Berrettini, maledetto tiebreak. Ha top 10 e finali ATP a tiro

Editoriali del Direttore

Berrettini, maledetto tiebreak. Ha top 10 e finali ATP a tiro

US OPEN – È n.13 ATP. Tre anni d’anticipo su Fognini 2013. Su dodici tennisti che lo precedono (Monfils, Fabio, Bautista Agut di un niente), sei sono over 31 anni. Nuovo siparietto fra Nadal e il direttore Scanagatta

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

da New York, il direttore

Un primo set da stropicciarsi gli occhi. Sì, Rafa Nadal fino al tiebreak stava vincendo ai punti, 6 a 0 nel computo delle palle break, ma Matteo Berrettini non era quel timido tennista visto a Wimbledon contro Federer, tutt’altro. Giocava con grandissima personalità, servendo alla grande, lasciando esplodere le solite fucilate di dritto, reggendo perfino con il rovescio le diagonali mancine predilette da Rafa. E quando c’era da annullare una palla break, nessuna paura. Matteo la annullava perentoriamente. Nadal non poteva rimproverarsi nulla. Era Matteo che si guadagnava quei punti, non Rafa che sbagliava.

Nel mezzo c’erano stati cinque drop-shot letali, cinque punti e il pubblico, quasi incredulo, che si eccitava sempre di più in una di quelle solite serate elettriche che si vivono soltanto a New York. Finché si è arrivati a quel tiebreak che sarebbe durato 13 minuti e 14 punti e che Matteo (e non solo lui) non dimenticherà tanto facilmente.

 

I 20.000 che avevano seguito con tiepido interesse la prima semifinale, senza scaldarsi né per Medvedev né per Dimitrov (con il bulgaro che, come Berretto, rimpiangerà di non aver portato a casa il tiebreak del primo set nel quale ha avuto un set point), si sono invece entusiasmati alla grande per il duello all’ultimo sangue ingaggiato dal nostro Django unchained con l’implacabile torero di Manacor. Dopo certi drittoni sparati da Matteo, come per le prime cinque smorzate di dritto delicate come morbide carezze e tutte vincenti, gli americani che all’inizio avevano accolto con un boato Nadal, troppo più noto, e con minor enfasi l’ancora poco conosciuto Matteo, scoprivano pian piano le grandi qualità tecniche e la personalità di Berretto. E tanti tifosi di Nadal della prima ora cambiavano via via idea e iniziavano a tifare per Matteo, anche perché significava tifare per la partita.

Rafa Nadal e Matteo Berrettini – US Open 2019 (foto via Twitter, @ATP_Tour)

Luca Baldissera ha già fatto un’eccellente cronaca del match, in tempo reale, cinque minuti dopo la conclusione del match era già online (mentre Vanni Gibertini faceva altrettanto nella nostra home inglese, Ubitennis.net per chi non lo ricordasse), ma il tiebreak è certamente la fase che ha determinato il seguito e l’esito del match (e questo non significa, attenzione, che contro il “leone della giungla” Nadal un set vinto avrebbe significato batterlo. Non sia mai!). Quindi lo ripercorro brevemente, perché secondo me (e secondo Rafa: leggete il transcript dell’intervista) Matteo non lo ha perso tanto quando non è riuscito a trasformare i due set point, ma quando sul 4-1 ha ciccato malamente un dritto per lui abbastanza comodo da posizione iper favorevole.

Ma tornando proprio all’inizio… Nadal stavolta ci metteva del suo per aggiungere adrenalina a tutto l’ambiente esordendo con un doppio fallo e Matteo, dopo aver tenuto i due punti grazie principalmente al servizio, giocava aggressivo e d’anticipo a sulla seconda palla di servizio di Rafa: la sua era una risposta straordinaria incrociata di rovescio. Una delle perle più belle, e più insolite, della serata. Applausi scroscianti.

Leggete allora cosa avrebbe raccontato poi Nadal sul prosieguo del tiebreak e soprattutto cosa deve aver pensato, con grande lucidità, mentre era in campo in quella situazione per nulla invidiabile con il pubblico che ruggiva come ai tempi di Jimbo Connors: “Indietro 4-0 non ho pensato che il set fosse perso. Il mio obiettivo era vincere il punto dell’1-4 con il mio servizio. Avessi infatti subito un altro mini-break, il tiebreak e il set sarebbero stati inevitabilmente compromessi… Poi, raggiunto l’1-4 l’altro obiettivo era farne uno dei successivi due per arrivare almeno al 2-5 e poi, anche se sarebbe stata una situazione comunque dura, cercare di portarsi sul 4-5 sfruttando i miei due punti con il servizio. Così è stato. So bene che l’avversario ha due servizi a disposizione per vincere il set, ma da 4-0 a 5-4 la prospettiva è completamente diversa, perché ora anche lui avverte la pressione. Quello era il mio obiettivo. 6-4, e lì sono stato fortunato su quel punto…” (il net ha rallentato e accomodato un colpo di Berrettini favorendo la conclusione di Nadal).

Il Maiorchino sul 5-6 ha potuto usufruire di nuovo del servizio e, al termine di uno scambio prolungato e durissimo, per la prima volta Matteo ha visto abortire un suo tentativo di palla corta (la prima azzardata con il rovescio). L’idea non era sbagliata, l’esecuzione purtroppo sì. Mentre Nadal non domandava altro e figurarsi se non si caricava ulteriormente giocando un gran punto per il 7-6, Matteo pativa il trauma di quella rimonta e cacciava un dritto super gratuito sul set point per Nadal.

Lì è praticamente finita ogni incertezza sull’esito finale, anche se Matteo non si è mai arreso. Ma a rimontare Nadal sono riusciti in pochissimi, solo grandi campioni più Fognini. È stato tutto uno stillicidio di palle break, due nel primo game, una terza nel terzo e un coraggiosissimo, indomito Matteo a salvarle tutte, fino a capitolare sul 3 pari davanti alla decima palla break per Rafa (che non ne avrebbe concesso neppure una in tutto il match e, se avrete pazienza di leggermi fino in fondo, farà di questo evento statistico – zero palle break – l’ennesimo siparietto divertente con il sottoscritto).

Per un’ora e 48 minuti Matteo era riuscito a difendere, con le unghie e con i denti il proprio servizio. Ma con Nadal che serviva a quel modo non ci sarebbe stato più nulla da fare. “Pochi parlano del suo servizio che è invece il suo colpo più sottovalutatoavrebbe poi detto Matteo –. OK che il suo dritto è pesantissimo, che il suo rovescio ti arriva velocissimo, ma è una battuta mancina difficilissima da contrastare, anche perché il suo primo colpo dopo il servizio fa molto male. Non ci avevo mai giocato, neppure in allenamento, sono sicuro che già la prossima volta saprò fare meglio. D’altra parte Umberto (Rianna) mi diceva: ‘Queste situazioni le puoi provare soltanto in gara, non c’è allenamento che possa fartele vivere’”.

Rafa Nadal – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Come si diceva con Luca, se Rafa (nel secondo set) cede appena quattro punti sulla battuta mentre Matteo 14… la differenza è tutta lì. Rafa negherà, rispondendo a una delle mie domande che hanno chiuso la conferenza stampa, che la risposta di rovescio sia la deficienza più accentuata del tennis attuale di Berrettini, ma Matteo invece qualche minuto più tardi rispondeva sinceramente: “Non è una novità che la risposta devo migliorarla”. Non ho dubbi che ci lavorerà su fino a migliorarla tanto, tantissimo. Perché i progressi che ha fatto in questi mesi con il suo colpo più debole, il rovescio, dicono che lui ha una grande facilità di apprendimento.

Perfino quando ero piccolo io i maestri dicevano che era più facile migliorare il rovescio con il tempo e l’età, piuttosto che il dritto che è un colpo più personale e che se non l’hai incisivo fin da ragazzino è difficile migliorarlo. Del resto vi ricordate com’era il rovescio di Nadal 10 anni fa? E quello di Federer non è forse migliorato tremendamente sotto la cura Ljubicic pochissimi anni fa? Roger prima ne giocava coperti uno su cinque, e gli altri quattro slice, oggi ne gioca quattro su cinque e uno solo slice o bloccando l’avambraccio.

Insomma pur perdendo in tre set, e finendo schiacciato sotto il trattore Nadal nel terzo set, con Rafa che ha ceduto un punto in tre turni di servizio, secondo me Berrettini ha vinto pur perdendo. Ha fatto cioè capire di avere la stoffa per diventare un grande. Ha solo 23 anni, non dimentichiamolo. Ed è già – da lunedì – numero 13 del mondo, a 210 punti da Monfils, a 230 da Fognini, a 330 da Bautista Agut. Punticini. Matteo è poi anche n.9 nella Race. Insomma, le finali ATP di Londra non sono un miraggio. E potrebbero essere raggiunte se Matteo farà abbastanza bene, anche senza fare sfracelli, a San Pietroburgo, a Pechino e a Shanghai. Tutte prove del nove, una dopo l’altra. Non facili. Ma la testa Matteo ce l’ha sulle spalle e il suo team lo aiuterà. E lui si farà aiutare. Aiutati che il… team ti aiuta!

Aggiungo due osservazioni, anzi tre. La prima: Fabio Fognini era arrivato al best ranking di n.13 (lo stesso di Matteo ora) nel luglio del 2013 quando vinse Amburgo e Stoccarda e fece finale a Umago. Aveva 26 anni. Lasciamo perdere perché non conta il fatto che per cinque anni Fabio non poi è riuscito a mantenersi fra i primi 15, ma Matteo oggi di anni ne ha 23 ed è quindi tre anni avanti rispetto a Fognini che, abbiamo visto, sei anni dopo, a 32, è salito tra i top-ten arrivando a n.9.

La seconda: Matteo, come Cecchinato un anno fa, ha avuto la ventura (e non è fortuna, se l’è guadagnata, così come Marco un anno fa), di fare tanti punti grazie ad exploit ottenuti in successione in uno Slam che distribuisce tanti più punti, e questa ventura invece Fognini non l’ha mai avuta. Più di un quarto di finale nel 2011 a Parigi (quando batté Montanes annullando match point in modo rocambolesco) negli Slam non ha fatto. Ma se Matteo riuscisse a giocare bene in Russia e in Asia il sorpasso a spese di Monfils, di Fognini che ha purtroppo una caviglia ballerina, e di Bautista Agut sono alla sua portata. Incredibile dictu qualche mese fa, ma il muro dei top-ten per lui è già valicabile.

La terza: non dovesse già farcela quest’anno, beh credo che possa essere soltanto questione di tempo, anche se non è detto che da dietro a lui non possa spuntare qualcuno in grado di superarlo. Ma… ci avete fatto caso che sei dei dodici tennisti che oggi lo precedono hanno più di 31/32 anni? In ordine di classifica: Djokovic 32, Nadal 33, Federer 38, Bautista Agut 31, Fognini 32, Monfils 33. (Nishikori, spesso rotto, ne compierà 30 a dicembre). Quanti di questi tennisti saranno ancora in attività e nel pieno delle forze e del rendimento a fine 2021 quando le finali ATP si giocheranno a Torino? Non aggiungo altro… se non che a quell’epoca un Berrettini venticinquenne potrebbe anche non essere il solo italiano in grado di competere ad alti livelli.

Matteo Berrettini – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

E qui mi fermo su Matteo, ma devo accennare alla straordinaria estate che continua ad avere Medvedev, n.4 del mondo e vittorioso in tre set su Dimitrov (che come Berrettini si domanderà: “E come sarebbe andata a finire se avessi vinto il primo set al tiebreak?”, che è quello nel quale ha avuto un setpoint). Io credo però che Nadal, alla sua quinta finale all’US Open e alla n.27 negli Slam, batterà il giovane russo, 23 anni come Berrettini, e conquistando lo Slam n.19 si porterà a una sola lunghezza da Roger Federer. Il quale farà meglio a cercare di vincere il prossimo Open d’Australia, perché altrimenti Nadal al Roland Garros avrà grandissime chances – certo più di Roger – di arrivare anche lui a quota 20.

Contro Berrettini, Rafa mi ha impressionato anche per la tenuta atletica, per i soliti recuperi pazzeschi, come quello nel finale, quando scavalcato da un lob è corso all’indietro come un ragazzino di 20 anni e con la schiena alla rete ha lasciato partire un missile di dritto nell’angolo destro di Berrettini che ha lasciato di sasso il nostro tennista (guardate negli highlights completi qui sotto al minuto 1 e 55 secondi lo scambio in questione). Mostro!

Non si può mai sapere cosa accadrà in una partita di tennis, ma se mi aspetto che Rafa la vinca, penso anche che non la vincerà con Medvedev come a Montreal (6-3 6-0) in una finale semi-rovinata dal vento… ma che a Nadal evidentemente non dette lo stesso fastidio. Il vento c’era per tutti e due, come si dice sempre, ma lui non teme alcun avversario, neppure il meteo. Consiglio a chi capisce l’inglese di guardare oltre al video con il mio commento che trovate a inizio articolo, anche quello fatto assieme a Steve Flink sulla home page di ubitennis.net (grazie a Steve sono di qualità migliore, lo penso davvero e non lo dico per falsa modestia) perché il mio grande amico e collega entrato nella Hall of Fame del tennis a Newport come due soli italiani, Gianni Clerici e Nicola Pietrangeli, mi ha sorpreso con le sue considerazioni e il pronostico concernenti la finale femminile fra Serena Williams, alla caccia del fatidico 24esimo Slam, e la giovane rivelazione di questo 2019, Bianca Andreescu.

Dopo di che chiudo con il preannunciato siparietto con Nadal (anche qui il video è più divertente di come io possa rendere il tutto scrivendolo, lo trovate più in basso). Il moderatore-conduttore degli interventi in conferenza stampa Gary Sussman, mi ha in chiara simpatia, ma ormai ha preso il vizio di farmi fare il mio “intervento-domanda” per ultimo a chiusura della conferenza, anche se io mi prenoto fra i primi. Qualche volta mi torna comodo che faccia così, altre volte no, ma non posso farci niente. E temo che prima o poi la cosa potrebbe venire a noia ai colleghi. Ma non è colpa mia. Stavolta, comunque, direi che è andata bene così.

Per capire però quale sia stato lo spunto che ha dato origine al tutto, occorre che sappiate che l’altra sera, quando Nadal aveva battuto Schwartzman nonostante avesse perso ben quattro volte il servizio, io gli avevo chiesto – giusto per provocarlo un po’, perché so benissimo che Schwartzman risponde molto meglio di Berrettini anche se serve peggio – se non temesse l’eventualità di poterne perdere altrettanti anche con Berrettini, dal momento che non è facile strappare la battuta all’azzurro. Nemmeno a un Nadal…

Ubs: “Complimenti innanzitutto”.
Rafa: “Per non aver subito break vero?”.
Ubs: “Sì, stavo proprio per dirti questo”.
Rafa: Nessun break oggi, Ubaldo. Eri preoccupato per me qualche giorno fa! (ride lui e gli fa eco la sala stampa).
Ubs: “Ma non pensi che sia accaduto anche perché Berrettini ha nella risposta il suo punto debole?.
Rafa: “No non ho fronteggiato nessuna palla break nemmeno contro Chung…”. Nadal scorge che a quella frase io alzo un attimo le sopracciglia (come per dire che Chung di questo periodo non è un fenomeno) e allora reagisce: “Che cosa (vuoi dire, sottinteso)? Forse Chung non è un buon ribattitore? Certi giorni le cose vanno in un modo, altri in un altro. Naturalmente oggi avevo una motivazione extra per servire meglio, dopo quello che avevi detto l’altro giorno (ride lui, ride tutta la sala).

Ubs: “Mi piace stimolarti ogni volta… ma onestamente se tu pensi che lui abbia un gran servizio, un gran dritto, non ritieni che la sua risposta sia invece un po’ il suo punto debole?.
Rafa: No, non lo penso”.
Ubs: Qual è allora il suo punto più debole secondo te?”.
Rafa: “Credo naturalmente che lui possa migliorare un po’ il rovescio. Ma nel resto è bravo. Per essere così alto non si muove male… Ha un gran bel talento (tocco) nelle mani. È abile sottorete, e ha un bel rovescio slice. È vero che lo slice contro di me… beh, a me piace giocare contro chi fa il rovescio slice (come il primo Federer, n.d.UBS). Forse il suo rovescio slice contro di me non funziona altrettanto bene che contro altri giocatori. Non mi sembra un cattivo ribattitore, no… credo che gli siano riusciti diversi break nel corso del torneo”.

Ma il problema in risposta rimane ed è grosso: nel secondo set Matteo ha fatto quattro punti sul servizio avversario, Rafa 14, la differenza è tutta lì. Per concludere questo commento desidero fare i miei complimenti a Matteo Berrettini e a tutto il suo team. Sono stati grandi. Matteo è già entrato nella storia del tennis. Lui e il suo team ci hanno fatto vivere due settimane straordinarie, bellissime e non possiamo che ringraziarli sentitamente. Augurandoci, ma ne siamo abbastanza sicuri, che la sua ascesa nelle classifiche mondiali, ATP Ranking e Race, prosegua con gli stessi ritmi di questi ultimi mesi. E che sia di stimolo, con effetto traino, anche per tutti gli altri azzurri, giovani rampanti (Sinner, Musetti, Zeppieri e altri ivi incluso l’amico coetaneo Sonego nei confronti del quale ho molta fiducia) e vecchi leoni che non mollano, Paolo Lorenzi in primis (un vero esempio da imitare per tutti, sotto tutti i punti di vista, in campo e fuori), ma con lui tutti, Fognini, Cecchinato, Seppi, Fabbiano, nessuno escluso.

Chiudo con un aneddoto curioso capitatomi fra le una e le due di notte tornando da Flushing Meadows, bus più taxi: sul minischermo del taxi, infestato di pubblicità e che di solito spengo, mi è apparso all’improvviso il bel viso di uno statuario, bellissimo Berrettini che promuoveva l’Olio Colavita! Mai visto prima quello spot, curioso vederlo proprio stanotte e sul taxi. Allora ho chiamato via Whatsapp Santopadre per raccontargli il curioso episodio e lui ha whatsappato in replica: “Coincidenza!!! Siamo al solito ristorante nell’East Village (il Via della Pace del tifoso laziale Giovanni Bartocci, intervistato su Ubitennis un giorno fa) con Corrado Tschabushnig e… proprio Giovanni Colavita!”. Avranno condito bene l’insalata, in questa città dove a volte la condirebbero con la Shell o la Exxon.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Non credo che Serena Williams possa vincere il suo quarto Roland Garros, ma…

La caccia al 24° Slam di Court nella sua testa continua. Anche se fa freddo “e io lo odio! Mai vista la neve per metà della mia vita” e le palle sono pesanti. Ma se il maltempo l’aiutasse facendole disputare le sue partite sotto il tetto?

Pubblicato

il

Serena Williams - Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Tanti auguri Serena, buon compleanno davvero alla giocatrice più forte del terzo millennio e forse di sempre (anche se Gianni Clerici direbbe che lo è stata invece Suzanne Lenglen, La Divina).

Ieri Serena Williams ha compiuto 39 anni e ha detto, non per la prima volta: “Non avrei mai creduto di ritrovarmi a giocare ancora a 39 anni. E ora non so quando mi fermerò. Mi diverto ancora e finché mi diverto…”. Pareva di sentire riecheggiare le parole tante volte pronunciate da un suo coetaneo, tal Roger Federer.

Di certo, è la prima volta che Serena li festeggia a Parigi. E di certo è anche la prima volta dopo tantissimi anni che all’avvio di uno Slam non viene considerata fra le primissime favorite, nonostante all’appello manchi la campionessa in carica Barty, e le ultime due vincitrici dell’US Open Osaka e Andreescu (peraltro non fortissime sulla terra rossa).

 

Vero che la terra battuta non è mai stata la superficie prediletta – le spunta in buona parte l’altrimenti micidiale arma del servizio – tuttavia il suo non è un caso… Sampras! Sweet Pete non è mai andato oltre una semifinale a Parigi (1996). Serena ha vinto il Roland Garros tre volte (2002-2013-2015) ed è stata finalista nel 2016, semifinalista nel 2003, nei quarti altre cinque volte. Ai tre trionfi nel torneo di Port Auteuil si devono aggiungere altri 10 titoli conquistati sui campi rossi. Non sono così pochi.

Ma, oltre a dover sottolineare che sono comunque cinque anni che Serena non vince più al Roland Garros – nel 2015 è diventata la più anziana vincitrice del torneo con i suoi 33 anni e mezzo – quest’anno sembra esserci una favorita che sembra stagliarsi su tutte, Simona Halep, e varie altre, come Svitolina e Azarenka nel suo quarto (Vika l’ha battuta a New York), Muguruza e Kenin nell’altra metà, che sembrano avere le stesse chance di Serena se non di più, dopo aver visto che Serena si è fatta trascinare al terzo set da tutte le sue avversarie nel Kentucky e all’US Open prima di soccombere.

Potete, se ne avete voglia, ascoltare i motivi per cui Steve Flink e il sottoscritto ci siamo sbilanciati in sede di presentazione video del sorteggio a sostenere che ci sembra fortemente improbabile che Serena, certo appesantita dagli anni con l’handicap di una superficie ultra-pesante per via dell’umidità incalzante e di palle Wilson che perfino Nadal fa fatica a spingere, riesca a conquistare il suo quarto Roland Garros e il famoso 24° Slam. Cioè quello che le consentirebbe di eguagliare il record di Margaret Court e cancellare l’incubo che la perseguita ormai da nove tentativi falliti, incluse le quattro finali Slam perdute dopo la nascita della sua bambina e tutte perdute senza aver vinto un set.

Serena si è allenata in Francia da lunedì, alla tennis Academy del suo coach Patrick Mouratoglou nei pressi di Nizza, ma sulla terra rossa non gioca da un anno e mezzo, dal terzo turno del Roland Garros del maggio 2019, quando perse da Sofia Kenin (la sconfitta per lei più… prematura in uno Slam dal 2014).

Serena Williams – Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Per una qualsiasi altra giocatrice l’aver centrato quattro finali di Slam e perso soltanto in semifinale all’ultimo US Open avrebbe rappresentato un sogno. Per lei no. Ha vinto 23 Slam su 75 ai quali era iscritta, mica uno solo.

Una semifinale dovrebbe essere un buon risultato per me? Assolutamente no! Mi ritrovo in una posizione nella mia carriera nella quale non posso essere soddisfatta! Non voglio star seduta qui e dire: “Oh, sono felice! No, perché non lo sono!”.

Serena dovrà affrontare al primo turno Kristie Ahn, l’americana che si è distinta particolarmente in questo 2020 per la sua abilità nel movimentare i social, soprattutto Tik Tok, durante i mesi difficili del lockdown. “Non ho giocato alcun torneo di preparazione a questo, il che è inconsueto per me – ha detto ieri Serena a Parigi. Questo è stato un anno davvero inconsueto, raro. Ho cercato di fare tutta la riabilitazione possibile da Patrick, dopo il problema avuto alla caviglia a New York. Sono al 100 per 100 della condizione fisica ora? No, ma abbastanza per provarci. Non giocherei se non pensassi di essere competitiva e non conosco atleti che non competano se non sono al 100%. Se gioco bene posso ancora battere chiunque e più gioco e meglio dovrei riuscire a giocare”.

Insomma la caccia di Serena continua, anche se con questo freddo parigino lei non ha mai giocato. “Fra California e Florida, e nei vari tornei, non mi è mai capitato. Odio il freddo e per metà della mia vita…non ho mai visto la neve!”. Di certo il tempo, che prevede piogge ripetute, non sarà suo alleato… a meno che dovendosi lei esibire quasi sempre sotto il tetto dello Chatrier (sia pure un tetto con delle perdite…), non finisca per avvantaggiarsene.

P.S. A proposito di tetti “bucati”, qualcuno ricorda quello di Napoli per il match di Fed Cup Italia-Spagna?

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Jannik Sinner è il favorito con il mancato sposo Goffin? Il belga: ”In allenamento mi batte sempre e a Rotterdam…”

“Vedo Sinner capace di vincere uno Slam, prima o poi…”. Il belga si è allenato con Berrettini. E Djokovic con Thiem

Pubblicato

il

Il programma del Day 1 a Parigi

C’era stato un risultato, fra i tanti a sorpresa registrati a Roma durante gli Internazionali d’Italia e dovuti a tante concause (transizione dal cemento made in USA, desuetudine agonistica, effetti Covid) che da noi in Italia era passato sotto silenzio pur essendomi apparso impronosticabile: il netto 6-2 6-2 inflitto a David Goffin da Marin Cilic.

Soltanto oggi sono in grado di interpretarlo meglio, alla luce di una notizia fornitami dall’amico e collega belga Yves Simon: il 19 settembre, cioè nel weekend del torneo di Roma, Goffin avrebbe dovuto sposarsi!

Soltanto una decina di giorni prima ha deciso, causa Covid-19 e l’impossibilità di fare il ricevimento che avrebbe voluto, di rinviare il matrimonio.

 

“A quel punto ho deciso di giocare a Roma…ma è stato un errore! Non ero preparato, né tennisticamente né mentalmente. Non ho voluto ripetere l’errore andando anche a Amburgo. Ho preferito allenarmi intensamente a Montecarlo…”.

-E l’hai fatto?

“Sì, ho giocato per cinque giorni con grande intensità, sulla terra rossa naturalmente, e mi sento adesso in forma e ottimamente preparato”.

-Temi Sinner?

“Lo conosco bene, ci siamo allenati diverse volte, sia a Monaco sia a Bordighera. E’ molto forte e sono convinto che sia un giocatore che prima o poi potrà vincere uno Slam. In allenamento mi batteva sempre, e lo ha fatto anche a Rotterdam in gara (76,75, 9 p. a 7p. il punteggio del tiebreak; si è giocato a febbraio 2020), però uno Slam è diverso: si gioca tre set su cinque, e vincere tre set per un giovane non è come vincerne due. Avete visto cosa è successo a Jannik all’US Open con Khachanov? E’ anche una questione di esperienza…”

Tutto vero, come vero che le condizioni climatiche, il freddo che ha costretto in questi giorni tutti i giocatori a indossare leggings – beh, in Francia li chiamano fuseaux, la traduzione italiana calzamaglia, ghette non mi persuade – le palle Wilson assai pesanti di cui si è lamentato Rafa Nadal, sembrerebbero poter favorire il tennis di Sinner al cospetto del “peso leggero” belga.

Questo sabato, alla vigilia del suo match delle 11 sul Chatrier, Goffin si è allenato sul campo Simonne Mathieu con Matteo Berrettini. Per carpirgli qualche segreto su Sinner? Sullo Chatrier hanno invece giocato insieme, curiosamente, Djokovic e Thiem. Vero che l’austriaco è capitato nella metà del tabellone di Nadal, ma fra 15 giorni Nole e Dominic potrebbero trovarsi contro in finale.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Roland Garros, avvio con il botto: Wawrinka-Murray, ma anche Thiem-Cilic e Sinner-Goffin

Per Thiem, nella metà di Nadal, un percorso di guerra. Rispetto a Rafa, dopo l’inizio in discesa, sta meglio Djokovic

Pubblicato

il

Dominic Thiem - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

IL TABELLONE MASCHILE
IL TABELLONE FEMMINILE


Tengo a precisare, a scanso di equivoci, di avere scritto questo articolo di commento al tabellone entro l’ora successiva al sorteggio. Si è deciso di ritardarne la pubblicazione per la mattina presto di venerdì per dare modo ai lettori di commentarlo senza che Ubitennis con il mio editoriale avesse già dato una sua impronta. Ora potrete verificare se alcuni dei commenti postati dai lettori coincidano più o meno, o addirittura per niente con quanto potete leggere in questo articolo. E sono curioso anch’io di vedere se il mio pensiero sarà stato condiviso o meno. Buona lettura (spero…).

Un sorteggio con il botto: Wawrinka-Murray al primo turno! Un ex campione del Roland Garros contro un ex finalista, lo svizzero ex n.3 contro lo scozzese ex n.1! Ma anche Thiem-Cilic, due che sono o sono stati n.3 del mondo, fra il finalista degli ultimi due anni e il croato quartofinalista nel 2017 e 2018, non è davvero da buttar via, anche se Cilic, 32 anni questo 28 settembre, non è più quello che ha vinto un US Open sei anni fa (2014).

E l’altro aspetto più significativo è che Thiem e Nadal, finalisti degli ultimi due anni si trovano nella stessa metà tabellone. Non solo: per Thiem al di là dell’ostacolo forse non così duro in Cilic, c’è un probabile Ruud al terzo turno e in ottavi teoricamente Wawrinka (più che Murray, ma non si sa mai: il Wawrinka visto con Musetti non è apparso irresistibile) per trovare poi magari Schwartzman più che Monfils. Insomma un vero percorso minato per l’austriaco, per arrivare a Nadal! Non mi pare si possa dire che abbia avuto fortuna.

E anche Nadal, che non si può davvero lamentare del suo tabellone fino ai quarti, poi però non sarà contento neppure lui di avere Thiem dalla sua parte, mentre non credo che tema un’eventuale quarto contro Zverev- Corre meno rischi di lui Djokovic, perché, a parte quel Bautista Agut che lui un po’ soffre (ma più sul cemento che sulla terra rossa, direi) e potrebbe trovare nei quarti se lo spagnolo esce dalla zona presidiata da Berrettini che rischierà a sua volta con Carreno Busta, secondo me difficilmente può perdere da Khachanov o Garin, e nemmeno dal n.4 Medvedev, dal n.13 Rublev, dal 9 Shapovalov

Semmai è Tsitsipas in buona giornata quello che gli può dare più noia, perché gli altri tre succitati sulla terra rossa sono troppo incostanti per metterlo in difficoltà sulla distanza dei tre su cinque. Vedrei il miglior Shapovalov capace di stappargli un set o forse due, ma non tre, almeno oggi. Tsitsipas farà bene però a stare attento a Krajinovic, così come Shapovalov non ha il match in tasca con Dimitrov al terzo turno. Da Medvedev-Fucsovics potrebbe scappar fuori la prima sorpresa, nel senso di un top-5 estromesso dal torneo anzitempo.

Per quanto riguarda gli italiani, beh è un peccato che Fognini non sia (probabilmente) nelle migliori condizioni, perché un tabellone migliore di questo non poteva capitargli. Kukushkin, poi un qualificato, poi un quartetto da cui potrebbe uscire Isner che sulla terra rossa a 34 anni non è troppo temibile, insomma arrivare a Nadal negli ottavi sarebbe un traguardo raggiungibilissimo. Di Berrettini ho accennato: al terzo turno dovrebbe arrivare senza problemi, poi troverebbe o Carreno Busta o Bautista Agut in ottavi e lì probabile disco rosso con Djokovic, contro il quale Matteo sarebbe più temibile sul cemento nonostante che anche Djokovic sui campi duri abbia dimostrato di essere un n.1.

Un primo turno durissimo, e uno dei match di cartello anche per chi non è italiano né belga, è Goffin-Sinner. Entrambi non possono dirsi fortunati. Goffin è certamente favorito, ma c’è partita. Anche in questo caso forse il “nostro” aveva più chances di fargli male sul “veloce” dove il suo dritto soffre meno. I due si conoscono benissimo, si sono allenati tante volte insieme sia a Montecarlo sia al Centro Piatti di Bordighera. Curiosamente più volte su campi in cemento che sulla terra rossa. L’amico giornalista Yves Simon mi ha detto che Goffin gli ha raccontato: “In allenamento con Jannik credo di non aver vinto quasi mai!”.

 

Chi viene fuori da quel duello può far parecchia strada. La testa di serie che presidia la zona è Paire… e più in là a livello di ottavi Zverev che sui campi rossi, anche se ha vinto Roma, non mi convince del tutto. Il tedesco però ha un buon tabellone, fino a Goffin (o Sinner?) non vedo proprio da chi possa perdere. Però Sascha non è ancora un tennista solidissimo, di nervi e prestazioni.

Dagli altri azzurri, più che al massimo un secondo o un terzo turno, non credo ci si possa attendere, perché al primo o al secondo si imbattono in teste di serie, anche se non fortissime. Per ora mi fermo qui. Un commento al tabellone femminile lo farò in un secondo momento, ma se dovessi scommettere su una finale dopo aver visto il tabellone punterei su Halep-Muguruza.

OTTAVI TEORICI

[1] N. Djokovic vs [15] K. Khachanov
[10] R. Bautista Agut vs [7] M. Berrettini
[4] D. Medvedev vs [13] A. Rublev
[9] D. Shapovalov vs [5] S. Tsitsipas

[8] G. Monfils vs [12] D. Schwartzman
[16] S. Wawrinka vs [3] Thiem
[6] A. Zverev vs [11] D. Goffin
[14] F. Fognini vs [2] R. Nadal

PRIMO TURNO PER GLI ITALIANI

[7] M. Berrettini vs V. Pospisil
[14] F. Fognini vs M. Kukushkin
L. Sonego vs qualificato
J. Sinner vs [11] D. Goffin
G. Mager vs [22] D. Lajovic
S. Travaglia vs P. Andujar
A. Seppi vs qualificato
S. Caruso vs G. Pella

Il tabellone maschile del Roland Garros con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement