ATP Race, doppio: Fognini e Bolelli a caccia di un posto a Torino. La situazione aggiornata

ATP

ATP Race, doppio: Fognini e Bolelli a caccia di un posto a Torino. La situazione aggiornata

A tre settimane dalla fine della regular season, i due azzurri sono in nona posizione. Tre le coppie già qualificate

Pubblicato

il

Fabio Fognini e Simone Bolelli – Coppa Davis 2022 Bologna (foto: Roberto dell'Olivo)
 

Ottobre, tempo di Race. Se la corsa all’ultimo treno per il Texas si compirà questa settimana a Guadalajara, sul versante maschile è ancora lunga la lotta per accaparrarsi i tre restanti posti da protagonista a Torino, con i nostri Matteo Berrettini e Jannik Sinner lontanissimi ma ancora matematicamente in gara. Spostiamoci però al doppio, dove l’azzurro non è sfumato in lontananza, bensì vivido e incalzante.

Parliamo naturalmente di Simone Bolelli e Fabio Fognini, quest’anno vincitori di Rio e Umago e finalisti a Sydney e Bastad, che cercano una seconda qualificazione ai World Championships dopo quella del 2015, I Chicchi occupano al momento la posizione numero 9 con 2670 punti, mentre davanti a loro la coppia Puetz/Venus è a quota 2960. Settimo posto per il duo Glasspool/Heliovaara con 3090 punti.

La stessa regola per cui Novak Djokovic è già qualificato per le Nitto ATP Finals (vincitore Slam che termina tra la posizione n. 8 e la 20) vale anche per il doppio, quindi bisogna prendere in considerazione gli aussie trionfatori a Wimbledon Matthew Ebden e Max Purcell, tredicesimi; i quali, a loro volta, tengono d’occhio i campioni dell’Australian Open Kyrgios e Kokkinakis, ora sesti, ma che potrebbero uscire dai primi sette.

 

Guardando invece al vertice, secondo l’ATP sono già sicure di un posto a Torino le coppie Koolhof/Skupski, Ram/Salisbury e Arevalo/Rojer.

Ecco le prime sedici posizioni della Race to Turin:

Pos.NomeNazionePunti
1Wesley Koolhof
Neal Skupski
NED
GBR
6450
2Rajeev Ram
Joe Salisbury
USA
GBR
5710
3Marcelo Arévalo
Jean-Julien Rojer
ESA
NED
4915
4Nikola Mektić
Mate Pavić
CRO
CRO
4165
5Marcel Granollers
Horacio Zeballos
ESP
ARG
3560
6Thanasi Kokkinakis
Nick Kyrgios
AUS
AUS
3150
7Lloyd Glasspool
Harri Heliövaara
GBR
FIN
3090
8Tim Pütz
Michael Venus
GER
NZL
2960
9Simone Bolelli
Fabio Fognini
ITA
ITA
2670
10Juan Sebastián Cabal
Robert Farah
COL
COL
2595
11Kevin Krawietz
Andreas Mies
GER
GER
2505
12Ivan Dodig
Austin Krajicek
CRO
USA
2350
13Matthew Ebden
Max Purcell
AUS
AUS
2185
14Rafael Matos
David Vega Hernández
BRA
ESP
2035
15Ariel Behar
Gonzalo Escobar
URU
ECU
1720
16Rohan Bopanna
Matwe Middelkoop
IND
NED
1675

Questa settimana, alla ricerca di punti importanti, sono impegnate tutte le coppie dalla settima alla dodicesima posizione: Glasspool/Heliovaara e Puetz/Venus a Stoccolma, Fognini/Bolelli e Dodig/Krajicek a Napoli, Cabal/Farah e Krawietz/Mies ad Anversa. Poi, il rush finale con gli ATP 500 di Vienna e Basilea, seguiti dal Masters 1000 di Bercy.

Qui gli aggiornamenti per la Race to Torino singolare

Continua a leggere
Commenti

ATP

Draper salta Wimbledon per l’infortunio alla spalla patito al Roland Garros

Dopo il ritiro a match in corso nel 1° turno parigino contro Etcheverry, Jack Draper è costretto a rinunciare anche all’intera stagione sui prati

Pubblicato

il

Jack Draper - Queen's 2022 (Credit: Getty Image for LTA)

Jack Draper salterà l’ormai imminente – al via tra meno di un mese, il 3 luglio – edizione numero centotrentasei del torneo di Wimbledon a causa dell’infortunio alla spalla patito nella prima settimana del Roland Garros, precisamente durante una sessione di allenamento che ha preceduto l’incontro di esordio contro l’argentino Tomas Etcheverry.

Purtroppo per il classe 2001 di Sua Maestà, il fastidio era già piuttosto pronunciato da impedirgli anche solo di poter portare a termine il match di primo turno, dal quale si è così dovuto ritirare: dopo aver perso il primo set 6-4 e ritrovatosi sul punteggio di 1-0 nel secondo ha alzato definitivamente bandiera bianca – non prima di aver provato comunque a continuare per diversi minuti pur con uno stato fisico limitante, ben rappresentato dai numerosi servizi da sotto in cui si è esibito. Il 23enne di La Plata beneficiando di quest’occasione ha saputo farla fruttare nel migliore dei modi, compiendo un grandissimo exploit e raggiungendo un’incredibile quarto di finale sospinto dall’alto.

Un duro colpo per il 21enne britannico, dato che si tratta dell’ultimo di una lunga serie di problemi di natura fisica che ne hanno irrimediabilmente condizionato il rendimento negli ultimi mesi di Tour. Il mancino di Sutton era infatti in grande ascesa ai nastri di partenza dello US Open 2022, tuttavia purtroppo la sua corsa fu nuovamente fermata da un altro crack fisico che l’obbligò al ritiro a fine terzo set della sfida di sedicesimi, dando così la possibilità di involarsi agli ottavi al futuro semifinalista di Flushing Meadows Karen Khachanov.

 

La tormentata conclusione della scorsa annata tennistica ha rappresentato però, per la sfortuna del n. 4 di Gran Bretagna, solamente l’inizio di un calvario senza pace che lo ha tormentato a tal punto da permettergli di disputare nel 2023 la miseria di 8 eventi.

Nonostante Jack fosse estremamente sconfortato dall’ennesimo stop fisico, in seguito alla “non” partita contro il sudamericano, dal box del giocatore flirtava comunque ottimismo guardando al successivo blocco del calendario: la stagione su erba. Si pensava, difatti, che il problema non avrebbe poi intaccato così tanto il prosieguo dell’anno ma tutte le speranze sono crollate fragorosamente non appena Draper si è sottoposto agli esami clinici del caso rivolgendosi ad uno specialista del settore: il responso è stato inequivocabile, niente prati e soprattutto forfait allo Slam casalingo.

Dalle analisi è apparso chiaramente come la mia spalla necessiti di un periodo di riposo forzato, e successivamente di una fase riabilitativa per riacquistare pienamente le proprie funzioni. Io e il mio team siamo così stati costretti a dover prendere la difficile decisione di saltare la stagione su erba di quest’anno. Ho sempre saputo che in questo sport ci sono così tanti alti e bassi, ma questo momento è davvero duro da accettare. Certamente però non smetterò di perseverare” ha commentato, a margine di questo nuovo infortunio, su Instagram il diretto interessato.

Nelle parole del campione juniores 2018 di Church Road non si accenna a nessun intervento chirurgico, perché assieme al suo staff hanno optato per un percorso di recupero meno invasivo e che si basi quasi esclusivamente sulla fisioterapia. Il rientro, se tutte le tabelle di marcia verranno rispettate senza controindicazioni, alle competizioni è previsto tra la metà e la fine di luglio.

Quando ha potuto giocare con uno stato di forma non inficiato da fastidi fisici di vario genere, Jack Draper – ex n. 7 a livello junior – ha indiscutibilmente dimostrato di possedere il potenziale per spiccare il volo nell’élite ATP dei migliori al mondo ma come è facilmente intuibile questo contesto di benessere fisico è stata un’assoluta rarità: prima l’infortunio alla gamba destra a New York, poi un virus influenzale che l’ha debilitato e non poco in pre-season

La storia personale tra il ragazzo nato nel sud di Londra e SW19 ha visto finora andare in scena due soli capitoli: l’esordio assoluto nel 2021 quando è stato capace di strappare un parziale a Novak Djokovic, mentre nel 2022 è riuscito a fare un passo in più prima di soccombere – sempre in quattro set – con l’australiano Alex De Minaur. Dunque si prospetta un’altra pesante assenza per i colori britannici, dopo quella di Emma Raducanu anche lei in preda a continui infortuni di carattere fisico, ma che a differenza di Jack è stata costretta ad andare sotto i ferri.

Continua a leggere

ATP

Dominic Thiem cede la poltrona austriaca: da lunedì non sarà più n.1 del suo Paese

Sconfitto al secondo turno di Heilbronn, il ventinovenne Dominic Thiem è costretto a lasciare il primo posto del tennis austriaco a Sebastian Ofner

Pubblicato

il

Dominic Thiem - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Dopo la sconfitta al secondo turno all’ATP Challenger di Heilbronn, Dominic Thiem è costretto a cedere il gradino più alto del tennis austriaco a Sebastian Ofner.

Moritz Thiem, fratello di Dominic che ha allenato sia lui che Ofner, ha analizzato la partita di Heilbronn senza troppi filtri: Non è stata una bella partita, fatta eccezione per il primo set. Adesso (Dominic) deve iniziare a trasformare in partita i colpi che sta già giocando in allenamento, altrimenti farà sempre fatica contro tutti”.

Si apre invece per Ofner una nuova finestra, più luminosa ma più dispendiosa. Col passaggio alla posizione n. 80 al mondo il ventisettenne stiriano avrà nuove importanti opportunità, che deve però essere bravo a sfruttare al meglio e al momento giusto: il rischio che venga superato presto da altri giocatori è dietro l’angolo. Per ora si riposa, godendo dell’attesa della gloria (ufficiale) che arriverà con l’aggiornamento della classifica della nuova settimana. Giocherà il suo primo match da n.1 austriaco sull’erba di Ilkley (Gran Bretagna, 19-25 giugno 2023).

 

Marianna Piacente

Continua a leggere

ATP

ATP Stoccarda: wild card anche per Tsitsipas

Dopo Zverev (la cui presenza è però in dubbio visto il suo percorso a Parigi), anche il greco si unisce a un campo di partecipanti di assoluto livello

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Stoccarda 2022 (Twitter - @atptour)
Stefanos Tsitsipas - Stoccarda 2022 (Twitter - @atptour)

Il countdown verso l’inizio della stagione sull’erba (in realtà già inaugurata dal Challenger di Surbiton) è ormai agli sgoccioli. Lunedì si comincia e il circuito maschile partirà dai 250 di Stoccarda e s’Hertogenbosch. Senza nulla togliere al torneo olandese dove, tra gli altri, giocheranno anche Medvedev e Sinner e dove è previsto il rientro di Raonic, gli spunti offerti dal campo dei partecipanti di Stoccarda sono diversi e interessanti. Ad una entry list già particolarmente ricca in partenza, si sono infatti aggiunte anche wild card di un certo peso: prima Zverev e adesso Tsitsipas.

Il cammino del tedesco, andato oltre le sue più rosee aspettative, al Roland Garros potrebbe però essere alla base di un cambio di programma, soprattutto in caso di approdo in finale. Ci sarà, invece, sicuramente il greco che inizialmente non si era iscritto a nessun torneo sull’erba, prima di rivedere la sua programmazione e di chiedere e ottenere un invito prima ad Halle e poi anche, come detto, a Stoccarda.

Il contesto che si troverà di fronte Matteo Berrettini, al rientro in campo dopo l’infortunio patito a Montecarlo, sarà quindi iper-competitivo. Non sarà quindi semplice per lui difendere il titolo conquistato lo scorso anno. Anche in quel caso, però, il tennista romano tornava nel circuito dopo aver saltato tutta la stagione sulla terra per un intervento alla mano e certo non ebbe un percorso agevole nel torneo: dopo l’esordio con Albot, sulla sua strada incontrò Sonego, Otte e Murray.

 

Salvo novità nelle ultime ore precedenti al sorteggio del tabellone, Matteo dovrebbe essere la settima testa di serie (ciò significa niente bye al primo turno). Il numero 1 del seeding sarà invece proprio Tsitsipas, seguito da un altro top 10 come Taylor Fritz. Ma gli avversari temibili non terminano qui: al via ci saranno infatti anche Tiafoe, Hurkacz, Paul, Shapovalov, Struff e, soprattutto, Kyrgios. L’australiano, finalista lo scorso anno a Wimbledon, non gioca dal torneo di Tokyo dello scorso ottobre, dove un infortunio al ginocchio sinistro lo obbligò al forfait prima di scendere in campo contro Fritz nei quarti di finale. Da quel momento il suo ritorno in campo è stato rinviato più volte, ma questa sembra essere la volta buona.

Oltre a Berrettini, infine, ci saranno anche altri due azzurri: i due Lorenzo, Sonego e Musetti. Il carrarino beneficerà di una testa di serie e proverà a ottenere la prima vittoria della carriera sull’erba, dove ha perso i primi quattro match giocati nel circuito.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement