Ma se fosse Rafa Nadal quello capitato nell'epoca sbagliata?

Focus

Ma se fosse Rafa Nadal quello capitato nell’epoca sbagliata?

Di Rafa Nadal si è sempre parlato come della nemesi di Roger Federer e dell’ostacolo principale nella conquista del Career Slam di Novak Djokovic. E se fosse il contrario? Se fosse il tennista maiorchino quello che dovrebbe lamentarsi per essere nato tra due altri fuoriclasse assoluti del tennis mondiale e aver vinto, per questo motivo, meno di quanto avrebbe potuto?

Pubblicato

il

 

Curiosando qualche giorno fa su Internet, l’attenzione è caduta sulla seguente suddivisione per decennio dei vincitori dei tornei del Grande Slam:

slam winners by decadeL’occhio è scivolato ovviamente subito sui dati degli ultimi decenni, con il dominio di Roger Federer negli anni 2000 ed quello attuale di Djokovic, che con la vittoria di New York dello scorso anno ha sopravanzato Nadal nel decennio in corso e lo ha poi staccato con il sesto trionfo a Melbourne in gennaio.
Già, Rafael Nadal Parera da Manacor. Secondo in classifica nel decennio scorso, ed ora anche in quello corrente.
Vedendo questi dati, probabilmente in molti avranno pensato le solite cose, che sono saltate subito in mente anche a chi scrive:

Senza Nadal, Federer avrebbe dominato ancora di più dal 2003 al 2009”.

 

“Se non ci fosse stato Nadal, Djokovic avrebbe già vinto il Roland Garros da un paio d’anni”.

Tutto vero, ma se per una volta ragionassimo al contrario?
Se fosse Rafael Nadal quello che dovrebbe prendersela con la sorte per essere nato nella stessa epoca di The Swiss Maestro e RoboNole?
Invece di pensare che senza il maiorchino Federer avrebbe vinto almeno 20 Slam (dato che ci ha perso 6 finali) e Djokovic avrebbe già portato a casa da tempo il Career Slam (dato che sono 6 le volte che Rafa l’ha stoppato a Porte d’Auteuil, prima che ci pensasse Warinka lo scorso anno), magari si potrebbe infatti considerare che non sia stato il massimo per il tennista iberico nascere nel giugno 1986, poco meno di 5 anni dopo Federer e 11 mesi prima di Djokovic.
Perché la conseguenza è stata che è arrivato tra i pro e si è trovato ad affrontare un Roger Federer nel suo massimo splendore, lui neanche diciottenne e lo svizzero già 22enne. E se pensiamo alla fatica che fanno oggi gli under 23 a farsi largo nei piani alti (ma anche dieci anni fa se non eri un fenomeno era più o meno uguale), pensare che lui a 22 anni aveva già vinto 30 tornei ATP, tra i quali 6 Slam e 9 Master 1000, e l’oro olimpico, tutto questo nonostante la presenza di Federer, beh… Chapeau, Rafa.
E perché all’inizio del nuovo decennio, in quelli che dovevano essere i suoi anni migliori e ancora più vincenti, anche perché avrebbe potuto sfruttare il declino di un Federer che stava superando la trentina, si è ritrovato invece a dover battagliare con il nuovo fenomeno serbo. Quello che tra il 2011 e l’inizio del 2012 lo batté per 7 volte di fila, tra le quali tre finali Slam consecutive. E l’ultima fu quella durissima degli Australian Open 2012, in cui Djokovic lo sconfisse dopo quasi sei ore in quello che pareva il territorio inviolabile di Nadal, a prescindere dalla superficie di gioco: le estenuanti maratone, di fisico e di testa, al quinto set.

Forse anche per questo Nadal ha dovuto chiedere al suo tennis, al suo fisico, alla sua testa tutto il possibile e forse anche di più, per fronteggiare prima uno dei più grandi talenti tennistici di tutti i tempi e poi un atleta che è la massima espressione del tennis moderno.
E nonostante la grandezza dei suoi avversari e i tanti acciacchi di un fisico a cui ha chiesto di supportare il suo gioco così usurante e dispendioso è riuscito comunque ad ottenere uno straordinario numero di successi, che è giusto ricordare:
9 Roland Garros, 2 Wimbledon, 2 US Open, 1 Australian Open, 1 oro olimpico, 27 Masters 1000, 16 ATP 500, 9 ATP 250, 4 Coppe Davis.

Ma dalla tabella riportata all’inizio dell’articolo si possono trarre ancora un paio di considerazioni sull’impatto della presenza di Federer e Djokovic sulla carriera di Nadal e su come quest’ultima sia stata comunque unica.
Lasciando stare gli anni Sessanta – dove i dati sono “sporcati” dai 6 anni di professionismo di Laver, altrimenti di Slam Red Rocket ne avrebbe vinti sicuramente molti di più di 11 e Roy Emerson molti di meno di 12 – si può infatti osservare che nessuno in un decennio ha vinto così tanti Major come Rafa senza essere il leader nella classifica degli Slam vinti in quei 10 anni. Solo Lacoste gli si avvicina, in seconda posizione negli Anni Venti dietro a Tilden nonostante i 7 titoli vinti.
Ma si osserva anche, e soprattutto, che nessuno oltre a Nadal è tra i primi due giocatori per numero di Slam vinti in due decenni diversi.

Teoricamente, dato che siamo solo a poco più di metà di questo decennio e Rafa deve ancora compiere 30 anni, il maiorchino potrebbe ancora incrementare il numero di trofei Slam in bacheca. Ma sembra proprio che non sia in grado ad arrestare il suo declino – iniziato con l’ennesimo l’infortunio, quello al polso destro dopo Wimbledon 2014 – e a piazzare ancora qualche zampata a livello Slam, come seppe fare il quasi 31enne Federer a Wimbledon nel 2012.
Nella semifinale persa 7-6 al terzo a Buenos Aires contro l’astro nascente Dominic Thiem, ad un certo punto, con Nadal spostato sul lato destro del campo, il 22enne austriaco ha attaccato in profondità con il rovescio incrociato sull’altro lato, sguarnito, venendo a rete.
Quante volte abbiamo visto Nadal avventarsi su quel tipo di palla con una velocità sorprendente, arrivarci e far partire il suo terrificante dritto uncinato in lungolinea?
E quante volte abbiamo inizialmente creduto che la palla uscisse lateralmente, e invece, grazie alla stupefacente rotazione che il maiorchino riusciva ad imprimerle, questa rientrava ed atterrava in campo?
Sì, di punti così gliene abbiamo visti fare tanti, veramente tanti, in questi tredici anni. Quanti sono passati da quando entrò tra i primi 200 giocatori del mondo, a sedici anni , grazie alla vittoria nel Challenger di Amburgo in finale contro Mario Ancic nel febbraio del 2003.
Invece sabato su quella palla ci è arrivato una frazione di secondo più lento, come ormai gli capita spesso. Dalla sua classica posizione in open stance, ha provato comunque a mulinare il suo dritto. Ma anche il suo leggendario reverse forehand non trasmette più alla pallina la fenomenale rotazione in top di un tempo. Ed è così che la pallina, invece di atterrare in campo, ora finisce larga di un buon mezzo metro.

Ecco, ripensando a quella pallina finita tristemente in corridoio, nel rileggere la tabella all’inizio dell’articolo è venuto quasi spontaneo pensare che forse il tempo di Rafa Nadal è veramente passato e che chissà come sarebbe andata se non avesse incontrato il miglior Federer ed il miglior Djokovic lungo la sua strada. Forse in un altro periodo “storico” avrebbe potuto essere lui il primatista di vittorie Slam, quello a quota 17: basti solo pensare alla seconda finale persa a Wimbledon con Federer in cinque set, al citato ultimo atto degli Australian Open 2012 contro Djokovic e infine alla finale di Melbourne del 2014 in cui un infortunio alla schiena non gli ha permesso di giocarsela al meglio contro Stan Wawrinka.

Chissà se Nadal ci ha mai pensato a come sarebbero andati questi dodici anni senza quegli altri due fuoriclasse di mezzo. Probabilmente no.
Men che meno in questo periodo, nel quale sta sicuramente solo pensando a ritrovare se stesso, come ha dichiarato di recente (“Devo pensare solo a me stesso e a cosa devo fare per essere al top”). Magari solo per due settimane, tra fine maggio e inizio giugno prossimi, come ammesso nella stessa intervista (“Vorrei vincere nuovamente il Roland Garros”). E riuscire ad ottenere un record leggendario: diventare l’unico tennista della storia capace di raggiungere la doppia cifra nelle vittorie di un singolo torneo del Grande Slam.
Nonostante Roger. Nonostante Novak.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, preview Italia-Canada: a caccia di un’altra impresa con leggerezza, entusiasmo e… puntando sulla cabala

La formazione canadese, ripescata dopo l’esclusione della Russia, è forse la prima candidata al successo finale. Ma la vittoria sugli Stati Uniti ha dimostrato che in Davis tutto è possibile

Pubblicato

il

Nazionale Italiana - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Canada e Stati Uniti, Auger-Aliassime e Fritz, Shapovalov e Tiafoe, Sock e Pospisil. Tra questi binomi ci sono tantissimi aspetti in comune – li vedremo. E poi ci siamo noi, o meglio la squadra capitanata da Filippo Volandri che dovrà essere uguale alla versione di se stessa mostrata nella sfida contro gli Stati Uniti. Lo sarà, di sicuro, nominalmente: gli interpreti non cambieranno, con i due Lorenzo nei singolari e i due Chicchi in doppio. Berrettini c’è e si fa sentire, si allena ogni giorno più intensamente, ma per assistere alla sorpresa più attesa (un ossimoro sì, ma di questo si tratta) di questa Coppa Davis bisogna quantomeno arrivare alla finalissima di domenica. La formazione azzurra, però, dovrà essere uguale a se stessa soprattutto dal punto di vista emotivo e caratteriale: per superare anche il Canada, che non può non essere considerata favorita, non si può prescindere dalla stessa leggerezza mista a energia messa in campo contro gli americani.

Le somiglianze tra i nostri prossimi avversari e quelli appena sconfitti nei quarti di finale partono proprio dal loro status di favoriti rispetto all’Italia. Passiamo infatti dall’affrontare, nei due singolari, i numeri 9 e 19 del mondo ad avere di fronte il numero 6 e il numero 18: dalla padella alla brace insomma. Andando più nel dettaglio, ad accomunare Aliassime e Fritz c’è il fatto che entrambi sono reduci da un finale di stagione piuttosto impegnativo, essendo stati protagonisti della corsa agli ultimi posti per qualificarsi alle Finals ed avendo centrato l’obiettivo. Contro Musetti, Taylor è contro riuscito a gestire bene le scorie. Sulla carta, il compito del carrarino sarà proibitivo anche con Felix, da cui ha perso in maniera netta e di recente a Firenze, su una superficie tra l’altro non troppo diversa da quella dove si sta giocando a Malaga. Nelle sfide precedenti, però, Lorenzo ha sempre messo in difficoltà Aliassime vincendo in due occasioni (Lione nel 2021 e Montecarlo quest’anno) e perdendo in una (in tre set a Barcellona).

La statistica più benaugurante, sebbene di per sé negativa, per gli azzurri è però un’altra: gli head-to-head tra Sonego e Shapovalov sono sullo 0-1, esattamente come lo erano con Tiafoe prima della sfida di giovedì. La sconfitta di Lorenzo contro il canadese risale al maggio di quest’anno, quando Denis prevalse al terzo set sul Grandstand del Foro italico. Non si tratta però di semplice scaramanzia: che il giocatore nato a Torino riesca ad alzare il livello del suo tennis quando riveste il ruolo di underdog non è più un mistero e di conseguenza presentarsi a questo match con un bilancio dei precedenti in negativo potrebbe togliergli ulteriore pressione dalle spalle, rimpiazzandola con energia positiva.

 

L’obiettivo realistico consiste nel portare a casa un punto dai due singolari e poi affidarsi al doppio, di norma più imprevedibile. Una somiglianza rispetto all’incontro con gli Stati Uniti c’è però anche qui: la coppia avversaria sarà infatti formata da uno specialista (Pospisil) e da un singolarista adattato (con ogni probabilità Shapovalov), sulla falsariga del duo Sock (che è stato a lungo compagno di Vasek nel circuito vincendo sette titoli tra cui Wimbledon) Paul. Il livello dei due canadesi dovrebbe comunque essere più alto (Shapo è di gran lunga più adatto a questa specialità rispetto a Tommy Paul), o almeno così porta a pensare la loro vittoria – decisiva per l’approdo in semifinale – su due esperti doppisti come Krawietz e Puetz.

L’ultimo elemento in comune tra Stati Uniti e Canada (lasciando da parte la loro collocazione geografica) è da ricercare nell’archivio storico della Coppa Davis. Queste due nazionali rientrano infatti nel ristretto novero di quelle con cui l’Italia ha un record negativo: se si escludono quelle con cui si è giocato solo una volta (perdendo), oltre alle rappresentative nordamericane ne restano solo cinque. Il Canada, però, rappresenta – si spera solo per il momento – un tabù assoluto: due scontri diretti e due sconfitte, la prima nei quarti di finale del World Group del 2013 e la seconda nel girone di qualificazione alle fasi finali del 2019 (l’anno di esordio della nuova formula).

Nel 2013 il Canada dell’emergente Raonic si affacciava alla ribalta della Davis affrontando a Vancouver nei quarti di finale l’Italia di Fognini e Seppi, con Bolelli assente per infortunio e Daniele Bracciali pronto a far compagnia a Fabio nel doppio del sabato (stiamo naturalmente parlando del vecchio format). Nel primo singolare Andreas Seppi riuscì nell’impresa di rimontare due set a Vasek Pospisil che era in un buon momento di forma come singolarista. Sull’1-0 Italia Raonic con il suoi tennis esplosivo liquidò in tre set Fognini per l’1-1 dopo la prima giornata. Sarebbe stato (ma questo lo si sapeva dall’inizio) decisivo il doppio. Da una parte Daniel Nestor e Vasek Pospisil e dall’altra Fabbio Fognini e Daniele Bracciali. Primi due set canadesi, terzo e quarto set azzurri, quinto set drammatico e lunghissimo. I nostri arrivano ben sette volte a due punti dal match, ma alla fine la spuntano i padroni di casa con un rocambolesco 15-13. Nonostante il solito encomiabile impegno di Andreas Seppi nel primo singolare della domenica Raonic si impose in 4 set portando così in semifinale il Canada (poi sconfitto dalla Serbia di Djokovic).

Nel 2019 le due nazionali si ritrovano nello stesso gruppo delle Finals di Madrid insieme agli Usa. Sono proprio gli azzurri e i canadesi ad aprire le danze. Stavolta siamo favoriti, con il nuovo format (2 singolari ed un doppio) e con la presenza di Matteo Berrettini che sta scalando il ranking con grande sicurezza, Pospisil e Shapovalov non sembrano ostacoli così ostici. Ma invece come per magia Vasek Pospisil torna per una settimana quello dei tempi d’oro e batte in due set Fabio Fognini. Completa l’opera Shapovalov che batte in 3 set durissimi proprio il nostro Matteo dando così il 2-0 al suo team. Finirà poi 2-1 perché Berrettini e Fognini vincono il doppio che sarà però ininfluente. Il Canada raggiungerà poi la prima finale Davis della sua storia venendo sconfitto dalla Spagna padrona di casa nell’atto conclusivo

Per l’Italia sarà la 12esima semifinale in Davis e a distanza di due match vinti c’è la possibilità di disputare l’ottava finale della sua storia (l’ultima è datata 1998). Il Canada è invece alla sua quarta semi e punta alla seconda finale dopo quella raggiunta tre anni fa sempre su suolo spagnolo (e persa proprio contro la Spagna). Soprattutto, però, la squadra capitanata da Dancevic proverà a fare doppietta, avendo conquistato la già defunta ATP Cup a inizio stagione. Lo scorso anno la Russia completò il cerchio, semplicemente perché era la squadra più forte (con distacco). Il sospetto è che la formazione più forte in questo 2022 sia proprio il Canada (che in realtà non aveva superato nemmeno la prima fase di qualificazione a marzo, orfana dei suoi big, salvo poi essere ripescata per il bando nei confronti della Russia) ma se c’è una competizione in cui emerge a pieno che il tennis è lo sport del diavolo quella è la Davis. Altrimenti non avremmo eliminato gli Stati Uniti.

Con la collaborazione di Stefano Tarantino

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, De Minaur sempre più leader dell’Australia: “Sono sceso in campo per compiere la mia missione”

Il demone australiano rivela anche qual è stata la motivazione in più a spingerlo nel match vinto contro Marin Cilic: “Avevo grande voglia di vendicarmi della sconfitta subita lo scorso anno a Torino”

Pubblicato

il

Alex de Minaur – Davis Cup Finals 2022 (foto: Roberto dell'Olivo)

Alex De Minaur doveva regolare alcuni conti, nel secondo singolare della semifinale della parte bassa delle Davis Cup Finals By Rakuten 2022, risalenti esattamente ad un anno fa. Correva infatti il 25 novembre 2021 e nel teatro del PalaAlpitour di Torino, il demone australiano veniva sconfitto da Marin Cilic per 6-1 5-7-6-4 nella sfida tra i numeri uno di Australia e Croazia. Quel KO sancì la fine del tie a favore dei balcanici, che si erano intascati anche il primo rubber grazie al successo di Borna Gojo su Alexei Popyrin. Poiché si trattava della fase a gironi, con solamente la prima di ogni raggruppamento che si qualificava per i quarti di finale, a punteggio acquisito Alex scese in campo al fianco di John Peers venendo battuto nettamente con lo score di 6-3 6-1. Lo scontro perso al cospetto della compagine croata si rivelò effettivamente decisivo per porre fine ai sogni di gloria di Hewitt e dei suoi ragazzi, visto che a nulla servì il successo per 2-1 sull’Ungheria dopo la sonora debacle della prima giornata di gare.

Ma perché, direte voi, stiamo riavvolgendo il nastro: un semplice desiderio di vendetta per una sconfitta che valse un’eliminazione precoce. No c’è molto di più, il figlioccio di Lleyton oramai da diversi anni – anche per via della dipartita dai massimi livelli del Tour, almeno fino a quest’anno, di Nick Kyrgios – ha assunto stabilmente il ruolo di prima punta dell’Australia nelle competizioni a squadre. E pur avendo ancora 23 anni, dopo un’esplosione precoce, sembra abbia raggiunto la maturità necessaria per ricoprire quello status di leadership che serve per poter essere l’ancora di salvezza del gruppo e il punto di riferimento in ogni situazione, specialmente – come nella sfida odierna – quando si ritrova con le spalle al muro non potendo permettersi di sbagliare.

Ebbene dopo l’investitura del suo capitano, giunta nella conferenza stampa post successo sull’Olanda, anche l’ultima maledizione è stata spezzata. Difatti, in seguito alla celeberrima sconfitta torinese contro il campione dello US Open 2014, De Minaur ha giocato ben 7 match di singolare in Coppa Davis vincendone altrettanti. E se ciò non bastasse, andando a spulciare anche i risultati nella manifestazione, precedenti al match con Cilic del 2021: ci sono da sommare altri quattro successi. Nonostante poi sia pur vero che molte di queste affermazioni sono arrivate contro avversari non proprio irresistibili, è stato comunque in grado di ottenere scalpi come quello contro Shapovalov nel quarti del 2019 – l’anno in cui il Canada si sarebbe spinto sino in finale -.

 

Quindi 11 vittorie nelle ultime 12 partite disputate in Davis, sostanzialmente si può riassumere con: da quando è stato introdotto il nuovo format quattro anni fa, è praticamente imbattuto in singolare salvo il famoso match contro il gigante buono dei Balcani. Escludendo quel KO, per trovarne un altro – sempre per quanto riguarda i match di singolare – bisogna ritornare al Play Off del 2018: battuto in quattro set da Thiem prima, e da Novak poi.

D: Alex [De Minaur], come ti sei sentito ad affrontare questa partita? Tutta la pressione era su di te. Dovevi necessariamente vincere, altrimenti saresti stati eliminati

Alex De Minaur: “Sì, hai perfettamente ragione. E’ stato proprio così. Per fortuna avevo già vissuto in passato un paio di esperienze di questo tipo, mi era già capitato di trovarmi in questa posizione in Coppa Davis. Una posizione scomoda, in cui sei con le spalle al muro e devi per forza trovare un varco per fare breccia nel gioco avversario; se vuoi continuare a tenere vive le speranze della tua squadra. La chiave per poter affrontare nel migliore dei modi questa situazione è cercare di dare tutto in ogni singolo punto del match. Ero pienamente consapevole di quale fosse il mio compito, una volta terminato l’incontro di Thanasi [Kokkiankis, ndr] ed appurato che fossimo in svantaggio. Il mio obbiettivo era quello di tenerci in vita, darci ancora una possibilità. Sono riuscito a farlo e ne sono molto felice. Faccio sempre tutto ciò che mi è possibile, tutto ciò che è in mio possesso per il bene del mio Paese”.

D: Quanto sei rimasto impressionato dal livello del tuo gioco? Anche considerando che i tuoi scontri diretti contro Marin [Cilic, ndr] recitassero, prima di oggi, un bilancio negativo per te (2-1 in favore del croato). È la prima volta che riesci a batterlo in due set, nell’unica precedente occasione in cui lo avevi sconfitto, infatti, l’incontro era stato molto lottato e deciso al set finale.

Alex De Minaur: “Si è vero. In realtà io oggi avevo una gran voglia di vendicare la mia sconfitta contro di lui dello scorso anno in Coppa Davis a Torino, visto che a parte quella sono praticamente imbattuto in singolare nelle ultime tre edizioni della competizione. Era qualcosa che mi continua a ronzare in testa, ed è stata quindi ulteriore fonte di motivazione. Volevo cancellare quel KO. Perciò, sono sceso sul campo per compiere la mia missione, e sono riuscito ad esprimere un grande tennis dando così alla mia squadra, ai miei compagni e all’Australia; un’altra possibilità per combattere”.

D: Congratulazioni per la vittoria, Alex [De Minaur, ndr]. Volevo soffermarmi su un aspetto in particolare, ovvero sia il fatto che Marin sia stato l’unico giocatore a batterti in Coppa Davis nei match di singolare in questi ultimi anni.  Come ti sei preparato, nello specifico, per affrontare questo match dal sapore speciale per te qualora ovviamente tu fossi riuscito a vincerlo? Infine volevo avere da parte tua un’ultima considerazione, quali sono le tue sensazioni per il doppio che di fatto sarò uno spareggio per decidere chi dei due team staccherà il biglietto per la finale?

Alex De Minaur: “Ha centrato la situazione su tutta la linea, il vantaggio per me è stato quello di conoscere molto bene Marin [Cilic, ndr] e le sue caratteristiche tecniche. È un tennista davvero ostico da affrontare, quando lui è in forma è veramente un inferno dover giocare un match contro di lui. E’ un veterano del nostro sport, un tennista capace di realizzare imprese incredibili nella sua carriera. Sapevo perfettamente cosa avrei dovuto aspettarmi dalla partita e quale sarebbe stato il piano tattico che lui avrebbe attuato, ed ero assolutamente conscio che non sarebbe stato per nulla facile. Avevo preparato la sfida, sapendo di dover mettere sul campo tutta l’intensità che potevo esprimere, rimanendo però sempre costantemente solido. Ma allo stesso tempo, dovevo far sì che questo non provocasse come effetto collaterale la perdita di aggressività. Anzi, non potevo permettermi minimamente di lasciare a lui l’iniziativa. Dunque, avevo il mio piano di gioco: sono stato in grado di metterlo in campo permettendomi di giocare molto bene. Quindi direi che abbia funzionato. Ora però abbiamo il doppio, e dobbiamo concentrarci su quello. Credo che siano i croati, coloro che abbiano tutto da perdere. Possono contare su una delle migliori coppie di doppio del mondo. Noi, non dobbiamo fare altro che andare là fuori e vincere. Ho un’immensa fiducia nei miei compagni di squadra, e so che faranno tutto ciò che è in loro potere per ottenere la vittoria e il passaggio del turno. Questo è ciò che questa squadra incarna, con il nostro motto che recita: ‘mai dire mai, fino alla morte’, il nostro atteggiamento lo rispecchia alla perfezione”.

D: È una delle partite, tra quelle vinte, più veloci che ricordi di aver mai giocato?

Alex De Minaur: “No, non credo. Non penso sia una delle partite più rapide di sempre, tra quelle vinte in carriera. Ma al di là di questo, ciò che per me è importante è che sono stato capace di fornire una grande prestazione esprimendo un ottimo tennis. Perché alla fine, tornando al tema della durata, anche se appunto il tempo può ingannare in realtà nel corso del match ci sono stati diversi games lunghi che si sono decisi ai vantaggi. Sono stato molto bravo in quei frangenti, a mantenere intatta la mia compostezza in campo anche quando non riuscivo a portare a casa quei punti delicati. Ha dovuto lottare in un sacco di circostanze, perché il game si prolungava ad oltranza. Continuavo a ripetermi che dovevo solamente rimanere attaccato ad ogni momento, che non avrei dovuto mollare mai, neanche un singolo punto. Mi dicevo che se avessi continuato a giocare nei turni di risposta come stavo facendo, senza calare un attimo né in termini di tenuta mentale né in quelli di natura tecnica, il match sarebbe venuto nella mia direzione”.

D: Di tutte le tue vittorie conquistate in Coppa Davis, e che hai ottenuto in sequenza, in questo arco di tempo; la ritieni la migliore che tu abbia giocato? Credo che tu abbia commesso soltanto tre errori gratuiti in tutto il primo set. È la tua migliore performance?

Alex De Minaur: “Penso che se l’analizziamo e la prendiamo in considerazione dal punto di vista del punteggio e della situazione emotiva a cui ho dovuto far fronte, probabilmente sì; lo è. Ripeto, quello che ho detto prima: ho avuto un paio di situazioni ambientali simili a quella odierna nella mia carriera in Davis, due grandi momenti dove sono stato con le spalle al muro. Significa che devi andare oltre i tuoi limiti e mettere tutto sul campo, facendo tutto quello che puoi per tenere in corsa il team. Conosco perfettamente qual è il mio ruolo in questa squadra. Il mio compito è quello di essere il giocatore duro, quello che deve e vuole ottenere quelle vittorie dure. Mi sono calato in questa parte già da un bel po’, e sono molto contento di questo oltre che estremamente orgoglioso di me stesso”.

D: Proprio su quest’ultima tua riflessione, preferisci vincere quelli partite che domini praticamente dal primo gioco fino alla fine; oppure un dramma sportivo incredibile, come quello dell’altro giorno contro Van De Zandschulp, contraddistinto da un sali e scendi?

Alex De Minaur: “Al 100% preferisco di gran lunga vincere come oggi. Voglio dire, è assolutamente bello, entusiasmante e decisamente stimolante giocare delle grandi battaglie agonistiche da più di tre ore l’una. Tuttavia, dammi la possibilità di poter vincere 6-0, 6-0, 6-0 ogni singolo giorno della settimana. Perché ciò significherebbe poter riposare e recuperare al meglio, senza così che il fisico e la mente debbano accelerare il processo di recupero ed incontrare ulteriore problemi e fatica. Ora però pensiamo al doppio, e speriamo che i ragazzi possano portarlo casa”.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, si infiamma il caso Ram. Schnur: “Escludere il n. 1 in doppio non depone a favore del vostro ego”. Paul replica: “Cosa c’entri tu con il tennis?”

Al festival dei confini oltrepassati, tra sfilettate pungenti e dichiarazioni taglienti, partecipano anche il cestista TJ Warren e Taylor Fritz: “Se hai intenzione di sparare a zero, Brayden, devi motivare le tue affermazioni”

Pubblicato

il

Tommy Paul e Jack Sock – Davis Cup Finals 2022 (foto: Roberto dell'Olivo)

Dopo la cocente eliminazione subita nei quarti di finali delle Davis Cup By Rakuten Finals 2022 per mano di un’Italia rimaneggiata a causa degli infortuni patiti da Berrettini e Sinner, le polemiche e le critiche attorno a Team Usa non accennano a placarsi. Gli statunitensi, guidati da capitan Mardy Fish, partivano infatti con i favori del pronostico dato la migliore classifica dei loro due singolaristi rispetto ai “Lorenzo” tricolore. Tuttavia in casa azzurra serpeggiava ottimismo alla vigilia, sia perché si annusava la possibilità che il Lore da Carrara si ritrovasse di fronte un Taylor Fritz oramai affranto fisicamente e con il rubinetto delle energie residue fatto scorrere in occasione della settimana dei Maestri in quel di Torino – eventualità poi non verificatasi – ma soprattutto poiché si aveva la consapevolezza dentro il gruppo di Filo Volandri, che se fossimo riusciti a strappare un punto in singolare; poi nel doppio decisivo saremmo stati sicuramente i favoriti al successo finale visto l’assenza di Rajeev Ram.

Ecco, proprio la mancata convocazione del 38enne di Denver – originario dell’India – era stato un tema caldo già dei giorni che avevano preceduto la sfida in Andalusia. Difatti, l’esperto specialista a stelle e strisce appena domenica scorsa aveva raggiunto un prestigioso traguardo aggiudicandosi le Nitto ATP Finals al fianco del fido anglosassone Joe Salisbury, riuscendo ad avere la meglio su un duo molto forte ed affiatato come i croati Mektic e Pavic. Per questo era logico aspettarsi una chiamata alle armi di colui che ricorda “Pistol Pete” per via del suo movimento dinoccolato al servizio, considerando il grande momento di forma che stava attraversando ma anche il fatto che Fish avesse contato su di lui sia in occasione dell’edizione dello scorso anno nel capoluogo sabaudo, che nella fase a gironi di settembre a Glasgow.

Invece il buon Mardy non solo ha sorpreso tutti non convocando Ram, ma addirittura non ha voluto portare con sé nessun quinto giocatore. Il protagonista della vicenda non l’ha presa benissimo, dichiarando apertamente di essersi meritato il posto in Davis a suon di ottime prestazioni sul campo. Tutto sommato, però, è stato in grado di affrontare la delusione con filosofia, meno il suo compare. Chiaramente la situazione, dopo la sconfitta, si è ribaltata completamente a discapito del capitano americano, che come accadde in queste circostanze – a qualsiasi CT di qualunque Sport – è stato subissato di critiche, reo di aver compiuto le scelte sbagliate. Perché oltre alla “querelle Ram”, in molti sono rimasti sbigottiti per la decisione di affidarsi a Paul invece che a Tiafoe – decisamente più a suo agio in doppio rispetto a Tommy, ma in particolar modo già compagno di Sock in Laver Cup con vittime illustre a perire sotto le loro cannonate.

 

Per cui il caro Fish non è che se la passi benissimo, in salta stampa non si è sbottonato più di tanto sul tema del momento affermando unicamente – come da prassi in questi casi – di essere l’unico responsabile per le scelte fatte. Ma purtroppo per lui, non è ancora il momento di spegnere il fuoco delle pressioni esterne dei media e dei social: dopo le reazioni del giocatore che doveva esserci ma che non è stato preso in considerazione, ad alimentare il divampante incendio delle discussioni; ci ha pensato Brayden Schnur. Per i meno avvezzi al circuito secondario, e ai nomi di secondo piano: parliamo di un 27enne di Pickering, città canadese a est di Toronto. Può vantare un best ranking di n. 92 ATP raggiunto il 19 agosto 2019. Al momento però è sprofondato al n. 909, poiché fermo ai box da aprile. Pur essendo un comprimario, che si limita unicamente a sostenere i propri compagni vedendo il campo con il binocolo – anche per via dell’abbondanza del Canada -, è stata una figura più volte presente nelle spedizioni degli ultimi anni della squadra di Frank Dancevic. Ha preso parte al percorso che tre anni fa a Madrid, vide Shapo e soci arrendersi soltanto dinanzi alla Spagna di Nadal; ma anche alla vittoriosa campagna australiana d’inizio anno in ATP Cup. Nel 2022 però per via della sua prolungata assenza dalle competizioni, sia a Valencia che a Malaga gli sono stati preferiti i giovani Galarneau e Diallo a completamento del quintetto.

Ebbene lui ha posizionato l’innesco e la miccia, Taylor Fritz prima e Tommy Paul poi, hanno dato vita con la partecipazione speciale di TJ Warren – cestista che milita in Nba, nei Brooklyn Nets – ad un scontro verbale fiammante con palcoscenico malcapitato Twitter. Ecco a voi la carrellata di provocazioni e connesse reazioni. Ai lettori l’ardua sentenza sulla fondatezza di tali critiche e di codeste accuse velate da parte del canadese, e sulla correttezza delle risposte a stelle e strisce.

Brayden Schnur: “Guardate i giocatori della squadra statunitense. Date un’occhiata al loro ego. Siamo tutti abbastanza intelligenti da mettere insieme i vari pezzi. Rajeev [Ram, ndr] è un grande giocatore, ma prima ancora un grande uomo”.

Taylor Fritz: “Per favore Bayden, puoi spiegare cosa vorresti intendere per ego e soprattutto come questo possa aver avuto un ruolo nel modo in cui la squadra è stata selezionata”.

Brayden Schnur: “Non provare rancore verso i giocatori, al limite prova odio nei confronti del gioco. Io, questa situazione la chiamo così come la vedo. Non venire a dirmi che mettere in panchina il n. 1 del mondo in doppio dava alla vostra squadra più possibilità di vittoria”.

Taylor Fritz: “Schivi ancora la domanda. Se hai intenzione di spararci addosso, potresti quantomeno motivare le tue affermazioni

Brayden Schnur: “Ecco una domanda migliore per te: Rajeev sarebbe stato invitato ad uscire con voi stasera?

Taylor Fritz: “Se Raj avesse voluto celebrare la qualificazione alle semifinale della nostra squadra, saremmo stati tutti entusiasti di averlo con noi. Poi c’è una cosa che voglio dire. Io sono una persona molto timida, e che è vittima di un’ansia sociale piuttosto brutta da dover gestire. Quindi, non penso sia assolutamente corretto da parte tua presumere qualcosa in merito al mio possibile ego o giudicare questi aspetti personali. Ti ripeto, se hai intenzione di sparare a zero su di me come individuo e come membro della squadra statunitense, credo di meritare qualche tipo di spiegazione”.

T.J. Warren, cestista statunitense dei Brooklyn Nets: “Come fa un panchinaro della squadra canadese a pretendere di saperne di più sulla composizione del roster di Team Usa, rispetto al n. 1 della squadra di cui parla

Tommy Paul: “Brayden Schnur, tu cosa hai a che fare con il tennis?”.

Brayden Schnur: “Ottima domanda, non sono nessuno”.

Tommy Paul: “E’ così bello vedere che non sei e che non sarai mai un capitano di Coppa Davis. Ma solamente uno che finge di essere capitano di Coppa Davis su Twitter”.

Il commento che segue è stato rimosso in un secondo momento, tuttavia non è sfuggito: da questa affermazione si può facilmente leggere dietro le righe una profonda valutazione negativa degli specialisti, che – esasperando anche il concetto – per la visione del tennista del New Jersey sarà sempre inferiore ad un singolarista in un match di doppio. Il riferimento a Glasgow, poi, è riconducibile al tie contro la Gran Bretagna del settembre scorso quando nel terzo rubber, decisivo ai fini del successo finale, Sock e Ram s’imposero in rimonta su Andy Murray e Salisbury.

Tommy Paul: “Ovviamente non avevi la Tv nel seminterrato dei tuoi genitori, durante la fase a giorni a Glasgow. Il doppista numero 1 o 100 fatica contro i singolaristi classificati 1-8000, in singolare o doppio.”

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement