WTA Ranking: Jabeur al n.8, Badosa si ferma al n.13

Flash

WTA Ranking: Jabeur al n.8, Badosa si ferma al n.13

Best ranking anche per Maria Sakkari e Barbora Krejcikova (e per la nostra Paolini). Crollano Swiatek, fuori dalle 10, e Trevisan, che esce dalla top100

Pubblicato

il

È un finale di stagione davvero ricco di exploit per la WTA. Dopo l’ingresso nelle dieci di Maria Sakkari due settimane fa, oggi abbiamo una nuova top ten e una nuova top20: sono Ons Jabeur e di Paula Badosa. La tunisina aveva già incominciato da qualche tempo la sua manovra di avvicinamento alle migliori. Con la semifinale a Indian Wells e la complicità dei punti del Roland Garros in scadenza a molte, riesce ad assestare la zampata definitiva: 6 posti in più quest’oggi e il nuovo best ranking di n.8. La spagnola, invece, nega il terzo titolo a Indian Wells a Azarenka (+6, n.26), e passa direttamente dalla posizione n.27 alla n.13, con un balzo di 14 posti. Unico cruccio: fermarsi a soli 78 punti da Naomi Osaka (+2, n.10) e, conseguentemente, dalla top ten. Badosa però può consolarsi con l’ottavo posto nella RACE, che, a questo punto della stagione, significa avere la concreta possibilità di partecipare alle Finals. E di sicuro Paula non avrebbe scommesso su questa eventualità a inizio anno, quando era solo n.70 del mondo.

Dicevamo dell’ingresso tra le dieci dei Maria Sakkari alla vigilia di Indian Wells. La greca guadagna altre 2 posizioni e si porta al n.7. Anche Barbora Krejcikova migliora il proprio best ranking, nonostante non abbia brillato in California. La ceca sale fino al n.4, rosicchiando un’altra posizione alle sue rivali. Crollano Iga Swiatek (-7, n.11), vincitrice dell’edizione autunnale dello slam parigino, Sofia Kenin (-6, n.14) e Petra Kvitova (-4, n.15). Tre posti in meno anche per Anastasia Pavlyuchenkova (n.16), mentre ne perde due Simona Halep (n.19) che rischia di concludere il 2021 fuori dalla top20. Si rivede vicino alla top ten Angelique Kerber (+3, n.12).

Bussa alle porte delle migliori Jessica Pegula (+3, n.21) mentre le saluta, per il momento, Cori Gauff (-4, n.23). Scorrendo la classifica delle prime cento, colpiscono i movimenti delle nostre atlete dietro a Camila Giorgi (+2, n.36). Jasmine Paolini sale di 9 posti e si ferma a poche posizioni dalla top50, e precisamente al n.54. Martina Trevisan paga i punti dei quarti a Parigi in scadenza e precipita di 46 posti fino al n.112. Ma non sono le uniche. Tra quelle che guadagnano più posti segnaliamo Sloane Stephens (+14, n.59), Ann Li (+9, n.60), Maria Osorio Serrano (+8, n.63), Ana Konjuh (+11, n.67), Johanna Konta (+11, n.71), Aliaksandra Sasnovich (+16, n.84). Molte le atlete che pagano l’uscita di punti pesanti, tra queste ci sono Kaia Kanepi (-10, n.70), Nadia Podoroska (-46, n.82), le francesi Caroline Garcia (-14, n-73), Kristina Mladenovic (-24, n.91), Fiona Ferro (-15, n.98), e la tedesca Laura Siegemund (-66, n.122).

 
Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Ashleigh Barty179077
20Aryna Sabalenka237115
30Karolina Pliskova215320
4+1Barbora Krejcikova304748
5+1Garbiñe Muguruza204425
6+1Elina Svitolina254096
7+2Maria Sakkari234005
8+6Ons Jabeur233500
9+1Belinda Bencic253365
10+2Naomi Osaka133326
11-7Iga Swiatek163306
12+3Angelique Kerber203265
13+14Paula Badosa343248
14-6Sofia Kenin183130
15-4Petra Kvitova223035
16-3Anastasia Pavlyuchenkova202986
17-1Elena Rybakina302883
180Elise Mertens282835
19-2Simona Halep162807
200Anett Kontaveit232766
21+3Jessica Pegula232650
22-1Bianca Andreescu152628
23-4Cori Gauff222600
24-2Emma Raducanu162568
25-2Jennifer Brady192526
26+6Victoria Azarenka172505
27+1Leylah Fernandez292289
28+2Daria Kasatkina262205
29-3Karolina Muchova182159
30-1Jelena Ostapenko202070
31-6Danielle Collins222026
32-1Veronika Kudermetova281980
330Tamara Zidansek271876
34+1Sara Sorribes Tormo311715
35+2Marketa Vondrousova231676
36+2Camila Giorgi221660
37-3Ekaterina Alexandrova271641
38+2Sorana Cirstea271629
390Jil Teichmann291620
40+4Shelby Rogers331613
410Serena Williams101591
420Liudmila Samsonova331551
43+4Ajla Tomljanovic271455
44-1Yulia Putintseva291425
45+1Viktorija Golubic311422
46+4Madison Keys191317
47-2Petra Martic261301
48+1Clara Tauson361245
49+2Alison Riske211241
50+3Katerina Siniakova241220

CASA ITALIA

Alle spalle delle prime tre, perdono 11 posti Sara Errani (n.116) e 12 Anna Turati (n.432). In progresso Elisabetta Cocciaretto (+4, n.137), Giulia Gatto Monticone (+5, n.192) e Bianca Turati (+15, n.284).

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
36+2Camila Giorgi221660
54+9Jasmine Paolini361130
112-46Martina Trevisan39678
116-11Sara Errani36652
137+4Elisabetta Cocciaretto25536
148+2Lucia Bronzetti47504
188+3Lucrezia Stefanini46366
192+5Giulia Gatto-Monticone38358
2090Federica Di Sarra36332
280-1Jessica Pieri44236
2830Martina Di Giuseppe43230
284+15Bianca Turati29230
285-1Cristiana Ferrando37230
364+4Martina Caregaro30164
402+3Camilla Rosatello38132
4220Nuria Brancaccio32121
424-1Stefania Rubini31120
432-12Anna Turati17117
4370Dalila Spiteri30115
458+3Anastasia Grymalska14106

NEXT GEN RANKING

Non ci sono variazioni in questa classifica. Comanda sempre Iga Swiatek, nonostante le posizioni perse nel ranking generale (Nel Next Gen ranking del 2021 rientrano le giocatrici nate dopo il 1° gennaio 2001).

PosizioneVariazioneGiocatriceAnnoClassifica WTA
10Iga Swiatek200111
20Cori Gauff200423
30Emma Raducanu200224
40Leylah Fernandez200227
50Clara Tauson200248
60Marta Kostyuk200253
70Maria Camila Osorio Serrano200163
80Anastasia Potapova200168
90Clara Burel200175
100Amanda Anisimova200181

LA RACE

Come già sottolineato altrove, Badosa si candida a partecipare alle Finals, grazie agli 11 posti in più chela proiettano direttamente al n.8 della RACE. Si rivede al n.20 Azarenka, che guadagna 12 posizioni dopo la finale persa a Indian Wells. In grassetto le atlete già qualificate

PosizioneVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Ashleigh Barty 126411
20Aryna Sabalenka164669
30Barbora Krejcikova164518
40Karolina Pliskova174036
5+2Iga Swiatek143226
6-1Maria Sakkari163157
7-1Garbiñe Muguruza173150
8+11Paula Badosa163112
90Ons Jabeur183020
10-2Naomi Osaka102771
11+1Elina Svitolina192501
12+2Jessica Pegula182500
13-2Anastasia Pavlyuchenkova172449
14-4Elise Mertens192447
15+1Anett Kontaveit182441
16+2Angelique Kerber162387
17-4Cori Gauff172380
18-3Emma Raducanu52292
19-2Belinda Bencic202195
2012Victoria Azarenka142165

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP e vaccini in vista dell’Australian Open: tolleranza zero per chi bara

Durissime sanzioni per chi presenta falsi certificati secondo un documento visionato dall’Équipe

Pubblicato

il

Salvo sorprese dell’ultimo momento e sperando che l’auspicio di Sascha Zverev sull’esenzione dalle regole per Novak Djokovic fosse dettata più dall’euforia della vittoria che da uno scambio di reciproche indulgenze o da un pensiero razionale, all’Australian Open potranno partecipare solo giocatori vaccinati. L’obbligo del vaccino è una scorciatoia linguistica poiché in realtà si tratta di presentare un certificato che ne provi l’avvenuta somministrazione – un po’ come per entrare in pizzeria bisogna mostrare il proprio green pass, per quanto, in pratica, sia sufficiente un green pass. L’analogia serve per arrivare al problema dei certificati “falsi”, virgolettato perché spesso si tratta di certificati autentici che medici compiacenti rilasciano senza aver davvero somministrato il vaccino, come dimostrano alcuni arresti per questo motivo riportati nelle cronache certamente non solo italiane. Una possibilità che, per giocatori che fossero disposti a coglierla, sposterebbe il dilemma dal farselo o meno iniettare al valutare l’impatto sulla propria immagine della “dichiarata” vaccinazione (implicita nella partecipazione all’Happy Slam) agli occhi dei più feroci sostenitori no-vax.

A proposito del delicato argomento, sembra proprio che l’ATP non sia nata ieri né abbia intenzione di (fingere di) ignorare questa possibilità, almeno a giudicare da quanto scrive l’Équipe che ha avuto modo di visionare un documento inviato dall’associazione ai propri giocatori. Come già chiarito da Andrea Gaudenzi, l’ATP continua a raccomandare fortemente ai propri iscritti di vaccinarsi e per questo motivo, secondo il documento in questione, ammette che nei Paesi in cui è richiesta i tornei possano indicare la vaccinazione come requisito per poter partecipare. Da qui il riconoscimento dell’obbligatorietà del vaccino per disputare l’Australian Open.

Soprattutto, però, comunica che non ci sarà alcuna tolleranza per coloro che tenteranno di presentare una certificazione falsificata. Se scoperti, i tennisti verranno ritenuti responsabili ai sensi del Codice (capitolo XIII del Regolamento, lettera A) per comportamento contrario all’integrità del gioco. La sanzione consisterà in una multa fino a 100.000 dollari e/o in una sospensione dai tornei ATP e Challenger per un periodo fino a tre anni.

 

Continua a leggere

Flash

Svelato il calendario dei tornei in Australia: nove eventi in programma più la ATP Cup

Tennis Australia ha inviato il calendario dei tornei pre-Australian Open ai giocatori che potrebbero partecipare

Pubblicato

il

La stagione 2021 tennistica non è ancora finita, ma gli occhi di tutti sono già puntati verso l’Australian Open 2022, che con il suo obbligo vaccinale sta già facendo discutere tutto il mondo del tennis. La seconda tappa a livello ufficiale è il calendario dei tornei previsti prima dello Slam australiano, inviato oggi tramite un memorandum a tutti i tennisti uomini e donne che potrebbero recarsi in Australia grazie alla loro classifica. Adelaide parte ospitando due tornei in contemporanea con l’ATP Cup, una partenza col botto per il circuito femminile che esordirà con un torneo di categoria 500 in programma dal 2 al 9 gennaio.

Il WTA 500 di Adelaide prenderà il posto in calendario del WTA 500 di Abu Dhabi, vinto lo scorso anno da Aryna Sabalenka. Non è da meno l’inizio del calendario ATP, che dal 1 al 9 gennaio vedrà sfidarsi sedici squadre nazionali da tutto il mondo nella Ken Rosewall Arena di Sydney per l’ATP Cup, ormai appuntamento fisso di prestigio dell’inizio di stagione. Ad Adelaide anche un torneo ATP 250, nello slot di calendario l’anno scorso occupato dall’Antalya Open e da Delray Beach. Calendario ricco anche a Melbourne, che dal 4 al 9 gennaio ospiterà ben due tornei WTA di categoria 250 e un ATP 250.

Spazio anche a tornei di categoria minore tra il 3 e il 9 gennaio, con l’ATP80 e ITF60k di Bendigo e Traralgon, entrambi a Victoria. A chiudere la prima settimana di tornei ci sarà il Victoria Wheelchair Open, dedicato al circuito del tennis wheelchair. Sydney sarà impegnata nella seconda settimana, con un altro WTA500 dal 10 al 15 gennaio al Sydney Olympic Park Centre. Nella stessa sede ci sarà un altro ATP250, erede insieme all’altro ATP250 sempre in programma dal 10 al 15 gennaio ad Adelaide dei due tornei vinti lo scorso anno da Jannik Sinner e Daniel Evans.

 

Il Memorial Drive di Adelaide vedrà in scena anche un altro WTA250, a completare quindi il programma pre-Australian Open con ben cinque tornei riservati alle donne. Victoria ospiterà gli ultimi due tornei del programma, il Melbourne Wheelchair Open allo Hume Tennis Center di Victoria e un torneo Juniors di categoria J1 a Traralgon, entrambi dal 15 al 19 gennaio. Nessuna sorpresa invece per la terza e quarta settimana dello swing australiano, con l’Australian Open maschile e femminile in calendario dal 17 al 30 gennaio. Definite anche le date dell’Australian Open Junior, dal 19 al 29 gennaio, e dell’AO Wheelchair Championship, dal 23 al 27 gennaio.

Continua a leggere

Flash

Tsonga: “Spero in un invito per gli Australian Open”

Sceso alla posizione 257, il francese sta lavorando sodo: “Una cosa è certa, mi vedrete nel 2022”

Pubblicato

il

Jo-Wilfried Tsonga - Bercy 2019 (foto via Twitter, @RolexPMasters)

Il periodo caotico iniziato con la pandemia ha mischiato le carte su classifiche e calendario, ha fatto sorgere nuove questioni e sta spingendo il tour verso nuove modifiche; in tutto ciò ci sono anche temi o personaggi che sono passati in secondo piano e tra questi un tennista di cui si è sentito poco parlare negli ultimi tempi è Jo-Wilfried Tsonga. Il 36enne francese ha disputato il suo ultimo match al primo turno di Wimbledon perdendo al quinto set da Ymer, mentre in totale nell’anno 2021 ha incassato otto sconfitte e un solo successo arrivato a marzo nel torneo di Marsiglia. I problemi fisici che lo hanno colpito in estate hanno messo fine anzitempo alla stagione ma il suo spirito non è stato smorzato, e intervenendo a Radio Monte Carlo ci ha subito tenuto a specificare: “Una cosa è certa: mi vedrete nel 2022.

Attualmente 257° nel ranking mondiale ATP, Tsonga spera di poter essere presente al primo grande appuntamento del 2022: il suo obiettivo è lo Slam australiano in programma dal 17 al 30 gennaio il ché implica, visto l’obbligo vaccinale, che lui abbia già tutte le carte in regola. Il francese è stato eliminato al primo turno degli Australian Open 2020 mentre non ha preso parte all’ultima edizione 2021 vinta da Novak Djokovic. Il suo ultimo risultato significativo in uno Slam risale al 2017 quando ha raggiunto i quarti di finale proprio a Melbourne perdendo con Stan Wawrinka.

Come detto però la classifica non potrà permettergli un ingresso nel tabellone principale quindi dovrà aggrapparsi alla benevolenza degli organizzatori dell’evento, evento nel quale raggiunse anche una finale nel 2008. “Da metà estate è andata molto meglio” ha spiegato Tsogna a RMC. “A fine agosto sono andato agli US Open, mi sono fatto male al polpaccio (ha subìto uno strappo muscolare poco prima della suo match, ndr) e alla fine ho deciso di annullare il mio finale di stagione perché non era troppo interessante. Mi sto preparando a tornare a gennaio, e spero di avere la possibilità di avere un invito all’Australian Open. Nel frattempo sto lavorando sodo e cerco di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile”.

Al momento però le uniche wild card spese per il prossimo major sono quelle relative all’accordo tra le due federazioni, australiana e americana, dunque per Tsonga ci sarà da aspettare un po’ prima di vedere esaudito il suo desiderio. Mentre molti suoi tifosi forse saranno già felici di sapere di un suo ritorno in campo.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement