvero pericoloso, praticamente c’era il fango. Tra l’altro era un campo destinato solo all’allenamento e riadattato oggi per l’occasione perché bisognava recuperare delle partite. Ma l’arbitro non ha inteso ragioni. La beffa poi è che, subito dopo, gli organizzatori hanno sospeso le partite su quel campo“.

Incuriositi, siamo andati a controllare i match della giornata e abbiamo notato che il tedesco Matthias Bachinger, impegnato contro Antoine Hoang nello stesso orario e in un campo adiacente, si era ritirato sul punteggio di 7-5 4-6, quindi in una situazione di punteggio di perfetto equilibrio. Non sono noti i motivi del ritiro (forse si scivolava anche sul suo campo?), anche perché le immagini in streaming stranamente non erano disponibili. Una vicenda gestita malissimo dagli organizzatori.

Fuori anche Federico Gaio che, dopo essersi preso la rivincita sul russo Donskoy (che lo aveva battuto in febbraio a Biella 2), nel secondo turno poco ha potuto contro lo slovacco Jozef Kovalik (n.128 ATP) che lo ha battuto 6-0 7-6. Sconfitta netta in cui al faentino ha fatto difetto soprattutto il servizio: gli sono stati fatali il 53% di punti sulle prime contro il 75% e il 55% sulle seconde contro il 74%. Eliminato nelle qualificazioni Andrea Arnaboldi, mentre non ha avuto bisogno di alcun turno preliminare il giovanissimo padrone di casa Hamad Medjenovic, entrato direttamente in tabellone grazie ad una wild card concessa dalla Federazione Serba. Il promettente 17enne ha onorato al meglio l’invito battendo al primo turno il tedesco Oscar Otte (n.155 ATP), salvo poi cedere all’esperto argentino Facundo Bagnis.

CHALLENGER 80 SPALATO 2

Lorenzo Giustino non supera il primo turno, eliminato (6-4 6-4) da Andrea Collarini (n.204 ATP) in un match sostanzialmente senza storia. All’argentino è stato più che sufficiente un break per set per portare a casa la partita, senza che il napoletano avesse mai una sola occasione (nessuna palla break) per rovesciare l’inerzia. Fuori nelle qualificazioni Matteo Viola e Gian Marco Moroni.

CHALLENGER 80 ORLANDO

Al Challenger statunitense nessun italiano ai nastri di partenza ma tanti americani (15 su 32) e un campo di partecipazione molto qualificato. Denis Kudla (n.124 ATP), il nostro favorito, è partito bene ma difficilmente vincerà, vista la nostra proverbiale allergia ad azzeccare un pronostico. Allora indichiamo un’alternativa e cioè l’altro americano Jenson Brooksby (n.232 ATP) che ovviamente è autorizzato a fare tutti gli scongiuri del caso.

 

Continua a leggere

Flash

Mondo Futures: Cobolli e Agamenone firmano la doppietta italiana

Italiani grandi protagonisti nella settimana Futures con due successi

Pubblicato

il

Flavio Cobolli (foto Ray Giubilo)

M15 ANTALYA (TUR, terra rossa) – VINCITORE: Flavio Cobolli

Il primo sorriso azzurro della settimana è di Flavio Cobolli (n.863 ATP): l’ex numero 8 junior, nonché vincitore del torneo di doppio allo scorso Roland Garros, in virtù di questo successo si guadagna il suo best-ranking alla posizione 837. Nonostante il 6-0 subito nel primo parziale, il nostro non si lascia intimidire, e con tenacia dà il via alla rimonta e conquista il primo alloro della sua promettente carriera: 0-6 6-3 6-3 il risultato finale, contro lo svedese Dragos Madaras. Raggiunto telefonicamente Flavio ci ha detto: “È stata una settimana fantastica in cui ho giocato bene fin dal primo turno. Sono molto contento perché venivo da un momento abbastanza negativo in cui non riuscivo a riproporre in partita quello su cui stavo lavorando in allenamento”.

In generale è stato un torneo positivo per i nostri colori, con ben tre semifinalisti su quattro: oltre al citato Cobolli, menzione per Edoardo Eremin (costretto al ritiro dopo il primo set) e Matteo Gigante (uscito vincente dal derby con Galoppini ai quarti). Graziani e Massara si fermano al secondo turno, mentre Marchetti è sconfitto all’esordio da Matteo Gigante.

M15 MONASTIR (TUN, cemento) – VINCITORE: Franco Agamenone

Sulla scia del più giovane connazionale, Franco Agamenone (n.583 ATP) si porta a casa il secondo successo dell’anno, e sesto totale (cui potremmo aggiungere i 34 trofei in doppio): anche per lui (seed numero 8 del torneo) una vittoria finale in rimonta, dopo aver ceduto il primo set al tie-break, contro il francese Antoine Escoffier (tds numero 1). L’italo-argentino ha saputo sfruttare l’abbrivio in suo favore, creatosi in seguito alla sofferta vittoria nei quarti contro il seed numero 3, Sho Shimabukuro: infatti, il giapponese aveva sempre condotto nel set decisivo, arrivando a servire per il match; Agamenone era stato quindi bravo a rientrare in partita, non prima di aver annullato un match point. Fuori al secondo turno gli altri due italiani in tabellone, la tds numero 4 Balzerani e Capecchi.

M15 SHARM EL SHEIKH (EGI, cemento) – VINCITORE: Paul Jubb

Paul Jubb (n.494 ATP) trionfa per la seconda volta sui campi di Sharm, in questo 2021 positivo per lui: il record recita infatti 17 vittorie e sole 4 sconfitte, a testimonianza del fatto che il giovane britannico sa scegliere bene i tornei a cui partecipare. Giunto al quarto successo totale, il vincitore del prestigioso torneo NCAA nel 2019, ha lasciato per strada un solo set, peraltro in finale, contro l’indiano Sasi Mukund. Il migliore degli azzurri è Alessandro Bega, tds numero 3, uscito ai quarti proprio contro il vincitore; Simone Roncalli, Mattia Bellucci e Francesco Vilardo passano un solo turno, mentre va peggio la spedizione di Ruggeri e Malgaroli (eliminato dal connazionale Bega).

 

M15 CORDOBA (ARG, terra rossa) – VINCITORE: Gonzalo Lama

Sembra pian piano tornare al suo migliore livello Gonzalo Lama (n.590 ATP), ex numero 160 al mondo; il cileno aveva riassaporato il gusto della vittoria, dopo ben cinque anni, nello scorso gennaio: ed ora, a distanza di pochi mesi, si ripete in Argentina. Il 27enne, che tra i dodici titoli in carriera (tutti esclusivamente su terra rossa) vanta anche due Challenger ATP, ha infatti lasciato le briciole ai suoi avversari, compreso il finalista Facundo Juarez, tds numero 5. Quest’ultimo, ai quarti è stato il giustiziere dell’unico azzurro presente in tabellone, l’oriundo Luciano Darderi, che al primo turno aveva avuto ragione del seed numero 4, il brasiliano Reis da Silva.

M15 ST. PETERSBURG (RUS, cemento indoor) – VINCITORE: Ivan Nedelko

L’esperto padrone di casa Ivan Nedelko (n.362 ATP) vince nella bellissima San Pietroburgo il 27esimo titolo ITF in carriera, il primo su una superficie diversa dalla terra rossa. Dopo aver vissuto un vero e proprio annus horribilis (nel 2020 sono state, infatti, solo otto le partite vinte dal russo), il 34enne spera sicuramente di tornare alla buona forma che lo aveva accompagnato fino allo scorso anno. Battuto in finale il giovane qualificato ucraino Illya Beloborodko per 2-6 7-5 6-4, che ha pagato nei punti decisivi la minore esperienza; ma il 19enne sarà ugualmente soddisfatto della sua settimana, che lo ha visto protagonista dell’eliminazione di due tds dal torneo.

M15 SHYMKENT (KAZ, terra rossa) – VINCITORE: Ivan Gakhov

Altra finale contesa tra un atleta russo ed uno ucraino, ed a vincere è sempre Ivan: il 24enne mancino Gakhov (n. 502 ATP) interrompe un digiuno durato tre anni e conquista l’11esimo titolo in carriera. La tds numero 2, dopo aver battuto il nostro Antonio Campo in semifinale, si ripete nell’ultimo atto contro Eric Vanshelboim, pur non senza difficoltà, come testimonia il 6-3 5-7 7-5 consegnato agli archivi. Anche l’altro italiano Ingarao ha incrociato il vincitore finale, al primo turno, cedendo il passo in due set; poco meglio il percorso di Tomasetto, che elimina il seed numero 6 Nikita Mashtakov prima di uscire dal torneo. Per chiudere, doppio bagel subito da Federico Bertuccioli ai quarti contro il futuro finalista ucraino.

A cura di Antonio Flagiello

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement