Giocatori bassi, calze lunghe o corte, progressi tecnici e allenatori: Matthew Willis e le domande dei suoi follower

evidenza

Giocatori bassi, calze lunghe o corte, progressi tecnici e allenatori: Matthew Willis e le domande dei suoi follower

Che impatto hanno i super-coach? Perché Rafa batte Medvedev, e Djokovic no? Il noto analista del tennis Matthew Willis, chiarisce alcuni dubbi

Pubblicato

il

Hard Rock Stadium - Miami 2022 (foto Ubitennis)
 

Traduzione dell’articolo di di Matthew Willis, pubblicato su The Racquet il 3 marzo 2022

Domanda: È l’unica domanda che conta… Calzini corti o calzini lunghi?
Matt: Calzini lunghi. I calzini corti nel tennis sono un peccato capitale per il quale Agassi e Fish non saranno mai perdonati.

D: Domanda divertente: perché i giocatori scelgono le palle prima di servire? L’ho visto succedere molte volte, guardano le palline e ne scelgono alcune… perché? Ho visto alcuni giocatori addirittura annusarle…
Matt: Dipende dal giocatore e dalle circostanze. Alcuni giocatori sono superstiziosi. Gasquet, ad esempio, spesso si mette in testa che una o due palle in particolare siano “fortunate” e continuerà a chiederle al raccattapalle più e più volte. Altri vogliono una palla veloce se stanno servendo, cioè la meno soffice delle palle in uso. Altri preferiscono una palla più lenta, forse perché il loro avversario sta colpendo particolarmente bene, e sentono l’esigenza di rallentare un po’ il gioco.


D: Domanda molto aperta: qual è il colpo più facile da migliorare nel corso di una carriera? Soprattutto pensavo al topspin di diritto o di rovescio. Questa domanda mi è venuta in mente pensando agli sviluppi attuali/futuri di Berrettini e Musetti
D: Quando i giocatori lavorano sulla tecnica (cambiamenti fondamentali), quando lo fanno? Durante la pausa stagionale? Sembra difficile farlo durante la stagione mentre si è soprattutto concentrati sui risultati.

Matt: Dipende da quanto è grande il cambiamento. Nell’allenamento, ci sono cambiamenti ad alta e bassa latenza. Una modifica radicale della tecnica del diritto o del servizio, ad esempio (molto difficile per i professionisti adulti) dovrebbe aver luogo durante il periodo della pausa stagionale (sebbene spesso non sia abbastanza lunga per portare perfettamente a termine processi come questo). Mannarino è un buon esempio di giocatore che ha modificato in modo significativo la tecnica del diritto e Del Potro ha fatto lo stesso con il rovescio, ma entrambi lo hanno fatto durante lunghe assenze forzate per infortunio al polso, e quindi per necessità.

Se invece si tratta di lavorare sugli schemi di gioco, sulla strategia o su piccoli aggiustamenti tecnici (ad esempio, sia il servizio di Nadal che quello di Djokovic nell’ultimo decennio sono cambiati per lo più in modo graduale piuttosto che con interventi drastici), allora quello è un lavoro in corso d’opera, costante per tutta la stagione e che prosegue durante la pausa. Il colpo più facile da migliorare? Direi il servizio e la risposta, soprattutto perché sono due colpi su cui i giocatori possono fermarsi e pensare prima di colpirli, diversamente dal diritto e dal rovescio durante gli scambi, dove l’intuizione e le abitudini (spesso radicate nei giocatori fin dalla giovane età) possono essere più difficili da cambiare.

D: Volevo capire l’impatto che gli allenatori hanno sui giocatori. Quanto è tattico, quanto è mentale, magari con qualche esempio? Mouratoglou andava bene per Serena? Ivanisevic andava bene per Nole? e Becker? Moya è stato utile a Nadal?
Matt: Dipende molto dal singolo giocatore e dal contesto. Ad esempio, non è un segreto che Mouratoglou sia poco più di un cheerleader e di un motivatore per Serena, e che non ha veramente aggiunto qualcosa di particolarmente tecnico. Per Goran e Djokovic, sembra che la vera priorità sia stata lavorare sul servizio e sul gioco a rete nonché su alcuni degli elementi più basilari della strategia e del primo colpo. Va detto che il servizio, in questa ultima parte di carriera di Novak è stato eccellente fin dalla metà del 2018 (e stava già migliorando notevolmente dal 2014/15 in poi). Moya ha avuto un impatto specifico sulla tecnica di servizio di Nadal, sull’aggressività della seconda di servizio, sulla sperimentazione del nastro di piombo sulla testa della racchetta, sulla costruzione dei punti brevi e sul rovescio. Ma ancora una volta, come con tutti questi grandi giocatori, può essere difficile distinguere quanto sia merito loro, e quanto sia stato l’impatto dell’allenatore.

D: Qual è il futuro per i giocatori professionisti alti meno di 1 metro e settanta? E possiamo trovare un esponente Serve & volley moderno migliore di Cressy (se vogliamo vederlo come il portabandiera contemporaneo di questo stile)?

Matt: Mi stupirei davvero se un giocatore più basso di 1,70 vincesse uno Slam tra gli uomini nei prossimi dieci anni. Qualcuno potrebbe farcela fra vent’anni e oltre, ma è così lontano nel tempo ed è praticamente impossibile prevedere quali modifiche al gioco ci potranno essere. Penso che tu debba accontentarti di Cressy per ora, se vogliamo pensare ad un gioco di puro serve & volley (anche se a me piace guardare Cressy giocare). Non è la strategia ottimale, almeno non esclusivamente, per la maggior parte dei tennisti con ambizioni d’élite in questi giorni. Le cose potrebbero cambiare in futuro.

D: Pensi che essere più muscoloso rispetto al tennista professionista medio aiuterebbe, oppure sarebbe dannoso per un giocatore? E come domanda a margine, quale sarebbe un fisico ideale per il tennis?
Matt: Non aiuterebbe affatto e probabilmente sarebbe dannoso per il gioco. Djokovic, o probabilmente qualcuno un paio di centimetri più alto come Auger-Aliassime considerando la recente evoluzione del gioco moderno, rappresentano il fisico maschile ideale del tennis in questo momento. Gambe forti, ma parte superiore del corpo molto asciutta anche se con un tronco molto tonico; avambraccio dominante ampio, glutei sviluppati (un po’ il mostro di Frankenstein…). Kokkinakis è un esempio di quanto possano essere inutili e controproducenti alcuni esercizi di potenziamento della massa muscolare, spesso dettati dalla semplice vanità.

D: Perché Rafa è in grado di battere regolarmente Medvedev, ma non fa progressi contro Nole quando invece Meddy ha battuto e può battere Nole (o almeno dimostrarsi più competitivo di Rafa) – domanda specifica per il coach.
Matt: È un caso abbastanza semplice di differenze di abbinamento. La prima di servizio di Medvedev può garantire un discreto vantaggio contro Djokovic. I suoi colpi da fondo arrivano piatti, bassi e spesso centrali, e possono costringere Djokovic a spingere e a cercare gli angoli. Inoltre la giovane età e la forma fisica di Medvedev gli permettono di sovrastare a volte Djokovic sotto l’aspetto fisico. Al contrario, il servizio di Nadal, seppur migliorato, si scontra contro un muro quando ha a che fare con la risposta di Djokovic, la migliore di tutti i tempi. La risposta di rovescio di Djokovic contrasta il servizio dal lato sinistro, il preferito di Rafa, meglio di chiunque altro. Nadal ha anche notevoli difficoltà a rispondere al servizio in slice di Djokovic, molto migliorato in questa fase finale di carriera, e la potenza del dritto incrociato di Rafa negli scambi, s’infrange sul rovescio di Djokovic, il quale è molto abile a gestire il topspin sul rimbalzo sui campi in cemento. Un Nadal più giovane potrebbe sopperire ad alcuni di questi problemi con le proprie capacità fisiche. Il Nadal più anziano, che fa più che mai affidamento su scambi brevi sul cemento, spesso non riesce ad appoggiarsi sul servizio e sull’eventuale successivo diritto a chiudere che mettono in difficoltà tutti tranne Djokovic. Al contrario il gioco Nadal funziona abbastanza bene con Medvedev su molti campi in cemento all’aperto (ma meno su quelli indoor). Detto questo, non credo che un Nadal in buona salute sia sempre destinato a perdere contro Djokovic sul cemento, come spesso si sente dire. Tuttavia parte sicuramente da sfavorito.

Traduzione di Michele Brusadelli

Continua a leggere
Commenti

ATP

Il dominio degli anni ’80 nel tennis maschile: tra Djokovic, Murray e Nadal è 12-1 sulla generazione anni ’90 nelle finali Slam

Dodici vittorie e una sconfitta, recita il bilancio delle finali Slam fra esponenti della “generazione ‘80” e “generazione ‘90”: un dato che deve far riflettere

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Stefanos Tsitsipas – Australian Open 2023 (foto via Twitter @usopen)
Novak Djokovic e Stefanos Tsitsipas – Australian Open 2023 (foto via Twitter @usopen)

Il dominio e lo strapotere di Novak Djokovic hanno fatto da padroni anche in questa edizione 2023 degli Australian Open. Il 35enne serbo ha trionfato a Melbourne per la decima volta, vincendo per la 22esima volta un torneo del Grande Slam ai danni del 24enne Stefanos Tsitsipas. Un successo che ha riaperto anche l’eterna questione di un ricambio generazionale che nel tennis maschile di vertice tarda ad arrivare. Infatti, appena due esponenti della classe ’90 (giocatori nati tra il 1990 e il 1999) hanno vinto uno Slam: Dominic Thiem in uno US Open estremamente particolare nel 2020 contro Alexander Zverev in finale, sfruttando anche la chance della squalifica di Djokovic per una pallata al giudice di linea nel match contro Carreno Busta; Daniil Medvedev sempre allo Us Open nel 2021 contro un Djokovic che avvertì la pressione del Grande Slam sulle sue spalle. Se allarghiamo il campo a tutti i giocatori nati dopo il 1990, anche Carlos Alcaraz, classe 2003, ha vinto uno Slam lo scorso anno, sempre quello newyorkese imponendosi nella finale contro Casper Ruud.

La statistica più impressionante riguarda i confronti nelle finali Major tra i giocatori nati tra il 1980 e il 1989 e quelli nati tra il 1990 e il 1999. Il bilancio è inequivocabile: 12 vittorie e 1 sconfitta per i più “anziani” a partire dalla finale di Wimbledon 2016 fino alla finale degli Australian Open di quest’anno.


Il primo scontro generazionale in una finale Slam avviene proprio nel 2016 ai Championships: Andy Murray batte in tre set il canadese Milos Raonic vincendo per la seconda volta sui prati londinesi. Nel 2018 e nel 2019 al Roland Garros Rafa Nadal nel suo feudo sconfigge Dominic Thiem: nella prima occasione perdendo appena nove giochi, nella seconda occasione lasciando per strada un set, ma vincendo comunque senza grossi patemi. Sempre nel 2019 a faticare moltissimo nella finale US Open è lo stesso Nadal contro Medvedev: il russo rimonta due set di svantaggio, ma non può nulla al quinto contro la voglia di non mollare dello spagnolo. Neanche Thiem va lontano dal successo nel 2020 all’Australian Open contro Novak Djokovic: va avanti due set a uno, ma anche l’austriaco cede nella sua prima finale Slam lontana dalla terra battuta. Nel 2021 ci provano in tre nell’anno magico del serbo: Tsitsipas, Berrettini e Medvedev. Il greco perde in cinque set la finale del Roland Garros dopo essere stato avanti di due set, il romano perde la finale di Wimbledon dopo aver vinto il primo set e il russo perde nettamente la finale in Australia, ma si prende la rivincita a New York, giocando il miglior tennis della carriera e fermando la corsa di Djokovic verso il Grande Slam.
La tendenza si conferma nel 2022 (e nel 2023) con i successi di Nadal su Medvedev all’Australian Open con una clamorosa rimonta da uno svantaggio di due set, la vittoria del maiorchino su Ruud al Roland Garros e i trionfi di Djokovic su Kyrgios a Wimbledon e su Tsitsipas qualche giorno fa a Melbourne.

 


Qual è il problema delle nuove generazioni? La sudditanza psicologica nei confronti dei mostri sacri Djokovic e Nadal è certamente un fattore per chi cresce nel mito di certi giocatori, ma l’ipotesi è pure quella di un’inferiorità tecnica e un’inadeguatezza a porsi al livello di leggende come Djokovic, Nadal e Murray. Ancora nei match 3 su 5 sono sempre i più esperti a farsi valere negli scontri generazionali: la longevità agonistica è indubbiamente cresciuta rispetto a qualche decennio fa, basti pensare che tutti e tre i big 3 hanno vinto gli Australian Open a 35 anni. Federer e Nadal hanno vinto rispettivamente nel 2017 e nel 2022 e da lì in avanti hanno trionfato ancora a livello Major. L’impressione è che Djokovic abbia ancora un fisico che lo sostenga nei match di lunga durata, oltre ad una tenuta mentale fuori dalla norma: vedremo se in questo 2023 i nati negli anni Novanta si daranno un’altra possibilità di spezzare un’egemonia che va avanti da tre lustri o se lasceranno già spazio ai Millennials nati dal 2000 in poi come Alcaraz (che ha già vinto uno US Open), Rune, Auger-Aliassime o Sinner.

Continua a leggere

Australian Open

Djokovic torna in vetta al ranking e ritocca il record: 374 settimane da n°1 and counting. Steffi Graf sempre più vicina

Il secondo posto di Roger Federer, fermo a 310 settimane da n°1 ATP, si allontana sempre di più. Ora Novak Djokovic punta al record assoluto

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2023 (Twitter @rolandgarros)
Novak Djokovic - Australian Open 2023 (Twitter @rolandgarros)

La decima vittoria in carriera all’Australian Open ha segnato anche il ritorno sul trono ATP di Novak Djokovic, leader indiscusso del circuito maschile. Ora che anche il computer certifica la supremazia del campione serbo, è inevitabile dare uno sguardo ai record di settimane da n°1 nella storia del tennis.

La top10 di n°1 più longevi a livello ATP vede saldamente a comando il 35enne di Belgrado, che (considerando anche quella appena iniziata) è stato in vetta alla classifica mondiale per almeno 374 settimane, record che potrebbe estendersi almeno ancora fino ad Indian Wells e Miami. Djokovic, infatti, difficilmente parteciperà a quei due tornei per via delle arcinote questioni relative alla (non) vaccinazione contro il Covid-19. Nole, tuttavia, potrebbe presto tornare negli Stati Uniti: crescono sensibilmente le possibilità di una sua presenza a Cincinnati e allo US Open, visto che il governo USA pare intenzionato a porre fine allo stato d’emergenza Covid entro maggio.

Il serbo potrebbe dunque essere nuovamente scavalcato da Alcaraz dopo Indian Wells (se lo spagnolo migliorerà la semifinale dello scorso anno), che però potrebbe tornare in vetta anche prima del Sunshine Double. Opzione difficile quest’ultima, seppur non impossibile. La differenza tra i due è di 340 punti e Carlitos dovrebbe conquistare almeno due tornei tra il ‘250’ di Buenos Aires e i due ‘500’ di Rio de Janeiro (che ha già vinto l’anno scorso) e Acapulco. Sempre che il 19enne di Murcia decida di giocarli tutti.

 

Tornando a Djokovic, la distanza con gli altri numeri 1 è destinata ad ampliarsi, con il secondo posto di Roger Federer – fermo a 310 settimane – che si allontana sempre di più. Già a febbraio, inoltre, il 22 volte campione Slam potrebbe riscrivere ulteriormente la storia del tennis, superando anche Steffi Graff e divenendo il tennista (estendendo il discorso anche alle donne) con più settimane sul trono. Il record della tedesca è di 377 settimane, appena tre in più del serbo. L’aggancio potrebbe arrivare il 20 febbraio, il definitivo sorpasso a 378 settimane il 27 febbraio. E la sensazione è che sia ormai soltanto una mera questione di tempo.

Continua a leggere

evidenza

Il governo USA metterà fine allo stato d’emergenza COVID entro maggio. Via libera per Djokovic?

L’amministrazione Biden sta per approvare una legge per concludere lo stato d’emergenza sanitaria. Potrebbe essere rimosso l’obbligo di vaccinazione per i visitatori

Pubblicato

il

Novak Djokovic - 2021 US Open (Jed Jacobsohn/USTA)

Il parlamento statunitense sta considerando una proposta di legge chiamata “Pandemic Is Over Act” che si pone come obiettivo quello di mettere fine allo stato di emergenza sanitaria dichiarato quasi tre anni fa a causa dell’epidemia di COVID-19, il New York Times ha pubblicato nella serata di lunedì.

Questa proposta di legge e altre che sono anch’esse al vaglio dell’esecutivo creerebbero le condizioni per passare ad una nuova fase di controllo della pandemia che però non prevederebbe le misure straordinarie che sono state in vigore fino a questo momento. Una volta approvate queste norme, poi, il governo Biden ha lasciato intendere che non estenderà il formale stato di emergenza che al momento dovrebbe scadere il prossimo 11 maggio.

Tra le norme legate all’emergenza sanitaria c’è anche quella che prevede la presentazione del certificato vaccinale per tutti i non americani e non residenti negli USA che vogliano entrare nel Paese, norma che durante l’ultimo anno ha impedito al neo n. 1 del mondo Novak Djokovic di disputare i tre Masters 1000 che si disputano sul territorio statunitense (il BNP Paribas Open di Indian Wells, il Miami Open e il Western&Southern Open di Cincinnati) così come lo US Open a Flushing Meadows.

 

Il prerequisito è tutt’ora in vigore formalmente per tutti i visitatori stranieri che vogliono entrare nel Paese per via aerea, e sostanzialmente anche per chi entra via terra, nonostante la norma non venga ormai più fatta rispettare da qualche tempo ai posti di frontera tra gli USA e il Canada o il Messico. La norma è formalmente in vigore fino al 10 aprile prossimo, anche se naturalmente potrebbe essere estesa o revocata in ogni momento

Tuttavia anche se dovessero essere approvate le leggi per gradualmente rimuovere lo stato di emergenza sanitaria, non è automatico che anche le condizioni per poter entrare negli Stati Uniti come straniero verranno adeguate di conseguenza. È infatti consuetudine imporre condizioni molto più stringenti per gli stranieri che cercano di entrare sul territorio del proprio Stato di quelle che invece vengono imposte ai cittadini dello Stato stesso. In ogni caso, siccome gli USA sono uno dei pochi Paesi che ha mantenuto questo prerequisito che invece è stato fatto decadere in gran parte del pianeta, è verosimile pensare che ci potrebbe essere un adeguamento nel corso dei prossimi mesi che potrebbe spalancare le porte alla partecipazione di Djokovic almeno ai tornei estivi sul cemento americano, dato che sembra improbabile che le cose possano cambiare abbastanza velocemente da permettergli di essere ai nastri di partenza dei tornei del Sunshine Double in marzo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement