Danielle Collins non torna indietro: "Spero mi lascino ritirare in pace"

Flash

Danielle Collins non torna indietro: “Spero mi lascino ritirare in pace”

L’attuale numero 15 del ranking si rammarica dello scetticismo attorno alla sua decisione di ritirarsi e conferma di avere le idee chiare su cosa fare dopo l’addio al tennis

Pubblicato

il

Danielle Collins – WTA Madrid 2024 (foto via Twitter @MutuaMadridOpen)
 

In tempi in cui vediamo campioni leggendari, Nadal e Djokovic su tutti, che hanno segnato la storia del tennis continuare a faticare per rimanere competitivi contro l’insorgere del tempo che incalza, fa sicuramente discutere la decisione di Danielle Collins di appendere la racchetta al chiodo in età sicuramente non avanzata. La statunitense è una classe 1993, da alcuni mesi a questa parte ha annunciato il proprio ritiro che diventerà effettivo alla fine della stagione corrente ma sembra essere una scelta non condivisa da tutti. Come dichiarato dalla giocatrice americana in un’intervista a Tennis.com ci sarebbero persone a lei vicine che non avrebbero gradito la scelta di congedarsi dalle competizioni: “Credo che la società, incluso le persone che mi accompagnano e mi seguono nel circuito, abbiano avuto difficoltà nell’accettare il fatto che io mi ritiri, il che mi sembra alquanto strano.”

E’ sicuramente il fattore anagrafico a lasciare perplessi i suoi sostenitori, giudicando l’abbandono al tennis troppo prematuro, ma anche in questo caso Collins non è dello stesso avviso: “Compirò 31 anni alla fine di questa stagione, di solito è l’età in cui molte persone decidono di fare questo passo, sicché alcune volte penso “Datemi tregua”, magari mi lasciassero ritirare in pace e avere una famiglia”. L’atleta della Florida ha sottolineato anche come talvolta ci sia un rovescio della medaglia non piacevole nella considerazione che i fan hanno dell’atleta: “I nostri tifosi ci vedono unicamente come giocatori di tennis, non come persone. Il modo in cui si è sviluppata la mia personalità negli anni mi ha aiutato ad essere molto rilassata, così non mi sento definita come persona dai miei risultati in campo o dai miei successi come sportiva.”

Per quanto concerne quel che sarà il post ritiro Danielle sembra avere le idee abbastanza chiare, con l’attività fisica che non verrà accantonata e una lodevole svolta nel sociale: “Mi è sempre piaciuto correre, è qualcosa che non ho potuto fare durante la mia carriera perchè il mio allenamento non prevedeva troppe camminate sulla lunga distanza. Ora sto preparando una maratona alla fine dell’anno. Ci sono molti posti nel mondo dove ci sono persone che hanno problemi di salute, donne che non hanno i mezzi per mantenersi economicamente attraverso queste sfide. Mi piacerebbe aiutarle, fornire un appoggio finanziario e per questo in estate ci sarà l’inaugurazione della Fondazione che si occuperà della salute e l’uguaglianza delle donne.”

Continua a leggere
Commenti
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement