US Open: Giorgi, tante occasioni perse. Lorenzi, Seppi e Sonego out

Italiani

US Open: Giorgi, tante occasioni perse. Lorenzi, Seppi e Sonego out

NEW YORK – Match complicato dal grande caldo, ma Venus è più lucida nei momenti importanti. Paolino e Lorenzo crollano dopo un set, Andreas lotta fino al quinto ma cede con Shapovalov. All’Italtennis rimane solo Fognini

Pubblicato

il

[16] V. Williams b. C. Giorgi 6-4 7-5  (da New York, Luca Baldissera)

CAMILA, SI POTEVA FARE MEGLIO – Il catino torrido del nuovo Louis Armstrong Stadium accoglie Camila e Venus alle 13 ora locale, e le condizioni di gioco veramente difficili si fanno subito sentire per entrambe. Tanti errori non forzati nei primi game, con palle break a grappoli (5 per Giorgi, 4 per Willimas), ne esce un 2-2 con un servizio perso per ciascuna, per prima avanti l’azzurra nel terzo game, subito raggiunta dalla statunitense. 20 errori totali, 4 vincenti finora, non si può dire sia un bel match onestamente. Venus è la prima a tenere la battuta con autorità, sale 3-2, l’impressione è che Camila cerchi troppo spesso l’uno-due, mentre con una grandissima incontrista e picchiatrice come Williams, però 38enne, sarebbe forse il caso di provare a farla stare in campo il più possibile, manovrando senza cercare l’immediata soluzione dello scambio. Ma sappiamo bene qual è la natura e l’istinto di Giorgi, ce la teniamo così com’è, sicuramente con lei almeno il divertimento è assicurato. Nel frattempo, sale il livello del tennis di entrambe, riguardo alla concretezza se non con i vincenti veri e propri. Sul 4-3, un brutto game di servizio dell’azzurra le costa il secondo break, consegnato a Venus con un doppio fallo, che manda Williams alla battuta per il set. Arrivano due set-point consecutivi, cancellati però alla grande da Camila con altrettanti vincenti, poi tocca a Venus commettere un doppio fallo, che concede l’opportunità di rientrare all’azzurra. Giorgi però spreca male affondando in rete una risposta non difficile, si riscatta subito con una gran manata di dritto, e si prende il secondo break anche lei con un bell’attacco, siamo 4-5. Ma subito dopo, ancora un paio di gratuiti di Camila, e un gran dritto di Venus, postano ad altri due set point da affrontare. Spinge Giorgi, annulla il primo, ma il rovescio in rete successivo le costa il terzo break subìto, e il 6-4 per Williams. 47 minuti di partita, Camila 13 vincenti e ben 20 errori, Venus solo 3 vincenti diretti, ma si limita a 13 errori. In particolare, poi, Giorgi trasforma appena il 38% delle prime palle (contro il 68% di Williams), significa che con il servizio non mette praticamente mai in difficoltà l’avversaria, la differenza sta tutta lì.

 

TROPPI ERRORI – Buon inizio di secondo set per Camila, che brekka in avvio e poi tiene con autorità salendo 2-0. Si è messa a sbagliare parecchio anche Venus ora, 7 gratuiti solo nei primi tre game, la partita rimane bruttina, Giorgi va 3-1, Williams rimane in scia, ma dalla tribuna sembra che la “venere nera” inizi ad accusare qualche lieve difficoltà fisica, verso destra rinuncia a un paio di allunghi, il linguaggio del corpo non è proprio grintoso. Imperdonabili nel game successivo due erroracci di dritto, e un doppio fallo di Camila, che regalano il controbreak a una Venus che sta giocando da ferma. Speriamo che non le costino troppo cari. Il gentile omaggio di Giorgi, purtroppo, rivitalizza anche a livello fisico Williams, che pur in evidente sofferenza (servizi a metà rete, pallate tirate per sfuggire dagli scambi), stringe i denti e da campionessa qual è passa in vantaggio 4-3. Vediamo papà Sergio, negli spalti bassi opposti alla tribuna stampa, che scuote la zazzera grigia. Game laborioso alla battuta per l’azzurra, che ci mette tre vantaggi ad arrivare 4-4, poi tre errori consecutivi di Venus le consegnano altrettante palle break consecutive. Le annulla però Williams, un rimpianto per Camila sulla seconda (risposta di rovescio fallita su seconda palla), poi doppio fallo Venus, quarta opportunità, ma servizio vincente a cancellare anche questa. Bello scambio in pressione per Giorgi, quinta palla break, ma ancora errore Camila. L’impressione è che in questo game girerà tutta la partita. Due bei servizi di Williams, e dopo 12 punti la statunitense va 5-4, costringendo Giorgi a servire per salvare la partita. Quante occasioni non trasformate, accidenti (3 palle break su 12 sfruttate finora), per fortuna il 5-5 arriva senza rischiare troppo. Sul 6-5 per Venus, ottenuto senza fatica, male Camila, con gratuiti e un doppio fallo, ed ecco il match-point: l’errore di dritto (il numero 40, a fronte di 29 vincenti, non ci siamo) dell’italiana manda Williams al terzo turno, ad attendere – probabilmente – sua sorella Serena. Onestamente, un’occasione mancata per Camila, questa Venus si poteva battere.

Sì, potevo farla girare nel secondo. In realtà non credo di aver sbagliato tanto io, è stata brava lei nei punti importanti. La partita è stata combattuta“, racconta Camila, come sempre non troppo loquace. “Il caldo non mi ha dato chissà che fastidio, faceva caldo ma quando giochi non pensi tanto al clima. Lei sembrava muoversi meno bene? Beh no ma tutte noi lo facciamo, facciamo finta di stare male e poi giochiamo lo stesso. Fisicamente sto molto bene, ora voglio giocare più partite possibili“.

Camila, in ogni caso, con questo secondo turno arriverà alla posizione 35 WTA, e da ora fino a fine stagione avrà poco e nulla da difendere in termini di punti. Se l’intenzione espressa ora di voler giocare il più possibile si tradurrà in buone prestazioni, si potrebbe pensare anche di ritoccare il best ranking, che è di numero 30, ottenuto a luglio 2015.

G. Pella b. P. Lorenzi 7-5 6-0 6-2 (da New York, Vanni Gibertini)

LORENZI DURA (MENO DI) UN SET – Si pensava che Paolo Lorenzi avesse buone chance nel suo match di secondo turno contro l’argentino Guido Pella, n.66 del ranking ATP, ed invece la speranza di ripetere l’ottimo cammino degli US Open 2018 è durato poco meno di un set, il primo, nel quale il tennista senese si è portato in vantaggio per 4-1 e tre palle consecutive per il 5-1 e secondo break. Da quel momento in poi, però, Lorenzi ha perso cinque punti consecutivi (più per merito dell’avversario che non per demerito proprio) e nel prosieguo della partita non è riuscito a racimolare altro che tre game uscendo mestamente dal torneo dopo due ore e otto minuti.

Un Lorenzi decisamente nervoso, che ha discusso in diverse occasioni con il giudice di sedia, e che soprattutto ha subito costantemente la pressione da fondocampo del mancino argentino senza riuscire a trovare un modo per girare gli scambi a proprio favore e riavvicinarsi alla linea di fondo per dettare il gioco. Pella invece, una volta entrato nel match, ha preso a martellare con il diritto stringendo sempre più la morsa intorno a Lorenzi senza dare mai tregua e senza lasciar andare nemmeno i game più combattuti finiti ai vantaggi. “Oggi proprio non sentivo bene la palla – ha detto Lorenzi dopo la partita – all’inizio sono andato 4-1 più per errori suoi che per meriti miei. Poi lui ha iniziato a giocare bene, ed io invece ho continuato a giocar male. Mi aspettavo una partita combattuta, ma non è stato così. Non ho nemmeno servito bene, mi sentivo molto macchinoso, non riuscivo a muovermi bene. Oggi poi non faceva caldissimo, mi ha dato più fastidio il vento. Tuttavia l’aspetto positivo è che il piede non mi ha fatto male per nulla in tutto il periodo sul cemento, e questa è una buona notizia”.

Con questa sconfitta Lorenzi non riesce a difendere i punti conquistati lo scorso anno con il raggiungimento degli ottavi di finale e scivolerà di nuovo fuori dai primi 100 e dovrebbe assestarsi intorno alla 116a posizione, lasciandolo quindi con un bel po’ di lavoro da fare per conquistarsi l’accesso diretto al tabellone degli Australian Open 2019 negli ultimi mesi di quest’anno. “L’obbiettivo rimane sempre quello entrare in tabellone il prossimo Slam, anche se dal mio punto di vista è altrettanto importante giocare più partite possibile, per cui i miei prossimi appuntamenti saranno i Challenger sulla terra di Genova e Szczecin”.

[27] K. Khachanov b. [LL] L. Sonego 7-5 6-3 6-3 (da New York, Ferruccio Roberti)

SONEGO SALUTA – Lorenzo non supera il difficile esame rappresentato da Khachanov: il russo, 26 ATP, sei mesi più giovane di lui e in continua ascesa (tre settimane fa ha fatto semifinale al Masters 1000 di Toronto) è stato alla portata dell’azzurro solo nel primo set, prima di dilagare. Del resto, il russo è al suo best career ranking e occorreva una prestazione che l’attualevalore di Sonego, che pure quest’anno ha già sconfitto due top 30 (Mannarino e Gasquet), non ha ancora. Non resta che guardare il bicchiere mezzo pieno: il body language in campo di Lorenzo – che dopo New York avrà una classifica sempre più prossima alla top 100- sempre combattivo, mai disposto a concedersi gesti di sconforto o rabbia, con stampato in corpo l’atteggiamento di chi, anche sotto nel punteggio, vuole vendere cara la pelle. Molto meno buono, invece, il rendimento del suo rovescio: insistendo su questo fondamentale, Khachanov ha costruito il suo successo. Nelle prossime settimane bisognerà lavorare, come sicuramente saprà il suo staff, su questo fondamentale.

La partita si gioca poco prima delle ore 18 locali: il sole ha già abbandonato il terreno di gioco e brezze di venticello saltuariamente creano un inaspettato ristoro. Nulla a che vedere, insomma, con l’elevato (ed estremamente umido) caldo che ha contraddistinto questi primi giorni di torneo. Il campo numero 12, teatro dell’incontro, è uno dei più scomodi di Flushing: non ci sono schienali nelle tribune, i tabelloni elettronici non indicano la velocità del servizio nè la durata dell’incontro. Quando uno dei due tennisti chiama il challenge, non compare nemmeno la riproduzione della fase finale del punto, come invece avviene negli altri campi. Come se non bastasse, il limitrofo campo numero 11, sul quale si gioca un doppio femminile, è veramente adiacente, separato da un corridoio e la confusione è tanta, tra gli schiamazzi e i movimenti del pubblico. La partita è tecnicamente migliore dello scenario alla quale è stata consegnata: i giocatori tengono facilmente i loro turni di battuta, grazie a ottime percentuali con la prima e diversi vincenti. A dire il vero, nel secondo gioco dell’incontro è Sonego ad avere le prime palle break, ma Khachanov le annulla entrambe con ace. Il russo non arriva mai ai vantaggi sino al 5 pari: nell’undicesimo game si issa però sul 15-40. Sonego è bravo ad annullare la prima con un bel dritto in cross stretto, ma sulla seconda affossa lo stesso fondamentale in rete. Il primo set si decide in pratica lì e Khachanov chiude in 40 minuti col punteggio di 7-5.

Nel secondo parziale Lorenzo diminuisce molto la percentuale di prime in campo e soffre molto di più a conservare i propri turni di servizio, continuando a fare fatica su quelli dell’avversario, dove arriva al massimo (per due volte) a 30. Sonego annulla tre palle break nel primo gioco, ma nel terzo game, sulla palla break, un suo diritto lungo fa prendere il largo al russo. Arriva anche Matteo Berrettini a metà del parziale a sostenere nell’angolo italiano delle tribune il tennista piemontese. Non basta: Lorenzo lotta, ci crede, ma in questa fase della partita è una spanna sotto al suo avversario e va in affanno. Simbolo della situazione è il nono gioco: il torinese con determinazione annulla due set point, ma sul terzo, con un brutto doppio fallo consegna il secondo set al 26 ATP.
L’inizio del terzo set regala un’inaspettata chance a Lorenzo: Khachanov si ritrova sotto 15-40, ma si salva grazie al servizio (prima) e a un rovescio sbagliato dell’italiano (poi). Sarà l’ultima chance di riaprire l’incontro per l’azzurro, che nel gioco successivo si fa strappare il servizio, un break che risulterà quello definitivo. Nell’ottavo gioco il russo ha il primo match point della sua partita, ma Lorenzo non ha voglia di finire sotto la doccia e lo annulla con un servizio vincente. L’appuntamento con la vittoria è solo rimandato al game successivo: Karen Khachanov guadagna in poco più di due ore per la prima volta in carriera l’accesso al terzo turno agli US Open. Affronterà con ogni probabilità Nadal, che nei quattro precedenti con il 22enne russo (l’ultimo dei quali la semifinale di Toronto) non ha mai perso un set: l’impressione è che sarà però sempre più difficile per il maiorchino riuscire a mantenere tale inerzia, considerati i continui progressi del russo.

[28] D. Shapovalov b. A. Seppi 6-4 4-6 5-7 7-6(2) 6-4 (da New York, Bruno Apicella)

SEPPI, AD UN PASSO DALL’IMPRESA – Non si può dire che Andreas Seppi non ci abbia provato. Che non abbia messo cuore, testa, umiltà e tennis per contenere le bordate di dritto e (soprattutto) di rovescio della giovane promessa canadese Denis Shapovalov. Andreas ha lottato e ha messo in campo il suo tennis lineare. Ci ha creduto fino alla fine e solo dopo 3 ore e 47 minuti di gioco e al quinto set si è arreso ai colpi profondi e potenti del numero 28 ATP. L’altoalesino, n. 51 ATP, è uscito a testa dall’ultimo slam dell’anno e dopo le eliminazioni di Sonego e Lorenzi, adesso, le ultime speranze italiane a Flushing Meadows sono riposte in Fabio Fognini. Sono da poco passate le 17 di New York quando sul Campo 5 iniziano ad affrontarsi Andreas Seppi e Denis Shapovalov.

Il sole è meno forte rispetto alle ore precedenti e tra il pubblico ci sono molti tifosi giunti da Toronto per supportare il loro beniamino: “È il nostro futuro. Ha solo 20 anni può migliorare ancora tanto” hanno raccontato durante i break del primo set. E proprio nei game iniziali Andreas era partito forte portandosi a condurre per 2 giochi a 1 e servizio. Seppi ha cercato, sin dal primo punto, di essere solido e non concedere nulla al suo avversario che, nelle fasi iniziali, è stato incerto soprattutto con il dritto. Il rendimento al servizio del canadese è cresciuto con l’andare avanti del match e il numero 28 ATP, allo stesso tempo, ha trovato la chiave per calibrare il dritto e lasciare andare il rovescio ad una mano, iniziando a mettere a segno diversi vincenti. Questo gli ha permesso di recuperare lo svantaggio e riportare in parità il match. E quando Andreas si è trovato a servire per allungare il set sul 5 pari, ha dovuto prima annullare due set point e poi, alla terza occasione utile, cedere la battuta e il primo set dopo un errore di dritto provocato da un’accelerazione potente del canadese. “Dovevo vincere il primo set, probabilmente se fossi rimasto più solido e concentrato le cose sarebbero andate diversamente” ha dichiarato Seppi alla fine del match.

L’equilibrio nel secondo parziale si è invece interrotto nel settimo game, quando, Andreas è riuscito a rimanere concentrato ed ha approfittato anche dei diversi gratuiti commessi dal candese che, con i fondamentali di inizio gioco, è stato meno preciso. La terza palla break è stata quella che ha dato il vantaggio all’italiano il quale, senza tremare, è riuscito a chiudere il parziale e riaprire così il match chiudendo per 6 giochi a 4. Alla ripresa del gioco Shapovalov ha continuato a macinare vincenti prendendo il largo e portandosi, in poco tempo, sul 4 a 2. Il canadese non è stato continuo, mentre Seppi è rimasto attaccato al match e punto dopo punto ha cercato di allungare gli scambi. Recuperato il break l’italiano ha mantenuto la concentrazione e d’esperienza, nell’undicesimo game, con un bellissimo passante si è guadagnato la palla del break point che poi è stata convertita da un doppio fallo del canadese. Seppi ha così portato a casa il terzo set per 7 giochi a 5.

Il quarto set si è giocato sul filo dell’equilibrio: entrambi hanno cercato di mettere in campo i loro punti di forza. Shapovalov ha alternato ottime giocate da fondo a errori gratuiti (saranno 76 a fine match, 55 i vincenti), mentre Andreas ha cercato di non concedere campo all’avversario. Entrambi hanno tenuto i turni di battuta e il set è stato deciso al tie break: è stato a questo punto che il canadese ha aumentato la potenza dei colpi togliendo il tempo all’italiano che, a sua volta, non è stato lucido e solido come nei game precedenti. “Ho giocato male il tie break: subito un dritto brutto e un doppio fallo sul 4 a 2” ha commentato Seppi durante la conferenza stampa. Vinto il tie break per 7 punti a 2, il ventenne canadese ha riportato il match in parità e rinviando la contesa al quinto e ultimo set.

Shapovalov è stato il primo a prendere il largo nel set e a portarsi sul 3 a 2 ma Andreas non ha mollato. Ha provato a contenere i colpi del canadese e grazie ad un recupero in corsa fortunato (la pallina si è impennata sul nastro e ha superato il canadese) ha riportato il match sul 3 pari. Nonostante siano passate più di tre ore e quaranta di match l’intensità dei colpi e degli scambi non ha accennato a diminuire ed entrambi hanno continuato a sfidarsi, facendo divertire anche il pubblico che ha affollato il campo 5 per assistere a tutto l’incontro. La potenza di Shapovalov, però, ha avuto la meglio e il canadese è riuscito a chiudere il quinto set per 6-4: al prossimo turno affronterà il finalista di Wimbledon 2018 Kevin Anderson.  Andreas ha commentato, a fine match, la sua prestazione e il suo stato fisico: “Tutto l’incontro – ha detto – è stato tranquillo, non ho accusato stanchezza. Alla fine ho giocato quattro ore alle pari e vorrei sapere come sarebbe andata se fossi stato un po’ meglio. Il ginocchio mi dà un po’ noia sul cemento ultimamente. Non mi ha dato più fastidio negli ultimi anni ma da Wimbledon in poi è cosi”.

Seppi ha risposto anche alle domande su Shapovalov: “Oggi era molto su e giù, se riuscivi ad essere solido e a spingere sbagliava molto. Però magari era in una giornata più fallosa del solito. Ha un bel braccio, potrebbe alzare le percentuali delle prime di servizio e, in quel caso, sarebbe ancora più ostico: ha tutto il tempo per crescere. Secondo me – ha concluso Seppi – sarà un top 5”.  

Il tabellone femminile  Il tabellone maschile

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Coppa Davis: tutte le convocazioni alle Finals, ci sono Nadal, Djokovic e Kyrgios

L’Italia con la miglior formazione possibile: Berrettini, Fognini, Sonego, Seppi e Bolelli. Barazzutti: “La squadra che ho sempre sognato”. Temibili i due avversari nel girone, Canada e USA (privi di Isner). Presenti anche Murray e Medvedev

Pubblicato

il

Mentre l’attenzione per gli ultimi due tornei della stagione si colora di azzurro a causa della possibilità di accedere alle ATP Finals per due nostri rappresentanti, arrivano le convocazioni per la fase finale della Coppa Davis che si terrà a Madrid dal 18 al 24 novembre. Le diciotto squadre ammesse sono divise in sei gironi di tre squadre ciascuno; a partire dalla serata di giovedì 21, le prime classificate di ogni girone e le due migliori seconde disputeranno i quarti di finale. Chi raggiunge le semifinali, programmate per il sabato, si qualifica per le Finals del prossimo anno. Domenica ci sarà la finale. Ogni tie prevede due singolari e un doppio, con tutti gli incontri che si giocheranno al meglio dei tre set. Giova ricordare che, a prescindere dal discusso formato, chi vince porta a casa l’Insalatiera.

Per difendere i colori italiani sul duro indoor della Caja Magica, capitan Barazzutti ha chiamato Matteo Berrettini, Fabio Fognini, l’esordiente Lorenzo Sonego, Andreas Seppi e Simone Bolelli. L’Italia, sorteggiata nel girone F, esordirà lunedì 25 contro il Canada che potrà contare su Felix Auger-Aliassime, Milos Raonic Denis Shapovalov (che ha appena vinto il suo primo titolo) e Vasek Pospisil (sulla via del ritorno). La terza squadra del girone sono gli Stati Uniti, che schiereranno Taylor Fritz, Reilly Opelka, Sam Querrey, Frances Tiafoe e Jack Sock.

L’assenza di John Isner è un bel colpo per la squadra italiana. Sock e Querrey saranno probabilmente i doppisti, mentre i singolaristi dovrebbero essere Fritz e Tiafoe (o Opelka: dipenderà dalla velocità della superficie forse). Il Canada porta tutti i migliori ed è una squadra solida. Fino a pochi mesi fa la squadra italiana sul veloce sarebbe stata il vaso di coccio fra quelli di ferro. Oggi forse non è più così.

“Ho sempre sperato di avere una squadra così forte, con un grande futuro”, ha dichiarato Capitan Barazzutti al sito della Federtennis. “Arriviamo a queste finali con tante speranze in più e la consapevolezza di essere molto competitivi, avendo massimo rispetto dei nostri avversari, come loro del resto terranno in grande considerazione la nostra squadra. Potevamo pescare un po’ meglio, ma sono convinto che anche loro non siano troppo contenti di incrociare l’Italia in questo momento“.

 

GIRONI E CONVOCATI (la prima nazione è testa di serie)

Gruppo A
Francia: G. Monfils, B. Paire, J-W. Tsonga, P-h. Herbert, N. Mahut
Serbia: N. Djokovic, D. Lajovic, V. Troicki, F. Krajinovic, J. Tipsarevic
Giappone: Y. Nishioka, Y. Uchiama, T. Daniel, B. McLachlan, Y. Sugita

Gruppo B
Croazia: M. Cilic, B. Coric, M. Pavic, N. Metkic, I. Dodig
Spagna: R. Nadal, R. Bautista, F. Lopez, P. Carreño, M. Granollers
Russia: D. Medvedev, K. Khachanov, A. Rublev, E. Donskoy

Gruppo C
Argentina: D. Schwartzman, G. Pella, L. Mayer, H. Zeballos
Germania: J-L. Struff, P. Kohlschreiber, D. Koepfer, A. Mies, K. Krawietz
Cile: C. Garin, N. Jarry, M. Barrios, H. Podlipnik

Gruppo D
Belgio: D. Goffin, K. Coppejans, J. Vliegen, S. Darcis
Australia: A. de Minaur, N. Kyrgios, J. Millman, J. Thompson, J. Peers
Colombia: J.S. Cabal, R. Farah, S. Giraldo, D.H. Galán, A. Gonzalez

Gruppo E
Gran Bretagna: A. Murray, D. Evans, J. Murray, N. Skupski
Kazakistan: A. Bublik, M. Kukushkin, D. Popko, A Nedovyesov, A Golubev
Olanda: R. Haase, T. Griekspoor, B. Van de Zandschulp, W. Koolhof, J-J Roger

Gruppo F:
Stati Uniti: T. Fritz, R. Opelka, S. Querrey, F. Tiafoe J. Sock
Italia: M. Berrettini, F. Fognini, L. Sonego, A. Seppi, S. Bolelli
Canada: F. Auger-Aliassime, M. Raonic D. Shapovalov, V. Pospisil

Continua a leggere

evidenza

Vienna, Berrettini inizia con una rimonta: “Il problema alla caviglia mi ha distratto”

Matteo gioca un brutto primo set ma alla fine supera Edmund, giunto all’ottavo KO consecutivo. Spavento per la caviglia: “Quando ho sentito che stavo bene sono tornato a concentrarmi sul match”. E sulla Davis dice: “Girone duro, ma possiamo dare fastidio a tanti”. Sonego cede in due set a Fucsovics

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Vienna 2019 (photo credit: © e-motion/Bildagentur Zolles KG/Martin Steiger)

Non dev’essere facile, e con ogni probabilità non lo è davvero, scendere in campo con la testa ingombra di pensieri non strettamente legati alle faccende esclusive del rettangolo di gioco. Berrettini, come se ci fosse qualcuno che ancora non sapesse, si sta giocando in questi giorni la qualificazione alle Finals londinesi, obiettivo non necessariamente facile da inquadrare per un ragazzo che aveva iniziato la stagione con prospettive luminose sì, ma pur sempre fuori dai primi cinquanta della classifica.

Eppure è ottobre e a oggi Matteo sarebbe qualificato, con buone speranze di esserlo almeno fino all’inizio della prossima settimana, considerata la tortuosa rimonta vincente inflitta a Kyle Edmund nel primo turno del 500 austriaco. Una vittoria sofferta, brutta e infarcita di erroracci, eppure di quelle che possono tramutarsi in svolta, proprio perché raschiate dal fondo del barile di una giornata poco ispirata. La pressione era tanta e i pensieri pesavano rendendo le gambe di granito, il braccio lento e la testa non lucidissima, eppure, cosa vuol dire la fiducia, Matteo ne è uscito, nonostante un set e mezzo molto al di sotto di qualsiasi cosa ci si aspettasse da lui e in verità aiutato da un avversario che, sprecate le notevoli chance avute in avvio di secondo set, non ha potuto fare a meno di pensare alle ultime sette partite giocate, tutte perdenti.

Incline all’errore con il fido dritto e innocuo in risposta, Matteo ha ceduto velocemente il primo set (complice anche l’iniziale spavento per l’infortunio alla caviglia), per poi camminare su uno scomodo cornicione all’inizio della seconda partita: in particolare, lo sventurato Kyle si sarebbe potuto staccare nel primo game (tre palle break non trasformate di cui due consecutive) e nel settimo (0-30 con Matteo al servizio), ma non essendo riuscito nell’impresa si è incupito, ha incassato un parziale di dodici punti a tre per il pareggio e ridato fiato a Berrettini, ora rinfrancato e capace di catturare con relativo agio la qualificazione al secondo turno, grazie al break avvenuto nel terzo game del set decisivo. La strada che porta a Londra prevede la prossima tappa per la giornata di mercoledì: ad attenderlo troverà Grigor Dimitrov, uno che le Finals le ha vinte, giusto per rimanere in tema. Il bulgaro ha battuto Matteo quest’anno a Montecarlo al primo turno ma Matteo è progredito tantissimo negli ultimi 6 mesi.

 

LE PAROLE DI MATTEO A FINE PARTITA “Il campo è nuovo, molto ruvido… mi sono impuntato. Per fortuna sono riuscito a non mettere tutto il peso sulla caviglia e non mi sono fatto troppo male. All’inizio ero un po’ spaventato. Nel primo set ero un po’ distratto anche a causa dell’infortunio, nel secondo, quando ho sentito che fisicamente stavo bene, sono riuscito a concentrarmi sul match. Sono stato bravo a giocare bene i punti importanti. La vecchia Davis non l’ho mai giocata. Credo che possa essere un evento interessante, con tante partite ravvicinate, ci sarà da divertirsi. Il nostro girone è molto duro, ho visto le convocazioni… Sarà tosta, soprattutto a Madrid, cemento indoor, altura… a me piace però piace anche agli altri. Siamo sicuramente una squadra completa, che può dare fastidio a tanti. Alla fine dell’anno non è scontato che tutti siano al 100%, noi giochiamo Europa ed è un grosso vantaggio”.

Niente da fare invece per l’altro azzurro impegnato nel pomeriggio viennese: Lorenzo Sonego, entrato all’ultimo al posto dell’infortunato Nick Kyrgios, ha ceduto in due al qualificato ungherese Marton Fucsovics, al termine una partita in cui le ombre sono state di molto preponderanti rispetto alle poche luci. Perso il primo set a causa del break subito nel nono gioco e pur avendo avuto una palla, non sfruttata, per impattare in quello successivo, Sonego per lunghi tratti non ha trovato alcuna contromisura al servizio avverso, tornando parzialmente a galla solo nella seconda partita anche grazie al vistoso calo occorso al numero 67 ATP.

Scappato sul tre a uno all’inizio del secondo set, il tennista torinese non è tuttavia più riuscito a conservare la propria battuta, né mai a trovare il tempo sulla palla per condurre un affidabile palleggio, specie dal lato sinistro. Il duplice seiquattro incassato oggi conferma il difficile periodo vissuto da Sonego, il quale, dopo la semifinale conquistata a Kitzbuhel la scorsa estate, non ha più vinto due partite in fila nel tour maggiore. La sua annata resta clamorosa, ma pareva perfino superfluo sottolinearlo.

Risultati:

[5] D. Schwartzman b. P-H. Herbert 6-4 6-4
[Q] M. Fucsovics b. L. Sonego 6-4 6-4
[3] M. Berrettini b. K. Edmund 3-6 6-3 6-4
G. Dimitrov b. [Q] D. Dzumhur 6-3 7-5
[2] K. Khachanov b. H. Hurkacz 6-4 7-6(3)

Il tabellone completo

Continua a leggere

evidenza

Classifica ATP: Sinner a un passo dalla top 100

Jannik si ferma al numero 101 del mondo. Già a Vienna l’esordio del 18enne azzurro in top 100? Intanto risorge Andy Murray: il successo ad Anversa gli fa guadagnare 116 posti, ora è numero 127

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2019 (foto via Twitter, @EuroTennisOpen)

Mettiamo per un attimo da parte le celebrazioni patriottiche per la quasi-top-100 di Jannik Sinner, per accendere i riflettori su un campione a cui il tennista altoatesino viene talvolta accostato per ragioni tecniche e morfologiche: Andy Murray. Il baronetto scozzese ad Anversa domenica ha conquistato il 46esimo torneo della carriera a quasi tre anni di distanza dall’ultimo successo sconfiggendo Stan Wawrinka al termine di un match a tratti splendido e con un esito che sembrava impossibile alla vigilia e utopistico durante il suo svolgimento.

Pur con una partita in più nelle gambe rispetto al suo avversario, il britannico è letteralmente risorto da una situazione di punteggio che a metà del secondo set e all’inizio del terzo sembrava ampiamente compromessa. Sicuramente Wawrinka ci ha messo tanta involontaria buona volontà per non vincere (in tale senso è emblematica la sua volée di rovescio sbagliata nel game finale su una palla ampiamente destinata al corridoio), ma quella vista in Belgio – Paese che vide il suo trionfo anche in coppa Davis nel 2015 – è una versione di Murray che difficilmente speravamo di poter tornare ad ammirare sotto il profilo della tenuta fisica e della profondità dei colpi.

La vittoria gli portato in dote il numero 127 del ranking, ovvero 116 posizioni più in alto di quella che occupava sette giorni fa e un’incalcolabile quantità di fiducia in più.

 

I PRIMI DELLA CLASSE – Di seguito la top 20:

Posizione Nazione Giocatore Punti Variazione
1 Serbia Djokovic 9545 =
2 Spagna Nadal 9225 =
3 Svizzera Federer 6950 =
4 Russia Medvedev 5920 =
5 Austria Thiem 5085 =
6 Germania Zverev 4425 =
7 Grecia Tsitsipas 3740 =
8 Giappone Nishikori 2860 1
9 Russia Khachanov 2785 -1
10 Spagna Bautista Agut 2575 =
11 Italia Berrettini 2545 =
12 Italia Fognini 2370 =
13 Belgio Goffin 2280 1
14 Francia Monfils 2260 -1
15 Argentina Schwartzman 1950 =
16 USA Isner 1895 =
17 Svizzera Wawrinka 1820 1
18 Canada Auger-Aliassime 1681 -1
19 Francia Pouille 1645 =
20 Argentina Pella 1620 =


Le alchimie aritmetiche della classifica hanno portato il fantasma di Nishikori davanti a Khachanov. Dipende invece da meriti conquistati sul campo la posizione guadagnata da Wawrinka, che ad Anversa ha confermato con i fatti di essere un giocatore pienamente recuperato sotto il profilo fisico. Alle spalle dei migliori troviamo il profeta in patria Andrey Rublev. Con la vittoria ottenuta nella sua città natale nel giorno del suo ventiduesimo compleanno, Rublev si è regalato il posto numero 22 del ranking, il migliore sino ad oggi in carriera. Impresa importante per un ragazzo che otto mesi fa occupava la posizione numero 115.

A cinque gradini di distanza da lui c’è un altro giovanissimo campione che nel corso della stagione sembrava a tratti avere smarrito la retta via: Denis Shapovalov. Il canadese nativo di Tel Aviv a Stoccolma ha finalmente ottenuto il primo successo in carriera.

CASA ITALIA – Sono quindici gli italiani tra i primi 200 del mondo. Uno in meno rispetto al lunedì della scorsa settimana a causa dell’uscita dal gruppo di Filippo Baldi:

Classifica Giocatore Variazione
11 Berrettini =
12 Fognini =
56 Sonego =
71 Seppi 1
73 Cecchinato =
83 Travaglia =
100 Caruso -5
101 Sinner 18
111 Fabbiano -22
120 Lorenzi -3
122 Mager 2
147 Giustino -2
149 Giannessi -2
156 Gaio -6
190 Marcora -3


Si riduce di una unità anche la pattuglia degli italiani presenti nella top 100. Thomas Fabbiano ha perso i punti conquistati nel 2018 con la vittoria al Challenger di Ningbo ed è arretrato di 22 posizioni passando dalla 91esima alla 111esima. Il suo posto avrebbe potuto essere preso da Sinner se il giapponese Yasutaka Uchiyama non avesse vinto a Ningbo entrando così per la prima volta a 27 anni tra i migliori 100 del mondo. Il diciottenne allievo di Piatti avrà comunque subito a Vienna la chance di varcare la soglia dell’eccellenza tennistica. Nella capitale viennese saranno presenti anche Lorenzo Sonego e Matteo Berrettini, mentre Fabio Fognini giocherà a Federeropoli o Basilea che dir si voglia.

RACE TO LONDON – A circa tre settimane di distanza dall’inizio delle finali riservate agli otto migliori tennisti della stagione, restano da assegnare due posti effettivi e due di riserva, poiché sei giocatori (Nadal, Djokovic, Medvedev, Federer, Thiem e Tsitsipas) hanno già ottenuto la qualificazione matematica (qui la nostra Race aggiornata). La situazione tra la posizione numero 7 e 15 della Race è la seguente:

Posizione Nazione Giocatore Punti
7 Germania Zverev 2855
8 Italia Berrettini 2525
9 Spagna Bautista Agut 2485
10 Belgio Goffin 2325
11 Italia Fognini 2235
12 Giappone Nishikori 2125
13 Francia Monfils 2170
14 Argentina Schwartzman 1860
15 Svizzera Wawrinka 1820


Questa settimana otto di loro si disputeranno 500 punti: a Basilea oppure a Vienna. In Svizzera giocheranno Wawrinka, Fognini, Goffin, Bautista Agut e Zverev; Berrettini, Monfils e Schwartzman saranno invece presenti in Austria. Assente giustificato Nishikori, che sembra oggettivamente fuori dai giochi per i suoi cronici problemi fisici.

RACE TO MILAN – A Milano il torneo riservato ai migliori under 21 inizierà il prossimo 5 novembre. La classifica al momento è così costituita:

Posizione ATP Nazione Giocatore Nato nel Punti
6 Grecia Tsitsipas 1998 3820
18 Canada Auger-Aliassime 2000 1681
27 Canada Shapovalov 1999 1495
28 Australia de Minaur 1999 1430
48 USA Tiafoe 1998 1015
61 Norvegia Ruud 1998 931
54 Serbia Kecmanovic 1999 901
63 Francia Humbert 1998 852


Sinner è dodicesimo. Assente per ovvie ragioni Stefanos Tsitsipas, rimangono da assegnare tre poltrone. Auger-Aliassime, Shapovalov, de Minaur e Tiafoe sono già qualificati. Al torneo prenderà parte anche Jannik Sinner indipendentemente dalla sua classifica grazie alla wild card. Ci auguriamo per il bene dello spettacolo – che data la qualità dei partecipanti appare di prim’ordine – che quest’anno non si verifichino altri ritiri eccellenti come quello di Shapovalov dalla edizione 2018.

BEST RANKING – Oltre al già citato Rublev, altri tre giocatori hanno raggiunto il proprio best ranking questa settimana:

Classifica Giocatore Nazione Nato nel
74 M. Ymer Svezia 1998
87 Uchiyama Giappone 1992
93 Davidovich Fokina Spagna 1999


Due debuttanti in top 100: Uchiyama e Davidovich Fokina. Entrambi hanno raggiunto questo risultato grazie al Challenger di Ningbo. Non sappiamo se e quanto il giapponese saprà migliorarsi in futuro, ma sul futuro del ventenne spagnolo che abbiamo avuto modo di ammirare recentemente a Genova in finale contro Sonego siamo pronti a scommettere.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement