Serie A1: Lucca pronta per le finali scudetto, con un rimpianto

Flash

Serie A1: Lucca pronta per le finali scudetto, con un rimpianto

Non ci sarà la squadra di casa, sconfitta in semi al doppio di spareggio. Ma lo spettacolo non mancherà. Presenti Berrettini, Bolelli e Fabbiano. Si parte venerdì 7 dicembre

Pubblicato

il

A LUCCA LE FINAL FOUR – Sono state presentate oggi a Lucca, nella splendida cornice di Palazzo Orsetti, le finali scudetto dei campionati di Serie A1 maschile e femminile. Le Final Four si disputeranno da venerdì 7 a domenica 10 dicembre al Palazzetto dello Sport della cittadina toscana, il PalaTagliate, che ospiterà un campo allestito per l’occasione (si giocherà sul veloce). A contendersi il titolo saranno Tennis Club Parioli e Canottieri Aniene al maschileTennis Club Genova 1893 e USD Tennis Beinasco al femminile. Alla conferenza stampa di presentazione sono intervenuti il Sindaco della città Alessandro Tambellini, l’assessore allo sport Stefano Ragghianti, il presidente FIT Toscana Luigi Brunetti e il delegato per il CONI Toscana Simone Cardullo“Per la nostra città – ha spiegato il Sindaco Tambellini – è qualcosa di eccezionale perché Lucca diventerà la capitale del tennis per tre giorni. Mentre l’assessore allo sport Ragghianti ha rivelato l’intenzione di ospitare l’evento anche nel 2019: “Lucca è pronta per questo evento anche se siamo un po’ dispiaciuti per l’assenza della nostra squadra femminile, che ha mancato la qualificazione alla finale solo al doppio di spareggio. A livello organizzativo abbiamo fatto un grande sforzo, ma l’obiettivo è quello di poter avere queste finali anche il prossimo anno“.

Presenti alla conferenza stampa introduttiva anche il direttore delle finali Sergio Palmieri e l’organizzatore Marcello Marchesini di MEF tennis events. Queste le parole di Palmieri, direttore anche degli Internazionali d’Italia e delle Next Gen ATP Finals di Milano: “Questa finale è cresciuta ogni anno e ritorna in Toscana in una città bellissima. Sono sicuro che le quattro squadre in gara metteranno in campo i loro giocatori migliori per vincere e far assistere il pubblico a incontri di grande spettacolo. Una kermesse che ritengo di altissimo livello tecnico e spettacolare. Lo scudetto è qualcosa che rimane nell’albo d’oro di un circolo e di un giocatore”. Marchesini di MEF ha aggiunto: “È tutto pronto e voglio ringraziare la Toscana del tennis che ci ha supportato nell’organizzazione, oltre alla città di Lucca. Per tre giorni potremo assistere a match molto equilibrati e con campioni che giocano con la maglia del proprio club”.

 

FINALE MASCHILE, ANCORA ANIENE CONTRO PARIOLI – Per il secondo anno consecutivo, lo scudetto maschile sarà un faccia a faccia tra le due squadre capitoline. A trionfare lo scorso anno fu Aniene (in cerca del quarto titolo in nove anni dopo i successi del 2010, 2014 e 2017), che in semifinale ha superato, al termine di due gare molto combattute, il Park Tennis Club Genova. Parioli andrà invece a caccia della rivincita dopo aver sconfitto in semifinale la matricola, e sorpresa della stagione, Angiulli Bari. Il Circolo Canottieri Aniene schiererà Matteo e Jacopo Berrettini, Simone Bolelli, Gianluigi Quinzi, Liam Caruana, Riccardo Perin e Riccardo Di Nocera. Il Tennis Club Parioli si affiderà invece a Thomas Fabbiano, Miljan Zekic, Ante Pavic, Andrea e Francesco Bessire, Pietro Rondoni e Flavio Cobolli.

FINALE FEMMINILE, SARÀ GENOVA-BEINASCO – A darsi battaglia per lo scudetto femminile saranno la squadra ligure e quella piemontese. Tennis Club Genova 1893 (che dal 2013 al 2016 aveva disputato quattro finali consecutive, vincendone una) è giunta in finale estromettendo dalla corsa le campionesse in carica del TC Prato, che venivano da ben tre successi consecutivi. Per il Tennis Beinasco quella di Lucca sarà invece la prima finale della storia, raggiunta dopo cinque anni di militanza in A1 e al termine di una rocambolesca sfida in semifinale contro il CT Lucca, decisa soltanto al doppio di spareggio. Genova potrà contare su Ludmila Samsonova, Lucia Bronzetti, Alberta Brianti e Giulia Assereto. Beinasco si presenterà invece al PalaTagliate con Anastasia Grymalska, Giulia Gatto Monticone, Rebecca Sramkova, Federica Di Sarra e Federica Rossi.

IL PROGRAMMA COMPLETO E LA DIRETTA TV  SuperTennis, la tv della FIT, trasmetterà come ogni anno in diretta tutti gli incontri delle Final Four. Saranno anche previsti approfondimenti e interviste a bordo campo.

Venerdì 7 dicembre dalle 17.00

  • Singolare femminile tra le n. 3
  • Singolare femminile tra le n. 1

Sabato 8 dicembre dalle 11.00

  • Singolare femminile tra le n. 2
  • Singolare maschile tra i n. 4
  • Eventuale doppio femminile
  • Singolare maschile tra i n. 1
  • Eventuale doppio femminile di spareggio
  • Premiazione Trofeo FIT
  • Cerimonia di premiazione femminile

Domenica 9 dicembre dalle 11.00

  • Singolare maschile tra i n. 3
  • Singolare maschile tra i n. 2
  • Eventuale doppio maschile n. 1
  • Eventuale doppio maschile n. 2
  • Eventuale doppio maschile di spareggio
  • Cerimonia di premiazione maschile

Continua a leggere
Commenti

Flash

Miami: si ritira Serena Williams

Problemi al ginocchio sinistro per la campionessa statunitense

Pubblicato

il

Serena Williams, pic from Twitter @MiamiOpen

da Miami, il nostro inviato

Mi dispiace dover rinunciare a proseguire nel torneo“, ha detto Serena, otto volte vincitrice del titolo qui. “Mi sono fatta male al ginocchio sinistro. Giocare nell’Hard Rock Stadium è stata un’esperienza incredibile quest’anno, e vorrei ringraziare l’organizzazione del Miami Open per aver saputo mettere su un evento del genere, incredibile. Spero di poter ritornare l’anno prossimo, per giocare questo torneo unico, davanti ai fantastici fans qui a Miami“.

 

La testa di serie numero 18, la cinese Quiang Wang, avanza così al quarto turno.

Continua a leggere

Flash

La fortuna sorride a Cecchinato: è al terzo turno senza giocare. Affronterà Goffin

Il ritiro di Dzumhur (problema alla schiena) promuove l’italiano, che si ritrova a una sola vittoria dagli ottavi di finale pur senza aver ancora giocato

Pubblicato

il

Marco Cecchinato - Australian Open 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Nonostante non abbia ancora vinto un set – né una partita, ma ne ha giocata solo una – in alcuno dei tornei del Sunshine Double, Marco Cecchinato si qualifica per il terzo turno del Miami Open. Come ci sia riuscito senza giocare un 15 in Florida è presto spiegato con il forfait di Damir Dzumhur, l’avversario che avrebbe dovuto affrontare al secondo turno dopo il bye che la sua 14esima testa di serie gli ha portato in dote per il primo.

Il tennista bosniaco aveva già palesato più di qualche incertezza fisica durante il tiratissimo terzo set contro Eubanks, vinto poi al tie-break; Dzumhur si era avvalso dell’aiuto del fisioterapista per un problema alla schiena durante l’ultimo cambio campo, concludendo la partita a denti stretti, e non è riuscito a recuperare in tempo per affrontare Cecchinato.

Marco ringrazia e può già prepararsi per affrontare David Goffin al terzo turno. Il belga ha sconfitto piuttosto nettamente Andujar al secondo turno ma non sta vivendo un momento di forma eccelso. Più ancora della versione largamente battibile di Goffin che è scesa in campo nelle ultime settimane, però, è il dolce ricordo dell’ottavo di finale vinto lo scorso anno a Parigi che può motivare il tennista italiano. Va detto che il palermitano è apparso molto opaco contro Ramos-Vinolas a Indian Wells (seconda sconfitta consecutiva dopo quella all’esordio a Rio de Janeiro) e ha confermato tutti i dubbi sulla sua adattabilità a questa superficie.

Chissà che questo abbraccio della buona sorte, che vale a Cecchinato anche un altro paio di giorni di allenamenti sui nuovissimi campi di Miami, non possa aiutarlo a piazzare un colpo di coda nell’ultimo torneo su cemento prima dell’inizio della transizione verso la terra battuta. Intanto il terzo turno gli frutta 45 punti che però non vengono incamerati in classifica, poiché si sostituiscono ai 45 dei quarti di finale di San Pietroburgo; lo scorso anno Marco non aveva la classifica per giocare a Miami, dunque la casella del 1000 statunitense era stata occupata da un altro torneo.

Nei confronti diretti Goffin conduce comunque 2-1 se si considera anche il 6-4 6-0 in favore del belga nel terzo turno delle qualificazioni di Casablanca nel 2014. Limitatamente alle sfide nel circuito maggiore il parziale è di 1-1, poiché Goffin ha battuto Cecchinato a Roma nel 2018 al termine di una partita comunque molto combattuta.

Continua a leggere

Flash

Miomir Kecmanovic reporter per un giorno

Il next gen serbo si diverte a intervistare le stelle del circuito con domande simpatiche e decisamente poco legate al tennis

Pubblicato

il

Nella pancia dell’Hard Rock Stadium, Miomir Kecmanovic si è improvvisato reporter per un giorno, intervistando molte stelle del circuito ATP. Il giovane serbo si è sbizzarrito con le domande, chiedendo ad esempio a Roger Federer quale dei suoi quattro figli fosse il suo preferito o quale fosse l’anime (cartone animato giapponese, ndr) preferito di Kei Nishikori. Sempre al giapponese, dato lo status di superstar di cui gode in patria, ha poi chiesto se fosse in grado di comprare l’intera isola. “Non ancora. Mi serviranno ancora un paio d’anni.”

Kecmanovic si è poi rivolto al connazionale Novak Djokovic, cercando di ottenere in regalo qualche trofeo Slam. “Certo, tanto ne ho un sacco“, è stata la risposta divertita di Nole. Con Thiem invece il giovane Miomir si è lamentato di non essere stato menzionato durante il discorso di premiazione ad Indian Wells, visto che si sono allenati insieme in off season e dunque molto merito della vittoria in California è anche suo. Prontissima la replica dell’austriaco: “Beh io ci sono rimasto male che non mi hai ringraziato in conferenza stampa quando sei entrato in top 100!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement