US Open: Giorgi, tante occasioni perse. Lorenzi, Seppi e Sonego out

Italiani

US Open: Giorgi, tante occasioni perse. Lorenzi, Seppi e Sonego out

NEW YORK – Match complicato dal grande caldo, ma Venus è più lucida nei momenti importanti. Paolino e Lorenzo crollano dopo un set, Andreas lotta fino al quinto ma cede con Shapovalov. All’Italtennis rimane solo Fognini

Pubblicato

il

[16] V. Williams b. C. Giorgi 6-4 7-5  (da New York, Luca Baldissera)

CAMILA, SI POTEVA FARE MEGLIO – Il catino torrido del nuovo Louis Armstrong Stadium accoglie Camila e Venus alle 13 ora locale, e le condizioni di gioco veramente difficili si fanno subito sentire per entrambe. Tanti errori non forzati nei primi game, con palle break a grappoli (5 per Giorgi, 4 per Willimas), ne esce un 2-2 con un servizio perso per ciascuna, per prima avanti l’azzurra nel terzo game, subito raggiunta dalla statunitense. 20 errori totali, 4 vincenti finora, non si può dire sia un bel match onestamente. Venus è la prima a tenere la battuta con autorità, sale 3-2, l’impressione è che Camila cerchi troppo spesso l’uno-due, mentre con una grandissima incontrista e picchiatrice come Williams, però 38enne, sarebbe forse il caso di provare a farla stare in campo il più possibile, manovrando senza cercare l’immediata soluzione dello scambio. Ma sappiamo bene qual è la natura e l’istinto di Giorgi, ce la teniamo così com’è, sicuramente con lei almeno il divertimento è assicurato. Nel frattempo, sale il livello del tennis di entrambe, riguardo alla concretezza se non con i vincenti veri e propri. Sul 4-3, un brutto game di servizio dell’azzurra le costa il secondo break, consegnato a Venus con un doppio fallo, che manda Williams alla battuta per il set. Arrivano due set-point consecutivi, cancellati però alla grande da Camila con altrettanti vincenti, poi tocca a Venus commettere un doppio fallo, che concede l’opportunità di rientrare all’azzurra. Giorgi però spreca male affondando in rete una risposta non difficile, si riscatta subito con una gran manata di dritto, e si prende il secondo break anche lei con un bell’attacco, siamo 4-5. Ma subito dopo, ancora un paio di gratuiti di Camila, e un gran dritto di Venus, postano ad altri due set point da affrontare. Spinge Giorgi, annulla il primo, ma il rovescio in rete successivo le costa il terzo break subìto, e il 6-4 per Williams. 47 minuti di partita, Camila 13 vincenti e ben 20 errori, Venus solo 3 vincenti diretti, ma si limita a 13 errori. In particolare, poi, Giorgi trasforma appena il 38% delle prime palle (contro il 68% di Williams), significa che con il servizio non mette praticamente mai in difficoltà l’avversaria, la differenza sta tutta lì.

 

TROPPI ERRORI – Buon inizio di secondo set per Camila, che brekka in avvio e poi tiene con autorità salendo 2-0. Si è messa a sbagliare parecchio anche Venus ora, 7 gratuiti solo nei primi tre game, la partita rimane bruttina, Giorgi va 3-1, Williams rimane in scia, ma dalla tribuna sembra che la “venere nera” inizi ad accusare qualche lieve difficoltà fisica, verso destra rinuncia a un paio di allunghi, il linguaggio del corpo non è proprio grintoso. Imperdonabili nel game successivo due erroracci di dritto, e un doppio fallo di Camila, che regalano il controbreak a una Venus che sta giocando da ferma. Speriamo che non le costino troppo cari. Il gentile omaggio di Giorgi, purtroppo, rivitalizza anche a livello fisico Williams, che pur in evidente sofferenza (servizi a metà rete, pallate tirate per sfuggire dagli scambi), stringe i denti e da campionessa qual è passa in vantaggio 4-3. Vediamo papà Sergio, negli spalti bassi opposti alla tribuna stampa, che scuote la zazzera grigia. Game laborioso alla battuta per l’azzurra, che ci mette tre vantaggi ad arrivare 4-4, poi tre errori consecutivi di Venus le consegnano altrettante palle break consecutive. Le annulla però Williams, un rimpianto per Camila sulla seconda (risposta di rovescio fallita su seconda palla), poi doppio fallo Venus, quarta opportunità, ma servizio vincente a cancellare anche questa. Bello scambio in pressione per Giorgi, quinta palla break, ma ancora errore Camila. L’impressione è che in questo game girerà tutta la partita. Due bei servizi di Williams, e dopo 12 punti la statunitense va 5-4, costringendo Giorgi a servire per salvare la partita. Quante occasioni non trasformate, accidenti (3 palle break su 12 sfruttate finora), per fortuna il 5-5 arriva senza rischiare troppo. Sul 6-5 per Venus, ottenuto senza fatica, male Camila, con gratuiti e un doppio fallo, ed ecco il match-point: l’errore di dritto (il numero 40, a fronte di 29 vincenti, non ci siamo) dell’italiana manda Williams al terzo turno, ad attendere – probabilmente – sua sorella Serena. Onestamente, un’occasione mancata per Camila, questa Venus si poteva battere.

Sì, potevo farla girare nel secondo. In realtà non credo di aver sbagliato tanto io, è stata brava lei nei punti importanti. La partita è stata combattuta“, racconta Camila, come sempre non troppo loquace. “Il caldo non mi ha dato chissà che fastidio, faceva caldo ma quando giochi non pensi tanto al clima. Lei sembrava muoversi meno bene? Beh no ma tutte noi lo facciamo, facciamo finta di stare male e poi giochiamo lo stesso. Fisicamente sto molto bene, ora voglio giocare più partite possibili“.

Camila, in ogni caso, con questo secondo turno arriverà alla posizione 35 WTA, e da ora fino a fine stagione avrà poco e nulla da difendere in termini di punti. Se l’intenzione espressa ora di voler giocare il più possibile si tradurrà in buone prestazioni, si potrebbe pensare anche di ritoccare il best ranking, che è di numero 30, ottenuto a luglio 2015.

G. Pella b. P. Lorenzi 7-5 6-0 6-2 (da New York, Vanni Gibertini)

LORENZI DURA (MENO DI) UN SET – Si pensava che Paolo Lorenzi avesse buone chance nel suo match di secondo turno contro l’argentino Guido Pella, n.66 del ranking ATP, ed invece la speranza di ripetere l’ottimo cammino degli US Open 2018 è durato poco meno di un set, il primo, nel quale il tennista senese si è portato in vantaggio per 4-1 e tre palle consecutive per il 5-1 e secondo break. Da quel momento in poi, però, Lorenzi ha perso cinque punti consecutivi (più per merito dell’avversario che non per demerito proprio) e nel prosieguo della partita non è riuscito a racimolare altro che tre game uscendo mestamente dal torneo dopo due ore e otto minuti.

Un Lorenzi decisamente nervoso, che ha discusso in diverse occasioni con il giudice di sedia, e che soprattutto ha subito costantemente la pressione da fondocampo del mancino argentino senza riuscire a trovare un modo per girare gli scambi a proprio favore e riavvicinarsi alla linea di fondo per dettare il gioco. Pella invece, una volta entrato nel match, ha preso a martellare con il diritto stringendo sempre più la morsa intorno a Lorenzi senza dare mai tregua e senza lasciar andare nemmeno i game più combattuti finiti ai vantaggi. “Oggi proprio non sentivo bene la palla – ha detto Lorenzi dopo la partita – all’inizio sono andato 4-1 più per errori suoi che per meriti miei. Poi lui ha iniziato a giocare bene, ed io invece ho continuato a giocar male. Mi aspettavo una partita combattuta, ma non è stato così. Non ho nemmeno servito bene, mi sentivo molto macchinoso, non riuscivo a muovermi bene. Oggi poi non faceva caldissimo, mi ha dato più fastidio il vento. Tuttavia l’aspetto positivo è che il piede non mi ha fatto male per nulla in tutto il periodo sul cemento, e questa è una buona notizia”.

Con questa sconfitta Lorenzi non riesce a difendere i punti conquistati lo scorso anno con il raggiungimento degli ottavi di finale e scivolerà di nuovo fuori dai primi 100 e dovrebbe assestarsi intorno alla 116a posizione, lasciandolo quindi con un bel po’ di lavoro da fare per conquistarsi l’accesso diretto al tabellone degli Australian Open 2019 negli ultimi mesi di quest’anno. “L’obbiettivo rimane sempre quello entrare in tabellone il prossimo Slam, anche se dal mio punto di vista è altrettanto importante giocare più partite possibile, per cui i miei prossimi appuntamenti saranno i Challenger sulla terra di Genova e Szczecin”.

[27] K. Khachanov b. [LL] L. Sonego 7-5 6-3 6-3 (da New York, Ferruccio Roberti)

SONEGO SALUTA – Lorenzo non supera il difficile esame rappresentato da Khachanov: il russo, 26 ATP, sei mesi più giovane di lui e in continua ascesa (tre settimane fa ha fatto semifinale al Masters 1000 di Toronto) è stato alla portata dell’azzurro solo nel primo set, prima di dilagare. Del resto, il russo è al suo best career ranking e occorreva una prestazione che l’attualevalore di Sonego, che pure quest’anno ha già sconfitto due top 30 (Mannarino e Gasquet), non ha ancora. Non resta che guardare il bicchiere mezzo pieno: il body language in campo di Lorenzo – che dopo New York avrà una classifica sempre più prossima alla top 100- sempre combattivo, mai disposto a concedersi gesti di sconforto o rabbia, con stampato in corpo l’atteggiamento di chi, anche sotto nel punteggio, vuole vendere cara la pelle. Molto meno buono, invece, il rendimento del suo rovescio: insistendo su questo fondamentale, Khachanov ha costruito il suo successo. Nelle prossime settimane bisognerà lavorare, come sicuramente saprà il suo staff, su questo fondamentale.

La partita si gioca poco prima delle ore 18 locali: il sole ha già abbandonato il terreno di gioco e brezze di venticello saltuariamente creano un inaspettato ristoro. Nulla a che vedere, insomma, con l’elevato (ed estremamente umido) caldo che ha contraddistinto questi primi giorni di torneo. Il campo numero 12, teatro dell’incontro, è uno dei più scomodi di Flushing: non ci sono schienali nelle tribune, i tabelloni elettronici non indicano la velocità del servizio nè la durata dell’incontro. Quando uno dei due tennisti chiama il challenge, non compare nemmeno la riproduzione della fase finale del punto, come invece avviene negli altri campi. Come se non bastasse, il limitrofo campo numero 11, sul quale si gioca un doppio femminile, è veramente adiacente, separato da un corridoio e la confusione è tanta, tra gli schiamazzi e i movimenti del pubblico. La partita è tecnicamente migliore dello scenario alla quale è stata consegnata: i giocatori tengono facilmente i loro turni di battuta, grazie a ottime percentuali con la prima e diversi vincenti. A dire il vero, nel secondo gioco dell’incontro è Sonego ad avere le prime palle break, ma Khachanov le annulla entrambe con ace. Il russo non arriva mai ai vantaggi sino al 5 pari: nell’undicesimo game si issa però sul 15-40. Sonego è bravo ad annullare la prima con un bel dritto in cross stretto, ma sulla seconda affossa lo stesso fondamentale in rete. Il primo set si decide in pratica lì e Khachanov chiude in 40 minuti col punteggio di 7-5.

Nel secondo parziale Lorenzo diminuisce molto la percentuale di prime in campo e soffre molto di più a conservare i propri turni di servizio, continuando a fare fatica su quelli dell’avversario, dove arriva al massimo (per due volte) a 30. Sonego annulla tre palle break nel primo gioco, ma nel terzo game, sulla palla break, un suo diritto lungo fa prendere il largo al russo. Arriva anche Matteo Berrettini a metà del parziale a sostenere nell’angolo italiano delle tribune il tennista piemontese. Non basta: Lorenzo lotta, ci crede, ma in questa fase della partita è una spanna sotto al suo avversario e va in affanno. Simbolo della situazione è il nono gioco: il torinese con determinazione annulla due set point, ma sul terzo, con un brutto doppio fallo consegna il secondo set al 26 ATP.
L’inizio del terzo set regala un’inaspettata chance a Lorenzo: Khachanov si ritrova sotto 15-40, ma si salva grazie al servizio (prima) e a un rovescio sbagliato dell’italiano (poi). Sarà l’ultima chance di riaprire l’incontro per l’azzurro, che nel gioco successivo si fa strappare il servizio, un break che risulterà quello definitivo. Nell’ottavo gioco il russo ha il primo match point della sua partita, ma Lorenzo non ha voglia di finire sotto la doccia e lo annulla con un servizio vincente. L’appuntamento con la vittoria è solo rimandato al game successivo: Karen Khachanov guadagna in poco più di due ore per la prima volta in carriera l’accesso al terzo turno agli US Open. Affronterà con ogni probabilità Nadal, che nei quattro precedenti con il 22enne russo (l’ultimo dei quali la semifinale di Toronto) non ha mai perso un set: l’impressione è che sarà però sempre più difficile per il maiorchino riuscire a mantenere tale inerzia, considerati i continui progressi del russo.

[28] D. Shapovalov b. A. Seppi 6-4 4-6 5-7 7-6(2) 6-4 (da New York, Bruno Apicella)

SEPPI, AD UN PASSO DALL’IMPRESA – Non si può dire che Andreas Seppi non ci abbia provato. Che non abbia messo cuore, testa, umiltà e tennis per contenere le bordate di dritto e (soprattutto) di rovescio della giovane promessa canadese Denis Shapovalov. Andreas ha lottato e ha messo in campo il suo tennis lineare. Ci ha creduto fino alla fine e solo dopo 3 ore e 47 minuti di gioco e al quinto set si è arreso ai colpi profondi e potenti del numero 28 ATP. L’altoalesino, n. 51 ATP, è uscito a testa dall’ultimo slam dell’anno e dopo le eliminazioni di Sonego e Lorenzi, adesso, le ultime speranze italiane a Flushing Meadows sono riposte in Fabio Fognini. Sono da poco passate le 17 di New York quando sul Campo 5 iniziano ad affrontarsi Andreas Seppi e Denis Shapovalov.

Il sole è meno forte rispetto alle ore precedenti e tra il pubblico ci sono molti tifosi giunti da Toronto per supportare il loro beniamino: “È il nostro futuro. Ha solo 20 anni può migliorare ancora tanto” hanno raccontato durante i break del primo set. E proprio nei game iniziali Andreas era partito forte portandosi a condurre per 2 giochi a 1 e servizio. Seppi ha cercato, sin dal primo punto, di essere solido e non concedere nulla al suo avversario che, nelle fasi iniziali, è stato incerto soprattutto con il dritto. Il rendimento al servizio del canadese è cresciuto con l’andare avanti del match e il numero 28 ATP, allo stesso tempo, ha trovato la chiave per calibrare il dritto e lasciare andare il rovescio ad una mano, iniziando a mettere a segno diversi vincenti. Questo gli ha permesso di recuperare lo svantaggio e riportare in parità il match. E quando Andreas si è trovato a servire per allungare il set sul 5 pari, ha dovuto prima annullare due set point e poi, alla terza occasione utile, cedere la battuta e il primo set dopo un errore di dritto provocato da un’accelerazione potente del canadese. “Dovevo vincere il primo set, probabilmente se fossi rimasto più solido e concentrato le cose sarebbero andate diversamente” ha dichiarato Seppi alla fine del match.

L’equilibrio nel secondo parziale si è invece interrotto nel settimo game, quando, Andreas è riuscito a rimanere concentrato ed ha approfittato anche dei diversi gratuiti commessi dal candese che, con i fondamentali di inizio gioco, è stato meno preciso. La terza palla break è stata quella che ha dato il vantaggio all’italiano il quale, senza tremare, è riuscito a chiudere il parziale e riaprire così il match chiudendo per 6 giochi a 4. Alla ripresa del gioco Shapovalov ha continuato a macinare vincenti prendendo il largo e portandosi, in poco tempo, sul 4 a 2. Il canadese non è stato continuo, mentre Seppi è rimasto attaccato al match e punto dopo punto ha cercato di allungare gli scambi. Recuperato il break l’italiano ha mantenuto la concentrazione e d’esperienza, nell’undicesimo game, con un bellissimo passante si è guadagnato la palla del break point che poi è stata convertita da un doppio fallo del canadese. Seppi ha così portato a casa il terzo set per 7 giochi a 5.

Il quarto set si è giocato sul filo dell’equilibrio: entrambi hanno cercato di mettere in campo i loro punti di forza. Shapovalov ha alternato ottime giocate da fondo a errori gratuiti (saranno 76 a fine match, 55 i vincenti), mentre Andreas ha cercato di non concedere campo all’avversario. Entrambi hanno tenuto i turni di battuta e il set è stato deciso al tie break: è stato a questo punto che il canadese ha aumentato la potenza dei colpi togliendo il tempo all’italiano che, a sua volta, non è stato lucido e solido come nei game precedenti. “Ho giocato male il tie break: subito un dritto brutto e un doppio fallo sul 4 a 2” ha commentato Seppi durante la conferenza stampa. Vinto il tie break per 7 punti a 2, il ventenne canadese ha riportato il match in parità e rinviando la contesa al quinto e ultimo set.

Shapovalov è stato il primo a prendere il largo nel set e a portarsi sul 3 a 2 ma Andreas non ha mollato. Ha provato a contenere i colpi del canadese e grazie ad un recupero in corsa fortunato (la pallina si è impennata sul nastro e ha superato il canadese) ha riportato il match sul 3 pari. Nonostante siano passate più di tre ore e quaranta di match l’intensità dei colpi e degli scambi non ha accennato a diminuire ed entrambi hanno continuato a sfidarsi, facendo divertire anche il pubblico che ha affollato il campo 5 per assistere a tutto l’incontro. La potenza di Shapovalov, però, ha avuto la meglio e il canadese è riuscito a chiudere il quinto set per 6-4: al prossimo turno affronterà il finalista di Wimbledon 2018 Kevin Anderson.  Andreas ha commentato, a fine match, la sua prestazione e il suo stato fisico: “Tutto l’incontro – ha detto – è stato tranquillo, non ho accusato stanchezza. Alla fine ho giocato quattro ore alle pari e vorrei sapere come sarebbe andata se fossi stato un po’ meglio. Il ginocchio mi dà un po’ noia sul cemento ultimamente. Non mi ha dato più fastidio negli ultimi anni ma da Wimbledon in poi è cosi”.

Seppi ha risposto anche alle domande su Shapovalov: “Oggi era molto su e giù, se riuscivi ad essere solido e a spingere sbagliava molto. Però magari era in una giornata più fallosa del solito. Ha un bel braccio, potrebbe alzare le percentuali delle prime di servizio e, in quel caso, sarebbe ancora più ostico: ha tutto il tempo per crescere. Secondo me – ha concluso Seppi – sarà un top 5”.  

Il tabellone femminile  Il tabellone maschile

Continua a leggere
Commenti

Flash

Seppi: “Nel 2010 mi sono ritirato da un match senza motivo”

L’azzurro racconta a Behind The Racquet i momenti bui della propria carriera

Pubblicato

il

Andreas Seppi (via Instagram, @behindtheracquet)

Il portale Behind The Racquet (con annesso account Instagram), ideato da Noah Rubin come canale per permettere a tennisti e tenniste di dar voce alla propria storia ha ospitato Andreas Seppi, che ha raccontato i momenti più difficili della propria carriera.

Il mio periodo più difficile è stato l’anno dopo che sono entrato nella Top 100. Nel 2005, avevo 21 anni e sono esploso sul tour. Ho iniziato l’anno come numero 140 e quattro mesi dopo ero nella Top 75. Inizi ad avere aspettative più alte e metti più pressione su te stesso. L’anno successivo ho avuto difficoltà a difendere i punti dell’anno precedente e sono uscito fuori dalla Top 100 per diverse settimane. Questa è stata l’unica volta che ho lasciato la Top 100 per altri 12 anni.

Nel 2010 mi sono ritirato da una partita senza nessun motivo (l’incontro dal quale Seppi si ritira, ufficialmente per un problema al ginocchio, è l’ottavo di finale del Challenger di Torino giocato contro Bolelli nel giugno 2010, ndr). Avevo vinto il primo set e perso il secondo al tiebreak. Stavo perdendo nel terzo set e mi sono semplicemente ritirato. Sono sempre stato un giocatore a cui piace lottare fino alla fine di una partita quindi ritirarmi dal nulla è stato davvero strano per me. Durante un cambio di campo, ho detto al mio allenatore: ‘Se perdo il prossimo game, ho finito’. E così è andata. Mi sono ritirato e basta. Ho detto all’arbitro che la gamba mi faceva male, quindi non potevo più giocare. Dopo la partita sono entrato negli spogliatoi ed è entrato il mio allenatore. Pensavo si sarebbe arrabbiato ma era calmo e ha detto che capiva la situazione. Non ho incolpato quella partita. Ero sul tour da otto anni, gareggiando ai massimi livelli con costante adrenalina. Ero arrivato a un momento in cui non ne potevo più e avevo bisogno di una pausa. Il mio allenatore ha detto che avrei potuto prendere tutto il tempo di cui avevo bisogno. Ero sorpreso di sentirlo parlare così dopo un match in cui avevo deliberatamente mollato.

 

Stavo perdendo molte partite durante quel periodo. Quando perdi molte partite, vuoi giocare ancora più tornei perché devi guadagnare punti. Quindi voli ovunque per giocare, giocare e giocare, ma giocare molti tornei durante quel periodo non è stata la decisione giusta per me. A volte è meglio fermarsi per un paio di settimane e allenarsi prima di tornare sul tour. È stato un errore giocare così tanti tornei senza prendersi una pausa ma dagli errori si impara. Dopo quella partita, non ho giocato per quattro settimane e ho ricominciato. Ho subito ottenuto buoni risultati e sono arrivato in semifinale in due tornei ATP (al rientro a metà luglio raggiunge i quarti di finale a Bastad, la semi ad Amburgo e Umago, e vince il Challenger di Kitzbuhel in settimane consecutive, ndr).

Quando avevo 14 anni, ho dovuto prendere decisioni. Sciavo, giocavo a calcio e giocavo a tennis. I miei genitori non avevano i soldi per permettersi tutti questi sport, quindi ho smesso di sciare e di giocare a calcio. I miei amici andavano in vacanza mentre io giocavo a tennis. I miei genitori dicevano: ‘Se vuoi andare in vacanza, non puoi più giocare a tennis’. Dai 14 ai 16 anni è stata davvero dura perché non ho avuto buoni risultati. Sono sempre stato uno dei migliori in Italia ma perdevo nei primi turni a livello internazionale. Non ero sicuro di continuare a giocare a tennis, ma ho tenuto duro per due anni e quegli anni si sono rivelati importanti. A 16 anni ho iniziato a vincere e tutto è diventato più facile. Ho guadagnato i primi punti ATP che mi hanno aiutato a rimanere nel mondo del tennis. Mi piace molto questo sport perché mi piace la competizione e ho la possibilità di viaggiare e vedere posti diversi. Bisogna dare tutto per rimanere ad alto livello per molto tempo“.

View this post on Instagram

“My toughest time was the year after I broke into the Top 100. In 2005, I was 21 years old and had a breakthrough on tour. I started the year as number 140 and four months later, I was in the Top 75. You have higher expectations and put more pressure on yourself. The next year, I struggled to defend the points from the previous year and fell outside the Top 100 for several weeks. This was the only time I left the Top 100 for another 12 years.⁣⁣ ⁣⁣ In 2010, I retired from a match because of nothing. I won the first set and lost the second set in a tiebreaker. I was losing in the third set and just retired. I was always a player who liked fighting until the end of a match so to retire out of nothing was really strange for me. During a changeover, I told my coach, "If I lose the next game, I'm done." Then it happened. I just retired. I told the umpire that my leg hurt so I couldn’t play anymore. After the match, I went into the locker room and my coach came in. I thought he would be angry but he was calm and said that he understood the situation. I did not blame that match. I had been on tour for eight years, competing at the highest level with constant adrenaline. I reached a moment where you just can't anymore and need time off. My coach said I could take as much time as I needed. I was surprised he talked to me like that after a match I just tanked.⁣⁣ ⁣⁣ I was losing a lot during this time. When you're losing a lot of matches, you want to play even more tournaments because you need to earn points. So you fly everywhere to play, and play, and play. But playing a lot of tournaments during this time was not the right decision for me. Sometimes it is better to stop for a couple of weeks and just practice before going back on tour. It was a mistake to play so many tournaments without taking a break but you learn from mistakes. After this match, I didn't play for four weeks and started over. I immediately had good results and reached the semifinals of two ATP events.”⁣ @andyseppio #BTR⁣ ⁣⁣ Go to behindtheracquet.com for extended stories, podcasts, and merch.⁣

A post shared by Behind The Racquet (@behindtheracquet) on

Continua a leggere

Italiani

WTA Praga: Giorgi sempre discontinua, Mertens la supera in due set

La solita valanga di colpi vincenti alternati a una ancora più grande di errori, porta Camila alla sconfitta contro la N.3 del seeding. Fuori la N.2 Martic

Pubblicato

il

L’ultima partita della giornata di Praga presenta due tenniste in momenti opposti di forma, Camila Giorgi ed Elise Mertens. La numero 23 del mondo Mertens è reduce dalla sconfitta al primo turno di Palermo contro Sasnovich. Giorgi ha mostrato una buona condizione dal ritorno in campo, spingendosi a Palermo fino alla semifinale persa contro Ferro e superando Kostyuk in rimonta nel primo turno di Praga.

L’inizio della tennista italiana rispecchia le attese. Domina sin da subito tutti gli scambi da fondocampo e trova il break alla prima occasione, sfruttando un rovescio a rete di Mertens. La tennista belga però è glaciale nel game successivo e capitalizza qualche indecisione di Camila per recuperare il break. La tennista italiana sembra calare di prestazione con il passare dei minuti. Giorgi continua a macinare metri di campo con il suo rovescio ma si trova sempre a soffrire durante i suoi turni di servizio, merito di una Mertens che non molla su ogni punto. La numero 23 del mondo ha il merito di mettere in difficoltà Giorgi con palle scariche e difese sempre profonde che fanno giocare all’italiana quel colpo in più che tanto la mette in difficoltà.

Un settimo game da ben otto deuce e più di 10 minuti vale il break per Mertens, che tiene senza problemi il servizio e chiude per 6-4 un primo set meritato.

Nel secondo set il gioco di Camila si sgretola diventando sempre più impreciso: alla prima palla break concessa nel terzo gioco l’azzurra cede il servizio. Nel sesto avrebbe l’opportunità di rientrare ma non riesce a sfruttare quattro palle del 3-4 di cui tre consecutive. A quel punto la partita è di fatto finita. Mertens chiude con un parziale di 11 punti a 1 e archivia la pratica in 1 ora e 44 minuti. Ora attende la vincente di Bouchard-Zidansek nei quarti di finale in programma venerdì.

 

L’altro quarto di finale della parte bassa è già formato e vedrà di fronte Kristyna Pliskova, vincitrice a sorpresa in due set su Petra Martic, e la rumena Bogdan che ha approfittato del walkover della sua avversaria Lesia Tsurenko. Giovedì in campo gli altri cinque ottavi di finale.

Risultati:

2° turno
[3] E. Mertens b. C. Giorgi 6-4 6-2
A. Bogdan b. [Q] L. Tsurenko W/O
Kr. Pliskova b. [2] P. Martic 6-1 7-5

1° turno
L. Siegemund b. [Q] M. Sherif 4-6 6-0 6-1
T. Zidansek b. K. Siniakova 6-3 3-6 6-0

Il tabellone completo

Continua a leggere

evidenza

Italiani a New York: Berrettini guida un gruppo da record

Facciamo il punto sui nove azzurri che scenderanno in campo nel tabellone maschile dello US Open

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

Lo US Open della semi-bolla è sempre più vicino, ed è quindi tempo di ricominciare a parlare di tennis giocato, soprattutto perché il tennis italiano (maschile) sarà uno dei più presenti al via. Infatti, con il cut-off per ora al N.127 ATP, sono nove gli uomini italiani sicuri di un posto in tabellone a Flushing Meadows: Berrettini, Sonego, Sinner, Mager, Travaglia, Seppi, Caruso, Cecchinato e Lorenzi – come noto, Fabio Fognini si sta riprendendo dall’operazione alle caviglie e con ogni probabilità rientrerà sulla terra, mentre Federico Gaio potrebbe entrare in caso di una nuova defezione, essendo fuori di un solo posto.

La cifra, un record per il nostro Paese in termini di ingressi diretti (negli ultimi due anni è stata toccata quattro volte fra qualificati e lucky loser), vedrà l’Italia al terzo posto nel tabellone maschile di New York dietro a USA (20 con otto wildcard) e Spagna (dieci). Una tale cornucopia di azzurri non è casuale, e anzi certifica la salute del movimento negli ultimi anni. Se si guarda alla Top 300 di marzo (che poi è la stessa di oggi), il dato sulla continuità del nostro movimento è incontrovertibile: 21 azzurri sono presenti nello scorcio di classifica, quarto Paese dopo la Spagna (22), la Francia e gli Stati Uniti (27 ciascuno) – questi quattro rappresentano, assieme a Germania, Australia (18 a testa) e Argentina (15) praticamente la metà dei migliori tennisti ATP.

Fra i giocatori automaticamente presenti nello Slam americano, Berrettini è al momento l’unico già presente nel main draw del prodromo newyorchese che sarà il torneo di Cincinnati 2020; Sonego è il primo degli esclusi e dovrebbe giocare le qualificazioni, ma potrebbe entrare direttamente in caso di abbastanza probabili forfait, mentre Sinner, Mager, Travaglia e Seppi dovranno per forza passare dalla porta sul retro (gli ultimi tre al momento dovrebbero dotarsi del potere dell’ubiquità, essendo iscritti anche al Challenger di Todi).

 

Per la verità, è quasi impossibile fare delle previsioni credibili, date la lunga pausa del circuito e l’inattendibilità delle esibizioni, vuoi per una questione di stress competitivo, vuoi per il basso numero di partite giocate, vuoi per il livello degli avversari. Anche le valutazioni durante i tornei saranno improbe, poiché gli addetti ai lavori, accasati, potranno basarsi esclusivamente su quanto visto in partita, privati della possibilità di seguire gli allenamenti e parlare con i team. Perciò, quello che segue non sarà un vero pronostico, ma solo una panoramica.

D’altro canto, però, per la prima volta si potranno saggiare le condizioni dei giocatori sugli stessi campi dello Slam, una sorta di anteprima: il 1000 di Cincinnati, infatti, si giocherà nel complesso del Billie Jean King Tennis Center, seppur non sui campi principali. Grazie a questo preludio sarà quindi possibile fare una stima (incompleta e distante) dell’adattamento dei giocatori alla superficie, quantomeno sul due su tre e quantomeno per i 56 che scenderanno in campo nel main draw.

Questo tema è ancora più interessante se si pensa a un aspetto di cui non si è parlato molto, per ovvi motivi: questo US Open sarà il primo ad utilizzare Laykold come superficie, abbandonando lo storico binomio con il DecoTurf. Non si può sapere ancora sapere che tipo di impatto avrà la decisione, visto che i due tornei che già utilizzano Laykold hanno dati estremamente diversi fra loro, vale a dire Miami e Long Island, ma, nonostante la vicinanza geografica del secondo con Flushing Meadows, è ragionevole pensare che le condizioni si avvicineranno a quelle dell’Hard Rock Stadium in Florida (campo storicamente fra i più lenti del circuito), trattandosi di eventi outdoor con notevoli tassi di umidità, mentre Long Island è un torneo al chiuso peraltro assiduamente frequentato dai big server, cosa che potrebbe sballare il dato relativo alla velocità del campo. Sarà quindi interessante vedere che tipo di condizioni di gioco ci saranno.

Per quanto riguarda la logistica del torneo, l’aspetto più pressante per i giocatori, vale a dire il numero di membri del team da cui potranno essere accompagnati, non sembra più essere un problema: che si risieda in albergo o in un’abitazione privata, ci si potrà portare fino a tre persone (cifra ampiamente sufficiente per la maggior parte dei giocatori), anche se solo uno potrà poi seguire il giocatore durante le partite. La cancellazione dell’aspetto più mondano del soggiorno nella Grande Mela, invece, non dovrebbe essere un problema: nell’epoca dell’iper-professionismo, i giocatori hanno routine talmente rigide che l’impossibilità di muoversi per la città sarà sicuramente accettata dalla maggior parte dei giocatori, anzi, per molti le abitudini saranno praticamente invariate.

Ma passiamo agli italiani, iniziando, ça va sans dire, con Matteo Berrettini. Il capitolino ha detto a La Stampa di essere ancora “indeciso” sulla partecipazione, ma sarebbe una grossa sorpresa se alla fine non andasse a New York. Certo, il tema presenta segnali contrastanti: da un lato, il braccio di ferro sotterraneo dei Top 20 (con tanto di paventato boicottaggio) per non dover fare la quarantena una volta tornati dagli States, a cui si aggiunge una liberatoria non proprio incoraggiante dal punto di vista legale; dall’altro, il DPCM che consentirà ai giocatori di venire in Italia (e per Berrettini il rientro a Roma è più rilevante che per chiunque altro) con l’unica condizione di un tampone da fare due giorni prima del loro arrivo – non va dimenticato, inoltre, che il taglio del prize money per il singolare è stato tutto sommato trascurabile, e questo conta parecchio. Non ci può dunque essere certezza, ma al momento Berrettini risulta iscritto e va trattato come tale, e lo stesso vale per tutti i giocatori italiani.

Matteo Berrettini – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Per certi versi, le condizioni psicologiche lo favoriscono: tornerà sui campi dove l’anno scorso si è mostrato al mondo (seppur senza pubblico) raggiungendo la semifinale, ma senza la pressione di dover difendere quei 720 punti – è bene ricordare che, con la nuova classifica marzo 2019/novembre 2020, solo il risultato migliore in un dato torneo verrà tenuto in considerazione. Matteo sarà la tds N.6, con la possibilità di salire ulteriormente nell’eventualità di rinunce (per la verità poco probabili al momento, a parte il Fedal gli altri top sembrano intenzionati a giocare) – fra l’altro, se queste dovessero avvenire, il romano si avvicinerebbe al concittadino Panatta come seed italiano più alto in uno Slam maschile, visto che Adriano fu al massimo N.4 allo US Open del 1976, e subito prima N.5 a Wimbledon.

Come detto, fare una valutazione è estremamente complicato (bisognerà aspettare “Cincinnati” per farsi un’idea più precisa), ma di sicuro le prestazioni dell’azzurro lasciano ben sperare: all’UTS di Mouratoglou, Berrettini ha vinto il torneo, l’unico giocato sul cemento finora, e, nonostante le regole ludicizzate, ha raccolto il plauso dell’organizzatore, che ha detto a UbiTennis di essere rimasto colpito dalla sua determinazione e dal suo rovescio. Proprio il colpo bimane, spesso attaccato dagli avversari in passato, è stato un tema ricorrente della quarantena berrettiniana, perché lui stesso ha affermato in una chat con Chris Evert di averci lavorato assieme a Tomljanovic – il mood della conversazione era certamente giocoso, ma il riferimento al lavoro su un colpo successivamente apprezzato per i suoi miglioramenti non può essere casuale.

L’aspetto che potrebbe condizionare maggiormente Berrettini è la tenuta fisica. La sua costituzione belluina (1,96×95) l’ha portato a farsi male più volte nel corso dell’ultimo anno; prima dello stop del tour, aveva giocato solo due partite nel 2020. Per certi versi, quindi, Berrettini è stato uno dei maggiori beneficiari della pausa, che gli ha permesso di rimettersi in sesto completamente, cosa che di solito non si può fare, dovendo viaggiare da un torneo all’altro. Va detto, inoltre, che i precedenti del 2019 depongono a suo favore: quando raggiunse la semifinale a Flushing Meadows, aveva giocato un solo match, perdendolo, nelle sei settimane precedenti al torneo, mentre nei due Slam precedenti era arrivato con tanti match sulle spalle, e si era arreso rapidamente a Casper Ruud a Parigi e a Roger Federer a Londra. Insomma, se non dovesse incorrere in infortuni, è lecito aspettarsi un torneo di alto livello da parte sua, anche perché sarà l’unico della coorte a non dover sperare in un sorteggio favorevole in virtù del suo status.

Passando agli altri italiani, non può che esserci curiosità per Jannik Sinner. Lo scorso anno si era fatto notare giocando un grande match contro Stan Wawrinka, e la sua crescita dei mesi successivi lo ha trasformato in uno dei giovani più in vista del circuito. Come Berrettini, si è detto incerto sulla trasferta newyorchese, ma dovrebbe essere della festa. Prima di giocare le due esibizioni berlinesi (sconfitto entrambe le volte da Thiem, la seconda in finale sul cemento), Sinner aveva mantenuto un basso profilo durante il lockdown, un periodo in cui, stando alle parole di Riccardo Piatti, ha continuato ad allenarsi assiduamente.

Jannik Sinner – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Le uniche immagini del campione NextGen provenivano da Montecarlo, dove si è allenato con Zverev e Wawrinka, fra gli altri, una scelta fatta per metterlo a confronto con i più forti su una base costante. Sempre secondo il coach comasco, il mentore ideale per lui sembra essere Rafa Nadal: “Ho parlato con Carlos Moyà e appena potremo faremo altri incontri con Rafa. La sua tenacia, il suo modo di affrontare le difficoltà in campo, la forza mentale sono rare forse più del suo gancio mancino. Voglio che Jannik lo veda, ci parli, vada a mangiare con lui, chieda e si confronti”. Sinner giocherà le qualificazioni a Cincinnati, dove il livello sarà già molto alto, e se dovesse riuscire ad accumulare match potrebbe diventare uno degli avversari meno desiderabili al primo turno.

Lorenzo Sonego si è preso l’estate umbra, vincendo a Todi e Perugia, e con delle condizioni particolarmente lente potrebbe riuscire a far valere le sue sbracciate di dritto. Di sicuro il torinese non sarà stato felice dello stop al circuito nel momento in cui era riuscito a sbloccarsi dopo mesi di sconfitte, raggiungendo i quarti a Rio de Janeiro. Ancorché vicino ad entrare in tabellone al Western & Southern Open, come Sinner potrebbe in realtà beneficiare da un paio di match di qualificazione, che gli permetterebbero di arrivare a Flushing Meadows (metaforicamente, visto che sarà già lì) con un tennis più rodato.

A proposito di giocatori fermati dalla pandemia, Gianluca Mager avrebbe dei buoni motivi per ritenersi in credito con la sorte. Al momento del fermi tutti, il ligure stava giocando il miglior tennis della carriera, con la finale a Rio che l’aveva sospinto fra i Top 100 e un ottimo esordio in Davis contro la Corea del Sud nel tie che a posteriori ha anticipato la gestalt del tennis attuale, e probabilmente di quello a breve e medio termine. La sfida principale per lui sarà cercare di ritrovare l’ispirazione, sperando che il treno non sia già passato. La sua problematica principale è che avrà pochi mesi per cercare di incrementare il proprio punteggio, cercando di limitare l’impatto di quei 300 punti, e che la maggior parte dei tornei da qui a febbraio si giocheranno sul cemento, superficie che a livello ATP (due match giocati).

Abbiamo poi gli “americani”, Seppi e Lorenzi, che risiedono rispettivamente in Colorado e Florida (l’altoatesino vive ancora a Caldaro secondo il sito dell’ATP, ma ha una casa a Boulder e suo figlio è nato lì, a febbraio) e che sono i patriarchi del gruppo azzurro. Seppi è un altro che è stato fermato in un buon momento (aveva appena raggiunto la finale a Long Island) e non ha storicamente un buon feeling con la Grande Mela, dove i suoi colpi piatti non scorrono particolarmente bene, mentre il senese è un aficionado del torneo, con otto vinte e quattro perse nelle ultime quattro edizioni e con la ciliegina degli ottavi raggiunti nel 2017, ed è uno dei beneficiari del cutoff allargato a 120 giocatori. Entrambi spereranno in un buon sorteggio per sfruttare al meglio gli ultimi scampoli di carriera.

Fra i restanti (Caruso, Travaglia e Cecchinato), il secondo parrebbe quello con più chance di fare bene, avendo giocato dei buoni match sul duro nel 2020 (una gran ATP Cup con un bel primo set contro Khachanov e vittoria su Fritz, seguiti da una finale e una semi Challenger e da una sconfitta di misura a Marsiglia contro Aliassime dopo aver avuto match point nel secondo), mentre il semifinalista del Roland Garros sembrerebbe aver ritrovato un po’ di pace interiore grazie alla paternità e al rinnovato sodalizio con Sartori, di cui ha detto: “Max mi ha dato grande fiducia, ha rimesso insieme i pezzi del puzzle. Sartori ha visto cosa non andava in me prima ancora dei problemi tecnico-fisici. L’allenamento dà buone sensazioni, ora sto bene. Ripeto, sono tornato alle origini: ma, come dice il mio coach, non ho più tanto da imparare quanto da ripulire.

Come si può vedere, dunque, gli italiani al via dovrebbero essere numerosi e motivati a fare bene. Certo, la valutazione delle prestazioni di un giocatore segue troppo spesso dei parametri fenomenologici (e.g. ha perso al primo turno quindi è andato male), mentre, soprattutto nel caso di giocatori fuori dai primi 32, necessariamente dipendenti dal sorteggio (citofonare a Struff, J.-L., per delucidazioni a riguardo), il modo della sconfitta e la qualità dell’avversario dovrebbero essere fattori molto più che contingenti in fase di giudizio – tante volte, però, questo aspetto è dimenticato in favore delle fredde cifre, ed è un attimo passare dall’accusatorio all’inquisitorio. In sintesi: sarebbe una cosa buona vedere nove italiani su nove fuori al primo turno ma in cinque set combattuti? Certamente no, ma la presenza fisica e mentale dei giocatori, soprattutto in questo momento storico, sarebbe un indice assai più positivo di una vittoria occasionale a fronte di brutte sconfitte degli altri, ed è questo che bisognerebbe augurarsi alla vigilia del tennis 2.0.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement