Caruana: "Milano punto di partenza, sarà dura giocare i tornei minori"

Flash

Caruana: “Milano punto di partenza, sarà dura giocare i tornei minori”

L’azzurro, battuto nettamente da De Minaur, è alle prese con un contesto complicato per il suo livello di 622 del mondo. “Non mi riusciva nulla”. Il padre allenatore guarda al futuro

Pubblicato

il

L’effetto Quinzi non si è replicato, almeno per ora. L’alchimia che alle Next Gen ATP Finals, un anno fa, portò l’azzurro da 294 ATP a giocarsela alla pari (pur perdendo) con avversari molto più quotati non ha ancora coinvolto Liam Caruana. L’azzurro, oggi 622 del mondo con un solo match ATP in curriculum, ha fatto fatica a rimanere in partita contro Alex De Minaur che gli è avanti di gran lunga (31 del ranking), sotto ogni punto di vista. Chiaramente, la distanza di livello che separa Caruana dai suoi coetanei serve a fare la tara della prestazione. Il livello delle Finals di Rho non sarà stratosferico, specie senza Zverev e Shapovalov, ma è comunque molto alto per chi è di casa nei circuiti minori.

Ci tenevo a far bene – le parole di Liam diffuse dalla FIT – ma oggi non mi riusciva proprio nulla. Sapevo di dover essere aggressivo con uno come lui, e avrei dovuto commettere pochi errori per rimanere nel match. Invece è accaduto il contrario e mi dispiace. In queste occasioni non si ha molta voglia di parlare“. C’è però anche la giusta consapevolezza di dover trarre il meglio dall’occasione, navigando di solito le acque basse dei Futures e dei Challenger. “Ci tengo a continuare nel migliore dei modi la mia avventura qui a Milano. Proverò a trasformare la delusione in energia per i prossimi due incontri del girone“, la promessa in vista della seconda sfida che lo vedrà opposto a Taylor Fritz.

 

La Gazzetta dello Sport ha raccolto anche il punto di vista di papà Max, che è uno dei coach del ventenne che si divide per gli allenamenti tra il Texas, l’Argentina e Tirrenia. “Con la sua classifica il calendario è per forza compresso – analizza – e fare base in due continenti gli ha sottratto energie, facendolo scivolare all’indietro dopo aver raggiunto il 375 del ranking. Ma non serve a nulla piangersi addosso, oggi il giocatore di livello deve essere forte soprattutto fuori dal campo, gestendo i viaggi e le situazioni complicate da solo“.

Ciò che interessa di più, al netto della settimana milanese, è capire le prospettive: “Non sappiamo ancora a quali tornei parteciperemo a gennaio“, spiega il genitore che a sei anni lo portò negli USA per farlo vivere insieme ai figli di un precedente matrimonio. “Dopo la bella soddisfazione di qualificarsi qui a Milano, dovrà ributtarsi nel circuito minore e non sarà facile passare dalle Finals al torneino in Grecia senza vitto e alloggio. In qualche partita quest’anno – conclude – Liam è stato alla pari contro avversari top 100, l’obiettivo è dare continuità a quel livello riuscendo a vincere anche quando si gioca male“.

Next Gen ATP Finals: la classifica dei gironi e il calendario

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sharapova, la spalla non è ancora pronta, niente Stoccarda e Madrid

Più lungo il previsto il recupero dopo il piccolo intervento alla spalla. Il ritorno forse a Roma

Pubblicato

il

Maria Sharapova - US Open 2018 (foto via Twitter, @usopen)

Non è ancora arrivato per Maria Sharapova il momento di rientrare alle competizioni. Dopo il ritiro al secondo turno del torneo di San Pietroburgo in febbraio contro Daria Kasatkina e il forfait a Indian Wells e Miami per un piccolo intervento alla spalla, la russa ormai da tempo residente negli Stati Uniti ha fatto sapere che non potrà essere in campo né al Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda, ai nastri di partenza la prossima settimana, né al Mutua Madrid Open la settimana successiva.

Per tutti i miei meravigliosi tifosi in Germania che mi vengono a vedere a Stoccarda ogni anno, sono davvero dispiaciuta di che ormai non c’è più abbastanza tempo perché io sia pronta a giocare a Stoccarda – ha fatto sapere Sharapova in un comunicato ripreso dalla WTA – sto facendo buoni progressi ma non sono ancora in grado di essere competitiva al massimo livello”.

 

La russa ha giocato solamente tre tornei in questo 2019, raggiungendo i quarti di finale a Shenzhen, gli ottavi agli Australian Open e, come già ricordato, dovendo dare forfait al secondo turno a San Pietroburgo la prima settimana di febbraio. Il problema alla spalla che ha richiesto un piccolo intervento chirurgico è relativo al tendine già ricostruito che l’ha costretta diverse volte a modificare il movimento del servizio.

Le immagini diffuse da Sharapova attraverso i suoi account social la mostrano intenta a curare la preparazione fisica senza racchetta sotto il sole della California. Il suo prossimo impegno dovrebbero essere gli Internazionali BNL d’Italia in programma a Roma dal 6 al 19 maggio, per i quali si è iscritta nella entry-list, ma a questo punto sarà forse necessario attendere gli ultimi giorni prima del torneo per capire se davvero potremo vedere Maria al Foro Italico.

Continua a leggere

Flash

Montecarlo, il programma del day 6: comincia Sonego, chiude Fognini, in mezzo Djokovic e Nadal

Lajovic e Coric sulla strada dei due azzurri. Nole incontra un Medvedev in forma, Rafa trova Pella

Pubblicato

il

Sono rimasti in otto, qualcuno abbondantemente previsto, qualcun altro un po’ meno, ma tutti ben intenzionati a dare il massimo per un posto in semifinale. La notizia del giorno, anzi, del decennio, visto che non accadeva da Amburgo 2005 (Seppi e Volandri), è la presenza di due italiani nei quarti di un ATP 1000. Ad aprire il programma sul Court Rainier III alle 11, sarà la sfida inedita fra Lorenzo Sonego e Dusan Lajovic; proveniente dalle qualificazioni, il torinese si sta addentrando in una terra a lui finora sconosciuta ma dove pare tutt’altro che fuori posto, mentre il serbo è alla sua seconda apparizione nei quarti di un Masters dopo Madrid 2018 (perse da Anderson). Subito dopo, Daniil Medvedev sarà un buon test per verificare le condizioni di forma di Novak Djokovic; al contrario, sia per caratteristiche sia guardando i due precedenti, Guido Pella non dovrebbe impensierire Rafa Nadal. Chiude il programma Fabio Fognini, che vorremmo non si togliesse più i panni del giocatore che potrebbe essere, indossati dopo aver annullato la quinta palla del “quasi match” a Rublev. L’azzurro troverà Borna Coric, battuto a Umago quando il croato era ancora diciassettenne.

COURT RAINIER III – dalle 11
D. Lajovic vs [Q] L. Sonego
[1] N. Djokovic vs [10] D. Medvedev
G. Pella vs [2] R. Nadal
[9] B. Coric vs [13] F. Fognini

 


Continua a leggere

Flash

Auger-Aliassime: “Peccato per il secondo set, ho sprecato delle occasioni”

Qualche rammarico per il giovane canadese dopo la sconfitta a Montecarlo contro Zverev. Ora riposo e poi rotta su Barcellona

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime - Montecarlo 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Che il crash test fosse di quelli violenti si sapeva. Felix Auger-Aliassime ha racimolato appena cinque game contro Alexander Zverev, giocando però una partita dai due volti. Male nel primo set, decisamente in crescita nel secondo al punto da rimpiangere la mancata possibilità di giocarsela in un eventuale terzo. “Mi ha messo subito pressione spingendomi a forzare i colpi – l’analisi del canadese -, a un certo punto ho perso il controllo del servizio, mi sembrava tutto fuori portata. Poi però nel secondo set le occasioni le ho avute, senza riuscire a sfruttarle. Un vero peccato. Adesso ho bisogno di riposarmi per recuperare fisicamente e arrivare nel migliore dei modi a Barcellona“.

Dopo aver ribadito di non essere afflitto dall’ansia di risultati – era stato il tema della sua prima chiacchierata monegasca – il canadese ha voluto esplicitare le dinamiche della coesistenza tra i suoi due allenatori Frederic Fontang e Guillaume Marx (QUI una sua intervista esclusiva realizzata da Vanni Gibertini): “A inizio stagione stabiliamo un programma, ci sono settimane in cui lavoro con entrambi e altre in cui si alternano. Marx ha iniziato la stagione su terra, poi continuerà Fred per poi cambiare ancora nell’ultima parte dell’anno. Si completano perché hanno la stessa visione ma esperienze differenti. Con Guillaume sono cresciuto, mi conosce meglio di tutti ed è come un secondo padre per me. Fred ha completato il team con la sua grande esperienza professionale.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement