I Signori della sala stampa: George Homsi, dal Libano all'ATP

Interviste

I Signori della sala stampa: George Homsi, dal Libano all’ATP

Una serie di interviste con i grandi nomi del giornalismo mondiale. Il direttore Scanagatta intervista il libanese George Homsi, tra i freelance tennistici più stimati

Pubblicato

il

George Homsi è nato in Libano, ma fin da giovanissimo si è trasferito in Francia e dagli Anni Ottanta è giornalista specializzato nel tennis e ha coperto tutti i tornei più importanti per diverse testate cartacee e radiofoniche. Fra le altre L’Equipe, Tennis de France, le radio RTL e, in Svizzera, RTS Sport. È stato direttore della Comunicazione ATP, fra il 1992 e il 1996, succedendo a Richard Evans nel posto oggi occupato da Nicola Arzani. Oggi collabora, fra gli altri, con RTS Sport, Sportinformation, Radio France. Parla correntemente francese, inglese, libanese, arabo e sa esprimersi anche in svedese e italiano. Da più di 35 anni è amico di Ubaldo Scanagatta, che qui lo ha intervistato per Ubitennis.

L’INTERVISTA

 

Qual è il primo Slam che hai seguito da inviato?
Nel 1982.

Parlaci della tua carriera. Come ti sei approcciato al tennis?
La ragione principale per cui mi sono avvicinato al giornalismo è stata la mia passione per il tennis, e non viceversa. Sono stato abbastanza fortunato da poter trasformare il mio amore per il tennis in una professione. All’inizio non è stato facile; si comincia lentamente, poi inizi a conoscere qualcuno che capisce che puoi fare quel tipo di lavoro.

Per quanti e quali giornali, riviste, radio hai lavorato?
Ho lavorato per molte testate. Onestamente non è una cosa a cui presto particolare attenzione, il mio approccio è più ‘ giorno dopo giorno’. Comunque ho lavorato molto per l’Equipe, che ha sempre avuto molti freelance, e per molti anni ho collaborato con RTL Radio. Anche per diversi magazine internazionali.

Hai ricoperto anche l’incarico di direttore della Comunicazione ATP. Come ci sei arrivato?
Ero molto giovane, non sapevo esattamente cosa aspettarmi. È stata un’esperienza che mi ha insegnato molto e mi ha aiutato a capire che gestire un team non è il mio punto di forza. È per questo che sono un freelance, amo l’idea di sentirmi indipendente.

È difficile essere un freelance oggi, con i giornali che sono sempre più in difficoltà?
Ci sono abituato, ma ovviamente è più difficile di quanto non fosse anni fa. Soprattutto per via dei budget ristretti e dell’avvento di Internet.

Non so tu, ma di solito noi giornalisti non diventiamo troppo ricchi con il tennis…
Se un giorno dovessi diventare ricco, beh, difficilmente sarebbe grazie al tennis o in generale grazie al giornalismo!

Quale consiglio ti senti di dare a un giovane che voglia diventare un giornalista grazie alla passione per il tennis, come te?
Il consiglio è… la passione. Se hai davvero una forte passione, seguila: tutte le porte si apriranno grazie alla passione. Seguila, tienila viva. Se la perdi tutto diventerà molto difficile.

È stato facile per te comprendere diverse lingue. È perché sei nato in Libano?
O perché sono intelligente (sorride)! Scherzi a parte, comprendere la lingua e gli accenti mi viene molto naturale. Il fatto che sono nato in Libano e da piccolo parlavo già due lingue diverse mi ha aiutato molto. In Libano parliamo francese e arabo che sono due lingue molto diverse; la bocca diventa, come dire… malleabile, così è più semplice districarsi tra le diverse pronunce. E poi mi diverte molto.

Dal 1982, quando hai cominciato, quanto è cambiato il tennis dal punto di vista giornalistico?
È cambiato completamente. Anni fa era tutto molto più ‘umano’, potevi dialogare direttamente con i giocatori. Oggi ci sono diverse barriere da superare, organizzazioni, agenti, uffici stampa. Onestamente è una delle cose che mi piace meno. Non voglio passare per uno che rimpiange il passato ma in questo caso sì, abbiamo perso qualcosa. Un po’ di umanità.

Grazie per essere stato con noi George. Almeno noi non abbiamo perso il nostro rapporto ‘umano’.
Grazie mille (in italiano).

I Signori della sala stampa:

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Ons Jabeur: “La gente mi derideva. Ora vogliono fare le foto con me”

La 25enne tunisina parla al The Guardian: “Qui a New York ci è permesso correre, quindi corro. Ma la casa è piccola”. Il futuro: “Sono confusa sul resto della stagione”. I suoi colpi: “A volte è difficile scegliere perché posso fare tutto”

Pubblicato

il

Ons Jabeur - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

L’assenza di tennis in questo periodo dà la possibilità agli appassionati di approfondire alcune storie di tennisti che di solito fanno apparizioni solo fugaci in prima pagina. Un esempio è quello della tunisina Ons Jabeur, prima tennista araba a entrare nella top 50, frenata dalla sospensione nel momento migliore della sua carriera: a gennaio aveva infatti raggiunto i quarti di finale dell’Australian Open.

Durante lo Slam australiano si era scatenata la Ons-mania, specie in Tunisia dove i bar sono rimasti aperti tutta la notte per trasmettere i suoi match. Ons è tornata sull’argomento descrivendo il suo tennis eclettico in un’intervista telefonica con il The Guardian: “Ho iniziato a giocare colpi folli fin da giovane, non giocavo piatto o in topspin bensì giocavo dei colpi folli che forse riflettono la mia personalità. Mi piacciono le cose divertenti, pazze, mi piacciono le cose originali. Ho così tanti colpi nel mio arsenale che a volte è difficile scegliere quello giusto poiché posso fare tutto. Faccio sempre quello che mi sembra migliore. A volte un allenatore mi dice che faccio troppe palle corte. Io gli dico: ‘Sì, certo!‘. Ma non ascolto mai. Sono contenta di esprimere la mia personalità perché alla fine sono io quella che gioca sul campo, sono io a colpire la palla“.

Attenzione però a farsi un’idea sbagliata di lei: Jabeur è tutt’altro che presuntuosa e la strada che l’ha portata a raggiungere la posizione n.39 a 25 anni è stata tortuosa. Nel suo paese, all’inizio della carriera, veniva spesso derisa. “Trovi queste persone ovunque, ti sottovalutano. Io ero una che parlava troppo e dissi che volevo vincere Slam, e la gente rideva e non credeva in me. Alcune persone però lo hanno fatto. Una volta ho subito un intervento chirurgico al polso e quando sono tornata dopo cinque mesi, i primi giorni non riuscivo a giocare a tennis. Le palle volavano dappertutto, non avevo feeling. La gente mi guardava, mi prendeva in giro e diceva: ‘Sì, deve smettere di giocare a tennis’. Ma queste parole mi hanno resa più forte“.

 

Attualmente però le notizie che arrivano dal mondo del tennis non sono confortanti. Mi sento piuttosto triste per la cancellazione di Wimbledon, insomma si tratta di uno dei miei tornei preferiti e l’erba è una buona superficie per il mio gioco”, ha detto Jabeur a BBC Sport Africa. “Onestamente mi dispiace che abbiano preso questa decisione e sono piuttosto confusa su cosa succederà nel resto della stagione adesso che non va più tenuto conto di Wimbledon. Come sarà possibile giocare solo uno o due Slam ora? Non so come funzionerà. Speriamo che gli altri Slam non vengano cancellati“.

Restare in salute, e per un atleta restare in forma, è la massima priorità ma per lei la situazione non è tanto semplice. Sono a New York in questo momento, diciamo che sono rimasta bloccata qui”, ha detto. Ci è permesso andare a correre, quindi io corro. Faccio principalmente molti esercizi a casa ma è molto piccola, non è facile. Sto solo facendo del mio meglio. Sfortunatamente non posso giocare a tennis adesso. Vediamo come andrà”. In questo momento di distacco forzato, il pensiero si rivolge d’istinto alla sua numerosa famiglia: Parlo con i miei genitori quasi ogni giorno. Sono al sicuro: stanno a casa e fanno quello che deve essere fatto. Mio fratello e mia sorella sono a Parigi e in Germania, quindi sono praticamente bloccati dal momento che le restrizioni sono molto severe in Europa”.

La sensibilità di Jabeur, come si può intuire, non la si ammira solo quando tiene in mano una racchetta. Ons sembra essere perfettamente consapevole del suo ruolo e della sua influenza. Prima donna africana e araba a raggiungere questi risultati nel tennis professionistico, era prevedibile che in molti iniziassero a cercare ispirazione nelle sue imprese sportive, e lei non ha certo intenzione di deluderli. “Per tutti quelli che mi seguono in Africa, in Tunisia o nel mondo arabo, è un peccato che questa stagione si sia per ora fermata dopo la mia prestazione all’Australian Open. Non ho idea di quando torneremo, ma sono davvero contenta che i tifosi mi stiano seguendo. Voglio ringraziarli di cuore per essere con me e per i messaggi che mi mandano. Sono davvero orgogliosa delle mie origini africane e spero di poter fare di più per ispirare le nuove generazioni, inviando loro un messaggio positivo ha detto alla BBC.

Nella succitata intervista al The Guardian, Ons ha aggiunto qualcosa sull’argomento: “A volte quando giochiamo in Fed Cup le avversarie di alcune squadre africane vogliono fare delle foto con me e mi chiedono del mio gioco. È davvero stimolante per me. Quando qualcuno mi dice che li sto ispirando, mi dà più motivazione per allenarmi ed essere più di un esempio. Spero di poter vedere nel Tour più giocatori nati in Africa”.

Continua a leggere

Interviste

Mats Wilander: “Lo stop? Chi ci rimette è Djokovic. Non credo si giocherà lo US Open”

L’Equipe ha intervistato Mats Wilander: “Questa pausa un momento di sollievo per il pianeta. Il Roland Garros non è stato egoista”

Pubblicato

il

Mats Wilander - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il quotidiano d’Oltralpe L’Equipe ha intervistato Mats Wilander all’indomani della cancellazione dell’edizione 2020 dei Championships. Lo svedese, ex n. 1 del mondo e voce autorevole di Eurosport, vive attualmente negli Stati Uniti, nello stato dell’Idaho, nel quale non è stato ancora messo in vigore il confinamento a causa dell’epidemia da COVID-19.

“Se posso ancora giocare a tennis? Cerco di palleggiare più volte alla settimana” dichiara Mats, “con una macchina lanciapalle o con un amico, perché in fondo un campo da tennis è abbastanza grande per mantenere una certa distanza di sicurezza. E siccome c’è ancora la neve, scio ogni giorno“.

Le manca il circuito? “Oh sì! I momenti che trascorro davanti alla televisione a mezzogiorno e poi la sera, mi mancano tantissimo. Mi manca il tennis dal vivo, è il momento più interessante della stagione. Dall’inizio di marzo alla metà di luglio è un tennis continuo. Indian Wells, Miami, la terra rossa, Roland Garros, Wimbledon di seguito… In questo momento stiamo perdendo il meglio. È orribile per i tifosi del tennis!”.

 

Anche per i giocatori… “Certo. Per loro è un’occasione per allenarsi di più, se ne hanno la possibilità. Ma la cosa più complicata è mantenere la motivazione perché non si sa esattamente per cosa ci si stia allenando e con quale obiettivo. È un po’ come guardare la semifinale tra Isner e Anderson a Wimbledon, non sai quando finirà! Credo sia positivo solo per i giocatori che avevano terminato la tournée australiana con un infortunio e quando si riprenderà tutti ripartiranno da zero”.

Come vive Mats la notizia della cancellazione di Wimbledon quest’anno? Per un tennista è anche un modo per realizzare quanto siamo fortunati a disputare un torneo come questo ogni anno. Può essere l’occasione per rendersi conto quanto Wimbledon o il Roland Garros siano importanti per il gioco. E quanto siamo fortunati. Il mondo occidentale è privilegiato, almeno un terzo della popolazione mondiale lotta ogni giorno semplicemente per poter mangiare. Questa è la realtà del mondo. Con questa pausa, viene concesso alla Terra un anno di riposo. Nel dramma che stiamo vivendo, è l’unico elemento davvero positivo“.

Chi ci sta rimettendo di più in questo momento? “Il grande perdente è Djokovic. Non ha ancora perso un match e ovviamente questo virus ha interrotto la sua corsa. Ci rimettono anche gli altri ragazzi che incalzano i Big3. Certo, hanno fatto molti progressi ma giocatori come Shapovalov, Tsitsipas, o Auger-Aliassime crescono soprattutto durante i tornei. Ad ogni modo, quando si è giovani, l’allenamento non ti interessa poi così tanto, non hai voglia di fare quattro ore di rovesci! Vuoi giocare le partite”.

Novak Djokovic – Dubai 2020 (via Twitter, @DDFTennis)

Come ha reagito alla decisione de Roland Garros di spostare le date all’autunno?All’inizio ho ritenuto la cosa straordinaria perché avremmo ritrovato uno stadio nuovo di zecca, come se cominciasse un torneo nuovo. Dal punto di vista logistico, è una cosa buona per il torneo. Il Roland Rarros normalmente subentra dopo una successione di grandi tornei storici come Montecarlo, Barcellona, Madrid, Roma, è una sorta di apoteosi. Mentre Wimbledon è sempre stato un po’ da solo, in mezzo al nulla. Ma è anche questo che ne determina la grandezza“.

La Federazione francese egoista? Asolutamente no. Era l’unica soluzione possibile, credo. Chi è davvero egoista è il comportamento del genere umano nei confronti del pianeta, tutto questo inquinamento senza limiti“.

La decisione unilaterale del Roland Garros solleva ancora una volta il problema della dirigenza. Non crede sia giunto il momento di ricorrere ad una dirigenza unica o ad un team di “commissioners“?Non credo al potere nelle mani di un solo uomo. La cosa chiara è che i quattro tornei dello Slam sono i quattro presidenti del mondo del tennis. La Federazione francese ha deciso, ok. Ma per quanto ne sappia, anche il torneo di Indian Wells ha deciso di annullare l’evento senza consultare chicchessia! I francesi non sono stati i primi. Credo nel dialogo e nella democrazia; penso che questo dramma sia l’occasione per far sì che tutti si riuniscano attorno ad un tavolo per risolvere i grandi problemi del tennis, a cominciare dal calendario”.

E lo US Open? Non penso che lo US Open possa svolgersi nelle date previste perché non credo che in America la situazione sia davvero sotto controllo. New York è molto colpita dal virus, nessuno si aspettava che accadesse una cosa del genere. Questo virus è un segnale d’allarme per il mondo occidentale, privilegiato e non sempre consapevole della propria fortuna”.

Continua a leggere

evidenza

Video intervista all’oriundo che giocò da azzurro in Davis e scovò Bjorn Borg

Martin Mulligan, tre volte campione al Foro Italico, ebbe il match point con Laver l’anno del suo primo Grande Slam e lo racconta. Manager Fila (e prima Diadora) parla di Borg, McEnroe, Pietrangeli, Hopman. Propone cambi al calendario, tipo F1

Pubblicato

il

Almeno due storie sarebbero incomplete senza citare Martin Mulligan (o Martino, come all’epoca lo chiamava Gianni Clerici), australiano di nascita ma anche italiano di passaporto: la storia degli Internazionali d’Italia, vinti da Mulligan tre volte (ogni due anni) a partire dal 1963, e la storia del marchio Fila che Mulligan ‘scelse’ a scapito di Diadora nel 1973. Già ritiratosi dalle competizioni, lavorava per Diadora promuovendone le scarpe da tennis e per Fila promuovendone i completini. A un certo punto i due marchi iniziarono a produrre ciò che prima non producevano e Mulligan fu costretto a scegliere: come detto scelse Fila, per seguire il cui mercato statunitense si trasferì a San Francisco – dove vive tuttora, e ancora collabora con il marchio sportivo nato a Biella nel 1923.

Abbiamo detto ‘almeno’ due storie, perché l’ex tennista nato a Marrickville quasi ottant’anni fa (li compirà il 18 ottobre) occupa un posto di primo piano anche nel secondo Grande Slam della storia del tennis, realizzato in era pre-Open da Rod Laver (che avrebbe poi bissato nel 1969). Non solo Mulligan è stato uno dei quattro tennisti sconfitti dal suo connazionale in finale, a Wimbledon (con la regina Elisabetta per la prima volta sugli spalti!), ma nello Slam precedente era arrivato a un centimetro dal fermarne la corsa: sul 5-4 30-40 del quarto set, in risposta a una seconda di servizio molto coraggiosa di Laver, Martino scelse di passare lungolinea come aveva fatto per quasi tutto il match e si ritrovò a osservare una volée incrociata vincente. Mulligan avrebbe perso 10-8 quel set, senza poter giocare altri match point, e 6-2 quello decisivo: Ma che hai combinato su quel match point, Martin!gli dice scherzando Ubaldo. Il resto dello scambio lo potete scoprire nella video-intervista realizzata dal Direttore (prima della cancellazione di Wimbledon).

I nonni materni di Mulligan nacquero a Orsago, in provincia di Treviso, per poi trasferirsi in Australia all’inizio del secolo scorso. Nella patria d’origine dei nonni Martin sarebbe ritornato per allenarsi e per cercare un posto da Davisman, poiché in Australia nonostante gli ottimi risultati non era mai riuscito a ritagliarsi uno spazio nella selezione capitanata da Harry Hopman. Ci riuscì, disputando da protagonista l’edizione 1968 in cui l’Italia fu sconfitta dalla Spagna di Gisbert, Sanatna e Orantes nella finale zonale (3-2, i due punti italiani furono firmati entrambi da Mulligan: un singolare a risultato acquisito e un doppio con Pietrangeli, sconfitto invece in entrambi i singolari, da Santana e Gisbert che fu l’uomo del match perchè in prima giornata aveva sopreso anche Martin). L’unico grande oriundo del tennis italiano.

 

Nell’intervista sono poi riaffiorati i ricordi dei suoi inizi con Fila, quando con Bjorn Borg già ‘assoldato’ l’azienda tentò di assicurarsi anche le prestazioni del giovane McEnroe. Il piano era spedire una racchetta di prova a Mulligan, perché la controllasse e la passasse poi a John, fedele alla sua Wilson, ma ‘un ritardo in alcune consegne‘ – racconta Martin – ‘ci costrinse a spedirla direttamente a Mac senza passare da me a San Francisco‘. E quello fu il patatrac, perché sulla racchetta il cognome di John era scritto con una ‘a’ di troppo: non solo McEnroe non avrebbe mai firmato per Fila, ma secondo l’aneddoto raccontato da Ubaldo il tennista statunitense tuonò che ‘non c’è verso sappiano fare bene le racchette, se non sanno scrivere il mio nome!‘. Nel video, potete ascoltare la versione originale della frase… che è un po’ più colorita.

Martin Mulligan e Ubaldo Scanagatta

Qualche stoccata anche ai tennisti di oggi – fanno un ace e prendono l’asciugamano, ma non ce n’è bisogno! – e agli organi di governance: ‘ITF dovrebbe controllare il tennis ma purtroppo sono stati incapaci tanti anni fa e questo ha prodotto la crescita di ATP e WTA. Dovrebbe esserci al massimo un grande torneo al mese, e poi ci sono troppi tornei di seconda categoria‘. Nostalgia di tempi in cui i ritmi erano molto più compassati, ma gli spalti del centrale del Foro Italico erano comunque pienissimi per incitare il non ancora italiano Martin Mulligan, capace di battere niente meno che Manuel Santana in quattro set. Era il 1965.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement